i Libri di Terranuova
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 2 su 2

Discussione: impianto riscaldamento a intercapedini

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito impianto riscaldamento a intercapedini



    Ciao a tutti.
    Vorrei fare una riflessione insieme a voi su una cosa che ho pensato x vedere se può avere sviluppi .
    Si tratta di 1 impianto di riscaldamento ibrido che fa uso di 2 tipologie di riscaldamento gia esistenti .
    L’ antico ippocausto ad aria e il piu recente a battiscopa . l’ippocausto a parete si basa sul flusso d’aria calda che scorre in una intercapedine , quello a battiscopa fa scorrere l’aria calda all’esterno e a contatto dell’intonaco .nel mio caso ci sono 2 flussi d’ aria , 1 caldo che sale e 1 piu freddo che scende e ritorna allo scambiatore .io ho pensato a 2 intercapedini una davanti all’altra , comunicanti in basso e in alto con una sottile fessura orizzontale lungo tutta la parete . l’aria scaldata in basso sale nell’ intercapedine adiacente l’ambiente da riscaldare e quindi al suo interno in basso è collocato lo scambiatore termico a battiscopa .in alto l’aria ri raffredda , passa all’intercapedine posteriore attraverso la fessura e scende in basso , li oltrepassa l’altra fessura passando all’intercapedine di partenza, raggiunge lo scambiatore e chiude il ciclo . X fare le 2 intercapedini si possono usare pannelli relativamente sottili (ci sono in gessofibra da 12,5 mm ) oppure quello interno molto sottile e l’altro piu spesso . X rendere tutto piu efficiente si può applicare 1 sottile isolamento (ci sono vernici termoisolanti ) sul pannello interno e sul muro mentre quello adiacente all’ambiente dev’ essere termoconduttivo .non so se basta un semplice tubo in rame che corre in basso o se sono necessarie le lamelle tipiche dell’impianto a battiscopa.
    Che differenze ci sarebbero con le pareti a serpentina annegata nell’ intonaco ? .
    non cè il pericolo di forare tubi piantando 1 chiodo , per contro la parete suona come un tamburo .
    In un caso sono le serpentine a scaldare x contatto diretto l’intonaco , nell’altro avviene indirettamente attraverso l’aria che riscalda la superficie posteriore della parete e qui non so quale sia meglio e come possa cambiare l’ inerzia che a me interessa molto , lascio dire a chi se ne intende .
    quello di creare un' intercapedine d’aria calda tra ambiente e muratura non so se crea vantaggi in piu o svantaggi rispetto agli altri 2 metodi (battiscopa, serpentine annegate) .
    X risparmiare spazio forse (forse perché non so se basta x avere 1 flusso e quantita d’aria sufficiente ) si possono rimpicciolire le 2 intercapedini a mezzo centimetro o anche meno .

  2. #2
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    non mi risponde nessuno ?

  3. RAD

Discussioni simili

  1. Consigli impianto termostufa unica fonte di riscaldamento su impianto a pavimento
    Da Durymagno nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 10-10-2018, 15:48
  2. Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 20-02-2016, 11:57
  3. Risposte: 37
    Ultimo messaggio: 06-10-2015, 07:02
  4. impianto di riscaldamento che richieda limitate opere d'impianto
    Da .vito. nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 04-08-2014, 09:13
  5. Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 18-12-2012, 21:40

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •