Mi Piace! Mi Piace!:  1
NON mi piace! NON mi piace!:  1
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 4 di 12 primaprima 123456789101112 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 61 a 80 su 227

Discussione: Taratura triennale contatore statico di produzione e.e..

  1. #61
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito



    ... azz..... ne esce ogni giorno una!!
    Credevo la vicenda fosse superata, dal fatto che le "pretese" del gse non sono ne leggi ne regolamenti imposti dal legislatore o dall' aeeg! e che molti potenziamenti con nuovo impianto senza CE, fossero stati sbloccati dal gse, anche senza l' installazione del contatore enel (che in alcuni casi non installava, per mancanza di diretti ve a riguardo, cioè del fatto che non era stato aeeg ma il gse ad avere queste pretese!)

    Non conosco, pero', casi oltre i 20 kwp, quindi ..... siamo da capo!

    Liga, ti chiedo anche altre info, riguardo i costi di gestione dei contatori enel, sopra i 20 kwp, in BT.

    presi da qua Produttori - Servizio di misura - Rete Enel Distribuzione - Reti - Enel Distribuzione


    Enel è regolamentata e prevede ed installa il suo contatore di produzione (in BT solo enel)
    Se invece il Produttore fa cessione parziale o scambio, è il Distributore ad avere l'obbligo dell'installazione e della manutenzione del misuratore, oltre che della rilevazione, registrazione e validazione dei dati di misura.
    ........
    ed ancora:

    In tutti gli altri casi, per beneficiare degli incentivi sull’energia prodotta è necessario installare un secondo misuratore. (quello di produzione)


    Con riferimento a tale secondo misuratore, l’installazione e la manutenzione dello stesso e la rilevazione, registrazione e validazione dei dati di misura è a carico del Distributore nei seguenti casi:
    • Impianti di produzione connessi in bassa tensione;
    ..........

    e per i costi di gestione del contatore di produzione, enel chiede
    Corrispettivi per la misura
    dell'energia elettrica immessa in rete
    I corrispettivi definiti da Enel Distribuzione per la misura dell'energia elettrica immessa in rete da un impianto di produzione sono elencati nel seguito. Il servizio ha una durata minima contrattuale di tre anni, rinnovabile successivamente, di anno in anno. In caso di recesso contrattuale, il richiedente è tenuto a corrispondere a Enel Distribuzione i canoni a scadere.
    Per la determinazione del corrispettivo di misura si fa riferimento al livello di tensione del punto in cui viene installato il misuratore.
    Corrispettivi annui
    Impianto di Misura in BT: 318 €anno (Iva esclusa);

    Fin qui ci siamo. Oggi un mio amico mi ha fatto avere la copia della fattura, appunto di enel, per il suo impianto. In particolare lui ha un 4° CE di 55 kwp, con due impianti, remunerati in maniera diversa, in quanto uno con integrazione eternit, ed uno senza. In pratica 1 POD, con 2 impianti fotovoltaici con 2 contatori enel di produzione. Ebbene enel gli chiede sempre e solo i 318 euro anno di servizio di misura, cioè alla fine i costi sono calcolati per POD, non per contatori installati!!!!!!!!! Ora è evidente, che in un potenziamento di impianto, in cui sullo stesso pod coesistono 2 impianti fotovoltaici, uno in 4 CE e l' altro senza incentivo, l' installazione da parte di enel del secondo contatore, non andrebbe a modificare i "costi" dei contatori, in quanto comunque uno, quello del CE deve essere obbligatoriamente di enel, mentre l' altro, se installato non ha costi aggiuntivi.......... in cosa sbaglio?????

    P.S.: in pratica enel si fa pagare il servizio di lettura dell' energia immessa in rete, non l' energia prodotta, ma di fatto questi importi sono richiesti per i contatori di produzione....... o no????

    P.S.2: le dogane vogliono sapere la quantità di energia autoconsumata, dedotta dalla lettura di due contatori, uno di produzione che vogliono certificato e collaudato ogni 3 anni, ed uno di scambio, di enel mai verificato......., quindi di fatto senza nessuna "sicurezza fiscale", che pero' fanno dichiarare a noi tramite l' atto notorio o autocertificazione!!!

    P.S.3: piu' si cerca piu' casini vengono fuori.... non saremo mica in Italia???????
    Ultima modifica di scresan; 11-09-2013 a 14:37

  2. #62
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    in cosa sbaglio?????
    I 318€ sono per l'energia immessa (contatore di scambio).
    Il contatore di produzione (energia prodotta) ha un altro canone (circa 30€/anno in BT).

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  3. #63
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Per me non sanno neanche loro quello che fanno!!

    Ti scrivo pari pari quello che c'è sulla fattura, la riga con gli importi di cui stiamo parlando:

    fattura che nel caso che ho sottomano viene emesse da enel ogni 9 mesi! (ne ho diverse successive tutte uguali)

    Addebito/accrediti vari
    SERVIZIO MISURA IMPIANTI INCENTIVATI DAL 01-01-2012 AL 30-09-2012 247,50 + IVA (COD.A5) 21%


    TOTALE GENERALE 299,48.


    In questo caso si tratta di un 4 CE con unico pod, 2 contatori di produzione (tetto con e tetto senza amianto).

    Fatti i conti sono 247,50 /9 mesi x 12 mesi = 330 euro anno + iva, invece che 318,00 come previsto.

    Mi chiedo il motivo?? Forse sono 12 euro in piu' al mese per ogni contatore di produzione aggiuntivo. Ma come abbiamo capito sono importi dovuti per il solo contatore di scambio, quindi ??????

    Sotto come ultima riga c'è il tocco tutto italiano della vicenda, la frase che salva sempre tutti:

    -----CON RISERVA DI CONGUAGLIO----- !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. #64
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ligabue82 Visualizza il messaggio
    I 318€ sono per l'energia immessa (contatore di scambio)...
    questo vale solo per le cessioni totali. per cessioni parziali o SSP non è previsto nessun onere aggiuntivo.

    mentre per il CE di produzione sono applicate le tariffe per ogni contatore, non per ogni POD di scambio. nelle fatture è infatti indicato il POD (fittizio) del contatore di produzione. 2 contatori di produzione = 2 fatture per servizio di misura.

  5. #65
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Le fatture me le ha fornite un mio amico, con 1 pod e due impianti fotovoltaici con 2 contatori per stesso CE ma tariffe diverse.

    Finora (dalla fine del 2011 ad ora) gli hanno fatturato sempre ogni 9 mesi quanto sopra.

    Il link che ha postato il liga porta ad un documento enel :

  6. #66
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    confermo quanto ho scritto, vedi delibera 88/07 e successive modifiche. se con 2 contatori di produzione paga un solo servizio, c'è un errore e prima o poi (probabilmente molto poi) arriverà la richiesta degli arretrati

  7. #67
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    ... ho capito ..... ma come leggi dal documento sopra, si tratta

    di un "corrispettivo dovuto per la misura dell' energia immessa in rete",

    non per la misura di quella prodotta.

    E di contatori che misurano l' immessa c'è ne sempre uno solo per POD !!!!

    Pui' cerco, piu' casini escono...... mi vien voglia di lasciar perdere tutto!!

  8. #68
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    quindi avrai per mano fatture per servizio di misura relativo immissioni in SSP/RID parziale, giusto?

    dubito, e sicuramente le potresti contestare

  9. #69
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Si le fatture sono di un impianto in SSP, se ricordo bene di 68-70 kwp, con due contatori di produzione in affitto da enel.

    Mi spieghi bene cosa potrei contestare (potrebbe l' impianto è di un amico, io mi sto interessando per ampliare il mio oltre i 20 kwp) ????

    Credo ti sarai letto questa pagina:

    Produttori - Servizio di misura - Rete Enel Distribuzione - Reti - Enel Distribuzione


    e mi è ancora meno comprensibile questa parte:

    "ATTENZIONE: i corrispettivi per il servizio di misura, riportati nei documenti di seguito allegati, si intendono al netto degli oneri per la certificazione dei componenti ai fini del controllo dell’ Agenzia delle Dogane (officine elettriche)."

    In particolare, essendo i dati di autoconsumo, ottenuti tramite la dichiarazione annuale da presentare all' agenzia delle entrate, la differenza ottenuta fra l' energia prodotta e quella immessa (entrano in gioco tutti e due i contatori, sia quello di scambio che quello di produzione)

    si potrebbe dedurre che la taratura triennale vada fatta su entrambi i contatori!!! sempre per garantire, come mi hanno precisato piu' volte negli uffici delle dogane, la sicurezza fiscale.

  10. #70
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    A mio parere i 330€ + iva comprendono contatore scambio (318) + contatore di produzione (12). E' una mia ipotesi. Bisognerebbe chiedere chiarimento a tecnici Enel che gestiscono misure o mandare una pec all'indirizzo di enel produttori.

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  11. #71
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    i pareri le ipotesi non contano niente. i chiarimenti dei tecnici enel non sono la "bibbia". le leggi/regolamenti/delibere invece si. 88/07, 199/11 (TIME).

    è sufficiente vincere la pigrizia e leggere

  12. #72
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    E dai blux, se hai i regolamenti precisi, dove si chiarisce quanto è dovuto ad enel per i servizi di misura nei vari casi (per ora qua si è parlato di BT con potenza sopra o sotto io 20 kwp, fotovoltaico) e passaceli no!!!

    Il liga ha gentilmente postato il link riconducibile ad enel.... che come già spiegato non è mica tanto chiaro.

    Ho provato a leggermi le delibere... ma onestamente pur essendo italiano dalla nascita, mica lo capisco quello che hanno scritto!!!!!!
    Ho capito che il contatore di scambio deve avere certe caratteristiche, certificazione, etc etc e che ce le fanno pagare un po' a tutti!!!

    Se gentilmente mi/ci aiuti a fare chiarezza, te ne sarei/emmo grati!!!!

  13. #73
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    cerco di riportare il tema verso il titolo del post visto che tutti i punti toccati mi sembrano ancora senza risposta, in particolare:
    1) è obbligatorio effettuare la verifica di taratura dei contatori di produzione/scambio ai fini UTF ogni 3 anni?
    2) è obbligatorio per tutte le taglie di impianto > 20kW?
    3) è obbligatorio anche per chi è in cessione totale con codice ditta?
    4) è obbligatorio anche per chi paga le accise in maniera forfettaria < 100kW (anche se questa possibilità mi sembra che non sia possibile per impianti rinnovabili installati in luoghi diversi dalle abitazioni)?
    5) è obbligatorio anche per chi ha delegato ad Enel l'installazione/manutenzione dei contatori? in questo caso chi si occupa di questa attività di verifica (Enel o produttore)?


    in tutti i casi, i certificati di verifica vanno inviati all'agenzia delle Dogane competente? e se ci sono dei sigilli messi dalla suddetta agenzia sui contatori/TA/TV?

  14. #74
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Provo a risponderti, considerando una licenza "normale" (cioè non in convenzione, dato che siamo in attesa di risposte ufficiali e concrete su questa possibilità di semplificazione).

    1 - si
    2 - si (eccetto per quelli in cessione totale)
    3 - no
    4 - qui torniamo al discorso di licenza in convenzione: in questo caso non sarebbe necessario
    5 - si e se ne occupa sempre il produttore

    Se ci sono sigilli, bisogna chiamare l'UTF o l'Enel per eliminarli in maniera temporanea.

    Ci vorrebbe un interpello del GIFI all'Agenzia Dogane e al GSE.

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  15. #75
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    ... anch'io sono in attesa di novità, anche da parte di enel!!!!! per ragioni di potenza massima in immissione del mio pod (30 kwp)...... che come al solito ognuno interpreta a piacimento:

    1- vale potenza installata in pannelli fotovoltaici?
    2- vale potenza installata in inverter ?
    3- vale la potenza calcolata dal progettista dell' impianto?
    4- se ho picchi piu' alti, posso installare dei sistemi che mi limitano la potenza dell' impianto, in modo da garantire la potenza massima in immissione......


    Scusate l' ot, ma ogni giorno ne esce una nuova. Ogni tanto mi chiedo in che razza di paese viviamo!!! ... e scusate anche lo sfogo!

  16. #76
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Dovrebbe valere la potenza nominale dell'impianto (somma delle potenze dei singoli moduli)!
    Almeno da me in Puglia si comportano così...

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  17. #77
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito FV e regime semplificato a convenzione dell'agenzia delle dogane

    Ho ricevuto questa lettera dall'agenzia delle dogane per poter rientrare nel regime semplificato.
    Ma mi sembra che i rischi ci siano!
    Si rischierebbe la decadenza dei benefici GSE!!

    Allora ho proceduto all'invio del quesito al GSE in merito, ma non ho ancora ricevuto alcuna risposta.
    Qualcuno ha ulteriori notizie in merito?
    Grazie.
    Daniele
    File Allegati File Allegati

  18. #78
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Chi vi ha seguito le pratiche? E' a lui che dovete rivolgerVi...
    P.S: ti consiglio di cancellare i dati sensibili...
    Sei il diretto interessato (Produttore) o il tecnico?

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  19. #79
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Daniele, anche se per scaricarsi le responsabilità .... almeno il Vs ufficio delle dogane si muove !!! Lo facesse anche il mio!

    Quello che scrivono, pero' è un controsenso. Ovvero prevedono un possibile perdita degli incentivi, senza qualificarne il motivo?? In base a quale norma? Il gse si affida a enel per le letture delle produzioni/immissioni.

    Rimane tutto l' impianto, si semplificano solo le procedure delle dogane!

    Aspetto di vedere cosa risponde il gse.

    Ti invito a rispondere alla presente, comunicando che hai prontamente richiesto chiarimenti al gse, in modo che non annullino per termini la tua istanza!

    P.s.: MODIFICA IL PDF, ELIMINA I DATI SENSIBILI. SE NON CI RIESCI, CONTATTA IL MODERATORE!

  20. #80
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    In pratica il GSE, se non recepisce la semplificazione, potrebbe bloccare gli incentivi in qyanto il produttore non può più inviare la dichiarazione annuale di consumo...Ecco spiegato il senso di questa lettera...

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  21. RAD
Pagina 4 di 12 primaprima 123456789101112 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Contatore trifase statico DH1113/3 in lettura
    Da Solarblog nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 19-01-2017, 17:44
  2. Eolico statico
    Da Franco52 nel forum EOLICO
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 31-03-2013, 17:29
  3. Taratura contatore UTF
    Da Paolo1981 nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 14-09-2012, 14:56
  4. differenza tra dati produzione inverter e contatore produzione -50%!!!
    Da modenet nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 18-01-2012, 09:56
  5. Laurea triennale e progetti fotovoltaici
    Da nhio83 nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 24-12-2007, 11:07

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •