Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 35

Discussione: Il “chip” delle macchine idro-eoliche di nuova generazione.

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Il “chip” delle macchine idro-eoliche di nuova generazione.



    Buon anno a tutti!!!

    Con l’inizio del 2010 vorrei proporvi un gioco. O, per essere più preciso, vorrei proporre una specie di "brainstorming" (concorso di cervelli) attorno a un’idea (vi assicuro che è molto affascinante!) su cui sto lavorando da diverso tempo. Siccome siete delle “teste pensanti”, quale migliore banco di prova per verificarne la validità?
    Sapete come funziona: si fa finta di essere attorno a un tavolo e ognuno dice quello che pensa su un preciso argomento.
    L’argomento che vorrei proporvi è tutto racchiuso nel titolo della presente discussione. Per ora non vi dico altro. Naturalmente, mano a mano che andremo avanti, lancerò altre parole-chiavi ad esso collegate.
    Che ne dite? Chi è d’accordo alzi la mano e mi faccia sapere al più presto cosa ne pensa.
    Augurandovi un anno colmo di soddisfazioni, vi saluto molto cordialmente.

  2. #2
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    cieffe44,
    i forum servono proprio per discutere e per fare brainstorming. Solo se intendi usare l'idea commercialmente, non sarebbe conveniente esporla ad un'ampia platea, col rischio che qualcuno la utilizzi prima di te.
    Alzo la mano, spero solo che non sia solo un gioco dove centellini le parole chiave con eccessiva parsimonia. Buon anno!
    Molto urgente: cerco socio: Collaborazione a Milano
    -------------------------------------------------------------------
    Mala tempora currunt, non contattatemi piu' per questioni riguardanti il forum, grazie, il mio tempo e' finito.
    -------------------------------------------------------------------
    L'energia non si crea ne' si distrugge, ma ne sprechiamo troppa in modo irresponsabile. Sito personale: http://evlist.it
    Se fate domande tecniche e volete risposte dal forum precise e veloci, "date i dati" specificando anche l'ambiente operativo e fornendo il maggior numero possibile di informazioni.
    ------------------------------------------------

  3. #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Il “chip” delle macchine idro-eoliche di nuova generazione.

    Molte grazie per l'avvertimento sul pericolo di scopiazzatura dell'idea (per la quale, comunque, è stata depositata la domanda di brevetto internazionale).
    Per quel che riguarda il "gioco", ho voluto impostarlo in tale modo al fine rendere più interessante l'eventuale discussione di alcuni aspetti che possono non essere di facile accoglimento (data l'originalità) se non dopo un approfondito esame. Esame che richiede la messa da parte di taluni concetti ormai consolidati sia in campo idrico che eolico. Il brainstorming si rende necessario proprio per tale scopo.
    Auguri di buon anno ricambiati.

  4. #4
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno a tutti,
    la curiosita' mi dice di alzare la mano .........
    Attendo le prossime mosse, buon anno
    ciao car.boni
    Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

  5. #5
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    cieffe44,
    forse non sei molto esperto di forum. Direi che e' il caso di iniziare, se c'e' della sostanza la discussione partira' presto, anche senza aver fatto l'appello (che ha poco senso).
    Avanti tutta!
    Mario

  6. #6
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao cieffe,

    una domanda ... se hai già presentato domanda per un brevetto internazionale vuol dire che stai investendo soldi sull'idea (minimo 30.000 € per un brevetto europeo), non è che tu fai come hanno fatto altre persone in questo forum che cercano solo informazioni tecniche a gratis? Io sono sempre ben disposto a dare informazioni se lo scopo è "didattico" (la tua idea è buona, tempo fa avevo fatto un piccolo studio anche su come organizzare tutto il sistema di gestione e controllo di un impianto tipo) se invece è puramente commerciale non vedo perchè una persona debba guadagnare sfruttando le esperienze degli altri senza pagare nulla!
    ciao

  7. #7
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ragazzi, siete semplicemente meravigliosi! Ve lo dico in tutta sincerità. Sapete perché?
    Perché non mi sarei mai aspettato che, in un giorno festivo come quello odieno, in questa Italia ci fosse gente disposta a rispondere prontamente a e-mail tipo quella che vi ho inviato stamattina!
    Ma lo sapete a quante porte ho finora “bussato” senza peraltro ricevere un solo cenno di risposta, sia pure per chiedermi maggiori delucidazioni, riguardo al progetto di cui sto per parlarvi? Quando avremo preso più confidenza (e superate obiezioni tipo quelle di Matasnic!) vi dirò qualcosa sul menefreghismo che aleggia in certi “Palazzi”, mentre invece ci si dovrebbe preoccupare di non sciupare alcuna occasione utile a dar lavoro alle migliaia di operai lo stanno perdendo!
    Ora, se riuscirò a portare a compimento tale progetto, di lavoro ce ne sarà tantissimo!, avendo esso tutte le carte in regola per risolvere alla grande – e in maniera molto semplice ed economica – l’impellente problema energetico.
    A questo punto credo che a qualcuno di voi stia già sorgendo il dubbio se il sottoscritto abbia o meno qualche rotella fuori posto... Ebbene, avrete modo di accertarvene fra non molto. Per cui: bando alle ciance e mettiamoci subito al lavoro.
    Comincio col farvi questa domanda: perché, secondo voi, parlo di “chip” riferendomi a un settore che sta mille miglia lontano da quello dell’elettronica? Cosa può avere in comune questo minuscolo aggeggio con le gigantesche macchine che sfruttano la forza del vento e quella delle onde marine?
    Provate a darmi delle risposte, quelle che vi vengono in mente...
    A presto.

  8. #8
    amir
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da cieffe44 Visualizza il messaggio
    ...Ma lo sapete a quante porte ho finora “bussato” senza peraltro ricevere un solo cenno di risposta, sia pure per chiedermi maggiori delucidazioni...
    ...bando alle ciance...
    ...perché, secondo voi, parlo di “chip” riferendomi a un settore che sta mille miglia lontano da quello dell’elettronica....
    Ma come, "bando alle ciance" e cominci con gli indovinelli?
    Sarà mica per questo tergiversare che non gliene frega nulla a nessuno di saperne di più?

    Che te ne pare adesso di venire al sodo?.
    Tanto per cominciare, dato che "è stata presentata domanda di brevetto internazionale", puoi postare la ricevuta del deposito della domanda? Titolo, data, luogo, numero di protocollo, depositante, la solita roba.

    amir

    PS: ma che per caso hai anche te dei misteri da svelare?
    http://www.energeticambiente.it/sist...#post118894148
    Ultima modifica di amir; 02-01-2010 a 00:08

  9. #9
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Amir, non ci siamo proprio! Se la metti su questo piano, il "gioco" finisce qui.

  10. #10
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno a tutti,
    giocare, in un periodo di festa, va sempre bene ma a tutto c'e' ovviamente un limite.
    Utilizzare le pagine del forum in questo modo nn mi sembra nemmeno corretto visto che siamo tutti ospiti.
    Questo Tuo approccio al problema e' troppo generico e parte da troppo lontano, dovresti inqudrare il problema e porre all'attenzione di tutti, ad esempio, i dubbi che hai su alcuni particolari.
    Spetta a Te decidere.
    ciao car.boni
    Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

  11. #11
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Se parto da lontano, un motivo ci sarà, non credi?
    E il motivo è questo: il progetto di cui vorrei parlarvi (però mi sta già passando la voglia!) è una specie di rivoluzione copernicana nel settore dello sfruttamento di energie potenzialmente importanti come quelle del vento e del moto ondoso marino. Se mi riferisco indifferentemente sia all'una che all'altra come se fossero la stessa cosa, dovrebbe indurre chi mi accusa di eccessive lungaggini a darsi una calmata: le novità, si sa, hanno bisogno di essere prima "macerate" per essere meglio digerite!
    Comunque sia, la novità è questa: se vogliamo veramente risolvere il problema energetico, bisogna dire addio all'attuale tecnologia basata sui "profili alari" per passare a quella dei "pannelli valvolari" (che è l'oggetto dell'invenzione). Contenti ora? Se avete capito qualcosa, va bene così, non chiedetemi altro.
    Ciao a tutti.

  12. #12
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da cieffe44 Visualizza il messaggio
    Se parto da lontano, un motivo ci sarà, non credi?
    E il motivo è questo: il progetto di cui vorrei parlarvi (però mi sta già passando la voglia!) è una specie di rivoluzione copernicana nel settore dello sfruttamento di energie potenzialmente importanti come quelle del vento e del moto ondoso marino. Se mi riferisco indifferentemente sia all'una che all'altra come se fossero la stessa cosa, dovrebbe indurre chi mi accusa di eccessive lungaggini a darsi una calmata: le novità, si sa, hanno bisogno di essere prima "macerate" per essere meglio digerite!..........


    Ciao Cieffe44,
    sono abituato a nn giudicare le "rivoluzioni copernicane" prima di averle capite.
    Questa e' la premessa, ed usando il Tuo stesso linguaggio e modo di ragionare posso dire che per "digerire" bisogna mangiare.
    Se per Te "mangiare" e' sufficiente dire "pannelli valvolati" equivale, ad esempio, a dire, 60 anni fa (quindi molto prima del suo utilizzo), la parola "LEM".
    Nn Ti pare?
    L'hai iniziata Tu questa discussione e se credi che sia arrivato il momento di dire basta i moderatori avranno ben diritto di elminarla vista la sua totale inconsistenza.
    Auguri per la Tua "rivoluzione".
    ciao car.boni
    Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

  13. #13
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    cieffe44,
    Comincio col farvi questa domanda: perché, secondo voi, parlo di “chip” riferendomi a un settore che sta mille miglia lontano da quello dell’elettronica?
    forse perche' non sei informato. Gia' oggi c'e' molta elettronica in questi sistemi, non e' poi cosi' lontana.
    Non c'e' dubbio che ci sono forme di conversione fluido/elettricita' non ancora utilizzate, ma prendere la discussione troppo alla larga non e' utile a nessuno.
    Ciao
    Mario

  14. #14
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Cieffe,

    tu parli di lavoro per migliaia di persone, parli di rivoluzione copernicana ... se vista da un punto commerciale potrebbe trattarsi del' investimento del secolo ... scusa ma se fosse veramente cosi' avresti un affare enorme per le mani e vieni a presentarlo su un forum dove tutti possono leggere .... a che scopo?
    dici che hai bussato a tanti palazzi e nessuno ti ha dato risposta non ti viene il dubbio che magari non sei riuscito ad esporre in modo corretto la tua idea? a me si che viene visto il modo che la stai esponendo su questo forum!!!
    ciao
    Mat

    P.S. concordo con Mario ... dire che il settore idro / eolico sta mille miglia lontano dall'elettronica mi fa pensare che non sei tanto informato! Magari nell'idro non siamo certo a livelli elevatissimi ma nel settore eolico ...vatti a vedere come funzionano le torri della ENERCON ... (macchine da qualche MW con eccitazione e rigenerazione tramite inverter) non venirmi a dire che li non c'e' elettrinica spinta ....

  15. #15
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    tu parli di lavoro per migliaia di persone, parli di rivoluzione copernicana ... se vista da un punto commerciale potrebbe trattarsi del' investimento del secolo ... scusa ma se fosse veramente cosi' avresti un affare enorme per le mani e vieni a presentarlo su un forum dove tutti possono leggere .... a che scopo?
    dici che hai bussato a tanti palazzi e nessuno ti ha dato risposta non ti viene il dubbio che magari non sei riuscito ad esporre in modo corretto la tua idea? a me si che viene visto il modo che la stai esponendo su questo forum!!!
    Ebbene sì, forse hai ragione: nessuno dei 104 direttori delle sedi provinciali della Confindustria, ai quali ho inviato del materiale illustrativo inerente il mio progetto, mi ha dato risposta probabilmente perché non sarò riuscito ad esporre in modo corretto la mia idea.
    Ora ditemi voi in quale altro modo avrei dovuto esprimermi. Per cortesia andate al seguente indirizzo: www.cofraricerca.com/riem.htm
    e fatemi sapere qualcosa.
    Saluti a tutti.
    Ultima modifica di mariomaggi; 02-01-2010 a 17:23

  16. #16
    Moderatore

    User Info Menu

    Predefinito

    cieffe44,
    sintesi=potenza , diceva un nostro moderatore.
    Secondo me fai troppe domande sulla brochure. I direttori non sono interessati a tante parole, da Verne al Lego per esempio.
    Ora e' piu' chiaro, vediamo come si evolve.
    Ciao
    Mario

    P.S.: non trattandosi di link commerciale, non l'ho cancellato.

  17. #17
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie, Mario, per non aver cancellato il riferimento al sito internet.
    Era appunto per evitare tale eventualità che avevo preso alla larga (forse molto alla larga) l'esposizione del mio progetto (dico "mio", ma protrebbe essere di tutti (tutti quelli che ci credono, naturalmente!). Ora, visto che siamo in ballo, fammi anche la cortesia di dare un'occhiata anche alla "scheda".
    Cordiali saluti.

  18. #18
    amir
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da cieffe44 Visualizza il messaggio
    ... in quale altro modo avrei dovuto esprimermi. ....
    Se scrivi a Direttori Provinciali di Confindustria, devi tenere presente che è gente che ha un sacco di cose da fare: concisione!
    Cerca "scrittura efficace" troverai un sacco di indicazioni.

    Poi: sostanza! Hai fatto un modellino? Ha funzionato? In che condizioni ha funzionato? Quanti RPM? Che potenza ha prodotto?
    Non l' hai fatto, non hai rilevato le condizioni, o le prestazioni? Allora non parlarne nemmeno.
    Niente discorsi su migliaia di posti di lavoro, soluzione dei problemi energetici dell' umanità, domande retoriche, frasi colloquiali, indovinelli.
    Circostanziare quello che dichiari: hai depositato domanda di brevetto? Documenta!
    Forum tecnico, argomenti tecnici.

    Questo per lo stile.

    Per la parte tecnica, un cestello di rete elettrosaldata di 8 metri cubi, pieno di acqua, collassa sotto il suo stesso peso. Vuoi convincere l' interlocutore che invece resisterà? Sintesi dei calcoli strutturali! Oppure non particolareggiare la soluzione costruttiva.
    Circostanziare ogni dichiarazione: hai depositato domanda di brevetto? Documentare! Oppure tientelo per te.
    Stima dei costi.
    Stima della produttività.

    buon lavoro

    amir

  19. #19
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Amir, mi stai forse dicendo che avrei dovuto fare tutti quei calcoli su un semplice modellino in scala? Se avrai la bontà di leggere la scheda (tutta!) scoprirai che agli industriali non chiedevo altro che il mettersi a costruire il "loro" prototipo, perché solo su un prototipo a dimensioni reali si possono fare tutte quelle cose che tu (giustamente) suggerisci. E mi pare di avere messo pure in evidenza che io non ho nè le attrezzature, nè la professionalità necessarie per fare certe cose. A me è bastato verificare chi il modellino (in scala 1/10) funzionasse secondo le aspettative. Mi pare che sia meglio dare a ciascuno il suo. O forse è sbagliato pure questo?
    Ciao.

  20. #20
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da cieffe44 Visualizza il messaggio
    ...........A me è bastato verificare chi il modellino (in scala 1/10) funzionasse secondo le aspettative..........

    Ciao Cieffe,
    nn voglio sminuire l'idea, anzi, ma vedendo il Tuo schema mi pare di ricordare che da qualche parte ho gia' visto una cosa del genere.
    Nn ho letto tutto, solo una lettura di massima e la prima osservazione che mi viene in mente, parlando da imprenditore pragmatico, e' questa :
    anche se in scala 1:10 il modello deve dare dei risultati in termini di produzione, di costi, di manutenzione, di sicurezza d'esercizio e deve evidenziare eventuali problemi dell'utilizzo in mare aperto che sono ben diversi da quelli simulati in una vasca.
    Questo serve per poter proporre la Tua idea ad un'industria .......
    ciao car.boni
    Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

  21. RAD
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 16-02-2010, 16:04
  2. Conto energia, aggiornamento delle modalità per la stipula delle convenzioni
    Da gigisolar nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 02-07-2009, 08:03
  3. Nuova generazione scooter elettrici
    Da Parsifal nel forum Veicoli ELETTRICI: auto elettriche, moto elettriche (veicoli a propulsione elettrica)
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 27-04-2009, 00:54
  4. ripristino di una centrale idro. con nuova kaplan
    Da bettoni.d nel forum IDROELETTRICO
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 03-09-2008, 23:34

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •