Ennesimo tentativo fallito di sfruttare le correnti di marea; questa volta non ha funzionato perché le correnti
...
incredibile dictu
...
erano troppo forti!

La rimozione dei rottami, naturalmente, sarà a carico dei contribuenti, mentre di restituzione degli incentivi ricevuti non se ne parla proprio - ma ciò è comprensibile: mica si posson chiedere soldi a una società in bancarotta (bankruptcy)! O meglio: si possono anche chiedere, volendo, ma astenersene costa meno.

Insomma, c'è nel mondo UN impianto maremotrice funzionante, in attivo economico, in attivo ambientale, E in attivo energetico?
Ne dubito assai.

Saluti.

M