Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 5 di 7 primaprima 1234567 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 81 a 100 su 130

Discussione: Raccolta Links motore Stirling

  1. #81
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Cambiando la fasatura non si adegua il motore al salto di temperature, ma si regola soltanto la potenza in uscita.

  2. #82
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    che differenza c'è tra variare l’angolo della bancata e variare lo sfasamento dei pistoni?

  3. #83
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da DinoDF Visualizza il messaggio
    che differenza c'è tra variare l’angolo della bancata e variare lo sfasamento dei pistoni?
    Nessuna.
    .................................................. (15 caratteri)

  4. #84
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    E quindi sul sito hanno sparato una grande xxxxxxx?

  5. #85
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da DinoDF Visualizza il messaggio
    E quindi sul sito hanno sparato una grande xxxxxxx?
    Forse intendevano scrivere "in funzione del carico termico disponibile"

  6. #86
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Se sbaglio sparatemi ma io credo che la scelta sia solo meccanica . Variare la sfasatura dei pistoni avendo due cilindri fissi la vedo dura , forse è più semplice creare una rotazione degli stessi . Ciao . Spartano .

  7. #87
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da spartano Visualizza il messaggio
    Se sbaglio sparatemi ma io credo che la scelta sia solo meccanica . Variare la sfasatura dei pistoni avendo due cilindri fissi la vedo dura , forse è più semplice creare una rotazione degli stessi . Ciao . Spartano .

    invece non è così dura.
    Si può cambiare tranquillamente la fase fra i due pistoni, basta cambiare la fase fra i due perni di biella con rinvii…ma la domanda vera è: serve? Mi spiego meglio: lo stirling mi sembra poco reattivo, più adatto a regimi stazionari e comunque progettato ad hoc per determinate condizioni di lavoro…se si cambia uno di questi fattori forse cambiare l’angolo di banco non ti risolve il calo di efficenzafficeffice" />>>

  8. #88
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Biker
    Contrariamente alla diffusa convinzione che lo stirling sia adatto a regimi stazionari se disegnato in eccesso di coppia, io non ho mai creduto. I test della Friba in qualche modo lo confermano; daltronde non occorreva prova ulteriore poichè, uno dei padri del beta a pistoni liberi della Nasa ha, da almeno ventanni, scritto (anche in qualche brevetto) della bontà della fasatura variabile tra dislocatore e potenza.
    Ne ho potuto apprezzare l'efficacia di persona. Dopo qualche modifica meccanica, ho da qualche tempo finito di testare uno stirling commerciale. Il motore si può condurre a qualsiasi velocità (bhè, quasi) in accelerazione e frenata.
    Il test è poco più di un gioco, condotto su uno stirling bassa temperatura ma che per confronto rende bene il guadagno di prestazioni ottenibile.
    Ciao, Hike

  9. #89
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    http://ntrs.nasa.gov/archive/nasa/ca...1988002196.pdf

    In tutti i motori stirling per autotrazione si é sempre adottato il metodo della variazione della pressione media del fluido motore, metodo semplice ed efficace dal momento che variare la fasatura da quella ottimale (circa 90°) significa solamente ridurre la potenza.

  10. #90
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao hot coil,
    si certo, per dei motori che giravano negli anni '80, variare la pressione di lavoro era la cosa più semplice (per quei tempi) Converrai che portarsi dietro un compressore (molto generoso) ed un serbatoio di idrogeno era un pò macchinoso.
    Non capisco invece perchè rimarchi che variare la fasatura riduce la potenza all'albero .... è certamente vero !!
    Lo stesso vale per la pressione di lavoro del fluido.
    Tra le due cose trovo relativamente più semplice modulare la fasatura.
    Riguardo ai 90°, quando dici che è l'anticipo ottimale intendi che è ottimale per l'ottenimento della massima velocità ottenibile da quel motore ?

  11. #91
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Hike Visualizza il messaggio
    Ciao hot coil,
    si certo, per dei motori che giravano negli anni '80, variare la pressione di lavoro era la cosa più semplice (per quei tempi) Converrai che portarsi dietro un compressore (molto generoso) ed un serbatoio di idrogeno era un pò macchinoso.
    Non capisco invece perchè rimarchi che variare la fasatura riduce la potenza all'albero .... è certamente vero !!
    Lo stesso vale per la pressione di lavoro del fluido.
    Tra le due cose trovo relativamente più semplice modulare la fasatura.
    Riguardo ai 90°, quando dici che è l'anticipo ottimale intendi che è ottimale per l'ottenimento della massima velocità ottenibile da quel motore ?
    Per l'ottenimento del massimo lavoro per ciclo.
    Modulare la fasatura richiede l'impiego di attuatori in grado di sviluppare forze e spostamenti considerevoli, nonchè complicazione cinematica superiore, maggiori ingombri, costi, forze alterne sbilanciate, peso, ecc...
    Questo é il mio modesto parere personale.

  12. #92
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao hot
    si, hai bisogno di attuatori ma non necessariamente per muovere direttamente il displacer. Se osservi la foto dello stirling postato da spartano, l'angolo tra potenza e dislocatore è possibile variarlo con un motore (elettrico) che lavora sull'asta filettata. In verità, questa non è una soluzione originalissima e non è la sola.
    Variare la pressione del fluido inoltre non riesce ad ottenere l'effetto di freno motore (qualora servisse) che otterresti con la fasatura variabile.
    Diciamo che questo è quanto penso sulla base della mia esperienza (minima) sugli stirling.

  13. #93
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Hike Visualizza il messaggio
    Ciao hot
    si, hai bisogno di attuatori ma non necessariamente per muovere direttamente il displacer. Se osservi la foto dello stirling postato da spartano, l'angolo tra potenza e dislocatore è possibile variarlo con un motore (elettrico) che lavora sull'asta filettata. In verità, questa non è una soluzione originalissima e non è la sola.
    Variare la pressione del fluido inoltre non riesce ad ottenere l'effetto di freno motore (qualora servisse) che otterresti con la fasatura variabile.
    Diciamo che questo è quanto penso sulla base della mia esperienza (minima) sugli stirling.
    Per frenare il motore basterebbe inserire una valvola di laminazione tra pistone e displacer (o tra i due piston-displacer nel caso alpha).

  14. #94
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Sarebbe interessante sapere come hanno risolto questi :
    http://www.vok.lth.se/~ce/Research/s...s/ST_TA2_1.pdf
    è un pò vecchiotto ma forse aiuta . Ciao . Spartano .

  15. #95
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da spartano Visualizza il messaggio
    Sarebbe interessante sapere come hanno risolto questi :
    http://www.vok.lth.se/~ce/Research/s...s/ST_TA2_1.pdf
    è un pò vecchiotto ma forse aiuta . Ciao . Spartano .
    Sfruttando la ciclica variazione della pressione del ciclo con apposite valvole ed una camera di espansione é possibile variare di poco la pressione media. Hanno ovviato l'inconveniente usando più camere. Semplice, veloce e geniale!

  16. #96
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da hot_coil Visualizza il messaggio
    Per frenare il motore basterebbe inserire una valvola di laminazione tra pistone e displacer (o tra i due piston-displacer nel caso alpha).
    Si ... se si ama dar la caccia alle zanzare col bazuka !!
    Il corto circuito che suggerisci è estrememete dipendioso dal punto di vista energetico e, se appena dopo viene richiesta coppia, soggetto a vistosi torque drops.
    Nel link di Spartano, giusto in tema, è scritto in chiaro. Proprio per evitare di dover lavorare con variazioni di pressione media, i progettisti svedesi hanno preferito variare il volume morto del motore con quattro valvole in altrettante cavità pesate, ottenendo così 16 differenti livelli discontinui di potenza.
    Lavorare con i volumi morti significa variare uno dei fondamentali del motore, avendo come conseguenza l'aumento della forchetta tra pressione massima e minima, ma senza variazioni significative di pressione media.
    Il motore così viene modulato mantenendo la reattività che non si avrebbe lavorando con la pressione (nel link si parla di tempi di 30 sec, incompatibili con l'impiego in autotrazione).
    Visto che la 'modulazione' di uno stirling è un argomento che interessa, appena ho un pò di tempo organizzo i dati ed apro un 3D con i risultati che ho registrato su uno stirling commerciale leggermente modificato.
    Ciao

  17. #97
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Hike Visualizza il messaggio
    Si ... se si ama dar la caccia alle zanzare col bazuka !!
    Il corto circuito che suggerisci è estrememete dipendioso dal punto di vista energetico e, se appena dopo viene richiesta coppia, soggetto a vistosi torque drops.
    Nel link di Spartano, giusto in tema, è scritto in chiaro. Proprio per evitare di dover lavorare con variazioni di pressione media, i progettisti svedesi hanno preferito variare il volume morto del motore con quattro valvole in altrettante cavità pesate, ottenendo così 16 differenti livelli discontinui di potenza.
    Lavorare con i volumi morti significa variare uno dei fondamentali del motore, avendo come conseguenza l'aumento della forchetta tra pressione massima e minima, ma senza variazioni significative di pressione media.
    Il motore così viene modulato mantenendo la reattività che non si avrebbe lavorando con la pressione (nel link si parla di tempi di 30 sec, incompatibili con l'impiego in autotrazione).
    Visto che la 'modulazione' di uno stirling è un argomento che interessa, appena ho un pò di tempo organizzo i dati ed apro un 3D con i risultati che ho registrato su uno stirling commerciale leggermente modificato.
    Ciao
    Beh, il mio non era un corto circuito, semmai un'aumento della resistenza al passaggio del fluido, utile (?) solo per frenare (veramente) il motore.
    Un corto circuito utile potrebbe essere un bypass del sistema riscaldatore-rigeneratore-raffreddatore.

    Mi sono riguardato meno distrattamente il link; in effetti lì si varia principalmente il volume morto (che basta ed avanza, direi.. ) rinunciando alla possibilità di stivare nelle camere l'eccesso di pressione massima del ciclo (viene però usata la depressurizzazione delle camere nell'ultimo step).

  18. #98
    UnioneFaLaForza
    Ospite

    Predefinito

    In parole povere...motori pronti all'uso dove lo trovo?...Senza diventare matto con la lingua...(visto che sono tutti tedeschi o inglesi)...

  19. #99
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Io aggiungerei ai link interessanti questo:

    index

    Sono motori semplici da fare con soluzioni interessanti
    Qualche video dei miei esperimenti li trovate su:
    http://it.youtube.com/user/alessiof76

  20. #100

  21. RAD
Pagina 5 di 7 primaprima 1234567 ultimoultimo

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •