Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 11 di 32 primaprima 1234567891011121314151617181920212223242531 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 201 a 220 su 621

Discussione: Il ruolo della CO2 e degli altri gas serra

  1. #201
    Mr.Hyde
    Ospite

    Predefinito



    IPCC Working Group I



    Thomas Stocker, the other Co-Chair of Working Group I said: "Continued emissions of greenhouse gases will cause further warming and changes in all components of the climate system. Limiting
    climate change will require substantial and sustained reductions of greenhouse gas emissions."

    non diciamo *** Testo rimosso. nll *** per favore!!!
    Ultima modifica di nll; 05-10-2013 a 15:13

  2. #202
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    The subsequent Little Ice Age continued into the nineteenth century. Now, however, Bernese climate researchers Flavio Lehner, Andreas Born, Christoph Raible and Thomas Stocker reveal that the Little Ice Age was also able to take its course without the influence of the NAO, driven purely by the consequences of strong and frequent volcanic eruptions at the time, a reduced solar radiation, or both together.

    University of Bern - Oeschger Centre for Climate Change Research - Newsquali erano le c****ate?



  3. #203
    Mr.Hyde
    Ospite

    Predefinito

    mac hai la possibilita' di leggere quello che ha detto stocker nel link che ti ho lincato ...il resto è fuffa *** Testo rimosso. Ultimo avviso, poi si sanziona e si elimina il messaggio scorretto. Si contestano le parole, non le persone. nll ***
    Ultima modifica di nll; 05-10-2013 a 20:36

  4. #204
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Anche il Meteoffice crede alla PEG! | New Ice Age
    Anche il Meteoffice crede alla PEG!



    Nell’ambito della discussione internazionale sul Global Warming, spuntano anche le previsioni del Meteoffice, sul possibile inizio di una nuova PEG (Piccola Età Glaciale), quanto meno sulle Isole Britanniche.

    Questa previsione è basata sulle ricerche riguardanti l’attività solare.
    Avevamo detto che, durante un ciclo solare, sono forti le variazioni di irraggiamento soprattutto nello spettro dell’ultravioletto, mentre sono piccole le variazioni nella quantità di radiazione complessiva…
    Però questa variazione nell’ultravioletto sembra assumere un’importanza fondamentale nel governare il tempo sul nostro Continente.
    I ricercatori hanno costruito un modello computerizzato, in base al quale pare evidente che la variabilità UV influenza pesantemente le temperature nella Stratosfera.
    Anzitutto, le misure satellitari hanno mostrato una variazione molto grande all’interno di un ciclo solare, maggiore di quanto non si sospettava in precedenza.
    Negli anni con bassa emissione di UV, si forma aria molto fredda sulla stratosfera posta sopra i Tropici, a circa 50 km di altezza.
    Questa viene “bilanciata” da un flusso d’aria orientale nei bassi strati, che provoca frequenti ondate di freddo da nord est sull’Europa.
    Al contrario, molta emissione negli UV provoca un riscaldamento della stratosfera tropicale, con venti forti occidentali su Europa e Stati Uniti, con inverni miti.
    Il modello del Meteoffice spiega che potranno così esserci inverni rigidi su Stati Uniti ed Europa, con l’arrivo di un minimo solare di lunga durata, ma miti su Canada e Mediterraneo, in quanto avremo una ridistribuzione del calore sul nostro Pianeta.(quando dicevo che il caldo si sposta volevo intendere questo..il "climatologo de noialtri.".)
    Gli scienziati pensano che vi siano cicli di 300-400 anni nell’emissione di ultravioletti, che corrisponderebbe bene ai cicli di freddo invernali sulle Isole Britanniche.
    Lo scorso duro inverno britannico, infatti, ha avuto condizioni simili a quelle degli inverni di 300 anni fa.
    Da www.irishweatheronline.com , l’immagine mostra come funzioni il meccanismo che provoca inverni molto rigidi in Europa e negli USA, in seguito ad una ridotta attività solare.
    La ricerca è stata pubblicata sulla rivista scientifica NATURE.
    Fonte:
    http://www.meteoit.it/per-il-meteoffice-britannico-e-possibile-l’arrivo-una-nuova-peg/

    ps: ripeto per non dimenticarlo.. il blog NIA, tacciato come neghista, poco competente, ecc ecc.. è stato il primo 5 anni fa ad annunciare l'arrivo di un grande minimo solare, quando uno dei più esperti fisici solari sella NASA, affermava l'esatto contrario..
    penso che un pò di credibilità a questi ragazzi va riconosciuta, senza se e senza ma..

  5. #205
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da mac-giver Visualizza il messaggio
    [ps: ripeto per non dimenticarlo.. il blog NIA, tacciato come neghista, poco competente, ecc ecc.. è stato il primo 5 anni fa ad annunciare l'arrivo di un grande minimo solare, quando uno dei più esperti fisici solari sella NASA, affermava l'esatto contrario...
    La qual cosa sta a significare solo che l'esperto NASA sbagliava nel prevedere che non ci sarebbe stato un minimo solare. Da questo fatto (sempre che sia vero, non è scetticismo, ma proprio non ne so nulla di certo) il ragionamento logico scientifico può derivare alcune ipotesi (scarsa competenza dell'esperto? Errore nella strumentazione o nei modelli NASA?), ma NON può derivarne altre.
    In primis l'ipotesi non contrasta affatto con le conclusioni dell'IPCC nè può essere in alcun modo un supporto scientifico serio per chi vuol insinuare che l'effetto dell'aumento della CO2 sia cosa innocua o addirittura benefica!
    L'attività solare è e resta certamente la primissima causa dei cambiamenti climatici terrestri (e marziani, venusiani, ecc). Una ridotta attività comporta certamente una diminuzione di temperature e certamente una nuova era glaciale sarebbe possibile anche ora!
    Ma la cosa semplicemente non c'entra NULLA con le preoccupazioni sul livello di CO2.
    Anzi, molti hanno segnalato che il rallentamento (perchè non c'è una inversione vera e propria! C'è un rallentamento di riscaldamento, non un raffreddamento!) degli ultimi anni pur in presenza di concentrazioni di CO2 crescenti che tanto entusiasma i neghisti in realtà potrebbe essere determinato proprio da questo calo di attività solare (il minimo solare). Calo che però non ha alcuna garanzia di mantenersi o di approfondirsi!
    Il Sole può diminuire ancora la propria attività, aumentarla o lasciarla identica. Nel caso avremo sicuramente un'era glaciale, un'era calda, o qualcosa d'altro che non sarebbe più influenzato dall'attività solare... ma potrebbe essere influenzato (eccome!) dalle attività umane!
    Dato che è ancora difficile anche per i ragazzi della NIA influenzare l'attività solare e il loro acronimo altro non è che il risultato di una semplice scommessa predittiva io continuo a non vedere motivi logici e serii di considerare queste notizie come prova a favore delle teorie negazioniste, ma tuttalpiù come ulteriore, non necessaria, prova della scarsa capacità di analisi logica dei problemi da parte di moltissimi.
    Ultima modifica di BrightingEyes; 07-10-2013 a 10:49

  6. #206
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    l'esperto in questione è un fisico solare, non un veterinario, non un climatologo,

    Il fisico David Hathaway del Marshall Space Flight Center, durante un incontro dell’American Geophysical Union a San Francisco, ha affermato che il ciclo solare numero 24 “ha tutte le carte in regola per essere il più intenso ciclo solare degli ultimi 400 anni”.
    L’analisi di Hathaway è stata confermata anche dal professor Mausumi Dikpati del National Center for Atmospheric Research di Boulder, in Colorado.

    vedi bright, se la co2 continua a crescere, ma non darà gli effetti tanto decantati, tutto il castello crollerà, e sarà un problema molto grande, giustificare un qualsiasi tipo di raffreddamento con una co2 in salita.. ergo, la co2 non sarà più vista come un problema da risolvere.. poi se tu la vuoi continuare a vedere così, ognuno è libero di vedere le cose come vuole..

    perchè, se la co2 non riscalda niente? di cosa dobbiamo preoccuparci? dei coralli sbiancati?

    http://www.astronomia.com/2006/08/18/macchie-solari-inverse/


    " In seguito il Ciclo 24 prenderà il sopravvento, a quel punto state sicuri che i fuochi d’artificio avranno inizio."



    Ultima modifica di mac-giver; 07-10-2013 a 10:51

  7. #207
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Ecco appunto.
    Ognuno è libero di interpretarla come vuole la propria visione fideistica.
    Tu aspetti il crollo del castello. Evviva, evviva. Ne abbiamo preso doverosa nota, tranquillo.
    Io non mi riferivo alle visioni personali comunque.
    Se il fisico solare ha preso un abbaglio mi spiace per lui. Ma il fatto di appurare che il sole sta subendo un minimo NON conta alcunchè ai fini del discorso sulla innocuità della CO2. E questa non è un'opinione, ma un fatto.
    E' semplice applicazione del ragionamento logico. Se non si comprende questo concetto direi che è inutile anche ripetere il solito mantra "ah ma io ci credo e son convinto".

  8. #208
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ho letto di sfuggita l'argomento , valutando le varie posizioni.
    Come persona di una certa età, posso dire che questo argomento lo sento dibattere da 50 anni con pro e contro. Per mia esperienza personale vi posso dire che quando ero bambino ,50 anni fa , quando l'inquinamento specialmente in Sicilia, non era cosi accentuato e non vi erano le macchine che ci sono oggi , io mi ricordo giornate assolate ed i miei parenti anziani mi dicevano che già a Pasqua si facevano il bagno a mare o al fiume , indicando in tal modo che il riscaldamento ambientale all'epoca non aveva minimamente connessione con la CO2 in atmosfera. Mi ricordo che c'erano periodi in Sicilia che non pioveva per mesi e mesi, con grave danno per l'agricoltura. Facendo un paragone con il clima odierno posso dire che in Sicilia piove abbastanza, anzi fa danni per troppa pioggia ed allagamenti (vedi Messina, , Giampilieri).
    Ora se debbo dare un mio personale giudizio sull'argomento, considerando i molti studi che sono stati prodotti da una parte e dall'altra, che non portano a nessuna valutazione preminente, in quanto tutti hanno una loro dignità e scientificità, io vorrei semplicemente dire che l'inquinamento da CO2 prodotto da fonti fossili è semplicemente da evitare, in quanto non rispetta il naturale turn over della natura allo stato odierno. Quello a cui dobbiamo puntare sono le energie rinnovabili, punto e basta.
    Portare a prova e dimostrazione prove del tale X professore o tale Y ricercatore non serve a niente , perchè è vero che i fattori climatici sono molto complessi e non tutti definiti. Chi ha ragione? X o Y ? Chi è in grado di giudicare io o tu o lui o lei o mister X?
    Nel dubbio cerchiamo invece di non inquinare, che è la decisione più naturale e più saggia.
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "
    Relativity is wrong .

  9. #209
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    Ma il fatto di appurare che il sole sta subendo un minimo NON conta alcunchè ai fini del discorso sulla innocuità della CO2. E questa non è un'opinione, ma un fatto.
    E' semplice applicazione del ragionamento logico. Se non si comprende questo concetto direi che è inutile anche ripetere il solito mantra "ah ma io ci credo e son convinto".
    beh però una cosa è la mancanza di senso critico un'altra quella del senso logico. Se un minimo solare influenza il clima attuale addirittura due minimi consecutivi innescano un piccola glaciazione, (ricordo che tuttora nessuno sa spiegare il freddo tremendo del 1600 ) vuol dire che la variazione solare non influisce per il 4% come ci hanno raccontato e l'uomo per il 96% (delle riscaldanti) ma che il sole influisce per almeno il 50% se non calano le T per molto più del 50% se addirittura le T calano. Questo significa che il CO2 è innocuo e che la mitigazione è una truffa perché la forzante dominate non è antropica ma naturale quindi la nostra incidenza è minima, un'efficacia di mitigazione inesistente, ( la mitigazione è cmq inesistente se guardiamo al protocollo di Kyoto la cui efficacia è semplicemente ridicola anche se la stima delle forzanti fosse giusta: solo che è sbagliata perchè manca il 30% del riscaldamento previsto) .Quindi ci hanno raccontato balle su balle montate a neve dai media per almeno 20 anni, e qui mi riallaccio ai primi due rapporti IPCC completamente sbagliati con un riscaldamento previsto che è più del doppio di quello riscontrato, e tu dici che è stato un errore e nella scienza è la normalità. può essere (ma non ci sarebbero stati allora centinaia di scienziati scettici usciti dall'IPCC perché forzava la verità) di fatto tutte le scelte di mitigazione come il protocollo di Kyoto sono state fatte sull'onda del catastrofismo seminato dai due primi rapporti IPCC ed erano balle su balle. ed il 3 e 4 rapporto? altre balle sul periodo caldo medioevale sulla piccola era glaciale, sulla validazione dei modelli climatici, sulla stima delle forzanti sull'aumento di tornadi uragani ecc ancora balle su balle
    Ultima modifica di clayco; 08-10-2013 a 07:21

  10. #210
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da clayco Visualizza il messaggio
    ...vuol dire che la variazione solare non influisce per il 4% come ci hanno raccontato e l'uomo per il 96% ...
    Tu insisti sul tuo discorso sulle "balle" dell'IPCC. Ok, prendo atto anche di ciò, ma la cosa non cambia molto dalle affermazioni di mcgiver. Sono solo forzature semantiche, come ad es. quella che ho evidenziato qui sopra.
    E' evidente che nessuno può affermare mai, in nessuna condizione, che una variazione solare può e debba "influire" per il 4%. Se l'attività solare variasse di pochissimi punti percentuali potrebbe ridurre la Terra a una palla di ghiaccio o di fuoco indipendentemente da qualsiasi azione umana. Anche bruciando tutte le fonti fossili disponibili.
    Il discorso può essere limitato all'affermazione di un qualcuno relativo a una valutazione di un singolo periodo temporale nella storia della Terra, anche l'attuale. In quel caso quel qualcuno dirà "lì la variazione ha influito per il 4%". Può essere verissimo o falsissimo. Io non sono in grado di dirlo.
    Ma sono perfettamente in grado di capire che non c'è alcuna logica nel prendere a esempio un fatto possibile in senso generale (il Sole può influire per il 99,99% ed oltre) ed applicarlo a un episodio specifico per sminuire un'ipotesi alternativa!
    Il ragionamento è capzioso e lo sto dicendo da tempo.
    Il Sole può scaldare o raffreddare in modo mortale il pianeta. Ovvio.
    Però può anche mantenere la sua attività in un range di minima variabilità ciclica inducendo minime variazioni di temperatura media generale che sono minime sulla scala del pianeta, ma diventano ere glaciali o calde nell'esperienza di noi formiche evolute.
    In questo caso resta del tutto logico e realistico affermare che IN QUESTE CONDIZIONI di variabilità di ciclo solare un deciso aumento di una variabile SICURAMENTE coinvolta in qualche modo in molte passate variabilità climatiche potrebbe determinare un importante cambiamento climatico. Importante sempre per noi, ovvio, non per la Terra.
    In realtà le obiezioni negazioniste sono sempre le solite e partono dal solido comune buon senso del bracciante analfabeta assurto a ruolo di strumento di analisi critica del pensiero scientifico "ufficiale".
    Il Sole ha sempre fatto quello che vuole. Se splende di più scalda, altrimenti gela!
    Ullallà!
    Però che da questo discenda il fatto che tutti gli allarmi climatologici sono sbagliati e la CO2 è innocua resta un salto logico del tutto velleitario. Anzi non ha proprio nulla a che fare nè con la logica, nè con il senso critico!
    All'analfabeta potrebbe anche risultare del tutto incredibile e del tutto estraneo al "buon senso comune" il paradosso della relatività con i famosi gemelli che si rivedono dopo il viaggio a velocità della luce di uno e si trovano uno invecchiato e l'altro no! Questo NON significa però che il buon senso comune di stampo agricolo debba avere sempre un qualche vantaggio sul ragionamento logico.
    Infatti non lo ha!

    La storia delle mitigazioni introdotte da Kyoto per il "catastrofismo" è un'ulteriore panzana.
    Kyoto e gli altri mezzi accordi stanno tentando di contenere una emissione esagerata, certa e comprovabile, di una possibile (POSSIBILE!) forzante climatica potenzialmente pericolosa. Qualcuno forse avrà esagerato, possibilissimo, seppur non certo nemmeno quello, ma il salto di pensiero che dice "ah beh, hanno sbagliato previsioni, allora è tutta una bufala" resta un salto IL-logico!

  11. #211
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    Il discorso può essere limitato all'affermazione di un qualcuno relativo a una valutazione di un singolo periodo temporale nella storia della Terra, anche l'attuale. In quel caso quel qualcuno dirà "lì la variazione ha influito per il 4%". Può essere verissimo o falsissimo. Io non sono in grado di dirlo.
    Ma sono perfettamente in grado di capire che non c'è alcuna logica nel prendere a esempio un fatto possibile in senso generale (il Sole può influire per il 99,99% ed oltre) ed applicarlo a un episodio specifico per sminuire un'ipotesi alternativa!
    Il ragionamento è capzioso e lo sto dicendo da tempo.
    Il Sole può scaldare o raffreddare in modo mortale il pianeta. Ovvio.
    Però può anche mantenere la sua attività in un range di minima variabilità ciclica inducendo minime variazioni di temperatura media generale che sono minime sulla scala del pianeta, ma diventano ere glaciali o calde nell'esperienza di noi formiche evolute.
    Non c'è nulla di peggio di chi non vuol capire *** Questa affermazione è applicabile anche a te, ma comunque rimane una mancanza di rispetto e quindi viola l'art.1 del regolamento del forum. Cerca di evitare questo tipo d'attacchi personali, la prossima volta ti sanziono ed elimino il messaggio, come da regolamento. nll ***: se il pianeta si scalda di 1° C in un secolo vuol dire che la forzante è di 1,5 w/mq ( mettiamo ) se le stime dicono che la forzante invece è 3 w mq perché c'è il CO2 e poi il pianeta si scalda sempre e cmq di un rateo pari a 1° C a secolo: vuol dire che 3 wmq è una stima sbagliata! e questo è un dato di fatto l'hanno mostruosamente sbagliata nel primo nel secondo IPCC ma anche nel terzo e nel quarto perché non c'è il riscaldamento previsto. poi se si stima che il sole influenza per il 4% il clima e poi invece influenza del 60% (senza che cambi l'attività solare diretta ma lo influenza con quella indiretta cioè il flusso magnetico) ad es raffreddando un pianeta che gli oroscopi davano in ebollizione: vuol dire che il CO2 non influenza per il 96% ma per il 40% perché sempre 1,5 w mq deve risultare. forse non sai che la stima delle forzanti che c'è qui nel terzo grafico linea viola Un bicchiere di Sole | Climatemonitor comprende la variazione solare quella diretta E' evidente anche ad un bracciante che hanno agito forzanti che non sono ancora stimate di cui si sa poco se non che sono correlate al flusso magnetico solare che influenza raggi cosmici uv circolazione atmosferica t stratosferiche ecc ecc E' evidente anche ad un bracciante che se i modelli falliscono il clima del passato è assolutamente ridicolo pensare che possano predire il futuro ed un futuro in ebollizione. per quanto riguarda l'aumento degli uragani previsto nel 4IPCC già allora Landsea si dimise perché disse che Trenberth aveva esagerato ora finalmente anche questa balla catastrofista è stata smascherata http://www.climatemonitor.it/?p=33854 purtroppo la fede fa vedere cose che non esistono Guarda che su Kyoto sbagli di molto al tempo dicevano che ci sarebbe stato un riscaldamento di 6° A FINE SECOLO e che c'era la prova glaciologica ( balla colossale) e che la certezza era del 96% ma quale "possibile" d'egitto. la tua affermazione che l'emissione di CO2 è esagerata, è soggettiva, non ha riscontri scientifici se non appunto i modelli: che però sono clamorosamente sbagliati.
    Ultima modifica di nll; 10-10-2013 a 23:21 Motivo: Riparato tag QUOTE

  12. #212
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da clayco Visualizza il messaggio
    E' evidente anche ad un bracciante che ...
    Invece secondo me il bracciante avrebbe difficoltà a seguire il mio ragionamento, visto che non deve essere molto chiaro cosa scrivo.
    Tutto il vostro "castello" si basa sul fatto che ci sarebbero prove che alcuni hanno sbagliato le previsioni. Bene. E con ciò?
    E' il susseguente balzo logico... il "quindi si dimostra..." che è ASSOLUTAMENTE inesistente!

    Quote Originariamente inviata da clayco Visualizza il messaggio
    poi se si stima che il sole influenza per il 4% il clima e poi invece influenza del 60% (senza che cambi l'attività solare diretta ma lo influenza con quella indiretta cioè il flusso magnetico) ad es raffreddando un pianeta che gli oroscopi davano in ebollizione: vuol dire che il CO2 non influenza per il 96% ma per il 40% perché sempre 1,5 w mq deve risultare.
    Proviamo a partire da questa frase. Qualcuno ha detto che il sole influenzava per il 4% ed invece voi avete (diamolo per scontato) dimostrato che lo fa per il 60%.
    Splendido.
    E dove sta in questo ragionamento, fin qui accettabile, il terreno solido per il susseguente balzo logico "quindi la CO2 è innocua?"
    Esiste la possibilità che, in presenza di qualsivoglia, liberissima e autodeterminata, influenza solare diretta, indiretta o traversa un aumento di una variabile POTENZIALMENTE foriera di problemi climatici oltre un dato limite possa produrre COMUNQUE problemi climatici? A me pare di si! E la cosa non mi pare posta in dubbio dalle elucubrazioni sulle previsioni sbagliate da tizio e caio!
    La vera domanda (oltre al perchè devo pagare per usare il bancomat...) resta la solita: Esiste la PROVA diretta e incontestabile di questa "innocuità"?
    A me risulta di NO! Io continuo ad essere bombardato di link dove autorevoli esperti spernacchiano un altro autorevole esperto perchè ha sbagliato la previsione e via dicendo!
    Perlomeno dovreste riprovare con la storia degli scienziati pagati dalle multinazionali (quali poi?) per nascondere i dati o alterarli! Uscisse qualcosa davvero da qui certo che molti si porrebbero dei dubbi sull'affidabilità dell'IPCC!
    Ma questo finora NON è accaduto! Lo sbandierato climagate via email è stato sgonfiato velocemente e resta in auge solo sui siti negazionisti e fra gli appassionati alla mcgiver che altro non sono che la versione climatica dei fedeli di altre teorie più o meno strampalate e che rifiutano pervicacemente qualsiasi prova contraria.

    Ribadisco: Questo ragionamento pecca sul piano logico.
    Qualcuno ha previsto al primo Kyoto 6 gradi in più? Eh! Ullallà!
    Forse ha sbagliato! E allora?
    Se fossero 2 o 1,5 o 25 avreste ragione voi e la CO2 sarebbe innocua? E da quale particolare si dovrebbe trarre questa illuminazione?
    Se il sole decidesse di scendere nel minimo più minimo e la temperatura rimanesse stabile o scendesse addirittura... questo vorrebbe dire che possiamo far salire impunemente la concentrazione di CO2 a 1800 ppm tanto chissenefrega che già fa freddo??
    Ma chi l'ha detto? Ma dove sta scritto?
    Io da non esperto leggo che la CO2 può influire anche sul grado di acidità degli oceani. Dovrei sentirmi tutelato da questo pericolo perchè il tizio mi mostra che caio aveva sbagliato le previsioni sul livello del ghiacciaio della Marmolada nel 2099? C'è qualche dato più concreto o è sempre il solito "vabbè, ma se sbagliano la previsione del centesimo di pH allora sono degli incompetenti e quel che dicono son tutte fregnacce!"?
    OH... poi sarò io che vanto orgogliosamente antenati di livello bracciante che magari non riesco a trovare il punto focale di illuminazione... ma per ora la mia analisi logica trova molti, molti difetti nel proposto ragionamento che porta al "quod erat demostrandum".

    P.S. Poi basta googlare un pochino per trovare subito articoli, e nemmeno di aspiranti al concorso di bracciante direi, che pongono critiche serrate, precise e sostenute da ragionamenti scientifici seri, alla stessa clamorosa "rivelazione" linkata:
    http://pasini-lescienze.blogautore.e...urato-il-sole/
    Sia chiaro che io non sono in grado di dare pareri sulla credibilità di nessuno, ma visto che non mi risulta che la tesi di Pasini sia stata accolta a pesci in faccia e risate isteriche dalla comunità scientifica e risulta pubblicata su supporti normalmente considerati come perlomeno degni di credibilità... immagino che non stia proprio blaterando di sciocchezze immotivate!
    Forse non si può dirlo nemmeno degli altri, certo. Ma la cosa qualche dubbio sulla miracolosa limpidezza delle analisi rassicuranti penso lo ponga!
    E quindi? Su cosa si basa allora sta sbandierata "innocuità" della CO2?
    Ultima modifica di BrightingEyes; 09-10-2013 a 18:20

  13. #213
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    Tutto il vostro "castello" si basa sul fatto che ci sarebbero prove che alcuni hanno sbagliato le previsioni. Bene. E con ciò?
    E' il susseguente balzo logico... il "quindi si dimostra..." che è ASSOLUTAMENTE inesistente!


    Proviamo a partire da questa frase. Qualcuno ha detto che il sole influenzava per il 4% ed invece voi avete (diamolo per scontato) dimostrato che lo fa per il 60%.
    Splendido.
    E dove sta in questo ragionamento, fin qui accettabile, il terreno solido per il susseguente balzo logico "quindi la CO2 è innocua?"
    ?
    ormai è una spirale: lo ripeto l'ultima volta se no si perde solo tempo. Il sole da sempre varia del 4% sia che sia un minimo che un massimo, nell'arco secolare. Quindi l'attività solare diretta, non spiega né il periodo caldo corrente né quello medioevale. C'è però una forzante solare indiretta, (vedi un bicchiere di sole) che da qualcuno è stata stimata ma non dall'IPCC, Ebbene quella indiretta spiega sia il periodo caldo medioevale ( quello romano miceneo ecc) che la piccola era glaciale.la forzante solare indiretta è legata al flusso magnetico solare ed è cresciuta nel 900 a picchi mai raggiunti negli ultimi 8000 anni soprattutto nei minimi (vedi mcCraken 2007 citato in un bicchiere di sole). Siccome la forzante solare indiretta ha influenzato tutte le variazioni climatiche del passato con ratei del tutto simili a quelli del 900 nel medioevo 0,8-,9 °C a secolo con incrementi di flusso magnetico addirittura minori riscontrati nel 900, significa che la stragrande maggioranza del riscaldamento del 900 è dovuta alla forzante solare indiretta, non tutta, il resto è dovuto all'uomo, Quant'è la quota dovuta all'uomo? non può che essere la differenza, e non può che essere molto meno di quello stimato finora perché la forzante ( algebrica cioè la differenza tra i riscaldanti e i raffreddanti) non può superare 1,5 w/mq , quindi non si può avere il CO2 stimato dall'IPCC in 1,6wmq in base al clima si sensibilità, che però a seconda degli autori peer review varia da 0,3° C a 3°C, e un valore di una forzante solare indiretta di 1,1 wmq ( vedi un bicchiere di sole) perché la somma darebbe 1,1 wmq in più rispetto ad ora che significherebbe un riscaldamento con un rateo quasi doppio di quello registrato. una forzante riscaldante esclude l'altra una delle due è clamorosamente sbagliata. la T segue il flusso magnetico solare e cala al diminuire del flusso come sempre successo e come di fatto è successo negli anni 50, e aumenta quadno il flusso aumenta vedi picchi a fine 2000, quindi io non ho dubbi che quella clamorosamente sbagliata sia quella sul CO2 perché da sola non spiega nessuna variazione climatica del passato mentre la forzante solare indiretta le spiega tutte.sei intelligente,(non sono ironico) hai i link, hai i commenti e le spiegazioni, se non vuoi capire è un problema tuo. Con Pasini ho discusso centinai di volte, arrivati al punto dlel aforzante indiretta diventa vago si limita a dire: ci sono forzanti naturali e antropiche .Il primo nucleo dell'IPCC fu finanziato con un milione di sterline dalla Thatcher che voleva sostituire le centrali a carbone con quelle nucleari per via degli scioperi dei minatori Margaret Thatcher: Godmother of 'global warming'? – Telegraph Blogs Huoghton (il primo direttore IPCC) Watts Pachauri Hansen Trenberth ecc cioè i pochissimi che comandano o hanno comandato l'IPCC sono tutti fanatici pronucleari. Lo scopo politico dell'IPCC ( per me) era ed è costringere i paesi occidentali che hanno i mezzi a investire nel nuke e/o in energie alternative per permettere lo sviluppo dei paesi emergenti cina india indonesia brasile ecc attraverso l'uso delle fonti fossili (carbone in primis) di molto più economici. Di fatto la produzione industriale pesante si sta spostando dove non hanno limiti alle emissioni e dove non li avranno mai. Non può essere la mitigazione climatica lo scopo dell'IPCC perché Kyoto mitiga nulla e lo sanno tutti, e senza cina e india la mitigazione diventa una barzelletta. Infine c'è la questione consumi di carne che stanno aumentando e che preoccupano la fao quindi l'onu quindi l'ipcc.
    Ultima modifica di clayco; 10-10-2013 a 10:39

  14. #214
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da clayco Visualizza il messaggio
    hai i commenti e le spiegazioni, se non vuoi capire è un problema tuo. Con Pasini ho discusso centinai di volte, arrivati al punto dlel aforzante indiretta diventa vago ...
    Che sia un problema mio non lo metto in dubbio. Anche perchè volutamente mi guardo bene dal dibattere delle cose che scrivi e di cui non posso che farmi un'opinione mediata, non avendo alcuna competenza.
    Come tutti o quasi in questi campi sono costretto a riporre fiducia in chi è definito come competente. Quindi, preso atto che non mi pare di leggere tutto sto consenso sulle tue ipotesi che, a quanto mi dici, dovrebbero essere così lapalissianamente chiare a tutti e che, immagino, se fossero così placidamente comprovate da semplici riflessioni e dal famoso articolo che multilinki penso sarebbero accettate e sbattute in faccia a IPCC e colleghi da buona parte del mondo scientifico, non vedo ancora motivi per cui dovrei unirmi alla schiera dei credenti (parlando di ambedue le schiere eh!)
    In realtà non mi pare che le contro-obiezioni che leggo dal sig. Pasini siano così "vaghe". E' una tua opinione, rispettabile come tutte. immagino che Pasini non le definirebbe così! Non sono in grado nè ambisco a fungere da suo difensore d'ufficio, ma ripeto che sono anch'io convinto che questa sia una spirale che non porterà da nessuna parte.
    Tengo solo a precisare che esco da questo scambio con la stessa convinzione nella mia massima (possibile a un normale essere umano) acriticità e non-pregiudizialità che continua a suggerirmi che non siano state presentate nè prove nè indizi di una possibile "innocuità" della modifica rapidissima e importante di una potenziale forzante climatica come la CO2.
    Diciamo che se fossimo a un congresso medico e dovessi fare da moderatore tirando le somme sulla presentazione di un'ipotesi dichiarata come lampante dal relatore, ma poco condivisa dalla platea, me la caverei dicendo che "si tratta di un argomento con buone potenzialità di sviluppo sulla carta, ma che necessita di ulteriore approfondimento e studi a medio-lungo termine per poterne dare un giudizio fondato e siamo sicuri che il relatore non mancherà di presentarci le conclusioni nel momento in cui arriveranno al livello richiesto dalla prassi scientifica corrente."

  15. #215
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    per capire i problemi, non serve essere "esperti del settore" ma basta essere intelligenti..ecco che gli apprendisti stregoni su di voi nn possono fare nulla per convincervi..

    l'analisi di Uriel, come al suo solito è impeccabile..penso che in questo articolo c'è tutto..ma tutto da chiudere il cerchio e azzerare qualsiasi tipo di dibattito in proposito..c'è solo da riflettere.. riflettere..molto..

    KEIN PFUSCH®: Il problema che si vuole nascondere.

  16. #216
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Alla fine il problema reale è antropico, al di là del riscaldamento globale 7 miliardi di persone sono troppe..... anche facendoli andare in bicicletta

  17. #217
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da mac-giver Visualizza il messaggio
    l'analisi di Uriel, come al suo solito è impeccabile..penso che in questo articolo c'è tutto..ma tutto da chiudere il cerchio e azzerare qualsiasi tipo di dibattito in proposito..c'è solo da riflettere.. riflettere..molto..

    KEIN PFUSCH®: Il problema che si vuole nascondere.
    Uriel è un grande, e gli italiani non si rendono conto di essere in sovvranumero, però importiamo il 70% del nostro fabbisogno in prodotti agricoli che non sono solo quelli alimentari ma che comprendono legnami carta tessili e haimè la follia delle bioenergie Senza le importazioni (dalle americhe) già adesso moriremmo di fame, in Italia, non in Africa
    Ultima modifica di clayco; 13-10-2013 a 10:30

  18. #218
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    clayco non è una cosa nuova, Braudel calcolò che nell'unico momento " autarchico" , quello che citi sempre del caldo medioevale, la popolazione totale della penisola si ridusse a meno di 8.000.000 di individui . Buona parte di questi erano sottoalimentati, osserva le dimensioni delle armature.
    Durante le epoche imperiali l'Italia, sino allo spostamento della capitale a Bisanzio, fu interessata dal più grande flusso di derrate alimentari proveniente dal nord Africa e dalla Spagna mai verificatosi prima.
    Questo non è un paese da prendere ad esempio, appena può entra in squilibrio demografico per motivazioni diverse

  19. #219
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Lo strano caso dell’effetto serra - Corriere.it mi piacerebbe segnare tutti quelli che saliranno sul carro dei vincitori ( per chi ancora non l'avesse capito i vincitori sono gli scettici) al primo posto metto il corriere che ci ha ammorbato per 20 anni sulle catastrofi antropogeniche tanto che il ferruccio si era inventato green 7 intriso di scemenze climacatastrofiste per tenersi buoni quelli di climalteranti che lo avevano rampognato per essere reo di aver pubblicato il climascettico Visconti. Ecco quello che ha dimenticato il pur buono Taino è che i primi due report IPCC predicavano 6° in più entro il 2100, mentre sono solo 1,5° cioè una barzelletta climatica e il Taino s'è scordato pure i 6 mt di aumento dei livelli dei mari vaccata che fruttò il premio nobel ad al gore(previsti in realtà 0,6 mt cioè 10 volte meno) . Ebbene leggetevi il Taino che conclude con "E si continua a sollevare il mostro, a dire che esiste una lobby del petrolio che vuole negare il climate change: quando in realtà la lobby vincente è quella e si nutre – denaro, carriere e Nobel – dell’allarmismo di Al Gore" quindi di sicuro sul carro degli scettici non saliranno mai quelli del PD e quelli del gruppo repubblica (repubblica espresso radio deejay radio capital ecc) di proprietà di De Benedetti primo finanziatore del PD nonchè padrone ( con Legambiente al 20%) di Sorgenia leader incontrastato del fv in Italia che sta facendo milioni veri a palate con la mega truffa della mitigazione climatica anche grazie alle centrali a gas a ciclo combinato che ...riducono le emissioni
    Ultima modifica di clayco; 14-10-2013 a 18:23

  20. #220
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Forse non ti accorgi che qui la maggior parte di noi è rabbiosa e incazzata per motivi simili ai tuoi nei confronti degli stessi soggetti che citi. Negli scorsi anni e ancora adesso stanno strumentalizzando una opportunità stravolgendola a loro vantaggio senza riguardo per la realtà e i risultati.
    Non è che per questo tutti dovremmo affermare che è un errore cercare di convertire la produzione di energia verso fonti alternative. L'errore è lasciare che una lobby di gangster che finanziano i partiti politici, facciano deviare le scelte verso i loro interessi in barba alla necessità di ridurre le emissioni e ridurre l'utilizzo di fonti fossili.
    Scaroni, come rappresentante di tutte le compagnie petrolifere, il mese scorso ha affermato con forza in sede europea che l'obiettivo deve essere abbandonare le rinnovabili e promuovere shale gas in tutta Europa per competere con gli Stati Uniti ( dove si fanno rinnovabili a tutto spiano ). Che raccontino balle o meno quelli dell IPCC, la possibilità di ridurre il consumo di fossili esiste, basta volerlo, anche nel campo in cui lavori tu

  21. RAD
Pagina 11 di 32 primaprima 1234567891011121314151617181920212223242531 ... ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Ruolo del campo elettromagnetico nella fusione fredda
    Da BesselKn nel forum REAZIONI NUCLEARI a BASSA ENERGIA (Fusione Fredda)
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 09-01-2012, 10:06
  2. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 07-09-2011, 22:24
  3. Consiglio nella valutazione degli ombreggiamenti e della scelta dei moduli
    Da Logan84 nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 16-07-2010, 06:55
  4. Proroga del termine ultimo della presentazione della richiesta degli incentivi in Conto Energia
    Da nogero nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 26-05-2010, 18:47
  5. Ruolo dell'Idrogeno
    Da ElettroRik nel forum L.E.N.R. (Trasmutazioni Bassa Energia)
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 25-03-2006, 14:22

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •