Mi Piace! Mi Piace!:  1
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 3 di 18 primaprima 1234567891011121314151617 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 41 a 60 su 346

Discussione: Batteria Li-Ion per e-bike costruita con batterie laptop "morte"- 36v - 24ah

  1. #41
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito



    Quote Originariamente inviata da udos3 Visualizza il messaggio
    ISO-Core® "AL" Flux-cored soft solder wire for soldering of aluminium and aluminium based alloys according to DIN EN 29454.1, 2.1.2.C.

    Dovrebbe essere questo:

    http://www.ebay.ca/itm/270988264002?ssPageName=STRK:MEWAX:IT&_trksid=p398 4.m1423.l2649#ht_500wt_1202

    Bici elettrica MKIII : qui.

    E-bike / li-ion batteries / electronics / etc. : jacopo.tk


  2. #42
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Vorrei tornare un po' "all'inizio".
    Per evitare di risaldare troppo, leggendo i vostri tutorial mi par di capire che la cosa più semplice sia:
    - spacchettare fino a ottenere 1S2P, ovvero due celle alla volta
    - caricarle e vedere se rimangono tali
    - farsi un parallelo fin dove serve in formato 1SnP (1S5P ad esempio che con celle da 2,8Ah arrivano a un buon 14Ah)
    - provare a scaricare almeno a 1C (e su questo vi chiederò aiuto quando mi arriverà il charger, in modo da sapere che procedura seguire. Immagino che bisogna attaccarci il charger e poi stare lì a vedere che valori segna in che tempi ecc. visto che invece Spuzzete lo sta facendo con le lampadine)
    Dopo di che si è pronti per costruire le serie che servono per il pacco completo.
    E' corretto ?

  3. #43
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da casty Visualizza il messaggio
    - spacchettare fino a ottenere 1S2P, ovvero due celle alla volta
    NO, lasci le cose esattamente come sono quando spacchetti. Poi fai una carica bilanciata ad 1A. Se la carica non parte, leggi il mio primo post dove spiego come usare il programma Ni-Mh per far salire la tensione sopra i 3 v per cella. Ovviamente in questo caso carichi la cella che è sotto i 3.0volt, senza tagliare/separarla dalle altre celle.
    In questo modo risparmi un bel po' di tempo.

    - caricarle e vedere se rimangono tali
    Si, aspetta almeno 24 ore. 48 ore è meglio.

    Scarta (le tieni come seconda scelta) le celle che sono scese di 0,1-0,2 volt rispetto al voltaggio di carica finale. Quelle che hanno perso piu di 0,2v mettile a parte per il riciclo.

    Qui è obbligatorio fare una prima scarica per vedere se le batterie "reggono" il carico. Come diceva anche Shardanaelettronica ci sono celle che passano il primo test di 24/48 ore ma poi una volta sotto scarica scopri che sono da scartare.
    La scarica andrebbe fatta ad 1C o poco meno, così vedi la capacità reale delle celle.

    Ora che hai scaricato fai una ricarica bilanciata. Questo è importantissimo per la fase successiva.


    - farsi un parallelo fin dove serve in formato 1SnP (1S5P ad esempio che con celle da 2,8Ah arrivano a un buon 14Ah)
    Ora puoi fare il parallelo o i paralleli. E' importante che le celle siano tutte cariche allo stesso livello. La differenza massima tra le celle che paralleli deve essere massimo 0,2v. Questo ti evita di danneggiare le celle come citava anche Shardanaelettronica. Facendo in questo modo inoltre avrai meno problemi quando il pacco batterie sarà pronto.


    - provare a scaricare almeno a 1C (e su questo vi chiederò aiuto quando mi arriverà il charger, in modo da sapere che procedura seguire. Immagino che bisogna attaccarci il charger e poi stare lì a vedere che valori segna in che tempi ecc. visto che invece Spuzzete lo sta facendo con le lampadine)
    Dopo di che si è pronti per costruire le serie che servono per il pacco completo.
    E' corretto ?
    Ora che hai i paralleli li puoi collegare in serie. Io in questa fase ho fatto un pacco con 3s12p (il tuo sarà 3sNp, dipende da te) così hai circa 12v e puoi scaricare usando una lampadina alogena da 12v. Il "carico" ovvero quanti W vai ad usare dipende un po' dalla capacità del pacco bat. Io ho cercato di mantenermi su condizioni reali, visto che in media uso 300-500W a 36v, quindi a 12v ho usato un "carico" di 150W (ovvero circa 500/3).

    Ricordati che devi stare al di sotto di 1C quando scarichi (scarica continua, 2C max per pochi secondi) quindi ad esempio se usi 500w costanti consiglio di costruire un pacco batteria di almeno 650Wh nominali. Il mio pacco batteria è di 864Wh nominali.

    Questa scarica ti dà un'idea di quando è "buona" la batteria. Se hai fatto tutto correttamente non avrai problemi, mentre se c'è qualcosa che non va lo vedi subito dopo qualche minuto.

    Miraccomando sii prudente e non avere fretta, specialmente quando paralleli le celle e quando fai le serie.

    Tienici aggiornati e se hai altri dubbi non esitare a chiedere.


    Spero di essere stato chiaro, perdonatemi se ho scritto qualche castroneria in Italiano, del resto ormai lo uso pochissimo.
    Bici elettrica MKIII : qui.

    E-bike / li-ion batteries / electronics / etc. : jacopo.tk


  4. #44
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ma per fare il passo 1 (caricare bilanciando con il pacchettino completo 3S2P) devo attaccarci i fili del bilanciamento (che però forse ci sono già) e un JST per collegarlo all'ingresso del charger
    Posso usare un JST da 7S con attaccati solo i due fili di bilanciamento più i poli +/- o ci vuole un JST apposta ?

  5. #45
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Ragazzi la vostra situazione è meno complessa di come potrebbe apparire in prima analisi però vi prego di non demordere. Riscontro che siete tutti molto preparati tranne al fatto che mettiate in conto che qualche malintenzionato vi rubi la bicicletta elettrica per darla ad un ricettatore in cambio d'una dose di droga. A voi è costata molto anche in esperienze che state, generosamente, apportando in questa stanza all'insegna della biocompatibilità, ai ladri di biciclette non costa niente tranciare il cavo d'acciaio con lucchetto per portarvi via la bicicletta, basta una tronchese da carpenteria. Purtroppo, tu che sei la vittima e denunci il furto a Carabinieri, Polizia o Vigili Urbani, non avrai soddisfazione quando vien trovato l'autore del furto perchè costui all'indomani dell'arresto flagrante verrà messo in libertà condizionale dai giudici e ruberà altrettante biciclette elettriche se non meglio di prima. Lasciatevelo dire da me che è in pratica il mio mestiere principale e conosco bene i tribunali e i giudici. A perdere son solo le vittime dell'abuso e del sopruso mai i criminali che vi provocano un danno non solo materiale ma esistenziale e, non pagano niente perchè son nullatenenti e non vi risarcisce nemmeno lo Stato. In conclusione dovete aggiungere le spese processuali e l'onere dell'avvoccato oltre alla beffa di aver perso il vostro gioiellino più caro la vostra bicicletta elettrica costata anche qualche lacrima per l'affezione e magari un mutuo per l'acquisto che state ancora pagando.Ciò che non funziona nel nostro ordinamento è la giustizia. Pretori e magistratini d'assalto provenienti da tutta Italia assetati di notorietà per cui i ladri di macchine e motociclette che costituiscono reato rimangono reati impuniti per volontà di questi gaglioffetti di giudici più interessati al loro narcisismo carrieristico che al rispetto delle leggi vigenti. Per questa gente noi abbiamo in Italia tante famiglie che reclamano giustizia non massima ma minima da giudici saggi. Per dirvela in breve ragazzi, è più opportuno per loro occuparsi delle relazioni vere o presunte dei festini di Berlusconi di cui s'e occupata tanta stampa esagerata, per far cadere in discredito un uomo in andropausa seppur esuberante presidente del Consiglio dei Ministri? Chiedo a voi persone sagge se la magistratura non debba prioritariamente occuparsi di voi che avete subito un danno grandioso piuttosto delle scopate presunte fra Ruby e Berlusconi. Spero vi interessi più la vostra bicicletta rubata per una dose di droga. In caso contrario siete voi stessi, simili a chi vi ha rubato la bicicletta.
    Denoto che io parlo da un pulpito pratico di onestà e del saper vivere col rispetto massimo di chi ruba biciclette per il proprio sostentamento discernendo dal gaglioffetto che ruba per farsi la sua dose a cui sparerei una cartuccia di lardo salato in piena faccia senza ucciderlo, si ricorderà per quanto campa del segnale indelebile che avrò lasciato sul suo bel viso di ladro anche occasionale ma sempre ladro. Il Sardo è notoriamente tonto ma pensa bene. Carica la doppietta con polvere da sparo e lardo salato che non uccide ma, lascia la persona segnalata a vita per cicatrici indelebili e mai guaribili, si vede a distanza di 100 anni che eri un ladro magari rientrato nei canoni del giusto vivere, però il segnale rimane e nessuno ti darà più fiducia anche se sei diventato una brava persona. Noi Sardi spariamo in genere col lardo salato, alcuni sparano direttamente a pallettoni per uccidere. Noi nella nostra zona non spariamo per uccidere, spariamo per lasciare un segnale indelebile. Scusatemi per aver lasciato un mio fuori onda ma son veramente inkazzato con chi ruba le biciclette indiscriminatamente. E non trovo opportuno le lievi pene inflitte ai malfattori. o carcere duro o pena di morte, credo poco nella redenzione dei pendagli da forca son per l'abbattimento istantaneo senza processi o lungaggini giuridiche. Chi violenta la vostra proprietà privata deve essere abbattuto prima che deturpa la proprietà di altri. Kind regards.

  6. #46
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da casty Visualizza il messaggio
    Posso usare un JST da 7S con attaccati solo i due fili di bilanciamento più i poli +/- o ci vuole un JST apposta ?
    Puoi usare il JST da 7s, ovviamente entrerà solo nella porta da 7s ma ti rileverà solo le 3 celle senza darti problemi. Fai attenzione alle polarità. Usa dei "coccodrilli" (spero sia la traduzione corretta in italiano) meglio se isolati (plastica sulle pinze) ad esempio questi 1 1/4" MINI TEST/HOOK-UP CLIPS | Clips | Ratings & Reviews | TheSource.ca così passi rapidamente da un pacco batterie all'altro.
    Bici elettrica MKIII : qui.

    E-bike / li-ion batteries / electronics / etc. : jacopo.tk


  7. #47
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Spuzzete Visualizza il messaggio
    ...Usa dei "coccodrilli" (spero sia la traduzione corretta in italiano) .....
    Si la traduzione è giusta..... Non preoccuparti, non è affatto male il tuo italiano scritto!
    - AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2018 -
    Per il foglio di calcolo con costi e confronti delle tariffe elettriche nel mercato tutelato: http://www.energeticambiente.it/in-c...#post119803941

  8. #48
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ok grazie
    Infatti pensavo anch'io ai coccodrilli.
    Sono entrato in contatto con una ditta che tra le altre cose ritira le batterie dei portatili per avviarle alla discarica. Mi hanno detto che loro alcune le danno ad una ditta specializzata che (non si sa con quale procedimento) le testa e le rivitalizza (avranno trovato il trucco per ovviare alla eeprom a tempo ?).
    Poi mi hanno detto che ne hanno là una vagonata e mi basta andarci e scegliere quelle che mi servono.
    Punto a trovare quelle con dentro le Panasonic da 2,9Ah almeno con pochi paralleli mi faccio una batteria bella capiente. Per la cronaca erano dentro una batteria di un Acer, la AS09D56 (che però ho visto in giro, se non originale, addirittura può avere dentro delle celle da 2,2Ah....insomma ci buttano dentro di tutto un po')

  9. #49
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Scusatemi tanto per la mia riflessione fuori tema ma attinente ai prolegomeni della batracomomiochiomachia leopardiana guerre fra topi e rane fra cicale e formiche fra ricchi e poveri fra furbi e meno furbi, fra onesti e disonesti ho voluto solo dedicare un'appunto alla circostanza intollerabile dei ladri di biciclette, Stop non mi pronuncio più in merito avete capito bene la mia indignazione.
    Casty voglio sottolinearti amico mio che puoi recuperare quintali di batterie al litio o Ni-MH o peggio NI-CD. Ognuna di queste batterie di recupero ha una sua storia che protrete analizzare con uno strumento che costa anche poco rispetto ai benefici utilitaristici che garantisce. Si chiama pressapoco "Battery charger analisys". Vi dissi in un precedente post che nessuno ha preso in considerazione che non si possono collegare batterie uguali o diverse in parallelo poichè la batteria più carica fra le due andrebbe a riversare la sua potenza amperometrica oltre che sull'utilizzatore anche sulla batteria più debole; verrebbe quindi a vanificarsi questo collegamento parallelo che assorbe energia che altrimenti verrebbe tutta utilizzata dal carico in questione che nel nostro caso è un motore elettrico. Ecco la necessità di conoscere la storia della singola batteria. Non potete collegare una batteria carica in parallelo ad una scarica che assorbirebbe solo corrnte senza rendervi niente. vi ho suggerito, con ricchezza di informazione e parametri l'utilizzo di ogni singola batteria "Stand alone" ogni batteria apporta il suo stato di energia ad un'ammasso di energia accumulata da un singolo caricatore. UNa batteria dà 100, l'altra 90 un'altra 35 un'altra niente però son ad isola la batteria che dà 100 è indipendente da quella che dà 90 o 35 o zero. L'insieme costituisce la somma degli amper sfruttabili dal vostro utilizzatore senza compromissione per le batterie più fedeli. Ora un'altra chicca vi dò che rimanga in Italia a vostro uso e consumo. Perfetto mi fido di voi. Le batterie di recupero siano esse NI-Li,NI-MH.
    NI-CD se non funzionano più o non tengono la carica sarebbero da eliminare secondo una vecchia congettura. Analizziamo prima di disperdere nell'ambiente sostanze tossiche. I fattori principali sono 2 e non cento quindi ci rende più facile il compito di recupero. Ecco i fattori principali: "S'è asciugato totalmente l'elettrolita acidificato, 2° s'è ossidato uno o entrambi i poli". Procediamo al ripristino 36 ore al massimo. Una bacinella di plastica italiana Moplen due cucchiaini di EDTA ed acqua demineralizzata. Le vostre batterie un volta ripescate
    e doverosamente asciugate con qualche ora di sole anche, son efficienti al 100% energia a marchio di fabbrica garantito da uno stupido come me che ho come amici un certo sig. Lorenz scienziato leccese che detta legge al marchio giapponese Nissan ed oggi ed anche domani ai marchi Fiat e Magneti Marelli. Io e Lorenz siamo fratelli non di sangue ma di intendimento e di comuni passioni. Lorenz ha dato tanto a queste stanze di energeticambiente e non entrerà mai più in queste stanze prima di tutto perchè non ama polemiche di alcun genere. E' stata messa in discussione persino la sua laurea in ingegneria che posso confermare è un'ingegnere meccanico ed elettronico coi sacrifici della mamma e del papà come lui stesso riconosce. Mio genero che è solo un'avvocato quindi dedito ad altri studi ha assistito
    in diretta ad una trasmissine verbale e visiva fra me e Lorenz. Rimase impressionato per la profusione di strumenti analogici e digitali del suo laboratorio di Torino. Mio genero mi disse solo adesso capisco le fonti da cui ti abbeveri anche miei nipotini hanno apprezzato molto la beltà dell'uomo tant'e che Andrea il grande 8 anni mi chiese:"nonno posso diventare anch'io nipotino di zio Lorenzo e cuginetto di Karol?"
    Come no, risposta affermativa. In un giorno in poche ore ci siamo visti negli occhi io e Lorenz gli uomini più belli ed intelligenti di questo mondo senza niente togliere agli altri che son equamente intelligenti e belli. Regards.

  10. #50
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Appena torno dalle vacanze provo a mettere nel congelatore una batteria di un vecchio portatile e vedo se si rivitalizza anche lei..... in internet ci sono varie notizie di questo tipo; provare non mi costa nulla.
    Casty, tu hai gia provato a congelare pacchi, però non li avevi prima usati nel loro computer, vero?
    - AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2018 -
    Per il foglio di calcolo con costi e confronti delle tariffe elettriche nel mercato tutelato: http://www.energeticambiente.it/in-c...#post119803941

  11. #51
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Io per ora li ho solo congelati e scongelati, ma non ho avuto modo di provarli prima nei pc, quindi non so com'erano messi.

  12. #52
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Il litio è per sua stessa natura un metallo non inquinante anzi nell'organismo umano svolge funzioni alcalinizzanti e depuranti e diuretiche come il manganese il germanio e l'edta per cui riporre in congelatore una batteria di tal fatta non dovrebbe comportare di per se rischio di inquinamento dei cibi venuti a contatto con batterie di tal fatta. Ma siamo perfettamente sicuri che vi sia litio puro senza miscele di metalli pesanti? Sarebbe buona norma avvolgergle in cellophan prima di congelarle nel freezer assieme alle vivande ne andrebbe a vantaggio della vostra sicurezza a breve ed a lunga scadenza. Parlando di Litio con uno scienziato del forum un certo Quantum Leap che conoscerete, mi comunicò che il Litio è capace di caricarsi di piroelettricità per cui può prender fuoco a contatto con l'acqua e l'unico metodo per spegnere il fuoco è versare sabbia e non acqua che foraggerebbe di più il fuoco. State attenti a queste minuzie che posson far la differenza. Best regards.

  13. #53
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Da un po che non entro e mi sto perdendo il meglio!!!
    @carest: in questo forum qualcuno è riuscito a resettare le eeprom: Battery EEPROM Works • View topic - Frequently Asked Questions (FAQ)

    @casty, quel cavetto nero è il sensore di temperatura, abbassa la sua resistenza man mano che incrementa la temperatura, e la eeprom si tiene anche un registro delle temperature raggiunte dalle celle.

    Bellisime le rifflessioni di shardana!
    e comunque le celle li-ion hanno dei componenti altamente tossici, nel freezer si devono mettere ben isolate dagli alimenti!

  14. #54
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    @ garchofa: grazie per il link, anche se quel forum è troppo complicato per me e avrei bisogno di una "traduzione" più terra terra.
    - AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2018 -
    Per il foglio di calcolo con costi e confronti delle tariffe elettriche nel mercato tutelato: http://www.energeticambiente.it/in-c...#post119803941

  15. #55
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Io sinceramente non l'ho letto tutto, più che altro perchè non ho avuto necessita di fare quella procedura ma ho capito che si utilizza un atrezzo, con un software che riesce a leggere le eeprom è resettarle, le eeprom sono di diversi tipi e c'è anche qualche fabbricante di batterie che si è datto da fare per cancellare il modello dell'eeprom:
    CIMG0635.jpg

  16. #56
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Per "isolarle bene dagli alimenti" nel freezer che ci avete messo ?
    La scatola di plastica che le contiene non fa già da isolante (se si mettono prima di aprirle) ?

  17. #57
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito io

    Io le messo intere ma dentro a 2 sacchetti di plastica altre volte dentro ad un contenitore in plastica.

  18. #58
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie. Porca l'oca il progetto di recupero è ancora in alto mare. Intanto è arrivato il Turnigy con 11€ aggiuntivi di dogana...ma pur sempre meno che comprarlo in Europa.
    Purtroppo però ho la batt al piombo della bici che ormai è quasi defunta, vado con un filo di gas e continua a singhiozzare per il cut off dopo 4-5Km ormai...aaaargh...

  19. #59
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Se fossi stato esperto di PC vi avrei mandato uno schemino di desolforatore per batterie al piombo semplicissimo da realizzare con una basetta millefori in cui l'unico componente attivo è un NE555 quindi un componente analogico a me poco simpatico ma, funzionale e facilmente reperibile a basso costo. Rimane il problema che per inviare questo schema il mio PC ora impiega un lasso di tempo di alcune ore inconciliabili col tempo che ho a disposizione. Prima di formattarlo impiegavo al massimo 10 minuti a comunicare un'immagine o una foto ora, non riesco a capire ma sopprattutto non ho necessità nè voglia di capire il funzionamento del PC stessa cosa per i cellulari son negato decisamente per certi tipi di software od hardware non mi interessano e non ho tempo di dedizione. Sarei potuto venirvi incontro per il reset delle eprom però non tutte si prestano a resettazione. Ecco un punto mio di forza programmare microprocessori, oggi con Arduino anche un analfabeta può programmare o clonare una eprom vi rimando all'acquisto di qualche libro tecnico di Sandit. Regards.

  20. #60
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito Update & considerazioni

    Ciao a tutti,

    voglio innanzitutto ringraziare chi legge e chi risponde a questa discussione, mai e poi mai mi sarei aspettato un tale successo: ad oggi oltre 4500 visite!

    Per quanto riguarda mettere le batterie nel freezer prima di aprirle, io ho lasciato perdere. Le ho aperte a temperatura ambiente ed alcune (2 sul totale) hanno perso elettrolita (!). Io ho deciso di non rischiare di contaminare il cibo.

    Intanto ho ricevuto un po' di materiale, tra cui i famosi cell-log 8S, da cui posso estrapolare i dati su pc, e connettori vari. Ho potuto così migliorare la batteria, sia come connessioni che come ingombro.
    Ho collegato 2 cavetti jst così posso monitorare coi cell log la carica bilanciata che effettuo con l'iMax B6 (che non è precisissimo).

    img_0243.jpg img_0245.jpg

    Ho avuto problemi con il fusibile invece. Mi sono fatto prendere dall'entusiasmo ed ho comprato un portafusibile "da auto" con fili 14 AWG con connessioni di bassa qualità. Infatti le connessioni si scaldavano ed hanno fuso le plastiche (vedere foto), lasciando il fusibile intatto. Una situazione pericolosa, infatti ho deciso di rimuovere il tutto e di usare la batteria senza fusibile. Ho ordinato un fusibile e portafusibile migliore online, lo testerò quando arriva.

    img_0246.jpg img_0247.jpg img_0249.jpg

    La differenza tra avere il fusibile o meno si è notata subito! Sembrava di guidare un'altra bici. Ovviamente il fusibile generava "resistenza" al passaggio di corrente (ed infatti la plastica si è fusa) influenzando la preformance della bici.
    Inoltre la batteria si è scaricata in maniera non uniforme, lasciando 3 celle sbilanciate (0.3v di differenza rispetto alle altre), cosa mai successa prima. Quindi se avete un fusibile sulla batteria..tenetelo d'occhio!
    Bici elettrica MKIII : qui.

    E-bike / li-ion batteries / electronics / etc. : jacopo.tk


  21. RAD
Pagina 3 di 18 primaprima 1234567891011121314151617 ... ultimoultimo

Discussioni simili

  1. stalla costruita in c.a. può essere considerata "edificio"?
    Da lucabos nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 27-07-2011, 11:03
  2. Interpretazione autentica """data di completamento della connessione"""
    Da luciexpo nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 03-05-2011, 08:24
  3. Scooter elettrico: informazioni su batterie e modifica FAAM Roller "litio"
    Da nel forum Categoria L1 (ciclomotori elettrici)
    Risposte: 271
    Ultimo messaggio: 05-10-2010, 18:47
  4. Ma "quanto" è carica una batteria?
    Da accademia77 nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 01-03-2009, 09:19

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •