templari energie rinnovabili
Mi Piace! Mi Piace!:  24
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  3
Pagina 1 di 32 12345678910111213141521 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 631

Discussione: Conversione impianto: caldaia condensazione GPL > PdC

  1. #1
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito Conversione impianto: caldaia condensazione GPL > PdC



    Buongiorno a tutti, chiedo cortesemente i vostri consigli. Sono alla ricerca della migliore soluzione per migliorare l'impianto di riscaldamento di casa e penso che questo forum sia il posto giusto.
    Poichè il problema mi sembra abbia molte sfaccettature ci tengo ad affrontarle tutte per cui inizierò magari a descrivere la situazione e gli obiettivi arricchendo la discussione man mano. Grazie.

    In primis mi interessa quantificare il risparmio a regime che potrei avere a lavori finiti. Inizio con il dire che da pochi mesi ho installato il FV per cui dovremmo stare tranquilli sulla bontà dell'operazione PdC ma preferisco avere dei numeri sensati che confermino l'impressione.

    Casa: singola, libera su 4 lati: piano interrato, piano terra, mansarda. Zona climatica E (provincia di Biella).

    Generatore attuale: caldaia a condensazione Baxi Luna 3 Comfort HT 1280 alimentata a GPL. Il metano non arriva fino a casa mia e mi hanno stimato a grandi linee 15k di allaccio. Non so di preciso l'età della caldaia, potrebbe avere circa 7 anni ma per i primi 4 è stata usata poco.

    Per quasi tutta la scorsa stagione ho misurato il consumo giornaliero di GPL. Il totale annuale è di 840mc, il dettaglio lo vediamo tra poco. Prenderei come riferimento 800mc per il riscaldamento invernale, lasciando 40mc per fornelli ed eventuale ACS estiva (ho comunque 2 pannelli solari collegati al bollitore). In 3 stagioni il prezzo medio del mc è stato di 3,62E ivati perciò siamo a 2896 Euro / anno.

    Come valori delle temperature mi sono basato su alcune stazioni meteo private che ho trovato nei Comuni limitrofi (meteonetwork) e che ho triangolato. Le medie mensili storiche le ho ricavate dal sito dell'Arpa Piemonte per la stazione di Biella. Ho calcolato le medie giornaliere di Biella e confrontate con quelle di casa mia ho stimato un delta da applicare alle medie mensili. Il risultato:

    Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Anno
    gg 31 28 31 30 31 30 31 31 30 31 30 31 365
    T media 2,22 3,66 8,05 11,88 15,66 20,03 22,57 21,55 17,55 12,06 7,37 2,62
    GG 551,18 457,52 370,5533 243,6 134,54 0 0 0 73,6 246,14 378,9231 538,78 2994,836
    Kwh 4061,77 3371,56 2730,69 1795,14 991,45 0,00 0,00 0,00 542,37 1813,86 2792,37 3970,39 22069,60

    Ho ottenuto un valore di GG superiore a quello standard per il mio Comune pari a 2691, ma penso sia più veritiero.
    I Kwh sono la distribuzione del consumo annuale sui vari mesi. Da qui parte la simulazione. Ci siete ancora?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  2. #2
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    A questo punto mi son scritto una procedurina per calcolare per interpolazione, partendo dalle tabelle delle prestazioni delle PdC, il rendimento come Potenza e COP e di conseguenza il consumo attesa e il costo annuo in elettricità.

    Per ora ho inserito i dati della BAXI PBS-i 11 MR/TR. Ho usato una Tmandata fissa mensile per semplicità. Il tutto qui di seguito.

    Mese T Aria T Acqua Kwh Orari Regime COP Kwh Mensile Kwh Elettricita E. Elettricita
    Gennaio 2,2200 55,0000 5,4598 31,0000 2,1458 4062,0864 1893,0480 312,3529
    Febbraio 3,6600 50,0000 5,0176 29,0000 2,6449 3371,8309 1274,8298 210,3469
    Marzo 8,0500 45,0000 3,6695 25,0000 3,3573 2730,1424 813,1958 134,1773
    Aprile 11,8800 45,0000 2,4934 25,0000 3,4569 1795,2833 519,3363 85,6905
    Maggio 15,6600 40,0000 1,3327 25,0000 4,6690 991,5329 212,3652 35,0403
    Giugno 20,0300 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000 0,0000
    Luglio 22,5700 0,0000 0,0000
    Agosto 21,5500 0,0000 0,0000
    Settembre 17,5500 40,0000 0,7523 25,0000 4,9525 541,6803 109,3751 18,0469
    Ottobre 12,0600 45,0000 2,4382 25,0000 3,4652 1814,0026 523,4915 86,3761
    Novembre 7,3700 45,0000 3,8784 25,0000 3,3396 2792,4172 836,1482 137,9645
    Dicembre 2,6200 50,0000 5,3370 31,0000 2,5327 3970,7008 1567,7883 258,6851

    Che ne dite? A prescindere dalla PdC specifica mi interessa che tutto il ragionamento fili e che sia condivisibile. Mi manca una ipotesi sul contributo che il FV può dare.
    Senza questo apporto avrei un consumo annuo di 7749,58 Kwh pari a circa 1278,68 Euro alla tariffa ipotizzata per il 2018 di 0,165 E/Kwh.
    Questo nell'ipotesi che funzioni sempre la PdC e non più la caldaia. Se il sistema fosse ibrido dovrei modificare il calcolo.

    Al post #7 Conversione impianto: caldaia condensazione GPL > PdC ipotizzo un ulteriore contributo al risparmio dato dal FV, pari a circa 224,5 Euro, portando il risparmio complessivo a 1860 Euro /anno
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  3. #3
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    molto banalmente, ma se prendessi le calorie effettive introdotte in casa ( quindi tenedo conto di potere calorifico gpl ed efficienza caldaia) e li dividi per un cop medio di 3 ( per star stretti) e moltiplichi per il costo al kw. trovi la spesa annuale e fai in fretta a fare confronti

  4. #4
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Another,

    quindi hai termosifoni.

    Per me tutto il ragionamento fila e mi sembra anche abbastanza cautelativo considerando le T di mandata fisse.
    Comunque rispetto al GPL non c'è storia in qualsiasi caso il risparmio c'è, anche non avendo FV.


    Ciao simonez,

    diciamo che ha fatto un lavoro migliore, più curato e dettagliato, mese per mese che non prendere il valore annuale e dividerlo per 3

  5. #5
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    @Lore_
    ho 3 zone, spiego meglio in seguito

    mi conforta la prima opinione positiva

    @simonez
    che vuoi, mi piace analizzare meglio le situazioni, fin dove arrivo... questo è stato molto più laborioso ma penso mi permetta di confrontare meglio le varie soluzioni, pdc, ecc.

    cmq ti sembrano corretti ragionamenti?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  6. #6
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    @simonez
    che vuoi, mi piace analizzare meglio le situazioni, fin dove arrivo... questo è stato molto più laborioso ma penso mi permetta di confrontare meglio le varie soluzioni, pdc, ecc.

    cmq ti sembrano corretti ragionamenti?[/QUOTE]

    non era una critica, anzi, ammiro la cura della tua analisi.

    il mio commento era relativo al fatto che con un semplice conteggio avresti avuto già la risposta al tuo quesito andando ora a gpl ( carissimo)!!

  7. #7
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Per quanto riguarda il contributo FV, mi pongo in una ipotesi conservativa di produzione e ipotizzo un autoconsumo di 0,45. Avrei una situazione del genere:

    Consumo attuale 5200 Consumo con PdC 12950
    Autoconsumo 2340 Autoconsumo 2340
    Prelievi 2860 Prelievi 10610
    Produzione 7645 Produzione 7645
    Immissione 5305 Immissione 5305
    SSP 2860 SSP 5305
    Maggiore SSP 2445
    Rimborso Kwh 0,10 €
    Risparmio SSP 244,50 €

    Nel caso peggiore in cui tutto il consumo della PdC sia un potenziale SSP e non autoconsumo ottengo questi dati. Dite che il calcolo finale sia una buona approssimazione del risparmio solo funzione dei Kwh in SSP?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  8. #8
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Another,

    mi sembra tutto corretto, ma sempre con un ottica molto, ma molto conservativa, visto sopratutto la tua produzione reale e considerando nessun autoconsumo con pdc, ma solo in SSP (cosa che direi addirittura poco realistica)

  9. #9
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Lore_ Visualizza il messaggio
    Ciao Another,

    mi sembra tutto corretto, ma sempre con un ottica molto, ma molto conservativa, visto sopratutto la tua produzione reale e considerando nessun autoconsumo con pdc, ma solo in SSP (cosa che direi addirittura poco realistica)
    beh, se ottengo cifre molto invitanti già così posso stare più tranquillo a sborsare i molti eurini che mi costerà la conversione

    in ogni caso nei mesi freddi mi pare che l'autoconsumo non potrà essere molto significativo perchè la produzione sarà molto bassa

    -- somme

    tirando le somme con le ipotesi fatte fino ad ora avrei un costo di esercizio PdC pari a 1278,68 - 244,50 = 1034 Euro / anno contro i 2896 del GPL, quindi -1860 Euro / anno ipotizzando di andare solo a PdC

    -- induzione

    questo valore andrebbe corretto considerando la conversione dei fuochi della cucina da GPL a induzione; io non me ne intendo ma da quanto ho letto in rete sembra che il costo annuo delle 2 soluzioni siano comparabili, soprattutto riuscendo ad autoconsumare qualcosa, quindi non li considero come influenti sul resto
    Ultima modifica di Another; 22-06-2017 a 10:29 Motivo: somme / induzione
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  10. #10
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Si tratta ora di capire se realizzare una configurazione ibrida o pura. Iniziamo a parlare più in dettaglio della casa e dell'impianto attuale.

    --- CASA ---

    Come detto la casa è su 3 piani:
    - piano terra - abitazione: 108,5 mq calpestabili pari a 292,7mc con pavimento radiante (BT)
    - mansarda - studio professionale: 2 locali, disimpegno e bagno per circa 125mc, riscaldati con 2 radiatori e 1 scaldasalviette in acciaio (AT)
    - cantinato - taverna con varie suddivisioni: riscaldati 2 locali per 103 mc con 2 radiatori in acciaio (AT), altri 97,5mc non riscaldati ma dove si potrebbero aggiungere dei radiatori, infine 58mc senza riscaldamento che manterrei più freschi come cantina.

    La casa è zona E, classe C, l'APE e la Legge10 mi sembrano fatte un po' sommariamente. In ogni caso io ho poi coibentato la mansarda aggiungendo ai 7cm di eps presenti, altri 8 cm di lana di legno e cartongesso internamente. In cantina (cemento armato) ho coibentato i 3/4 delle pareti con: intercapedine 2 cm, 5cm eps, cartongesso, sempre internamente.

    Radiatori in acciaio sono Zehnder Charleston e sono stati purtroppo una spesa corposa.

    --- Caldaia ---

    Condensazione alimentata a GPL, modello Baxi Luna 3 Comfort HT 1280, con regolatore climatico AVS77 non utilizzato a dovere. La caldaia va praticamente in manuale, il 1° anno aveva mandata a 60°. Quest'anno l'ho abbassata prima a 55° poi a 45°. Però ho anche acceso di più le zone AT, in sostanza alla fine dell'anno ho consumato circa 100mc di GPL in più. Perciò devo trovare una soluzione che mi abbatta i consumi e possibilmente mi aumenti l'efficienza dell'impianto.

    --- Impianto ---

    La caldaia ha 2 uscite:
    - 1 per la sanitaria che va ad un bollitore Cordivari che riceve anche il contributo dei pannelli solari
    - 1 per il riscaldamento, che viene inviata ai 3 piani nel modo seguente

    per il p.t. al pavimento radiante viene miscelata con il suo ritorno, spinta da una pompa pilotata dal termostato ambiente di casa e limitata da una valvola di sicurezza, partendo in pratica attorno ai 35°

    per i radiatori invece abbiamo la spinta di una pompa più piccola e l'apertura dei circuiti tramite 2 elettrovalvole comandate da altrettanti termostati ambiente 1 per piano

    da quanto ho capito le 2 pompe hanno un consumo altino comparandole con prodotti più recenti, se serve prendo i modelli precisi

    panoramica_impianto.jpg

    -- >> --

    mi aiutate a ottimizzare il tutto? vorrei una modifica che costi poco, sia semplice da regolare e soprattutto efficace ed affidabile
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  11. #11
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Another, far convivere due sistemi, uno ad HT ed uno a BT non è mai ottimale, soprattutto con la condensazione e le pdc..... si tende a perdere le ottimizzazioni presenti nei generatori di nuova generazione (BT gestita da climatica integrata) o a complicare l' impianto con valvolame, centraline specifiche e motori vari per gestire la BT !!!

    Il tuo impianto ha queste caratteristiche e c'è poco da fare, si puo' solo addolcire la pillola!

    Io fare i così:

    1- eliminare il collettore sotto la caldaia e sostituirlo con una valvola a tre vie motorizzata che

    a- manda in HT verso l' accumulo acs ( e quando chiude evita circolazioni parassite dell' acqua caldai dentro l'accumulo)
    b- in BT verso l' impianto

    ovvero

    in BT (a T fissa preimpostata sui 28-35 gradi comunque superiore di 1-2 gradi rispetto a quella della miscelatrice a T fissa verso il pavimento) solo se i due circuiti ad HT non chiedono calore.

    Semplicemente serve un circuito elettrico (un rele') che imbrogli la caldaia/pdc e le faccia credere che deve produrre acs quando i piani con termosifoni chiedono calore, ovvero passa dalla bassa T del riscaldamento alla alta T, sistema già presente in qualsiasi caldaia o pdc moderna.

    Se poi vuoi migliorar ancora potresti "potenziare" i termosifoni della mansarda, in modo da poterla riscaldare facilmente con T di lavoro dell' acqua relativamente basse dato che credo necessiti di poco apporto di calore se il piano sotto è sempre riscaldato ed abitato.
    In questo modo avresti un' altra zona a BT, da poter gestire come sopra!!!

  12. #12
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    scusami, mi sono un po' perso

    tu mi stai consigliando quella modifica indipendentemente dal generatore?
    o mi stai dicendo che posso rimanere a condensazione?

    visto i conti precedenti mi sembrava opportuno passare a generare con pdc

    aggiungo che in mansarda si soffre un po' il caldo in estate e visto che si sta per lavoro stavo pensando se fosse il caso di installare 2 split.. in quel caso avrebbe senso prenderli che possano anche riscaldare? il beneficio rispetto al maggior (immagino) costo ? cioè vale la pena o conviene 1 sola pdc grande? perchè raffrescare con la pdc è più un problema che altro?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  13. #13
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Si intendevo per ottimizzare comunque l' impianto.

    Ottima scelta anche quella di mettere due split per la mansarda (direi che ottieni caldo, fresco e deumidificazione) con ampia scelta di modelli e prodotti, mentre rimane valido il discorso per la parte bassa della casa, chiaramente ancora di piu' se metti pdc.

    Direi pdc proporzionata ai mq senza la mansarda, comunque potresti collegare gli attuali termosifoni e in rinforzo i due split (valuta se metterne uno anche nella zona giorno del primo piano con funzioni di deumidificazione e raffrescamento estivo) ....

  14. #14
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    per la mansarda ho già messo 2 termosifoni abbastanza grandi e almeno nella sala piccola non riesco a ingrandirlo

    diciamo che sostituirli mi farebbe spendere di nuovo cifre ingenti per una tecnologia che non sono sicuro sia efficiente con una pdc

    mettere condizionatori mi aiuterebbe d'estate ma in inverno? non rischio di sovraccaricare l'impianto elettrico? e non sarebbe ridondante?

    comunque scarteresti l'idea di raffrescamento con acqua?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  15. #15
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    .... per raffrescare con acqua (solo pavimenti no termosifoni) comunque devi prevedere un sistema di deumidificazione (termoconvettori a T di lavoro dell' acqua inferiori a quelle dei pavimenti, impianto (tubi e collettori) specifico ....) tanto vale farlo con semplici split, ormai tutti pdc e inverter..... quindi non problemi di picchi di consumi quando sono tutti accesi.

  16. #16
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    quindi il raffreddamento non si può fare con il radiante con poche modifiche, ma dovrei aggiungere un ulteriore impianto per deumidificare?

    se è così in effetti è una complicazione assurda

    una buona coppia di split a regime quanto dovrebbe consumare? sicuramente io d'estate non andrei a 20°, magari se fuori ce ne sono 30 in casa ne posso tenere 26-27
    però d'estate la pdc aria-acqua sarebbe praticamente spenta, anche perchè potrei continuare a usare il solare termico per l'acs e quindi non sovraccarico troppo impianto elettrico
    d'inverno invece se usassi gli split per riscaldare la mansarda li avrei accesi contemporaneamente alla pdc che riscalda il pianto terra e potrebbe essere troppo immagino
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  17. #17
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    .... in futuro potrai sempre aumentare i kw di potenza del contatore enel, o implementare nel impianto elettrico delle protezioni da sovra consumi, ad esempio forzando la pdc a funzionare a bassa potenza, forse anche per le nuove pdc aria aria ...

    Del resto difficile avere la serva ubriaca e la botte piena!

  18. #18
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    scusami rileggendo non ho capito bene alcune cose:
    - raffreddamento potrei farlo con il radiante? mi sembra non con i termi giusto? ma con il radiante così com'è potrei farlo senza incorrere in guai e/o modifiche pesanti/costose?
    - pdc: mi dici di dimensionare in base a solo piano terra, immagino nel caso tenga chiusi i termi in mansarda e usi split per riscaldo.. o in ogni caso?

    per la mansarda, considerando che il locale più piccolo è usato molto meno, potrei magari intervenire solo su quello più grande, dove in effetti mi interessa raffreddare in estate: se sostituissi il termo in acciaio con un ventilconvettore potrei riuscire ad aumentare efficienza di riscaldo e avere anche freddo in estate?
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  19. #19
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Le soluzioni possibili sono diverse, ma andrei cauto a far passare acqua fredda dentro tubi e collettori che girano nei muri senza un sistema di isolamento adatto, la condensa è sempre alle porte!

    Quindi predisporrei per il riscaldamento, dimensionando la pdc per lavorare bene sul pavimento (che immagino sarà il grosso del riscaldamento e dei consumi) senza preoccuparsi piu' di tanto per la mansarda dove potresti utilizzare gli attuali termosifoni, ed integrare ( in fondo se installi gli split in mansarda, di fatto installi un piccolo impianto di riscaldamento, con cronotermostati, gestione delle T e ormai anche dell' umidità, se scegli quelle belle, che fa tutto da se) con una buona pdc aria aria ovvero un vero climatizzatore !!!

    Unico punto debole i kwh di picco necessari nei 10 gg piu' gelidi dell' anno.

    Se necessario adegui il contratto al bisogno, credo un centinaio di euro in tutto.

    In conclusione pdc aria acqua collegata al riscaldamento in climatica e con switch per produrre acs al bisogno.

    Pdc aria aria in mansarda in supporto per il riscaldamento e per il raffrescamento...... e se hai delle porte che portano al piano sotto, in estate basta tenerla aperte e l' aria fresca finisce tutta sotto!... comunque altra pdc aria aria per il primo piano.

    Si sembra tanta robba, ma alla fine ottieni anche il condizionamento della casa, mica solo il riscaldamento!!

    A si ormai tutte le pdc sono regolate da inverter, quindi lavorano continuamente a bassa potenza e se gestisci bene il tutto, avrai pochissimi picchi di consumo tali da superare, immagino, i 6 kw (in realtà sono 6,6 o anche oltre se per poche ore al giorno....) attiali del contattore.

  20. #20
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    cosa intendi 'senza un sistema di isolamento adatto'?

    per la mansarda i tubi che vanno ai termi hanno attorno una sorta di gommapiuma da 5/6 mm ad occhio; dici che non posso usare questi tubi per l'acqua fredda se volessi raffreddare con dei fancoil? se potessi allora avrei 2 alternative per la mansarda:
    1 - installazione di 1/2 split (eventualmente anche solo 1 nel locale più grande, l'altro è proprio usato poco anche se di passaggio)
    2 - sostituzione dei termi acciaio con 2 fancoil

    gli split avrebbero un consumo elettrico molto più grande dei fancoil che invece richiederebbero l'accensione della pdc principale

    chissà quale è la soluzione più efficiente

    se usassi gli split come farei a dirgli di 'integrare'? cioè pilotarli in funzione della T ambiente ma solo se la PdC non ce la fa? perchè cmq quella è probabilmente accesa, tanto vale sfruttarla no?

    sul discorso di quale sia il piano maggiormente riscaldato.. mah io tendo a mantenere in mansarda una T minima non troppo bassa, ovviamente qui abbiamo meno cubatura ma anche meno elementi riscaldanti, poi c'è la taverna che invece mi pare onerosa: alcuni giorni il contatore gas girava solo per scaldare quella, probabilmente ho proprio pochi elementi, ma lì in ogni caso gli split li vedo male (siam sottoterra)

    in genere esteticamente non sono soluzioni che mi piacciano ma ho individuato 1 posto dove potrebbe starci l'unità esterna, spero che lo spazio a disposizione attorno sia sufficiente

    -- deumidifica
    mi pare di capire che i fancoil sono utili per deumidificare ma solo in fase di raffreddamento, è corretto?
    perchè a me farebbe comodo deumidificare in taverna, ma lì ho bisogno solo di riscaldare, in estate sta sui 20-21
    inoltre se deumidificano hanno bisogno immagino di uno scarico condensa.. perciò la loro installazione in retrofit è un pochettino complessa.. :-(
    Ultima modifica di Another; 27-06-2017 a 13:49 Motivo: deumidifica
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m ; PdC = Mitsubishi Zubadan 11,2 VAA ; HYC 500

  21. RAD
Pagina 1 di 32 12345678910111213141521 ... ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Risposte: 207
    Ultimo messaggio: 13-08-2015, 09:47
  2. Caldaia (a condensazione) da installare e impianto problematico
    Da Mak60 nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 21-09-2014, 18:52
  3. Come adattare impianto a nuova caldaia a condensazione
    Da MAX 68 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 31-12-2013, 17:41
  4. Caldaia a condensazione per impianto radiante a pavimento
    Da ronzio nel forum Conversione impianto: caldaia condensazione GPL > PdCSolare TERMODINAMICO
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 18-04-2013, 09:12
  5. Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 27-10-2008, 18:10

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •