templari energie rinnovabili
Mi Piace! Mi Piace!:  14
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  8
Pagina 17 di 17 primaprima ... 34567891011121314151617
Visualizzazione dei risultati da 321 a 336 su 336

Discussione: Come installare Nuos Ariston?

  1. #321
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Quote Originariamente inviata da Elisabetta Meli Visualizza il messaggio
    Concordo con ligabue, meglio la doccia, ma se uno vuole passarsi il 'piacere' di un bel bagno nella vasca, allora non c'è metano che tenga, il piacere si paga .
    Eh già...la vasca costa qualcosa in più da mantenere....ma il relax non ha eguali

    Tornando invece alla nostra PDC...

    Quote Originariamente inviata da Elisabetta Meli Visualizza il messaggio
    Se non funzionasse più la PDC, l'acqua semplicemente la attraverserebbe, quindi a cosa serve ?
    Sarebbe semplicemente di passaggio (fredda) mentre si effettua la manutenzione / sostituzione di un componente elettronico ecc...

    Quote Originariamente inviata da Elisabetta Meli Visualizza il messaggio
    Se si dovesse bucare la PDC il problema maggiore sarà asciugare quei 200L sparsi per il locale e chiudere di corsa il rubinetto di arresto generale, quindi a cosa serve ?
    Guarda...la visione mi pare un tantino catastrofica con un danno del genere non mi porrei nemmeno il problema dell'utilità di una 3 vie...

    Quote Originariamente inviata da Elisabetta Meli Visualizza il messaggio
    A quel punto sarai in ogni caso costretto o quasi a chiamare un'idraulico ma collegare un flessibile di bypass è questione di 10 minuti anche in DIY, quindi a cosa serve ?
    Se la devi smontare, in ogni caso dovrai smontare anche la valvola a tre vie, quindi a cosa serve ?
    in caso di guasti si bypassa la PDC collegando l'ingresso acqua direttamente alla 3 vie, la quale manderà in caldaia....e la PDC se ne va in assistenza

    Quote Originariamente inviata da Elisabetta Meli Visualizza il messaggio
    In merito alla lavastoviglie collegata all'ACS c'è una discussione apposita, cercala.
    Letta, molto interessante! Infatti l'utilità di questo collegamento, sia con PDC che con caldaia è discutibile in molti casi...


    @ligabue82 hai ragione, sono convinto che 260 L abbiano anche più volano termico per fare tutto ciò che serve...e credo non sia detto che i consumi si discostino molto dal tenere in temperatura 200 L

    Comunque posso spezzare una lancia a favore di questa PDC d'estate, perchè è moooolto vantaggiosa per la produzione di ACS.

  2. #322
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    thedesigner non conosco il tuo modello ma mi sembra di capire che non abbia una serpentina aggiuntiva collegabile alla caldaia o ad es. a dei pannelli solari e che possa aiutare a scaldare l'acqua quando più nei hai bisogno,chiaramente dipende da molti fattori e dalle vostre abitudine ma se preferite la vasca hai necessità di più litri o in alternativa auentare la temperatura e di non poco.
    Come scrivevo alcune pagine indietro ho scelto una soluzione più capiente 250l con serpentina collegata alla caldaia (che attivo in manuale quando appunto magari abbiamo bisogno di molte acqua in breve tempo es. vasca o più persone) finora l'ho attivata pochissime volte più per prove che altro. Attualmente il nuos da 250l lo setto in grenn a 50° e riusciamo "appena" a fare 3 docce consecutive e non troppo lunghe ed il risparmio è notevole rispetto al gas. Mi mi sa che con le temperature invernali non ti resta che provare a portare lo scaldacqua a 60° facendolo lavorare sempre in PDC
    Fotovoltaico: 5 kwp; 20 moduli SolonBlue 220/16 da 250w Inverter: Samil 5200 TL-D doppio mppt;Orientamento: 12 pannelli 11°sud, 8 pannelli 101°ovest. Tilt 25°

  3. #323
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da energezio Visualizza il messaggio
    thedesigner non conosco il tuo modello ma mi sembra di capire che non abbia una serpentina aggiuntiva collegabile alla caldaia o ad es. a dei pannelli solari e che possa aiutare a scaldare l'acqua quando più nei hai bisogno,chiaramente dipende da molti fattori e dalle vostre abitudine ma se preferite la vasca hai necessità di più litri o in alternativa auentare la temperatura e di non poco.
    Come scrivevo alcune pagine indietro ho scelto una soluzione più capiente 250l con serpentina collegata alla caldaia (che attivo in manuale quando appunto magari abbiamo bisogno di molte acqua in breve tempo es. vasca o più persone) finora l'ho attivata pochissime volte più per prove che altro. Attualmente il nuos da 250l lo setto in grenn a 50° e riusciamo "appena" a fare 3 docce consecutive e non troppo lunghe ed il risparmio è notevole rispetto al gas. Mi mi sa che con le temperature invernali non ti resta che provare a portare lo scaldacqua a 60° facendolo lavorare sempre in PDC
    Caspita...60°C sono davvero tanti...per una PDC intendo.
    Io l'ho sempre tenuto a 55°C (non che siano pochi nemmeno questi ) ma evidentemente garantire la vasca con questo litraggio è molto difficile, se non impossibile, senza integrazione.
    Se può essere di interesse vi posto alcuni dei miei innumerevoli grafici, per capire un pò gli andamenti di questa PDC nei vari periodi dell'anno, considerando che siamo in 2 e facciamo doccie / vasche tutte le sere.

    Kw al Giorno progessivamente ad ogni rilievo (basati sul rilievo precedente)
    2019-02-11 22_11_34-Consumi casa 2017-2018 - Fogli Google.png
    Ore al Giorno di accensione nelle stesse date del rilievo Kw
    2019-02-11 22_11_41-Consumi casa 2017-2018 - Fogli Google.png
    Kw orari di consumo (l'andamento della media da quando l'ho in casa)
    2019-02-11 22_12_14-Consumi casa 2017-2018 - Fogli Google.png

    E' buffo vedere nei primi due grafici come coincidono il 28/04/2018 il picco di Kw/Giorno (5,54) con un calo drastico delle ore di utilizzo giornaliere (1,46) Dati che sono la media dei giorni trascorsi dalla misurazione precedente.



    potrebbe essere il periodo in cui si è dovuto svuotare completamente e poi riscaldarlo in modalità "Boost"

  4. #324
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Interessanti grafici thedesigner!.
    Ma i kw/ora cosa sono?
    Il mio DHW Panasonic ha compressore da 490w e funziona on-off consumando appunto circa 500wh. Da aggiungere i cicli antilegionella in ragione di 1 ogni 2 Week.
    Con il 300 litri Panasonic tenuto a 48°c riesco a fare un bagno a mezza vasca tipico dei bimbi [emoji847] e 2 doccie di seguito avendo residuo per tutte le altre normali utenze a temperature più che sufficienti.
    Confermo che in estate il carico tipico è circa 2 ore gg..... 1kwh e 0.21 euro..
    F.

    Inviato dal mio SM-A920F utilizzando Tapatalk

  5. #325
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    I kW ora che ho indicato sono calcolati dividendo i due valori che mi riporta la macchina
    di kW consumati (dalla prima messa in funzione)
    sulle ore di funzionamento (dalla prima messa in funzione)
    Questo dato voglio studiarlo meglio infatti mi sembra troppo la media di più di un KWh , vorrei fare prove con un contatore installato in live sul magnetotermico del DHW per vedere i consumi effettivi e non i dichiarati dalla macchina

    Comunque stupefacente riuscire a fare tutto quello che dici con 48°C

    Ma hai integrazioni? Solare? Il mio DHW con 10°C in ingresso in inverno fa presto a raffreddarsi, ed una vasca della mia donna lì finisce tutti

  6. #326
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti,
    premetto che sono completamente ignorante in materia e quindi perdonatemi se farò una domanda stupida, vorrei acquistate un Ariston Nuos 80 e mi piacerebbe sfruttare il freddo prodotto in estate per rinfrescare una camera mentre, ovviamente, d'inverno vorrei canalizzare il freddo all'esterno. E' fattibile? esistono valvole per poter deviare il flusso d'aria da una parte all'altra?
    Grazie in anticipo!

  7. #327
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Da aggiungere i cicli antilegionella in ragione di 1 ogni 2 Week.
    Reputo che se c'è un ricambio continuo (giornaliero) di acqua, sia inutile effettuare cicli antilegionella in quanto il batterio non avrebbe il tempo di formarsi. Penso sia più opportuno effettuarlo quando si è assenti per lunghi periodi (direi almeno una settimana).

    vorrei acquistate un Ariston Nuos 80 e mi piacerebbe sfruttare il freddo prodotto in estate per rinfrescare una camera mentre, ovviamente, d'inverno vorrei canalizzare il freddo all'esterno. E' fattibile?
    E' fattibile. Se ne dovrebbe essere parlato nei vecchi post, ma bisogna vedere quanto ti costa e se nel tuo caso è tecnicamente fattibile. Considera che già il costo dello SPdC (scaldacqua pompa di calore) non è proprio irrisorio (pur potendo sfruttare il conto termico o in alternativa la detrazione fiscale).

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  8. #328
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Io ho fatto canalizzare l'aria all'esterno, hanno dovuto perforare il muro esterno da parte a parte circa 40/50 cm d'inverno tramite tubi in pc viene canalizzata l'aria all'esterno. D'estate smonto i tubi così scarica all'interno l'aria più fresca. E' un nuos250 posizionato nel locale caldaia nello scantinato, non so se con un 80 lt hai benefici apprezzabili in materia di raffrescamento.
    Fotovoltaico: 5 kwp; 20 moduli SolonBlue 220/16 da 250w Inverter: Samil 5200 TL-D doppio mppt;Orientamento: 12 pannelli 11°sud, 8 pannelli 101°ovest. Tilt 25°

  9. #329
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fabiop Visualizza il messaggio
    Grazie! Anche per la velocità di risposta...

    Sì, avevo scelto Evo. Sono indeciso tra 80 e 110 litri: ora vivo da solo, ma se la mia ragazza si trasferisse potrebbe non bastare l'80, anche avendo solo la doccia.
    Come scrivevo ho scoperto il forum proprio perché cercavo qualche spunto su come sfruttare l'aria fresca... l'ideale sarebbe trovare anche un modo per canalizzare l'aria calda dei computer (ne ho 3), così da ottimizzare il funzionamento della pompa di calore.
    Il boilerino sotto lavello è un'idea che mi è venuta perché la cucina ed il bagno sono ai lati opposti della casa... potrei abbinarci un timer, o qualche sensore (tra le altre cose, mi occupo di soluzioni per smart-home, per cui qualcosa potrei farmela venire in mente).
    Essendo al pian terreno in un condominio non ho balconi... ma continuo a pensare che presto o tardi qualcosa per attingere al solare lo troverò anche io... nonostante il mio chiodo fisso sia l'eolico...
    Fabiop. Sono incappata anche io in questo forum nel tentativo di cercare info sullo scaldabagno a PDC x ACS dell'Ariston Nuos. Nel mio caso sono indecisa tra Ariston Nuos primo 100 lt e Nuos Evo 110, nell'appartamento saremo in 2, io e il mio compagno (stiamo ristrutturando al momento), e per il riscaldamento e l'aria fresca metteremo N.1 Mono canalizzato Ariston DUO 085 comprensivo di unità esterna inverter pompa di calore riscaldamento / raffrescamento e unità interna a soffitto canalizzabile il tutto in classe A++ , mentre per L'ACS l'idraulico ci ha consigliato il boiler Ariston 100lt Velis, ha una forma accattivante a differenza dei classici boiler, ma kWh/annum 1200, contro i 567 del Nuos Primo e i 459-554 del Nuos Evo. Inoltre batte sul punto che il velis ha 2 serbatoi e l'acqua e si scalda subito a differenza delle PDC sopramenzionate, infine sia pure la capacità di accumulo indicata sia 100 lt, mi ha ripetuto 2 volte che a 45°C può arrivare a 140lt più o meno mi pare, ma non trovo menzionata sta cosa da nessuna parte su internet e ha una rumorosità di 15 dB. Venendo ai nuos, ho visto che il modello Evo opera dai -5°C ai 42°C ci mette tanto a scaldare l'acqua 8:04, poi ci sono funzioni per velocizzare il tempo, boost, ma rimangono comunque lunghi i tempi. Il modello Primo 100 lt opera da 10°C a 20°c, normalmente scalda in 6.18 in modalità eco e in 2.33 in modalità fast sfruttando le resistenze elettriche. Io sarei orientata su quest'ultimo, vivo a Cremona, in zona climatica E, minime -2, presa da internet, francamente non ricordo se la temperatura sia mai scesa sotto questo livello. Comunque pensavo se fattibile visto che c'è da canalizzare il tutto d'estate di prendere l'aria dall'esterno e magari sfruttarla per raffrescare l'interno, mentre d'inverno di prendere l'aria dall'interno (la Pdc verrà collocata in uno sgabuzzino) e buttarla fuori, così dovrei rimanere nel range dei 10°C e opererei sempre in PDC senza resistenze risparmiando. A me sembra una cosa così scontata non capisco perché l'idraulico insista sul Velis. Ah magari siccome abbiamo molte spese, mutuo+ristrutturazione punta anche sul fatto che di listino il velis è sui 500 eu, su internet l'ho trovato a 270 eu circa, mentre i Nuos sono sopra i 1000 eu attorno i 1700 e 1900,su internet gli ho trovati a 840 eu circa nuos primo e 940 eu circa nuos evo, però i complementi sono da comprare a parte non ho calcolato a quanto si arriva con quelli, anche perché non so tutto quello che serve. Infatti qualunque opzione scelga faro presente la cosa e valuterò se acquistare il prodotto io e poi farlo installare, perché solo di idraulico andrò a spendere più di 12000 eu iva esclusa, perché devo rifare le tubature, mettere sanitari nuovi....e devo rifare anche impianto elettrico.....

    In definitiva visto che dal tuo post sono passati diversi anni, come ti sei trovato con Ariston NUOS? nel tuo caso EVO hai scelto 80 o 110?, io al momento sono più propensa per PRIMO visto la funzionalità fast (metti in caso di emergenza posso sfruttare la funzione fast che scalda in 2.33 h). Bastano 100-110lt per 2 persone x l'ACS? Come sono i consumi in bolletta?

  10. #330
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    E' un nuos250 posizionato nel locale caldaia nello scantinato, non so se con un 80 lt hai benefici apprezzabili in materia di raffrescamento.
    Il compressore è più piccolo e il raffrescamento è proporzionale, ma il beneficio c'è...

    come ti sei trovato con Ariston NUOS? nel tuo caso EVO hai scelto 80 o 110?
    Alcuni miei clienti a cui l'ho installato si sono trovati bene...
    Hanno notato un buon risparmio e nessun problema funzionale... Altra macchina interessante (ma un pò più costosa) è la Viessmann Energycal DHW...

    Per quanto riguarda le ore di ricarica, in genere è difficile terminare tutti quei litri di acqua (a meno di non avere una vasca da bagno o un B&B/casa vacanze).

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  11. #331
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Nuos evo.JPG
    Ho un Nuos Evo, vorrei farlo spegnere mantenendo la protezione per le correnti galvaniche, non trovo però dove andar a collegare l'alimentazione del timer. Non ho ne porta SG ne HC-HP, non è disponibile su questo modello? Questo è lo schema del mio apparecchio.

  12. #332
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Rispondo a me stesso, avendo risolto. Il Nuos ha due sonde termperatura, utilizzandolo in modalità green ( solo pompa di calore ) la sonda interessata è quella che nello schema si chiama J ( NTC Dome), la temperatura massima a pompa di calore è 55 gradi, inserendo con un relè a doppio contatto pulito una resistenza da 3.9k la sonda leggerà 54° quindi nel range della pompa di calore, onde evitare possibili interazioni con altre funzioni. A questo punto basta non impostare la temperatura richiesta sopra i 53° per poter "spegnere " il Nuos facendogli credere di essere sopra la temperatura impostata, rimangono così attive la protezione dalle correnti galvaniche e il programma antilegionella. Personalmente ho collegato il relè a doppio contatto pulito ( ho usato un relè Finder molto piccolo) a un relè Fibaro su rete z-wave e ho integrato così il Nuos nell'impianto domotico.

  13. #333
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Oltre al Nuos Ariston e al DHW di Viessmann (che ho installato per qualche cliente), avete esperienze su altri tipi di scaldacqua elettrici in pompa di calore? Giusto per fare un confronto di caratteristiche, prezzi, vantaggi e svantaggi...

    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  14. #334
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    qualcuno che ha installato il nuos eco a parete dietro ha inserito un strato assorbente/isolante per ridurre le vibrazioni?
    Cosa avete usato?

  15. #335
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    No, nessuno strato assorbente.
    La vibrazione è sopportabile... Certo se poi è alle spalle di una camera da letto è un altro discorso...
    In ogni caso penso si possano usare sistemi tipo i piedini antivibrazioni che si utilizzano per le pompe di calore installate sul solaio...


    saluti
    Villetta 160 mq zona climatica D in ristrutturazione (casa elettrica - NO GAS)
    Pavimento radiante: passo 10 (5 nei bagni) tutto in BT
    Raffrescamento tramite fancoil - Pompa di Calore: Mitsubishi Zubadan 11,2 kWt
    ACS: accumulo da 350l Viessmann Solarmax (adatto a Pompe di calore) + ST
    Fotovoltaico da 5,4 kWp Aleo + Solaredge con ottimizzatori dal 12/10/2016

  16. #336
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno,
    da pochi giorni sono entrato nel mio nuovo appartamento. Il costruttore ha installato in casa un nuos 80, l’ho accesso e impostato sulla modalità green e dal menù installatore ho attivato anche la modalità silenziosa. Quando è acceso però fa lo stesso molto rumore! Il nuos è installato in una nicchia nel corridoio con davanti la porta della camera e di lato quella di un bagno. Secondo voi posso chiudere con un’armadiatura Isolata il nuos e nella parte alta chiudere con del cartongesso nel quale fare un foro collegando con un tubo ad L la presa d’aria del nuos in modo tale che l’aria in ingresso venga comunque presa dal corridoio? Quella in uscita è già convogliata con un tubo verso l’esterno.
    vi allego una foto per chiarezza

    grazie per le risposte!
    Immagini Allegate Immagini Allegate

  17. RAD
Pagina 17 di 17 primaprima ... 34567891011121314151617

Discussioni simili

  1. Rossato Air combo pro 100 vs Ariston nuos evo 80
    Da erik79 nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 28-04-2018, 12:42
  2. Nuos plus 200
    Da fragenes nel forum Pompe di Calore per ACS
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 13-10-2017, 06:34
  3. Consigli per installazione Ariston NUOS EVO 110
    Da BOBBO nel forum Pompe di Calore per ACS
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 07-06-2016, 15:04
  4. Idrostufa e nuos.
    Da toro72 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 01-02-2013, 14:16
  5. Ariston Nuos 80, qualche consiglio??
    Da gdorez nel forum Come installare Nuos Ariston?Solare TERMICO
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 12-03-2011, 17:49

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •