templari energie rinnovabili
Mi Piace! Mi Piace!:  34
NON mi piace! NON mi piace!:  2
Grazie! Grazie!:  10
Pagina 47 di 47 primaprima ... 27333435363738394041424344454647
Visualizzazione dei risultati da 921 a 932 su 932

Discussione: Esperienze con PDC KITA-Split S

  1. #921
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Quote Originariamente inviata da fnucera Visualizza il messaggio
    Comunque non è come dici per il fatto della inverter. modulerebbe in base alla temperatura esterna, che non è 40 gradi fissa, ma varia durante la giornata. Credo proprio che difficilmente starebbe al 100 % fissa. Se così fosse, credo sarebbe abbastanza sottodimensionata.
    40° equivalgono a -10 d inverno in zona D!!! sono un'eccezione! se non va al 100%della potenza in questi casi vuol dire che la pdc è molto sovradimensionata!!!
    hai ragione che 40 non è la t fissa, ma credo cambi molto poco se cmq è la t media nelle ore piu calde! se si passa da 39 a 43 siamo cmq nella fascia estrema!!!

    In ogni caso 24 gradi se fuori ne hai 40, sono pochi. Non so se ami i pinguini e gli orsi polari in casa, ma potresti tranquillamente provare anche i 26 o 27 gradi se l'umidità la mantieni sotto il 50 %, e staresti benissimo, consumando molto meno.

    non ho i deumidificatori! dovrei provare con la funzione deumidifica dei fancoil...

    diciamo che utilizzo la casa come accumulo termico e soprattutto perche di notte non amo avere i fancoil accesi!
    Casa no gas 180mq in zona climatica D 1742 gg, fv 3kw sud-est, 3kw sud-ovest, pdc Kronoterm 8kw on/off, pdc acs Kronoterm 300 l. Piano ad induzione Neff da 90 cm contratto Enel 6kw bioraria. Classificazione energetica B

  2. #922
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ma i fancoil hanno la racconta condensa spero? bene o male dovrebbero abbassare comunque l'umidità se raffreddano, generando la condensa.
    Non hai mai provato a misurarla prima e dopo?
    Comunque non è così il discorso del 100 % della potenza. Non è che varia la potenza in base alla temperatura proporzionalmente.
    Quando la dimensioni dovresti evitare di pensare che lavorerà mai al 100%, se non in fase di avvio, di spunto, etc...
    Una volta che hai la casa a regime, se ben coibentata, anche se ci sono temperature infernali, non dovresti avere la pdc al 100 %.
    Perchè se così fosse, prendi il caso in cui hai tutto spento, ci sono 40 gradi, e vai ad accenderla, quante ore ci metterebbe per raffreddare la casa?
    Un conto è mantenere la dispersione, un conto e raffreddare da zero. Solo nel secondo caso dovresti mandare la pompa al 100 % e per poco tempo.

  3. #923
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Ragazzi ma quale 100% , la mia non supera mai ll 30 % in mantenimento del fresco, e mando a 19 gradi nel radiante, consumo oscilla da 400 w/h a 600w/h. Forse oggi con 39-40 è arrivata a consumare 750/800 w/h. In inverno invece lavora fino al 60% se la temperatura è -5 come quest'inverno. Vero che la mia pdc è abbondante ma non credo che nemmeno quelle giuste giuste vadano al max in estate.
    pdc Templari Kita S Plus - Pit x acs 500 lt. Impianto Fotovoltaico 6 kw Winaico. VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw in D1.

  4. #924
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da LordofHome Visualizza il messaggio

    ....ciò nonostante consiglio a tutti coloro che stanno costruendo casa di predisposte almeno uno split aria aria per ogni piano. La spesa è contenuta ma di certo non vi è di che pentirsene...con gli split in raffrescamento si consuma decisamente meno rispetto al radiante+deumidificatore
    Io invece consiglio di non usare i deumidificatori... usando dei ventilconvettori sulla mandata prima del radiante , si ottiene una funzione di deumidificazione calibrata e gratuita.

    Difficilissimo tarare in modo efficiente un deumidificatore svincolato dalla PDC.. si rischia di deumidificare troppo con consumi elevati, o troppo poco con formazione di condensa al pavimento.

    Lo schema del ventilconvettore in serie mi è stato insegnato da una persona competente in questi sistemi e devo dire che è molto funzionale...

    Non ha senso per chi ha impianto a pavimento, raffreddarsi con gli split... il comfort è impareggiabile e se la deumidificazione è fatta nel modo suggerito, i consumi sono gli stessi che con gli split.

    qua un articolo sull'argomento.

    Raffrescamento radiante a pavimento e a soffitto.
    Segui on-line il funzionamento del mio impianto solare termico a svuotamento.


    Impianto Fotovoltaico: 7 Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15

  5. #925
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    a patto di avere voglia e possibilità di 'spaccare' muri in casa abitata.. :-(
    quanti ventilconvettori dovresti mettere con un radiante a pavimento?
    io ho 110mq piano terra, ma alla fin fine l'unico locale dove il caldo di questi gg da fastidio è la cucina, che si usa x cucinare quindi fornelli e forno

    mentre fuori ci sono 33-34 ° io in soggiorno ne ho 29 (senza raffrescamento) ma in cucina qualcosa in più e maggiore umidità

    siamo un po' OT ma sono considerazioni interessanti le vostre
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m

  6. #926
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    manfre, ma la kita non è una on/off pure? come funziona sto discorso delle potenze graduali nelle on/off? hanno un tot di soglie? mi spieghi un pò, giusto a titolo informativo?
    Se è così, probabilmente quella potenza di 2,4 di cui sopra, è rilevata (o stimata) sbagliata.

  7. #927
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    le kita sono inverter
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m

  8. #928
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Si kita è inverter...e ci mancherebbe...
    x fcattaneo, in linea teorica il discorso dei ventilconvettori e' perfetto, però.... se io avessi un ventil x stanza che manda a 14 gradi , e anche il radiante acceso a 17 gradi avrei una temperatura troppo bassa. Ora con solo radiante a 19 gradi ho ho 26-27 al p.t e p.p. Certo dovrei alzare e anche un bel po la mandata... d'altro canto credo proprio che non avrei avuto il problema della deumidifica..., sinceramente avere un giro d'aria a bassa temperatura nelle camere da letto, soprattutto quelle dei bimbi lo trovo sconveniente. E poi il dimensionamento anche di questa parte d'impianto va fatto secondo le caratteristiche della casa, com m3 d'aria da trattare etc... insomma non come a casa mia mannaggia...
    pdc Templari Kita S Plus - Pit x acs 500 lt. Impianto Fotovoltaico 6 kw Winaico. VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw in D1.

  9. #929
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ok, e anche se non su kita, come funziona il discorso on/off allora su quelle che lo sono? mi rimane il dubbio.

  10. #930
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    on/off è come una caldaia senza climatica, modula in base alla T dell'acqua e non della T esterna

    mi par di capire che le pdc si comportano come on/off quando fanno acs, giusto? lì devono raggiungere un set più veloce che possono
    FV: 6,54kwp SunPower e20 327, inverter SE 6000 con ottimizzatori P500, azimuth=-13, tilt=20°, pvoutput=http://pvoutput.org/aggregate.jsp?id...=50540&v=0&t=m

  11. #931
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    che centra la climatica???? una inverter non devi per forza farla lavorare in climatica.
    E quando fa Acs sei comunque tu (se la centralina te lo permette) a scegliere la potenza alla quale deve lavorare.
    Con la climatica regoli la temperatura di mandata, che varia con la temperatura esterna, e questo lo puoi fare con qualsiasi generatore.
    La differenza tra inverter e On/off è che con la prima la potenza della macchina è modulata intervenendo sulla frequenza elettrica, e dunque così facendo si riesce a poter regolare la potenza senza "gradini", in modo continuo, in base alla necessità. Con la seconda invece non hai l'inverter e puoi solo scegliere se accendere o no la macchina.
    Però volevo capire se ha comunque possibilità di modulare la potenza e come lo fa, anche se a gradini o gradoni. Anche solo manualmente.
    Per intenderci, sto facendo il paragone ai circolatori, dove quelli inverter modulano quanto vogliono, quelli senza invece modulano in base a quello che si è impostato manualmente con il vitone.

  12. #932
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Lo scrivo qui fuori tema, perchè è il gruppo dove ci sono più persone che leggono e mi possono aiutare in modo veloce.

    La mia pompa Vaillant va spesso il blocco, dando come errore flusso troppo basso (che spesso è dovuto ad aria nell'impianto, ma non in questo caso).
    Oggi è venuto il tecnico come primo avviamento, e secondo lui è dovuto al fatto che non ho montato il compensatore idraulico con il gruppo di rilancio, cosa che io non ho voluto fare di proposito.
    La cosa strana è che questo problema me lo fa anche con il boiler ACS e basta, quindi nello schema abbiamo semplicemente la pompa, che manda dentro il boiler da 600 litri (diretta, senza serpentine, è un puffer), e poi ritorna subito alla pompa.
    Con tubi in multistrato da 40mm.
    Uno schema più semplice di questo non può esistere in pratica, eppure l'errore che da è sempre quello.
    Lui sostiene che è troppo grossa la condotta, e non riesce a generare abbastanza pressione, e va in blocco per quello.
    E che la soluzione è appunto solo il separatore....peccato che l'intervento mi costerebbe altri 1000 euro oltre che non mi piace tecnicamente.

    Cosa ne pensate? in caso scrivetemi in privato se non volete andare ot. grazie mille a tutti

    ah, lui sostiene che il 90 % delle PDC ha bisogno del separatore per lo stesso motivo, eppure qui mi avete sempre parlato tutti di mandata diretta nei termi con il circolatore della PDC :-(

    ps: sto provando ora a farla girare strozzando le valvole a sfera di mandata e ritorno, per vedere se va, l'unica prova che mi viene in mente di fare.

  13. RAD
Pagina 47 di 47 primaprima ... 27333435363738394041424344454647

Discussioni simili

  1. Nuos Evo Split 110 Litri
    Da trevor nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 13-07-2017, 11:44
  2. riscaldamento con split.
    Da vince1948 nel forum In Casa
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 01-11-2014, 18:17
  3. nuos evo split 300lt
    Da delta_fire nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 05-03-2014, 07:07
  4. Split e pompa di calore.
    Da illo41100 nel forum In Casa
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 13-05-2009, 01:47
  5. Riciclare condizionatore split
    Da torpedine nel forum Fai Da Te
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 01-06-2007, 23:05

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •