Mi Piace! Mi Piace!:  19
NON mi piace! NON mi piace!:  3
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 21 a 35 su 35

Discussione: ICCF 21 relazione Celani e abstract generali

  1. #21
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Quote Originariamente inviata da eroyka Visualizza il messaggio
    Mi spiace ma su questo non siamo d'accordo. Esistono una lunga serie di risultati pubblicati anche da enti statali che dimostrano la presenza di nuovi elementi ed eccessi di calore non spiegabili con reazioni chimiche.
    Non ti sto a fare l'elenco ma sia qui dentro al forum che sul web trovi tutto ciò che ti serve.
    Ne basterebbe uno ma solido e verificato in modo indipendente, magari pubblicato, dopo approfondita peer review, su una importante rivista GA (tipo Nature), al quale però sia stato dato riscontro attraverso misurazioni adeguate ed ineccepibili del XH, cioè verifiche terze ed indipendenti da parte della comunità scientifica (non solo i soliti noti fusionisti).
    Ne linkeresti almeno uno esistente di questi lavori (ne basta anche solo uno) ma che risponda a queste minime caratteristiche?
    Da Piantelli ad esempio, che risultati? Siamo ancora alle discutibilissime misure termometriche/comparative pubblicate e contestate tempo fa?
    Ad oggi esiste perlomeno un suo prototipo "funzionante" sul quale poter eseguire verifiche terze ed indipendenti?
    "Il progressivo sviluppo dell'uomo dipende dalle invenzioni.
    Esse sono il risultato più importante delle facoltà creative del cervello umano."
    Nikola Tesla

  2. #22
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Io dico semplicemente da perfetto ignorante .....
    delle ricerche svolte sino ad ora ,...
    di cui non mi interessa nulla , ...
    non della materia di cui trattasi ....
    che io ho altre idee su come affrontare il problema della fusione fredda o tiepida . Non mi interessano le strade che sono state eseguite sino ad ora , proprio perchè non faccio influenzare dalle ricerche svolte sino ad ora o perché sono critico sulle ricerche fatte sino ad ora io dico che non è stato fatto abbastanza per risolvere tecnicamente il problema di una fusione fredda o non esplosiva , come la si vorrebbe fare con l'ITER .

    Che vi siano delle lacune in quanto fatto sino ad ora è evidente , che i risultati non sono ripetibili o ripetitivi è anche vero , ma credo che il problema risieda proprio nelle probabilità e nella statistica , perché gli esperimenti fatti erano diciamo molto diluiti da altri fattori .

    Quando leggo e sento dire che metteva un gas inerte nella miscela mi chiedo a quale scopo ? Per attutire o ammortizzare una reazione che già di per se avviene difficilmente ? Bisogna invece fare in modo di aumentare le probabilità che due nuclei collidano per fondersi , che già è molto difficile che avvenga a temp e pressioni normali , ma non impossibile o improbabile . Anche ci fosse una probabilità tra un milione bisogna considerare il numero di particelle coinvolte .

    Quindi la ripetibilità e la riproducibilità in questo caso della FF non sono indice di insuccesso , semmai di esperimenti eseguiti in maniera scorretta .
    Io ripeto quello che ho detto altre volte nel forum , non solo in questa occasione, la FF non è ancora morta , bisogna trovare solo il giusto metodo .
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "
    Relativity is wrong .

  3. #23
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    No, non è questione di migliorare o di rifare qualche misura...
    La questione è che possibilità di una fusione fredda (o tiepida) sono solo un ipotesi portata avanti da individui con scarsa preparazione scientifica.
    E' come se ci mettessimo a fare ricerca per cercare di inventare il motore a curvatura visto su star trek!
    Il fatto che una cosa sarebbe bella non significa che sia possibile.

    Nessun indizio, nessuna base scientifica, nessun esperimento e nessuno scienziato serio che avvalori l'ipotesi.
    Recentemente ho conosciuto un individuo convinto di poter arrivare al moto perpetuo... Stesso copione.

  4. #24
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Vabbuoh , se uno rinuncia ancora prima di cominciare non vi è nulla da fare .
    Se nessuno dei serfisti ha mai cavalcato un 'onda di 30 metri , non vuol dire che bisogna rinunciare perché un 'onda è 31 metri , eppure mi sembra che di recente un serfista ci sia riuscito superando il precedente record .

    Non lasciamoci ingannare dalle parole , il moto perpetuo è una cosa , la fusione è un'altra cosa .

    Alcune reazioni chimiche non potrebbero avvenire in natura se non con l'ausilio di catalizzatori che abbassano l'energia di attivazione .
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "
    Relativity is wrong .

  5. #25
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Solo un parere personale, da perfetto "ignorante" in materia: secondo me la FF non può certamente avvenire nel modo della fusione classica (calda), quindi con nuclei di H/D/T che si fondono, ma secondo altri principi che coinvolgono elementi di peso atomico maggiore. Non dimentichiamo che l'energia di legame per nucleone aumenta fino al ferro Energia ed è massima nel passaggio da H ed He, con solo una "caduta" tra elio e litio (poi si entra nella zona della fissione), quindi la relativamente "poca" energia sviluppata dovrebbe (sempre secondo me) riguardare "fusioni/trasmutazioni" tra elementi in cui la curva dell'energia di legame è quasi piatta.
    - AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2018 -
    Per il foglio di calcolo con costi e confronti delle tariffe elettriche nel mercato tutelato: http://www.energeticambiente.it/in-c...#post119803941

  6. #26
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito

    RNBE: ti rispondo a breve.

    Carest:
    secondo me la FF non può certamente avvenire nel modo della fusione classica (calda), quindi con nuclei di H/D/T che si fondono, ma secondo altri principi che coinvolgono elementi di peso atomico maggiore.
    Infatti i fenomeni LENR (reazioni nucleari a bassa energia) non avvengono come la fusione sul sole. Ma avvengono esattamente con gli stessi elmenti leggeri. La differenza FONDAMENTALE è che avvengono all'interno della materia condensata e non nel vuoto (gas).
    Questo vuol dire che il fenomeno per avvenire ha bisogno di una precisa geometria di contorno, degli elementi base, di una certa quantità di energia e di una certa quantita di elettroni liberi. E di una forte differenza di potenziale.
    Comunque tutte queste cose le ho ben decritte nel mio ebook... non per farmi pubblicità ma davvero in poche pagine ho raccolto e riassunto le basi del fenomeno. Per chi volesse approfondire in maniera scientifica ma aperta, quello è un ottimo punto di partenza.
    Se me lo chiedete in privato ve lo invio via mail
    Comprogreen.it: soluzioni di alta ecologia che supportano il forum. Acquista in piena sicurezza!
    Essere realisti e fare l'impossibile

  7. #27
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da eroyka Visualizza il messaggio
    Comunque tutte queste cose le ho ben decritte nel mio ebook... non per farmi pubblicità ma davvero in poche pagine ho raccolto e riassunto le basi ...
    Non sapevo di questo ebook , puoi pubblicarlo nel sito o inviarmelo via mail ?
    Ciao .

    Rispondo brevemente a carest .

    Quello che dici è assolutamente vero e giusto , ma secondo la mia modesta opinione , proprio per favorire l'incontro tra nuclei le reazioni debbono avvenire tra nuclei piccoli che hanno pochi elettroni che schermano il nucleo , come nel caso di H-D-T .
    In questo caso l'elettrone può essere sottratto per tempo brevissimo tale da favorire un incontro tra nuclei che potrebbe essere agevolato da catalizzatori abbassando l'energia di attivazione .
    Questo senza violare nessun principio della termodinamica , o come diceva qualcuno di ottenere energia aggratis o moto perpetuo .
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "
    Relativity is wrong .

  8. #28
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da eroyka Visualizza il messaggio
    RNBE: ti rispondo a breve.
    Spero di non risentire i soliti raccontini triti e ritriti di "reattori in funzione da anni", magari di 4 o 5 anni fa (il sito Nichenergy è in letargo profondo da molto tempo) con affermazioni spesso così paradossali da arrivare al limite del risibile, tipo:
    "it is really complicated to understand what happens within a reactor with a simple calorimetry due to the characteristic of integrability of the thermal energy. As a consequence it is not possible to discriminate the many phenomena inside a reactor by means of the calorimetry"

    cioè da una parte per anni si proclamano mirabolanti eccessi e si continua a farlo, però l'unico vero e significativo metodo di misura del calore prodotto, al fine di attribuire gli eventuali eccessi rivendicati cioè la calorimetria, non viene utilizzato adducendo come giustificazione (a mio avviso tecnicamente insostenibile) che una semplice calorimetria non sarebbe in grado di "capire cosa accade nel reattore" (che ovviamente non è il suo scopo) e di misurare l'energia termica prodotta dallo stesso ("a causa delle caratteristiche di integrabilità della stessa energia termica", eh?), e quindi la calorimetria, il nome stesso spiega chiaramente per cosa serve, non è da loro mai utilizzata!
    Ma allora quando rivendicano la loro clamorosa scoperta energetica "energy production for months and years" ma mai misurata utilizzando lo strumento principe, il più attendibile e specifico in riferimento alla grandezza in discussione, di cosa stanno e stiamo parlando?
    "Il progressivo sviluppo dell'uomo dipende dalle invenzioni.
    Esse sono il risultato più importante delle facoltà creative del cervello umano."
    Nikola Tesla

  9. #29
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito

    RNBE,
    ovviamente non ti presenterò un doc così. Probabilmente neppure come lo vuoi tu... ma un lavoro è serio non solo se lo pubblica nature... come ci sono incompetenti in tutte le materie inclusa questa (e oltre agli incompetenti anche i cialtroni...).
    Per quanto riguarda Nichenergy mi sembra che tu non sappia che la società è stata chiusa e i lavori di Piantelli interrotti.
    Sono diversi mesi... purtroppo, come sto vedendo sempre più spesso, le persone sono il loro peggior nemico. E non mi riferisco direttamente al Professore.
    Ci sentiamo presto.
    Roy
    Comprogreen.it: soluzioni di alta ecologia che supportano il forum. Acquista in piena sicurezza!
    Essere realisti e fare l'impossibile

  10. #30
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da eroyka Visualizza il messaggio
    RNBE,
    ovviamente non ti presenterò un doc così. Probabilmente neppure come lo vuoi tu... ma un lavoro è serio non solo se lo pubblica nature... come ci sono incompetenti in tutte le materie inclusa questa (e oltre agli incompetenti anche i cialtroni...).
    Per quanto riguarda Nichenergy mi sembra che tu non sappia che la società è stata chiusa e i lavori di Piantelli interrotti.
    Sono diversi mesi... purtroppo, come sto vedendo sempre più spesso, le persone sono il loro peggior nemico. E non mi riferisco direttamente al Professore.
    Nature era un esempio, se un articolo è un lavoro serio spesso lo trovi pubblicato lì ma quello che conta è:
    "articolo solido e verificato in modo indipendente, pubblicato dopo approfondita peer review su una importante rivista GA e al quale sia stato dato riscontro attraverso misurazioni adeguate ed ineccepibili del XH, cioè attraverso verifiche terze ed indipendenti da parte della comunità scientifica."

    Spesso i fusionisti vendono al pubblico che esista una ferrea e malevole censura nei confronti dei lavori se in qualche modo collegati con la "Fusione Fredda", ma come vedi dall'esempio che posto Nature.pdf non è esattamente così.

    Non sapevo che Nichenergy avesse chiuso e da diversi mesi, dato che il loro sito è tutt'ora online e non riporta alcuna notizia a riguardo.
    Mi pare come avvenuto in altri casi analoghi: proclami a profusione quando queste imprese fusioniste nascono, ma poi si tende al silenzio quando esse cessano l'attività senza aver prodotto i risultati che si erano detti in grado di ottenere.
    "Il progressivo sviluppo dell'uomo dipende dalle invenzioni.
    Esse sono il risultato più importante delle facoltà creative del cervello umano."
    Nikola Tesla

  11. #31
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito

    Non sapevo di questo ebook , puoi pubblicarlo nel sito o inviarmelo via mail ?
    Scusa, mi ero scordato di risponderti. Per l'ebook chiedo un piccolo contributo che va tutto al mantenimento del forum. Qui puoi vedere la descrizione e se vuoi anche acquistarlo: https://www.comprogreen.it/it/e-book...i-roy-virgilio
    Qui invece trovi la relativa discussione sul forum: Libro FUSIONE FREDDA ottobre 2010

    Ciao
    Comprogreen.it: soluzioni di alta ecologia che supportano il forum. Acquista in piena sicurezza!
    Essere realisti e fare l'impossibile

  12. #32
    Amministratore

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao RNBE
    Scusa il ritardo ma sono stato parecchio preso e volevo trovare qualcosa di recente.

    Ti segnalo il documento, pubblicato su reserchgate e non su siti filo-fusionisti, dell'ultimo lavoro di Akito Takahashi del progetto giapponese NEDO, che conferma decenni di studi e ricerche nel settore:

    https://www.researchgate.net/publication/324507267_Comparison_of_excess_heat_evolution_from_zirconia-supported_Pd-Ni_nanocomposite_samples_with_different_PdNi_ratio_under_exposure_to_hydrogen_isotope_gases

    Poi sono particolarmente interessanti anche i lavori del prof. Holmid sull'idrogeno ulltradenso e le trasmutazioni di Iwamura...

    Ti segnalo anche un articolo sulle ricerche LENR giapponesi è comparso sul prestigioso giornale finanziario Nikkei:
    https://www.lenr-forum.com/forum/thread/5562-january-2018-nikkei-article-about-cold-fusion/?postID=82534#post82534

    Iniziamo così?
    Ma per favore non venirtene fuori con attacchi gratuiti. Ok critiche ma solo su aspetti concreti.
    Se poi arrivassi ad accettare la solidità di (almeno una parte di) ciò che viene descritto...

    Roy
    Comprogreen.it: soluzioni di alta ecologia che supportano il forum. Acquista in piena sicurezza!
    Essere realisti e fare l'impossibile

  13. #33
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao eroyka ti ringrazio per la segnalazione, quell'articolo (che in realtà è solo un preprint ResearchGate) lo avevo già visto e siamo sempre nell'ambito club fusionista questa volta della Japan CF Research Society in particolare JCF18 Meeting di Sendai del Novembre scorso, comunque voglio rassicurarti che non è mia intenzione basare una critica su attacchi gratuiti, ma esaminare i fatti per quelli che sono.

    Questi giapponesi, tra i quali nomi arcinoti di fusionisti di lungo corso, incorrono nel solito "approccio" metodologico concettualmente sbagliato, vorrebbero approntare un "calorimetro" (anche sofisticato), ma nei fatti finiscono con il realizzare un dispositivo che ha un heat recovery rate corrispondente al 12% di perdita a RT e il 17% a 300°C! (in passato anche Celani aveva fatto claim di AHE utilizzando qualcosa con prestazioni del genere), valori assolutamente inaccettabili se si considera il valore del AHE rivendicato (diciamo in media all'incirca una quindicina di Watt) rispetto alla potenza di ingresso applicata superiore ai 300 W, stiamo parlano quindi di un AHE (presunto) intorno al 5% ed in queste condizioni di set-up nessuno metrologo serio accetterebbe per buono un claim di AHE del genere.
    Non so più come dirlo, non ha alcun senso ricorrere alle cosidette "calibrazioni/correzioni" allo scopo di stabilire una correlazione Temperatura misurata-Potenza in qualche misura attendibile (tra l'altro gli varia sensibilmente la pendenza: 1.57 °C/W a RT e 1.0 °C/W a 300 °C), ne tantomeno in queste condizioni fare confronti o paragoni con la temperatura TC2 del cosidetto "blank ZrO2".
    Un metodo calorimetrico affidabile non necessita di ricorrere a "calibrazioni/correzioni", necessita solo di una verifica della sua prestazione, ovviamente utilizzando una sorgente di calore nota ed accurata, per conoscere e valutare se la sua bontà realizzativa sia o meno adeguata allo scopo per cui è stato realizzato, cioè in sostanza per poter apprezzare in modo attendibile l'eventuale quantità di AHE prodotto definendo al contempo quale sia la reale incertezza complessiva del sistema di misura adottato.
    Siamo alle solite, un lavoro del genere continuerà a circolare unicamente nei soliti ambienti fusionisti senza però poter essere preso in considerazione ne tantomeno accettato a livello della comunità scientifica GA.

    Per quanto riguarda Nikkei non mi pare che citare un editoriale di un giornale finanziario sia quello che serve. Ho già illustarto qui come i fusionisti si dovrebbero comportare se volessero mettersi a confronto vero e costruttivo con il resto del mondo scientifico, la comunità scientifica ha le competenze necessarie per poter valutare e giudicare il loro lavoro (ci sono numerosi scienziati mainstream che studiano la materia condensata, e le interazioni che in essa avvengono, la studiano da molti decenni, voglio ribadire questo aspetto perché forse qualcuno non sa o dimentica che questo materia non è un ambito esclusivo dei fusionisti freddi) e se i fusionisti non ottengono riscontri ai loro lavori è perché evidentemente questi lavori non risultano ineccepibili come credono.

    Infine preferisco stendere un velo pietoso sui "References" che gli Autori citano al fondo del loro preprint come supporto privilegiato, a partire dai riferimenti numerati [2], [3] e [4].
    Ultima modifica di eroyka; 12-05-2018 a 11:16
    "Il progressivo sviluppo dell'uomo dipende dalle invenzioni.
    Esse sono il risultato più importante delle facoltà creative del cervello umano."
    Nikola Tesla

  14. #34
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    @ RNBE .

    Quindi tu escludi in maniera categorica che si possa arrivare ad una sorta di fusione fredda , anche in maniera diversa da come si è fatto sino ad ora ?
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "
    Relativity is wrong .

  15. #35
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da experimentator Visualizza il messaggio

    Quindi tu escludi in maniera categorica che si possa arrivare ad una sorta di fusione fredda , anche in maniera diversa da come si è fatto sino ad ora ?
    Bisogna intendersi sui termini. Fusione "fredda" starebbe a significare la capacità di ottenere a piacere la fusione dei nuclei di elementi a temperature equivalenti ad energie massime (fornite al sistema) di pochissimi decimi di eV (elementi che magari al contempo possono essere anche sottoposti a pressioni di decine o qualche centinaio di bar) e che produca molta più energia di quella che richiede per essere prodotta.
    Nelle condizioni di cui sopra la fusione non avviene, se non in infime probabilità ma per meccanismi di tunnelling quantistico-probabilistico che bypassano la Barriera (ma questa è un'altra faccenda), la materia ordinaria così come la conosciamo in queste condizioni è sostanzialmente stabile e lo è da miliardi di anni.

    Ad esempio ho letto in questo tread:
    ... secondo altri principi che coinvolgono elementi di peso atomico maggiore. Non dimentichiamo che l'energia di legame per nucleone aumenta fino al ferro Energia ed è massima nel passaggio da H ed He, con solo una "caduta" tra elio e litio (poi si entra nella zona della fissione), quindi la relativamente "poca" energia sviluppata dovrebbe (sempre secondo me) riguardare "fusioni/trasmutazioni" tra elementi in cui la curva dell'energia di legame è quasi piatta
    Non facciamo confusione, quella curva dell'energia di legame per nucleone ci rappresenta proprio il contrario e quindi escludo questa ipotesi. Una fusione tra nuclei di elementi di peso atomico elevato (cioè per esempio tra due nucei di 56Fe) è endoenergetica, non esoenergetica, cioè per essere ottenuta richiedebbe e consumerebbe enormi quantità di energia in cambio di nulla, circa 43 MeV! Direi neanche a parlarne.
    "Il progressivo sviluppo dell'uomo dipende dalle invenzioni.
    Esse sono il risultato più importante delle facoltà creative del cervello umano."
    Nikola Tesla

  16. RAD
Pagina 2 di 2 primaprima 12

Discussioni simili

  1. Francesco Celani - comunicazioni al pubblico
    Da eroyka nel forum REAZIONI NUCLEARI a BASSA ENERGIA (Fusione Fredda)
    Risposte: 32
    Ultimo messaggio: 14-03-2019, 18:44
  2. Celani ultimo boicottaggio??
    Da eroyka nel forum REAZIONI NUCLEARI a BASSA ENERGIA (Fusione Fredda)
    Risposte: 44
    Ultimo messaggio: 03-10-2017, 20:37
  3. Celani relazione tenuta all' AIRM 2017
    Da eroyka nel forum REAZIONI NUCLEARI a BASSA ENERGIA (Fusione Fredda)
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 11-09-2017, 20:06
  4. Articolo Francesco Celani ICCF20
    Da eroyka nel forum REAZIONI NUCLEARI a BASSA ENERGIA (Fusione Fredda)
    Risposte: 39
    Ultimo messaggio: 23-03-2017, 19:54
  5. Celani, le LERN, il premio Nobel per la Pace e il loro boicottaggio
    Da eroyka nel forum REAZIONI NUCLEARI a BASSA ENERGIA (Fusione Fredda)
    Risposte: 55
    Ultimo messaggio: 18-06-2015, 08:56

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •