ComproGreen.it
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 5 12345 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 100

Discussione: Tariffe agevolate/BTA per PDC e ricarica mezzi elettrici

  1. #1
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito Tariffe agevolate/BTA per PDC e ricarica mezzi elettrici



    L'Autorità per l'Energia Elettrica e per il Gas (AEEG) ha pubblicato la Delibera con la quale si dettano Disposizioni in materia di connessioni per l’alimentazione di pompe di calore a uso domestico e di veicoli elettrici:
    Autorità per l'energia elettrica e il gas - Disposizioni in materia di connessioni per l’alimentazione di pompe di calore a uso domestico e di veicoli elettrici. Modificazioni dell’Allegato A e dell’Allegato B alla deliberazione dell’Autorit

    La possibilità del secondo contatore per le PDC era già fattibile, però la potenza del primo contatore veniva abbassata a 3,3 kW, ora questa limitazione è stata tolta.

    D’ora in avanti sarà possibile effettuare la ricarica del proprio veicolo elettrico direttamente da casa, dal parcheggio condominiale o da quello dell’ufficio. Con la Delibera ARG/elt 56/10 si modifica, infatti, il provvedimento dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (Delibera n. 348/07) che poneva vincoli normativi che ostacolavano la predisposizione di eventuali punti di ricarica anche presso le utenze domestiche.

    La disponibilità di punti di ricarica è un fattore condizionante dello sviluppo virtuoso della mobilità elettrica, un settore che vede impegnati diversi grandi produttori e nel quale è atteso l'arrivo di diversi modelli. Con la modifica introdotta dall'Autorità sarà ora possibile, nelle abitazioni private e loro pertinenze, negli spazi condominiali (previo accordo dell'assemblea condominiale) o nelle aree aziendali destinate a parcheggio di flotte di veicoli, richiedere al proprio fornitore di energia elettrica più punti di fornitura, ognuno con un contatore, destinati espressamente all'alimentazione di veicoli elettrici.

    L'Autorità ha anche stabilito che ai punti di ricarica verrà applicata la stessa tariffa di trasporto già prevista per "altri usi", indipendentemente dal fatto che il richiedente sia un cliente domestico (famiglia) o non domestico (impresa). Per l'energia, il prezzo potrà variare a seconda dell'offerta che verrà selezionata fra quelle dei diversi venditori del mercato libero e potrà essere diversa da quella scelta per la fornitura domestica.

    Si potrà richiedere una seconda forniture anche per l'utilizzo delle pompe di calore per la climatizzazione delle abitazioni, prima limitate alle utenze domestiche con potenza disponibile fino a 3,3 kW, oggi possibili anche per potenze superiori.

    Le tariffe sono quelle per usi diversi che prevede la trioraria, ma sopratutto senza scaglioni di consumo:
    Tariffe per usi diversi in bassa tensione - Enel.it

    OT certo che avete fatto un bel casino con le articolazioni di questa sezione
    Ultima modifica di eroyka; 24-05-2010 a 10:05
    Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

  2. #2
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Dotting, grazie per le informazioni ma pur andando sui link citati non sono riuscito a chiarirmi niente. Ho una Panda elettrica, potrei mettere un punto di prelievo per la ricarica, ma quanto mi costa? Ci vuole un altro contatore, con la tariffa quanto si risparmia, ho anche un impianto fotovoltaico, potrei rientrare in questo beneficio.... sono tutte domande alle quali non ho trovato risposta. Certo, basterebbe andare all'Enel ma non sono proprio sicuro che troverei tutte le risposte.
    Se hai altri elementi per chiarirmi il tutto ti ringrazio in anticipo.

  3. #3
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Prima di tutto ci tengo a ringraziare dotting per le preziose informazioni, poi vorrei dare un consiglio a frandi
    Quote Originariamente inviata da frandi Visualizza il messaggio
    Certo, basterebbe andare all'Enel
    Ricordati una cosa, data la mancanza di professionalità di buona parte degli addetti al "contatto con il pubblico" è buona norma chiedere le informazioni mediante lettera, per avere una prova scritta sul parere dell'enel.

  4. #4
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da dotting
    L'Autorità per l'Energia Elettrica e per il Gas (AEEG) ha pubblicato la Delibera con la quale si dettano Disposizioni in materia di connessioni per l’alimentazione di pompe di calore a uso domestico e di veicoli elettrici...
    Ottima notizia dotting.
    Allego per comodità i collegamenti al TIT (Testo integrato trasmissione ,distribuzione e misura) e al TIC (...connessione) a cui si fa riferimento:
    TIT
    TIC


    OT certo che avete fatto un bel casino con le articolazioni di questa sezione
    OT a cosa ti riferisci in maniera più esplicita (se hai proposte sono ben accette)
    Ultima modifica di gattmes; 27-04-2010 a 10:02

    Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

    Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

    Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
    Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
    PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    [/I]

  5. #5
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Un consiglio da voi: Io metterò un PDC + 3 Kw di fotovoltaico + piastra ad induzione + VMC (consuma 30 W) + deumidificatore + altri consumi frigo luci Tv ecc. Il problema della convenienza và risolto con le tariffe dell'Enel il che non è facile. Ci sono due strade percorribili nella mia situazione ma non riesco a venirne a capo. Cosa mi conviene fare?
    1) metto 1 contatore da 6 Kw che con lo scambio sul posto dovrebbe consentirmi di consumare l'energia prodotta direttamente di tutti i vari dispositivi ad esso connessi?
    2) metto il solito contatore da 3 Kw e poi faccio richiesta per un altro da 3 Kw (??basterà?) dedicato alla PDC con il contratto "altri consumi" fascia D3 agevolata? ed in questo caso quale dei due contatori affianco all'impianto FV per lo scambio sul posto?

    se può servire anche a voi nel sito ENEL ho trovato una scheda delle "prestazioni di importo predeterminabile" li si riesce a capire quanto costa un allacciamento per una nuova utenza ma non i relativi costi fissi di esercizio (tipo fisso per un 3 Kw contro uno da 6 Kw, e fisso per contatore adibito ad "altri usi" quello agevolato per la PDC per capirsi).
    Facendo due conti solo per l'allaccio:

    SOLUZIONE A) 2 contatori 3+3 Kw

    1) quota potenza 69.5930 €/Kw X 3 Kw X 2 contatori;
    2) quota distanza (nel mio caso dai 250 ai 350 mt.) € 277,89 X 2 contatori;
    3) quota amministrativa € 26,98 X 2 contatori;

    TOTALE € 1027,298
    (non ho capito se è da aggiunge Iva ed altri oneri però...non c'è scritto)

    SOLUZIONE B) Unico contatore mettiamo da 6 Kw

    1) quota potenza 69.5930 €/Kw X 6 Kw X 1 contatore;
    2) quota distanza (nel mio caso dai 250 ai 350 mt.) € 277,89 X 1 contatore;
    3) quota amministrativa € 26,98 X 1 contatore;

    TOTALE B) € 722,428

    La differenza sono sui € 300 ma questi non mi spaventano, anche se vanno tenuti di conto. Quello che non sò mi spaventa:
    1- Divario tra i vari costi fissi a seconda della potenza disponibile;
    2 - le differenza tra tariffe applicate a seconda delle due opzioni che mi si prospettano in considerazione della presenza del FV con scambio sul posto;

    Qualcuno mi sà aiutare o indirizzare verso qualche link?

    Prima ho chiamato 800-900-860 premi 2 e poi ancora 2 ti risponde uno dell'Enel che dovrebbe rispondere, poi è caduta la linea ma l'unica info estrapolata è stata:
    "la differenza tra avere un contatore da 3 Kw rispetto a uno da 6 come COSTI FISSI sono 9 € al mese in più per quello da 6"
    Quindi se è vero siamo a +108 (magari più iva, IRPEF comunale e Regionale) per il contatore unico da 6, ALL'ANNO....
    Domani provo a richiamare l'Enel nel frattempo aspetto vs. interventi. Ciao Dario.

  6. #6
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Dai conti fatti da chi ne sa... e ci ha messo le mani per parecchio tempo...
    Conviene mettere sul primo contatore tutto tranne PDC, FV compreso.
    Sul secondo solo PDC

    Se usi la PDC per raffrescare in estate la sganci dal secondo e la porti sul primo.

    Perchè in inverno quando scaldi il sole fa poco o nulla.. in più è meglio non consumare una corrente cara che non consumare una a tariffa fissa, il tuo autoconsumo ti premia molto di più.. soprattuttno restando in scaglioni più bassi.
    Pannelli 56 tubi U-pipe Apertura 8,84 m2 Orient./Inclin.:SUD-SUD/EST /60°
    Caldaia Condensazione 24 kW Termostufa Legna: 13,8 kW (3 kW ambiente 10,8 kW Acqua)
    Puffer 750 L 3 serpentine
    Riscaldamento: pannelli radianti 130 m2 + Scalda-salviette
    Località: Cannobio - Prov. VB - Gradi Giorno 2.583 - Zona Climatica E

  7. #7
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito ho paura del mio consumo

    ora nella casa a schiera in cui abito in 2 persone consumiamo sui 1850 Kwh di corrente all'anno. Per il futuro saranno anche di più tra VMC, Deumidificatori ecc.

    Per quanto riguarda il gas spendiamo 1200 euro all'anno per circa 1800 Mc di gas (tasse tutto incluso). Vorrei capire, se c'è un metodo di prevedere i consumi di elettricità che avrò con una PDC dati i mc di gas trasformali in Kwh. Qualcuno sà come si fà?

  8. #8
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

  9. #9
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Pompa di Calore contro Caldaia a Condensazione BT

    grazie mille, ho confrontato con i miei calcoli la scheda e siamo praticamente uguali nella logica e quasi nei prezzi. Mi ero calcolato un mio consumo medio attuale in base alle bollette (azz...non ti dico quanto tempo ho perso con l'Enel) e poi ho tentato di calcolare quello della mia futura casa in legno.

    Praticamente la mia attuale casa a schiera da 150 mq consuma 120 Kwh/mq pari ad una classe E.

    La FUTURA casa si avvicinerà ai A 30 Kwh/mq.

    Supponiamo che me la fanno su di cacca, che mi dimentichi sempre il riscaldamento acceso per niente e che la VMC sia una fregatura ecc...

    Supponiamo quindi sui 70 Kwh/mq corrispondente ad una Classe C (case anni 80 come quella dove abito ora e che consuma più di quanto previsto nelle tabelle Casa Clima). Supponiamo il vero insomma.

    70 Kwh/mqX160mq= Kwh annui 11.200

    PDC Aria/acqua COP 2,5

    COSTO BOLLETTE ANNUO
    11200/2,5= Kwh 4480 x 0,20 (ottimistico)= € 896,00

    Questo è il mio caso e corrisponde con la bellissima tabella che mi hai dato tu. Sono felice che mi tornino i conti con un altra persona.

    ORA Mettiamo che io faccia la solita caldaia a condensazione BT come previsto in partenza.

    11200/9,4=Mc di gas 1191,49
    Io pago il Gas tasse e tutto incluso, a € 0,45/mc

    1191,49x0,45=€ 536,17

    CONSIDERAZIONI FINALI

    Mi allaccerò al Gas.

    1 -Sono stato ottimistico nei calcoli dedicati alla PDC dando un 2,5 di COP quando in inverno ho letto in giro che a temperature sotto lo ZERO il COP và anche sotto l'uno (io sono in zona E e si va spesso sotto zero soprattutto di sera e notte momenti in cui la casa mi serve calda ed un eventuale Fotovoltaico non produce quindi me la pago tutta l'energia a prezzo pieno).

    2- per una PDC devo sborsare sui 7000 euro in più e pagherò da subito una bolletta più alta del 70% senza considerare che se fai un unico contatore da 6 Kwh hai un bel fisso da pagare, e se fai il contatore dedicato fascia D3 comunque hai 2 fissi di cui uno " quello dedicato" che costa 100 euro annui.)

    3- nei calcoli del sistema caldaia a condensazione sono stato PESSIMISTA perchènon ho considerato che rende piu del 100% (107% dicono) quelli della Veissman ti danno un bel 112%. Io non mi fido di nessuno e freno sempre l'entusiasmo.

    4- avrei dovuto affrontare la spesa anche del piano cottura ad induzione con relative pentole... altri 1000-1200 euri. E poi vedere se la potenza disponibile mi bastava;

    5- sarebbe stato meglio mettersi un bel FV da almeno 3 Kwp: altri 10,000 euro si si ripagano ma intanto il mio mutuo cresce.

    6- dell'ENel e di tutte i suoi conti non mi fido. Sti giorni qui ho perso la testa tra le righe delle bollette. Non ce n'è una che abbia un criterio uguale. Questo per dire che: 0,20 potrebbe essere ottimistico come prezzo del Kwh perchè io non ho mai provato a consumare 4480 Kwh in un anno + i 1800 che consumo ora più altri ??? che dovrei ipoteticamente consumare per cucinare con la piastra. Visto che i prezzi salgono con il maggior consumo. L'incertezza verso la PDC e la speranza di poter contribuire alla diminuzione dell'inquinamento svanisce.

    Tutta colpa dei nostri politicanti del *****.

    Ma può essere che l'energia elettrica costi a parità di resa energetica 3 o 4 volte il metano?

    Mi sembra che l'Enel e l'ENEA facciano finta di promuovere le energie alternative, io sono qui che mi vvoglio fare una casa con coscienza verso l'ambiente ed il futuro, ho già scelto di farla in legno ben isolata, il che non costa proprio poco, ora sull'impiantistica, rimango basito dalla mancanza di riforme che cambino tutto il sistema. Cambiare si può.
    Se tutti avessimo ste PDC dimezzeremo il consumo di combustibili fossili.
    Basterebbe un incentivo VERO sulla tariffa energetica, adeguare le linee elettriche, ed il gas che non consumiamo fare corrente. In proporzione facendo i conti della serva, dimezzeremo il fabbisogno di GAS, gasolio e vari combustibili per il riscaldamento. Ma siamo in Italia.
    Ora vedo se trovo un incentivo per una caldaia a carbone, non si sa mai, magari ti danno la detrazione del 55%.

  10. #10
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    la soluzione te l'ha data fringui:
    metti il secondo contatore per PDC e il FV sul primo e in estate se usi il raffrescamento commuti dal secondo al primo.
    Il problema della piastra a induzione non è l'energia consumata annua, che è ridicola, quanto quello della potenza, se usi due "fuochi" sei già sui 3000 watt e a quel punto devi spegnere tutto l'altro, se hai un contratto da 3 kW.
    La pastra a induzione io la uso solo di giorno: estate e mezze stagioni quando il FV produce.
    Nonostante tutto in Italia c'è la possibilità di tariffe agevolate per la PDC, basta non piangere.
    Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

  11. #11
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    5150, sicuro che il metano ti costi solo 0,45 euro/mc? Il mio prezzo attuale, tasse e IVA comprese, è 0,733 euro/mc (Lombardia, zona Lecco, fornitore ACEL Service, scaglione fino a 1560 mc/anno).

    D'altra parte anche a me 0,20 euro/kWh per la corrente sembrano molto ottimistici, sarebbe un II scaglione di consumo (accise e IVA incluse), che mi sembra poco come media se usi una pdc.
    Segui il mio impianto solare termico ad integrazione riscaldamento con Rotex HPU Hybrid sul web:
    Solare termico di Sergio&Teresa
    Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500

  12. #12
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    PDC aria/acqua nella tua zona COP medio stagionale 3.4 ma considera pure 3, logicamente impianto radiante in bassa temperatura.

    http://www.energeticambiente.it/geot...ermico-fv.html

    Metano, prezzo medio 0.7-0.75
    Energia elettrica circa 0.25-0.26 (BTA tutto compreso)
    La spesa annua dovrebbe pareggiarsi con leggero vantaggio per la PDC.
    Il maggior vantaggio con una PDC si ha in zona non metanizzata.

    Confronta una buona caldaia a condensazione da circa 10 kW con una piccola PDC aria/acqua e vedrai che non spendi tanto di più!
    In più hai la possibilità di raffrescare con la stessa macchina.
    Predisponi tubazioni dall' accumulo al tetto per montare un domani un solare termico.
    Pienamente d' accordo nel scambiare BTA/FV quando possibile!
    Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

    Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
    http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

  13. #13
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito sono sicuro

    sono molto sicuro sul prezzo del metano, 0.45 al mc
    ho preso in mano le bollette anche di mia madre, e dei
    suoceri che hanno sempre Ascopiave come distributore.

    il prezzo include tutto tasse irpef regionale comunale, iva ecc...
    Non pubblico i miei dati per promuovere il gas, ripeto, sarebbe un sogno
    essere autonomi da questa fonte energetica.

    "Le tariffe agevolate ci sono basta non piangere" ecco io appunto vorrei
    non ritrovarmi in lacrime, dopo l'arrivo della bolletta.
    C'è qualcuno che sa dire con CERTEZZA il costo al Kwh applicato con il secondo contatore, comprensivo di tasse iva ecc...?
    Ho letto un 0,15 Kwh escluso tasse qualcuno mi conferma questo dato?
    e tassato quanto sarebbe? in teoria dai miei calcoli le famose "tasse" sono un 45% (incluso anche i vari fissi, però ci sarebbe da tener conto che il fisso di tale contatore è più alto di uno normale per usi domestici).
    0,15+45%=0,22 € al Kwh è un dato attendibile?

    Altro dubbio: A questo contatore Enel applicherà poi gli scaglioni di consumo? (più consumo più pago?)

    I conti che ho fatto sono giusti anzi troppo a favore della PDC e mi conforta che lo stesso metodo di calcolo lo aveva già impostato un altro utente più esperto di me.

    Certo se mi dite con certezza che il COP medio è di 3 la situazione migliora ancora a favore della PDC, ma il metano nel mio caso continua ad essere la soluzione vincente, anche se per poco(senza tener conto i 7000 euro da sborsare in piu per una PDC). Avendo fatto i conti della serva fino ad ora, visto che i due sistemi sembrano avvicinarsi avrei bisogno di dati più precisi ancora, quindi se qualcuno mi sà rispondere in merito al prezzo della corrente con il 2° contatore, magari chi ha già tale aggeggio in funzione...Magari ne vengo a capo in maniera più precisa. GRazie ragazzi.

    TEngo a precisare che non faccio gli interessi di nessuno e non vendo niente, sono un geometra comunale, e mi appassiona conoscere tutte le novità che interessano le abitazioni in genere, anche per poter consigliare i cittadini che mi fermano per strada persino per sapere certe cose, tipo quelli che non sono in zona metanizzata...Non sarei proprio la persona a cui chiedere di dimensionare l'impianto della propria casa, ma almeno saper dare qualche idea in merito alle alternative possibili. Per esempio la pompa di calore nessuno se la fila qui da noi. Neanche gli idraulici. Loro vanno avanti con le caldaie, cioè con quello che sanno fare, apparecchi che comunque poi gli consentono di avere lavoro anche per il futuro rispetto alle PDC che sembra non richiedano molta manutenzione... Non voglio farmi cogliere impreparato e soprattutto non voglio indorare la pillola a nessuno, bisogna stare con i piedi per terra ed analizzare tutto. Passione semplice che ora diventa esigenza personale. Ciao a tutti.

  14. #14
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Qui trovi tutte, ma proprio tutte le risposte ai tuoi dubbi:
    Secondo contatore per pompe di calore
    In particolare la BTA è l'unica tariffa trioraria e non ha "scaglioni di consumo".
    Quando autoconsumiamo 1 kWh di energia del nostro impianto FV stiamo "evitando" di far produrre in Italia 2,43 kWh di energia primaria.

  15. #15
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    5150
    Per quanto riguarda il gas spendiamo 1200 euro all'anno per circa 1800 Mc di gas (tasse tutto incluso).
    1200/1800=0.667



    Qui trovi le tariffe BTA
    Acquirente Unico S.p.A.

    Come vedi dalle tariffe più consumi e meno paghi!
    Il dubbio rimane quando con un abitazione che disperde poco e quindi minimo prelievo di energia elettrica.
    Secondo me conviene investire un pò di più sul FV, far passare una stagione e valutare con dati alla mano il secondo contatore.

    Esempio:
    Prelevi tot energia elettrica a 0.26-0.27, l' energia immessa viene valorizzata 0.11 e quindi porta il prezzo per il prelievo a 0.15-0.16.
    La stessa quantità di energia, autoconsumo + prelievo, quanto mi costa il prelievo con tariffa BTA?

    Non spendi 7000 € in più per una PDC rispetto a una buona caldaia e ripeto buona caldaia
    Una PDC che lavora su un impianto ben dimensionato ha sempre i suoi vantaggi

    Logicamente se prendi la solita caldaia '' da cantiere '' da 24 kW, con minimo accumulo e ti va bene che con i frequenti on-off, risulta sovradimensionata e difficilmente andrà in modulazione, il calore se ne vada per la canna fumaria investi molto meno ma devo ricordarti che tutti i tuoi calcoli non valgono niente

    Ciao
    Battezzato "Uomo capellone del Monte---llo"

    Rilievi consumi-produzione PDC aria/acqua:
    http://www.energeticambiente.it/casa...ermico-fv.html

  16. #16
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    si si quel 1200 all'anno era parecchie discussioni più su, ora ho scandagliato le bollette per bene e come vedi dopo ho cambiato i valori. Prima mi ero posto superficialmente con dati grossolani ma poi in un fine settimana mi sono messo sotto con fogli excel e dati alla mano.
    Ho guardato le tariffe che hai messo Jekterm e siamo per consumi di 4500 Kwh ad € 0.1940 non capisco però perchè in quella tabella c'è l'IVA al 20%...
    Invece per Dotting, non riesco a trovare ancora un importo al Kwh in quel link che mi hai mandato, tra l'altro una discussione del 2009 che avevo già letto molto interessante, ma meglio ancora se qualcuno di voi ha le bollette a casa e fa i consumi totale diviso l'importo finale.

  17. #17
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Anche se sono sicuro che un MC di metano da me costa 0,45€/mc
    facciamo un ulteriore confronto ipotizzando costi 0,70 € mc
    rispetto ad una
    PDC Aria/acqua COP 3 come valore medio annuo suggerito da qualcuno di voi per le zone climatiche E

    COSTO BOLLETTE ANNUO riscaldamento

    11200 Kwh /3= Kwh 3733,34 x 0,20 € al Kwh= € 746,67

    CONFRONTO CON solita caldaia a condensazione BT rendimento 105%.

    11200/9,4=Mc di gas 1191,49 / 105% =1135,75 mc
    io lo pago a € 0,45/mc supponiamo cresca a 0,70 € mc

    1135.78x0.70=€ 794,32

    CONCLUSIONE
    € 48 in più annui per la soluzione a gas supponendo un costo
    dello stesso piu alto del 35% ipotesi spero lontana per me...

    in ogni caso il secondo contatore ha dei costi fissi abbastanza alti,
    senza contare i costi di allacciamento, che supponiamo
    si annullino con quelli che dovrei ugualmente sostenere per il gas.

    Anche se qualcuno del forum mi fa ben sperare che una PDC
    costi meno di 7000 euro (in realtà ho preventivi anche per 5000)
    è sempre un costo da tenere in conto soprattutto quando
    ti giri in spazi economici molto ristretti, nulli direi nel mio caso
    visto che dovrò fare un mutuo.

    Per ammortizzare quindi 5000 euro, con quei 48 euro di vantaggio che
    mi darebbe la PDC quel giorno in cui paghero 70 centesimi al metro cubo,
    (pagandone oggi 45!) mi ci vorranno poco più di 10 anni, a patto che entro un
    anno momento in cui installero una PDC il costo del gas cresca del 35%.

    Con tutti questi SE e MA ripeto che per uno come me che non ha
    in tasca quei 10.000 per il FV e altri 5000 per la PDC, stante i conti fatti,
    meglio stare calmi. Inoltre fonti autorevoli (mia moglie che lavora in banca)
    dice che i tassi si stanno alzando e nel 2013 avremo un +3 rispetto ad ora.
    Questo dato per chi ha un mutuo è abbastanza avvilente.
    Si rischia che l'investimento del FV non sia più tale, in quanto il contributo
    GSE non ripaga le rate del mutuo, già ora siamo risicati figurarsi se alzano i tassi.

    Quando la caldaia sarà KO tra 10 anni sarò pronto auspicando
    in maggiori agevolazioni fiscali, tariffe, e costi delle PDC inferiori con
    e performance migliori, ed il mutuo sara finito...

  18. #18
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Scusa se insisto..., ma i prezzi del gas esposti in rete da Ascotrade sono un po' diversi da quelli che dici:
    http://www.ascotrade.it/media/pdf/AS...01-04-2011.xls
    Per quanto riguarda le accise:
    http://www.ascotrade.it/media/pdf/Veneto_01-01-2010.pdf

    Gli scaglioni da considerare sono quelli da 121 a 480 mc e da 481 a 1560 mc nel tuo caso (guarda caso i più costosi, e senza accise + IVA siamo già a 0.434 e 0.456 euro/mc): sullo scaglione più alto l'IVA è del 20%...

    Non sto dicendo che stai facendo promozione, dico solo che forse dovresti leggere meglio le bollette, tutto qua. Se poi ci sono degli sconti, buon per voi...

    Per quanto riguarda i conti, 9.4 kwh/mc per il metano è già un calcolo che tiene conto di un rendimento diverso dal 100% del Pcs (il 105% è rispetto al Pci, e non va bene usarlo per dividere il dato in mc ricavato dalla conversione dai kWh): sulle bollette dovrebbe essere riportato il dato del Pcs del vostro gas, vedrai che è molto più alto di 9.4 kWh/mc. Secondo me puoi usare tranquillamente 10 kWh/mc per fare la conversione.

    Ciao
    Sergio
    Segui il mio impianto solare termico ad integrazione riscaldamento con Rotex HPU Hybrid sul web:
    Solare termico di Sergio&Teresa
    Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500

  19. #19
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Jekterm Visualizza il messaggio
    Esempio:
    Prelevi tot energia elettrica a 0.26-0.27, l' energia immessa viene valorizzata 0.11 e quindi porta il prezzo per il prelievo a 0.15-0.16.
    ??

    A meno di non avere un impianto monstre... ben difficilmente la valorizzazione dell'immesso ti abbatterà a 0.15-0.16 euro/kWh tutta la quota di energia elettrica prelevata....

    Controes.:
    Hai prelevato 3700 kWh a 0.26 euro/kWh = 962 euro
    Hai immesso 1800 kWh valorizzati a 0.11 euro/kWh = 198 euro

    Spesa netta: 764 euro, ovvero 0.206 euro/kWh prelevato.

    Per immettere 3700 kWh in rete + autoconsumo devi fare un impiantone. 1800 kWh è quello che ho immesso io (+900 kWh di autoconsumo) l'anno scorso con il mio fv da 2.58 kWp....
    Segui il mio impianto solare termico ad integrazione riscaldamento con Rotex HPU Hybrid sul web:
    Solare termico di Sergio&Teresa
    Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500

  20. #20
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito bo...

    a sto punto non so se mi sbaglio.
    Ti spiego come faccio, perchè inizialmente mi ero messo di buona voglia e mi ero fatto un file XLS con tutte le voci sputate alle ultime bollette di ENEL ed ASCOPIAVE mi tornavano i conti bastava inserire i consumi , poi ho visto che le bollette cambiavano di mese in mese man mano che cercavo di inserire quelle più vecchie mancavano voci (assurde).

    Allora ho preso il TOTALE IVATO TASSATO ed l'ho diviso per il consumo del relativo periodo = prezzo al Kwh, niente di piu semplice per tagliare la testa al toro.

    Non contento, analizzando i vari prezzi al Kwh che mi risultavano per ogni bimestre di bolletta, ho riscontrato un delta massimo di 0.05 € circa tra una bi-mensilità e l'altra, cosi ho fatto poi una media ponderata dei prezzi al Kwh arrotondando poi il prezzo per eccesso.

    Se volete scannerizzo un paio di bollette.
    Ieri per esempio mi è arrivata quella dell'Enel. Ho diviso il totale per i consumi effettivi, e mi è venuto 0.141 E al Kwh..... Ovvio che va mediato su base annua è troppo basso come valore...

    Comunque nessuno ha la Pompa di Calore attaccata al famoso 2 contatore dedicato a casa e puo fare un conto tipo il mio? Totale della bolletta tutto incluso (tasse ecc...) diviso il consumo effettivo?

    Io cerco quello. Me ne frego del sito ENEL e dei vari rivenditori che mi danno il prezzo netto con tutte le voci da aggiungere dopo che diventi matto a capire solo di cosa si tratta, voglio un prezzo da chi ne fà un normale uso casalingo. Un prezzo vero tutto incluso senza sorprese. Sapere che costa 0.15 al netto di tutto il resto non mi serve a niente....O no?

    Prendi il mio caso con il Gas di Ascopiave, sembra che costi di più dici. ..Eppure la bolletta quella è...Meglio per me ma sarebbe da capirci qualcosa...Oggi telefono a tutti i numeri verdi immaginabili possibili. Qualcuno sazierà la mia richiesta di prezzi? spero bene l'ultima volta mi sono cotto l'orecchio nell'attesa.
    Ciao Dario.

  21. RAD
Pagina 1 di 5 12345 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Mezzi elettrici autocostruiti (anche retrofit)
    Da Leonardon nel forum RETROFIT elettrico
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 11-09-2013, 13:32
  2. Certi mezzi elettrici non brillano per solidità, ma il mio...
    Da ccriss nel forum Categoria L3 (es. moto elettriche)
    Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 02-01-2013, 18:13
  3. Punti di ricarica per mezzi elettrici! Ricarica amica!
    Da kyorba nel forum Categoria M1 (es. auto elettriche)
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 06-08-2012, 08:05
  4. KTM cross elettrica e mezzi agricoli elettrici
    Da SiPuòFare nel forum Categoria L1/L3 (es. scooters/moto trasformate elettriche)
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 04-11-2008, 12:25
  5. Mercato dei mezzi elettrici usati
    Da nel forum Veicoli ELETTRICI: auto elettriche, moto elettriche (veicoli a propulsione elettrica)
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 24-01-2007, 17:31

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •