Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3

Discussione: Intervenire su impianto o su coibentazione.

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Intervenire su impianto o su coibentazione.



    Salve a tutti,

    SIamo una famiglia con due bimbi e due cani e vorremmo realizzare la casa dei nostri sogni e cioe' una casa unifamiliare di circa 250 metri calpestabili su due piani.

    Naturalmente stiamo valutando l'acquisto di un terreno dove poterla costruire rispettando I canoni energetici del momento ed avere una casa che consume poco in termini di fabbisogno energetico.

    Detto questo stiamo dando uno sguardo anche all'usato e in particolare abbiamo identificato una bellissima villa unifamiliare costruita alla fine del 2006 che farebbe proprio al caso nostro con un risparmio sul prezzo finale di almeno 200-250 mila euro. (almeno vedendo quello che chiedono per le case unifamiliari in classe A finite nella mia zona: Ferrara).

    Questa casa non ha un cappotto esterno ed e' costruita In laterizio di Poroton alveolato da 30cm e tetto in calcestruzzo classico. L'unica coibentazione e' al livello del solaio soffitto con un doppio materassino di lana di roccia.. L'impianto di riscaldamento/raffrescamento e' fatto con ventilconvettori che fanno sia caldo che freddo collegati a una classica caldaia stagna e a una unita' di refrigerazione.

    poiche' il metano non arriva, l'impianto e' a GPL e i costi medi annuali per il riscaldamento sono di circa 4500 euro. (la casa la danno certificate in classe D)

    E qui viene il dilemma. Sto valutando dove poter intervenire per poter migliorare energeticamente la casa (cappotto esterno, fotovoltaico + PDC, etc.) in modo da avere un'idea di quanto dovrei spendere e vedere se l'acquisto dell'usato vale ancora la pena rispetto a avventurarsi in una nuova costruzione.

    Tanto sono sicuro che come nell'usato anche con il nuovo la casa perdera' subito di valore viste le continue restrizioni in termini di efficienza energetica dei nuovi fabbricati.

    Voi che ne pensate?

  2. #2
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    l'usato conviene se prendi una casa e vuoi ristrutturarla integralmente,è meglio che sia
    in cattive condizioni così almeno non paghi delle cose che poi butti via,
    se invece la prendi abitabile,che abbia impianti elettrico e idraulico a norma e pavimenti
    in ordine se lo sono anche i bagni tanto meglio,l'isolamento è sempre prioritario,e valutare
    la tenuta degli infissi,poi se avanzano dei soldi il fotovoltaico,abbinato con impianto di climatizzazione
    con gli split,il gpl lo tieni solo se fa molto freddo

  3. #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da degiovab Visualizza il messaggio
    Salve a tutti,

    SIamo una famiglia con due bimbi e due cani e vorremmo realizzare la casa dei nostri sogni e cioe' una casa unifamiliare di circa 250 metri calpestabili su due piani.


    Detto questo stiamo dando uno sguardo anche all'usato e in particolare abbiamo identificato una bellissima villa unifamiliare costruita alla fine del 2006 che farebbe proprio al caso nostro con un risparmio sul prezzo finale di almeno 200-250 mila euro. (almeno vedendo quello che chiedono per le case unifamiliari in classe A finite nella mia zona: Ferrara).


    poiche' il metano non arriva, l'impianto e' a GPL e i costi medi annuali per il riscaldamento sono di circa 4500 euro. (la casa la danno certificate in classe D)

    E qui viene il dilemma. Sto valutando dove poter intervenire per poter migliorare energeticamente la casa (cappotto esterno, fotovoltaico + PDC, etc.) in modo da avere un'idea di quanto dovrei spendere e vedere se l'acquisto dell'usato vale ancora la pena rispetto a avventurarsi in una nuova costruzione.

    Tanto sono sicuro che come nell'usato anche con il nuovo la casa perdera' subito di valore viste le continue restrizioni in termini di efficienza energetica dei nuovi fabbricati.

    Voi che ne pensate?
    Ho comprato casa usata circa due anni fa. Avevo pochi soldi a disposizione, e quelli che avevo li ho usati per sostituire l'impianto a gpl con uno a biomassa. Ho speso 12000 euro, in 10 anni ne riprendo 8000 al 65%, e spendo la metà ogni anno rispetto al gpl. Non puoi sbagliare sostituendo il gpl o almeno è davvero difficile. Tenendo conto dei consumi annuali, e delle detrazioni, a mio parere, intervenire sulla caldaia è la cosa primaria.
    Poi e solo poi valuterei un cappotto termico, ma occorrono i soldi.
    Comunque, rispetto al gpl, non puoi sbagliare.
    Questo a mio modesto avviso, di uno che purtroppo, deve contare sempre i soldi.

  4. RAD

Discussioni simili

  1. Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 14-03-2014, 15:23
  2. Fai da te Come far intervenire la rete elettrica quando la batteria e` scarica
    Da MrNicoIosolo nel forum Fai Da Te
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 18-04-2012, 06:02
  3. Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 27-12-2011, 07:26
  4. Coibentazione impianto solare termico
    Da aaras nel forum Intervenire su impianto o su coibentazione.Solare TERMICO
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-08-2011, 18:58
  5. FV+Ethernit: Necessario intervenire su tutta superficie copertura??
    Da Stagno nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 11-05-2010, 21:15

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •