ComproGreen.it
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 7 su 7

Discussione: Eliminazione caldaia a gasolio e nuovo impianto (termocamino + pdc ?)

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Eliminazione caldaia a gasolio e nuovo impianto (termocamino + pdc ?)



    [ATTENZIONE UTENTE PROLISSO]

    Buongiorno a tutti,
    E' il mio primo messaggio nel forum ma vi leggo da moltissimo e innanzitutto complimenti a tutti: questo forum è una fucina di idee e di ignegni impressionante, inoltre vedere che molte persone abbiano così a cuore la questione energetica e l'ambiente è rincuorante!

    Ma veniamo al dunque.. Devo tornare a vivere nella mia vecchia casa in cui è presente una obsoleta (per non dire antiquata ed anacronistica) caldaia a gasolio, che quando siamo usciti dalla casa è stata bruciata a causa di un fulmine (o meglio, la caldaia funziona ma è stato bruciato tutto il comparto elettrico quindi è da accendere manualmente ecc), inoltre tutto il gasolio della cisterna si è addensato e ha intasato i tubi di pompaggio (quindi sarebbe da svuotare, pulire ecc).

    La casa è di 150 mt2, zona climatica E (friuli collinare), su due piani più garage (e cantina) interrato, poco isolata (doppie finestre ma vecchio stile, vetri sottili),
    ci vivrebbe attivamente solo mio padre (che ha orari di ristorante quindi pranzi e cene) e sporadicamente io (che sono all'università) e i miei 2 fratelli (raramente saremo tutti e 4 in casa assieme per più di 3 giorni). Fino a quando ha funzionato, sia acs che riscaldamento erano prodotti da questa caldaia (29 kw) in congiunta ad una stufa a legna (solo per riscaldamento, ma da sola non riesce a scaldare entrambi i piani per via delle scale).

    In sostanza per questa caldaia sarebbero da fare un paio di lavori per 3000-5000 euro (stima alla buona e ottimistica), quindi ho pensato che non fosse il caso nel 2017 di rimanere con questi mezzi post-guerra e vorrei direttamente eliminare questo residuo preistorico (mi scuso con tutti i sostenitore e tecnici di caldaie a gasolio ahah) e sostituirla con:
    -Termocamino (Helios, Famar, Thermorossi o Vulcano, sono ancora indeciso e sto visionando tutti i modelli) da 29 o 32 kw per inverno, che possa produrmi calore per camere (siccome la canna fumaria è interna e passa tra le due camere al primo piano, vorrei sfruttarla per scaldarle direttamente da lì se possibile), acs ed eventualmente nei giorni più freddi anche i termosifoni. La legna qua costa poco e riusciremmo anche a produrla (abbiamo un pezzo di bosco da curare) quindi mi sembra il mezzo migliore e meno costoso, nonchè sicuramente più rinnovabile e verde del gasolio.
    -PDC (ariston nuos mi sembra il migliore ad occhio) aria-acqua per acs per il resto dell'anno (primavera-estate-autunno)

    Ed eventualmente puffer (che mi pare di capire valgano la pena in questi casi), il tutto poi andando ad integrarsi con un FV il prima possibile poichè per ora la mia priorità va ovviamente all'acqua calda e riscaldamento visto che ne siamo praticamente privi (poichè l'attuale caldaia consuma esageratamente ed è troppo dispersiva).
    Sarebbe bello se potessi eliminare completamente questo pachiderma rosso che ho nella sala termica (di spazi ne ho e non sarebbe un problema per qualsiasi cosa) per qualcosa di più "verde", ma volendo posso tenerla com'è ad eventuale supporto nei momenti più difficili (o se non altro nel caso in cui uno dei due dia problemi)

    Pensate che possa bastare?

    Premetto di essere un totale incompetente in materia, ho avuto qualche aiuto da un amico che ne sa qualcosa di più e sono settimane che leggo (specialmente questo forum), ma la mia conoscenza rimane parecchio fallace, perciò rimango ad un livello da idealista che crede di risolvere tutto premendo due bottoni "acquista" e via.. Perciò caXXiatemi pure se necessario!
    Specifico che il budget (per i soli prodotti puri, senza costi di installazione, ecc) sarebbe bello se rientrasse nei 5000 euro (ho calcolato un 3000 di tc + 1000 di pdc + 500 eventuali di puffer), quindi non troppo esagerato.

    In ogni caso grazie a priori per l'aiuto che mi avete dato in tutto questo tempo anche solo rispondendo alle discussioni di altri utenti ahahah e grazie a chi mi risponderà!

  2. #2
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao, ti parlo della mia esperienza:

    1- il tuo budget lo aumenterei di almeno 3000€
    2- io ho un appartamento al primo piano (piano terra disabitato e aperto, sopra ho il sottotetto), di 130m2 ed isolato: mattoni da 25cm + 6cm isolante + forati da 8 cm. Il fabbisogno RILEVATO in riscaldamento è di 17 MWh annui
    3- Riscaldo l'ambiente in inverno con termocamino ravelli da 16 kW. Nei giorni più freddi, (a Padova, temperatura esterna MEDIA GIORNALIERA minima di questo inverno = -4.7°C) il termocamino era sotto stress ma andava bene.
    4- Riscaldo ACS in inverno con il termocamino
    5- Riscaldo in primavera-estate-autunno con PDC riello da 300lt (ottimo in 2-3 persone, ma credo che se fossimo in 5 l'ultimo si troverebbe l'acqua della doccia fredda). Tanto per darti un'idea, il consumo mensile di energia elettrica è sui 12 euro.

    Nella situazione sopra descritta ti dico che mi trovo benissimo.

    Per quanto riguarda il caso tuo vedi di dimensionare bene il termocamino rispetto al fabbisogno della casa, che da quanto dici è grande e poco isolata.

    Ah, occhio a non inventarti cose strane sui recuperi termici dalla canna fumaria... se raffreddi troppo i gas andrai a ridurre il tiraggio, rischi quindi di compromettere il funzionamento.

  3. #3
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    La via migliore per risparmiare io la vedo con sole 2 soluzioni ( se hai disponibilita di metano ):

    1) metano a condensazione con produzione di ACS in istantanea ( basso costo, ottimo risparmio )
    2) caldaia ibrida PDC/Metano ( maggior risparmio ma maggior investimento )
    Segui on-line il funzionamento del mio impianto solare termico a svuotamento.


    Impianto Fotovoltaico: 7 Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15

  4. #4
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie infinite ad entrambi per le risposte, rispondo per ordine:

    Quote Originariamente inviata da andrix988 Visualizza il messaggio
    Ciao, ti parlo della mia esperienza:

    1- il tuo budget lo aumenterei di almeno 3000€
    2- io ho un appartamento al primo piano (piano terra disabitato e aperto, sopra ho il sottotetto), di 130m2 ed isolato: mattoni da 25cm + 6cm isolante + forati da 8 cm. Il fabbisogno RILEVATO in riscaldamento è di 17 MWh annui
    3- Riscaldo l'ambiente in inverno con termocamino ravelli da 16 kW. Nei giorni più freddi, (a Padova, temperatura esterna MEDIA GIORNALIERA minima di questo inverno = -4.7°C) il termocamino era sotto stress ma andava bene.
    4- Riscaldo ACS in inverno con il termocamino
    5- Riscaldo in primavera-estate-autunno con PDC riello da 300lt (ottimo in 2-3 persone, ma credo che se fossimo in 5 l'ultimo si troverebbe l'acqua della doccia fredda). Tanto per darti un'idea, il consumo mensile di energia elettrica è sui 12 euro.

    Nella situazione sopra descritta ti dico che mi trovo benissimo.

    Per quanto riguarda il caso tuo vedi di dimensionare bene il termocamino rispetto al fabbisogno della casa, che da quanto dici è grande e poco isolata.

    Ah, occhio a non inventarti cose strane sui recuperi termici dalla canna fumaria... se raffreddi troppo i gas andrai a ridurre il tiraggio, rischi quindi di compromettere il funzionamento.
    3000 di costi aggiuntivi per i soli componenti principali dici? Perchè io nei 5000 calcolavo solo il prezzo di listino di tc+pdc+puffer (tc vulcano/famar da 29kw 2500/3000€, puffer 500lt 500€, pdc ariston 1100€) poi per rivestimenti, allacciamenti, installazioni varie faccio un conto a parte.
    Sotto stress significa che tenevi il tc acceso tutto il tempo e ben caricato?
    Molto utili ed indicativi i dati su pdc e fabbisogno, per quest'ultimo facendo un calcolo grezzo avevo ottenuto una cifra simile, ti ringrazio della conferma. Se non altro lo posso usare come valore di riferimento, magari se anche non preciso.
    Io il tc pensavo di prenderlo da 29 kw semplicemente (e semplicisticamente) emulando la potenza della caldaia, poi non so se sia necessario magari qualche kw in più (ho visto che i modelli son da 29 o 32 kw).
    Per quanto riguarda i fumi, in realtà la canna fumaria in sè (il tubo) passa dentro una struttura in mattone, la quale è adiacente (e sporge) alle camere. Perciò la mia idea era di bucare la muratura ed inserire una bocchetta per recuperare il calore che passa nella canna fumaria oppure far entrare altri due tubi affianco alla canna che dalla termostufa (o dal rivestimento) sbucano nelle camere. Dici che comunque rischio di comprometterla? Non so se abbia reso l'dea comunque

    Quote Originariamente inviata da fcattaneo Visualizza il messaggio
    La via migliore per risparmiare io la vedo con sole 2 soluzioni ( se hai disponibilita di metano ):

    1) metano a condensazione con produzione di ACS in istantanea ( basso costo, ottimo risparmio )
    2) caldaia ibrida PDC/Metano ( maggior risparmio ma maggior investimento )
    Grazie del consiglio ma purtroppo non ho disponibilità di metano. Dovrei fare l'allacciamento od inserire una cisterna per accumulo, il che comporterebbe un costo supplementare (per non parlare di tempistiche e procedimenti) non indifferente.

  5. #5
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Romolus1 Visualizza il messaggio
    3000 di costi aggiuntivi per i soli componenti principali dici? Perchè io nei 5000 calcolavo solo il prezzo di listino di tc+pdc+puffer (tc vulcano/famar da 29kw 2500/3000€, puffer 500lt 500€, pdc ariston 1100€) poi per rivestimenti, allacciamenti, installazioni varie faccio un conto a parte.
    Non so, mi sembrano bassi come costi, ma se li hai già verificati è meglio per te. Per dire, il mio termocamino ravelli da 16kW mi pare di averlo pagato di listino 2500 euro (ed ha metà della potenza di quelli che stai vedendo te). La pompa di calore Riello nexpro300 mi pare che stava sui 2800 euro. Magari son stato fregato io eh...

    scheda sito.PNG

    Quote Originariamente inviata da Romolus1 Visualizza il messaggio
    Sotto stress significa che tenevi il tc acceso tutto il tempo e ben caricato?
    ti dò dei numeri, nei 2-3 giorni più freddi questo inverno ha consumato 40 kg/giorno di pellet,quindi per 10 ore ha lavorato a massima potenza.

    Quote Originariamente inviata da Romolus1 Visualizza il messaggio
    Per quanto riguarda i fumi, in realtà la canna fumaria in sè (il tubo) passa dentro una struttura in mattone, la quale è adiacente (e sporge) alle camere. Perciò la mia idea era di bucare la muratura ed inserire una bocchetta per recuperare il calore che passa nella canna fumaria oppure far entrare altri due tubi affianco alla canna che dalla termostufa (o dal rivestimento) sbucano nelle camere. Dici che comunque rischio di comprometterla? Non so se abbia reso l'dea comunque
    Il punto è che il tiraggio del camino funziona bene proprio perchè i fumi sono ad alta temperatura. Prelevare energia termica dal camino equivale ovviamente a raffreddare i fumi. Sicuramente un recupero energetico si può fare, ma l'entità della potenza termica che puoi prelevare dal camino senza comprometterne il funzionamento, bhe, questo è un tema tutt'altro che banale.


    Quote Originariamente inviata da fcattaneo Visualizza il messaggio
    La via migliore per risparmiare io la vedo con sole 2 soluzioni ( se hai disponibilita di metano ):

    1) metano a condensazione con produzione di ACS in istantanea ( basso costo, ottimo risparmio )
    2) caldaia ibrida PDC/Metano ( maggior risparmio ma maggior investimento )
    a prescindere dal fatto se ne ha possibilità o no, anche per quanto mi riguarda, dopo diversi studi di fattibilità e rientro dell'investimento, il metano risultava il TOP (non di molto comunque rispetto al pellet).

  6. #6
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da andrix988 Visualizza il messaggio
    Non so, mi sembrano bassi come costi, ma se li hai già verificati è meglio per te. Per dire, il mio termocamino ravelli da 16kW mi pare di averlo pagato di listino 2500 euro (ed ha metà della potenza di quelli che stai vedendo te). La pompa di calore Riello nexpro300 mi pare che stava sui 2800 euro. Magari son stato fregato io eh...


    ti dò dei numeri, nei 2-3 giorni più freddi questo inverno ha consumato 40 kg/giorno di pellet,quindi per 10 ore ha lavorato a massima potenza.


    Il punto è che il tiraggio del camino funziona bene proprio perchè i fumi sono ad alta temperatura. Prelevare energia termica dal camino equivale ovviamente a raffreddare i fumi. Sicuramente un recupero energetico si può fare, ma l'entità della potenza termica che puoi prelevare dal camino senza comprometterne il funzionamento, bhe, questo è un tema tutt'altro che banale.




    a prescindere dal fatto se ne ha possibilità o no, anche per quanto mi riguarda, dopo diversi studi di fattibilità e rientro dell'investimento, il metano risultava il TOP (non di molto comunque rispetto al pellet).
    Per quanto riguarda i costi, facendo un confronto su internet, credo i nostri numeri siano sfasati poichè io mi riferisco ad un tc a legna + pdc da 100l mentre tu a tc a pellet + pdc da 300l i quali costano entrambi di più, chiaramente. Ad ogni modo nei prossimi giorni appena riaprono i negozi e andrò a fare incetta di prezzi nella mia zona, così da capire se convenga piuttosto comprare su internet e pagare in zona solo l'installazione.
    La pdc a 100l è pensata in abbinamento obbligatorio ad un puffer, o meglio, io ho fatto questo semplice ragionamento (e correggimi brutalmente se sbaglio): Dovendo immettere tutto nel puffer, l'accumulo della pdc è quasi ininfluente visto che non sarà lei a fare da serbatoio, quindi tanto vale prendere la versione da 80 o 100l di accumulo e coprire il maggior costo dell'accumulo della pdc con il puffer (supplendo anche alla minor potenza della pdc calcolando tempistiche di riscaldamento più dilatate). Altrimenti senza puffer chiaramente mi oriento su 200l-300l (perchè saranno veramente poche le occasioni in cui ci saranno grandi consumi in breve tempo, e anche quelle si possono gestire).

    Il dimensionamento del puffer, da quel che ho letto sul forum, è il problema più spesso posto e più complicato quindi penso che mi rivolgerò ad un tecnico direttamente.

    Questione fumi direi che dunque si possa evitare, penserò a qualcos'altro.

    Una sola altra domanda: Se volessi cambiare anche i radiatori, con un sistema simile di che materiale converrebbe comprarli?

  7. #7
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ti rispondo per quello che posso...

    Quote Originariamente inviata da Romolus1 Visualizza il messaggio
    Per quanto riguarda i costi, facendo un confronto su internet, credo i nostri numeri siano sfasati poichè io mi riferisco ad un tc a legna + pdc da 100l mentre tu a tc a pellet + pdc da 300l i quali costano entrambi di più, chiaramente.
    vero

    La pdc a 100l è pensata in abbinamento obbligatorio ad un puffer, o meglio, io ho fatto questo semplice ragionamento (e correggimi brutalmente se sbaglio): Dovendo immettere tutto nel puffer, l'accumulo della pdc è quasi ininfluente visto che non sarà lei a fare da serbatoio.
    nel mio caso, sia in estate che in inverno quello che dici te non accade:
    - inverno: il tc riscalda prima l'accumulo della pdc, quando questo arriva intemperatura una valvola 3 vie commuta l'acqua calda del tc verso il puffer. l'accumulo della pdc non viene mai riscaldato dal puffer (sarebbe possibile ma avrebbe poco senso)
    - estate: il puffer è a temperatura ambiente, mentre l'accumulo della pdc viene riscaldato dalla pdc stessa.
    Premesso che con tc acceso i 100 l di accumulo per acs ti bastano (con 30 kW termici del tc riporti i 100l in temperatura in poco tempo), d'estate come pensavi di fare? vorresti scaldare il puffer da 300 l (o quelli che sono) usando una serpentina aggiuntiva sulla pdc? teoricamente si piu fare...ma lo vedo veramente poco efficiente come sistema...

  8. RAD

Discussioni simili

  1. Nuovo impianto integrazione caldaia gpl/termocamino
    Da Andreasuper nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 28
    Ultimo messaggio: 18-02-2016, 23:02
  2. Nuovo impianto di riscaldamento, passare dal gasolio a ...?
    Da jhonny nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 01-05-2015, 13:34
  3. Nuovo impianto termocamino caldaia bollitore
    Da giovanni79 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 31-12-2014, 13:31
  4. Caldaia pellet + termocamino + sanicube - nuovo impianto radiante a pavimento
    Da chiari nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 22-02-2013, 15:23
  5. Termocamino e Caldaia a gasolio.
    Da tat1 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 08-11-2010, 23:19

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •