ComproGreen.it
Mi Piace! Mi Piace!:  1
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 22

Discussione: Riscaldamento a pavimento, conviene tenerlo acceso la notte?

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Riscaldamento a pavimento, conviene tenerlo acceso la notte?



    Salve a tutti,
    avrei bisogno di un consiglio su come impostare il riscaldamento a pavimento, perché non me ne intendo per nulla e non vorrei consumare troppo questo inverno sfruttando l’efficienza dell’impianto. Nello specifico mi chiedo: come dovrei impostare il cronotermostato? In particolare col mio posso programmare una temperatura minima ed una di confort. Conviene tenere la temperatura sempre costante tutto il giorno, o è giusto impostare la temperatura minima quando sono fuori casa?ed è giusto tenerlo spento durante la notte?vi faccio l’esempio di come è impostato ora: ho impostato 19,5 gradi nelle fasce orarie 6-8:30, 13:30-15:30, 18:00-19:30, 21:30-23:00, mentre la temperatura minima nelle fasce di mezzo e infine spento dalle 23:00 all 6:00...
    Può andare bene? Oppure sto completamente sbagliando?vi ringrazio in anticipo

  2. #2
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    E' gia completamente sbagliato avere il cronotermostato..

    Un impianto di riscaldamento, soprattutto se del tipo radiante, deve funzionare h24 e la temperatura dell'acqua deve essere regolata climaticamente tramite sonda esterna che agisce direttamente regolando la caldaia i la PDC ( a secondo del tipo di generatore adottato ).

    F.
    Segui on-line il funzionamento del mio impianto solare termico a svuotamento.


    Impianto Fotovoltaico: 7 Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15

  3. #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quindi anche di notte non dovrei mai spegnerlo?

  4. #4
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Prima di tutto devi avere regolazione climatica della T di mandata, poi si valuta se e come spegnere (o ridurre) di notte.

    Hai la sonda climatica?


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Pro
    Segui il mio impianto solare termico ad integrazione riscaldamento con Rotex HPU Hybrid sul web:
    Solare termico di Sergio&Teresa
    Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500

  5. #5
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    A me hanno installato una sonda climatica esterna che dialoga con una centralina posta nella centrale termica, dove ho impostato la temperatura che desidero in casa, e per differenza termica mi fa circolare l'acqua. Che io sappia, l'acqua dell'impianto è sempre in circolo e la temperatura interna rimane costante 24h...per diminuire la temperatura nelle stanze da letto al piano superiore, ho agito direttamente sui collettori, così da poter avere temperature differenti in camera piuttosto che in bagno o in studio....il mio impianto ha 10 anni però, può essere che ad oggi ci siano tecniche differenti....

  6. #6
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Lightbulb

    Quote Originariamente inviata da sergio&teresa Visualizza il messaggio
    Prima di tutto devi avere regolazione climatica della T di mandata, poi si valuta se e come spegnere (o ridurre) di notte.

    Hai la sonda climatica?
    ciao @sergio&teresa, avrei bisogno di qualche consiglio, il tutto finalizzato al risparmio senza rinunciare al confort.
    il mio impianto ha un radiante alimentato da una PDC da 6kw abbinata ad una caldaia a condensazione tramite un gestore elettronico che valuta la convenienza della pdc o della caldaia.
    al momento va di sola PDC a meno che non ci sia una integrazione temporanea della caldaia che aiuta la pdc a scaldare l'acqua.
    casa in prov di Taranto, zona climatica C, 155 mq calpestabili, classe di efficienza C.

    mi trovo in queste situazioni: di giorno ho il FV e quindi ho convenienza a scaldare casa, ma avendo la sonda esterna ed essendoci a taranto grandi escursioni termiche, mi trovo a mezzogiorno con 14/16 gradi esterni per arrivare la notte anche a 3/5 gradi. altri giorni costante 13/15 gradi anche di notte. questa è la situazione di questo periodo.

    situazione: di giorno t esterna alta, cop massimo, fv attivo e mandata bassa per via della climatica;
    pomeriggio cala repentinamente la t esterna e il fv cessa; casa inizia ad avere "freddo" perchè la t della mandata era bassa
    la sera il fv non produce e il cop è minimo

    leggo varie teorie: la prima che vede un aumento manuale della mandata di giorno contrariamente a quanto dettato dalla climatica. la sera preferibilmente spegnere il riscaldamento

    altra teoria quella di lasciarlo accesso 24H con climatica
    altra di lasciarlo acceso h24 con mandata fissa

    Nell'ottica di massimizzazione del FV e sfruttare un cop maggiore della pdc, conviene sicuramente alzare la mandata di giorno e scaldare casa il piu' possibile.

    la sera conviene spegnerlo alle 22 e farlo ripartire alle 4? o come dice qualcuno meglio abbassare la mandata e tenerlo acceso per non far fare sbalzi termici al massetto e conseguentemente, una volta che è a regime, avere bassi consumi?

    grazie per i consigli!

  7. #7
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito Riscaldamento a pavimento, conviene tenerlo acceso la notte?

    Come hai impostato la climatica? Scrivi un paio di T di mandata ad un paio di T esterne, così si può valutare se “gli sbalzi” al pavimento sarebbero significativi (io penso di no). E non ho capito se attualmente lasci acceso h24 con singola climatica o no.

    Da quello che scrivi hai una mandata molto bassa di giorno, e probabilmente la casa si scalda solo istantaneamente con gli apporti gratuiti. Probabilmente anche l’isolamento è quello che è, e così come si è scaldata subito si raffredda anche subito.

    In queste condizioni secondo me la mandata non deve seguire pedissequamente l’oscillazione della T esterna: normalmente sia le pdc che le caldaie hanno la possibilità di applicare fattori correttivi alla climatica “pura”, che smussano i picchi di oscillazione e/o applicano degli sfasamenti, prova a vedere se c’è qualcosa del genere sulla tua.

    Acs come la fai? Per sfruttare il fv ti conviene farla il più possibile di giorno se hai accumulo.

    In generale comunque la tua idea di sfruttare maggiormente la giornata è la direzione giusta per una casa al sud.
    Segui il mio impianto solare termico ad integrazione riscaldamento con Rotex HPU Hybrid sul web:
    Solare termico di Sergio&Teresa
    Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500

  8. #8
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buon giorno. Al momento la climatica è unica ed impostata in funzione di questi parametri: t. Esterna max 25 mandata 25°; t est. -10 mandata 45°.
    Dovrei alzare il parametro delle t esterne secondo me in modo da spostare la mandata in alto.
    Oppure ho la possibilità di modificare manualmente l'offset mandata, dovendola fare però ogni giorno. Alzandola la mattina e abbassandola la sera.

    Al momento il riscaldamento è acceso h24.
    Ho tutti i t ambiente al massimo durante il giorno in modo che sia sempre attivo.

    L'idea sarebbe quella di fare in modo che alle 21 o 22 io imposti i termostati ambiente sui 18 gradi in modo che il sistema sì spenga. Così facendo però i termostati sono progettati per aprire i circuiti con una frequenza a me sconosciuta per non far andare in blocco le testine.
    Oppure dovrei dire al gestore dove è collegata pdc e caldaia di spegnere tutto dalle 21/22 alle 4 del mattino ( 3 ore prima della sveglia).

    ACS ho accumulo da 300l. Lo faccio andare io manualmente quando ho sole. Se non c'è sole non faccio acs con PDC e vado di caldaia istantanea.

    Da oggi provo a spegnere di sera sfruttando i termostati o spegnendo l'impianto?
    Forse con i termostati eviterei che scenda sotto i 18 la t interna.

  9. #9
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Caspita.... mandi circa 30-32 gradi al radiante con T esterne intorno a 15 gradi e hai freddo? Guarda che per legge la T del pavimento non può superare 29 gradi.... (del pavimento non dei circuiti)

    Ma sei sicuro che ti circoli bene l’acqua nei circuiti? Che T hai in casa?


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Pro
    Segui il mio impianto solare termico ad integrazione riscaldamento con Rotex HPU Hybrid sul web:
    Solare termico di Sergio&Teresa
    Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500

  10. #10
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    La mandata sarebbe a 35° con t esterna di 5°. Il valore minimo era -15°.
    In casa la t è di 21,5/22 gradi zona giorno e 19 zona notte.
    Diciamo che perdo un po' perché ad eccezione dei bagni ho parquet che, come noto, non è un buon conduttore. E forse perderò 1/2 gradi perché sia pdc che caldaia e relative pompe sono sul soffitto in un vano tecnico.

  11. #11
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Tenuto conto che la T dovrebbe essere 20... hai spazio per ridurre l’energia che mandi in casa.

    Sicuramente puoi farlo con termostato notturno (magari messo a 19 e non a 18). Sulla mia c’è la possibilità di selezionare un offset da applicare alla curva scelta in determinati orari, che ho messo a -6 dalle 22 alle 5, preferisco così piuttosto che spegnere.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk Pro
    Segui il mio impianto solare termico ad integrazione riscaldamento con Rotex HPU Hybrid sul web:
    Solare termico di Sergio&Teresa
    Impianto Fotovoltaico: 12 Sanyo HIP 215, 2,58 kWp, Az 0°, Tilt 26°, Inverter SMA Sunny Boy 2500

  12. #12
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    salve a tutti o appena cominciato a seguire il forum , e mi sono molto interessato vedendo le conversazioni , visto che anche io ho un impianto a pavimento in casa gia dal 2011 da quando ho acquistato la casa in classe b , e lavora con mandata a 45 gradi con termostato ogni camera pero ho una variabile in piu cioe ho un camino che quando va mi alza la temperatura e i termostati si spengono pero dove ho il camino ho caldo e mano mano che mi sposto sento freddo anche perche il pavimento e freddo ,poi quando il camino e spento l impianto per riprendere la temperatura deve andare per un bel po visto che l acqua si e raffreddata parecchio come posso fare a gestire i due impianti al meglio......grazie

  13. #13
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Ghiso. Hai coibentato il termocamino prima di rivestito?
    Io sono nella tua stessa situazione, senza il tuo problema perché ho il termocamino coibentato. Così facendo, ho aumentato la resa all'acqua e diminuito le dispersioni.
    84 tubi sottovuoto - radiante a pavimento - accumulo 750 litri - acs con scambiatore - "pentola" a legna e caldaia in scarico in emergenza.

  14. #14
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Altro errore grossolano, hai la mandata al radiante troppo alta
    84 tubi sottovuoto - radiante a pavimento - accumulo 750 litri - acs con scambiatore - "pentola" a legna e caldaia in scarico in emergenza.

  15. #15
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ok ma io non ho un termocamino ho un camino chiuso con vetro e riscalda ad aria , devo calare la mandata dell acqua ,a quanto ? Poi la caldaia che Va sempre e testine sempre alzate non fanno niente ?

  16. #16
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Ghiso anch'io mi trovo nella tua stessa situazione con camino ventilato che riscalda troppo e quando il caldo arriva nelle stanze adiacenti i termostati bloccano la circolazione della stanza interessata e quando la temperatura si abbassa fa fatica a ritornare in temperatura, io ho risolto in questo modo non è ottimale però nel mio caso funziona in quanto ho il camino acceso 10/12 ore al giorno , innanzi tutto abbassa la mandata del radiante anche sotto i 30 gradi in modo di avere i circuiti lontani interessati sempre aperti , se si scaldano puoi abbassare se si freddano alza ma al massimo a 35 gradi. Esempio io in cucina da 40 mq ho il termostato su 17 e non parte mai in quanto alla sera arrivo a 23/25 gradi mentre il locale grande anche questo 40 mq con termostato a 20 e quasi tutte le sere riesco a far chiudere il circuito col caldo che arriva dal camino quindi l'ho alzato a 21 per avere sempre l'acqua in circolo. Altra cosa se vai dal locale camino ad altri la sensazione di freddo c'è sempre. Magari qualche esperto del forum ti potrà dare idee sicuramente migliori, male che vada prova

  17. #17
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ok grazie intanto ho messo la mandata a 30 e ho alzato tutti i termostati per far girare sempre L acqua poi vedo come va ci aggiorniamo ciao a tutti

  18. #18
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ok Guido prova per un paio di giorni con la.mandata a 30 e poi vedi.
    Il tuo problema è il camino ad aria, a mio parere in contrasto con il radiante. Sarebbe meglio un termocamino con accumulo...
    84 tubi sottovuoto - radiante a pavimento - accumulo 750 litri - acs con scambiatore - "pentola" a legna e caldaia in scarico in emergenza.

  19. #19
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Dopo un giorno a 30 gradi impostato in caldaia ho nel quadro dei collettori mandata e ritorno a 25 circa da termometri , e temperatura tra i 19,5 al primo piano con camere da letto e 20 gradi al piano terra con consumo di 7 metri cubi di metano come consumo ci sta ?

  20. #20
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Ghiso dar giudizi sui consumi non è facile troppe variabili , nel tuo caso visto che hai camino ventilato come il mio per limitare i consumi è usare al massimo il camino , più accumuli calore in casa e più durerà nella notte , se tornassi indietro metterei termocamino ad acqua con puffer ecc..... purtroppo al tempo ho messo un ventilato e non so se cambierei per vari motivi tipo velocità nel riscaldare, possibilità di asciugare i panni in casa e molto importante moglie freddolosa , e visto che la legna non manca a volte esagero nelle cariche tanto più consumo legna meno consumo metano

  21. RAD
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Risposte: 5790
    Ultimo messaggio: Ieri, 21:05
  2. Risposte: 81
    Ultimo messaggio: 29-01-2015, 14:03
  3. Pavimento radiante con termocamino non sempre acceso
    Da Eledurc nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 82
    Ultimo messaggio: 17-08-2014, 12:29
  4. Conviene metano e legna-pellet per riscaldamento pavimento
    Da Osvaldospizziato nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 25-11-2013, 20:05
  5. Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 25-08-2013, 10:25

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •