i Libri di Terranuova
Mi Piace! Mi Piace!:  4
NON mi piace! NON mi piace!:  1
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 26

Discussione: Addolcire l'acqua si o no

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Addolcire l'acqua si o no



    Ciao a tutti, da preventivo mi stanno proponendo un dosatore di polifosfati per il mio nuovo impianto. Volevo capire secondo voi se è davvero utile o se è solo un problema superfluo regolare la durezza dell'acqua e si può fare anche a meno. Grazie

  2. #2
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Oddio, di molte cose si può fare a meno.
    dosatore di polifosfati per combattere l'acqua mediamente dura
    Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.
    Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
    Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip- rendimento 94,4%.
    Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Il mio problema è appunto il fatto di introdurre polifosfati nell'acqua della pasta ecc ecc

    Ne vale la pena? Voi lo mettereste? Grazie

  4. #4
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    No negativo , non devi introdurre sostanze estranee nella pasta , soprattutto polifosfati .
    L'acqua trattata con polifosfati non può essere utilizzata per scopi alimentari , ma solo per scopi di pulizia e lavaggio , come nella lavastoviglie o lavatrice ,ma dopo viene eliminata nello scarico .
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "
    Relativity is wrong .

  5. #5
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da experimentator Visualizza il messaggio
    No negativo , non devi introdurre sostanze estranee nella pasta , soprattutto polifosfati .
    L'acqua trattata con polifosfati non può essere utilizzata per scopi alimentari , ma solo per scopi di pulizia e lavaggio , come nella lavastoviglie o lavatrice ,ma dopo viene eliminata nello scarico .
    Mi hanno detto che servirebbe per l'impianto PDC, quindi immagino che vada anche nell'acqua sanitaria o sbaglio?

  6. #6
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Prima hai detto per la pasta , chiarisci bene a cosa ti serve .
    Ripeto non per usi alimentari .

    Se è un impianto chiuso tipo il radiatore auto si , o per lavaggio ,in quel caso il polifosfato serve solo a ridurre la durezza ed evitare formazione di calcare .

    ripeto :
    Filtro ai sali polifosfati
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "
    Relativity is wrong .

  7. #7
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quindi come consigliavi nell'altra discussione bisogna metterlo solo nel tubo dell'acqua calda. Ma se quindi per sbaglio apro il rubinetto della cucina con acqua tiepida al posto che completamente fredda mi entrano i polifosfati o c'è un modo proprio di non farla arrivare in cucina/bagno (partendo dal presupposto che serve da anticalcare per caldaia/PDC)?

  8. #8
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Per il lavaggio degli utensili va bene ed anche per la doccia , ma quando prelevi acqua da bere o per la pasta o per altri usi alimentari tipo lavaggio frutta e verdura ,preleva acqua fredda prelevata prima del filtro, oppure dai l'ultimo risciacquo in modo da eliminare i fosfati .
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "
    Relativity is wrong .

  9. #9
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Non credo che mia moglie sia contenta di sapere che quando deve fare la pasta deve stare attenta a girare il miscelatore tutto sull'acqua fredda, o che quando ci laviamo i denti d'inverno dobbiamo usare l'acqua gelida.. ne vale la pena? È questo che vorrei capire

  10. #10
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ci sono alternative che siano sane e con budget di qualche centinaio di euro? Voi cosa avete fatto/cosa fareste al mio posto? Grazie

  11. #11
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Lasciando perdere le fantasie e stando ai termini di legge (i quali, non dimentichiamolo, sono suggeriti dal ministero della sanità), le "acque destinate al consumo umano" non possono contenere più di 5 ppm di polifosfati (del tipo destinato ad usi alimentari), oppure sono considerate non potabili.
    Quindi niente dosatori di polifosfati (di cui non si sa la quantità erogata) e niente polifosfati non alimentari. Inoltre, si prevede l'addolcimento solo se si supera la durezza di 15 gradi francesi.
    Se lo si vuole fare (anche per sfizio personale, se non si raggiunge quella durezza), l'unico sistema è l'addolcimento.

    Naturalmente, poi si può fare tutto... se ci si prende la responsabilità! La soluzione di usarlo solo per l'acqua calda che si usa solo per lavarsi è una delle alternative, basta che in famiglia siano tutti avvertiti che mai si potrà usare per scopi alimentari.

    Però ricordati che la storia della molecola che si ottiene grazie al loro effetto e aggrega il calcare finisce presto... a 40° già la molecola inizia a decomporsi e si decompone totalmente intorno ai 75°, e tutto il calcare torna in circolo come prima, con in più i polifosfati.
    Questo tanto per spiegarti che i polifosfati in pratica non servono a un tubo, visto che in acqua calda non hanno efficacia.
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)
    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)
    Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinuncino all'azione (attr. Edmund Burke)

  12. #12
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quindi in pratica mi converrebbe prima fare un test sulla durezza dell'acqua e quindi già da qui si potrebbe escludere totalmente il suo utilizzo se sotto i 15 gradi.. sapete per caso se quei kit che si vendono a poco su internet siano affidabili per analizzare l'acqua o sono cavolate? In caso non lo mettessi l'eventuale caldaia o PDC come potrebbe essere trattata contro il calcare? Grazie mille

  13. #13
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Su almeno una bolletta dell'acqua all'anno ci sono le analisi, altrimenti chiedi al distributore.
    E lassa perde sti polifosfati, troppo complicato differenziarne l'uso, al limite come già consigliato un addolcitore.
    Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.
    Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
    Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip- rendimento 94,4%.
    Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

  14. #14
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ok ottimo, cercherò tra le bollette. Il problema è che ho letto che anche l'addolcitore introduce dei sali in più quindi pure quello non è il massimo o sbaglio?

  15. #15
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da laudix Visualizza il messaggio
    Non credo che mia moglie sia contenta di sapere che quando deve fare la pasta deve stare attenta a girare il miscelatore tutto sull'acqua fredda, o che quando ci laviamo i denti d'inverno dobbiamo usare l'acqua gelida.. ne vale la pena? È questo che vorrei capire
    Per lavarti i denti o farti la doccia può essere usata benissimo , in quanto tu non la introduci nel tuo organismo, ma la butti nel lavandino e nello scarico e in ogni caso la quantità che rimane nei denti è minima , oltre al fatto che non credo ti lavi i denti con l'acqua calda , ma miscelata .

    Se la devi bere o mangiare con gli alimenti invece no , devi girare la manopola dell'acqua fredda
    Lo so anche mia moglie si dimenticherebbe di farlo , uffa dice lei …

    Comunque in effetti non ne vale la pena se la conc. di Ca è bassa , la devi usare solo se hai problemi seri di incrostazioni di calcare nella lavatrice o nella lavastoviglie altrimenti lascia perdere .
    Una acqua potabile per definizione e per legge non dovrebbe contenere una quantità di Ca elevata , non mi ricordo il limite mi pare di 40-50 gradi francesi .

    L’Italia, sulla base di queste evidenze scientifiche, e avendo già previsto in passato un valore del parametro durezza minimo pari a 60 mg/L di calcio per le acque addolcite o dissalate, ha stabilito il valore consigliato di riferimento di 15-50 °F equivalenti a 150-500 mg/L di calcio carbonato, ovvero a 60-200 mg/L di calcio.

    In poche parole un po di calcio nell'acqua potabile è salutare , nei limiti previsti .

    Io non uso nessun filtro nel mio impianto ,ci mancherebbe anche di immettere sostanze estranee .

    Dalle mie parti sotto l'Etna l'acqua è abbastanza dura sui 40 gradi F , ma non ho mai avuto problemi alle tubazioni ne nella lavatrice o lavastoviglie , se succede qualcosa dopo 6-8 anni cambio elettrodomestico , non riparo nulla , costa di più , e fine della storia .
    Dante : " Fatti non foste a viver come bruti .... "
    Relativity is wrong .

  16. #16
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quindi i miei dubbi su questi apparecchi sono fondati.. ma nella manutenzione della caldaia/PDC i tecnici non fanno niente contro il calcare?

    Non mi sembra di aver avuto particolari problemi fino ad ora a parte che ogni tanto metto le retine dei rubinetti in aceto ma penso sia nei limiti dell'accettabile...

  17. #17
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ho controllato sul sito del mio fornitore d'acqua i valori nella mia zona. Danno 29 gradi di durezza. Che dite?

  18. #18
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    In genere, le acque vengono classificate in base alla loro durezza come segue:
    Fino a 7ºf = Acque molto dolci
    Da 7ºf a 14ºf = Acque dolci
    Da 14ºf a 22ºf = Acque mediamente dure
    Da 22ºf a 32ºf = Acque discretamente dure
    Da 32ºf a 54ºf = Acque dure
    Oltre 54ºf = Acque molto dure
    Con l’installazione di un addolcitore è possibile ottenere un’acqua compresa tra 7ºf e 14ºf, ottenendo così molti benefici tra cui:
    Risparmio Energetico
    Risparmio sull’acquisto dei detergenti
    Maggiore durata delle tubature
    Lunga vita agli elettrodomestici di casa
    Comfort
    Benessere

    Relativamente d'accordo, es. il risparmio energetico mica lo vedo tanto.
    Quando ho installato il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, ho dovuto risolvere problemi che prima non avevo.
    Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
    Caldaia a basamento Immergas NCX 25 Sirio Vip- rendimento 94,4%.
    Meglio un amico sbronzo che un parente §tronzo.

  19. #19
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Anche l'acqua dell' addolcitore diventa non potabile per via della salmonella nelle resine?
    Oppure con lo sterilizzatore (che funziona come un cloratore per piscine) é potabile?

  20. #20
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    È proprio il punto sul benessere che mi fa dubitare

  21. RAD
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Addolcire acqua.
    Da mernin78 nel forum In Casa
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 07-03-2016, 12:17
  2. addolcire acqua impianto riscaldamento
    Da marme nel forum BIOMASSE
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 17-11-2015, 22:20
  3. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 02-04-2014, 09:37
  4. Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 29-05-2013, 11:56
  5. Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 11-02-2009, 16:37

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •