Mi Piace! Mi Piace!:  1
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 3 di 3 primaprima 123
Visualizzazione dei risultati da 41 a 54 su 54

Discussione: Dissociazione elettrolitica ad alta tensione

  1. #41
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito



    livingreen forse ho capito cosa intende superfranz.. e cioè che se hai un motore che rende 10%... e incrementi di un altro 10% (rispetto al 100) ottieni un totale del 20%..che è diverso rispetto a dire ho un motore che rende il 10%... e miglioro le sue caratteristiche del 10% (quindi il 10% del 10% fa appunto 1 ..da cui arrivi a 11)

    ..tanto per indicare che la matematica un po la conosco pure io (importante è capirsi)
    ..ma quel che dico io potrebbe essere anche così:
    ho un rendimento del 18% (per tornare al caso di prima).. e metto un sistema che mi permette un "recupero" del 80%... quindi ecco fatto, visto che la matematica non è opinione, che abbiamo un bel 18+80=98%!!!!!
    È stato facile, no, arrivare quasi al 100%....

    certamente io posso essere più "dettagliato".. sulla cosa.. ma c'è dare e avere, per cui quando sarà soddisfatta questa mia curiosità:
    Quote Originariamente inviata da gattmes
    Del resto l'autore stesso dice che un 10% rappresenterebbe un 55% in più.. che è quindi una bestemmia!... Insomma 0,5 qui.. 1% la.... insomma un 10%-20% di miglioria dell'attuale (18%) si possono anche "raccontare"... ma per il 55 bisogna.. addurre materiale tecnico a suffragio e inconfutabile! (O proprio di questo si ha paura? Mahhh...)
    allora ricambierò...

    Insomma non perdiamoci alle semplici addizioni che tutti quanti qui sappiamo fare (basta capire "che" a "che sosa" sommare), ma soffermiamoci a quel che c'è dietro a quei numeri (se si vuole fare un discorso + serio...)

    ...intanto comunque abbiamo capito che pure io sono capace a fare le (mere) addizioni

    e per essere più esplicito casomai (superfranz) non si fosse capito... so benisssimo che matematicamente 10 (%) rappresenta il 55% di 18 (%) (per la precisione 55,5periodico....%) ma la "bestimma" citata è COME ottenere quel 10% (ovvero come ottenere quel 55%) FISICAMENTE/CONCRETAMENTE/PRATICAMENTE... (e non "matematicamente".. che basta fare 2 moltiplicazioni/divisioni... si so fare anche un po' di quelle, anche se più complicate delle addizioni )

    Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

    Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

    Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
    Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
    PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    [/I]

  2. #42
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao paisa' lukemon , ho generatore pwm perfettamente funzionante e generatore 10kv spellman , ma ho anche ....generatore impulsi alta potenza hp quindi se ti va di scambiare esperienze..ti ho gia inviato il mio n di telefono..io credo che il trucco sia riuscire invece ad individuare con la minima potenza la giusta frequenza di risonanza a parita di cella , poi provare con grandezze e variazioni scalari....

  3. #43
    Seguace

    User Info Menu

    Red face

    Allora... come al solito vi siete persi in una marea di chiacchere e poche sperimentazioni.... vi riporto all' ordine... nessuno ha provato ad alimentare una cella con un ballast da luci allo xeno? Su internet ne vendono a pacchi a pochi euro... il risultato è sorprendente... ciao a tutti... io me ne ritorno in garage...

  4. #44
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Certo che potresti essere anche più chiaro, Venom?
    A quanto sembra tu avresti provato a fare la dissociazione usando l'alta tensione dei ballast, dell'ordine delle decine di migliaia di volt. Se dici che è sorprendente, snocciolaci almeno un po' di dati: configurazione, risultati, ...
    Pulchra sunt quae videntur, pulchriora quae sciuntur, longe pulcherrima quae ignorantur. Niels Steensen

  5. #45
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Diciamo che con 2 piastre di 8x13 di acciaio inox 316 immerse in una soluzione di acqua di osmosi con una distanza di 0.8 mm si riecono a ottenere quasi mezzo litro al minuto di gas con 11 ampere di assorbimento... ps attenzione però ai cavi e al contenitore... si rischia la folgorazione... ps i ballast sono reperibili su internet a circa 10 euro l'uno... un abbraccio!

  6. #46
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Scusate rettifico... 0.3 litri minuto... mi sono incasinato leggendo altri post...

  7. #47
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    11 Ampere... A 12 volt? 11A*12V=132W. Io so che i ballast, tipicamente, sono dichiarati per un consumo di 35W. Come hai fatto i calcoli?
    Pulchra sunt quae videntur, pulchriora quae sciuntur, longe pulcherrima quae ignorantur. Niels Steensen

  8. #48
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Voi provate e fatemi sapere...

  9. #49
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Altro piccolo spunto... se vi servono più ampere provate con un vecchio trasformatore tv... quello che trovate nelle vecchie tv a tubo catodico... più son grossepiù potenza sviluppano... poi dopo è tutta questione di frequenze di risonanza ma qua non è più il mio campo...

  10. #50
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ragazzi qua non risponde più nessuno? Avete fatto le vostre esperienze e vi siete stupiti?

  11. #51
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Ciao ragazzi

    Esiste ancora questa discussione?....sto cercando di costruirmi l'impianto, ho molte idee, ma pochissima conoscenza in calcoli elettronici "teorie"...ecc

  12. #52
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Beh a quello che ne so io ti consiglio di leggere la discussione cella di meyer parte 1 e 2... Così ti fai delle idee! Poi prendi un trasformatore da insegne al neon... Quelli erogano 25kvolts a 0,5 milliampere
    Ultima modifica di venom; 02-03-2015 a 17:30

  13. #53
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Mi è sfuggito il vantaggio nell'usare l'alta tensione

    Un saluto a tutti , arrivato qui tramite google e dato che questa discussione è ancora attiva vi chiedo quello che non riesco a capire dopo aver letto tutta la discussione , l'ora tarda sarebbe una ottima scusa ma la realtà è che non so molte cose però mi sono procurato il materiale per assemblare una cellula per la produzione di ossidrogeno ed è per questo che cerco info pratiche .
    Come ho detto a parte le disquisizioni matematiche non mi è chiaro il perché e cioè il vantaggio a lavorare in alta tensione.
    Ho letto delle difficoltà ad usare la bobina da auto ma non credo sia importante visto che la soluzione con i ballast delle xeno viene data come valida però mi piacerebbe un vostro parere anche sulla bobina , ad esempio io avrei ricreato un banale spinterogeno azionato da un piccolo motore a velocità regolabile e in base alla velocità scelta della spazzola avremmo una tensione pulsante ad alta tensione agli elettrodi della cella .
    Quindi per sintetizzare e capire quali sono i pro e i contro per alimentare una cellula a 3/5 V a 20 A oppure a 10.000 V a 1 A ?
    Grazie e scusate le domande grossolane .

  14. #54
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Beh diciamo che ci sono vari fattori di differenza fra alta e bassa tensione... I ballast per fare delle prove di pochi secondi sono buoni ma superato il minuto purtroppo muoiono di una fine orrenda... Quindi sono inutilizzabili al fine pratico... Al maz puoi utilizzare una induttanza pilotata ma non so spiegarti la realizzazione dato che non sono elettronico... Il discorso di base in fondo sono gli ampere assorbiti e la risonanza... Con la quale dovremmo riuscire in un hard breaking della molecola dell'acqua, ma siamo sempre sulla fase di spenimentazione... Per adesso i migliori risultati gli ha lorenz mandando correnti pulsate a voltaggio e amperaggio controllato...

  15. RAD
Pagina 3 di 3 primaprima 123

Discussioni simili

  1. Tensione uscita inverter molto alta
    Da frandi nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 27
    Ultimo messaggio: 27-04-2010, 17:31
  2. stirling ad alta quota?
    Da alaska651 nel forum MOTORI A COMBUSTIONE ESTERNA
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 30-01-2008, 11:14
  3. [olio] alta pressione nel serbatoio
    Da goffredodsd nel forum Prototipi privati (BioCarb)
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 17-11-2005, 18:20
  4. led ad alta luminosità
    Da nel forum Ai Confini del Forum
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 20-07-2005, 12:45
  5. BOBINE AD ALTA EFFICIENZA
    Da Furio57 nel forum Speciale M.E.G.
    Risposte: 28
    Ultimo messaggio: 10-01-2005, 14:59

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •