Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 14 su 14

Discussione: EnerKit: con nuovo controllo elettronico per fotovoltaico (1kW) in autoconsumo cala la bolletta; anche faidate

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito EnerKit: con nuovo controllo elettronico per fotovoltaico (1kW) in autoconsumo cala la bolletta; anche faidate



    E’ un Kit composto da 4 moduli FV da 250 W e dai 4 rispettivi microinverter cei 0-21 connessi in rete. Vantaggi: cala la bolletta, evita burocrazia enel gse (perchè impedisce l'immissione in rete), installazione semplice, connessione impianto FV nel punto più vicino-comodo dell’impianto esistente da servire.

    La parte innovativa è costituita dal controllo elettronico: mette in equilibrio istante per istante la potenza assorbita dai carichi dell’edificio con la produzione FV. Per cui si possono avere due casi:
    1. carico edificio che supera la produzione FV, tutta la produzione FV viene ceduta al carico e la sola differenza viene fornita dal contatore;
    2. carico edificio inferiore alla produzione FV, il controllo modula (parzializza) la potenza FV prodotta e la mette in equilibrio con quella del carico, impedendo l’immissione in rete, in questo caso il FV copre per intero il carico dell’edificio e il contatore segna zero.

    E’ costituito da due dispositivi: un misuratore che esegue il rilievo della potenza erogata dal contatore enel (o dal quadro generale/centralino) e, in base ai dati elaborati, comanda il controllo del FV (da posizionare tra moduli e inverter). La comunicazione tra i due dispositivi è wi-fi.

    Nota: funziona connesso alla rete, non va in isola e non fa da ups.
    Anche versione da 0,5 kW.

    Info su: www.minifotovoltaico.eu (doc + tutorial)
    Enertek

  2. #2
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    quanto costa il giochino?

  3. #3
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito


    Note di Moderazione:
    Spider61, sei pregato di rispettare la buona educazione e non partire col piede sbagliato. Non ti do l'infrazione ma ti chiedo di essere più educato e non cercare il flame nei tuoi interventi. Eroyka

    Ultima modifica di eroyka; 28-06-2016 a 10:15
    Forum che si professa ecologico , con gli sponsor che vendono fumarole a biomassa

    **** Non ho nessuna intenzione di RIsottoscrivere le regole , visto che sono stato sanzionato senza nessuna giustificazione ****

  4. #4
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    cletoxxx: non possiamo postare prezzi nel forum; se ci invia una richiesta in email (info@enertek.eu) le risponderemo al più presto.
    Enertek

  5. #5
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Gentile spider61, grazie per la risposta che ci permette un approfondimento tecnico.
    Si Tratta di mini-fv (1000 W) gestito da un convertitore dc/dc controllato a distanza (in rf/wifi); la misura viene eseguita con un solo sensore di corrente sulla fase che arriva dal contatore. Il progetto è stato messo a punto nel 2014 (deposito brevetto maggio 2014). Non ci risulta che fino a quel momento nei forum ci fosse disponibile una soluzione tecnica come questa, in particolare un misuratore di potenza/energia che rilevi anche il segno (potenza entrante/uscente dall'impianto) e trasmetta a distanza, con un microcontrollore che ottimizza il tutto. Proprio perchè non abbiamo trovato prodotti commerciali utilizzabili, stiamo producendo da zero i due dispositivi (dai master al montaggio dei componenti sulle schede).
    Ciò detto, ci farebbe piacere sapere a quali forum si riferisce.
    Per quanto riguarda l'aspetto legale, vista la sua esperienza, potrebbe dirci cosa non quadra? Norme cei? Dogane-fisco? Enel? Consideri che, anche se non richiesto, gli inverter sono certificati cei 0-21 e che l'energia prodotta non viene immessa in rete pubblica.


    p.s. anonimo fiorentino del 1300: ottima massima!
    Enertek

  6. #6
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Enertek Visualizza il messaggio
    Consideri che, anche se non richiesto, gli inverter sono certificati cei 0-21 e che l'energia prodotta non viene immessa in rete pubblica.!
    Siccome funziona in parallelo con la rete (anche senza immettere), richiederebbe fosse CEI.
    Oppure non deve esserlo perchè sotto 1 kw di potenza?

    Certo che:
    - quello da 1 kw rischia di dover limitare molto la produzione..da marzo a settembre diffiicile prelevare 6-700 w costantemente durante il giorno...
    - quello da 500 W sarebbe piu equilibrato..solo che l'elettronica rischia di essere piu cara dei pannnelli....

    Potendo... meglio fare un classico 2-3 kw e metterlo in scambio..alla fine con le semplificazioni che hanno messo in Consultazione...dai 30 euro a Enel e se la vede lui con Comune e GSE...
    Ultima modifica di marcober; 23-05-2016 a 18:55
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  7. #7
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Qui http://www.energeticambiente.it/legi...mative-15.html si è estrapolato quasi tutto . tecnica e normativa, perchè non vi togliete lo sfizio e fate una domanda a enel per sapere cosa ne pensa ?
    Da notizie di altro utente del forum , sembra che sparirà la dicitura che sotto 1kw sia passivo , anche perchè passivo non lo è mai , nel momento che sono il parallalo con la rete (come scritto da marcober prima di me) , però c'è anche che AEEG darà la possibilità di installare kit già omologati (bisognerebbe capire con che burocrazia).... finchè uno lo fa in casa si prende le sue responsabilità , metterlo in vendita ben diverso .....
    Forum che si professa ecologico , con gli sponsor che vendono fumarole a biomassa

    **** Non ho nessuna intenzione di RIsottoscrivere le regole , visto che sono stato sanzionato senza nessuna giustificazione ****

  8. #8
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Fino a 1 kW non è richiesta cert. cei0-21; comunque, per maggiore garanzia, il kit monta microinverter certificati.
    Nel kit da 500W il controllo si ammortizza meno in fretta: vero. Il costo controllo è poco più basso rispetto a 1 kW.
    Un 3kW meglio: siamo sicuramente d'accordo. Ma in molti casi non ci sono le condizioni (spazi), oppure si vuole solo dare un aiuto alla bolletta senza spendere troppo. L'iter semplificato enel costa 122€ e si applica a impianti complanari/integrati.
    Enertek

  9. #9
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    per ora costa 122..ma fortunatamente hanno messo in consultazione una ulteriore proposta di semplificazione..e un 3 kw dovrebbe scendere a 30 +iva..che su un 3 kw è gia un bel rusaprmio.
    Dicimao che a quel punto..per 36 euro..uno la pratica gse la fa...di certo anche se mette 1 kw,.

    Anche eprche in Comune devi comunque fare la pratica..anche se fosse solo 1 pannello..e siccome in semplificata la fa Enel per te..tuto dentro i (futuri) 36 euro..a quel punto piuttosto che spendere soldi in controlli che fanno butare via del FV..li spnedo in pannelli e poi scambio col GSE, che me li ripaga bene.

    Insomma..quando c'era un costo di 244 euro..era un discorso anche valido..ora gia mneo..domani ..l'argomento "spesa iniziale, burocrazia" sparisce...
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  10. #10
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie spider61 per il link. Abbiamo chiesto a enel a suo tempo e la risposta è stata che fino a 1kW non si fa nessuna domanda; anche perchè alla voce 'potenza in immissione' si dovrebbe indicare zero.
    Impianto attivo o passivo? Quando si immette è per forza attivo; se non si immette la distinzione importa meno: l'unica cosa tecnicamente logica è la garanzia di disconnessione immediata in assenza rete (garantita dall'inverter o dalla prot.intef.).
    Sulla semplificazione c'è sempre da temere, come per la burocrazia: troveranno il modo per limitare le installazioni? (scusate il pessimismo...). Se volessero dare una mano, dovrebbero fare installare fv fino a 20 kW in autoconsumo richiedendo esclusivamente cei0-21; ma non lo faranno.
    Marcober sull'evoluzione futura: vero che i costi burocratici potrebbero scendere, anche per favorire ssp. Ma la nostra ottica si sta già spostando sui sistemi d'accumulo (lo richiede/richiederà il mercato), per cui avendo già una centralina che monitora l'impianto e un'altra che controlla la produzione, non dovrebbe essere troppo onerso implementare anche un sistema d'accumulo adeguato per 1kW.
    Enertek

  11. #11
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    molti inverter attuali hanno gia la gestione dell'accumulo..inteso anche come carica batteria.
    Voi dovreste comunque integrare un caricatore
    1 kw è comunque striminzito..in inverno non ci carichi nulla nelle batterie..per cui avresti molti giorni/anno in cui la batteria resta li a far nulla..ma costa..anzi, la devi comunque caricare da rete per non farla rovinare.

    Insomma..microimpinati e accumuli mi sembrano 2 cose che abbinate non servono.

    La semplificazione che arriva prevede pratica semplificata per ogni FER sino a 60 kw di potenza..con 30 euro fino a 3 kw..direi che è ottimo.
    Questa semplificata sarà utilizzabile anche per i non complanari..cosi come per minieolico, miniidro...
    vedremo..penso serviranno alcuni mesi..è andata in Consultazione ora...chiude la 13 giugno...e non ci sono problematiche rilevanti che richiedono un secondo giro di consultazione, dopo estate potremmo averle..magari con decorrenza Gennaio? vedremo..

    Di fatto se mi metto in ballo col Comune...non lo faccio per 2 pannelli sul balcone...che probabilmente il Comune boccia pure...e farebbe bene..diventa un far-west tipo le parabole...
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  12. #12
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie marcober per i contributi. Alcuni marchi importanti stanno commercializzando inverter con controllo accumulo...ma che prezzi!!
    Vero che nel nostro dobbiamo integrare reg. carica. Ci stiamo provando.
    Vero anche che la taglia è piccola.Ma ci sono diversi utenti che, pur non avendo spazi, vogliono comunque dare un contributo al risparmio di energia; alcune utenze che consumano 2000 kW/anno o meno(elettrodomestici nuovi, illuminazione led) con 1 kW potrebbero fare dal 30% al 50% dell'energia consumata.
    La batteria: impianto piccolo, batteria piccola; vantaggi e problemi sono analoghi in taglie diverse.
    D'accordo sulla semplificazione: sarebbe ora che nei vari settori passassero dagli annunci ai fatti. Nelle rinnovabili la burocrazia è la principale barriera: se semplificano possiamo lavorare meglio e di più tutti.
    Permesso comunale. Si riscontrano varie situazioni: chi non chiede nulla e chi chiede cil. Poi ci sono gli edifici autorizzati fino a un paio d'anni fa, che hanno l'obbligo di intallare 1 kW (meglio noto come "il kW di legge").
    Enertek

  13. #13
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Enertek Visualizza il messaggio
    alcune utenze che consumano 2000 kW/anno o meno(elettrodomestici nuovi, illuminazione led) con 1 kW potrebbero fare dal 30% al 50% dell'energia consumata..
    non penso sai?
    Chi consuma 3500 kwh e ha il classico 3 kw fa circa 30% di AUTARCHIA, cioè autoproduce 30% dei suoi consumi.
    Se riproporzioni su 2000 kwh..per fare 30% dovresti avere 1,7 kw di fv..se ne metti meno non puoi pensare di fare PIU Autarchia.
    Puoi pensare di fare PIU AUTOCONSUMO sul generato..ma quello lascia un pò il tempo che trova...nel senso che se metto 1 pannello , vero che è 100% di AUTOCONSUMO..ma risaprmio davvero poco a fine anno...e devo rompermi le balle lo stesso col Comune.

    Per salira a 50% molti utenti del forum che hanno 3 kw e usano 3500 kwh hanno dovuto ricorrere ala DOMOTICA
    Quindi su un 2000 kwh anno, CON DOMOTICA, e con un 1,7 kw , magari ci arrivi ..ma non di certo con 1 kw e senza domotica.

    Quindi piu che sull'accumulo..meglio che puntate ad integrare al vs controllo, qualche spina wifi da attivare in caso di surplus, piuttosto che tagliare banalmente la produzione...piuttosto un condizionatore oppure una resistenza di u boiler da 80 lt a fare pre-riscaldo sanitario.

    Comunque piu opzioni di sono sul mercato, meglio è..quindi ottima iniziativa.... i miei sono sono consigli.
    Mi spiacerebbe solo che dopo l'epopea delle bruttissime parabole ..iniziasse quella dei pannelli fv su balconi, muretti, pali " ad minchiam"
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  14. #14
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Certo, dipende dal profilo di carico degli utenti. Nel civile ci vorrebbe la batteria che restituisca l'energia di sera.
    In altri casi, tutta (o quasi) l'energia prodotta viene immediatamente consumata; ad esempio un piccolo ufficio/studio con 3/4 computer e illuminazione ottiene il massimo beneficio (30-50% di autoconsumo) con poco sforzo; se non fosse per mezz'ora/un'ora di pausa pranzo non servirebbe neppure il nostro controllo.
    Il controllo uscirà (spero presto) nella versione di 'ottimizzatore', che darà la possibilità di accendere ulteriori carichi (boiler, condizionatore, ecc.) in caso di basso consumo e alta produzione:


    Enertek Srl – Ottimizzatore per il consumo energetico ENERoptimizar di Enertek


    Per quanto riguarda la giungla delle antenne, non penso che sia in vista una replicare anche con il FV. Il 99% delle famiglie it hanno una TV, mentre sono circa il 2,5% quelle che hanno un fv.
    Grazie per i consigli: per noi sono sempre molto importanti. Difficile migliorare senza critica....
    Enertek

  15. RAD

Discussioni simili

  1. Un perito elettronico può firmare un impianto fotovoltaico?
    Da vanni9828 nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 64
    Ultimo messaggio: 19-10-2015, 17:27
  2. Stimare l'autoconsumo dalla bolletta. E' affidabile secondo voi?
    Da thecas nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 24-06-2013, 23:19
  3. Schema elettronico Valido per realizzare un PWM per controllo HHO
    Da iz0 nel forum acqua-fuel, bingo-fuel, gas di Brown
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 23-01-2012, 11:29
  4. Bolletta Enel Scannerizzata Nuovo Conto Energia - chi c'è l'ha?
    Da astro1978 nel forum Aspetti economici e bancari
    Risposte: 17
    Ultimo messaggio: 01-09-2009, 14:53
  5. Meglio A Controllo Elettronico O Manuale?
    Da ern_to nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 67
    Ultimo messaggio: 27-09-2008, 21:51

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •