Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 9 su 9

Discussione: Temperature ingresso e uscita pannello in impianto solare a circolazione forzata

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Temperature ingresso e uscita pannello in impianto solare a circolazione forzata



    Ciao a tutti. Per una ricerca sto analizzando il comportamento di un impianto solare termico a circolazione forzata che comprende dei pannelli vetrati e un bollitore da 300 litri, e vorrei avere acqua a 60 gradi, considerando una temperatura di 12 gradi per quanto riguarda l'acqua in ingresso proveniente dall'acquedotto.
    Secondo le vostre esperienze quali potrebbero essere le temperature di esercizio di un pannello vetrato? Cioè il fluido acqua/glicole (35%) di solito fino a che temperatura arriva attraversando il pannello? E il fluido che ritorna dal boiler al pannello che temperatura potrebbe avere?
    Purtroppo sono bloccato perchè non so come stimare queste temperature. Grazie in anticipo a chi mi aiuterà

  2. #2
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Le temperature dovresti saperle bene visto che ci sono le sonde installate su collettore ed accumulo per la centralina solare più un altro termometro vicino al circolatore ed eventualmente anche il flussometro.
    Fotovoltaico 4,52kWp da 52 pannelli Kyocera KC87T su inverter Fronius IG15+IG20
    Solare acs forzato con 2 pannelli piani Ebner e bollitore 300lt.
    Bassa Bresciana, 2008.

  3. #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Forse non ho posto benissimo la domanda. Il fatto è che sto preparando una tesi, più che altro sull'energia che serve a costruire un impianto solare termico. Ma devo anche stimare la resa annua del sistema (pannelli+boiler integrato con caldaia). Posso solo avvelermi di ricerche fatte da altri.
    Quindi vi chiedevo se potreste dirmi più o meno che valori di tenperatura si possono ottenere da un impianto di questo tipo.
    Io ho supposto una temperatura media della piastra assorbitrice (approssimabile a (Tuscita-Tingresso)/2) e mi sono trovato il rendimento durante l'anno con le dispersioni termiche fornite da un costruttore. Poi ho supposto che dal pannello esca sempre T=55 (acqua e glicole al 35%) e rientri a T=45. Potrebbero essere valori sensati secondo la vostra esperienza?
    Cioè vorrei tenere considerare costanti queste temperature durante tutto l'anno e poi guardare la resa energetica considerando l'irradiazione solare di ogni mese. Ha senso secondo voi? Grazie. (2 pannelli vetrati ad alto rendimento e boiler da 300L con caldaia)

  4. #4
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Credo sia impossibile darti una risposta perché ci son troppi fattori che entrano in gioco. Innanzitutto se non c'è un inseguitore solare la resa e le temperature del pannello cambiano ogni minuto della giornata (ad esempio alle 8 del mattino il pannello sarà più freddo di mezzogiorno). Oltre questa banalità la temperatura di uscita dipende molto da quella di entrata e dalla velocità del circolatore: con una temperatura a 12 gradi e 300 litri da scaldare e circa 4 mq di pannello secondo me in una giornata soleggiata senza nuvole, senza inseguitore solare, in estate e logicamente senza prelievi e con esposizione dei pannelli ottimale a sud, riesci benissimo a portare quei 300 litri anche a 70 gradi. I 45° d'ingresso e 55° d'uscita dal pannello non sono coerenti (forse solo alle 8 di mattina hai queste temperature). I circolatori dei pannelli di solito entrano in funzione con un delta T di circa 10 gradi tra pannello e parte inferiore del bollitore quindi il delta T durante la giornata (dalle 9 alle 17 circa) è di solito molto superiore 10°. Altra cosa importantissima per i tuoi dati è la superficie di scambio del bollitore. Più scambio c'è maggiore sarà il delta T.

  5. #5
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Si i fattori sono tanti. Avrei voluto fare qualche studio pratico ma purtroppo non posso. Comunque non ho inventato quelle temperature: ho trovato uno studio che dice che per dimensionare l'impianto si può tenere conto di una temperatura fissa della piastra di 50 gradi, perchè dà le condizioni migliori di funzionamento. Dalla teoria, questa temperatura può essere approssimata a Tfluidocheentra - Tfluidocheesce. Quindi io ho detto 55 e 45 perchè la media fa 50, però poteva essere 70 e 30. Ma comunque non è molto importante perchè alla fine ho usato solo quei 50 gradi per lo studio. E questi 50 gradi sarebbero da considerare lungo tutto l'anno. Considerando poi che ho considerato l'irradiazione media mensile (per Genova) in questo modo: il sito ENEA fornisce medie giornaliere mensili in kWh/m2 e io per trovare il rendimento del pannello in ogni mese ho trasformato in W/m2 dividendo le ore di luce giornaliere (!!nel mio studio si considera che il pannello funzioni con le stesse prestazioni da quando il sole sorge a quando tramonta) e usando le perdite termiche fornite dal costruttore. Quindi ad esempio considero 300 W/m2 tutto il giorno quando magari alle 9 del mattino ce n'è 100 e alle 13 ce n'è 900. Il sommarsi di tutte queste approssimazioni secondo me bilancia le cose.
    Il mio obiettivo è scaldare a 50 gradi 273 litri di acqua al giorno. Ho trovato le perdite termiche nel bollitore e nei tubi. Ho trovato una richiesta annua di 4,5 MWh e i 2 pannelli sono in grado di fornirne 3,3 MWh (coprendo il fabbisogno per maggio giugno luglio agosto da soli). Al resto ci penso la caldaia.
    Sembra qualcosa di plausibile?

  6. #6
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da SimoneB9 Visualizza il messaggio
    Forse non ho posto benissimo la domanda. Il fatto è che sto preparando una tesi, più che altro sull'energia che serve a costruire un impianto solare termico. Ma devo anche stimare la resa annua del sistema (pannelli+boiler integrato con caldaia). Posso solo avvelermi di ricerche fatte da altri.
    Quindi vi chiedevo se potreste dirmi più o meno che valori di tenperatura si possono ottenere da un impianto di questo tipo.
    Il problema non si risolve analizzzando le temperature , anche perche un impianto solare trmico non lavora a regime isotermico.
    Quello che puoi fare è il considerare la resa annua al mq. che dipende da vari fattori e anche dall'uso stesso dell'impianto.

    Il valore massimo che viene considerato in letteratura sono 500 kWh/anno al mq. per impianti che fanno ACS e 700 kWh/anno al mq. per impianti che fanno ACS in preriscaldo ( impianti volutamente sottodimensionati ).

    Per esperienza ti posso dire che se l'impianto è progettato ed installato da uno veramente bravo è difficile superare i 400 kWh/anno al mq.; valori più verosimili sono 300-350 kWh/anno al mq.

    Su portalsole ci sono diversi impianti a CF monitorati in tempo reale.

    F.
    Segui on-line il funzionamento dei miei impianti.
    Impianto Fotovoltaico grid: 7 Sanyo HIP 205, 1.44 kWp, Az 90°, Tilt 17°, Inverter Fronius IG.15 + Impianto fotovoltaico in isola da 0,86 kWp + impianto solare termico a svuotamento da 7mq + pompa di calore Altherma 3 Compact R32 da 8 kW.

  7. #7
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    buongiorno ragazzi,ho anch'io una domanda sulle temperature di mandata e ritorno :
    e' da un anno almeno che controllando il funzionamento dell'impianto solare noto un malfunzionamento : ogni giorno di sole la centralina va in errore e ferma la pompa perche' supera il limite delta t di 80 gradi tra tko ( pannelli ) e tpu (boiler inferiore) perche i primi vanno anche a 120 gradi e oltre mentre il boiler inferiore non supera mai i 20 gradi ( la sonda tpo del boiler superiore invece arriva anche a 35 gradi nelle giornate velate se non va in errore troppo presto altrimenti rimane sui 25).siamo 6 appartamenti di cui uno vuoto e altri due spesso non abitati quindi abbiamo sporadici prelievi soprattutto la sera.
    L' impianto e' weishaupt, 20 mq di pannelli con bollitore solare da 400 l in serie al bollitore acs da 500 l.
    io sono convinto che ci sia acqua nel circuito del glicole poiche' toccando i tubi quello di mandata e' spesso scottante finche' non va in errore,mentre quello di ritorno e' sempre stato freddo.
    ho fatto piu' volte presente sia all' amministratore che e' anche passato a constatare sia al manutentore che pero' e' parecchio negligente e/o incompetente e durante l'anno ho visto il verbale in cui segna addirittura che ha eseguito lo sfiato del circuito ma io seguendo ormai quasi tutti i giorni non ha mai ripreso a funzionare correttamente ( e spesso si sente gorgogliare nei tubi quando si alzano le temperature mentre la pressione da 1,5 bar va a 3,5 bar.
    vi giro un po' di immagini e vi chiedo cortesemente se potete aiutarmi a capire se e come posso eseguire io una sorta di sfiato o qualche altra manovra per correggere il problema.


    centralina.jpg 1.jpg 2.jpg 3.jpg

    p.s. quella valvola a destra sopra il barometro puo' tornarmi utile ? quelle viti di regolazione sono solo per la portata di flusso ?
    ho letto che potrebbe esserci ( in un impianto fatto bene ) una valvola di sfiato sui pannelli sopra il tetto che potrebbe essere azionata manualmente,e' vero? se cosi fosse non c'e' mai andato nessuno perche' e' abbastanza scomodo/rischioso)

    grazie infinite

  8. #8
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Per prima cosa 20 mq per un totale di 900lt mi sembrano pochi ( solare sovradimensionato rispetto all'accumulo ) poi se ci aggiungi manutentore incapace e incompetente dubito che riuscirai a risolvere , cerca qualcuno che sia in grado di sistemare il tutto.

  9. #9
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da GIBRUN Visualizza il messaggio
    Per prima cosa 20 mq per un totale di 900lt mi sembrano pochi ( solare sovradimensionato rispetto all'accumulo ) poi se ci aggiungi manutentore incapace e incompetente dubito che riuscirai a risolvere , cerca qualcuno che sia in grado di sistemare il tutto.
    grazie,ho gia contattato i produttori per chiedere una loro assistenza di zona...attendo risposta.
    il boiler solare e'solo di 400 l che si collega a cascata su quello generale,riscaldato da pompa di calore.
    pero nel frattempo volevo imparare ad arrangiarmi da solo ( sono perito elettromeccanico e ho lavorato su impianti elettromeccanici e idraulici sia civili che industriali quindi qualcosa credo e spero di poterla imparare sul solare) perche da esperienza su ogni campo purtroppo l incompetenza e negligenza regnano.

  10. RAD

Discussioni simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 19-12-2014, 17:24
  2. Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 24-10-2014, 15:13
  3. Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 18-04-2014, 08:44
  4. Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 27-07-2010, 13:19
  5. Realizzazione impianto solare circolazione forzata
    Da Thor nel forum Temperature ingresso e uscita pannello in impianto solare a circolazione forzataSolare TERMICO
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 23-06-2008, 13:40

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •