manutenzione impianti fotovoltaici
Mi Piace! Mi Piace!:  7
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  6
Pagina 3 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 41 a 60 su 105

Discussione: RISO e ILEAk Aurora power one pvi 6000

  1. #41
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito



    x Dolam
    Prima di smontare e misurare singolarmente la resistenza tra i singoli poli e il telaio dei pannelli, potresti verificare che i connettori di giunzione non poggino in eventuali ristagni di acqua nei canali delle tegole.
    Non so che inclinazione ha il tuo tetto, ma può capitare se ad esempio ci sono formazioni di muschio sulle tegole.
    Sarebbe buona cosa se i connettori non poggiassero sulle tegole ma fossero sostenuti dalla struttura dei pannelli.

    x megamarco83

    RISO = resistenza di isolamento
    ILEAK = Corrente di dispersione (fuga) verso massa (causata dalla bassa resistenza di isolamento)

  2. #42
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    fabio purtoppo i connettori sono poggiati sulle tegole ma l'inclinazione e 17/18°, quindi ristagni non credo e le tegole non hanno ancora il muschio sopra, penso che un pannello o due abbia qualche piccola infiltrazione d'umidità anche se voglio sperare che non sia così il problema vero resta l'individuazione perché il tetto è a 13metri da terra e sinceramente non è che sia facile lavorarci.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  3. #43
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fabioe Visualizza il messaggio

    x megamarco83

    RISO = resistenza di isolamento
    ILEAK = Corrente di dispersione (fuga) verso massa (causata dalla bassa resistenza di isolamento)
    grazie, ed intorno a quale valore "corertto" si devono assestare?

    domanda: poichè ho avuto parecchi problemi con la ditta che mi ha installato l'impianto 2anni fa, ed ora non esiste nemmeno più, volevo sapere, cosa si intendeva con "collegare l'unica stringa dei pannelli ad un solo ingresso sensa eseguire il ponticello con l'altro ingresso"
    io ho un impianto da 4.32kw con inverter power one pvi 4.2 outd versione Firmware: C.0.3.4 con due stringhe di pennelli 9+9 installate ad est ed a ovest
    non raggiungo mai e poi il picco di produzione (sono al nord, zona monza)
    e guardando cosa hanno impostato nell'inverter vedo solo MPPT scanner 10minuti e Vstart 210V altri parametri impostabili via software a bordo inverter non ne vedo
    mentre di ponticelli "hardware sull'inverter" per verificare che sia installato correttamente dove dovrei guardare?
    come RISO io ho 250.15 MOhm (in questo momento)
    e come corrente di dispersione 0mA
    grazie mille

  4. #44
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da dolam Visualizza il messaggio
    il problema vero resta l'individuazione perché il tetto è a 13metri da terra e sinceramente non è che sia facile lavorarci.
    Oltre a questo, per me, il problema è che i pannelli sono accostati tra loro ed in quache caso le giunzioni risultano inaccessibili....
    FV: 5,94Kwp - Azimuth 18° SW, Tilt 17° - 22 QCELLS G2 PRO 270W, PowerOne 6.0 OUTD-IT - PVOUTPUT
    4 Clima PdC: A+++/A++ SEER 7,2-8.5/4.6-4.7 (13.5kW/16.4 kW)


  5. #45
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    assolutamente vero e non mi sembra neanche ci sia spazio per allargarli e magari passarci in mezzo uno ad uno

    megamarco , i tuoi valori sono assolutamente ottimi , R.I.S.O non dovrebbe stare sotto i 20Mohm e iLeak dovrebbe essere 0 o max 25 mA
    Ultima modifica di dolam; 16-06-2015 a 10:29
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  6. #46
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Dolam potresti provare le RISO delle due stringhe in modo singolo, in modo da discriminare almeno se il problema è su tutte o solo su una.
    Spegni inverter, stacchi una stringa e lo riavvii vedendo i valori di RISO separati.

  7. #47
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da megamarco83 Visualizza il messaggio
    grazie, ed intorno a quale valore "corertto" si devono assestare?
    Io ti posso dire che ho sempre avuto guardando sul display dell'inverter (anche se non ho guardato sempre nè ho il monitoraggio) tra 8 e 20 Mohm (il massimo segnalato) di RISO.

    Quote Originariamente inviata da megamarco83 Visualizza il messaggio
    domanda: poichè ho avuto parecchi problemi con la ditta che mi ha installato l'impianto 2anni fa, ed ora non esiste nemmeno più, volevo sapere, cosa si intendeva con "collegare l'unica stringa dei pannelli ad un solo ingresso sensa eseguire il ponticello con l'altro ingresso"
    io ho un impianto da 4.32kw con inverter power one pvi 4.2 outd versione Firmware: C.0.3.4 con due stringhe di pennelli 9+9 installate ad est ed a ovest
    non raggiungo mai e poi il picco di produzione (sono al nord, zona monza)
    e guardando cosa hanno impostato nell'inverter vedo solo MPPT scanner 10minuti e Vstart 210V altri parametri impostabili via software a bordo inverter non ne vedo
    mentre di ponticelli "hardware sull'inverter" per verificare che sia installato correttamente dove dovrei guardare?
    Ecco qui si apre un discorso che può essere complesso.
    Con il tuo impianto su due falde con esposizione molto diversa la configurazione ideale è quella con ogni stringa collegata ad un MPPT diverso, niente ponticelli e switch di configurazione MPPT messo su IND.
    Quindi devi avere le due stringhe che entrano indipendentemente nell'inverter, cioè 4 cavi DC (due rossi, due neri).
    Se non hai ancora verificato queste cose i conviene farlo subito.

    Avendo due stringhe esposte diversamente è normale che non ti avvicini neanche alla massima potenza teorica (non ci arrivano neanche quelli che hanno tutto a sud, per diversi motivi, essenzialmente la temperatura dei moduli che non è mai ai 25º teorici della potenza nominale) perchè le due falde non esprimono mai la potenza massima contemporaneamente.

    Perchè hai lo MPPT scan, hai ombre sull'impianto ? Se si puoi anche mettere 5 minuti, se no togli l'MPPT scan.
    La VStart così a occhio mi sembra anche bassa (ma non è molto importante), dipende anche se hai ombre.

    ciao
    Solare termico: 5mq piani, 500l serbatoio in polietilene con serpentina inox, a svuotamento autocostruito, da ottobre 2010.
    Solare fotovoltaico: 2.86 kW 13 x 220 W Conergy Power Plus, inverter Power One 3.0 Outd, azimut -45, tilt 22, qualche ombra, da maggio 2011.

  8. #48
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    fabioe , stasera spengo l'inverter e domattina mi alzerò all'alba e provo prima una stringa e poi l'altra, ma devo farlo presto perché già verso le 9 torna tutto a 20Mohm e iLeak a 0, al momento per fortuna la produzione non ne risente.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  9. #49
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da toninon Visualizza il messaggio
    Io ti posso dire che ho sempre avuto guardando sul display dell'inverter (anche se non ho guardato sempre nè ho il monitoraggio) tra 8 e 20 Mohm (il massimo segnalato) di RISO.


    Ecco qui si apre un discorso che può essere complesso.
    Con il tuo impianto su due falde con esposizione molto diversa la configurazione ideale è quella con ogni stringa collegata ad un MPPT diverso, niente ponticelli e switch di configurazione MPPT messo su IND.
    Quindi devi avere le due stringhe che entrano indipendentemente nell'inverter, cioè 4 cavi DC (due rossi, due neri).
    Se non hai ancora verificato queste cose i conviene farlo subito.

    Avendo due stringhe esposte diversamente è normale che non ti avvicini neanche alla massima potenza teorica (non ci arrivano neanche quelli che hanno tutto a sud, per diversi motivi, essenzialmente la temperatura dei moduli che non è mai ai 25º teorici della potenza nominale) perchè le due falde non esprimono mai la potenza massima contemporaneamente.

    Perchè hai lo MPPT scan, hai ombre sull'impianto ? Se si puoi anche mettere 5 minuti, se no togli l'MPPT scan.
    La VStart così a occhio mi sembra anche bassa (ma non è molto importante), dipende anche se hai ombre.

    ciao
    ciao! grazie mille per la risposta, davvero gentile!
    allora...si ho 4 cavi, quindi separazione fisica delle due falde che entrano nell'inverter distintamente.
    di ombre si, ho un camino, piccolo, che da fastidio solo alla falda a est, e prende solo due pannelli, ma solo in pochissime ore di sole
    dentro all'inverter di ponticellato non mi pare ci sia nulla, devo verificare se lo witch invece è su IND o su PAR, stasera quando torno ci guardo sicuramente!
    gli altri parametri invece che dovrei guardare?

    ma quindi, volendo potrei aggiungere 3 pannelli da 240w (ho il posto, ma solo a ovest) senza avere il pericolo che l'inverter salti? parlo in linea teorica, poichè so bene che non è possibile, a meno di interpellare GSE e perdere l'incentivo (sono 4° conto energia)

  10. #50
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    marco i tre pannelli li lascerei perdere se hai il 4°conto , meglio non dare spunti al GSE.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  11. #51
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da toninon Visualizza il messaggio
    Ecco qui si apre un discorso che può essere complesso.
    Con il tuo impianto su due falde con esposizione molto diversa la configurazione ideale è quella con ogni stringa collegata ad un MPPT diverso, niente ponticelli e switch di configurazione MPPT messo su IND.
    Quindi devi avere le due stringhe che entrano indipendentemente nell'inverter, cioè 4 cavi DC (due rossi, due neri).
    Se non hai ancora verificato queste cose i conviene farlo subito.
    ciao ho fatto la verifica nel fine settimana....ho effettivamente un cavo rosso ed uno nero che entrano in IN1 ed un cavo rosso ed uno nero che entrano in IN2
    poi ho il posto per un altro ingresso di cavi (rosso e nero) sempre su IN1 ma vuoto
    IN1 porta quindi 4 connessioni disponibili (2 occupate e 2 libere ) mentre IN2 ha solo due connessioni (tutte e due occupate)
    perchè IN1 ha 4 connessioni?!?
    l'inverter al suo interno ha lo switch posizionato su IND



    Quote Originariamente inviata da toninon Visualizza il messaggio
    Perchè hai lo MPPT scan, hai ombre sull'impianto ? Se si puoi anche mettere 5 minuti, se no togli l'MPPT scan.
    La VStart così a occhio mi sembra anche bassa (ma non è molto importante), dipende anche se hai ombre.
    l'MPPT è impostato per lo scan ogni 8minuti
    non ho particolari ombre, forse e dico forse, un camino che potrebbe lambire leggermente i pannelli a est, ma non in questo periodo sicuramente, forse quando il sole è più basso
    e forse potrei avere su quelli a ovest delle ombre date da una pianta, ma piuttosto lontana, quindi proprio sul tramontare mooooooolto tardi del sole.
    SE disabilito l'MPPT scan guadagno qualcosa?
    ho fatto una prova e sono stato a guardare l'inverter per 5min a mezzogiorno, ma non mi pare sia cambiato nulla....
    la Vstart è a 200V
    altro da impostare non mi pare ci fosse....a meno di altri switch "hardware" all'interno dell'inverter che però non ho notato....
    posso controllare altre cose per verificare la corretta installazione?
    grazie mille davvero!

  12. #52
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Tutto corretto, forse riporterei l' MPPT scan a 15 o 20 minuti anche se sull''impostazione di questo parametro chi ci capisce è bravo.
    FV 4 kWp totalmente integrato, azimut +5° S-SO, tilt 18°, 16 moduli Solon Black 250Wp, Power-One PVI-4.2S, monitoraggio Connet Clever Energy Manager+Aurora Communicator. Allacciato il 21/01/2014

  13. #53
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ok grazie della risposta....e per curiosità...perchè lo rimetteresti a 15 o 20minuti?
    infine come influenza la Vstart la producione?
    ....e perchè IN1 ha 4 ingressi mentre IN2 ha 2 ingressi?
    GRAZIE

  14. #54
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    L' MPPT scan serve ad adattare l' MPPT in caso di ombre sui pannelli (in pratica fa una scansione di tutta la curva tensione/corrente della stringa e si posiziona sul punto di maggior produzione). Per fare questo perde pochissimi secondi 1 o 2 max di produzione ogni volta che scansiona.
    Se non hai ombre o se sono veramente poche lascia il valore di 15 min che è quello di default.
    La V start indica la tensione minima dei pannelli alla quale l' inverte inizia a lavorare.
    In pratica se la stringa è composta da pochi pannelli va abbassata per far si, soprattutto in estate con alte temperature che contribuiscono ad abbassare la tensione, che l' inverter possa partire.
    L' inverter PVI 6000 ha su un ingresso una coppia di bocchettoni che sono parallelati tra di loro, per facilitare un eventuale parallelo di due stringhe con numero uguale di pannelli ed uguale orientamento.

  15. #55
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Aggiungo solamente che una V start troppo bassa oltre a non portare benefici evidenti potrebbe deteriorare la componentistica dell'inverter a causa delle ripetute prove di avvio che la macchina potrebbe fare al mattino prima di entrare in produzione.
    FV 4 kWp totalmente integrato, azimut +5° S-SO, tilt 18°, 16 moduli Solon Black 250Wp, Power-One PVI-4.2S, monitoraggio Connet Clever Energy Manager+Aurora Communicator. Allacciato il 21/01/2014

  16. #56
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Concordo sulla V start,
    è utile consultare il configuratore on-line di ABB e posizionare questo valore sul risultato che il configuratore restituisce in base al tipo ed al numero di pannelli della stringa

  17. #57
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ligabue82 Visualizza il messaggio
    Ma, che voi sappiate, si può chiedere a PO di abbassare il limite della Riso (come ha fatto SMA), in maniera tale da evitare questi problemi mattutini?

    saluti
    Buongiorno, mi ricollego a Ligabue per chiedere anch'io se sugli inverter Power One è possibile settare un valore limite di Riso diverso da quello di default.
    Grazie

  18. #58
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    mipe, mi ricollego a tutti gli interventi ed è ormai da tempo che ho R.I.S.O e i-leak con valori fuori norma , riso tra 4 e 20 a seconda dell'umidità e i-leak tra 0 e 350, questi valori non incidono per nulla ne sull'avvio dell'inverter ne sulla produzione.
    Le soglie sono così sensibili per una scelta di PO ( che non condivido) ma di fatto non da problemi.
    Non mi risulta che ci sia qualcuno che ha fatto questa modifica ma non la trovo utile e se l'inverter fosse in garanzia la inficerebbe.
    Il mio impianto si trova al settimo anno di attività e il R.I.S.O dal secondo è sempre stato sotto i 20Mohm , quasi certamente da addebitare a qualche giunzione "umida" ma stai tranquillo che se tutto è ben connesso non accade nulla, goditi l'impianto in tranquillità e che soddisfazioni !! abbiamo il miglior inverter in esercizio.
    5.76 kW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 kW , 2 boiler 0-1200W in serie, controllo domotico , SDM220Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 4 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.

  19. #59
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao
    anche io nell'ultimo periodo ho iniziato ad avere un riso altalenante...
    l'impianto ha 7 anni ed a dicembre in una giornata particolarmente umida ho avuto un riso minore ad 1 Mohm con relativo blocco dell'inverter.
    dopo un paio di ore tutto e tornato nella normalita con riso maggiore a 8 Mohm
    da allora ho iniziato a monitorarlo tramite domoticz
    questi sono i valori degli ultimi 7 giorni.
    come si vede nei giorni umidi il riso scende..
    RISO.png

    questa invece è la ileak
    ileak.png
    appena il tetto si asciuga vado sopra ad ispezionare le giunzioni.

    ciao
    località Frosinone; inclinazione 30^; direzione sud;
    13 pannelli schott solar da 230w; inverter Power-One PVI-OutD 3.0
    Solar logger RASPBERRY-PI3
    23Solar feed PVout - MeterN - DOMOTICZ

  20. #60
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao.
    Premetto che l'impianto, composto da 24 pannelli vikram 230 Kwp, PO 6000 Out, funziona ormai da 7 anni.
    Ho notato l'elevata variabilità della RIso ma visto che non influiva sulla produzione non ho mai fatto niente sino a qualche giornio fa.
    Il valore è sceso sotto la soglia di 1 Mohm. Impianto in blocco.
    Ho individuato la stringa e il pannello che mi manda giu il valore.
    L'ho disinstallato.
    L'impianto riparte ma con valori riso intorno ai 2-5 Mohm.
    Ho tenuto il pannello incriminato al "caldo" per una settima. reinstallato e niente.
    Al momento stacco la stringa incriminata tutte le sere. la mattina dopo che l'inverter ha fatto il test sulla Riso ed è partito riconnetto la stringa 2.
    Purtroppo parlando con degli amici installatori mi hanno indicato che il problema è sui pannelli. Non è affatto un caso isolato. e la soluzione è cambiare i pannelli.
    Prima di farlo pero volevo capire se qualcuno è riuscito a ridurre la sogli della RISO.
    Sono entrato sul menu di servizio (accessibile con password) ma non ho trovato settaggi per la riso.
    Ciao

  21. RAD
Pagina 3 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Valori accettati RISO INVERTER POWER ONE
    Da atomicgroup77 nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 19-10-2014, 17:12
  2. comunicazione con inverter Aurora power-one PVI-6000-OUTD-IT
    Da champion59 nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 114
    Ultimo messaggio: 27-10-2013, 21:29
  3. aurora power one pvi 6000
    Da essere84 nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 11-08-2012, 17:51
  4. Stringhe e Inverter Power One Aurora 6000
    Da Alessio1977 nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 28-07-2012, 16:58
  5. connessione a inverter Power One Aurora 6000
    Da ManuelMH nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 12-02-2012, 14:13

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •