Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 56

Discussione: Esperimento N. 3

  1. #1
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito Esperimento N. 3



    Abbiamo realizzato il nostro reattore e condotto senza successo un primo esperimento, come descritto in questo post :
    Il nostro apparato Nikel/H2 .. non ha funzionato .

    Dopo di che , abbandonata l'idea di usare Nikel galvanico, abbiamo acquistato Nikel nanometrico e caricato un nuovo reattore molto simile, con una miscela di Ni + limatura di ferro dolce .

    Il nostro secondo esperimento ha usato questa miscela di polvere di Ni e Fe ed e' stato condotto ad una T superficiale del reattore di circa 370 gradi e una T in uscita dell'aria di raffreddamento di circa 120 gradi.
    Noi ricerchiamo un aumento anomalo della temperatura di un fluido refrigerante ( aria ) in uscita del reattore, dopo aver pressurizzato il core con H2 ad alta pressione.
    In questo secondo esperimento abbiamo osservato delle perturbazioni nelle T ma che ci sono servite piu' per sintonizzare i sistemi di misura e per assicurare una assoluta costanza della portata di aria al reattore.

    Fatto questo abbiamo preparato il nostro terzo esperimento condotto oggi tra le 14 e le 19 circa.
    Abbiamo portato la superficie del reattore ad una temperatura di 670 gradi e mantenuta assolutamente costante da un regolatore PID.
    Contestualmente e' stata fatta passare aria nello scambiatore di calore posto nel reattore, regolando la portata con un regolatore di pressione e una valvola di backpressur.
    La portata era cosi assolutamente costante.

    L'idea era che se la T con la quale si riscaldava il reattore fosse fissa e la portata con la quale si asporta calore dallo stesso fosse costante, la temperatura rilevata in uscita del fluido di raffreddamento doveva per forza rimanere costante su un valore fisso; dopo un adeguato periodo di stabilizzazione.

    Aggiungendo poi H2 ad alta pressione una eventuale reazione esotermica con il Ni doveva apparire per forza come una perturbazione che aumentasse la T in uscita.

    E questo e' effettivamente successo....


    Alle ore 15:59 la T dell'aria in uscita dallo scambiatore di calore immerso nel core, era di 198 gradi.
    alle ore 16.20 era di 201 gradi....
    Abbiamo considerato abbastanza stabile il sistema..
    Alle ore 16:20 abbiamo incominciato ad immettere H2 al ritmo di 20 bar alla volta.
    Alle ore 16:37 abbiamo raggiunto la pressione di 100 Bar con una T in uscita invariata a 202 gradi.

    Alle ore 16.40 abbaimo raggiunto la pressione massima di 130 bar e la t era di 202 gradi....
    .... improvvisamente la t e' incominciata a salire ad un ritmo quasi preoccupante.
    Alle ore 16:41 la T in uscita ha raggiunto i 212 gradi !!!!!
    Poi ha continuato a salire anche se in modo meno brusco.
    Alle ore 16:43 la T arriva a 216 gradi , poi la salita diventa piu' dolce.
    Alle ore 17:23 raggiunge i 236 gradi.....

    Dopo di che abbiamo depressato il reattore portando la pressione di H2 a 0 bar, tuttavia la T in scita e' rimasta su questo nuovo valore.
    Questo e' spiegabile solo in 2 modi :
    1- L'H2 interno al reticolo del Ni continua a reagire,
    2- per qualche ragione l'immissione di H2 ad alta pressione ha cambiato la conducibilita termica del sistema che pero si e' poi mantenuto cosi anche togliendo la pressione.

    Qualcosa e' successo.. e anche qualcosa di evidente ... occorre capire bene cosa.




    Ogni idea e' benvenuta... posteremo meglio i dati e le miscele usate.

    Saluti,
    F.

    Il link del documento contenente i dati rilevati :
    https://docs.google.com/spreadsheet/...FZicWNvdnQtSHc
    Ultima modifica di fcattaneo; 07-04-2012 a 08:01

  2. #2
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Complimenti davvero un bel risultato
    Per quanto ne so, quando il nichel assorbe l'idrogeno questo si scalda idem quando lo rilascia, perché ne viene deformata la struttura cristallina, e visto che la curva delle temperatura segua a grandi linee anche se con un certo ritardo la curva della pressione forse è indice proprio di questo fenomeno.
    Credo però che il metodo usato di misurare l'aria calda in uscita sia troppo "inerziale", mi spiego meglio, se si hanno dei picchi di temperatura questo metodo di misura per me non li vede, e credo siano proprio quelli da ricercare, per riuscire a tarare il sistema nel range dove ce ne sono di più.
    Una cosa da fare per me se la struttura del reattore lo permette è quella di inserire un'antenna all'interno di questo, è una mia convinzione, ma credo che quando si ha uno spot di fusione questo emetta si gamma ma anche una serie di sotto armoniche come impulsi elettromagnetici che credo si possano monitorare con uno oscilloscopio, e seguendo questi impulsi tarare le condizioni in modo da avere il massimo rendimento.
    Un'altra cosa, sempre una mia ipotesi è che la polvere di nichel non deve essere tutta unita ma separata, come fa Arata nelle sue prove con le nanopolveri di Pd inserite in una matrice di ossido di zirconio, credo basti mescolare la polvere di (nichel ferro e anche zinco) con del ossido di alluminio in un rapporto di 1 a 6, uno della miscela dei metalli e 6 del materiale inerte.
    Ciao nella speranza di essere stato utile vi auguro un buon lavoro e sperimentazione.
    "Non date da mangiare ai troll"
    http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao,

    una domanda. Dici che hai depressurizzato il contenitore riportando la pressione all'interno a 0bar. Ma dai dati che fornisci si vede che questo è avvenuto in un tempo molto rapido, ed è stato depressurizzato solo per pochi minuti. Poi tutto d'un tratto sei ritornato a 130bar. E' corretto?

    QED

    ps. secondo me il plot più interessante è la derivata prima della temperatura di uscita rispetto al tempo. Mi immagino che vedere un aumento di 9°C in un minuto vi abbia proprio causato un bello spavento (addirittura panico?).

  4. #4
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito esperimento n. 3

    Fcattaneo ...

    complimenti per questo primo risultato!
    Condivido quanto sopra evidenziato da Gabri, sul fatto che sarebbe importante potere monitorare la temperatura del core in modo diretto (cioè non attraverso il fluido di raffreddamento - aria forzata se ho ben capito), per potere osservare in modo più preciso anche eventuali picchi di breve durata.
    Ciò potrebbe essere un po' più complicato dal punto di vista tecnico ...
    Io ho inserito tre termocoppie nel reattore (che è diviso in più settori), ma questo aumenta i problemi di tenuta e certamente non potrò operare a pressioni molto elevate per la perdita di gas.

    Avete a disposizione un Geiger o simile, sarebbe veramente interessante capire se c'è qualcosa e soprattutto se non l'avete già fatto, a scanso di equivoci schermate il reactor!!

    Ciao
    Piolos

  5. #5
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da QED Visualizza il messaggio

    Dici che hai depressurizzato il contenitore riportando la pressione all'interno a 0bar. Ma dai dati che fornisci si vede che questo è avvenuto in un tempo molto rapido, ed è stato depressurizzato solo per pochi minuti. Poi tutto d'un tratto sei ritornato a 130bar. E' corretto?
    Si, spiego meglio..
    Alle 17:55, osservando che ormai la T in uscita si era stabilizzata sul nuovo valore di 235 gradi, abbiamo voluto vedere se una depressurizzazione dell'H2 portava ad una diminuzione della T verso il vecchio valore di circa 203 gradi.

    Abbiamo quindi depresssto immediatamente a zero ma la T in uscita e' rimasta invariata.
    Alle 18:07 abbiamo spento il forno e contestualmente ripressato immediatamete a 130 bar... questo per vedere se ci poteva essere un nuovo innesco a T piu' basse.. cosa che io nion credo ma che valeva la pena di controllare.

    Ad ogni modo la fase di raffreddamento e' stata comunque strana perche la T di 203 gradi in uscita l'abbiamo osservata nuovamente con una T del forno ( pari alla T superficiale del reattore ) di soli 460 gradi contro i 670 precedenti l'innesco.


    Quote Originariamente inviata da QED Visualizza il messaggio

    . Mi immagino che vedere un aumento di 9°C in un minuto vi abbia proprio causato un bello spavento (addirittura panico?).
    Vero... l'euforia e' durata qualche secondo per lasciare spazio ad un accenno di panico.
    Stavamo spegnendo tutto quando abbiamo visto la salita rallentare e abbiamo desistito mantenendo pero alto lo stato di eccitazione e di attenzione.
    Di quei momenti abbiamo anche la registrazione video, infatti casualmente solo 5 minuti prima evevo acceso la telecamera del cell.

    Per come e' fatto il nostro reattore quei 9 gradi in 1 minuto sono veramente tanti... dentro doveva essere successo per forza qualcosa di grosso... oppure un forte cambio della conducibilita termica che ha sballato il sistema.... cosa pero davvero difficile da spiegare.


    F.

  6. #6
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da GabriChan Visualizza il messaggio

    Credo però che il metodo usato di misurare l'aria calda in uscita sia troppo "inerziale", mi spiego meglio, se si hanno dei picchi di temperatura questo metodo di misura per me non li vede, e credo siano proprio quelli da ricercare, per riuscire a tarare il sistema nel range dove ce ne sono di più.
    Bravo.. e' proprio cosi.
    Per come e' fatto il nostro reattore si puo solo dedurre che e' successo qualcosa di importante per giustificare un picco di temperatura cosi grande in 1 minuto... ma non e' dato modo di sapere di quanto e' aumentata la T nel core, se non deducendolo matemeticamente accettando un certo gradi di approssimazione.
    Del resto pero il punto di forza del nostro reattore e' la compattezza che gli permette di funzionare a 700 gradi ad una pressione di 130 bar o piu... se ci mettessimo una termocoppia dovremmo accettare livelli decisamente inferiori per via delle tenute che dovremmo inserire.

  7. #7
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da GabriChan Visualizza il messaggio
    credo che quando si ha uno spot di fusione questo emetta si gamma ma anche una serie di sotto armoniche come impulsi elettromagnetici
    Scusa la profonda ignoranza..... che collegamento c'è tra i gamma e gli impulsi elettromagnetici?

  8. #8
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    http://www.ge.infn.it/~corvi/doc/did..._dec_gamma.pdf

    Ciao nell'emissione gamma si possono avere anche emissioni elettromagnetiche dipende dalle condizioni di emissione del gamma addirittura in certe condizioni si ha solo l'emissione elettromagnetica.
    "Non date da mangiare ai troll"
    http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

  9. #9
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao a tutti
    Fcattaneo complimenti per i risultati
    ti consiglerei di usare come primo step al posto della limatura di ferro dolce della magnetite
    Come pigmento nero si trova in commercio
    Poi tratti la magnetite in presenza di idrogeno oltre i 400 gradi e dovresti avere riduzione del ossido di ferro accompagnata da liberazione di acqua
    Tale azione dovrebbe portare ad un incremento dell'area superficiale
    Poi dovresti trovare il modo di spurgare umidità
    fatto ciò avresti del ferro alfa particolarmente reattivo verso idrogeno
    Gli effetti sinergici che hai avuto con il precedente ferro dovrebbero venire incrementati da un aumento della area superficiale del ferro
    infatti ora hai aumentato l'area del Nichel ma non quella del Ferro in termini di superficie esposta
    Per quel che concerne il riinnesco del meccanismo a temperature inferiori credo che incomincino ad emergere chiari fenomeni di limitazioni diffusive
    Se ti intererssa posso dirti come la penso
    se poi il fenomeno è riproducibile sarebbe bello impostare uno studio cinetico
    PS credo che lo stadio lento sia tutto fuorche la reazione nucleare
    Mi spiego meglio il primo problema è innescare la reazione nucleare
    il secondo problema è ridurre la dipendenza da limitazione diffusive di tale reazione
    e come aver una ferrari rifornita col contagocce di benzina
    spero di essermi spiegato
    Ultima modifica di boss 77; 08-04-2012 a 23:37

  10. #10
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Segnalo che ho appena pubblicato i dati dell'esperimento N.4 condotto ieri.

    https://docs.google.com/spreadsheet/...FZicWNvdnQtSHc

    Abbiamo riscontrato le stesse anomalie dell'esperimento N.3 con delle leggere differenze che elenco qua:


    1- la temperatura del reattore e' stata alzata a 713 gradi contro i 675 precedenti.
    2- Con l'aggiunta di H2 l'incremento di temperatura e' stato piu' modesto ( "soli" 8 gradi ) ma e' partito a pressione di H2 piu' bassa ( 60 bar contro i 130 precedenti ).
    3- con la depressurizzazione finale dell'H2, la temperatura è scesa leggermente pur non ritornando piu' al valore di partenza ( nell'esp. N.3 era rimasta tal quale ).

    Secondo me una volta che H2 entra nel reticolo del nikel la pressione di H2 perde di importanza ed e' probabile che una miscela di polvere di H2 gia' attivata, poi si inneschi solo con la T.
    Quindi il nostro esperimento N.3 ha visto un incremento inferiore perche probabilmente gia' qualcosa reagiva a 0 bar di H2.

    Una cosa che ho osservato durante l'esperimento N.3 e che non ho visto nel N.4 e' anche la leggera discesa di pressione avvenuta appena si e' innescata la reazione.
    Mi spiego...
    Durante l'esp.N.3 contestualmente con la fuga di temperatura avvenuta quando la P di H2 ha raggiunto i 130 bar e' successo che la pressione e' scesa leggermente ( circa 125 bar ).... abbiamo pensato ad una perdita ma era chiaramente impossibile perche il sistema era stato stracollaudato.
    Infatti abbiamo subito ripristinato la pressione a 130 e da li non si e' piu' mossa.
    Questo calo e' stato dovuto all'adsorbimento dell'H2 a carico del Ni e nell'esp. N. 4 non e' piu' successo; immagino che il motivo sia dovuto che la miscela era gia' attivata e aveva gia' H2 nel reticolo.

    Se l'interpretazione che do del fenomeno e' corretta, significa che il nostro sistema di verifica delle anomalie termiche tramite misura del semplice innalzamento della T in un sistema stabile, non e' applicabile quando il reattore e' gia' attivato.
    X questa situazione occorre un sistema piu' complesso di misure calorimetriche.

    .. ad ogni modo va invece benissimo per ricercare l'intruglio magico.. cioe' la combinazione di elementi piu' reattiva a questi fenomeni.

    Saluti,
    F.

  11. #11
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao fcattaneo credo che tu abbia ripubblicato quelli della prova n° 3 i dati sono uguali....
    Comunque è un fenomeno noto, nel caricamento del palladio la seconda volta il caricamento è molto più veloce a avviene prima, comunque è interessante che ci sia stata ancora l' anomalia termica, anche se ha scaldato meno, credo significhi che non è una questione di deformazione del reticolo di nichel.
    Avete degli strumenti in grado di rilevare i gamma? o degli impulsi elettromagnetici?
    "Non date da mangiare ai troll"
    http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

  12. #12
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da GabriChan Visualizza il messaggio

    credo che tu abbia ripubblicato quelli della prova n° 3 i dati sono uguali....

    Avete degli strumenti in grado di rilevare i gamma? o degli impulsi elettromagnetici?
    Gabri,
    il foglio che appare è quello relativo all'esp. N.3, ma se guardi sotto c'è il folder nuovo relativo al 6 Aprile.

    Si, abbiamo una unità RAM 63 molto sensibile che rileva i gamma, ma non abbiamo rilevato nulla di significativo oltre il valore di fondo.

    Ciao, fa
    Ultima modifica di fcattaneo; 10-04-2012 a 17:02

  13. #13
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao fcattaneo,
    molto interessante l'esperimento 3!
    Leggendo la tua descrizione avrei detto che l'aumento di temperatura era causato dal cambiamento di condittività termica dei materiali, invece guardando i grafici credo di potere dire che quasi certamente si tratta di generazione di calore! E considerando più o meno le dimensioni ed i materiali in gioco, credo che sia stata anche una quantità di calore non indifferente!
    Gli elementi che permettono di dirlo sono gli stessi che osservavo nei miei esperimenti: principalmente la discontinuità delle derivate della curca di temperatura d'uscita. Supponendo il sistema di primo grado, ad un gradino positivo di potenza in ingresso corrisponde un esponenziale in salita che si stabilizza a regime su un certo valore. La stessa cosa succede con un gradino in discesa.
    In questo caso si vede che si ha un esponenziale in salita mentre la potenza in ingresso è costante (e nota, se questa variazione fosse stata causata dalle variazioni di conducibilità si sarebbe registrato un aumento della potenza in ingresso perchè il PID doveva compensare la maggiore dissipazione) e una curva di discesa concava e non convessa come doveva essere allo spegnimento (e come in effetti è per la temperatura del forno). Questo significa anche che la reazione è continuata anche dopo lo spegnimento (non sappiamo fino a quanto o come visto che mancano i dati per la parte finale...).
    In conclusione direi che l'esperimento sembra avere dato risultati positivi e ben misurabili! Grandioso!
    Prima di passare ad altro è fondamentale riuscire a riprodurlo altre volte, e stilare una sequenza "standard" con cui provare a variare alcuni parametri e vedere come influiscono. I dati dell'esperimento 4 ad esempio sono meno dettagliati e meno utili per il fatto che manca una buona andata a regime prima dell'immissione dell'idrogeno (anche se sembrano confermare i precedenti risultati).
    Un'osservazione: l'immissione brusca di idrogeno è un ottimo trigger di per se. E' probabile che dando delle "botte" forti (0-130), anche ripetute rapidamente, si riesca ad avviare la reazione a temperature inferiori. In effetti i fattori da verificare sarebbero 3: la temperautra di innesco, la composizione delle polveri e la pressione. Ovviamente per fare queste prove due fattori vanno tenuti costanti ed il terzo va variato.
    Ti potrei suggerire anche un metodo molto semplice per calibrare il sistema e misurare con buona approssimazione la potenza generata.

  14. #14
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Ops, si visto
    Una domanda con cosa fai il rapporto per vedere il rendimento?
    Consideri anche le masse in gioco?

    ha un'altra cosa non è che riesci anche a fare un log del RAM 63 sarebbe interessante vedere se c'è qualche cambiamento quando c'è il picco di temperatura.
    Ciao
    "Non date da mangiare ai troll"
    http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

  15. #15
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Vettore Visualizza il messaggio

    In questo caso si vede che si ha un esponenziale in salita mentre la potenza in ingresso è costante (e nota, se questa variazione fosse stata causata dalle variazioni di conducibilità si sarebbe registrato un aumento della potenza in ingresso perchè il PID doveva compensare la maggiore dissipazione)
    Vero!
    Questo lo si puo dedurre anche confrontando i dati con l'esp. 4, in particolare con le T di stabilizzazione prima dell'immissione di H2.
    .. anche se il confronto e' minato dal fatto che secondo me il reattore gia' reagiva a 0 bar tramite l'H2 adsorbito nel reticolo durante esp.3 .


    Quote Originariamente inviata da Vettore Visualizza il messaggio
    ..
    invece guardando i grafici credo di potere dire che quasi certamente si tratta di generazione di calore! E considerando più o meno le dimensioni ed i materiali in gioco, credo che sia stata anche una quantità di calore non indifferente!

    In conclusione direi che l'esperimento sembra avere dato risultati positivi e ben misurabili! Grandioso!
    Guarda posso dirti che durante esp.3 in quel minuto dove la T e' salita di 9 gradi abbiamo avuto paura.

    Siamo abbastanza "esperti" da capire cosa ci si puo aspettare da un accrocchio come quello che abbiamo realizzato, se seguisse le regole della fisica classica e posso garantire che quello che abbiamo visto non era spiegabile.

    Chiaramente lo sgomento ci ha portato a pensare a qualcosa di logico... Maurizio concitato ripetevaa che c'era una perdita di H2 e stava bruciando...
    Ma ci siamo guardati in faccia e abbiamo subito dedotto che una combustione che generasse una variazione simile doveva essere visibilissima.

    Considera che l'aria in uscita ha modo di scaldarsi durante il percorso nel core del reattore lungo soli 22 centimetri!!

    La pressione e' scesa a 125 bar e si e' fermata ma la T rimaneva costante.
    Ho ripressato il sistema a 130 bar e questa volta la P NON E' PIU' SCESA!!! e la T rimaneva li fissa a quel nuovo valore.

    In quel momento abbiamo poi deciso di depressare il sistema per vedere la t nuovamente ridiscendere.. cosa che non e' successa.
    Ora a bocce ferme sappiamo che avremmo dovuto fare un'altra cosa...

    Cioe' lasciare la pressione di H2 identica e ridurre la T di setpoin del PID fino a trovarci nuovamente ai valori di T out di partenza.

    Avremmo trovato una condizione nuova ad una T del reattore piu' bassa e con una energia immessa piu' bassa..

    Quote Originariamente inviata da Vettore Visualizza il messaggio

    Un'osservazione: l'immissione brusca di idrogeno è un ottimo trigger di per se. E' probabile che dando delle "botte" forti (0-130), anche ripetute rapidamente, si riesca ad avviare la reazione a temperature inferiori.
    Lo avevamo pensato anche noi e lo abbiamo fatto.
    Durante esp. N.3 alle 18:07 c'e' stata la ripressurizzazione di H2 a 130 bar.
    Tale operazione e' stata fatta pressando, depressando e ripressando il core a 130 bar.
    La T e' pero' rimasta sul valore del primo innesco.


    Quote Originariamente inviata da Vettore Visualizza il messaggio
    In effetti i fattori da verificare sarebbero 3: la temperautra di innesco, la composizione delle polveri e la pressione. Ovviamente per fare queste prove due fattori vanno tenuti costanti ed il terzo va variato.
    Ti potrei suggerire anche un metodo molto semplice per calibrare il sistema e misurare con buona approssimazione la potenza generata.
    Il nostro sistema e' chiaramente adatto a ricercare una giusta composizione/condizione ma non per generare molto calore perche la quantita di Ni che entra nel core e' davvero troppo poca e credo che questo sia determinante ai fini della quantita di calore.

    Considera un volume di 8 cc ... il peso corretto del materiale che abbiamo inserito lo posto piu' avanti perche l'ho scritto su un altro PC.

    Abbiamo materiale per assemblare altri 3 reattori... nel prossimo metteremo delle barrette TIG ( tungsteno + torio ) in modo da inserire una debolissima sorgente alpha che magari serve a qualcosa..
    Abbiamo anche della polvere di ossido di alluminio che potrebbe essere interessante anche se la presenza di ossido potrebbe generare calore x riduzione e sballare temporaneamente le misure.

    Ogni contributo e' naturalmente ben accetto... noi del resto stiamo fornendo tutti i dati senza omettere nessun particolare.

    Quote Originariamente inviata da GabriChan Visualizza il messaggio

    Una domanda con cosa fai il rapporto per vedere il rendimento?

    ha un'altra cosa non è che riesci anche a fare un log del RAM 63 sarebbe interessante vedere se c'è qualche cambiamento quando c'è il picco di temperatura.
    Il rendimento non lo abbiamo calcolato ancora.
    Credo che una volta trovata una combinazione corretta di elementi e condizioni, occorrera' riprogettare un nuovo reattore diverso che possa garantire maggiori produzioni e un miglior confinamento del calore.


    Ciao e grazie a tutti,
    F.

  16. #16
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao F cattaneo
    Complimenti ancora per i tuoi risultati
    I dati 4 sono sicuramente incoraggianti e se mi è concesso l’ardire confermerebbero il tema delle limitazioni diffusive del mio precedente post
    Per chi ci legge e non è del settore cercherò di spiegarmi e descrivere bene cosa intendo
    Partiamo dal presupposto che in una sequenza di accadimenti chimico fisici la velocità complessiva della trasformazione dipende spesso da quello che si chiama stadio lento
    Esempio
    Ho del gas ossigeno che deve reagire con del carbone
    Quali situazioni mi trovo a descrivere ? E’ intuitivo che il carbone caldo brucia immeditamnete quindi lo stadio lento non è la reazione di ossidazione o combustione propriamente detta ma a limitare la velocita della reazione di ossidazione è l’acesso del ossigeno alla superficie non reagita della particella di carbone sia attraverso lo strato superficiale che attraverso lo strato di cenere
    Infatti l’Ossigeno nel aria deve arrivare al carbone per bruciarlo In tale situazioni la diffusione dell osigeno dall’ARIA al strato limite adiacente alla superfice del carbone è sotto limitazioni di caratere diffusivo
    E intuitivo che soffiando l’ossigeno giunge meglio perche lo strato limite sia rrichisce ed il fuoco è vivo quindi facilito laccesso o diffusione alla superficie in cui avviene la reazione del ossigeno
    Altro aspetto da valutare è La penetrazione del ossigeno nello strato di cenere fino al carbone
    Ec ecc ma credo di aver reso l’idea

    Nel sitema nichel in polvere + idrogeno è possibile ipotizzare diverse accadimenti fig 1 ;
    1. diffusione del idrogeno dal sistema allo strato limite del interfaccia niche idrogeno
    2. adsorbimento del idrogeno sul nchel
    3. scissione del idrogeno molecolare in idrogeno atomico
    4. permeazione del idrogeno atomico attraverso il Ni
    5. reazione con liberazione di calore
    le reazioni da 4 a 1 hanno la loro versione reversibile di ritorno
    quindi idrogeno si ricombina in idrogeno molecolare si desorbe passa allo strato limite e poi al sistema

    Ora cosa “comanda il sistema “ è difficile da decidere in questo stadio dei lavori ma si possono fare studi sistematici per capire qualcosa

    fatta questa premessa ci sono altre osservazioni interessanti :
    1. Sula base della mia esperienza in nanoparticelle e altri materiali vi posso dire che materiali finemente suddivisi tendono, a passatemi il termine, ad aggregarsi e questo aspetto è importante in quanto scaldare del nichel a 600 700 gradi a mio avviso puo portare una modifica della distribuzione delle dimensione delle particelle che diventeranno necessariamente piu grosse
    2. Quindi eventuali fenomeni e valutazioni in termini di rendimneto ecc dovranno considerare tale aspetto
    Il test a maggiore temperatura andrebbe quindi rifatto anche a partire da polvere nuova ( ps immagino che costando mlto ci siano anche problemi economici )

    Il modello difussivo puramente descrittivo non considera che le reazioni di adsrobimneto e desorbimneto dei metalli sono sogette a fenomeni che rispondono in termini divesi alla pressione ed alla temperatura
    Nel merito spiccio del nostro discorso se faccio entrare idrogeno nel Nichel e poi spengo comehai fatto il sistema è lecito aspettarsi di sicuro due cose
    Che certamnete idrogeno è gia presente nella polvere in quanto per alontanarlo efficacemente serve alta temperatura ed il vuoto
    Quindi l’ipotesi che idrogeno sia presente è molto omolto fondata
    E chiaro che se nel primo caso idrogeno entrava velocemnete poiche le particellierano molto fini ( esperimento 3)nel secondo tentativo ( esperineto 4)avro partielle un pelo piu grossolane e magari che si comportano meno efficacemente dal punto di vista del ricambio e della penetrazione del idrogeno
    Ho lavorato con sistemi nanometrici e spesso la separazione delle particelle ed il mantenimneto della separazione sono fattori importanti ecco perche spesso si usano specie alle alte tempeature supporti inerti

    magari si potranno fare valutazioni in futuro in merito
    ho letto e sentito di zeoliti alluminea e altro sono ottime opzioni
    Tornando al nosrto processo se ottimizziamo lo stadio lento è ovvio che renderemo il nostro sistema molto efficace ed efficiente
    Spero di essere stato di aiuto

  17. #17
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fcattaneo Visualizza il messaggio
    Guarda posso dirti che durante esp.3 in quel minuto dove la T e' salita di 9 gradi abbiamo avuto paura.
    Ti capisco, a me è successa la stessa cosa! Quando la mia cella (in vetro!) si è accesa improvvisamente come una lampadina ho avuto paura che esplodesse da un momento all'altro, ed ho spento tutto immediatamente. Nonostante questo si è in parte fusa...

    La pressione e' scesa a 125 bar e si e' fermata ma la T rimaneva costante.
    Ho ripressato il sistema a 130 bar e questa volta la P NON E' PIU' SCESA!!! e la T rimaneva li fissa a quel nuovo valore.
    Questo conferma due cose: che l'idrogeno è effettivamente stato adsorbito, e che la dinamica è compatibile con un'ipotesi che avevo fatto in passato, cioè che l'adsorbimento anomalo è una conseguenza della reazione e non la causa!
    E questo spiega anche perchè nell'esperimento 4 la reazione è partita prima (l'idrogeno era già presente nel reticolo, ed è necessario solo il trigger, più o meno esplicito...)

    In quel momento abbiamo poi deciso di depressare il sistema per vedere la t nuovamente ridiscendere.. cosa che non e' successa.
    In realtà sembrerebbe che una volta adsorbito l'idrogeno e partita la reazione, il gas della cella può anche essere tolto, la reazione va avanti lo stesso sfruttando l'idrogeno intrappolato nel reticolo (che poi è quello che reagisce).

    Cioe' lasciare la pressione di H2 identica e ridurre la T di setpoin del PID fino a trovarci nuovamente ai valori di T out di partenza.
    In questo modo potevate calcolare la potenza aggiuntiva prodotta (che è quella corrispondente alla riduzione del setpoint).

    Avremmo trovato una condizione nuova ad una T del reattore piu' bassa e con una energia immessa piu' bassa..
    Beh, secondo me questa prova andrebbe fatta in salita. Cioè si fissa la composizione della polvere, si raggiune una certa T di regime (media-bassa) e si prova ad innescare la reazione con alcune "botte" 0-130 dell'idrogeno. Se la reazione parte si è trovata una nuova condizione, altrimenti si prova un setpoint più alto, e si ripete la procedura. Questo permette di capire qual è la T minima per fare partire la reazione in quelle condizioni, che è un dato importantissimo!
    L'unico problema è che la polvere ha "memoria", nel senso che risente dei precedenti adsorbimenti, quindi non si comporta sempre nello stesso modo... Questo complica le cose operativamente. Oppure le semplifica un pò se si suppone che una volta adsorbito l'H non ce ne sia più bisogno (e quindi si usa l'H esterno solo come trigger).

    Il nostro sistema e' chiaramente adatto a ricercare una giusta composizione/condizione ma non per generare molto calore perche la quantita di Ni che entra nel core e' davvero troppo poca e credo che questo sia determinante ai fini della quantita di calore.
    Credo che questo sia assolutamente secondario per ora! In questa fase le informazioni importanti sono relative alla possibilità di innesco della reazione, capito quersto gli altri fattori si possono scalare a piacimento...

    Considera un volume di 8 cc ... il peso corretto del materiale che abbiamo inserito lo posto piu' avanti perche l'ho scritto su un altro PC.
    Non è tanto poco comunque... Considerando le densità di energie che sono state riportate...

    Abbiamo materiale per assemblare altri 3 reattori... nel prossimo metteremo delle barrette TIG ( tungsteno + torio ) in modo da inserire una debolissima sorgente alpha che magari serve a qualcosa..
    Abbiamo anche della polvere di ossido di alluminio che potrebbe essere interessante anche se la presenza di ossido potrebbe generare calore x riduzione e sballare temporaneamente le misure.
    Sono prove interessanti, ma credo che prima sia utile capire ed imparare a conoscere come funzionano le cose con la versione base, altrimenti viene difficile fare confronti e tenere sotto controllo troppe le variabili.
    Ci sono due o tre prove secondo me fondamentali da fare con la versione base prima di passare alle altre.

    Ogni contributo e' naturalmente ben accetto... noi del resto stiamo fornendo tutti i dati senza omettere nessun particolare.
    Questo è molto utile per capire il fenomeno e per cercare di controllarlo bene.

    Il rendimento non lo abbiamo calcolato ancora.
    Come ti dicevo un modo molto semplice è quello di abbassare il setpoint fino a riportare la T di uscita al valore che aveva prima dell'innesco (conoscendo a quanti W corrisponde ogni punto di setpoint).


    P.S. Vi consiglio di gestire ed osservare con maggiore attenzione la fase di spegnimento: è probabile che la reazione rimanga attiva anche diminuendo la temperatura e togliendo l'idrogeno. Se le operazioni di spegnimento sono molto lente (senza sbalzi), potrebbe perfino rimanere accesa senza apporto di energia dall'esterno. Dai grafici dell'esperimento 3 si direbbe che c'era produzione di calore anche un pò dopo lo spegimento del forno (non si capisce però fino a quando)...

  18. #18
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito esp n. 3-4

    Ciao fcattaneo

    Nel tuo #15 accenni alla quantità di Nickel (IN POLVERE) impiegata nel reattore, credo che la produzione continua di una quantità macroscopica di calore richieda una quantità di metallo micro-nano non di pochi grammi, ma superiore.
    Diverso il discorso per fili, lamine ecc ...

    Interessante il tuo riferimento alla sorgente alpha, ne avevo parlato poco tempo fa sempre nella sezione test perchè penso sia una strada da esplorare !!!

    saluti
    Piolos

  19. #19
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Complimenti al gruppo fcattaneo.

    Caspita! Di rientro da una villeggiatura in Francia trovo questa gradita sorpresa. Bravissimi! Ma soprattutto costanti NON vi siete lasciati fermare e avete provato con la NANOPOLVERE DA 40 nm.
    Mi aspettavo qualche risultato proprio perchè la superficie di adsorbimento è aumentata di 1000 volte ma certo non così eclatante.


    Quote Originariamente inviata da fcattaneo Visualizza il messaggio
    2- Con l'aggiunta di H2 l'incremento di temperatura e' stato piu' modesto ( "soli" 8 gradi ) ma e' partito a pressione di H2 piu' bassa ( 60 bar contro i 130 precedenti ).
    ...
    Secondo me una volta che H2 entra nel reticolo del nikel la pressione di H2 perde di importanza ed e' probabile che una miscela di polvere di H2 gia' attivata, poi si inneschi solo con la T.
    Quindi il nostro esperimento N.3 ha visto un incremento inferiore perche probabilmente gia' qualcosa reagiva a 0 bar di H2.

    Una cosa che ho osservato durante l'esperimento N.3 e che non ho visto nel N.4 e' anche la leggera discesa di pressione avvenuta appena si e' innescata la reazione.

    F.
    La sorpresa l'ho avuta dalla pressione, non la reputavo un fattore importante, voi vi siete messi da subito in modo da muovervi fino a 200 atmosfere e ... avete avuto conferma della bontà della scelta.

    Certo non sembra esserci una relazione di diretta proporzionalità tra fenomeno calorico e pressione, la relazione comunque c'è. La pressione è evidentemente uno dei parametri.

    Allora:
    1) è evidente che il "caricamento" (adsorbimento dell'idrogeno nel nichel per i lettori di passaggio) è una condizione NECESSARIA ma probabilmente non sufficiente. Il caricamento può avvenire anche in altri modi, con Piantelli primo tipo avveniva con un numero elevato di cicli di riscaldamento a mezza atmosfera. Ma poi il calore in eccesso avveniva rarissime volte. Per renderlo ripetibile Piantelli ha dovuto lavorare sulla composizione cristallina del Nichel.
    Ora con il nanonichel e il ferro (Che granulometria?) sembra che la cosa accada senza particolare trattamenti alla struttura cristallina del nichel.

    2) una volta che il meccanismo si è innescato sembra più facile da ripetere e come hai detto tu la pressione perde di importanza.

    3) Il fenomeno quando si scatena "ricorda" un po' la reazione a catena. Questo conferma la probabilità che ci sia una sorta di emissione locale di raggi gamma o equivalenti, con frequenza idonea ad essere da attivatore per altre reazioni negli atomi di nichel e/o di idrogeno vicini.

    4) confermato anche che occorre il fattore scatenante perturbativo nel tuo caso l'improvviso salto di pressione.

    Dall'idea che mi sono fatto azzardo a dire che FORSE il fattore perturbativo potrebbe essere anche una piccola "combustione", ottenuta con l'introduzione di ossigeno, o magari aggiungendo polvere di carbonio, o nichel ranney.

    Infine propendo con l'idea che la polvere usata da Rossi sia di base di granulometria da micron, ma contenga sempre anche nanopolvere forse da 2 nm e/o nichel Ranney o equivalenti. Da quello che ho letto Rossi si è dedicato a provare tutte le varie polveri tipo Ranney in commercio. Forse sono presenti in piccole quantità diciamo 3%. Queste fanno la funzione di fiammifero scatenante.

    Per il rilevamento dei raggi gamma direi che dovrebbe comparire solo quando la quantità di calore è notevole. In altre parole ritengo che in una prima fase i raggi emessi vengano riassorbiti dalla polvere stessa, poi quando la reazione è abbondante il surplus di raggi sia rilevabile e debba essere schermato.
    Ciao e complimenti per la COSTANZA non ti sei lasciato scoraggiare.
    Ultima modifica di Camillo; 11-04-2012 a 20:37

  20. #20
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Camillo Visualizza il messaggio

    Dall'idea che mi sono fatto azzardo a dire che FORSE il fattore perturbativo potrebbe essere anche una piccola "combustione", ottenuta con l'introduzione di ossigeno, o magari aggiungendo polvere di carbonio, o nichel ranney.
    Ciao Camillo.
    Un'idea che ho letto qua sul forum e che mi piace particolarmente e' quella di aggiungere un idrocarburo nel core del reattore.

    Aumentando la T. e in presenza di Nikel succede che i legami H-C dell'idrocarburo, si rompono liberando H ( idrogeno monoatomico ). ( reazione di idrocraking )
    Tale idrogeno avrebbe tempo di infilarsi nel reticolo del nikel prima legarsi in coppie H2.

    L'idea mi sembra buona e non richiede il sacrificio di un reattore nuovo, perche si puo aggiungere senza problemi una benzina al reattore esistente oggetto delle prove 3 e 4 .

    Quote Originariamente inviata da piolos Visualizza il messaggio

    Interessante il tuo riferimento alla sorgente alpha, ne avevo parlato poco tempo fa sempre nella sezione test perchè penso sia una strada da esplorare !!!
    SI Pilos, avevo letto il tuo intervento e anche noi pensavamo la stessa cosa.
    Proveremo sicuramente questa soluzione.

    Quote Originariamente inviata da Vettore Visualizza il messaggio
    Sono prove interessanti, ma credo che prima sia utile capire ed imparare a conoscere come funzionano le cose con la versione base, altrimenti viene difficile fare confronti e tenere sotto controllo troppe le variabili.
    Ci sono due o tre prove secondo me fondamentali da fare con la versione base prima di passare alle altre.
    Se vuoi elencarle vediamo se poi possiamo farle.

    Quote Originariamente inviata da boss 77 Visualizza il messaggio

    ho letto e sentito di zeoliti alluminea e altro sono ottime opzioni
    Tornando al nosrto processo se ottimizziamo lo stadio lento è ovvio che renderemo il nostro sistema molto efficace ed efficiente
    Spero di essere stato di aiuto
    Evitare la sinterizzazione e' sicuramente un fattore cruciale.
    Noi abbiamo dell'ossido di alluminio in polvere... uma miscela di Ni con questa polvere potrebbe aiutare la sinterizzazione.
    Un'altra idea potrebbe essere quella suggerita da camillo, cioe' di usare nikel micrometrico mischiato con poco nanometrico...
    In questo lo stesso nikel micrometrico eviterebbe la sinterizzazione..

    Occorre pero cercare delle priorita'... i test sono lunghi e non possiamo provare tutte le soluzioni.
    Occorre anche fortuna .. purtroppo.
    Ultima modifica di fcattaneo; 11-04-2012 a 23:44

  21. RAD
Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Esperimento ZERO
    Da Quantum Leap nel forum Sistemi per auto a idrogeno/acqua
    Risposte: 94
    Ultimo messaggio: 18-02-2015, 21:13
  2. esperimento
    Da biker.twin nel forum BIOGAS e Gas Residuati
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 10-02-2012, 12:30
  3. Possibile esperimento
    Da Lino Monaco nel forum Test sperimentali
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 31-10-2008, 00:49
  4. esperimento
    Da putrechigi nel forum Apparati MECCANICI
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 16-11-2006, 15:29
  5. Esperimento casalingo
    Da nel forum Test sperimentali
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 08-07-2005, 00:19

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •