Evlist veicoli elettrici
Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 3 di 3 primaprima 123
Visualizzazione dei risultati da 41 a 57 su 57

Discussione: Batterie al litio per trazione. Tipi e Caratteristiche

  1. #41
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito



    le litio-titanate sono piu resistenti perche' l'aumento di volume dell'elettrodo ha un fattore di moltiplicazione decisamente piu' basso rispetto alle altre chimiche.
    l'aumento di volume porta allo sfaldamento dell'elettrodo.
    purtroppo la loro capacita' specifica e volumetrica e assai piu' bassa, per ora, e quindi, pur contando il doppio, se non il triplo di cicli di vita, alla fine la capacita' temporale (cicli di vita moltiplicato capacita' di carica) e' identica alle LiFePO4 a parita' di peso e volume.
    in piu' se sfrutti un pacco dello stesso peso di LiFePO4 quanto uno di litio-titanate, alla fine i cicli delle LiFePO4 diventano molti di piu', perche' le LI-titanate le spremi fino al 90% della capacita' nominale con una capacita' specifica gravimetrica di 60Wh/Kg, mentre le LiFePO4 hanno capacita' specifica gravimetrica di 100-105Wh/Kg, ossia, per gli stessi watt utilizzati, una e' al DOD 90%, l'altra ad un DOD del 55%, ed una LiFePO4 scaricata sempre ad un DOD del 55% ti dura pure piu' di 10.000 cicli, contando che a DOD del 70% garantiscono 8000 cicli di vita, con cut-off a 2.4V.

    l'unico vantaggio potrebbe essere la ricarica veloce...
    se prendo pero' una LiFePO4 e la carico da DOD 35% al 74% della sua capacita' nominale (ossia metto dentro il 70% della carica nominale di una Li-titanate di pari peso), questa ricarica la posso fare in 45 minuti senza nessun danno, a C 0.5, in quanto una LiFePO4 si puo' ricaricare da DOD 90% a piena carica in 3 ore circa, quindi il 39% ci impieghi quel periodo; fatto sta' che e' l'ultimo 5-10% ad impiegare effettivamente un sacco di tempo per ricaricarsi (perche' c'e' meno disponibilita' di litio libero, in quanto e' quasi tutto fissato), quindi la potenza di ricarica nel mezzo del range, tra' 35% e 74%, lo potrei fare tranquillamente anche a 3C, che la batteria regge lo stress...
    lo potrei fare in meno di 8 minuti... non poi tanto distanti dai 2 minuti di queste nuove batterie (che poi sono molto simili alle Scib).
    e' tutto relativo, insomma, ed in misura finale conta solo il bilancio economico: qual'e' la piu' economica? (e le Scib non lo sono).
    giusto per informazione: Winston Energy Group Limited

  2. #42
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Le nuove Scib(?) realizzate usando i "nanotubi" sembra portino vantaggi sia nella densità energetica sia ,sopratutto, nella velocità e praticità d'uso.
    All'utente medio non si può chiedere di stare, con le LiFEPo, tra una percentuale min e max di carica per stare al di sotto del costo delle Scib e/o Scib "nanotubate".
    All'utente medio gli interessa avere tempi di ricarica identici a quelli necessari per un'auto a carburante tradizionale e sapere che 100 è pieno e 0 è vuoto.
    E' probabile che alla fine sia stata una notizia buttata lì per fare pubblicità all'università di Singapore: c'è concorrenza anche in quel settore...purtroppo.
    Ciao
    Smart700

  3. #43
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    100 e 0 sono relativi, se ti do' una capacita' nominale che voglio io e ti metto il cut-off dove dico io;
    tu vedrai comunque 100 e 0, ma in realta' potresti stare tra' il 35% ed il 75% della capacita' dell'elettrodo... e' solo un modo di far vedere le cose; gia' oggi e' cosi': l'indicatore di carica del cellulare o del portatile quantifica la percentuale di carica nominale, non quella dell elettrodo.
    per il tempo di ricarica, quello che chiedi in realta' gia' esiste d un decennio, addirittura con le NiMH... fu' la stessa mitsubishi a presentare un prototipo che si ricaricava in 2 minuti, ma raffreddava le celle con CO2 a perdita, mentre le ricaricava ( sublimazione della CO2 -62°C), per mantenere la temperatura del pacco prossima a quella ambiente, ma scaricandogli potenze decisamente elevate...
    un pieno ti sarebbe costato 2 euro in elettricita' e 30 in CO2 (oltre l'inquinamento atmosferico).

    per non dire che l'ultimo pieno che ho fatto qualche giorno fa' e' stato interminabile! per mettere 55 litri di gasolio ci saranno voluti 5 minuti! oggi le pompe di carburante self service hanno come protezione l'erogazione a bassa portata, cosi' che, se l'incauta automobilista attiva la pompa all'aria aperta (e l'ho visto fare!), al massimo disperde qualche centilitro nel tempo di reazione per lasciare la pompa... 10 anni fa' un pieno da 60 litri lo facevi in un minuto, manco fosse da formula uno.
    le pompe self service di oggi fanno una pisciatina, le stesse pompe senza limitazione, come quelle di 10 anni fa', fanno schizzi di 5 metri.

    sarebbe gia' ottimale una sosta/ricarica di 15 minuti... la metti in carica, vai a prenderti il caffe', parlotti, sigaretta, e la trovi carica, e non hai fatto nemmeno fila, perche' di prese di potenza ne puoi mettere a decine, alla fine conta la potenza disponibile che viene fornita all'impianto di ricarica, mentre da un benzinaio... le pompe costano, ed anche care.... una giornata affollata e ti fai quasi 20 minuti per fare benzina (basta che le 4 macchine davanti a te facciano tutte il pieno dalla riserva).

    insomma, guardando da altri punti di vista le cose cambiano...

  4. #44
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao a tutti
    sto cercando di pianificare una conversione plipofe4 di una minicar pb-gel
    attualmente monta 18 batterie da 12V 24Ah

    vorrei passare alle lipofe4, e da consigli, e alcuni calcoli la soluzione migliore sarebbe quella di stare
    su una potenza di 30Ah

    per ora sono al problema del dimensionamento del pacco (se stessi intono ai 20Ah ci starei anche largo)
    ma avendo intenzione di sovradimensionare un po la cosa
    nella ricerca mi sto imbattendo in 2 tipologie di batterie
    quelle con contenitore in plastica tipo queste
    EV-Power | LiFePO4 High Power Cell (3.2V/20Ah) - PROMO
    lipofe4 plastica.jpg

    da quello che leggo tendenzialmente piu usate sulle auto.

    e queste con contenitore in alluminio
    EV-Power | WINA LiFePO4 Power 3.2V/36Ah aluminium case - WN-PROMO
    lipofe4 allu.jpg
    QUESTE ULTIME SONO ADATTE LO STESSO AL MIO USO ! DAI DATI SEMBRANO UN PO MENO PERFOMANTI MA MENO INGOMBRANTI!



    altra domanda:
    questa tipologia di batterie può essere montata anche orizzontale, o solo con i poli verso l'alto verticale?
    se si potesse fare anche in orizzontale potrei pensare di sfruttare l'altezza disponibile
    per posizionare (previo adeguato isolatore) un piano orizzontale (10-12 BATT) sopra quelle in verticale (60-64 BATT)

  5. #45
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Uno dei "difetti" delle lipo4 è che tra scarica e carica il loro volume cambia leggermente; nulla di eccessivo, ma si dovrebbe lasciare un minimo grado di libertà.Quelle con case in alluminio dovrebbero garantire un minimo di robustezza in più, minor peso a parità di carica totale (quindi una capacità gravimetrica migliore, seppur di poco) ed un ingombro più contenuto; detto questo posso rinnegare il tutto dicendoti che dipende dal singolo prodotto, perché entrano in gioco anche le caratteristiche dello specifico prodotto... insomma, una 40Ah di un prodottore può comportarsi meglio della relativa di un altro, ma quelle da 60 o 90 del secondo produttore potrebbero essere meglio...Oltretutto si deve anche considerare l'applicazione sul prodotto, quindi sarebbe decisamente azzardato darti delle indicazioni non avendo tutti i parametri.Ad esempio, se mi servono 30Ah costanti, non punterei ad un pacco costituito da celle da 30, ma da 60, in quanto abbasserei il rateo di scarica a livelli più gestibili ( soprattutto se c'e il regen e in ottica di assorbimento di picco).

    Le litio possono essere disposte anche sottosopra...

  6. #46
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    immagino tu sappia che per le LiFeYPO4 trovi test e considerazioni qui:
    http://www.energeticambiente.it/pile...-lifeypo4.html

    e quindi a livello di costo ti ricordo che conviene (di solito) comprare ed eventualmente aprire le monoblocco da 12V

    Per il resto quoto Locusta, tranne che per il montaggio... cioè forse ha ragione lui ma i costruttori dicono di non montarle capovolte quindi...
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  7. #47
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    grazie Locusta delle preziose info,
    provo a darti tutti i dati che ho, ma se ti serve altro, e mi dici/spieghi come cercarlo ti do tutto quello che ti necessita!!!
    io mi sto perdendo !!!!
    l'auto è questa:
    Teener

    incomincio a mettere un po di dati rilevati
    considera che il tutto è rilevato con il mio paco pb-gell 18 batt x 12V 24Ah oramai efficiente al 50-60% con autonomia passata dai 60 km ai 40 km
    odierni

    corrente max: in spunto in salita modalità speed 35A (tensione scende fino a 196V), in modo eco limitata a 22A
    corrente costante: continuando in salita 30-32A tensione circa 200V, eco non cambia come sopra
    in pianura velocità costante circa 15A tensione 205V
    il riscaldamento consuma 2A aggiuntivi (resistenza alimtentata dalla batt trazione, ventola da quella servizi)
    in ricarica arriva a inviare picchi fino a 30A (frenata rigenerativa) ma e molto variabile,
    su una discesa continua una volta stabilizzato diciamo 20A ma stacca dopo poco, a questo punto capisco perché!!!

    dato che le velocità sono limitate a 45 km/h tutte le prove le ho fatte a tavoletta , in salita (ripida), ovviamente ci fremiamo a circa 30-35 km/h,

    in leggera discesa anche se si schiaccia a tavoletta arrivata a 45km/h smette di erogare e da 0zero (entra il limitatore)

    quindi penso che siamo a circa 4kw costanti con picchi su spunto e salita di 7kw, assorbiti

    mentre carica la tensione arriva fino a 262V su una curva che cercherò di analizzare meglio appena riesco che comunque a grandi linee fa:
    (da misure del misuratore di consumo messo su rete)

    in circa un minuto arriva all'assorbimento di regime 1250-1300W (da rete)
    la tensione delle batterie incrementa, in un tempo variabile in base al livello di scarica di partenza, fino ad arrivare al massimo a 262V, nel giro di 1-3 ore
    per poi fare un curva di discesa molto lenta (1,30-2 ore) che va dal 75% al 99%,
    diminuendo conseguentemente l'assorbimento da rete fino ad arrivare a 55-60W,
    quando sono al 99%,
    che e quello che rimane come assorbimento residuo, presumo in gran parte il consumo del CB.

    per compensare la tensione del caricabatterie che arriva fino a 262V
    pensavo a 262V / 76celle = 3,44 , piuttosto che 262 / 72 = 3.63V (le 72 celle canoniche)
    che dici?

    in assoluto la capacità che mi sembrerebbe davvero ottima 40Ah (che sarebbero il non plus-ultra, probabilmente raddoppierebbe l'autonomia e le prestazioni in salita)
    ammesso di farcele entrare, ma ora che so, che possono stare anche in orizzontale valuto il 2° piano in orizzontale sopra,
    e al limite qualche cella nel bagagliaio che è vicinissimo, ovviamente con i dovuti isolamenti.


    ( ho qualche dubbio che il CB orig. riesca a caricarle! se ci riesce per una carica completa ci vorrebbero 8 ore, ammesso che la carica a 0.2C, 5A sia possibile)
    a spanne avrei 76 x 3,44V = 260V x 40Ah = 10000Wh Litio
    contro i 18 x 13V = 234V x 24Ah = 5600Wh pb-gel odierni

    io per ora ho trovato questi fornitori con i conseguenti prodotti, hai qualche suggerimento?
    http://www.ev-power.eu/Winston-40Ah-200Ah/WB-LYP40AHA-LiFeYPO4-3-2V-40Ah.html
    http://italian.hecobattery.com/china-40ah_lithium_battery_module_3_2v_lifepo4_battery_r ohs_ce-2659394.html
    Batteria LiFePO4 LTV35HP
    LiFePO4 Prismatic Module: 3.2V 40 Ah, 10C Rate (128 wh) --- UN38.3 Passed (DGR)
    i-tecc - der Online Shop für LiFePO4 Akkus und Zubehör

    quelli della lipotech hanno anche le LTE che però mi hanno detto che su catene serie così lunghe devono essere comunque bilanciate???
    Batteria LTE 12V 22Ah

    CIAO E GRAZIE, scusa se mi sono dilungato ma ho cercato di riassumerti tutto quello che ho trovato/rilevato

    @ riccardo (rovesciate non mi serve ma orizzontali potrebbe servirmi, che dici si puo?)
    x la parte economica penso di valutarla dopo (se prendere le 12V e aprirle o le 3V )
    quelle "giallone" da 40 mi piacciono molto ma c'è le devo fare entrare.....!!!!!
    il forum:
    Test e caratterizzazione batterie LiFeYPO4
    non lo conoscevo, proverò al leggere anche li, grazie
    Ultima modifica di gugli; 12-02-2015 a 11:25

  8. #48
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    EV-Power | Lithium Battery 12V/40Ah (WB-LP12V40AH)
    EV-Power | WB-LYP40AHA LiFeYPO4 (3.2V/40Ah) - WB-PROMO

    per quanto riguarda l'aprire le 12V devo valutare
    in questo momento il prezzo è identico
    ovviamente avrei dei collegamenti gia fatti ! o comunque dei cavallotti da utilizzare
    ma lo sbattimento di scompattarle (da quello che ho visto sul tuo video)
    non è certo da niente, a naso siamo sull'oretta a batteria, o sbaglio ( ...una volta presa la mano è meno?)

  9. #49
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ho risposto sul thread che avevi iniziato per questo modello...
    Movitron Teener

  10. #50
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Lithium Batteries
    qualcuno le conosce? o ne ha sentito parlare?
    potrebbero essere le "litio titanate" ?
    pensate possano andare bene su veicoli elettrici?

  11. #51
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Si, sono le litio titanate.
    Per i veicoli elettrici non vanno bene perché hanno poca energia specifica (nota che la tensione per cella è di 2,3 volt); già nel 2007 la microvett allestì un Doblo con queste batterie prodotte dalla Altair nano. Ora le produce anche Panasonic, sono utilizzate nell'Emiev mitsubischi (vedi Citroen C0 e Peugeot Ion), ma per lo più sono destinate al settore industriale e all'accumulo stazionario.
    Nulla ti vieta però di utilizzarle, se accetti la limitata autonomia hanno grossi vantaggi:durata e sicurezza intrinseca sono i maggiori.
    - AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2018 -
    Per il foglio di calcolo con costi e confronti delle tariffe elettriche nel mercato tutelato: http://www.energeticambiente.it/in-c...#post119803941

  12. #52
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    quindi sono quelle nuove che equipaggiano le nuove miev mitsubischi?
    ottima notizia!
    ma sai, se come celle singole, si trovano anche quelle della c-zero-ion-miev vecchie?

  13. #53
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Io parlavo della tecnologia, non del produttore che, tra l'altro, andando a memoria me lo sono anche confuso: le celle della i-Miev le produce la Toshiba. Puoi vedere tutto qui: https://en.wikipedia.org/wiki/Mitsubishi_i-MiEV nel paragrafo Battery
    - AGGIORNAMENTO A GENNAIO 2018 -
    Per il foglio di calcolo con costi e confronti delle tariffe elettriche nel mercato tutelato: http://www.energeticambiente.it/in-c...#post119803941

  14. #54
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    saranno presto commercializzate da ev-power.eu
    si parla di 20.000 cicli vita, ma si deve puntualizzare a 0.3C, e con una capacita' specifica gravimetrica di soli 65Wh/Kg; solo la capacità specifica volumetrica e' quasi pari alle varie litio (occupano lo stesso volume a parita' di capacita', ma pesano comunque almeno il doppio).
    per veicoli elettrici? costano come le LiFePO4, non hanno una gran propensione a potenze specifiche elevate (non scaricano a ratei elevati, come invece puoi fare con alcune litio) e quindi, unito allascarsa capacita' specifica, devi aumentare il peso del pacco.
    ultima cosa: avendo un voltaggio di cella relativamente basso, devi fare serie con piu' elementi per avere lo stesso voltaggio finale, e quindi complichi l'elettronica di bilanciamento.
    insomma, visto che tra' l'altro sono gia' a struttura nanometrica e difficilmente riusciranno ad ottenere progressi nel campo della capacita' specifica, l'unico uso sensato e' quello delle grid factory, per via del numero dei cicli vita utili.

    PS:
    se usi una batteria da 100kg da 130wh/kg e questa ti permette 100km di autonomia; se la sua tecnologia ti consente, ai giusti ratei di scarica, 2000 ricariche, alla fine del ciclo vita del veicolo avrai percorso 200.000Km.
    se usi una batteria da 65wh/kg con 20.000 cicli vita potrai fare si e no 50Km alla volta, ma per 1.000.000 di km... non e' un gran vantaggio se non per un veicolo commerciale, per il quale pero' e' richiesta una grande autonomia (in quel caso si potrebbe rimediare con grandi pacchi sostituibili in modo rapido).
    Ultima modifica di lucusta; 11-01-2016 a 14:41

  15. #55

  16. #56
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    non male! Mi sembra di aver capito che non sono il massimo come densità di energia, ma come sicurezza sembra di si..
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  17. #57
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Vedo anche modelli "high energy" da 800 Wh/L e 260 Wh/kg, ma bisognerebbe capire se hanno lo stesso livello di sicurezza.
    http://www.prologium.com.tw/upload/D...2-16190635.pdf
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  18. RAD
Pagina 3 di 3 primaprima 123

Discussioni simili

  1. FIAT SEICENTO Elettra: batterie di trazione alternative
    Da tonini_mingoni nel forum Fiat Seicento Elettra
    Risposte: 1507
    Ultimo messaggio: 24-06-2019, 10:25
  2. Le batterie del futuro: Litio-Silicio, Litio-Aria, Litio-Zolfo, Grafene ...
    Da jumpjack nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 299
    Ultimo messaggio: 16-10-2018, 17:31
  3. Misuratore capacità batterie di trazione
    Da riccardo urciuoli nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 55
    Ultimo messaggio: 15-11-2014, 00:58
  4. batterie per trazione al gel
    Da RIZZO99 nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 05-03-2008, 20:49
  5. batterie trazione
    Da pierb72 nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 01-09-2007, 17:33

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •