Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 4 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 61 a 80 su 106

Discussione: Ibridazione veicoli elettrici

  1. #61
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito



    Ho provato e verificato che la mia Open Start Lab non può essere ricaricata in movimento. Appena attacchi la presa di ricarica alla corrente si spegne la macchinina sia il quadro che tutto il resto.
    2,4 KWp 28/08/09 2° Conto Energia 26496 al 30/10/2018 Kwh prodotti. Scooter elettrico Flash 6000 litio 5650 Km Venduto per passaggio a Open Start Lab venduta passaggio a Fiat 500e 27/10/2017
    http://www.energeticambiente.it/categoria-m1-es-auto-elettriche-/14759846-fiat-500-elettrica-4.html

  2. #62
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Certo.Anche sulla 600 appena inserisci la presa sull'auto si inibisce l'inverter..Per questo dicevo che mi basterebbe portarlo in giro e caricare "da fermo" all'occorrenza.

  3. #63
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    L'idea di potere collegare un generatore a bordo di un veicolo elettrico come range-extender da poter sfruttare unicamente in situazioni particolari mi era balenata quando ho visto la Leaf che, come tutti gli elettrici, risente della limitata autonomia e di tempi di ricarica non da 'faccio il pieno e via!'.

    Ovvio, come sottolinea riccardo urcioli, che non possa essere un sistema fai da te ma normato e soprattutto sicuro.
    Prescindendo dall'aspetto prettamente ecologico, nel quale ritengo che circolare prevalentemente in modalità elettrica 'naturale' ed azionare eventualmente per qualche ora in situazioni di emergenza e poche volte l'anno il generatore per garantire l'autonomia sia in ogni caso meglio che usare prevalentemente un motore termico a tutto tondo.

    Tale sistema affrancherebbe dalle paure tipiche dell'utilizzatore potenziale dell'elettrico le cui principali preoccupazioni risiedono sia nella autonomia globale che nell'approvvigionamento e nella tempistica di ricarica.
    Diciamo che un range-extender le esorcizzerebbe definitivamente o quasi.

    Condivido pienamente quanto affermato da GianniTurbo in merito alle continue e cicliche conversioni troppo spesso inutili =12V <-> ~220V.

    Non capisco però per quale oscuro motivo le industrie si ostinino a non volere applicare delle celle fotovoltaiche a totale copertura del veicolo per la ricarica dello stesso.
    I costi delle celle sono ormai accessibilissimi ed il quantitativo di energia prelevabile durante la sosta del veicolo potrebbe quasi equivalere quella necessaria per la trazione.
    Ammettendo di ricoprire di celle tutte le parti sfrutabili (tetto, cofano anteriore e se presente posteriore, sportelli, laterali) pur posti in posizione non ottimale, si riesca a raggiungere 1kW/p, cosa altamente fattibile, si riuscirebbe a produrre da 1.000 a 1.500 kW l'anno.
    Ovvero circa 10.000 Km l'anno potrebbero essere percorsi senza la preoccupazione di dovere caricare il veicolo.

    E non credo che un sistema da 1kW/p costi una follia rispetto al costo attuale già folle di un veicolo solo elettrico.
    E nemmeno che il peso possa rappresentare un ostacolo.
    Probabilmente si potrebbero anche ridurre le capacità delle batterie a bordo, e conseguenzialmente il peso.
    Già ad oggi, a mio avviso, sarebbe attuabile senza grandi problemi e con l'evoluzione di celle e batterie potrà solo migliorare.
    Se lascio di giorno l'auto parcheggiata per 4-5 ore la trovero con 2-3kW in più che mi consentiranno di potere percorrere circa 20Km.
    Immaginate anche i bus urbani con il loro ampio tetto ricoperto di FV, frenata rigenerativa e ricarica ad induzione alla fermata dotata di pensilina fotovoltaica.

    Ritengo più probabilmente non vi sia un "interesse" nel rendere la circolazione indipendente e senza alcun controllo.

  4. #64
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    beh, che i veicoli 'ibridi' siano più accettabili dall'automobilista medio non ci piove, il punto è se e quanto sia conveniente e fattibile ibridizzare un veicolo elettrico.
    E ovviamente è anche da considerare il consumo aggiuntivo legato ad un eventuale generatore sempre a bordo; consumo piccolo, ma che potrebbe diventare non trascurabile se l'uso del generatore fosse molto saltuario.

    Riguardo i pannelli siamo totalmente OT... forse ci vorrebbe una discussione dedicata, per ora ricordo questa:
    http://www.energeticambiente.it/fiat...ovoltaico.html
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  5. #65
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Elisabetta Meli Visualizza il messaggio

    Non capisco però per quale oscuro motivo le industrie si ostinino a non volere applicare delle celle fotovoltaiche a totale copertura del veicolo per la ricarica dello stesso.
    Niente di oscuro, è un motivo tecnico, ne abbiamo già parlato da qualche parte.
    Un'auto consuma almeno 150 Wh/km.
    Per ricaricare un'autonomia di 10 km servirebbero 1500Wh, ma per avere 1500 Wh in un giorno servono, d'estate, 350 Wp di pannelli correttamente orientati (quindi non orizzontali), e con i rendimenti attuali 350 Wp hanno una superficie pari a più di una porta di casa... (20% di rendimento significa 200W per metro quadro, circa).

    Tornando all'ibridizzazione, che ci vorrebbe a produrre una minicar con spazio predisposto nel bagagliaio per ospitare un gruppo elettrogeno appositamente dedicato in modo che non danneggi il caricabatterie? Non costerebbe mica una fortuna, la Zagato Volpe ibrida metano/benzina/elettrico costa 10.000 euro! (ma non è ancora in vendita) La GreenGo Icar0 solo-elettrica costa 10.000 euro, potrebbero fare un kit opzionale di ibridizzazione da 2000 euro.
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  6. #66
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    La bmw I3 appena uscita ha proprio questo

  7. #67
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Che c'entra, anche la Toyota Prius e la Opel Ampera uscite l'anno scorso!
    Sono scooter e quadricicli a non esistere ancora col range-extender.
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  8. #68
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    La i3 è l'unica ad averlo come "optional" il gruppo,insomma se vuoi lo compri se non guoi te la tieni elettrica 100 %.Sulle altre non puoi sciegliere, meno ancora per la prius, che usa il motore endo anche per trazionare.

  9. #69
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    La prius nuova (non so se è la quarta o quinta versione...) è seriale, che io sappia, cioè il motore non è collegato alle ruote.

    In effetti la i3 ha il range extended come optional, è vero, m'ero scordato di averlo letto.
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  10. #70
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Direi che nessuna di queste macchine c'entra molto col 3d, che dovrebbe parlare di ibridizzazione fai da te visto che per i veicoli ibridi c'è una sezione apposita.
    Poi Jump direi che un po' hai il vizio di parlare senza essere informato, non basta aggiungere un 'che io sappia' per scrivere a casaccio.
    La Prius non è un ibrido seriale ma misto semmai, entrambi i motori sono in collegamento con le ruote.
    Invece i3 e Ampera sono un esempio di cosa è stato fatto dai costruttori come range extender, anche se effettivamente sull'Ampera è obbligatorio e infatti ha 'solo' tra 40 e 80 km di autonomia prima che parta il motore termico.

    Però basta copiare dai grandi, sotto a spremere le meningi per realizzare qualcosa con le vostre manine!
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  11. #71
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Bhe, io lo spazio per mettercelo l'ho creato! Se avete finito con le polemiche possiamo tornare al primo post e montarne uno sulla mia 600 :P

  12. #72
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    in effetti mi sa che tu potresti essere il primo 'audace' a montare qualcosa del genere su un'auto pura elettrica. E allora vediamo di ragionare sulla Elettra...

    Primo devi decidere se fare un'ibridizzazione statica (vedi 1o post) o dinamica. La prima necessiterebbe di risolvere i problemi del CB, e come rischio ci sarebbe quella di bruciare il CB.

    In effetti sulla Seicento anche la 2a è possibile saltando, come hai detto tu, il CB! Però ti deve essere chiaro che c'è un altro rischio, quello di fottere le batterie...

    Se proprio sei deciso una via abbastanza percorribile con la seicento è una semplice raddrizzazione (più o meno evoluta e controllata) della alternata in uscita dal generatore.
    Guarda caso infatti la tensione del pacco è 'poco' inferiore di quella che si avrebbe raddrizzando una 220V. Diodi che reggono centinaia di V e qualche A ce ne sono e costano abbastanza poco.
    Io starei su un generatore piccolo per limitare i rischi; dovresti accenderlo con congruo anticipo, perchè ogni ora ti fornirebbe circa 6km di autonomia aggiuntiva. Se il tutto funziona potrebbe restare acceso anche a macchina spenta, a patto di verificare bene il tutto per evitare di gonfiare altre celle...

    Oh la macchina è tua, pensaci bene! Io qualche aiuto a distanza te lo posso dare più che volentieri, basta che poi non piangi sul litio versato
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  13. #73
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    scusate se mi intrometto sono appena iscritto al forum possessore di due 600 elettra una funzionante modello van ed una che spero mettere in funzione quanto prima quattro posti, suggerirei un progetto radicale ed efficace: introdurre un kubota bicilindrico o un tricilindrico un alternatore da 6kw trifase un caricabatt trifase (fast) il motore e alternatore6kw dovrebbero entrare nel vano anteriore si potrebbe escludere quella sanguisuga di dc-dc utilizzando l'alternatore di servizio del kubota diesel si avrebbe il doppio vantaggio di escludere il vebasto e ottenere il riscaldamento dal gruppo diesel e dal circuito di raffreddamento motore,elettr inverter, i consumi del generatore diesel sarebbero veramente modesti, pertanto andrebbe bene il serbatoio del vebasto, io ho un miniescavatore con motore tre cilindri Mitsubishi e consuma veramente pochissimo per ore di estenuante lavoro, ingombri modesti e sarebbe la vera soluzione alla ridotta autonomia delle 600

  14. #74
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Boh, io ho più di 100km di autonomia, tanto scarsa non mi sembra...

    Alfredo, se hai 2 seicento dovresti presentarti e scrivere nella sezione dedicata! Che poi nel vano ci sia spazio per tutta sta roba non credo proprio, e mi sembra una vera eresia.

    @Ponzo: un'altra cosa da valutare, l'assenza di ventilazione sufficiente nel cofano anteriore, se ci chiudete un motore a scoppio bisogna provvedere a raffreddarlo come si deve.
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  15. #75
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    diciamo che sono schivo alle presentazioni mi sembra come entrare con toni trionfalistici che non si addicono alla mia persona, cmq ho avuto modo di conoscere tramite questo forum il grande Fox persona veramente a modo e meticolosa che oltre ad avermi illuminato su problemi tecnici mi ha fornito una dotazione omnicomprensiva di ricambi strategici (CB inverter, cavo alimentazione, ccm e tanto altro ancora) ad un prezzo ultraconveniente, sulle dimensioni del gruppo generatore con un bicilindrico dovremmo rientrarci, penso il problema sarebbe trovare un cb trifase sui 5-6 KW ad un prezzo accessibile, per la sistemazione di un radiatorino non dovrebbe essere un problema

  16. #76
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Salve a tutti il mio porter quello elettrico piattaforma aerea regge ancora per 40 km pesa un accidenti (considerando che im piu' ha l'attrezzo sulle spalle..)il mio come detto e' ilprimo tipo da84 volt

    ...

    il mio dramma e' l'autonomia e da quando ce l'ho non penso ad altro... possibile che non ci sia modo di farlo andare ibrido??? premetto che dispongo di un generatore 220 volt con 9 kw di potenza, bene ho gia' provato con 2 caricabbatteria in serie in posizione avviamento(tipo auto) che comunqua dava 100 volt.. ma nulla a me basta che mi si allunghi la scarica delle batterie o meglio se riuscissi ad avere una potenza tale che non le scaricasse. Vi dico anche che ho acquistato 2 saldatrici inverter da 140 amper che danno 55 volt l'una in serie danno piu' di 100 volt..dovrebbe bastare per far andare il motore una volta collegata al pacco..ma invece nulla sono rimasto a piedi in fase di prova..ho visto anche saldatrici inverter da 180 amper...ce' qualcuno che ne capisce qualcosa?? vi prego aiutatemi!!!

    ..grazie in anticipo.
    Ultima modifica di riccardo urciuoli; 15-10-2013 a 19:28 Motivo: post copiato in parte da altro 3d

  17. #77
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da giuseppe1971 Visualizza il messaggio
    premetto che dispongo di un generatore 220 volt con 9 kw di potenza, bene ho gia' provato con 2 caricabbatteria in serie in posizione avviamento(tipo auto) che comunqua dava 100 volt.. ma nulla a me basta che mi si allunghi la scarica delle batterie o meglio se riuscissi ad avere una potenza tale che non le scaricasse. Vi dico anche che ho acquistato 2 saldatrici inverter da 140 amper che danno 55 volt l'una in serie danno piu' di 100 volt..
    Mica ho capito cosa stai facendo... perchè DUE caricabatterie?!?
    E poi non è detto che il porter accetti una ricarica mentre è in movimento, magari quando accendi il quadro si scollega il caricabatterie!
    Però potresti "smezzare" la batteria, così quando una è scarica, la ricarichi col generatore mentre usi l'altra.
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  18. #78
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    ho spostato qui la richiesta di Giuseppe. Questa mi piace!
    Ok adesso direte che prima ho criticato e ora cambio idea, però a me questo sembra un caso molto particolare e adatto a quella che avevo definito ibridizzazione 'statica'.

    VBediamo se ho capito: Giuseppe tu il generatore già lo usi per lavoro giusto?
    Invece cosa intendi per rimasto a piedi? che danni hai fatto?
    Che vuol dire nulla coi due caricabatterie in serie? Forse non davano 100V, 14x2 fa 28...
    In generale posso solo dire che usare le saldatrici è pericoloso, non sono fatte per quelle. Inoltre di solito hanno protezioni che impediscono di tirar fuori la corrente massima a lungo, sono fatte per saldare quindi correnti elevate per pochi secondi.

    Poi bisogna capire se il porter mentre usi la piattaforma accetta la ricarica o no, magari c'è un blocco...
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  19. #79
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    GRAZIE per la tempestivita' dunque tralasciando il discorso gru che e' solo una pompetta da 12 volt facilmente alimentabile... il problema e' la trazione.. gli esperimenti che ho fatto sono questi: ovvio che il porter non parte con l'uso del suo caricabatteria originale io ho pensato di bypassare tutto collegando ai 2 cavi del pacco batterie finali pos. e neg. (84 volt) dapprima la tensione di due grossi caricabbatterie in posizioni di booster a 24 v che messi in serie mi erogavano una 90 di volt... ma senza risultati accettabili.. ho deciso cosi di comprare dopo aver letto le caratteristiche tecniche ( 140 amper 50 volt tensione a vuoto) due saldatrici inverter che messe sempre in serie mi erogano sui 100 volt con 140 amper pensavo cosi di avere abbastanza corrente per alimentare gia' cosi il motore che sul manuale dice che va a 130 amper in esercizio... bene..propio domenica metto il gruppo sul pianale comodo da trasportare collego le due spine delle saldatrici e parto...devo dire che la tensione aggiuntiva si sente ma comunque il pacco batterie mi va a terra forse con qualche modico km. in piu' mentre ho notato che per ricaricarle da fermo va molto meglio poiche mi ha dato il fondo scala (10 tacche) dopo appena un paio di ore penso che sia sol,o un problema di amper che ne dite?? dimenticAVO SCUSATE LA MIA IGNORANZA...HO LETTO UN PO' QUI E...ABBIATE PIETa' di me!!!

    Volevo aggiungere che il mezzo con una sua normale ricarica riesce a fare un 40 km quindi essendo del 97 presumo siano state sostituite nuovo lo danno per 80 ho letto le batterie sono al gel (14per 6 volt cad)intanto vi scrivo le caratteristiche del motore:
    eccitazione in serie, potenza nominale 9 kw in servizio s2 60' pot massima 15kw per tre minuti, coppia allo spunto 185nm, coppia al regime massimo 53nm regime rotazione massimo 1650 giri min. corrente esercizio 130 A. BATTERIE: 1809AH CICLO SCARICA 5H (C5) ENERGIA SPECIFICA 33WH\KG MASSA COMPLESSIVA 448 KG.
    Ultima modifica di riccardo urciuoli; 15-10-2013 a 20:38 Motivo: post consecutivi

  20. #80
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Non lo so perchè, ma non puoi mettere 10 caricabatterie da 24V in serie per ottenerne uno da 240V (dico per dire), non è così che funziona.
    Però esistono i DC/DC converter di tipo "boost", difficili da trovare ma che ti alzano la tensione da 24V a 90V, quindi ti permettono di usare un CB da 24V; però esistono anche caricabatterie da 72V per scooter (Ecostrada Ghibli, EMC Zeus), e c'è anche quello del Vectrix da 130V (mi pare): abbassare la tensione è più facile che alzarla, perdi meno energia.
    Da notare che se il caricabatterie da 24V è da 10A, ovviamente NON usciranno 90V e anche 10A dal DC/DC, la potenza complessiva che esce sarà sicuramente inferiore a quella che entra.

    Però non credo esistano caricabatterie da 9000W, che cioè possano "tenere il passo" del motore mentre scarica la batteria!
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  21. RAD
Pagina 4 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Veicoli elettrici Ecomission
    Da skimer nel forum Veicoli a minor impatto ambientale/alternativi
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 25-12-2015, 18:24
  2. Raduno Veicoli Elettrici
    Da elektro nel forum Fiere, Conferenze e Raduni
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 27-01-2012, 14:37
  3. Zap veicoli elettrici
    Da UnioneFaLaForza nel forum Veicoli elettrici in commercio
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 07-04-2009, 18:20
  4. Futuro dei veicoli elettrici
    Da Antonio Zanardo nel forum Veicoli ELETTRICI: auto elettriche, moto elettriche (veicoli a propulsione elettrica)
    Risposte: 53
    Ultimo messaggio: 30-12-2008, 09:14

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •