Mi Piace! Mi Piace!:  7
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  4
Pagina 4 di 8 primaprima 12345678 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 61 a 80 su 143

Discussione: Gestione batterie : DOD, C, funzionamento integrato di BMS, CB e inverter

  1. #61
    Super_Mod

    User Info Menu

    S:

  2. #62
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    Non ti interessa l'argomento o solo le opinioni altrui?
    Solo la tua in particolare, in quanto del tutto inutile.
    altro aspetto del DOD/SOC che a te (e non solo a dire il vero) sfugge
    Ne abbiamo parlato tante volte, è quella faccenda dell'inutilità/dannosità di ricaricare le LiFePO4 oltre 3,65 volt perche' aggiunge pochi Wh e molto stress alla batteria: in sostanza, bisogna considerare la cueva di carica/scarica non una "Z", ma un rettangolo, mantenendosi cioè tra un ginocchio e l'altro della curva.
    Il che rende impossibile usare un voltmetro per determinare il SOC, serve per forza un "fuel gauge", cioè un "amperorametro" o "wattorametro". Esistono anche dei chip già programmati allo scopo, ma sono tutti SMD, cioè inutili per usi domestici/artigianali.
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  3. #63
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Bene per lo meno le offese personali sono meno gravi del tuo solito..... stai migliorando!

    Resta il tuo solito difetto di presunzione, non accetti i pareri degli altri se si discostano dalle tue convinzioni, problema tuo...chi legge è in grado di giudicare il contenuto degli interventi.

    La seconda parte del tuo post, a parte la poca chiarezza (cos'è la Z?) dimostra che proprio non capisci... 3,65 è già troppo su molte celle, per lo meno sulle nuove LiFeYPO4.
    Il ginocchio alto è circa a 3,4V, io per esempio fermo la carica a 3,4V medi e comunque vuol dire che alcune celle, le più alte, arrivano a 3,6V e vengono lì inchiodate dal BMS.

    Si lo so che non capisco granchè e dovrei chiederti consiglio, però per ora io ho gestito in questo modo 72 celle, con circuiti fai da te, ci ho fatto più di 10000 km e non sono mai rimasto a piedi perchè qualcosa non ha funzionato.
    Non ho nessun sintomo di cedimento delle celle, e qui faccio gli scongiuri...

    Non mi sembra, da quanto scrivi qui e nel tuo blog, che tu possa dire altrettanto, quindi la modestia e la prudenza dovrebbero spingerti a essere un po' meno convinto nelle tue certezze, qualcuno che legge potrebbe seguirti e ritrovarsi a commentare "risultati incomprensibili" e "batterie misteriose" come te sul tuo blog...

    Chiedo scusa agli altri per questo mio intervento da utente (non da moderatore), ma purtroppo tu da bravo "rosicone" (termine che prediligi) proprio non riesci a replicare senza essere almeno un po' offensivo e provocatorio...
    Ultima modifica di riccardo urciuoli; 22-08-2014 a 12:34
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  4. #64
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ccriss Visualizza il messaggio
    Se devi affrontare una spesa del genere forse questo li vale di piu'..
    Smart BMS for Control Throttle_Shanghai Founding New Energy Technology Co., Ltd
    Lo sta usando un mio amico , l'ha comprato da circa un mese, tutto parametrizzabile via software,niente mosfet in scarica, è collegato all'acceleratore (quindi niente limiti in scarica), fino a 24celle , ma lo decidi tu quante. 4 sensori di temperatura, parametrizzazione dei valori di bilanciamento, overvoltag, low voltage cutoff etc..
    Ciao Ccriss, hai notizie dal tuo amico sul BMS Founding Power?

  5. #65
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Si, diciamo dei primi gg di Luglio, mi diceva che il BMS funziona benone, solo che avendo molti parametri da configurare sta cercando di trovare la quadra. Sembra che una cella non si bilancia alla perfezione, quindi gli ho suggerito di cambiare un parametro. Il BMS è in grado di bilanciare le celle anche mentre lo usi, ma impostato sui voltaggi che aveva impostato secondo me non andava bene. Quando lo sento gli chiedo aggiornamenti, secondo me è tutto ok e funziona.

  6. #66
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    cosa intendi per bilanciare anche mentre lo usi?
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  7. #67
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    MI sa che come l'ho scritto non è chiaro. Quello che intendevo (scrivendolo male) è che di solito i BMS x LIFE fanno bilanciamento a voltaggi piuttosto alti, intorno ai 3,6V, voltaggi che puoi avere solo con un caricabatterie attaccato (se lo togli dopo pochi minuti scende comunque da solo). Questo BMS consente di bilanciare le celle anche a voltaggi piuttosto bassi , quindi se impostassi il bilanciamento a 3,4V/3,38V, sarebbe un voltaggio che posso utilizzare per livellare le celle anche se non è in carica o persino in uso (per pochi minuti).

    Colgo l'occasione per girarvi un paio di print screen del BMS.

    In questa schermata mostra lo stato delle celle, temperature, cicli di carica conteggiate , AH caricati etc



    In questa schermata c'erano i vecchi parametri di impostazione del BMS, la label "Active on" = 3300mv era troppo bassa e probabilmente tentava di bilanciare anche quando usavi il mezzo, ma con scarsi risultati. Infatti le celle non erano sempre allineate, adesso dovrebbe andare meglio.


  8. #68
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    no criss il bilanciamento puoi farlo solo durante la carica o a carica appena terminata. La tensione a carica ferma scende progressivamente, e basta accendere il quadro del veicolo perchè scenda a meno di 3,4V...

    e bilanciare a tensioni inferiori a 3,4V vorrebbe dire sprecare un sacco di energia per inchiodare a quella tensione celle che non sono totalmnte cariche
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  9. #69
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ccriss Visualizza il messaggio
    D) Non tutti BMS vanno bene, devi sapere quanti Ampere scarica la centralina altrimenti superati gli ampere max gestiti dal BMS , il BMS stacca la centralina.

    In sintesi ti suggerirei di chiedere a chi te lo ha venduto di mettere il BMS per evitare un sacco di problemi.
    Ciao
    La Ecostrada non mette il BMS per scelta (discutibile se vogliamo ma pensata).

    Un BMS non buono può creare problemi:
    - in pratica c'è un sensore di carica per cella. Il sensore consuma un po' di corrente, che però se non è davvero un po', ma supera il milliampere scarica le batterie. Se è diversa su ogni cella te le sbilancia anziché bilanciarle. 10 milliampere sono 5 mila ore su una batteria da 50 Ah, 7 mesi. O il 10% di sbilanciamento in 20 giorni. Ho visto moduli che "tiravano" 10 milliampere perché magari han preso un po' d'umido sotto la passivazione.
    - se si guasta, e ha un blocco sulla centralina, ti si ferma la moto

    Un BMS buono costa, anche 7-800 euro.

    Quote Originariamente inviata da massimo_merilio Visualizza il messaggio
    ne ha cambiate quattro anche se solo due erano andate completamente, le altre due erano al 90% ma ha ritenuto di tenerle ti riserva.
    Questo conferma la necessità di un BMS. Le LiFePO4 hanno una autoscarica differente cella per cella. Quindi uno le carica sempre uguale, ma un po' alla volta quelle che hanno autoscarica maggiore restano indietro. Per un po' questo comporta solo un calo di autonomia (il caricabatteria stacca quando le altre sono cariche, e la moto segna scarica quando è scarichissima la cella debole). Ma se la differenza supera un tot la batteria debole va in scarica competa e si disfa.

    Il BMS provvede a scaricare, durante la carica, le celle più cariche, per allinearle a quelle rimaste indietro. In questo modo si ha un pacco sempre equilibrato. Inoltre segnala (al limite solo su un LED) la condizione di scarica anche di una sola cella, e blocca la carica se anche una sola cella va sopra la tensione massima consigliata. Costa come 4 celle, non poco ma alla fine è un investimento.
    Ultima modifica di riccardo urciuoli; 10-09-2014 a 23:02 Motivo: post consecutivi

  10. #70
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da gcomoretto Visualizza il messaggio
    La Ecostrada non mette il BMS per scelta (discutibile se vogliamo ma pensata).

    Un BMS non buono può creare problemi:
    - in pratica c'è un sensore di carica per cella. Il sensore consuma un po' di corrente, che però se non è davvero un po', ma supera il milliampere scarica le batterie.
    Basterebbero allora 16-20 relè per piccoli segnali che accendono il sensore solo durante la ricarica, quando viene effettuato il bilanciamento. 20 euro di spesa.
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  11. #71
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    si vede che non hai mai usato i relè.... ormai non li usa quasi più nessuno...

    Gcomoretto la fa troppo tragica, io col fai da te ho fatto un BMS da pochi mA (se ricordo 2..) che NON sbilancia le celle.

    Si, le scaricherebbe in parecchi mesi e che problema è? Se uno ha un veicolo elettrico e lo tiene fermo per 6 mesi ha sbagliato acquisto.....
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  12. #72
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Se vuoi solo il bilanciamento sulla carica, esistono dei moduli tipo i vclamp che fanno questo, quando la prima cella è carica dirottano la corrente sulle altre, evitando che le celle si carichino oltre un certo voltaggio. Costano poco si rompono di meno, si possono escludere facilmente. Paradossalmente la corrente di bilanciamento è maggiore dei bms, quindi ottieni prima lo scopo. Ma se una cella durante la scarica, magari sotto sforzo va sotto un certo voltaggio minimo nessuno se ne accorge e fino a che è troppo tardi.

  13. #73
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    non ho capito con chi parli Gianni...

    In rete girano molte "convinzioni" basate su esperienze personali, la differenza tra BMS e Vclamp è sottile.... comunque purtropo non mi risulta che i Vclamp "dirottino" la corrente su altre celle, se ne è già parlato...
    Solo circuiti molto complessi potrebbero farlo, tutti quelli di cui parliamo noi NO, il CB DEVE abbassare la I di carica a valori gestibili dal BMS altrimenti...kaputt!

    Il mio controlla anche in scarica, comunque...
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  14. #74
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Più che dirottare la corrente, fa una specie di ponte, per le celle cariche, per cui il cb riversa energia sulle celle rimanenti, fino a che non interviene un altro vclamp, per arrivare alla fine in cui tutti i vclamp intervengono e il cb non ha celle da caricare.Il problema è il dimensionamento del vclamp. Se siamo ancora in fase di corrente costante potremmo avere grossi correnti in gioco, se siamo invece in fase finale di voltaggio costante, le correnti sono molto più piccole e puoi realizzare vclamp per correnti molto minori.

  15. #75
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    Non è così, quei circuiti deviano una corrente costante sulle loro resistenze di carico. Sono in parallelo alle celle, e da quetso deriva che per essere certi che la tensione di cella non superi il massimo ammissibile il CB deve "accorgersi" di una cella in overvoltage e abbassare la I di carica a un valore inferiore o uguale alla corrente deviata dal circuito.

    La corrente in eccesso non viene "riversata" ma dissipata sulle R.

    Però vedo che il concetto ancora non è ben chiaro e non voglio convincere nessuno, forse tu hai in mente un BMS particolare e costosissimo che a questo punto dovresti linkare.
    In generale, e per quel che mi risulta anche su tutti i veicoli in commercio, i BMS sono dissipativi. E certi equivoci sono il motivo, nel DIY e upgrade fatti in casa, di celle che si gonfiano nonostante il BMS o Vclamp che dir si voglia istallato...
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  16. #76
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    parlo di vclamp autocostruiti, quelli già realizzati che vende lipotech e che Tennico monta dissipano in calore,
    ecco qualche link
    Pagina 6 Bilanciamento lipo-lifepo4
    Forum Indipendente Biciclette Elettriche, Pieghevoli e Utility - Regolatore Carica per 38120

  17. #77
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    e infatti anche quelli che hai linkato dissipano in calore... forse dovrei fare un disegnino...

    Non tutto quello che si legge in internet è oro colato, solo quello che scrivo io

    Entrambi i link usano termini poco corretti o sono ottimistici. Andando nel dettaglio, il 1o DEVIA 1A. Se il CB fornisce, esempio, 4A nella cella carica continuano a fluirne 3...

    Il 2o SEMBRA migliore, ma credere come ha scritto l'autore che possa deviare 10A vuol dire proprio non averlo testato seriamente. 10A per 3,6V fanno ben 36W, ci puoi credere o no ma su quei radiatori se riesci a dissiparne una decina è già tanto.
    Se poi, come si dovrebbe, uno deve prevedere anche la possibilità che 4-5 celle adiacenti vadano in bilanciamento in contemporanea...figuriamoci che stufa diventa!

    Il bilanciamento DEVE avvenire a correnti basse e bisogna essere certi che ciò avvenga, altrimenti si friggono o le celle o i BMS e il rischio è che vada a fuoco tutto il veicolo.

    Il mio BMS era nato per deviare 1,5A; durante i test ho verificato che con più celle adiacenti in bilanciamento si scioglievano le saldature... e quindi l'ho abbassato a 0,8A e fatto in modo che si abbassasse ugualmente anche la I di caria.
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  18. #78
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio

    La corrente in eccesso non viene "riversata" ma dissipata sulle R.

    Però vedo che il concetto ancora non è ben chiaro e non voglio convincere nessuno,
    Non è questione di convincere, avete ragione entrambi, esistono molteplici logiche di funzionamento dei BMS; la più semplice ed economica è quella di minuscole resistenze che scaricano le celle 1 mA per volta e ci mettono un giorno...
    Ma si può anche dirottare la corrente da una cella sovraccarica a una scarica, oppure dirottarla a tutta la batteria,...
    Elithion - Call balance visualizer
    Batterie, DoD e profondità di scarica: *** Scaricare le batterie solo fino a metà prima di ricaricarle. *** Al piombo da 60 km: usata 20 km per volta durerà 60.000 km, 60 km per volta ne durerà 12.000. *** Al litio da 60 km: usata 20 km per volta durerà 120.000 km, 60 km per volta durerà 60.000 km.
    -- Jumpjack --

  19. #79
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    quello è solo un simulatore, non mi sembra di aver mai detto che non si possa fare l'active balancing, ma solo:

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    Solo circuiti molto complessi potrebbero farlo, tutti quelli di cui parliamo noi NO, il CB DEVE abbassare la I di carica a valori gestibili dal BMS altrimenti...kaputt!
    e, ripeto, credo neanche i veicoli in commercio lo facciano. Forse la Tesla? (dubito con quel pacco batterie...)

    Sicuramente non i BMS che costruiamo/compriamo noi dilettanti allo sbaraglio...
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  20. #80
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da riccardo urciuoli Visualizza il messaggio
    e
    Il 2o SEMBRA migliore, ma credere come ha scritto l'autore che possa deviare 10A vuol dire proprio non averlo testato seriamente. 10A per 3,6V fanno ben 36W, ci puoi credere o no ma su quei radiatori se riesci a dissiparne una decina è già tanto.
    Se poi, come si dovrebbe, uno deve prevedere anche la possibilità che 4-5 celle adiacenti vadano in bilanciamento in contemporanea...figuriamoci che stufa diventa!
    credo che partanao dal principio che il bilanciamento si faccia nell'ultima parte della carica, dove l'intensita di corrente è moolto minore di quella iniziale.
    immagino che se metto una cella già carica in un pacco mediamente scarico, debba cortocircuitare una cifra di corrente che non regga.

  21. RAD
Pagina 4 di 8 primaprima 12345678 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Gestione batterie: CCM BMS Cell-log fai da te!
    Da ponzo nel forum Fiat Seicento Elettra
    Risposte: 627
    Ultimo messaggio: Ieri, 09:18
  2. Gestione Batterie Litio: Cell-log,battery alarm, Bms, Etc
    Da jumpjack nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 36
    Ultimo messaggio: 09-04-2015, 15:23
  3. pile e batterie ibride: funzionamento?
    Da lucusta nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 18-11-2012, 20:24
  4. Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 09-09-2009, 15:31
  5. impianto a batterie per funzionamento di poche ore
    Da raffaele75 nel forum Gestione batterie : DOD, C,  funzionamento integrato di BMS, CB e inverterFOTOVOLTAICO
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 24-03-2008, 16:15

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •