Evlist veicoli elettrici
Mi Piace! Mi Piace!:  3
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 5 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 81 a 100 su 118

Discussione: Gestione batterie : DOD, C, funzionamento integrato di BMS, CB e inverter

  1. #81
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito



    ecco appunto, quindi è sbagliato dire che possa deviare 10A....
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  2. #82
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao

    io sto valutando di convertire al litio una minicar pb-gel con 18 batt da 12v 24Ah
    stavo valutando queste LTE
    Batteria LTE 12V 22Ah

    qualcuno le conosce o le ha già installate?

  3. #83
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao a tutti, proseguo qui alcuni argomenti che sarebbero stati molto o.t. sul 3d
    http://www.energeticambiente.it/fiat...#post119670250
    idealmente in conseguenza del post 1289 come giustamente suggerito nel 1292.

    stavo parlando delle celle, che alla fine della carica risultano non equalizzate, devo ammettere che forse usavo impropriamente questo termine, intendendo che non avevano lo un valore di tensione "eguale"
    ma forse l'equalizzazione è di più, in quanto dalla risposta di Riccardo mi sembra di capire sia una fase della carica della cella,
    (se magari in 2 parole me lo sintetizza evito di impazzire trovando "la qualsiasi" e magari convincendomi di tesi sbagliate).

    comunque arrivo al problema, ho alla fine della carica 260V con 3,44 di media ma delle celle sono a 3,36 e altre a 3,47
    quelle più basse sembrano addirittura andare indietro durante la fase finale della carica, e la cosa era ancora più evidente su quella che io fino a settimana scorsa chiamavo "la Matta",
    la cella 69 (sarà un segno del destino??) aveva questo comportamento:
    a fine utilizzo era leggermente piu bassa delle altre diciamo 3,32 (come anche qualche altra cella) con la media a 3,33 e le piu alta a 3,34 (5 o 6).

    inizia la carica, tutte salgono leggermente, ma la 69 parte e va subito a 3,47, quindi si accende la R di bilanciamento (12ohm deviando 0,25A circa) ovviamente non rallenta certamente la cella,
    in questa fase abbiamo un assorbimento delle celle di circa 4,8A-5,0A.

    La carica prosegue, e la 69 continua a correre fino verso i 3,55,...... fino a quando non incomincia la fase a I calante,
    quando almeno, smette di correre, e anzi incomincia a scendere leggermente,...... verso i 3A si è allineata con la media, sembrerebbe ok.

    Niente affatto, comincia a rimanere indietro rispetto alla media e addirittura quando arriviamo verso 1A incomincia ad andare indietro.
    insomma alla fine a 0,5A, cioè prima che il bms stacchi il CB, è la piu indietro di tutte 3,35 e addirittura, a carica staccata la trovo sempre come la piu bassa a 3,34.
    le piu basse erano a 3,36 ma non le guardavo molto , lei attirava tutte le mie attenzioni, era la figlia che stava peggio

    questo per dire che se parlo di celle che vanno leggermente indietro .....ho visto di peggio (la 69)
    pensavo: è andata!!!! a preso qualche sovratensione o sottotensione ma non ricordo sia accaduto, e quindi in extremis, dopo diverse cariche sempre con lo stesso andamento ,
    alla fine di una carica, gli metto l'alimentatore regolabile da banco impostato a 3,56V max, e la carico da sola, inizialmente assorbe 1,5A e in modo omogeneo sale in 2 ore fino a 3,56 e 0A.
    la lascio li una mezzoretta dopo che è arrivato a zero, stacco, e scende un pelino, a 3,55 , ma si ferma li .(le altre sono a 3.43 di media )
    uso la macchina, e dopo il solito utilizzo (25km) la trovo allineata alle altre. (anzi è tra quelle piu alte)
    bene da allora è la migliore della classe!!! scherzo,.... si comporta normalmente è allineata alla media.

    ho cercato di fare la stesa cosa anche sulle altre, ma è una cosa lunga, e su qualcuna a funzionato (forse l'ho lasciato di piu), su qualcun'altra no, ma forse avevo fretta.

    ora arriviamo all'idea, qualcuno già ne parlava , ho pensato, prendo 12 alimentatori a 12V 1000mA i soliti che abbiamo in giro un po tutti (io ne ho alcuni tutti uguali )
    prendo 12 schedine dc dc regolabili con una ventina di euro dalla cina

    ( ho gia provato con una che avevo in giro da 1A e va benissimo )
    Mini DC-DC Converter Adjustable Step Down Power Supply Module Sale-Banggood.com
    quindi ho ordinato quelle da 5A nominali
    non perché ci creda che con 1.60 euro facciano davvero 5A ma almeno non scalderanno come quello da 1A.
    5Pcs 5A XL4005 DC-DC Adjustable Step Down Module Power Supply Converter - US$8.83
    li regolo tutti con il tester a p.e. 3.50V e li metto in serie (come da schema), in teoria sono tutti disaccoppiati , ci metto un connettore come quello del bms, e staccandolo mi collego alle celle.
    alimentatori bialnciatori.jpg
    per sicurezza tengo le celle sezionate dalla macchina, e un blocco da 12 celle per volata le bilancio o equalizzo ,
    ho provato e ovviamente a 3,5v si ferma e assorbe 0A, quindi ognuno puo andare con il suo tempo.
    poi se dimensionato realmente per 5A si potrebbe pensare di sostituire il CB con il BMS (sempre che ci si accontenti di una carica a 5A)
    cosa ne pensate?
    Ultima modifica di gugli; 13-01-2016 a 00:07

  4. #84
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    In linea di massima funziona ma te ne servono 76. il rendimento di questo sistema è molto basso. Non hai alcun controllo se un alimentatore si guasta chi se ne accorge? aprendoli e cambiando una resistenza li puoi regolare direttamente alla tensione voluta 3,5 volt così non devi neppure comperare il convertitore dc/dc. Solo per equalizzare qualche cella potrebbe essere una soluzione ma dovrebbe farlo il sistema bms ccm carica batteria inseme. ciao
    Solare termico con intergrazione 4 Buderus Sks bollitore 500 L centralina autocostruita Caldaia condensazione Yunkers Stufa a legna a fiamma rovesciata Xeeos Seicento Elettra Robomow

  5. #85
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    ahhhhh beata gioventù!

    Stefano sei troppo buono dopo Natale!

    Dunque dunque...provo a rispondere almeno ad alcuni aspetti e "misteri"

    Il "mistero della tensione calante" NON è un mistero, vedi che a spiegarsi meglio... è normalissimo che al calare della corrente di carica cali anche la tensione di cella. Semmai l'anomalia, che potrebbe indicare una cella leggermente degradata o comunque diversa dalle altre, è una tensione più alta durante la carica e più bassa a fine utilizzo, sembra indicare una capacità della cella reale minore delle altre.

    Riguardo la tua ipotesi con n alimentatorini al posto di un BMS... bah a vederla così l'istinto è mettersi le mani nei capelli e lasciarsi andare allo sconforto
    Scherzo eh...ma non troppo...

    E' evidente che non hai molto ben chiaro cosa vuol dire equalizzare e come funzionano quei circuitini. Magari io la faccio troppo difficile ma provo a spiegarmi.

    Equalizzare NON vuol dire portare le celle alla stessa tensione, ma essere sicuri che tutte le celle siano cariche al 100%.
    E' vero che di solito queste celle hanno tensioni molto vicine (entro 0,01-0,02V) ma è proprio questo che rende impossibile (secondo me, lo scrivo per l'ultima volta ma sia chiaro che non sono il Vangelo) equalizzare semplicemente dando a tutte la stessa tensione.
    Anzi a dire il vero... a me non è successo ma se in teoria una cella avesse tensione a piena carica 0,05V più alta delle altre...per equalizzarle dovresti portare lei a V più alta.

    Soprattutto mai e poi mai riuscirai a ottenere tensioni uguali entro 0,02V con quei driver cinesi, che vengono regolati con trimmerini da quattro soldi. E probabilmente anche vibrazioni e temperatura provvederanno a spostare quelle 72 tensioni "regolate". Per non parlare, come detto da Stefano, della possibilità di un guasto su una o più celle (e con 144 circuitini sarebbe abbastanza probabile...) del quale forse ti accorgeresti troppo tardi.

    Altra considerazione... mi sembra tu abbia parlato di "disturbi"... bene, sia gli alimentatori che i successivi driverini lavorano PWM cioè con commutazioni a 10-20 KHz. Invece di avere un solo PWM (il CB) ne avresti 72+72... un delirio!


    Altra considerazione: quei driver si troverebbero collegati in uscita fino ad arrivare a tensioni alte e pericolose. Magari funzionano, magari svampano subito!

    Insomma... se vi vengono idee apparentemente brillanti ma i costruttori non le applicano qualche dubbio ponetevelo sempre...


    Io... ma forse sono patologico, vedo più sicuro un ponte di diodi con qualche accorgimento in più (come quello che ho usato recentemente) che un assieme di 144 cinesate...

    Tornando all'equalizzazione: in vari 3d (quello sulle LiFeYPO4 ma anche altri) si trovano grafici che mostrano il tipico comportamento di queste celle (e di tutte le batterie ricaricabili in genere): arrivata a piena carica la cella non ha più "spazio" per immagazzinare energia, e quindi la tensione comincia a salire rapidamente e se non si interviene la cella surriscalda e si danneggia.

    Se ci si ferma sotto questo punto (intorno ai 3,4V per le LiFeYPO4) si rischia meno ma NON si sta equalizzando.
    Per equalizzare bisogna proprio sfruttare questo punto, quindi si deve avere un circuitino (BMS) su ogni cella che "dia l'allarme" quando si è arrivti a questo "ginocchio"

    Alcuni costruttori indicano 3,8V come tensione massima. Io ed altri, in base alle misure, diciamo che basta arrivare MASSIMO a 3,6V.
    Quindi i cirucitini dovrebbero intervenire a tensioni (tutte UGUALI ragionevolmente, cioè +-0,02V diciamo) comprese tra 3,5 e 3,6V. E intervenire vuol dire non solo dare una bella indicazione grafica (come il tuo BMS, che puoi linkare anche qui) ma anche rallentare la carica SOTTO i valori sopportabili dal BMS, in modo che le celle arrivate a 3,6V restino inchiodate e le altre abbiano il tempo di raggiungerle, in tempi che possono essere anche molto lunghi.
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  6. #86
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    provo a spiegarmi meglio , magari sono stato un po confuso nella mia prolissità faccio estrema sintesi
    cosi ci capiamo

    avevo una cella matta (la 69) che ora va bene (almeno è come le altre , quelle in media che sono almeno il 70%)
    è vero l'ho caricata con un alimentatore da banco superstabilizzato.

    poi avevo una cella scarica a casa, e con quel ciruitino cinese (ho fatto fatica e vero a trovare i 3,60V con il tester) l'ho portata da 3,34 perfettamente a 3,60 in 10 ore.
    e a distanza di una settimana e ancora li perfetta a 3,60.

    io pensavo di farne un blocco solo da 12 e (equalizzare o livellare ) tutte (12 per volta) una volta finita la carica (ovviamente ci vorranno un paio di ore a blocco di 12)
    curandole a vista!!! ho preso anche dei minivolmetri da mettere sulle uscite (sempre cinesi).
    questo una volta ogni tanto tipo ogni 6 mesi o in base alle esigenze
    ( ma si scollega il bms, si collega il "bilanciatore" con lo stesso connettore, e poi si rimette tutto a posto come prima!!!!)


    per il lavoro che ho definito dimensionato da "5A veri". pensavo si potesse usare il LM336k con trasfomatore vero (non switcing cinesata) ponte di diodi e il classico circuitino regolatore di tensione.

    ovviamente questo ha tutti altri costi /ingombri/ pesi ecc e ovviamente non so se può andare bene, ma a me non interessa farlo, era solo un'ipotesi.

    poi ovviamente avrebbe il problema che controlla solo la carica e non l'utilizzo!!!!

    e poi perché 144??? 72 o 76 uguali al numero di celle!!! (o forse conti x2 alimentatore e circuitino?)

    p.s. grazie finalmente ho capito "equalizzazione"
    Ultima modifica di gugli; 13-01-2016 a 11:05

  7. #87
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    eh beh si 144 circuiti coi loro possibili guasti e interferenze

    dunque... io escluderei l'uso come CB. Se invece parli di uso saltuario ogni 6 mesi per equalizzare, e per giunta a blocchi e non tutto il pacco... beh è un po' più fattibile.

    Ma mi chiedo: perchè uno fa un BMS evoluto, BELLO (e non sono ironico) e poi dovrebbe ridursi a staccarlo proprio durante l'equalizzazione, cioè quando dovrebbe lavorare maggiormente?

    Ricordo che siccome il mio BMS dialoga ma "non troppo" o meglio non abbastanza col CB, anche io preferisco caricare a 3,4 V medi e fare una vera equalizzazione 1-2 volte l'anno. Ma mi guardo bene dallo staccare il BMS! Lui si alimenta dalle celle stesse, perchè dovrei staccarlo?

    Quindi se riesci a tenere attaccato il BMS puoi usare un ponte di diodi per tutto il pacco (pericolosetto) o comprare uno dei tanti driver cinesi per LED, ma che possa alimentare un certo numero di celle a corrente costante.

    Per esempio io ho comprato un driver da 300mA che arrivando a 65V può alimentare fino a 18 celle contemporaneamente per bilanciarle:
    LED DRIVER CORRENTE COSTANTE ALIMENTATORE RICAMBIO FARO FARETTO LED W WATT | eBay

    mentre qui vedete uno schema possibile di bilanciatore a ponte di diodi (notare a dx il BMS collegato)
    http://www.electroyou.it/forum/viewt...art=30#p555117
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  8. #88
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    ho visto il circuito a ponte (che non aveto ancora visto, ma immaginavo piu o meno come fosse , non avevo pensato al dimmer in ingresso, ma poi la parte dopo il ponte mi sembra fatta bene)
    ovviamente va usato con i guanti (magari dielettrici) e da chi sa dove mettere le mani , non è certo per tutti ma sicuramente efficace.

    avevo provato anche a caricare (dato che il mio alimentatore arriva a 30V 5A ) 8 celle per volta settandolo a 29v
    ma se le celle in quel blocco non sono allo stesso livello quelle piu alte tendono lo stesso a scappare prima delle altre, e il bms fatica a tenerle a bada, ho provato .
    e con le mie R da 12ohm devio 025A e scaldicchiano!!! dovrei provare a limitare la corrente a 0,5A , non ricordo se lo avevo fatto ma forse si , e ancora qualcosa non andava....

    ma se funziona, non sono mica obbligato a staccare il bms, potrei anche fare un connettore femmina in parallelo a quello del bms (con tutte le cautele e sicurezze del caso )
    sarebbe ancora più comodo!!!! e sicuro e monitorabile.

  9. #89
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    x Riccardo Potresti mettere un bel trasformatore di isolamento 1:1 cosi vai piu tranquillo... x gugli fatto su 12 una volta ogni tanto si può fare.... ma con un sistema come il tuo bisogna riuscire a farglielo fare in automatico dal sistema stesso secondo me. Ciaooo a tutti.
    Solare termico con intergrazione 4 Buderus Sks bollitore 500 L centralina autocostruita Caldaia condensazione Yunkers Stufa a legna a fiamma rovesciata Xeeos Seicento Elettra Robomow

  10. #90
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    ciao Steeeee! Pronto al gran salto verso il mondo del litio?

    Dunque... il trasformatore di isolamento non cambierebbe molto la sicurezza credo, il rischio maggiore è la tensione elevata del pacco e quella resterebbe...

    gugli: il mio BMS drena in teoria 0,8A con 4 resistenze da 3W per ogni cella, molto sovradimensionato quindi, ma ti assicuro che se tutte le celle o quasi sono in equalizzazione va a fuoco. Ovviamente dipende da quanto sono vicine e quanta aria prendono le R di bilanciamento delle 72 celle.

    Quindi... il circuito a ponte è pericoloso per gli umani ma abbastanza sicuro per le celle, perchè per come è dimensionato eroga massimo 0,3A, scende a 0,2A con tutte le celle in equalizzazione. Il dimmer ancora non m'è arrivato ma servirebbe a calare ulteriormente (o a bilanciare solo parte del pacco).

    Insomma... non è una soluzione che mi sento di consigliare, ma l'alternativa DEVE essere arrivare a addomesticare il CB fino a fargli dare correnti veramente basse, dell'ordine di 0,1-0,2A.
    Oppure prevedere un altro circuito o CB che parta solo per l'equalizzazione. Perchè in generale un CB dimensionato per caricare a 10A magari a 0,2 non ci va o ci va con rendimenti pessimi (anche se questo non è un problema).

    E' ovvio che il tuo alimentatore faceva "scappare" le celle, se non è limitato in corrente...

    Se vuoi bilanciare un numero limitato di celle puoi usarlo, basta mettergli in uscita un regolatore lineare dimensionato per dare 100-200mA
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  11. #91
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    io uso un caricatore da modellismo, ho la certezza che carica tutte le celle allo stesso livello e mi dice quanti mAh ha iniettato per singola celle. Imax b6 (max 3A o B8 5A)
    Volendo può bilanciare 6 o 8 celle per volta. ma bilancia al max 300 mAh quindi troppo poco.

  12. #92
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    mica tanto poco 300mA, difficile fare di più.

    L'imax però fa max 5-6 celle per volta e farebbe solo il bilanciamento finale... un bel traffico con 72 celle...
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  13. #93
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Fa 6 celle per volta. se lo fai una volta ogni 4 -6 mesi forse si può fare... 12 giri... io ugni 3/4 mesi faccio un giro uno per uno 16 volte...
    stavo pure pensando di comperare un vectrix con celle litio (una 40ina) con problemi e testare le celle da 42Ah una per una caricandole e scaricandole a 5A e segnandomi la capacità.

  14. #94
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Per Riccardo.... Il cb siemens con la modifica che tu non hai ancora provato può ridurre la corrente a un valore qualsiasi. Lo sai chi ha inventato la modifica..... altro che dimmer e ponte a diodi..... ciao
    Solare termico con intergrazione 4 Buderus Sks bollitore 500 L centralina autocostruita Caldaia condensazione Yunkers Stufa a legna a fiamma rovesciata Xeeos Seicento Elettra Robomow

  15. #95
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    ma ti riferisci alla tua modifica? Si ricordo vagamente, ma non ho avuto mai il coraggio di aprire il CB... e comunque sarebbe una modifica riservata alle Elettra, e andrebbe fatta in modo che si attivi solo in equalizzazione...

    Lo sai che sono pigro e fifone

    ti ricordi dove ne avevamo parlato? Magari ci ragiono su di nuovo
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  16. #96
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Riccardo scusa se mi permetto, provo a dire la mia...., ma, con un trasformatore 1:1 la situazione diventa più sicura in quanto ti disaccoppi dalle rete 220V che è riferita a terra.

    ora se tocchi un punto del tuo circuito per errore, è un po come se toccassi un elettrodomestico con una dispersione verso la carcassa dell'elettrodomestico stesso,
    senza che questa sia collegata a terra.
    fai passare corrente verso terra attraverso il tuo corpo (dato che presumo tu non voli) e ti scatta il differenziale.

    se metti il trasformatore 1:1, per prendere la "scossa ", dovrai toccare 2 punti del circuito!
    io non dovrei dirlo ma lavoro sempre sulle celle senza staccare nient'altro che il sezionatore verso la macchina,
    ovviamente tocco sempre e solo una cosa per volta,
    e stacco il sezionatore solo perché ho quel famoso basso isolamento del motore, e se toccassi contemporaneamente la carcassa della macchina e un punto del delle celle prenderei la "scossa".

    ovviamente sono il primo a dire che un 1:1 è difficile da trovare e costa, ma a costo zero (ammesso che tu ne abbia a casa, ma sono quasi sicuro di si)
    e viste le correnti assorbite (moto basse)
    potresti fare un doppio disaccoppiamento con 2 trasformatori uguali o simili 220:12 e 12:220 o 220:24 e 24:220 il dimmer lo metti all'uscita del secondo e stai tranquillissimo.

    ora qui ti dico che per come sono fatto, io non lo farei per pigrizia, dicendo che mi piace il rischio!!!

    ora ho un dubbio per la carica/equalizzazione , vedo che parlate di limitare la corrente, ma se come ho fatto per "la matta" la 69, metto un CB settato a 3,65V in grado di erogare 5A ( e non lo limito)
    ho visto che se parto da 3,30v assorbe 5A poi mano mano che sale assorbe sempre meno fino a 0A quando arriva a 3,65V.

    io nello specifico avevo rilevato (vado a memoria ma l'ordine di grandezza era quello)
    partenza a 3,34V alimentatore settato a 3,56V senza limitazione di corrente
    assorbimento iniziale 2,5A ,
    arrivati a 3,45V eravamo intorno a 1A, e poi gradualmente fino a 0A quando è arrivata a 3,56V
    io avevo impostato 3,56 perché non la volevo tirare su troppo rispetto alle altre e avercela poi sbilanciata al contrario,

    ma se per equalizzare imposto 3,65V, e avessi un assorbimento iniziale di 1A, dato che oltre non vanno indipendentemente dalla tensione iniziale (su celle già caricate),
    e piano piano la corrente va a 0A e la porto a 3,65V. faccio l'equalizzazione o la faccio troppo semplice?

    Stefano tu hai ancora le pb/gel?
    se il mio sistema funzionasse, per renderlo automatico dovrei montarlo fisso e su tutte le celle,
    poi per far staccare il cb originale (come gia faccio ) e far partire i 76 trasformatori sarebbe un gioco da ragazzi,
    diciamo che per ora vediamo come funziona e poi come si comporteranno le celle nelle cariche successive.........

  17. #97
    Super_Mod

    User Info Menu

    Predefinito

    sul trasformatore da isolamento si effettivamente ridurrebbe il rischio, ma nel box sono sempre con scarpe e suole di gomma. E comunque la linea 220V è protetta da differenziale.

    L'auto è su pneumatici, quindi l'unico rischio concreto è proprio toccare i due punti estremi del pacco. In effetti è un rischio non proprio trascurabile, visto che spesso ci devo collegare i due puntali del tester...

    Riguardo l'equalizzazione: si, se vai a 3,65V e lo fai con tutte le hai equalizzate. Non mi fido di usare circuitini economici, ma se lo fai singolarmente e con un alimentatore affidabile ok.
    Puoi stare anche un po' più basso con questo metodo, es 3,5 o 3,55V... se provi vedrai che a un certo punto la tensione sale rapidamente (intorno ai 3,45V), e andare molto più su non serve.

    Per equalizzazione di solito si intende un'operazione fatta simultaneamente su tutte le celle, e già così dura ore. MA se vuoi farla singolarmente.. a quel punto io farei diversamente (e l'ho fatto):

    se durante l'uso il BMS (o i cell-log) avvisano che una delle celle (o più di una) sono più basse delle altre, si può ricaricare il pacco completamente e poi effettuare una carica aggiuntiva sulle celle basse (e solo su quelle per brevità) portandole a 3,5-3,55V.

    Questo perchè le celle basse subiscono una scarica più profonda delle altre e a lungo andare soffrirebbero. Se con questo rabbocco vanno a posto... problema risolto.

    Se diventano basse altre celle...rabbocco quelle

    ATTENZIONE: a me è successo, se sono sempre le stesse celel a essere basse possono essere sbilanciate, ma se succedeva dall'inizio è possibile sia anche un problema del cablaggio del pacco: se tra due celle c'è un pezzo di cavo più lungo la caduta di tensione su tale cavo farà risultare una delle due celle più bassa a potenza assorbita elevata. Se non è chiaro faccio uno schema...
    Certificatore energetico (ex?) in Lombardia

    FIAT Seicento Elettra 'Eli': http://www.energeticambiente.it/fiat...ia-di-eli.html

    Ecolà-Retrofit elettrico di una Lambretta del 1952: http://www.energeticambiente.it/categoria-l1-l3-es-scooters-moto-trasformate-elettriche/14725064-e-arrivo-la-ecola.html

    riqualificazione energetica del mio appartamento:http://www.energeticambiente.it/sist...-ho-fatto.html

  18. #98
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    le differenze della lunghezza cavi sono millimetriche, le escluderei, ma in effetti ho poi scoperto che sulla 69 si era allentato il bullone (anche se in realtà ne ho trovato qualche altro allentato)
    e anche uno moooolto allentato, devo tenerli d'occhio , avevo previsto di rimettere i tappini rossi e neri originali con un pochino di colla a caldo, per isolare meglio , questione estetica, e evitare svitamenti
    ma fino a quando non ho finito di lavorare sulle celle ........

    si della crescita della velocità "esponenziale" mi ero accordo ma con la corrente che cala verso gli 0A la cosa è molto meno evidente.
    è mostruosa invece se imposti per esempio a 4V o+ l'alimentatore, per avere una carica piu veloce, per fermarle poi a vista con il tester quando arrivano a 3,65.
    ma poi ho anche visto che quando stacchi vanno indietro anche anche di 0,05V
    invece se arrivano alla tensione impostata con 0A non vanno indietro quasi per niente una volta staccate
    ciao e grazie della pazienza (ce ne vuole tanta con noi ragazzi giovani)

  19. #99
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Girando per internet, mi ha incuriosito questo BMS: EVC 20S 60V LiFePO4 150A-300A (Regen) BMS - LiFePO4 BMS - EV Components
    Sopporta correnti di carica fino a 150A c'è scritto per il regen.
    Mi ha incuriosito a tal punto che li ho contattati via mail per sapere a quali correnti arriva in fase di bilanciamento.
    Mi hanno risposto che bilancia a correnti fino a 500mA.
    Cosa ne pensate di questo BMS?

  20. #100
    Pietra Miliare

    User Info Menu

    Predefinito

    Se ho capito bene il BMS è di tipo capacitivo, sposta la corrente dalla cella piu' carica a quella meno carica. Quando me ne interessai , altri che avevano comprato questo tipo di BMS, si lamentavano del fatto che non erano affidabili. Di tempo ne è passato, quindi potrebbe andare meglio. Io penso che un semplice bleeding faccia il suo porco lavoro e non serva lanciarsi su BMS capacitivi, che in piu' comportano un costo maggiore per via della componentistica.Il vantaggio dei capacitivi è una ottimizzazione della corrente (evitano di sprecarla in calore) , ma è cosi' poca roba che non ne vale la pena.

    Colgo l'occasione per dirvi che io ho comprato ben 2 BMS da 20S da BMSBattery, ma mi hanno "fregato". Mi aspettavo un BMS con una dimensione inferiore al bestione che mi hanno mandato, credo sia in grado di sopportare correnti da 60/80A continuative e 100A di picco. Se a qualcuno interessa mandi mp.. Poi aggiungo la nota nel mercatino

  21. RAD
Pagina 5 di 6 primaprima 123456 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Gestione batterie: CCM BMS Cell-log fai da te!
    Da ponzo nel forum Fiat Seicento Elettra
    Risposte: 621
    Ultimo messaggio: 19-10-2017, 22:33
  2. Gestione Batterie Litio: Cell-log,battery alarm, Bms, Etc
    Da jumpjack nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 36
    Ultimo messaggio: 09-04-2015, 14:23
  3. pile e batterie ibride: funzionamento?
    Da lucusta nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 14
    Ultimo messaggio: 18-11-2012, 19:24
  4. Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 09-09-2009, 14:31
  5. impianto a batterie per funzionamento di poche ore
    Da raffaele75 nel forum Gestione batterie : DOD, C,  funzionamento integrato di BMS, CB e inverterFOTOVOLTAICO
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 24-03-2008, 15:15

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •