Mi Piace! Mi Piace!:  609
NON mi piace! NON mi piace!:  100
Grazie! Grazie!:  123
Pagina 48 di 57 primaprima ... 28343536373839404142434445464748495051525354555657 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1,035 a 1,056 su 1239

Discussione: Di fatto il governo IT dichiara :Emergenza climatica

  1. #1035
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito



    Quote Originariamente inviata da nll Visualizza il messaggio
    Anche un finanziamento al 100%, o uno a fondo perduto, non sarebbe una novità, in alcuni casi si sentono finanziamenti (di ditte private) che superano addirittura il 100%!
    Non è che i finanziamenti a fondo perduto del 100% siano poi così normalità eh! E certamente non li vedo una grande idea per il privato.
    A mio parere il FV è ampiamente incentivato con SSP e detrazione per il piccolo impianto domestico. Il finanziamento non è un problema insormontabile perchè le banche finanziano ancora facilmente (magari non proprio il 100%, ma vicino).
    I finanziamenti a fondo perduto già sono occasione di truffe e furbate fra le imprese... figuriamoci fra i privati!

    Comunque un impianto di taglia media per un agricoltore è già interessante come rendimenti e basterebbe un po' di incentivazione accessoria per renderlo ancora più interessante. Ovviamente normandolo con attenzione.
    Se poi qualcuno offrirà finanziamenti del 100% a fondo perduto sul FV... sono pronto a ritirare il mio scetticismo.

    Quote Originariamente inviata da nll Visualizza il messaggio
    In molti casi la soluzione ipotizzata da uno, non esclude quella ipotizzata dall'altro, e allora perché metterle in contrapposizione?
    Io sono d'accordissimo e applaudo a piene mani. Ma non mi pare che sia io quello che esclude le soluzioni altrui! Ne ho solo messo in evidenza il reale impatto sul problema vero e serio del GW!
    Se ho sbagliato chiedo venia. Ma a me non pare di sbagliare!
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno


  2. #1036
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Sono in molti a non avere le possibilità economiche di pagare un impianto FV o di accedere ad un finanziamento bancario (che oltretutto si mangerebbe in interessi un decennio di ssp).
    Si vuole che ovunque sia possibile si mettano moduli oppure lasciar fare solamente business a chi se lo può permettere?
    "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
    “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
    "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

  3. #1037
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quanti anni fa parlavamo del bum economico della cina a due cifre? Abbimo avuto si un bum ma non e' stato solo economico, un miliardo e duecentomilioni di persone dalla bicicletta sono passati alla macchina, euforia della finanza ora ne paghiamo le conseguenze, fino a che la natura decideva vivi o morti la natura poneva rimedio ora non e' piu cosi, il fiume di denaro non segue una certa uguaglianza ma si concentra in alcuni punti che non sono gli stessi della natura perche' i soldi non hanno ne caldo ne freddo, non hanno fame quindi possono essere ovunque e con loro l'energia che ne deriva.
    Purtroppo gestire tutto il sistema diventa una cosa estremamente complessa, perche' se il leone non mangia carne muore l' uomo non muore si sposta o mangia verdura o altri lo aiutano quindi la natura non e' piu in grado di gestirlo, soluzione? va eliminato, tempeste, cicloni, terremoti, ecc... se ne deve andare! oppure,deve imparare a gestire al meglio l'energia, Questa e' la legge della natura.

  4. #1038
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Teoria si sono d accordo come +/- tutti ,ma il denaro ...la transizione non puo essere solo quella energetica,perche altrimenti la sua richiesta sara sempre in aumento.
    diezedi,zona Cividale del Friuli.KWp 2,88,totalmente integrato , 20 moduli Unisolar PVL 144W , film sottile amorfi,,2 in parallelo per alimentare 10 microinverter PowerOne da 300W,PDC Templari da 300 lt,2 collettori Kloben CPC da 8 tubi flusso diretto,circolazione forzata.Azimut -90/+90,tilt 18° .Il tutto in funzione dal aprile 2014

  5. #1039
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    non si puà essere talebannaturalisti a fasi alterne
    cosa vuol dire riforestare ?
    sarebbe un'attività artificiale ed artificiosa, magari come fanno di solito metterebbero la foresta con le locazioni di alberi collocate da un architetto di grido, i vialetti di sassi colorati che arrivano dalla liguria, le piste ciclabili, i marciapiedini, i marciapiedoni, i giochi per bambini e per bamba, i cartelli con il nomi delle erbe che crescono, i segnali di obbligo e di divieto

    mi chiedo, e ti chiedo
    ma le aree dismesse dall'agricoltura e dal pascolo dove non va mai nessuno non si riforestano da sole, sia "agratis" che "secondo natura" ?
    ognuno deve prendersi le sue responsabilità, ma non deve mai dimenticare che "sue" è sottolineato

  6. #1040
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    La fai semplice...
    No. Non si riforestano da sole nella maggior parte delle situazioni per molti motivi.

    Questo è un caso esemplare di riforestazione in Brasile dove i non addetti ai lavori penserebbero che la natura si dovrebbe riprendere da sola ma invece no. Senza la mano dell'uomo diventa un deserto.
    Si tratta del fotografo Sebastião Salgado.

    Questo famoso fotografo e sua moglie hanno piantato 2 milioni di alberi per salvare la foresta pluviale scomparsa - GreenMe.it

    Leggilo l'articolo e se ti capita consiglio anche di vedere una mostra perché è un fotografo eccezionale.


    Al link qui sotto trovi invece diversi progetti conclusi e ancora in corso in Italia.
    Compensazione delle emissioni di CO2 | AzzeroCO2
    Ultima modifica di WuWei; 20-02-2020 a 21:03
    "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
    “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
    "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

  7. #1041
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Climalteranti.it >> Piantare alberi puo salvare il clima?
    Possiamo anche confrontare le “emissioni negative” del piantare alberi con le nostre altre emissioni: 200 GtC sarebbero meno di un terzo delle 640 GtC totali, non due terzi. E gli autori del nuovo studio dicono che ci vorrebbero dai cinquanta ai cento anni perché quei miliardi di alberi sequestrino 200 GtC – una media di 2-4 GtC all’anno, rispetto alle attuali emissioni di 11 GtC all’anno. Tra un quinto e un terzo, insomma, con una percentuale che andrà calando se le emissioni continueranno a crescere. Siamo ben lontani dalla prospettiva di risolvere i due terzi del problema climatico. E proprio perché rimboschire richiede molto tempo, oggi dovrebbe essere tabù tagliare foreste mature e ricche di specie, che sono grandi riserve di carbonio e di una diversità biologica preziosa.

    Globalmente, le emissioni di CO
    2 attuali possono essere ridotte del 80-90 % attraverso la trasformazione dei nostri sistemi energetici, di riscaldamento e di trasporto.

    pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

  8. #1042
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Riforestare vuol dire restituire alla natura aree ormai non utilizzate dall'uomo. E fin qui siamo tutti d'accordo!
    Il problema è che NON sempre si può fare. Nessuno riforesterà mai il deserto del Nevada.
    E anche laddove si può fare, pur essendo sacrosanto farlo per tanti altri motivi, è pochissimo utile per combattere il GW : Climalteranti.it >> Piantare alberi puo salvare il clima?
    La VERA e UNICA misura per tagliare drasticamente le emissioni resta l'adozione di TECNOLOGIE rinnovabili per produrre energia elettrica e "carburante elettrico" per trazione. E per farlo al momento NON esiste altro mezzo efficiente, poco costoso, sicuro e rinnovabile che possa avvicinarsi al solare FV! Che però DEVE essere installato in moltissime nuove locazioni, Moltissime delle quali già approvate dagli enti locali peraltro!
    Il resto è argomento da bar.

    P.S, siamo arrivati allo stesso documento in contemporanea!
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno


  9. #1043
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quando parlo di natura intendo qualsiasi forma di energia, siamo in una scatola nello spazio e la nostra fonte di energia e' la luce quindi dobbiamo saperla gestire.

  10. #1044
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    In matematica non sono un campione ma se riceviamo 100 di luce da un lato della terra significa che 100 di luce se ne deve andare, che siano infrarossi, ultravioletti, ecc... la luce se ne deve andare, se la luce resta sottoforma di qualsiasi energia questa diventera un'aumento di calore, di magnetismo, di inerzia,ecc.... ora vediamo che la luce resta sotto forma di calore quindi una prima fase. Piantare piu' alberi e' la soluzione? non saprei, la nostra situazione precedente era riuscita a togliere calore trasformando le piante e animali in petrolio e carbone rilegandoli sotto terra,quindi accumulando energia chimica. Ora noi abbiamo iniziato da un centinaio di anni a toglierla e a trasformarla in moto, diventando nuovamente calore quindi aumento evaporazione del'acqua in alcuni punti, aumento concentrazione di energia ecc.... Non so se le mie opinioni sono fondate ma penso che ora dobbiamo riuscire a gestire questa energia liberata e non e' semplice perche' ad ogni azione corrisponde una reazione, ma essendo una sfera non possiamo agire separatamente perche' i tempi devono coincidere per evitare che l'energia si concentri in alcuni punti e si trasferisca nella rotazione causando danni peggiori.
    Secondo me dobbiamo costruire una cura comune ma nel frattempo dobbiamo tenerci la febbre
    Da questa mia ipotesi avevo pensato di mascherare per ora questa energia riflettendo e colorando le nostre strade nere di bianco in modo che nuova energia non si accumuli, potremo definirli finti ghiacciai, comunque senza esperimenti le mie restano solo ipotesi
    Ultima modifica di teoria del tutto; 21-02-2020 a 05:42

  11. #1045
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    P.S, siamo arrivati allo stesso documento in contemporanea!
    Eh sì, avete fatto lo stesso tipo di ricerca: riforestare è inutile. E avete ottenuto lo stesso risultato

    Comunque l'articolo non smentisce quanto sostengo, anzi lo conferma.

    Infatti:" Piantare enormi quantità di alberi in tutto il mondo è quindi un progetto da affrontare presto. Non con delle monocolture ma con cura, stando il più vicino possibile allo stato naturale e in modo sostenibile, così da raccogliere ulteriori benefici delle foreste per il clima locale, la biodiversità, il ciclo dell’acqua e persino come fonte di cibo".

    Più nel dettaglio l'articolo parla dell'ipotesi di forestare zone come l'Alaska e il deserto. Ovviamente si tratta di un ipotesi assurda. Infatti io dicevo RI-forestare. Che è cosa completamente diversa. Ovvero significa piantare alberi laddove erano presenti ma l'uomo li ha eliminati. Non dico riforestare completamente ma parzialmente.
    Infatti l'articolista commette anche degli errori:
    "In molte di quelle zone però, è probabile che non ci siano foreste per buoni motivi. Spesso sono semplicemente dei pascoli nei quali, dicono gli autori, gli alberi sarebbero radi e potrebbero perfino giovare agli animali. Così i pascoli olandesi o irlandesi somiglierebbero a una savana."
    Sbagliato. Nelle zone citate (così come nella pianura padana) le foreste c'erano eccome. È stato l'uomo che le ha trasformate in praterie per farci agricoltura e allevamento.

    Ultima considerazione. Fissarsi sulla CO2 come unico obiettivo per combattere il GW è il risultato di una valutazione errata e parziale.
    O meglio, le emissioni vanno ridotte drasticamente e per farlo il passaggio alle fer deve essere radicale e veloce.
    Ma l'aumento CO2 non è l'unico problema da contrastare. Bisogna combattere la desertificazione, l'intensificarsi di eventi atmosferici disastrosi, l'erosione del suolo, la perdita di biodiversità, l'evaporazione.... E come si combattono? Foreste diffuse anche di piccole dimensioni ed a macchia di leopardo.
    "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
    “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
    "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

  12. #1046
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Sei un troll?
    C'è scritto che serve mooooolto tempo perche i risultati diano degli effetti. E non dell'ordine che ci si aspetterebbe. Hai capito il perché?

    Inviato dal mio SM-G950F utilizzando Tapatalk
    pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

  13. #1047
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Non quanto te

    Non hai argomenti?
    Ultima modifica di WuWei; 21-02-2020 a 08:46
    "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
    “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
    "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

  14. #1048
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da manfre73 Visualizza il messaggio
    ... ci vorrebbero dai cinquanta ai cento anni perché quei miliardi di alberi sequestrino 200 GtC...
    Proprio per questo c'è l'urgenza di muoversi su più fronti, uno che ci permetta nell'immediato di fronteggiare l'emergenza e un altro per pianificare un futuro a lungo termine per le nuove generazioni, perché possano governare il problema scongiurando nuove emergenze.

    Si faccia dunque qualcosa, il massimo possibile, ma senza dover sempre e solo rincorrere l'emergenza. È essenziale che parallelamente si prepari un futuro meno prossimo, come il saggio che pianta una ghianda nel terreno e la cura nei suoi primi germogli: la ghianda diventerà quercia e darà ombra e legna ad altri dopo di lui. Si chiama "solidarietà generazionale", solo questo potrà salvare davvero il nostro mondo.
    Quindi ben venga il fronteggiare l'emergenza, ma guardando lontano, senza i paraocchi.

    ••••••••••••

  15. #1049
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da WuWei Visualizza il messaggio
    ...Comunque l'articolo non smentisce quanto sostengo, anzi lo conferma.

    O meglio, le emissioni vanno ridotte drasticamente e per farlo il passaggio alle fer deve essere radicale e veloce.
    Ma l'aumento CO2 non è l'unico problema da contrastare. Bisogna combattere la desertificazione, l'intensificarsi di eventi atmosferici disastrosi, l'erosione del suolo, la perdita di biodiversità, l'evaporazione.... E come si combattono? Foreste diffuse anche di piccole dimensioni ed a macchia di leopardo.
    Ho messo il like perchè, finalmente, mi trovo d'accordo con la conclusione. Che peraltro è quello che scrivevo, probabilmente in modo poco chiaro, da tempo!
    Il passaggio alle FER DEVE essere RADICALE e VELOCE! Primo e fondamentale punto imprescindibile.
    Ma contemporaneamente deve essere fatto il massimo di cosa si può fare per combattere le problematiche che citi. In particolare desertificazione (su cui concordo che l'opera di manutenzione agronomica e come vuoi chiamarla può fare tantissimo) ed erosione del suolo. Sugli eventi atmosferici disastrosi gli unici modi di intervento che io conosca sono intervenire sulla CO2 (se, come credo, siamo tutti d'accordo che ne sia la causa) e sulla mitigazione dei danni conseguenti. Quindi sempre FER e tutto ciò che è protezione civile, normative, costruzioni a norma, ecc. ecc.
    La biodiversità è un problema molto vasto. E in gran parte ormai al di là del controllo occidentale. I parchi e le zone protette qui le possiamo avere e pure moltiplicare, ma in altre parti del mondo con la crescita tumultuosa di popolazione e benessere sarà più dura. Ma certo nessuna "ostilità" nemmeno su questi punti.
    Finalmente ci si è chiariti. Ottimo.
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno


  16. #1050
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    come al solito si fanno domande e non arrivano risposte.
    come sulla quantità di kwh prodotti da un impianto...
    io non ho argomenti... ok. pazienza.

    nll chi ha mai detto che piantare alberi non serve?vedere miei post precedenti, il fattore tempo questo sconosciuto.... io dico pure che non bisognerebbe tagliarli e bruciarli ma qualcuno pensa che sia co2 neutrale....
    argomenti...
    ce ne sono di più nella firma di wuwei , piantare un albero era meglio farlo 20 anni fa....anche 50
    pdc Templari Kita S Plus - vers. sw 13.26. Pit x acs BLR-Integra 500 + serpentino acs maggiorato 7,7 mq. Impianto Fotovoltaico 6,75 kw Winaico, inverter ABB 6000. 3 VMC Wolf cwl-d70. Casa 180 mq netti, EPHi 45 kwh/mqa, zona E 2388 gg. Cucina a induzione. No gas. contratto Enel 6 kw.

  17. #1051
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da nll Visualizza il messaggio
    Quindi ben venga il fronteggiare l'emergenza, ma guardando lontano, senza i paraocchi.
    Concordo totalmente.
    Sono due ambiti ben precisi e separati. Oggi ci troviamo di fronte a una vera emergenza, purtroppo negata per decenni o comunque ignorata sperando nella "soluzione tecnologica miracolosa".
    Questa emergenza va trattata in modo emergenziale. E trattandosi di una esagerata azione di emissione di CO2 mi sembra abbastanza logico che la, possibile, soluzione stia nel RIDURRE corposamente quelle emissioni!
    La qual cosa si può ottenere o con una generalizzata azione di pentimento e rivoluzione sociale che porti a dimezzare i consumi. Cosa che ritengo personalmente poco probabile. Ma se ne può discutere.
    O in alternativa sfruttando ogni tecnologia che permetta di ottenere lo stesso risultato dimezzando o annullando le emissioni.
    Queste tecnologie ESISTONO! Mi è stato citato come esempio (di "risparmio", ma in realtà di ottimizzazione tecno-mediata) il caso dei lampioni a led. Qui in Liguria vedo con piacere che è una scelta ormai generalizzata e gradualmente sempre più adottata. Di per sè non risolverà granchè, vero. Ma è un passo nella direzione giusta.
    Ci sono poi due grandi settori su cui intervenire. Il trasporto (e qui lascio la parola agli esperti dell'auto elettrica) e la produzione di EE centralizzata. Tra l'altro il trasporto è legato a doppio filo alla produzione di EE, perchè se poi le batterie le carichi con la centralona a carbone... hai cambiato poco.
    Quindi il nocciolo fondamentale resta la PRODUZIONE DI POTENZA elettrica! Sulla riduzione dell'autoconsumo nulla da dire. I piccoli impianti sono funzionalissimi, permettono un buon risparmio e sono ben incentivati. Regalarli alle famiglie povere credo faccia parte di una visione più di secondo momento... per rimanere nell'ottimismo!
    Le FER alternative al FV presentano tutte delle criticità maggiori proprio dal punto di vista ambientale ed è illusorio pensare che possano seguire la domanda. Idro è a tappo. La biomassa è rinnovabile, ma virgola. In quanto il tempo di rinnovo non è assolutamente paragonabile al tempo di consumo. L'eolico ha già ora grosse criticità e ipotizzarne il raddoppio (che non basterebbe) è fantascienza. Infatti ora propongono le isole galleggianti (anch'esse tutte da confermare).
    Resta il FV. Che ha enormi margini di crescita, ma deve essere attentamente normato come occupazione di terreno.
    A molti non piace solo per l'aspetto "tecnologico". Non a caso mi hanno risposto che è meglio piantare alberi che tirare fili. Ma per l'emergenza NON c'è alternativa. A parte fossile e nucleare, ovvio.

    Sul progettare un futuro sostenibile sono in perfetto accordo. Qualche proposta si può fare. Ma qui si parlava di "emergenza climatica" non di città del futuro! Sbaglio io?
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno


  18. #1052
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da manfre73 Visualizza il messaggio
    nll chi ha mai detto che piantare alberi non serve?
    Ho citato una tua citazione, non alludevo nulla, mi serviva per introdurre tutto quanto ho scritto dopo.
    Quote Originariamente inviata da manfre73 Visualizza il messaggio
    piantare un albero era meglio farlo 20 anni fa....anche 50
    Noi siamo quelli che devono piantare gli alberi per quelli che verranno tra 20-50 anni!

    Ma non basta, c'è un'emergenza immediata e c'è una pianificazione per il futuro che dobbiamo fare ora, il tempo per le chiacchiere è terminato.
    Non facciamoci la battaglia, se qualcuno di noi vede più pressante intervenire con le energie rinnovabili e chi invece si preoccupa della riforestazione, servono entrambe, perché serve un effetto immediato, ma serve anche quello a lungo termine, se vogliamo che ci sia un futuro anche dopo di noi (ma non c'è futuro, se non si supera indenni il presente).
    Ultima modifica di nll; 21-02-2020 a 10:22

    ••••••••••••

  19. #1053
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    Sugli eventi atmosferici disastrosi gli unici modi di intervento che io conosca sono intervenire sulla CO2 (se, come credo, siamo tutti d'accordo che ne sia la causa) e sulla mitigazione dei danni conseguenti.
    Mettiamo anche che fra 30 anni tutto il mondo arriva alle emissioni zero. Non è che immediatamente si fermerà il riscaldamento e gli eventi atmosferici che comporta. Ne avremo per almeno un secolo se va bene, anche perché adesso siamo solo all'inizio...

    Quindi ben venga agire sulle emissioni, è prioritario. Altrettanto prioritario è proteggere il territorio dall'intensificarsi degli eventi atmosferici. Come? Con i vegetali.
    Faccio un esempio che può apparire banale.
    Gli arbusti che comunemente vengono definiti siepi sono anche chiamati frangivento. Il termine in se già dice per cosa sono utilizzati. Ma non solo contrastano e smorzano l'effetto devastante dei venti, producono fiori e bacche che sono cibo di di animali selvatici (e per l'uomo in alcuni casi) hanno radici ampie e fitte che evitano l'erosione, creano zone di protezione per numerosi animali, trattengono al suolo evitano l'evaporazione dell'umidità, creano humus, mitigano l'effetto di calura e gelate. Sono a rapida crescita e in 7-8 anni possono anche raggiungere gli 8-10 metri d'altezza. Costano abbastanza poco.
    Se venissero associati ad alcuni alberi pionieri come betulle, frassini, salici in aree come la pianura padana gli effetti positivi di contenimento del vento e dell'erosione sarebbero visibili in già nei prossimi 10-15 anni. Dico la pianura padana perché attualmente è un deserto energivoro di risorse che produce inquinamento e veleni (agricoltura e allevamento intensivi in primis).
    La pianura padana ha più bisogno di alberi ed arbusti di altre zone d'Italia; si diceva 10% dei terreni agricoli, bene, 2/3 di questo 10% per questo e 1/3 per FV di taglia media. Entrambi finanziati affinché producano anche un beneficio economico. Naturalmente tutto ben pianificato affinché le proporzioni rispecchino caratteristiche e necessità di ogni territorio.
    È impegnativo ma non impossibile.


    Altro punto fondamentale. Bright ha accennato alla mobilità. Ben vengano le auto elettriche PURCHÉ quelle emissive di cui ci sbarazziamo non siano vendute nei paesi del terzo mondo, come accade oggi. È un ipocrisia inconcludente togliere le auto a gasolio e benzina da Milano per spedirle ad inquinare Nairobi. La biosfera non conosce il significato di frontiera.




    PS per BN. Le figure di riferimento nella riforestazione non sono gli architetti ma i dottori forestali. Trovi panchine e vialetti in ghiaia nelle foto dei link che ho inserito?
    "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
    “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
    "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

  20. #1054
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da WuWei Visualizza il messaggio
    La pianura padana ha più bisogno di alberi ed arbusti di altre zone d'Italia; si diceva 10% dei terreni agricoli, bene, 2/3 di questo 10% per questo e 1/3 per FV di taglia media. Entrambi finanziati affinché producano anche un beneficio economico. Naturalmente tutto ben pianificato affinché le proporzioni rispecchino caratteristiche e necessità di ogni territorio. È impegnativo ma non impossibile.
    Non so se ho ben capito. Ma guarda che le proporzioni sono ben diverse! E tutte a tuo favore (se vogliamo sempre mantenere la figura di "alberista" e "fotovoltaista"). Se parliamo di terreni incolti o non altrimenti utilizzabili la percentuale che dovrebbe interessare al FV è molto inferiore al 1/3! Non serve occupare così tanto terreno. Sul resto convengo in pieno. Intervenire sulla riforestazione e la piantumazione in genere mi trova d'accordissimo. PURCHE'... no, nessun purchè. Tutto quel che si riesce a fare è buono. Temo però che la speranza di finanziamento pubblica sia molto... improbabile, diciamo.
    P.S. come "mitigazione degli effetti" intendevo proprio anche le misure che possono proteggere il territorio dagli eventi estremi.

    Quote Originariamente inviata da WuWei Visualizza il messaggio
    Altro punto fondamentale. Bright ha accennato alla mobilità. Ben vengano le auto elettriche PURCHÉ quelle emissive di cui ci sbarazziamo non siano vendute nei paesi del terzo mondo, come accade oggi. È un ipocrisia inconcludente togliere le auto a gasolio e benzina da Milano per spedirle ad inquinare Nairobi. La biosfera non conosce il significato di frontiera.
    Di base non troverai nessuno che si opponga. Anche qui... serve NORMARE! Serve la politica che faccia cosa deve fare!
    Per fare un esempio a mio parere occorre incentivare (anche penalizzando il resto, non serve per forza tirare fuori soldi!) la scleta di "rottamare" presso il concessionario la vecchia auto per acquistare la nuova.
    Altra idea, non mia ma mi sembra valida... perchè non prendere atto che per molti ormai l'auto primaria, la "grossa" si usa solo per spostamenti congrui, magari una volta ogni 15 giorni, e non agevolare la scelta di NOLEGGIARE l'auto solo quando serve? Possibile che capita solo a me di vedere il Suv parcheggiato nello stesso posto per 6 giorni e vederlo poi spostato solo la domenica quando si va a mangiare dalla nonna? Le nostre città soffocano di traffico, ma questo è spesso causato o costretto da una marea di auto parcheggiate in ogni angolo.

    Quote Originariamente inviata da WuWei Visualizza il messaggio
    PS per BN. Le figure di riferimento nella riforestazione non sono gli architetti ma i dottori forestali. Trovi panchine e vialetti in ghiaia nelle foto dei link che ho inserito?
    Vero. Ma è anche vero il concetto che B_N_ sottintendeva e cioè che spessissimo più che un ritorno alla natura si ricerca l'angolo di "paradiso" un po' artificioso.
    Ultima modifica di BrightingEyes; 21-02-2020 a 16:11
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno


  21. #1055
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    Se parliamo di terreni incolti o non altrimenti utilizzabili la percentuale che dovrebbe interessare al FV è molto inferiore al 1/3!
    Magari in pianura padana ci fossero terreni incolti!
    Temo però che la speranza di finanziamento pubblica sia molto... improbabile, diciamo.
    In realtà i finanziamenti già ci sono in alcune regioni tra queste l'Emilia Romagna. Non vengono utilizzati. I contadini preferiscono quelli per costruire capannoni...


    perchè non prendere atto che per molti ormai l'auto primaria, la "grossa" si usa solo per spostamenti congrui, magari una volta ogni 15 giorni, e non agevolare la scelta di NOLEGGIARE l'auto solo quando serve? Possibile che capita solo a me di vedere il Suv parcheggiato nello stesso posto per 6 giorni e vederlo poi spostato solo la domenica quando si va a mangiare dalla nonna?
    No no le vedo anche io. Il SUV è uno status simbol. La moda di avere il macchinone. Che poi il SUV in città dove anche una Smart fatica a trovare parcheggio è da dementi.
    Spero che prendano piede le auto condivise, i noleggi e le altre forme di mobilità intelligente.
    "Il momento migliore per piantare un albero è vent'anni fa. Il secondo momento migliore è adesso."
    “Se questa scienza che grandi vantaggi porterà all'uomo, non servirà all'uomo per comprendere se stesso, finirà per rigirarsi contro l'uomo.”
    "D'ogni legge nemico, e di ogni fede"

  22. #1056
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    L'Italia non è solo pianura padana! Qui da noi ci sono centri nella collina interna spopolati dove il comune o i privati cedono le case a 1 euro per ripopolare, ma nessuno le prende, nonostante l'amenità dei posti.
    Questo perchè il lavoro è distante e l'agricoltura di collina non può essere granchè industrializzata, comporta esperienza ed impegno ed è poco remunerativa.
    Idem al sud.
    “Il fatto che un'opinione sia ampiamente condivisa non è affatto una prova che non sia completamente assurda.” Bertrand Russell
    O sant’asinità, sant’ignoranza, santa stolticia e pia divozione, qual sola puoi far l’anime sí buone, ch’uman ingegno e studio non l’avanza. Giordano Bruno


  23. RAD
Pagina 48 di 57 primaprima ... 28343536373839404142434445464748495051525354555657 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Emergenza cinghiali
    Da Franco52 nel forum AGRICOLTURA E ALIMENTAZIONE
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 02-10-2015, 21:11
  2. Comando di emergenza
    Da Falcos nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 14-12-2010, 08:40
  3. Ma le lampade d'emergenza
    Da diego_83 nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 10-02-2010, 17:01
  4. Berlusconi si dichiara contro l'eolico
    Da Macchiarella nel forum EOLICO
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 28-02-2008, 18:25
  5. emergenza casa!!!
    Da nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 13
    Ultimo messaggio: 29-03-2007, 23:02

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •