Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 8 su 8

Discussione: continente di plastica

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito





    http://www.carta.org/campagne/ambiente/rifiuti/12127

    inquietante...ma si potrebbe reciclare!

  2. #2
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    si avevo letto sul giornale questa notizia...

    questo "continente" sta uccidendo mezzo pacifico...

  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    si ma c'è il vantaggio che la natura ha effettuato il servizio di raccolta in un posto: basta andare con delle navi e raccogliere.
    la plastica usata c'è pure chi la paga.

  4. #4
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Sì ma la plastica è contaminata da molluschi, alghe e quant'altro si aggrappi ad essa... Non è così banale andarla a recuperare...

  5. #5
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito


    vero ma non credo che quella della raccolta differrenziata sia poi così pulita.
    se puliscono e riciclano quella..

  6. #6
    renatore
    Ospite

    Predefinito

    Ora ce l'abbiamo anche noi!

    un fiume di plastica - Cerca con Google+

    "Nel Mediterraneo un fiume di plastica" - LASTAMPA.it

    Forse col tempo il peso degli organismi marini che ci vivono attaccati la tirerà a fondo.

    ---------------------------------------------
    Chissà di che oggetti si tratta?

    Da: Carta | Il settimo continente è un'isola di rifiuti:
    ...Il luogo sotto studio è situato ad 800 miglia marittime a nord delle Hawaii, distribuito su una superficie ampia due volte lo stato del Texas....
    ...approssimativamente 3,5 milioni di tonnellate, con una densità di 3,34 milioni di oggetti di piccole dimensioni per chilometro quadrato... .

    Due volte lo stato del Texas vuol dire circa 1.400.000 km quadrati, quindi questo continente avrebbe una concentrazione di plastica di 2,5 kg per metro quadrato; contemporaneamente dovrebbero esserci circa 2,5 "piccoli oggetti" per metro quadrato;
    bisognerebbe capire cosa si intende per "piccoli", ad una prima lettura mi figuravo tappi di bottiglia o cotonfioc, ma se la media è di circa un chilo l'uno ci deve essere roba grossa;
    forse basterebbe a far funzionare una " nave scopamare " con caldaie alimentate a plastica, ma sarà meglio questa plastica bruciarla per alimentare una nave che serve a bruciare la plastica o lasciare che vada a fondo da sé?

    Ovvero: è meglio diffondere rapidamente nell'ambiente le sostanze che questa plastica bruciando rilascerebbe, o lasciare che si distribuisca spazio-temporalmente da sola?
    A come la vedo io, se andasse a fondo in qualche migliaio di metri di acqua, verrebbe ben presto coperta da detriti fangosi e, alla temperatura e concentrazione di ossigeno che vi sono negli abissi, i danni che potrebbe fare sarebbero molto diluiti nel tempo;

    OT: addirittura potrebbe essere la base della formazione di qualcosa di simile al petrolio, che diventerà utilizzabile fra centinaia di milioni di anni, se i movimenti tellurici porteranno queste sacche di idrocarburi concentrati alla portata degli esseri che vivranno allora su questo pianeta, se ce ne saranno e se gliene importerà qualcosa.

    Ciao da Renatore

  7. #7
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    solo quando ciò che scartiamo dalla porta rientrerà dalla finestra apriremo gli occhi
    ciao
    s.

  8. #8
    Tordesillas
    Ospite

    Predefinito

    Basta con le preoccupazioni, è arrivato Ocean Cleanup!
    Come liberare gli oceani dalla plastica, e ottenere un quadrimotore d'epoca per andare a spasso con le tasche piene di quattrini?
    Lo spiega il giovane B. Slat in https://www.theoceancleanup.com/file...of_plastic.mp4




    The Ocean Cleanup

  9. RAD

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •