PDA

Visualizza la versione completa : Costruire un veicolo solare in proprio



lordpsiduck
14-03-2008, 17:38
Mi piacerebbe sperimentare questa cosa:<br><br>Quello che vorrei realizzare:<br>Un piccolo veicolo(max 50 all&#39;ora) che abbia una batteria elettrica ricaricabile in 3 modi:<br>1)Corrente<br>2)Energia solare<br>3)Eolico<br><br>In pratica mentre va in giro se il sole basta a tenerla accesa va senza batteria, se non basta entra anche la ricarica accumolata.<br><br>Inoltre avevo pensato ad una cosa, unire solare ed eolico, se la macchina va genera anche veno che è sprecato no?Se io metto un elica ultraleggera collegata alla batteria secondaria?<br><br>Così ho 3 tipi di energia.<br><br>1)Elettrica classica: derivata dalla carica tramite presa di corrente<br>2)Energia solare: se basta il solare si muove solo di solare altrimenti usa quella a corrente<br>3)Eolico per caricare un&#39;altra batteria di riserva che subentra quando l&#39;altro è andaccia.<br><br>Premettendo che sono un esordiente totale, dal pannello solare mi escono i cavi positivo negativo per la corrente giusto?<br><br>Non esitono pannelli solari flessibili?(in modo che si possano adattare a una carrozzeria)

gattmes
14-03-2008, 17:46
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Inoltre avevo pensato ad una cosa, unire solare ed eolico, se la macchina va genera anche veno che è sprecato no?Se io metto un elica ultraleggera collegata alla batteria secondaria?</div></div><br>ci sono tonnellate di discussioni che spiegano che non è fattibile...(cerca... cerca...)... è come fare uno scooter elettrico con motore in un ruota... alimentato da una &quot;dinamo&quot; nell&#39;altra. Non funziona... il moto perpetuo&#33;<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">1)Corrente<br>2)Energia solare</div></div><br>..allora qua il punto 1 ok, non ci piove..<br>per il punto 2 bisogna capire:<br>A) che &quot;prestazioni&quot; chiede il veicolo<br>B) che superficie a disposizione si ha (ne serve tanta... ma proprio tanta&#33;)<br>..<br>notare che non entro nel campo &quot;costi&quot;..<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Non esitono pannelli solari flessibili?(in modo che si possano adattare a una carrozzeria)</div></div><br>Certamente.. ma .. attualmente...rendono ancor meno (e costano ancor di più)

lordpsiduck
14-03-2008, 17:58
Quindi concludendo un veicolo solare ai giorni nostri è:<br><br>1)Dispendioso<br>2)Inutile<br>3)Anti-Economico<br>4)Prestazioni ridicole.<br><br>Cmq io non cercavo di realizzare il moto perpetuo:<br><br>1)La batteria viene caricata con elettricit&agrave; da corrente<br>2)Il pannello solare integra la carica della batteria(con quello che può fare) magari guadagni 30 km su 100 grazie al pannello<br>3)Sto gi&agrave; andando il vento che mi passa attorno è energia che posso sfruttare, facendo girare una elica ultraleggere che carica una batteria di riserva oppure la stessa batteria originale, guadagno 10 km sempre sui 100.<br><br>Quindi facendo 100 km di energia elettrica ne guadagno 40 di rinnovabili<br><br>Non mi sembra che vadano poco<br><br><a href="http://www.youtube.com/watch?v=BvPJs34LlUE&amp;eurl=http://solarvehicles.org/picturesvideos.html" target="_blank">http://www.youtube.com/watch?v=BvPJs34LlUE...uresvideos.html</a> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/71f22d345c8c6f86022d02419aa7e770.gif" alt=":lol:">

gattmes
14-03-2008, 18:06
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">3)Sto gi&agrave; andando il vento che mi passa attorno è energia che posso sfruttare, facendo girare una elica ultraleggere che carica una batteria di riserva oppure la stessa batteria originale, guadagno 10 km sempre sui 100.</div></div><br>No&#33; l&#39;ho gi&agrave; scritto non è così&#33; Se ricarichi con l&#39;elica freni il veicolo&#33; (cerca non sto a riscivere qui 2 terzi del forum&#33;)<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Quindi concludendo un veicolo solare ai giorni nostri è:<br><br>1)Dispendioso<br>2)Inutile<br>3)Anti-Economico<br>4)Prestazioni ridicole.</div></div><br>No non ho detto tutto questo.. forse il 3 è adottabile.. e parzialmente il 4... per il 1 dipendente.. servono i dati che ho chiesto per fare una valutazione, ovvero potenza che serve .. e superfice.. poi ci si esprime in merito.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">2)Il pannello solare integra la carica della batteria(con quello che può fare</div></div><br>vero.. sopratutto effettua una &quot;bagnatura&quot; delle bat che ha notevoli effetti positivi&#33;

livingreen
14-03-2008, 22:33
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">il vento che mi passa attorno è energia che posso sfruttare, facendo girare una elica ultraleggere che carica una batteria di riserva oppure la stessa batteria originale, guadagno 10 km sempre sui 100</div></div><br>Se pensi al &quot;vento&quot; come all&#39;effetto su di un generatore eolico normale, potrei essere d&#39;accordo: il generatore è FERMO, e l&#39;aria vi si scaglia addosso carica di energia cinetica, che cede al generatore producendo corrente....<br><br>Ma nel tuo caso, non esiste il &quot;vento&quot;... sei TU che vai ad una certa velocit&agrave; incontro all&#39;aria FERMA, a spese tue e del tuo motore. Non per niente si cerca di migliorare l&#39;aerodinamica per ridurre i consumi&#33;<br>Insomma, se aggiungi un generatore eolico che assorbe ad esempio 5 kW in energia meccanica dal vento e ne rende 2 kW in energia elettrica, quei 5 kW dovranno venire dal tuo motore.... che dovr&agrave; fornirli, se vuoi rimanere alla stessa velocit&agrave; che avevi SENZA il generatore... i consumi, quindi AUMENTERANNO.<br>In pratica, però, il peggioramento dell&#39;aerodinamica sar&agrave; tale che ti coster&agrave; molto di più, in potenza persa.

triac60
15-03-2008, 13:47
Il generatore eolico potrebbe avere senso quando la macchina è ferma, per caricare le batterie, ma dovrebbe essere retratto nel cofano quando cammina.<br>Ciao<br>

lordpsiduck
15-03-2008, 14:12
Gi&agrave; che pirla, in un solo post ho mandato a monte:<br><br>1)Aerodinamica<br>2)Fisica<br><br>Non male per uno nuovo eh? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/93b56d42ba90c3e495560fd34d7a00d4.gif" alt=":D"><br><br>Ammettiamo che io maniera molto amatoriale voglio costruire qualcosa poco + grande di una poltrona, nel senso l&#39;obbiettivo prefissato è riuscire a muoversi con energia solare, ma non dovrebbe essere il mio veicolo è solo un esperimento che vorrei fare.

giorgio demurtas
15-03-2008, 21:34
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Quindi concludendo un veicolo solare ai giorni nostri è:<br><br>1)Dispendioso<br>2)Inutile<br>3)Anti-Economico<br>4)Prestazioni ridicole.</div></div><br>no, c&#39;è chi l&#39;ha fatto. In Germania è una specie di briccolage evoluto.<br>guarda <a href="http://www.eurozev.org/Cinquino.htm" target="_blank">http://www.eurozev.org/Cinquino.htm</a>

mariomaggi
16-03-2008, 13:05
lordpsiduck,<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Ammettiamo che io maniera molto amatoriale voglio costruire qualcosa poco + grande di una poltrona, nel senso l&#39;obbiettivo prefissato è riuscire a muoversi con energia solare, ma non dovrebbe essere il mio veicolo è solo un esperimento che vorrei fare.</div></div><br>perche&#39; non pensi ad una carrozzina elettrica per anziani, potresti pensare ad un motore regolabile da 200 W e ad un pannello fra 100 ... 200 Wp con una batteria. La carrozzina potra&#39; muoversi da sola per un tempo pari a un quarto o la meta&#39; del tempo di esposizione al sole.<br><br>Ciao<br>Mario

Wattos
23-03-2008, 19:31
secondo me si può fare l&#39;unico problema è riuscire a disporre al meglio possibile i pannelli fotovoltaici chessò forse a forma di tetto<br><br>ma ve la immaginate una casetta in autostrada?&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2a9cce388bad1cc70b4eee288cc82f35.gif" alt=":woot:"><br><br><span class="edit">Edited by Wattos - 24/3/2008, 12:35</span>

triac60
23-03-2008, 22:06
Solar challenger, Australia, circa 90Km/h toccati anni fa da un&#39;auto con pannelli solari ad alto rendimento.<br>Non è fantascienza, solo che costa un pochino....

Wattos
24-03-2008, 13:48
oh ragazzi date un&#39;occhiata a questi video:<br><a href="http://it.youtube.com/watch?v=Zpg1vvCIO1c&amp;feature=related" target="_blank">http://it.youtube.com/watch?v=Zpg1vvCIO1c&feature=related</a><br><br>hei guardate come ha sistemato il pannello questo:<br><a href="http://it.youtube.com/watch?v=6fbKLjnaNWA&amp;feature=related" target="_blank">http://it.youtube.com/watch?v=6fbKLjnaNWA&feature=related</a>

SANDRINX77
08-04-2008, 21:59
e se partissi da un gokart?<br>

Wattos
10-04-2008, 14:30
si non male ma la superficie solare? come la gestisci?<br><br>si può fare tutto quello che vuoi ma appena butti in strada un &quot;qualcosa con le ruote&quot; ti fermano gli sbirri e ti dicono:&quot; lei dove stiamo andiamo?&quot;<br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/cd9748a3f756dcd10c7bcbd2dd36c69e.gif" alt=":huh:"> eeeeh?<br>&quot;accosti, patente e libro&quot;<br>no guardi il libro è sul comodino devo ancora finire di leggerlo...<br>&quot;lei quì il veicolo non ha la targa&quot;<br>oh mi scusi stavo provando un veicolo solare <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/cd9748a3f756dcd10c7bcbd2dd36c69e.gif" alt=":huh:"> e quindi?<br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/52bb4b56e53714a5af539f91097ab661.gif" alt=":)"><br>in pratica in Italia non si può fare nulla, tra un po&#39; ci vuole l&#39;assicurazione per respirare<br>....se andiamo avanti così chiss&agrave; chiss&agrave; come si far&agrave; ya yap&#33; yeee ya ya yayap&#33; yeeeee ya ya <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/07f9e27dc6bb18b0366f88ce43b32aa1.gif" alt=";)">

SANDRINX77
10-04-2008, 18:20
GLI FAI IL TETTINO DI 2 PANNELLI....<br>cmq è vero quello che dici........si potrebbe usare solo di nascosto... ma in fondo sti caxxi,,,io ne faro uno...un giorno.....

Wattos
11-04-2008, 19:17
Ha ha ha <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f45ba943e122a91d20d09ab13fdd765d.gif" alt=":lol:"> gi&agrave;&#33; Ribelli forever&#33;<img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/780acaf67ddc092121350f5f90eef900.gif" alt="image"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/01251939aa1e06876ff0291165c69053.gif" alt="image"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/86f33844453b37a2cde8a3b49239fde9.gif" alt="image"><br>

«Dany™»
14-04-2008, 20:32
E una bella idea ma farla a motore 50 prendendo il motore di un motorino o qualcos altro e passarlo sulla macchina Che si vuole creare comprare tappezzeria ruote freni ecc...

UnioneFaLaForza
23-11-2008, 11:25
Quella sulla ventola che ricarica la batteria non è una cavolata, è una teoria che molti deridono e allora non si capisce perche la nissan (o un'altra giapponese, non ricordo) ha presentato una concept car elettrica che verra messa in produzione tra un anno che nel frontale usa proprio questa ventola che ricarica la batteria in corsa..i giapponesi sono diventati stupidi di colpo??

livingreen
23-11-2008, 15:02
Dissento completamente da questa tua personale opinione.
Non si tratta affatto di una teoria da deridere, si tratta di semplice logica e calcolo: il "vento" necessario a far girare la ventolina non viene dalla presenza di perturbazioni che provocano una brezza, viene dalla velocità con cui il mezzo sta viaggiando. E questa velocità viene raggiunta perchè spinto dal suo motore: di conseguenza, l'energia non viene recuperata, ma SOTTRATTA a quella necessaria per spingere il veicolo ad una certa velocità.
I commenti sulla mitsubishi iMIEV sono unanimi, questi gadget sono stati aggiunti solo per ragioni di marketing, e del resto non si capisce come la presenza di due ventoline capaci di fornire 50W e di un pannello da 120W potrebbero contribuire a ricaricare le batterie di un veicolo che consuma 67kW...

UnioneFaLaForza
23-11-2008, 16:08
Che sia una questione di marketig puo essere, ma io credo che se l'aria viene incanalata su un tubo a imbuto che si apre dopo i 100 km/h può avere una resa perchè nel momento che la valocità si stabilisce il motore fa meno sforzo (vedi consumo urbano ed exstraurbano)...E' un'idea, magari mi sbaglio.

livingreen
23-11-2008, 22:37
Il fatto che una volta finita l'accelerazione il consumo si stabilizzi a livelli inferiori è normale, ma non cambia una virgola del discorso precedente. Introdurre una resistenza aerodinamica vuol dire AUMENTARE i consumi... anche se si tratta di una ventola che genera energia. A questo punto, l'energia recuperata è sicuramente inferiore a quella spesa per generarla (il rendimento del generatore e del sistema di ricarica + batteria, è sicuramente inferiore al 100%)
Forse... dico forse... potrebbe dare un qualche rendimento insignificante in un'auto non elettrica attuale, se installata ALL'INTERNO della mascherina (e quindi, DOPO che cè già stata una perdita aerodinamica dovuta alla presenza della mascherina del radiatore), ma comunque la presenza di un ostacolo creerebbe un flusso minore di aria al radiatore... e quindi dovresti aumentare la sezione della mascherina e perciò aumenterebbe la resistenza etc etc...

Non se ne viene fuori, insomma.

Ovviamente, la migliore soluzione, in un'auto elettrica, è quella di NON avere resistenze frontali dovute ad un'inutile mascherina...



Inoltre, la potenza generata dipende (come in tutti i ventilatori...) da una legge quadratica: se progettata per funzionare ad una certa velocità, a mezza velocità produce un quarto...

UnioneFaLaForza
24-11-2008, 18:58
non parlavo di una ventola messa dietro la mascherina, ma di un tubo a imbuto che parte dalla mascherina e che va in una zona posteriore...

livingreen
24-11-2008, 20:02
Ripeto: "non cambia una virgola del discorso precedente. Introdurre una resistenza aerodinamica vuol dire AUMENTARE i consumi"

gattmes
26-11-2008, 10:46
Forse serve un po di chiarezza per trovarVi un punto di congiunzione.
La "forza" che fa un motore per portare (ovvero da ...a) un veicolo a es 100km/h... è data (nella fase in cui "porta") principalmente da tre fattori:
1) accelerazione... ovvero prendere tot massa (il peso del veicolo) e portarlo ad una certa velocità.. e in un certo tempo. Tamto più questo deve essere breve.. tanto più è richiesta "forza"... idem per la massa.. tanto +... tanta + forza.. Se massa e accelarazione rimangono.. diciamo costanti... questa forza (componente) lo rimarrà pure.
Chiaramente questo ultimo passo ci fa capire che, arrivati alla velocità voluta.., se "li" ci si ferma.. ovvero non si accelera più... e beh! Se crolla a zero l'accelerazione lo farà anche la "forza" citata che il motore forniva! Arrivati a 100km/h questa "forza" si annullerà.

2) poi serve una forza per vincere gli attriti di tipo volvente (ruote, cuscinetti, ecc.) e questi diciamo hanno certe proporzionalità... "costruttive". Chiaramente questa forza è nulla quando non ci sono parti in movimento.. quindi solo a velocità zero. Arrivati ai 100km/h ci sarà sempre questa componente di.. "forza" che il motore dovrà fornire per... vincere questi attriti.

3) infine serve almeno una forza per vincere gli attriti aerodinamici. Questi dipendo principalmente dalla forma (l'impatto aereodinamico) del veicolo, ma anche , contrariamente a quelli del punto 2, dalla velocità.. e purtroppo NON in maniera lineare.. ma piùttosto esponenziale (a 100km/h la forza NON È IL DOPPIO che a 50 MA MOLTO DI PIÙ)
Arrivati ai 100km/h ci sarà sempre anche questa componente di.. "forza"

Bene .. sperando che siano ben chiari questi 3 punti/concetti (altrimenti è inutile perseverare a leggere..) ..dovrebbe essere chiaro perchè

...nel momento che la valocità si stabilisce il motore fa meno sforzo (vedi consumo urbano ed exstraurbano)..
..sia per la prima parte della frase (accelerazione)... e sia per la seconda (urbano/extra).. in quanto le accelerazioni/decelerazioni in campo "urbano" sono continue.. e continuamente richieste pure le forze per il punto 1 ...

in pratica UnioneFaLaForza ci sta giustamente dicendo/è consapevole che sparisce la "forza" del punto 1.. arrivati a regime costante.

Ma vediamo quelle del punto 2 e 3.. e che UnioneFaLaForza.. tra le righe ci dice/è consapevole che rimangono (dice "il motore fa meno sforzo" .. non dice non fa più sforzo!)
La 3 è data dall'impatto dell'aria (che è un qualcosa di tangibile... anche se trasparente agli occhi... sto dicendo che anche se non si vede esiste: è una massa di gas... Per capirci possiamo pensare ad una via di mezzo: l'acqua del mare.. questa è più visibile.. si può anche raccogliere con una mano...o contenitore......L'aria ancor meno palpabile e visibile... ma c'è ...pensate ad esempio al vento sulla faccia....)
Quando si vuole fare es. un generatore eolico.. si può prendere un'elica (come quella che lavora in "acqua", appunto) e cercarla di farla "interessare" per quanto più possibile dall'aria. L'elica deve appunto catturare quanta più aria possibile.. deve avere un "cattivo" impatto aerodinamico... possiamo parlare di coefficiente di penetrazione CX: per l'auto deve essere il più basso possibile per contenere al massimo le forze del punto 3.. ovvero l'auto deve penetrare meglio nell'aria.
Tutto è relativo .. se siamo fermi possiamo dire che l'auto, muovendosi, penetra nell'aria... ma se siamo sull'auto .. è l'aria che per noi si muove... e lo fa meglio se il cx è basso.
Dopo tutto sto discorso prolisso dovrebbe essere palese che l'elica invece deve avere un alto CX... quindi l'aria intorno deve muoversi con più alta difficoltà... deve impattare il più possibile sulle pale.. per trasferire la sua energia a queste il più possibile... l'elica cioè deve penetrare il meno possibile.. deve essere un muro!
L'aria muovendosi ha una sua energia.. rispetto all'elica che è ferma... questa energia viene parzialmente (purtroppo) trasferita alle pale. Se è "100" il suo valore... non se ne può trasferere 101 alle pale, ma meno...sarà esempio 60-70 (il limite teorico è appunto 100).
L'elica la trasferisce poi al generatore collegato.. e questo... perdendone un altro po... la resistuirà sotto forma es. elettrica... In uscita si avrà così magari un 40.. a partire da un 100.
Se l'aria è ferma però non ha energia... le pale non girano e niente esce dal generatore (e fin qui spero che ci siamo...)

Adesso possiamo, ad aria ferma, mettere l'elica su un mezzo mobile .. e, per il discorso di relatività, spingere "lei" nell'aria ferma.... ovvero forniamo quell'ipotetico 100.. non all'aria (che lo aveva prima preso dai fenomeni atmosferici naturali del pianeta, ecc.) ma all'elica... MA QUEL 100 DOBBIAMO FORNIRE... per esempio con un motore (che ne fornirà ben di più, visto le altre perdite/forze del punto 2 .. facciamo 110-120?).
Di li in avanti il discorso... ricordo la "relatività" (Einstiana..).. non cambia: la pala ne recupererà solo una parte (60-70)... e di questa il generatore ne convertirà solo un'altra parte .. arrivando nel nostro esempio a 40.
In pratica siamo partiti da un 100 fornito dal motore all'elica... per ottenerne indietro 40....Ne abbiamo sprecati 60.

Ora però non si deve dire che ne abbiamo recuperati 40.... in quanto questo potrà essere vero.. come altrettanto è vero che i "100" SONO IN PIÙ RISPETTO AL NORMALE TRAM TRAM...
Ovvero se il motore ne stava fornendo esempio 150 al veicolo per mantenerlo a 100km/h (forze 2 e 3)... ora ne dovrà fornire 150+100=250 (in realtà i 100 saranno 110-120...) per poi recuperarne 40.. ovvero si passa ad un globale di 250-40=210.. Quindi dai 150 iniziali si passa a 210 netti...e ciò perchè le forze del 3 sono aumentate per "fornire" energia aggiuntiva all'elica.. che non è poi in grado di restituircela (insieme anche al generatore) totalmente indietro.


Spero che ora sia chiaro il discorso.

livingreen
26-11-2008, 15:44
??
Perchè, io che avevo detto?

UnioneFaLaForza
26-11-2008, 18:59
Ciao gatt, grazie per la risposta, ho capito il tutto, pero volevo farti un esempio, poi tu mi dirai se sbaglio. Prendiamo una golf elettrica da 50 kw, la golf ha un coefficiente aerodinamico di 100 (un numero tondo per capirsi), aggiungo il tubo a imbuto per incanalare l'aria per il generatore, ora il coefficiente è 110...Prendo tutta la mecchanica e sostituisco totalmente la carrozzeria, faccio un buon lavoro e ho guadagnato 50 sul coefficiente. Ero a 110 e ora sono a 60 di coefficiente...Il motore da 50 kw consuma di meno?..il piccolo generato ricarica un po la batteria?...ditemi tutto quello che è sbagliato su questa teoria. Grazie

livingreen
26-11-2008, 23:00
In linea generale, sembra quasi perfetto. Se si scende nei particolari, invece:


Prendiamo una golf elettrica da 50 kw, la golf ha un coefficiente aerodinamico di 100 (un numero tondo per capirsi), aggiungo il tubo a imbuto per incanalare l'aria per il generatore, ora il coefficiente è 110...Ok, giusto. Hai aumentato la resistenza aerodinamica... ma hai contato solo quella, e non la resistenza offerta dal generatore. Comunque, a questo punto i consumi aumentano.


Prendo tutta la mecchanica e sostituisco totalmente la carrozzeria, faccio un buon lavoro e ho guadagnato 50 sul coefficiente.Cioè fai un'auto completamente diversa... quindi non si può più fare un paragone con la precedente. Inoltre, il vantaggio aerodinamico è esagerato, sarebbe già un miracolo guadagnare il 20% rispetto alle auto attuali (che hanno già un design molto curato dal punto di vista aerodinamico)

Ero a 110 e ora sono a 60 di coefficiente...Il motore da 50 kw consuma di meno?..il piccolo generato ricarica un po la batteria?...In linea generale sì. il motore consuma meno. Sì, il generatore ricarica la batteria. Però alla fine consumi di più, e sai perchè?

...perchè se alla tua auto che ha raggiunto il coefficiente di 60, tu TOGLI il tubo e lo tappi, e non metti nessuna ventola per generare energia elettrica, il coefficiente si abbassa a (boh) 50... ed il risparmio ulterioredi carburante ha un valore energetico superiore a quello che avresti recuperato con la ventola.
Come già detto, una ventolina per girare prende energia dal motore (che deve spingere di più), perchè è il motore che spinge l'auto contro l'aria: di conseguenza, per mantenere intatte le prestazioni, aumentano i consumi.
Poi, la ventola "recupera" (si fa per dire, in realtà CONSUMA) una parte dell'energia usata per farla girare... ma non tutta. Sarebbe già miracoloso recuperare un 25%... ed il 75% va perso nelle resistenze aerodinamiche aggiunte, nei rendimenti del generatore, del sistema di ricarica, nel rendimento delle batterie. nel convertitore per alimentare i motori e nei motori stessi... mentre se la ventola NON la metti, risparmi il 100% dell'energia.

gattmes
28-11-2008, 10:35
??
Perchè, io che avevo detto?

..quello che io ho poi ..."copiato" nel mio msg :)

per..."appoggiarmi" sull'ultimo msg di livingreen:
se UnioneFaLaForza metti un tubo... ben raccordato, al più basso impatto aereodinamico, ecc. ecc.... bene..... ma poi cosa mette dentro il tubo? Niente?... allora l'aria ben convogliata è libera di uscire da qualche parte (anche qui "raccordata" aerodinamicamente). Diverso è se tu attappi il tubo con un .."muro"... (...o quasi): l'aria non è più libera di transitare e/o uscire.. quindi neanche di entrare e allora il coeffic. aerodinamico cambia brutalmente (peggiorando)..ahhh.. e poi non dimentichiamo che anche la parte d'uscita, progettata appunto per un buon "raccordo" con l'aria uscente... non lavora più in questo punto caratteristico (non c'è più l'aria in uscita!), quindi peggiori sia per quanto concerne l'ingresso del tubo che per quanto concerne l'uscita..

...ora se ripensiamo al discorso dell'elica.. delle pale.. ecc. ..ricordiamo cosa dovevano fare queste nei confronti dell'aria? Dovevano offrire (facciamola semplice) la massima resistenza... praticamente essere come un .... muro!

gattmes
28-11-2008, 10:50
propongo un esperimento:
un disco di una certa dimensione ...può anche essere un asse fulcrato al centro (deve essere un po di centimetri... facciamo almeno 50).
il centro .. dell'arnese... collegato ad un motore elettrico..(in verticale) di cui possiamo misurare l'assorbimento. Una estremità della barra/asse (o sulla circ. del disco) mettiamo un mini generatore eolico... che può essere fatto con un motorino/dinamo e un'elica (tipo modellismo)... io ne metterei due identici alle due estremità diametralmete opposte.. così il tutto è bilanciato.

1a prova) (brutale)... accendiamo il motore centrale e portiamo ad un certo regime il tutto.. le pale ovviamente gireranno per effetto dell'aria. Misuriamo gli assorbimenti/potenza. Poi cortocircuitiamo secchi i morsetti del/dei generatori... e misuriamo la potenza necessaria al motore centrale (sicuramente salirà)

2a prova più tecnica (richiede un sistema di asporto: .. 1- o dei dati dei generatori, lasciando il carico sul disco/asse.. in rotazione... 2- o dell'energia prodotta, con il carico misurazioni esterno al sistema.. 3- o un carico "stabilizzato" locale di cui è noto l'assorbimento.. o comunque programmabile su certi gradini...insomma, ecc. ecc.).. portiamo sempre a regime e misuriamo come punto 1.
Quindi attiviamo il carico e confrontiamo la pot. recuperata con quella incrementa per il motore centrale...

(Ps se qualcuno arriva al pareggio... o ancor meglio lo supera.. mi mandi un MP.. che facciamo un giro alla Camera di Commercio... ufficio Brevetti)

UnioneFaLaForza
28-11-2008, 18:15
Facciamo che lasciamo il tubo sempre aperto cosi non facciamo ulteriori resistenza..hehe...una domanda, ma un generatore da 220w o due da 110 con un'elica di 30/40 cm quanta resistenza puo fare? è cosi duro da muovere?...è possibile che un motore da 50 kw soffra cosi tanto?

livingreen
28-11-2008, 20:40
Dunque, a parte che 220 watt mi sembrano un po' tanti per una ventolina da 10 cm (... (facciamo 50W?). Sai, 40 cm di diametro sono un'enormità...

Comunque, un generatore eolico rende circa il 50%, ad una certa velocità dell'aria alla quale è progettato, altrimenti rende molto meno. Quindi, per avere 50 watt di energia elettrica in uscita devo averne 100 sotto forma di flusso d'aria. Quindi, senza considerare il resto, il motore (che provvede a fornire l'energia per muovere la macchina e vincere le resistenze all'avanzamento), per mantenere invariate le prestazioni dovrà fornire i 100 W che la ventola assorbe. E che senza ventola, non avrebbe mai assorbito.
Quindi, adesso il motore dovrà erogare i 50 kW + i 100 W della ventola, e dovrà ciucciarseli dalle batterie, dove poi IN TEORIA ne tornano solo 50... fino ad ora direi che ci abbiamo PERSO 50W..

Ma non è finita:
-avere una presa aerodinamica sul frontale diminuisce il coefficiente di penetrazione dell'aria. Difficile quantificare a spanne l'aumento dei consumi, ma almeno un 2% direi che lo perdiamo: e sono altri 100 W persi, che il motore dovrà fornire per mantenere invariate le prestazioni.
-il sistema di ricarica delle batterie non ha rendimento 100%: della potenza generata dalla ventola, direi che alle batterie ne va solo il 90% (e sono ottimista). Quindi, la potenza recuperata scende da 50 a 45 W.
-le batterie non rendono il 100%, hanno perdite molto grandi a causa del loro rendimento chimico...ma diciamo l' 80% (ed è un valore enorme!), quindi abbiamo i nostri 45W x 0,8 = 36 W che riusciamo a far uscire dalla batteria.
- il sistema di conversione che deve elevare e controllare la tensione delle batterie per farla digerire al motore non rende il 100&. Diciamo il 90%? Bene, 36 W x 0,9 = 32,4 W che arrivano al motore.
-il motore no rende il 100%, ma solo il 95%, quindi i nostri 32,4 W diminuiscono a 30,78 W
-anche le gomme non rendono il 100%... diciamo che alla fine all'asfalto arrivano 30W dei 200 in più che faccio consumare al motore (100 per vincere la resistenza aggiunta della ventola, più i 100 della resistenza aerodinamica aggiunta, che fa 200W in totale.)

Abbiamo un sistema che consuma 200 W alla ruota per ricavarne 30 (sempre calcolati alla ruota), e in più dobbiamo fornire noi l'energia perchè funzioni la ventola.
Di conseguenza, il nostro motore dovrà fornire 170 W (e cioè la differenza fra guadagni e perdite) per fare esattamente quello che faceva prima... E naturalmente non ho contato la diminuzione di autonomia dovuta al maggior consumo, perchè sennò devo aggiungere elementi di batteria per avere l'autonomia che avevo prima, e cioè aumentare i pesi e di conseguenza ancora i consumi...
Ti sembra di aver guadagnato o recuperato qualcosa, grazie alla ventola? A me sembra una perdita secca.

livingreen
28-11-2008, 20:46
Aggiungo:
se per ragioni di marketing aggiungo una ventola, allora per le ragioni che ho esposto dev'essere microscopica, tanto per evitare perdite eccessive. Inoltre, per avere veramente un apporto gratuito, deve essere inserita solo quando la macchina è ferma ed immobile, cioè deve essere un generatore eolico che sfutta la velocità del vento, e non quella della macchina. La presa d'aria anteriore deve essere chiusa quando la macchina si muove, altrimenti i consumi aumentano

Inoltre, la questione della presa aerodinamica per azionarla è QUASI sensata se parliamo di auto con motori a scoppio, che tanto hanno già delle prese sul frontale per l'aria del radiatore... mentre in un'auto elettrica sono inutili, l'auto potrebbe essere anche completamente carenata e chiusa, visto che il radiatore non ce l'ha.

renatore
29-11-2008, 10:27
Esperimento ( immaginario):
un carrello ( attrito zero), con sopra un generatore eolico, pacco batterie e motore elettrico efficienza 1, il tutto carrozzato Cx 0 (esclusa l'elica), strada in piano e niente vento;

1): accelero in qualche modo questo carrello fino alla velocità di massima efficienza dell' aerogeneratore e poi lo mollo, questo apparato cosa fà?
------mantiene indefinitamente la sua velocità-------
cioè con tutte componenti ideali non accelera , cioè tutto l' ambaradan
è inutile;

2a): sostituisco uno qualsiasi dei componenti ideali con uno reale, diciamo motore elettrico efficienza 90%- ripeto la prova-
--------l'apparato rallenta e si ferma---------

2b): metto l' elica in folle sul suo asse, ripeto la prova, il carrello percorrerà la stessa distanza di prima?
-----NO-------- va più lontano perché non ci sono le perdite del sistema;
questo dimostra che l'influenza del sistema non è nulla, bensì negativa.

salute

renatore

UnioneFaLaForza
29-11-2008, 10:44
Azzz...renatone, e chi ci ha capito qualcosa?...hehehe

UnioneFaLaForza
29-11-2008, 10:51
Domanda...Se ho un'auto elettrica, tipo la tesla motor, voglio ricaricarla con un piccolo motore tradizionale (solo quando non è possibile avere la linea elettrica)...che cilindrata/potenza necessito? che alternatore ci vuole?...Sempre per la stessa auto, vivendo in un luogo dove il vento non manca mai, tipo sicilia o sardegna, voglio mettere un piccolo aerogeneratore nel baule che azziono, ovviamente (hehe), quando il veicolo è fermo, quale potenza deve avere?...grazie

livingreen
29-11-2008, 12:36
Se ho un'auto elettrica, tipo la tesla motor, voglio ricaricarla con un piccolo motore tradizionale (solo quando non è possibile avere la linea elettrica)...che cilindrata/potenza necessito?
Della stessa potenza erogata dalla linea elettrica, se vuoi caricarla con gli stessi tempi...



che alternatore ci vuole?...
??? Cioè?



voglio mettere un piccolo aerogeneratore nel baule che azziono, ovviamente (hehe), quando il veicolo è fermo, quale potenza deve avere?...
Vedi la prima risposta.

Comunque, è inutile ragionare solo sulla potenza del motore... PRIMA bisogna sapere due cose:

-COME vanno caricate queste batterie (con che tensione, corrente, in quanto tempo, quali sono i parametri accettabili per garantire una vita decente alle batterie.)

-COME realizzare il sistema di ricarica (generatore + regolatore +caricabatteria + sistemi di sicurezza e regolazione)

renatore
29-11-2008, 12:49
[quote=UnioneFaLaForza;118893289]... e chi ci ha capito qualcosa?...quote]

Eh... pazienza.

salute

renatore

UnioneFaLaForza
29-11-2008, 15:22
Se la tesla si puo caricare con una normale presa, quello che mi serve è una normale conseguenza, 220 v...non so l'amperaggio, credo sia abbastanza alto...

UnioneFaLaForza
29-11-2008, 15:33
Pensavo a una cosa di questo genere con l'aggiunta del generatore eolico Quadriciclo ibrido - ELETTRICO, SOLARE E TERMICO IN UNO - News - Quattroruote (http://www.quattroruote.it/news/articolo.cfm?codice=136425)

livingreen
29-11-2008, 17:55
quello che mi serve è una normale conseguenza, 220 v
E chi ha parlato di alimentazione da rete?

io ho detto:


COME vanno caricate queste batterie (con che tensione, corrente, in quanto tempo, quali sono i parametri accettabili per garantire una vita decente alle batterie.)
La batteria della tua auto la carichi forse col 220? Oppure utilizzi un caricabatterie adatto, che fornisce alla batteria 12 volt a tot ampere?

UnioneFaLaForza
30-11-2008, 17:56
Le richieste che ti ho fatto usale per questa vettura... Motori elettrici asincroni trifase per auto elettriche (http://www.fimea.it/produzione/trazione/500.htm)

macgyver68
30-11-2008, 19:46
a tutto ciò ho pensato anch io, sole , vento, e magnetico,praticamente fare il tetto in pannelli solari, e magari anche il cofano motore, eolico..... senza prese frontali, ma accellerare il flusso d aria nella parte inferiore dell auto con una specie di effetto venturi, in pratica molta effecenza sopra l auto, recupero flussi sotto, e magnetico, i motori magnetici che forniscono numero di giri non elevatissimi che entrano in funzione quando l auto va a velocità molto basse o nel traffico, o farli girare quando l auto è ferma,tutto ciò può essere sbagliato, ma perche non provare ?

renatore
30-11-2008, 20:34
macgyver68,
hai letto i post precedenti?


... eolico..... senza prese frontali, ma accellerare il flusso d aria nella parte inferiore dell auto con una specie di effetto venturi, ...recupero flussi sotto...

questa idea fa pensare di no.

macgyver68:
... motori magnetici che forniscono numero di giri non elevatissimi ...

A quali motori magnetici ti riferisci?

salute

renatore

macgyver68
30-11-2008, 20:59
YouTube - Perendev magnetic motor (http://it.youtube.com/watch?v=PFGiWiXMHn0)....

macgyver68
30-11-2008, 21:01
una cosa del genere. ovviamente in piccolo, ci sto provando, con dei magneti in ferrite, appena ho finito posto le foto

livingreen
30-11-2008, 22:00
Le richieste che ti ho fatto usale per questa vettura...
Beh, quattro semplici calcoli potevi farli anche tu...
Nella pagina che indichi, si dice che usa quattro batterie al piombo da 100Ah. Dice anche che usa un motore N30... nelle pagine seguenti
Motori elettrici asincroni trifase per auto elettriche (http://www.fimea.it/produzione/trazione/n308.htm)
Motori elettrici asincroni trifase per auto elettriche (http://www.fimea.it/produzione/trazione/n30.htm)
c'è solo un motore che si adatta alla condizione di quattro batterie in serie da 12 volt, e che funziona quindi a 48 V.
Di conseguenza, ora sappiamo che bisogna caricare una batteria da 48 V - 100 Ah. In sei -otto ore.
Consideriamo che dei 100Ah delle batterie di usi solo il 75% (per avere un numero decente di cicli di carica e scarica e non "ammazzare" le batterie): quindi, un caricabatterie da 48V -10Ah caricherebbe il pacco batterie negli stessi tempi del volantino pubblicitario. (se rendesse il 100%). Siccome però ciclo chimico di ricarica non rende il 100% ma solo l'80%,il sistema di ricarica dovrà fornire una corrente superiore.. 10Ah diviso 0,8 fa 12,5 ampere.
Facciamo 13, tanto per considerare le perdite nel caricabatteria...

Direi quindi che devi avere un caricabatterie che abbia una potenza di 48 x 13 = 624 W ingresso, e che eroghi circa 48 volt e 13 A. Perchè dico circa? Perchè la tensione EROGATA dalla batteria è di 12 V nominali, ma quando la si ricarica deve essere superiore, per innescare il processo chimico... deve arrivare a 14,4 volt, 2,2 volt per elemento. Quindi, su quattro batterie si arriva a 57,6 volt, che moltiplicato 13A fa 748 W.
Ed è questa, la potenza che deve avere il generatore che ricarica la batteria... anzi, per evitare che funzioni troppo sotto sforzo, direi che dev'essere più grande. Se usi un gruppo elettrogeno, ad esempio, direi che quella potenza può essere fornita stabilmente solo se non si passa il 75% della potenza nominale. QUindi, devi usare un gruppo elettrogeno da 1000W.

Aggiungo che se vuoi caricare le batterie in metà tempo, devi avere una potenza doppia.

gattmes
01-12-2008, 12:30
mi permetto (scusa livingreen!) di aggiungere solo una piccola precisazione: se andate a vedere le FAQ del forum sulle batterie (scritte da una persona di mia conoscenza :sleep: :respect:) potete "leggere" che la capacità di una bat non è un chiodo fisso nel muro... ma dipende da quanta corrente si tira (per tutte le bat). Ci sono bat dove questo valore cambia radicalmente (vedi Pb)... assumendo valori metà/doppi (a seconda da dove si "guarda") e oltre!
NON DIMENTICATELO MAI!

livingreen
01-12-2008, 15:45
Certo, Gattmes! Io ho messo in campo valori ipotetici credibili, ma la capacità delle batterie non viene tutta usata... se arrivo ad una scarica più profonda, spremo ancora parecchia energia in più (salvo che poi devo dare questa energia in più durante la ricarica).
Con cicli che invece sfruttano meno la batteria, la vita si allunga... insomma, alla fine bisogna cercare un compromesso accettabile: in un auto, sarebbe bello poter arrivare al 100%... si risparmierebbe molto peso.

UnioneFaLaForza
01-12-2008, 18:52
non sono molto ferrato nel campo dell'elettricita (hehe)...mi indichi un piccolo generatore eolico adatto per quello che hai appena spiegato...

macgyver68
02-12-2008, 20:57
scusa renatore, cosa mi consigli di leggere prima ?

renatore
02-12-2008, 21:43
scusa renatore, cosa mi consigli di leggere prima ?

intanto questa discussione dall'inizio, così valuti da te quanto vale l'idea del tubo venturi,
poi:

http://www.energeticambiente.it/unita-di-misura/5256969-faq-fisica-energia-e-potenza.html

poi cerca sul forum le mille discussioni sul perendev, se dopo di ciò ti piace ancora, buon divertimento!

salute

renatore

UnioneFaLaForza
05-12-2008, 13:25
Per tornare all'inizio della discussione iniziata da lordpsiduck, volevo fare un esempio, su "meccanici del pianeta" in onda su discovery channel, i due prtagoniscti prendono una vecchia barca, ci mettono un piccolo motore elettrico (non ricordo la potenza, credo 2kw) 3 batterie e costruiscono un tetto con 6 pannelli fotovoltaici classici. Con 3 persone a bordo e la difficolta maggiore che ha una barca a navigare rispetto a un veicolo a muoversi su strada girano per Venezia percorrendo una distanza notevole e con una ricarica solare di 2 ore circa per tornare alla base. Con questo per dire che con pochi mezzi a disposizione lordpsiduck puo realizzare il suo proggetto.

livingreen
05-12-2008, 18:54
.. buttano la batteria dopo due viaggi? In base a cosa dovrebbe essere possibile realizzare un veicolo, nonostante le spiegazioni date in tre pagine di post? Senza sapere le cartteristiche del veicolo, la sua autonomia, il tipo di motore, il tipo e la capacità delle batterie, il tipo e la potenza dei pannelli solari, etc etc....

I pescatori usano da anni dei piccoli fuoribordo elettrici, e le batterie se le ricaricano a casa: cosa ben diversa è progettare un veicolo solare, dove tutta la potenza del motore deve essere fornita dai pannelli solari, e le batterie servono solo da tampone se si passa sotto una pianta o in una via in ombra.

UnioneFaLaForza
06-12-2008, 09:50
Sono partiti con le batterie cariche, hanno girato per un bel po per Venezia, per tornare alla base avevano bisogno di una ricarica, al tabacchino non ce l'avevano e hanno aspettato che il sole facesse il suo lavoro, dopo un'ora circa avevano abbastanza energia per tornare indietro...quello che volevo dire, che con un'ora di sole sono tornati tranquillamente a casa...ripeto, con un piccolo motore da 2 kw e tre persone sopra...Ho capito quello che vuoi dire livin, il senso del mio discorso è che si puo fare...basta mettere gli ingredienti giusti...

livingreen
06-12-2008, 09:59
...e magari saperne di più e fare dei calcoli... magari avevano consumato il 90% delle batterie, e col 10% rimanente potevano FORSE arrivare a casa... ma con il 2% in più erano invece SICURI di arrivarci. Non c'è nessuna indicazione che quel veicolo sia ad energia solare al 100%, oppure abbia viaggiato per il 100% a batterie e col 2% di "riserva" con la ricarica solare...

UnioneFaLaForza
06-12-2008, 10:26
loro dicevano di essere a secco...cmq non è un grande problema...Per tornare al discorso principale, ho visto alcuni pannelli da 200w, mettiamo che se ne utilizzino 2 si ha una potenza teorica di 400w a 12v...ci sono i motori elettrici per biciclette che hanno potenze di circa 300w...con un sole che rende in teoria dovrebbe muovere un veicolo a tre ruote ultraleggero...massimo 40/50kg...lentamente ma lo muove...credo che piu di questo non si puo senza batterie...sbaglio living?

livingreen
06-12-2008, 14:09
Appunto, potenza teorica... dipende dall'insolazione, da eventuali ombreggiature, dall'inclinazione dei pannelli, dal peso del veicolo e da mille altre cose.

Quindi, se sono sotto il sole di luglio, non c'è nemmeno una nuvola, i pannelli sono puliti, l'inclinazione perfetta (e quindi non cambio mai direzione), non passo mai sotto una pianta o in una via stretta (magari sono nel deserto?), il sistema di alimentazione rende il 100% e non ho nessuna salita, direi che funziona.

Se ti interessa solo che si muova, magari solo di un metro, direi quindi di si. Se invece ti interessa che percorra senza fermarsi una cinquantina di km, allora sicuramente no.

Tornando al discorso di prima, tre "pannelli classici" da 150W danno in totale 450W. Quelli moderni danno anche molto di più, rendono qualcosina di più, ma soprattutto sono più grandi.
Se usavano un motore da 1 kW, è evidente che prendevano dai pannelli meno della metà dell'energia che utilizzavano.... e se il motore era da due kW, meno di un quarto. Il resto era fornito dalle batterie.
Un parallelo di tre batterie da 80 Ah (una misura media, quindi) è capace di dare 240 Ah in totale: la serie di tre pannelli, per complessivi 450W, fornisce invece 37,5A a 12 V.
Se tutti i componenti avessero rendimento 100%, ci vorrebbbero quindi 6 ore e mezza per ricaricare le batterie... sei ore al massimo rendimento dei pannelli (a piena insolazione, con inclinazione ottimale).
Facendo la proporzione, in un'ora si riuscirebbe al massimo a raggiungere il 15% dalla carica.....ma visto che le condizioni non sono mai ottimali, sparo un 5% che va bene...il rimanente lo hanno fornito le batterie caricate a casa.

UnioneFaLaForza
06-12-2008, 14:25
Concordo...diciamo che il solare da solo, attualmente non puo essere utilizzato per nessun veicolo...se fosse vero quello che è scritto qui il discorso cambia... Il Potere Della Fantasia: Clamoroso! Un ragazzino di 12 anni ha inventato un nuovo tipo di cella solare! (http://miaplacidusedaltriracconti.blogspot.com/2008/09/clamoroso-un-ragazzino-di-12-anni-ha.html)

UnioneFaLaForza
06-12-2008, 14:28
per non parlare di questo... Celle Fotovoltaiche ed Energia Solare: Inventato un Nuovo Materiale Ibrido in grado di Utilizzare l'Intera Gamma dello Spettro Solare | GenitronSviluppo.com - Italian Green Publishing (http://www.genitronsviluppo.com/2008/10/20/celle-fotovoltaiche-ed-energia-solare-inventato-un-nuovo-materiale-ibrido-in-grado-di-utilizzare-lintera-gamma-dello-spettro-solare/)

renatore
06-12-2008, 16:55
... se fosse vero quello che è scritto qui il discorso cambia... Il Potere Della Fantasia: Clamoroso! Un ragazzino di 12 anni ha inventato un nuovo tipo di cella solare! (http://miaplacidusedaltriracconti.blogspot.com/2008/09/clamoroso-un-ragazzino-di-12-anni-ha.html)


" ...i pannelli solari equipaggiati con le sue celle solari 3D, potrebbero fornire fino a 500 volte più energia dei pannelli solari che si trovano normalmente in commercio ... "

-------"500 volte più energia" ?!

mariomaggi
06-12-2008, 17:16
Attenti alle bufale, non facciamo pubblicita' a sciocchezze.

Per semplificare i calcoli, ipotizziamo che il sole invii 1000 W per ogni metro quadro. Ipotizziamo che un pannello da un metro quadro possa erogare 100 W, in questo caso il rendimento sara' 100/1000 = 0,1 = 10%
Pero' ci sono pannelli che erogano 200 W, quindi col 20% di rendimento.
In un'ora, forniscono 100 Wh e 200 Wh rispettivamente.
La massima speranza futura di avere un rendimento incredibilmente eccezionale e' quello di arrivare a 999 W, poco meno di 5 volte rispetto ai 200 Wh e poco meno di 10 volte rispetto ai 100 Wh.
Chi da' numeri maggiori da' solo numeri. E' una bufala.
Ciao
Mario

livingreen
06-12-2008, 17:49
Non posso che concordare con Mario. Anche se partissimo da un pannello "medio" che renda il 17% ed arrivassimo all' 85% (che sarebbe oggi come oggi un risultato fantascientifico!), avremmo migliorato le celle attuali di solo CINQUE volte... non cinquecento.

UnioneFaLaForza
07-12-2008, 11:43
Se diciamo che auto e sole non andranno mai (o quasi) d'accordo è eccessivo?

UnioneFaLaForza
07-12-2008, 11:50
qui spiega meglio il funzionamento... Rinnovabili.it: Dagli U.S.A. le celle solari 3D (http://www.rinnovabili.it/dagli-usa-le-celle-solari-3d) Se noti nel disegno c'è l'effetto specchio...boh... vedremo come si sviluppa il progetto

livingreen
07-12-2008, 13:55
Non mi sembrano molto innovative, rispetto a quelle attuali... l'unica differenza è l'effetto trappola dovuto alle riflessioni multiple fra i vari cubi, come avveniva coi diaframmi a nido d'ape di certi pannelli termici. Questo permette di catturare più fotoni e di evacuare più rapidamente le cariche raccolte, ma il rendimento non può essere certamente di 500 volte superiore. Andando a naso e con la sfera di cristallo, direi che si potrebbe arrivare a 1.5 - 2 volte l'efficienza di quelle attuali.

gattmes
08-12-2008, 11:08
mi spiace mariomaggi e livingreen... ma questa volta avete decisamente sbagliato i calcoli!

Dove mi trovo adesso in ..."villeggiatura"... utilizzo dei pannelli che mi forniscolo ben oltre quei 999W... più del doppio..quasi il triplo...!

È una vera bellezza...altrettanto però non posso dire del posto... fa molto caldo ed è molto arido qui... su mercurio :closedeyes:

UnioneFaLaForza
08-12-2008, 11:13
gatt, bravo bambino...(hehe) non tirare il sasso e poi togliere la mano...colpleta l'intervento fornendo il nome dell'azienda che produce questi pannelli...grazie

livingreen
08-12-2008, 11:13
Eheheheh... Chissa i pannelli termici!

UnioneFaLaForza
08-12-2008, 11:27
livin visto che sei da ste parti, mi dai una risposta a questa domanda... grazie http://www.energeticambiente.it/tecnica-componentistica-e-installazione/14714346-pannelli-con-vetro-trasparente.html

gattmes
08-12-2008, 11:28
Si i pannelli sono un po più .."tecnologici".... ma tutto è dovuto alla particolare.. collocazione... che permette ..irraggiamenti... di oltre 7kW a metro quadrato :dev:...

....l'unico problema è il caldo veramente torrido.. non mi trovo nella Caloris planitia,, ma il risultato è circa quello......
(scusate mi scade il diritto al canale sul satellite... alla prossima!)

livingreen
08-12-2008, 11:50
Pannelli con vetro trasparente (http://www.energeticambiente.it/tecnica-componentistica-e-installazione/14714346-pannelli-con-vetro-trasparente.html)

Non ci vedo un gran vantaggio... quello che permette il flusso di corrente elettrica è l'effetto fotoelettrico, cioè l'urto dei fotoni che superano la soglia dell'energia necessaria a spostare un elettrone sulla superficie colpita.
Quindi, se il fotone non colpisce niente e ci passa attraverso, che vantaggio ne ho? E se viene riflesso indietro e ritrova la superficie trasparente, ci ripassa attraverso... idem.

Sono possibili comunque degli strati trasparenti fotoelettrici, ma in quel caso la raccolta delle cariche viene effettuata durante il primo attraversamento. Uno specchio non introdurrebbe sensibili variazioni nel rendimento.

UnioneFaLaForza
08-12-2008, 11:59
Mi sono spiegato male... Solar concentrators | Ridge concetrators | Tracking solar concentrators (http://www.solar-concentrators.com/) guarda le 4 foto, secondo te funziona questo sistema?

livingreen
08-12-2008, 12:42
Quelli col parabolone cilindrico sono fotovoltaici con celle ad alta temperatura, tutta un'altra faccenda rispetto ai pannelli piani trasparenti. In ogni caso, utilizza celle al silicio bifacciali (cioè col "posteriore" unito) di tipo abbastanza comune.
Non ha effettivi vantaggi, la superficie esposta al sole è la stessa dei normali pannelli, con in più la complicazione meccanica e problemi di raffreddamento delle celle (di solito devono essere molto staccate fra loro per poter smaltire il calore, figuriamoci se poi viene pure concentrato..)
Possono avere un vantaggio solo nel caso economico, ovvero se le celle costano moltissimo... e lo specchio e la meccanica costano poco. Con i costi attuali, la cosa è molto dubbia.
La cosa cambierebbe se usassimo delle celle a concentrazione, che ormai superano il 30% di rendimento: anche se costano molto, almeno abbiamo il rendimento e si possono ammortizzare i costi della baracca oscillante.
Però... se il raffreddamento fosse ad acqua, avremmo un pannello termico-fotovoltaico a concentrazione. Chissà perchè non ci hanno pensato.

I pannelli solarday che avevi postato sono normali pannelli, in cui le superfici attive vengono tenute distanti fra loro in modo che un po' di luce passi anche verso la parte posteriore: in pratica sono dei pannelli ombreggianti e fotovoltaici nello stesso tempo. E' evidente che se le celle fossero unite fra loro, raccoglierebbero tutta la luce e la convertirebbero in energia, con rendimento superiore a quello di questi paannelli. Certo, se uno vuole usarli da pensilina ombreggiante o per estetica, e ha tanto spazio da compensare la perdita di rendimento al mq......

Proporre soluzioni esotiche non porta molti vantaggi: noi dipendiamo comunque dall'energia che il sole ci fa arrivare, e dal rendimento delle celle.

UnioneFaLaForza
08-12-2008, 12:58
Questo sole non vuole darci tutta la sua energia...hehehe...che ne pensi se al posto del parabolone cilindrico si usa un cono? (aperto in fondo)...

livingreen
08-12-2008, 21:08
Ovviamente intendevi NON aperto in fondo.... la luce non è mica acqua che fluisce ed entra in un imbuto, viene RIFLESSA secondo precise regole geometriche.
Comunque, i primi motori solari della fine dell'800 avevano proprio il riflettore conico (era difficile, allora, fare una parabola...) e il motore a vapore a pistoni, tipo locomotiva.

UnioneFaLaForza
09-12-2008, 18:27
Aperto nel senso che dal fondo esce il cilindro da riscaldare...proprio per quello che hai detto, solo che al posto del motore a vapore (tutti lo snobbano, ma è cosi scarso? con i materiali moderni non puo rendere di piu?) usare lo sterling... esempio http://it.geocities.com/contienergie/solare_a_concentrazione_file/image004.jpg

UnioneFaLaForza
09-12-2008, 18:30
questo si avvicina di piu a quello che pensavo... http://img78.photobucket.com/albums/v294/Fury57/Stirling%20motor/parabola-1.jpg

UnioneFaLaForza
09-12-2008, 19:13
questo è ancora meglio YouTube - Solar Stirling Engine (http://www.youtube.com/watch?v=nq6iCO9KLKA&feature=related)

livingreen
09-12-2008, 21:36
Ma certo che si può usare uno stirling, basta avere MOLTI soldi e una ditta seria che dia una garanzia...


motore a vapore (tutti lo snobbano, ma è cosi scarso? con i materiali moderni non puo rendere di piu?)Non è una questione di materiali, è una questione di entalpia...

UnioneFaLaForza
10-12-2008, 18:53
secondo te qual'è la miglior figura geometrica per concentrare il sole?...pensavo a una piramide rovesciata sempre con il cilindro che spunta dal fondo...che ne pensi?

livingreen
10-12-2008, 20:54
??????
Ma non hai conoscenze di fisica o di ottica? La migliore è senza dubbio la parabola, come ti avevo già citato... sia per i raggi luminosi che per le onde radio. Non ti è mai venuto in mente che radiotelescopi, satelliti, persino l'antenna di SkyTV fossero fatte così APPOSTA?

UnioneFaLaForza
10-12-2008, 21:21
certo che lo avevo immaginato, solo che esiste la teoria del gregge...a un certo punto la pecorella esce e va per gli affari suoi, sai com'è, non è perchè tutti lo fanno è giusto cosi....

UnioneFaLaForza
02-02-2009, 20:54
In questa discussione avevamo parlato di inserire un piccolo generatore eolico che entrasse in funzione mentre la macchina è in movimento ed è stata bocciata per ovvi motivi (crea resistenza)...ora chiedo una cosa, quell'idea era con un generatore tradizionale, ma con questo PI: L'eolico galleggia sul magnete (http://punto-informatico.it/2126673/PI/News/eolico-galleggia-sul-magnete.aspx) di dimensioni ridotte ovviamente, il problema è lo stesso visto che l'attrito è praticamente nullo?...la macchina non lo sente nemmeno un generatore del genere...sbaglio?

macgyver68
02-02-2009, 21:38
ciao unione, come avrai notato in questo forum cè chi vanta infinite conoscenze in molte materie e boccia ogni idea che potrebbe migliorare le vita di tutti, forse è un petroliere, in ogni caso ti consiglio di fare la pecorella, a volte funziona non seguire il gregge

livingreen
02-02-2009, 21:39
La dimunuzione degli attriti di rotazione non c'entra niente con la resistenza aerodinamica, come già spiegato.
La situazione è quella di prima: un generatore eolico stafermo, ed il vento gli va incontro: l'energia che possiede il vento deriva dai movimenti convettivi dell'atmosfera, e quindi alla fine dal riscaldamento fornito dal sole.

Un automobile, invece, deve spingere col motore per andare incontro all'aria FERMA. allo scopo di far girare la ventola: e l'energia al motore devi fornirla tu, a tue spese.

Mi sembrava che il concetto fosse chiaro.

UnioneFaLaForza
02-02-2009, 21:44
lo sappiamo il concetto...secondo me la macchina non la sente nemmeno la ventola di questo generatore

UnioneFaLaForza
02-02-2009, 21:49
bravo mac...meglio una vita da pecorella che un giorno nel gregge

ivano1
02-02-2009, 22:32
Salve sono un nuovo utente
In realtà qualcosa si può fare, e portare in strada
L’importante e muoversi nei limiti della legge e quando ti fermano li fai vedere gli articoli e i limiti di legge, certo in Italia con ste leggi siamo castrati
Tempo fa o sottoposto un progetto di un triciclo elettrico presso l’ufficio della motorizzazione civile che si occupa dei collaudi di prototipi unici
La procedura e lunga costosa, praticamente un privato non lo può fare !
Pero parlando con l’ingegnere della motorizzazione mi à suggerito una soluzione
Realizzare un veicolo che rispetti le misure di un velocipede
Con un motore elettrico da 250 watt
Dotato di pedali
Il motore deve essere controllato con pas e limitatore di velocità
E cosi sta nascendo un mio sogno, coltivato per anni
Saluti

si non male ma la superficie solare? come la gestisci?

si può fare tutto quello che vuoi ma appena butti in strada un "qualcosa con le ruote" ti fermano gli sbirri e ti dicono:" lei dove stiamo andiamo?"
http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/cd9748a3f756dcd10c7bcbd2dd36c69e.gif eeeeh?
"accosti, patente e libro"
no guardi il libro è sul comodino devo ancora finire di leggerlo...
"lei quì il veicolo non ha la targa"
oh mi scusi stavo provando un veicolo solare http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/cd9748a3f756dcd10c7bcbd2dd36c69e.gif e quindi?
:)">
in pratica in Italia non si può fare nulla, tra un po' ci vuole l'assicurazione per respirare
....se andiamo avanti così chissà chissà come si farà ya yap! yeee ya ya yayap! yeeeee ya ya ;)">

livingreen
02-02-2009, 22:45
lo sappiamo il concetto...secondo me la macchina non la sente nemmeno la ventola di questo generatore
No, allora il concetto non l'hai proprio capito...

primus71
02-02-2009, 23:36
lo sappiamo il concetto...secondo me la macchina non la sente nemmeno la ventola di questo generatore

se non la sente vuol dire che non produce niente

ciao

UnioneFaLaForza
03-02-2009, 17:54
"non la sente"...gira senza creare fatica al motore...

UnioneFaLaForza
03-02-2009, 17:56
gli fa il solletico...per capirci

gattmes
03-02-2009, 18:02
negativo... l'argomento è già stato abbondantemente discusso sul forum e ora non ho tempo per "replicare"..
poca o tanta che sia l'energia prelevata dal generatore (eolico o altro) a veicolo non fermo.. tale energia DEVE essere in più (rispetto la necessaria) fornita dal propulsore dei veicolo... e non solo: non basta l'eguaglianza energetica per via dei rendimenti.
Quindi 100W recuperati non sisgnificano 100W in più forniti dal propulsore (e che vanificherebbe già il disorso).. ma probabilmente 150...200...300W (secondo il rendimento appunto)
Quindi tal cosa, lo ripetiamo, non solo è inutile ..ma perfino dannosa.

UnioneFaLaForza
03-02-2009, 18:24
appunto, hai visto che rendimento che ha quel generatore eolico magnetico?...99%

livingreen
03-02-2009, 21:17
Aridaglie.... anche se rendesse il 100% di quel che gli entra, quel 100% devi sempre fornirlo tu.
Quindi, rendimento globale massimo = 1 (ma visto che rende SOLO il 99%, ci PERDI l'uno per cento dell'energia)
Insomma, se non lo metti risparmi energia; se lo installi, a parte i costi, ci RIMETTI in termini energetici.
Acc, sono pagine e pagine che lo ripetiamo, ed è un concetto oltretutto lapalissiano: ma perchè non provi a fare due conti?

renatore
04-02-2009, 16:33
Solar challenger, Australia, circa 90Km/h toccati anni fa da un'auto con pannelli solari ad alto rendimento.
Non è fantascienza, solo che costa un pochino....

World Solar Challenge - Wikipedia, the free encyclopedia (http://en.wikipedia.org/wiki/World_Solar_Challenge)

Nel 2007, 93 kmh di media!!!

In alcuni tratti, la velocità massima ha superato i 130 kmh.

se pò fà...

r

renatore
04-02-2009, 17:17
...in questo forum cè chi ... boccia ogni idea che potrebbe migliorare le vita di tutti...

Ora tu macgiver68 dovresti spiegare come potrebbe migliorarci la vita un sistema che, oltre ad aggiungere costo, peso, complicazione costruttiva ed ingombro ad un veicolo, ne peggiora - hai capito bene? ne peggiora - tanto o poco - le prestazioni.

Potresti sviluppare un ragionamento che confuti le difficoltà evidenziate nella discussione... invece di fare battute sulle pecorelle petroliere affossatrici di idee.

renatore

P.S.: il tuo motore magnetico come va? affossato dal gregge di petrolieri anche quello?

r

livingreen
04-02-2009, 18:24
Eheheheh... petroliere non me l'aveva mai detto nessuno...

UnioneFaLaForza
04-02-2009, 19:28
facciamo un'ipotesi...l'auto ha una potenza di 30kw...il generatore sotto il cofano ne produce 40...cosa succede?...

primus71
04-02-2009, 19:36
facciamo un'ipotesi...l'auto ha una potenza di 30kw...il generatore sotto il cofano ne produce 40...cosa succede?...

già, che succede?
sono proprio curioso di vedere dova vai a parare.

ciao

livingreen
04-02-2009, 19:44
ARIDAGLIE...
NON PUO'!
Auto da 30 kW senza generatore = va a diciamo 90 all'ora
Auto da 30 kW con generatore da 10 kW = non va più ai 90 all'ora, perchè hai SOTTRATTO 10 kW alla spinta, visto che hai 10 kW di generatore da spingere.. e si comporta come un'auto da soli 20 kW, magari riesci ad andare ai 60 all'ora.

Tralascio il fatto che la diminuzione di velocità influisca anche sulla potenza prodotta dal generatore, e sull'influenza dei corpi estranei sull'efficienza aerodinamica.... l'importante è che entri il concetto.

Auto da 30 kW con generatore che produce 40 kW= impossibile. Da dove arrivano i 10 kW in pù di quelli consumati per spingere l'auto, da sommare a quelli CONSUMATI dal generatore?

renatore
04-02-2009, 20:41
facciamo un'ipotesi...l'auto ha una potenza di 30kw...il generatore sotto il cofano ne produce 40...cosa succede?...

Questa ipotesi è inammissibile.

Il massimo che può produrre il generatore, se è mosso dal motore dell' auto, è 30kW moltiplicato il coefficiente di rendimento del generatore, che NON PUO' essere maggiore di 1;
se fosse 0,99, il generatore produrrebbe 29,7kW---assorbendo TUTTA la potenza che il motore può fornire.

Oppure c'è in atto una singolarità che le leggi fisiche non sanno spiegare...
per esempio un generatore dal rendimento superiore al 130 %, ma se tu pensi di discutere questa possibilità, la discussione andrebbe spostata in Free Energy.

r

macgyver68
04-02-2009, 22:59
ho costruito con una ruota di una carrozza da neonati, un piccolo perendev, come lo schema che trovi in giro in parecchi link, con dei semplici magnetini in ferrite acquistati in negozio di hobbistica, 3 ruote identiche sfasate di qualche grado ( non so quanti ho fatto semplici prove manuali )bè il motore gira, certo si ferma con una mano, ma gira, sto cercando di raccimolare quache èuro per acquistare dei magneti in terre rare, per fare prove con materiali piu potenti e perfezionare il motore , inserendo cuscinetti a sfere sul rotore, per ora sto provando con dischi in legno, quando sarà tutto ok magari uso dei materiali migliori, io dico questo : ragazzi si va sulla luna, ormai non fa neanche piu notizia, i primi razzi erano alimentati con celle ad idrogeno, e si parla di mezzo secolo fa circa, tecnologia della quale si parla in maniera attuale al giorno d oggi, la cultura si è diffusa, la gente parla , comunica, vuole sapere , conoscere e far conoscere, per ora siamo con l idea fissa che per fare energia ci vuole altra energia, ok questo forum è nato per cercare confronti, idee, spiegare, condividere , ma qui mi sembra che ogni cosa viene accantonata , renatore il discorso è semplice, a volte le cose vengono scoperte per caso, sono sempre stato dell idea di provare e toccare con mano, sei sicuro delle tue idee ? ok tutti le rispettano,almeno credo, ma cerca di rispettare anche quelle degli altri,un generatore su un auto non fa girare lo stesso motore, ok un generatore piu un pannello solare aiuta ? proviamo , troppo peso ok come si può alleggerire e dove,cosa si può aggiungere o togliere, come perfezionare schede di controllo, attriti, recuperare quanta piu energia in frenata o altro, .......... credo che dovrebbe essere questo il modo di ragionare, se poi non è cosi, forse allora ho sbagliato forum........livin ,,,, senza offesa era solo una battuta,,,,,,, comunque un saluto un grazie e buon lavoro a tutti:bye1:

primus71
05-02-2009, 00:54
ho costruito con una ruota di una carrozza da neonati, un piccolo perendev, come lo schema che trovi in giro in parecchi link, con dei semplici magnetini in ferrite acquistati in negozio di hobbistica, 3 ruote identiche sfasate di qualche grado ( non so quanti ho fatto semplici prove manuali )bè il motore gira, certo si ferma con una mano, ma gira,

stai dicendo che hai fatto un motore che gira da solo, senza nessun intervento esterno?

ciao

mariomaggi
05-02-2009, 08:00
macgyver68,

forse allora ho sbagliato forum.....
direi che hai solo sbagliato sezione, vai in "free energy".
Qui si parla di veicoli e di motori da trazione, che spingono in salita, non di motori che si fermano con una mano.
Ciao
Mario

renatore
05-02-2009, 09:33
ho costruito con una ruota di una carrozza da neonati, un piccolo perendev, ... sei sicuro delle tue idee ? ...

No, delle mie idee non sono totalmente sicuro, dato che mi è successo diverse volte di doverle cambiare per farle aderire alla realtà;
quella che un generatore non può avere una efficienza maggiore di uno, però, non è una mia idea... è la realtà, dimostrata da ogni esperimento che la indaghi.

Mostrami un esperimento/fenomeno che confuti quanto sopra, e ne prenderò atto senza difficoltà.

Per farla corta, il tuo Perendev, una volta avviato, quanto a lungo gira prima di fermarsi da solo?

renatore

livingreen
05-02-2009, 09:38
Mcgyver, innanzitutto auguri per il tuo motore.
Sul generatore eolico (che fra l'altro è completamente OT perchè la discussione è sulla costruzione di un veicolo solare) non ci sono "zone inesplorate" come quando si parla di teorie sul magnetismo. Si tratta di concetti lapalissiani che chiunque ha già sperimentato in proprio la prima volta che è andato in bici o in motocicletta, e che vengono messi in evidenza fin dalle scuole elementari.
Se io me ne sto fermo su di una barca a vela e si alza il vento, il vento farà pressione sulla vela e la barca verrà spinta nella direzione opposta. Il vento (che è prodotto dall'irradiazione solare che provoca il movimento dell'aria) è quindi un energia proveniente dall'esterno del sistema, che io posso sfruttare... se non voglio usare una vela, posso usare un elica, che sarà fatta girare dal vento.
Se rovescio la situazione, però, la cosa cambia... se l'aria è ferma ed io voglio correrci incontro ai 100 all'ora, l'energia devo mettercela io, col motore della mia auto o della mia moto, per vincere la viscosità dell'aria e la contropressione che essa produce sul frontale del mio mezzo. In pratica è una resistenza all'avanzamento (se in moto vuoi andare più forte, ti abbassi e ti chini sul serbatoio...oppure ti alzi con il busto per prendere più aria? Ad alta velocità, devi tenerti forte al manubrio, o ti strappa via le mani dalle manopole).
L'aria, in quel caso, non ha alcuna energia... è immobile, e nessuna energia può venire da essa. Quindi, se metto un generatore eolico sul mio mezzo, sono io a fornire l'energia per far avanzare il mezzo e far girare l'elica...
Faccio un altro esempio:
-vento a 100 kmh, ho un elica su di un palo della luce: il vento (che possiede energia) provoca una pressione e la fa girare. La potenza sviluppata dalla pressione può essere convertita in energia meccanica.
-aria immobile, la voglio spingere a 100 kmh: metto un motore sull'elica e la faccio girare (ottenendo un ventilatore... o un motore per aerei). La potenza meccanica del motore viene convertita in pressione.
La velocità dell'aria, alla fine, è la stessa.... ma le fonti di energia sono diverse: ed una sola è gratuita.

gattmes
05-02-2009, 10:04
Premesso che l'idea della pecora fuori dal gregge non mi è tanto aliema ma....

"E qui interviene (o sta per farlo) la scure della censura:"

Si discute di "Costruire un veicolo solare in proprio"... pertanto poco sono tollerati variazioni sul tema.. se non come carattere accessorio/"terziario".

Se si pensa di voler cambiare il "fulcro" del discorso da solare a eolico... o anche cristalli di dilitio si è liberissimi di farlo, nello spirito del Forum, ma aprendo una nuova discussione... e nella opportuna sezione, ovvero e più precisamente se trattasi di sistemi non convenzionali (un generatore eolico con rendimento... non 99... ma anche 80% è non convenzionale, visto che il convenzionale si attesta a valori ben più bassi... e che mi riferisco a TUTTA la catena... ovviamente... e cioè "energia posseduta dal vento" -> "energia elettrica utilizzabile ai morsetti").. dicevo/scrivevo... di certo, per questo esempio, NON nella sezione eolica... ma verso la sezione Overunity, free-energy et simila....

Di conseguenza, se così non si intendesse agire, interventi "spuri" in tal senso verranno "movimentati" d'ufficio....

renatore
05-02-2009, 10:08
... un generatore piu un pannello solare aiuta ? ...

Un generatore non aiuta...anzi frena...se non lo ammetti, spiega come sarebbe possibile il contrario;

il pannello solare aiuta sì, per circa lo 1%...

Automobile lunga 4 metri e larga due... motore 100 kW .. superficie 8 metri quadrati ... tuuta coperta di pannelli solari...radiazione solare al suolo 0,5 kW per metro quadrato, quindi su 8 metri quadrati ci piove una radiazione solare di 4 kW, efficienza di conversione dei pannelli fotovoltaici 20%... energia elettrica prodotta 0,8 kW, quanto è rispetto alla potenza del motore della vettura ?

Calcola il peso in più dei pannelli e cablaggi e accessori, calcola il rendimento di cablaggi e accessori vari, calcola il cambiamento quasi certamente in peggio del coefficiente aerodinamico e vedi quanto ti ha aiutato il pannello solare.

r

gattmes
05-02-2009, 10:31
[taglio/cut]...motore 100 kW [taglio/cut]...su 8 metri quadrati ci piove una radiazione solare di 4 kW, efficienza di conversione dei pannelli fotovoltaici 20%... energia elettrica prodotta 0,8 kW, quanto è rispetto alla potenza del motore della vettura ?

e invece come energia? Dipende....
Se in un arco di 24 ore il veicolo è impiegato per 1 ora (..è gia un'impresa) a congrua potenza....diciamo una media di 30%, ma è esposto mediamente 4 ore al "sole pieno" (media=considero ombre, nuvolo, estate inverno, inclinazione sfavorevole, ecc... chi + ne ha + ne metta...) abbiamo:

1) parte "utenza"
a) 30% di 100kW = 30kWh
b) 30kW x 1h = 30kWh (che probabilmente anche andranno "stivati" a bordo...)

2) parte "generatore"
c) 0,8kW x 4h = 3,2kWh

rapporto energia (kWh) motore/generatore 30 - 3,2 ...eccede il 10%

...come si vede in tal caso l'errore rispetto a

..il pannello solare aiuta sì, per circa lo 1%...
è notevole! Più di un ordine di grandezza!

Quindi dipende da ... come si guarda la cosa... e dall'effettivo utilizzo del veicolo!
Inutile quindi dire/scrivere che "sono andato" in un senso... ma potrebbe anche essere l'opposto!
(tralascio effetti secondari del... biberonaggio :zip:)

PS (ringraziamenti: renatore per correzione svista su punto b)

livingreen
05-02-2009, 12:48
Quoto gattmes, ma aggiungo: se uno utilizza il veicolo solo per un'ora, e così può utilizzare le altre sei ore di sole per la ricarica, ci si trova davanti ad altri problemi...

-deve vivere in una zona assolata
-deve avere la possibilità di lasciare al sole il veicolo, senza che arrivino ombre
-deve vivere ad una latitudine che permetta di avere sempre un numero sufficiente di ore per la ricarica
-non deve passare nemmeno una nuvola...

..ed infine, se usa il veicolo per così poco tempo, forse è stata fatta una scelta sbagliata... erano meno costosi i trasporti pubblici.

macgyver68
05-02-2009, 14:27
stai dicendo che hai fatto un motore che gira da solo, senza nessun intervento esterno?

ciao


si esatto, all inizio faceva solo piccoli scatti, poi ho intervallato i magneti contrapposti a distanze diverse l tra loro e a quanto pare gira, da premettere che i magneti usati hanno si e no mezzo chilo di potenza di carico, non so se con magneti molto piu potenti le cose cambiano, i veicoli solari esistono già, bisogna solo fare in modo di perfezionarli e renderli accessibili a tutti, l idea èra , per quanto possibile, di unire varie tecnologie o idee da rendere un veicolo completamente autonomo,:bye1:

renatore
05-02-2009, 15:07
... a quanto pare gira...


Dimostralo.

r

gattmes
05-02-2009, 17:38
Quando parlavo di quattro ore avevo già fatto una media (come descritto tra parentesi).. traducendo il discorso in un linguaggio più allineato con l'esempio di livingreen abbiamo:
1 ora (media) d'uso e succesive 3,5 ore di ricarica solare... da cui se ne deriva che
le ore "toali" di ricarica sarebbero queste ultime... più un qualcosa durante l'uso (a meno di non viaggiare di notte e/o in galleria la ricarica è possibile anche qui!)
Tuttavia dell'ora d'uso ne ho calcolato una media di mezz'ora (rileggetevi cosa intendo per media nel precedente mio messaggio)... per un totale di 3,5+0,5=4 medie.
Non medie potrebbero essere circa il doppio (8) non distante da quel
6 + 1 = 7 del caso di livingreen (ove l'1 è sempre l'ora di utilizzo)

...cmque a mio avviso forse anche il termine "4 medie".. è ancora otttimistico (non è un impianto fisso a circa 45 gradi esposto a sud!!!!)

primus71
05-02-2009, 17:45
si esatto, all inizio faceva solo piccoli scatti, poi ho intervallato i magneti contrapposti a distanze diverse l tra loro e a quanto pare gira, :bye1:

riusciresti a fare un piccolo schema?

ciao

UnioneFaLaForza
05-02-2009, 18:00
hehehe...che casino che ho fatto con una semplice domanda!!!...la prossima volta sto zitto...

renatore
05-02-2009, 18:51
...Si discute di "Costruire un veicolo solare in proprio"...


...cmque a mio avviso forse anche il termine "4 medie".. è ancora otttimistico

benebene.

Discutiamo di questo "veicolo solare".
Cosa intendiamo per "veicolo solare"? Penso che intendiamo un veicolo, nel quale una percentuale significativa della energia necessaria alle sue funzioni è fornita dal sole.

Nel veicolo ipotetico che rappresentavo, di 4x2 metri in pianta, viene (implicitamente) data per buona una produzione di 3,2 kWh al giorno.

Ma ipotizzando un veicolo per impiego cittadino, queste dimensioni andrebbero ridotte, diciamo a tre metri per uno e mezzo, col che la produzione andrebbe intorno a 2 kWh

A quanto vogliamo stabilire che è significativa la percentuale di produzione da solare, diciamo il 20%?

Avremmo dunque un veicolo che, tra pannelli e batterie, potrebbe disporre di 10 kWh.

Che prestazioni minime desideriamo, in termini di automia, velocità, ed accelerazione?

Per esempio, un veicolo per spostamenti cittadini, diciamo 50-60 km andata-ritorno, che possa portare due persone, che abbia velocità sostenibile di diciamo 40 kmh, che possa accelerare da 0 a 50 in tot secondi, che peso, e che resistenza aerodinamica ( e quindi Cx, sezione frontale..) si può permettere, con questa energia a disposizione?

Da un altro punto di vista, un veicolo del peso totale di...250-300 kg (100-150 il veicolo, più occupanti e bagaglio), di quanta potenza necessita per una determinata accelerazione?
Oppure, data la resistenza aerodinamica e dei vari attriti, che potenza richiede per muoversi a 20-30-40 kmh?

Se si deve muovere nel traffico per diciamo 2 ore, avrà una potenza media disponibile di 5 kW, non sono pochi, ma neanche tanti.

E' chiaro che si deve pensare ad un veicolo molto piccolo, con velocità massima ridotta ed accelerazioni basse, e che richiederà uno stile di guida mirato.

Con i prezzi attuali dell' energia, dubito che qualcuno lo trovi interessante, ma chissà, forse questa pacchia non dura...

r

gattmes
06-02-2009, 09:41
Io partirei da un'altro punto di vista...
consideriamo una... "sagoma"... e magari un peso ipotetico (poi il tiro si aggiusta..) di quell'ipotetico veicolo...
Buttiamo giù due specifiche di velocità massima.... ovviamente facciamo 4 ruote.. quindi decidiamo quali, ovvero "l'impronta" a terra.

Compitino:
Determinare la potenza... quindi l'energia nel tempo..rinormalizziamola oraria (la minima che serve in assoluto) per quel veicolo..
Ciò comporta quindi minimalmente due ricerche&calcoli.. uno di tipo aerodinamico, l'altro di tipo... volvente.
Bene questo è il minimo dato teorico.. poi si passa alle varie perdite di rendimento che le varie soluzioni tecniche in futuro scelte determineranno.... e le perdite per "servizi" (luci, ecc.), ecc.

livingreen
06-02-2009, 10:29
Mah... personalmente, non vedrei male un pannello solare senza ambizioni di ricarica... ma solo di mantenimento in caso di soste prolungate, in modo da annullare gli effetti dell'autoscarica.

renatore
06-02-2009, 13:45
Io partirei da un'altro punto di vista...
consideriamo una... "sagoma"... e magari un peso ipotetico (poi il tiro si aggiusta..) di quell'ipotetico veicolo...
Buttiamo giù due specifiche di velocità massima.... ovviamente facciamo 4 ruote.. quindi decidiamo quali, ovvero "l'impronta" a terra...

Per il peso farei riferimento a questo, magari limando un pò:
Quadriciclo - Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Quadriciclo)
che ci dà anche un limite di vel. max. ( di legge, ma in pista...ci si potrebbe allargare un pò, diciamo 70 kmh?).

Nel mio caso, che penso sia abbastanza medio, devo fare una ventina di chilometri di provinciale e ci vogliono una ventina di minuti, e poi dieci chilometri nel traffico, e ci vogliono abbondantemente altri venti minuti, quindi diciamo che bisognerebbe avere una automia di 50 chilometri a velocità circa costante vicina alla massima (che quindi dovrebbe diventare la "velocità di crociera"), ed altri 50 alla media di 20 kmh, però a frena-e-riparti.

La sagoma... come si qualifica una sagoma... tipo una topolino spider... bassina...strettina...un pò stondata...un pò affusolata...
la mia panda è larga 1,40 ed alta altrettanto, ma c'è 20 cm di spazio sotto...stringendoci un pò si potrebbe fare largo 1,10 ed alto 0,9m, quindi sez. frontale 0,99 --> 1 metro quadrato, per il Cx ora studio un pò.

Per il numero delle ruote... se è ovvio vabbè, andiamo per quattro, ma spiegami l' influenza dell' impronta a terra.

Per me è importante anche l' accelerazione, perché ne dipende la pendenza da cui si può partire da fermo, e la pendenza superabile. Una rampa di garage quanto può essere, 15%? Quella bisognerebbe poterla fare.
Un cambio meccanico no, vero?

Poi per il solare, mi sa che ha ragione livingreen, veicolo elettrico-batterie con integrazione solare invece che solare con integrazione a batteria...
e poi a me mi ci piacerebbe tanto un mini-generatore da 1 kw o anche meno, ma lo dico dopo.

r

renatore
06-02-2009, 14:10
Coefficiente di resistenza aerodinamica - Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Coefficiente_di_resistenza_aerodinamica)

da qui ricavo.
Cx di una lastra piana perperdicolare al flusso del fluido=2
Cx di un cubo=1
Cx minimo vettura attuale = 0,26

Se ci calcoliamo la faccenda intorno a 0,50? Toppo ottimistico?

r

livingreen
06-02-2009, 16:05
Secondo me, 0,50 non è molto ottimistico....
Sparo uno 0,30... ma con un quadriciclo secondo me si può fare di meglio.

renatore
06-02-2009, 19:36
Secondo me, 0,50 non è molto ottimistico....
Sparo uno 0,30... ma con un quadriciclo secondo me si può fare di meglio...

0,30 era il Cx della Citroen...Cx
poi io tiro ad approssimare al dato meno favorevole, così riduco l' errore finale...
ma va bene 0,30, se poi appare stretto si potrà sgomitare un pò.

r

renatore
06-02-2009, 20:11
...Determinare la potenza... quindi l'energia nel tempo...Ciò comporta quindi minimalmente due ricerche&calcoli.. uno di tipo aerodinamico, l'altro di tipo... volvente...

Intanto ho calcolato che per accelerare 500 kg da 0 a 50 km/h in 30 sec ci vuole una potenza di 2.450 W, per un consumo di 612,5 --->650 Wh, è congruo?
Accelerazione uniforme, senza considerare attriti e resistenza aerodinamica.
Ora vedo come ci posso combattere con questi due.

r

livingreen
06-02-2009, 21:24
Tieni presente che il Cx e la sezione frontale diventano man mano più importanti all'aumentare della velocità... Se parliamo di una Citroen CX da 200 all'ora, sono fondamentali, ma se parliamo di un'auto che raggiunge solo i .... (quanto dev'essere la Vmax di questo quadriciclo??)

renatore
06-02-2009, 23:04
ma se parliamo di un'auto che raggiunge solo i .... (quanto dev'essere la Vmax di questo quadriciclo??)

Tenderei ad una vel. di crociera di 50 kmh, Vmax 70 kmh.<!-- / message -->


resto del messaggio cancellato da me, troppi errori di calcolo

r

renatore
07-02-2009, 00:25
cancellato da me, troppi errori di calcolo

renatore
07-02-2009, 09:20
Per il numero delle ruote... spiegami l' influenza dell' impronta a terra...

Credo di averlo capito da me, prima pensavo che intendevi "la base di appoggio" del veicolo, ora penso che dici la superficie con cui la ruota tocca il terreno, data la sua (loro) elasticità.

Influisce sulla resistenza al rotolamento/attrito...

E quindi, ruote di sezione ridotta, diametro più grande possibile, alta pressione?
Le ruote davanti di diametro tanto grande non potranno essere, perché per sterzare avrebbero bisogno di troppo spazio "all' interno" del veicolo.

Mh.

r

renatore
07-02-2009, 09:29
cancellato da me, troppi errori di calcolo

r

UnioneFaLaForza
07-02-2009, 10:10
3670

mi spiegate durante l'avanzamento del veicolo che differenza c'è tra la resistenza A e B...grazie

gattmes
07-02-2009, 11:02
Siete.... gradndi!

Per UnioneFaLaForza:

Durante la "marcia" di un veicolo.. non nel vuoto interstellare,,, ma in un "medio"/elemento quale le atmosfere riscontrabili sulla superficie di molti pianeti... o le sostanze più dense (liquide)... si verifica che, durante l'avanzamento, il veicolo non va a "coprire"/"occupare spazi vuoti, bensì già "occupati" da altra materia (atmosfera, liquido, ecc.) che va ovviamente da "li" spostata.

Di conseguenza il "lavoro" svolto per far ciò dipende sostanzialmente da due fattori:
1) la mobilità, cioè la densità della materia. Esempio: una roccia è talmente densa che bisogna spostarla "tutta attaccata".. La sabbia lo è già meno... è facile al mare vedere come "cede" alla mano che la sposta..cambiando forma. L'acqua ancor meglio..quasi non ha una forma..l'aria a tal punto che sembra non esserci..basta niente che scivola via..passa anche tra le dita!
2) dalla velocità con cui si vuol fare ciò. Per esempio se prendiamo un "remo" e lo spostiamo delicatamente in acqua.. notiamo che la fatica/sforzo è minimo...il liquido avrà un certo tempo che, con la sua ..diciamo viscosità... sarà abbastanza sufficiente per...togliersi "dai piedi" all'avanzamento del remo stesso. Ma se voghiamo con più vigore ecco che appare qualcosa che fa forza... sono le molecole che, come persone che devono uscire in fretta da un locale che va a fuoco... si accalcano sull'uscita.. diventata improvvisamente troppo stretta! Se facciamo la stessa cosa in aria.. tuttavia.. notiamo che è ancore facile spostare il remo con una certa velocità... ma se tentiamo di farlo velocissimo (con il remo di "piatto") notiamo anche qui l'insorgere di ..resistenza!
Quel "vento" che andiamo così a creare.. (che tu vorresti sfruttare con il gen eolico),,non lo facciamo gratis.. ma spendendo dell'energia. Se poi in vicinanza c'è qualche ostacolo (altre porte piccole!)... l'energia aumenta. Così la carena della barca... o l''aerogeneratore montato in prossimità del movimento/vento che noi "generiamo".. rappresenta altre porte/restringimenti che frenano la lunga coda di... molecole (persone")...che "vogliono" spostarsi... e ciò si ripercuoterà sulla zona dove noi "spingiamo" (in fondo alla coda.. con il nostro remo)...e quindi facendoci fare una sforzo... incrementale! Spingere delle persone fuori da una piazza... non è così faticoso come da dentro un'ascensore, no?

Per concludere questa prolissa storia.. tanto più il "medio" è denso.. tanta più forza serve.. e tanto più velocemente si vuol fare,, ovvero tanto più velocemente il veicolo va ad occupare un nuovo posto ..cioè "avanza"..(ovvero tanto più si muove veloce) tanta più forza serve. Tale forza non cresce proporzionalmente con la velocità... perchè aumentando la velocità di ..fuga.. "dall'ascensore in fiamme"..come dire...aumenta il caos..a scapito dell'ordine e comprensione dell'esatto punto di ubicazione dell'uscita che si ha con un uso normale. Cioè è come se la .."gente".. fosse ben più densa.. e leggendo cosa ho scritto all'inizio di questo trafiletto...

----------------------

Detto ciò poi esistono gli altri attriti..... dovuti ai pneumatici, a tutti gli organi in movimento (cuscinetti, ecc..)..ed altro...
Questi di norma sono più proporzionali....

---------------------------

A&B (disegno di UnioneFaLaForza):
... vediamo .....
..A è il caso del veicolo che avanza ad una certà velocità... B è quello dove, oltre a ciò:

Se poi in vicinanza c'è qualche ostacolo (altre porte piccole!)... l'energia aumenta. Così la carena della barca... o l''aerogeneratore montato in prossimità del movimento/vento che noi "generiamo".. rappresenta altre porte/restringimenti che frenano la lunga coda di... molecole (persone")...che "vogliono" spostarsi... e ciò si ripercuoterà sulla zona dove noi "spingiamo" (in fondo alla coda.. con il nostro remo)...e quindi facendoci fare una sforzo... incrementale!

livingreen
07-02-2009, 11:03
Se ci spieghi cos'è A e cos'è B, forse...

UnioneFaLaForza
07-02-2009, 11:20
resistenza alla penetrazione...non so se è il termine esatto...cmq mi avete capito....praticamente i due punti creano lo stesso danno all'avanzamento?...

gattmes
07-02-2009, 11:23
scusate stavo modificando/finendo il mio prec. messaggio... rileggete per favore!

NB...B c'è una presa che convoglia parte dell'aria frontale a una "pala"

(poi cancello questo mio..)

livingreen
07-02-2009, 11:40
Lo sospettavo... siamo daccapo..

Resistenza in A: il veicolo fende l'aria e la sposta, facendola scorrere intorno a sè in ragione della sua sezione frontale e del Cx, il coefficiente di penetrazione, il quale viene determinato dalla proprietà della superficie di non opporsi allo scivolamento dell'aria intorno ad essa.
Per esempio, tramite l'uso di superfici curve e non di spigoli, che trasformerebbero il moto laminare in turbolento, incremento graduale della sezione frontale per permettere all'aria di adattarsi in pressione senza superare velocità critiche (un missile comincia con una punta, e gradatamente la sezione si allarga per arrivare al diametro del corpo).
Tutto questo per evitare che l'aria opponga resistenza all'avanzamento.

caso B: l'esatto contrario.
Una pala eolica DEVE opporsi all'avanzamento dell'aria, perchè più pressione ha all'ingresso, più forza meccanica sviluppa se le pale intercettano tutta la pressione (e di conseguenza, più forza all'albero riesce a sviluppare).
Se le pale fossero allineate col flusso d'aria (come le eliche in bandiera) non crerebbero resistenza, e non girerebbero e non svilupperebbero alcuna forza.

Io lascerei cadere questo argomento, Unione... sono stufo di scrivere sempre le stesse cose e mi sembra che a questo punto tu lo faccia apposta.
Ci sono migliaia di libri sull'argomento, e queste cose le trovi anche sui sussidiari delle elementari, sui libri delle medie e su milioni di link in rete. Leggili.

UnioneFaLaForza
07-02-2009, 11:49
renato se leggi tutta la discussione capisci che è un piccolo generatore eolico...la prossima volta il disegno me lo faccio fare da pininfarina...meglio no?

renatore
07-02-2009, 12:00
renato se leggi tutta la discussione capisci che è un piccolo generatore eolico...la prossima volta il disegno me lo faccio fare da pininfarina...meglio no?

La prossima volta coi tuoi disegni ti ci puoi pulire il ****.
O non ci arrivi a capire, allora pazienza, non si può cavare sangue dalle rape;
o hai capito e ti diverti a provocare;
in ogni caso con me il tuo giochino è finito.

r

Moderazione: discutiamo... accanitamente... con passione anche, ma senza insultarci/offenderci!

UnioneFaLaForza
07-02-2009, 12:02
non sono qui a prendere per il culo nessuno, sei tu che hai fatto ironia sul disegno...

renatore
07-02-2009, 21:36
Per vedere di capirne qualcosa di più, ho spulciato qui:
Database veicoli elettrici e ibridi in commercio - EnergeticAmbiente.it (http://www.energeticambiente.it/database-veicoli-elettrici-e-ibridi-commercio/)

praticamente c'è già tutto, non potrò mai fare qualcosa di meglio, o di paragonabile.

Grazie a tutti della attenzione.

renatore

mefistofele
20-03-2009, 20:05
va beh !!
mi ci metto....anch'io...
allora la ventolina carenata e nella sagoma auto....
(cioè senza aggravi aereodinamici né di Cx nè di superficie aggiunta)
potrebbe funzionare solo ammettendo uno sportellino (che riprenda la sagoma dell'auto)
e che si apri in fase di frenatura !!!!
tout..simplement....he!he!he!....
in più si avrebbe un risparmio dei ferodi dei freni !!!!
vabbè ...solo non ho capito una cosa ....livingreen (ciao e complimenti per l'avatar)
....""""Forse... dico forse... potrebbe dare un qualche rendimento insignificante in un'auto non elettrica attuale, .....""""

perchè non elettrica attuale ????
i motori elettrici sono anche raffreddati ad acqua....vabbé

....""""...se installata ALL'INTERNO della mascherina (e quindi, DOPO che cè già stata una perdita aerodinamica dovuta alla presenza della mascherina del radiatore), ....."""""

ma come ???!!!!....eri partito così bene sul fatto che non si poteva
ammettere una violazione del principio di somma delle potenze ...(non interne)!!!
e poi mi dici questo...???
però...però....
lo rivaluto subito...
tu forse volevi collegarti al principio dello.... "statoreattore"....
e quindi avere una spinta positiva da una particolare conformazione
dei condotti di un radiatore !!!!(un pò come avveniva nei motori delle V1 (senza valvole))
peccato, però, che per sfruttare questo "effetto" bisogna andare
un pò sù ....come.....velocità....!!!!
Ciao
Mef

livingreen
21-03-2009, 10:02
auto non elettrica attuale = normalissima auto con motore a scoppio, dove la ventola per il raffreddamento del radiatore esiste sempre, ed è normalmente inattiva: potrebbe funzionare da generatore in certe condizioni (rallentamento o frenata)

mefistofele
21-03-2009, 12:46
Vabbè.....livingreen....
ma non ti domandi perchè può funzionare solo una ventola con sportellino
(in frenata.....cioè un freno aerodinamico !!!)
e per niente la ventola del radiatore....???
oppure perchè a velocità superiori ai 400km/h potrebbe funzionare il mio
radiatore-statoreattore ???
io me lo domanderei......(un pò come da Marzullo...he!he!)
Ciao
Mef

livingreen
21-03-2009, 15:49
ma non ti domandi perchè può funzionare solo una ventola con sportellino
(in frenata.....cioè un freno aerodinamico !!!) e per niente la ventola del radiatore....???

Mi sembra di aver appena detto il contrario. Anche quella dello statoreattore è carina, ma per me la discussione è chiusa da tempo.
Chi vuole può continuare in-topic sui veicoli solari (e non eolici)

blade
19-05-2009, 13:27
L'energia eolica può essere sfruttata, ma in modo un po' complesso; ad auto immobile le batterie possono essere ricaricate dal vento con un generatore eolico.
In movimento..si, ma solo in certe situazioni:
In fase di decelerazione o per mantenere una certa velocità in discesa, oltre a preservaare i freni come precedentemente detto possiamo ricavare energia.
In fase di moto, si, si può sfruttare ma a patto che ci sia un vento di coda e allora possiamo utilizzare una vela con una sezione nulla verso il "muso" della macchina e una sezione vi via più ampia verso il posteriore..Naturalmente la cosa dovrebbe essere studiata per bene per vedere ampiezze e dispositivi di sicurezza.

Utilizzare il moto del veicolo per sfruttare l'aria che scivola sulla carrozzeria NO. è come utilizzare una turbina idraulica per pompare l'acqua ad un'altezza più ampia di quella da cui cade.

amir
19-05-2009, 13:38
[QUOTE=blade;118951367...In fase di moto, si, si può sfruttare ma a patto che ci sia un vento di coda e allora possiamo utilizzare una vela con una sezione nulla verso il "muso" della macchina e una sezione vi via più ampia verso il posteriore...[/QUOTE]

Come diceva livingreen, questa discussione voleva trattare di veicoli solari autocostruiti, che ne dici di attenerti al tema?

amir

Pizzicato
19-05-2009, 15:07
salve a tutti, questo forum mi sta aiutando molto ad avere un apprroccio al solare. <mi sono venute molte idee, ma ben confuse. Però leggo tutto come una spugna. Intervengo per segnalare questo veicolo di generazione americana, che potrebbe dare qualche spunto credo.
YouTube - Project P.U.M.A. (HD) (http://www.youtube.com/watch?v=qY4msj5Q05Q)

blade
19-05-2009, 18:41
Mi scuso per il post di prima che non diceva nulla.

Personalmente ho avuto la fortuna di guidare spesso il camion e penso che tutti si siano chiesti l'efficienza aerodinamica di questo mezzo: una lastra perpendicolare di qualche tonnellata che viaggia a 100 km/h.
Ora, senza entrare troppo in particolari inutili, mi è capitato di guidare con massa a pieno carico di circa 10 tonnellate a 100 km/h circa per lunghi tratti autostradali in assenza di vento, con vento contrario e con vento favorevole; i consumi sono stati rispettivamente 1/2 serbatoio, poco meno di 3/4 di serbatoio e poco più di 1/4 di serbatoio, un pieno erano 100 litri tondi. Penso che da qui si possa capire il risparmio di carburante e di emissioni.

Abbandonando ora l'eolico per l'automotive, tra tutti gli appassionati di questo forum e la loro potenza di calcolo e visione mentale non sarebbe possibile creare un disegno di una concept almeno su carta?

UnioneFaLaForza
11-08-2009, 08:22
L’automobile elettrica in grado di sfruttare il vento | Pannelli solari (http://www.pannellisolari-info.com/2009/08/07/lautomobile-elettrica-in-grado-di-sfruttare-il-vento/)

livingreen
11-08-2009, 14:26
L'ho sempre detto: giornalisti ignoranti e "designer creativi" andrebbero rimandati a scuola, a rifare anche le elementari.

UnioneFaLaForza
17-08-2009, 11:00
In quel link non si vede, ma qui si...perchè la peugeot mette il proprio marchio in bella vista su un'auto che verraà derisa da tutti gli ingegneri??...non darmi la solita risposta del marketing...
Eco Cars: H Car Concept Incorporates Wind Harvesting Wheels - Ecofriend (http://www.ecofriend.org/entry/eco-cars-h-car-concept-incorporates-wind-harvesting-wheels/)

livingreen
17-08-2009, 13:59
Non do' più nessuna risposta: sono stufo di ripetere per pagine e pagine dei concetti così semplici. Se uno vuole credere alle bufale, che ci creda pure... MA CHE DIMOSTRI COME SIA POSSIBILE, visto che contravviene alle leggi della fisica ed a quelle della logica.
Quanto poi ai rendering in 3D delle concept car, valgono più o meno niente: ci sono migliaia di concept car che sono esistite solo sulla carta e mai nemmeno prototipate o provate nella galleria del vento.

UnioneFaLaForza
17-08-2009, 14:33
non ho detto che ci si deve credere...non capisco perchè una casa cosi importante (è gia la seconda dopo la mitsubishi) metta la propria faccia su una cosa che va contro ogni legge fisica...è strano

amos_trooper
21-08-2009, 08:57
marketing? pubblicità? nooo, quell'auto la vedremo sulle nostre strade tra qualche mese!!!

per me quelle sono foto di una macchinina di 25 cm.

che senso ha oprire le ruote anche sotto se vuoi avere il "vento"

ok è una bufala!

fdamiani
28-08-2009, 19:34
Ciao lordpsiduck,

Sei ancora attivo con il tuo progetto?
Se si, dobbiamo assolutamente scambiare due chiacchere perchè anche io sto provando a muovermi verso quella direzione.

vimek
03-03-2010, 10:54
Livingreen ha ragione UnioneFaLaForza.. .. se la macchina è lanciata sui 100km/h con una potenza di X kW...recuperare mezzo kW serve e non serve .. Questione di aereodinamica ..è come far correre due macchine con lostesso motore ..con due carrozzerie diverse..con un coefficiente aereodinamico diverso. La macchina con una ventolina simile passa dal comportamento macchina 1 a quello macchina 2 dell'esempio.
Invece di spendere chiacchere e soldi per caXXate inutili... perchè non pensare a come fare con un litro 50km?.. oppure alimentare con acqua una macchina..come ha fatto Sten Meyer ..ma qui si va OT ! La via elettrica è costosa soprattutto se parliamo di mezzi omologati.. per ora non è alla portata di tutti.
Stavo vedendo un monopattino neanche con ruote da bici ma in gomma piena..da 800W arrivare a costare 859€ !!! da Pazzi..!
C'è chi con una smerigliatrice da 750W da 20€ + batteria & inverter e controller per motori... ci andava in giro su di un CIAO !! detto tutto...
per concludere in OT.. dov'è la sezionde del DIY ???

vimek
03-03-2010, 10:56
Livingreen ha ragione UnioneFaLaForza.. .. se la macchina è lanciata sui 100km/h con una potenza di X kW...recuperare mezzo kW serve e non serve .. Questione di aereodinamica ..è come far correre due macchine con lostesso motore ..con due carrozzerie diverse..con un coefficiente aereodinamico diverso. La macchina con una ventolina simile passa dal comportamento macchina 1 a quello macchina 2 dell'esempio.
Invece di spendere chiacchere e soldi per caXXate inutili... perchè non pensare a come fare con un litro 50km?.. oppure alimentare con acqua una macchina..come ha fatto Sten Meyer ..ma qui si va OT ! La via elettrica è costosa soprattutto se parliamo di mezzi omologati.. per ora non è alla portata di tutti.
Stavo vedendo un monopattino neanche con ruote da bici ma in gomma piena..da 800W arrivare a costare 859€ !!! da Pazzi..!
C'è chi con una smerigliatrice da 750W da 20€ + batteria & inverter e controller per motori... ci andava in giro su di un CIAO !! detto tutto...
per concludere in OT.. dov'è la sezionde del DIY ???

robertobissanti
14-04-2010, 21:38
Perché (un giorno) non prendere un bel libro di fisica è studiarsi (con passione) i tre principi della dinamica ... poi con sgomento intrufolarsi nei meandri dei tre principi della termodinamica, finalmente a notte tarda, come per i film horror, imbattersi nel principio di indeterminazione di Heisenberg. Una bella soddisfazione non credete?

:):):)

Roberto

amir
14-04-2010, 23:58
...... perchè non pensare a come fare con un litro 50km? ..ma qui si va OT ...

In questa discussione, salvo parere contrario del moderatore, l' O.T. mi sembra il minore dei problemi.
Ma in questa sezione la macchina ad acqua di Meyer non dovrebbe avere diritto di cittadinanza, non perché è OT ma semplicemente perché è un insulto all' intelligenza.

mariomaggi
16-08-2011, 21:52
Questa e' un'auto solare italiana che correra' dal 16/10/2011 in Australia: World solar challenge, automobile elettrica a emissioni zero (http://www.ondasolare.com/)
Da seguire, anche su Facebook
Ciao
Mario

mefistofele
22-08-2011, 10:20
Ciao Mario,
é pregevole il progetto italiano !
anche se qualche miglioria si può ancora farla ....
(per esempio inserire sul fondo scocca celle amorfe per "captare" anche il riflesso del sole sul suolo...).
Per chi vuole saperne di più sulla concorrenza può vedere p.e. in :
Design News - Engineering Materials - Composites Lighten Solar Car (http://www.designnews.com/author.asp?section_id=1392&doc_id=231951)
e sul Word Solar Challenger il sito :
2011 World Solar Challenge (http://www.worldsolarchallenge.org/)

Ciao Mef