PDA

Visualizza la versione completa : (Ri)Cambiero' le batterie ad una Saxo elettrica



Fabrizio BPSL
01-06-2012, 17:35
Sto per (ri)cambiare le batterie di una Saxo elettrica.
Le originali (SAFT nicd ad elettrolita liquido) erano pre-2000, difettose nella separazione elettrolita.
Il cambiamento economico proposto e' stato di batterie al piombo. Una pletora di batterie da 7Ah, a gruppi di 10 in serie (120V nominali). Pessima realizzazione ed io ero impreparato a ricaricarle. Avro' percorso poche migliaia di Km, ormai "bruciato" le poverine, tra sovraccariche inaspettate e solfatazione.
Ora sto facendole smontare per rimontarne di nuove. Ho tentato molte alternative (tra cui una notizia letta qui di tal Elionix. Dopo UN MESE di palleggiamenti, chi mi scriveva si e' degnato di dire che non vendono ai privati. Ho trattenuto i commenti piu' salaci sull'acume di chi non e' stato capace di dirmelo subito).
In pratica, non ho abbastanza certezze per montare delle litio-ferro (acquisto, bilanciamento, ricarica e... costo), cosi' sostituiro' di nuovo le batterie con altre al piombo e mi accontentero' delle prestazioni, limitando l'autonomia a poche decine di Km. Buona per la spesa e commissioni varie. Ancora accettabile, in fondo.

Se qualcuno ha qualche suggerimento da darmi... io non ho un valido caricabatterie per 120V nominali. Ne ho uno "cinese" che pero' ogni tanto, quando mi sono "fidato" di lui, mi ha sovraccaricato le batterie (addio autonomia).
Anche un alimentatore da 138V sarebbe utile (e l'assorbimento lo farei "a mano").

Altrimenti... qualche idea, suggerimenti, altro, anche solo... conforto per una costosa strada che intraprendo per amore di questa macchinetta elettrica (che i miei bimbi adorano guidare su strada NON aperta al pubblico)?

Grazie.
(faro' molte foto. Mi dicono che il vano batterie e' stato smontato e che sono tutte "esplose". Lunedi' vado e fotografo ogni granello di polvere!)

Fabrizio BPSL
15-06-2012, 19:13
Aggiornamento: SEMBRA che delle batterie AGM "trazione leggera" da 70Ah riescano a stare nei cestelli. Ne montero' 10 in serie, sperando di avere una vita utile delle batterie di almeno 500 ricariche (cercando di NON arrivare all'80% di scarica dei manuali, il che significa una quarantina abbondante di Km).
Sto aspettando che arrivino. Forse dovrei postare qualche foto.
Per la cronaca: dato che ne mettero' 4 nel cestello anteriore e 6 in quello posteriore, sto cercando di capire se sono piu' facili da trovare due caricabatteria, rispettivamente da 48 e 96V (nominali) anziche' uno da 120V.
Cosi' potrei anche cercarli col sensore termico, in modo da calibrare meglio carica/assorbimento/mantenimento.
Qualche suggerimento su dove cercare?

athlon
16-06-2012, 00:45
come caricabatterie mi sono trovato bene con i TC-Charger non sono il top ma fanno il loro lavoro, in europa vengono venduti da GWL , <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8">EV-Power | Chargers (TC 1.5 kW) (http://www.ev-power.eu/Chargers-TC-1-5-kW/) quando ordini specifica che vuoi la curva per il piombo.

In alternativa ci sono gli Zivan <meta http-equiv="content-type" content="text/html; charset=utf-8">Zivan (http://www.zivan.it/ITA/index.html) che hanno anche un trimmerino interno per scegliere tu il voltaggio esatto di fine carica

billisat
25-07-2012, 15:29
Aggiornamento: SEMBRA che delle batterie AGM "trazione leggera" da 70Ah riescano a stare nei cestelli. Ne montero' 10 in serie, sperando di avere una vita utile delle batterie di almeno 500 ricariche (cercando di NON arrivare all'80% di scarica dei manuali, il che significa una quarantina abbondante di Km).
Sto aspettando che arrivino. Forse dovrei postare qualche foto.
Per la cronaca: dato che ne mettero' 4 nel cestello anteriore e 6 in quello posteriore, sto cercando di capire se sono piu' facili da trovare due caricabatteria, rispettivamente da 48 e 96V (nominali) anziche' uno da 120V.
Cosi' potrei anche cercarli col sensore termico, in modo da calibrare meglio carica/assorbimento/mantenimento.
Qualche suggerimento su dove cercare?

Io che sono modellista sono molto contento dei carichini da modellismo perchè hanno i programmi per tutti i tipi di batterie in piu hanno il bilanciatore incorporato e possono essere messi in serie.
Guarda questo che sto per acquistare è un 10s cioè 10 lipo in serie e quindi arriva a 42v cariche 37v nominali.
1000 watt e quindi puo caricare fino a 30A,meglio averne di piu tanto dopo selezioni te l'amperaggio di carica.
HobbyKing R/C Hobby Store : iCharger 3010B 1000W 10s Balance/Charger (http://www.hobbyking.com/hobbyking/store/__11597__iCharger_3010B_1000W_10s_Balance_Charger. html)
ma visto che sei sul sito guarda anche gli altri caricatori a vedere se ne trovi 3 che fanno a caso tuo.
Perchè per fare 120v mi sa che ne servono 3 in serie.
Poi un giorno se passerai al litio hai tutto,caricatore e bilanciatore.
Un altra cosa simpatica è che lo alimenti con 4.5v fino a 38v.
Se no...lo si fa....con arduino.

Bluca64
19-09-2012, 16:20
Ho anche io una Saxo Elettrica , ho contattato la Saft per sapere il prezzo delle batterie e mi sono sentito chiedere circa 800 euro a monoblocco..... alla fine ho trovato una ditta di Rieti che vende le Litio , settimana prossima le vado a prendere , anche se sono indeciso se prendere quelle da 110ah o quelle da 190ah che mi consentirebbero di muovermi con piu' tranquillita'..... Saluti a tutti
Luca:bye1:

billisat
19-09-2012, 23:55
Ho anche io una Saxo Elettrica , ho contattato la Saft per sapere il prezzo delle batterie e mi sono sentito chiedere circa 800 euro a monoblocco..... alla fine ho trovato una ditta di Rieti che vende le Litio , settimana prossima le vado a prendere , anche se sono indeciso se prendere quelle da 110ah o quelle da 190ah che mi consentirebbero di muovermi con piu' tranquillita'..... Saluti a tutti
Luca:bye1:


Interessante!!
Quanto costano le litio ?

Fabrizio BPSL
20-09-2012, 09:26
E' un po' che non aggiorno nessuno sulle mie sf...ortune, eh?
Le notizie buone: montate batterie al piombo "trazione leggera", AGM, 75Ah nominali (alle correnti richieste, meno di sessanta). Rifatti cablaggi. Speso circa 2500 euro ("prezzo che ti vuol bene" presso quella ditta che mi aveva fatto un pateracchio terrificante con 110 batteriuzze da 7Ah l'una. Ma PENSARCI LORO no?). La macchina va (...andava, poi mi spiego) benissimo, stando attenti a non tirare loro il collo in partenza (arriverebbe fino a 200A in zona rossa) ed in staccata (il recupero energia. Puo' arrivare fino a 150Ah di picco, per qualche secondo ne fa facilmente un centinaio). Ho un voltmetro attaccato ai capi della batteria (ci vuole almeno un condensatore da 100nF sull'ingresso, senno' si legge di tutto), si fa in fretta a superare i 140V (14V per batteria) e temo molto per le piastre positive della batteria. Deve farmi fare piu' di 10000 Km.
Parlavo al passato, perche' una brutta serata, la riprendo dopo averla parcheggiata... e non si muove piu'. Ora sto cercando un diagnostico e non e' facile da trovare. Forse un sito in Cina.

Circa le batterie: PRIMA di comprarle, misurate BENE i cestelli delle batterie per verificare se ci stanno. Io ho optato per una soluzione "ponte" sperando in un calo sensibile delle litio-ferro nei prossimi anni. Ma ho una "voce" di qualcuno che sta facendo fatica a far stare delle 160Ah. Visto quello che spendete (tanto di cappello. Io ho "bisogno" di un calcolo ben preciso di ammortamento ed al momento non e' convincente), e' bene pensarci "prima". Carta millimetrata, disegno dei cestelli e sagoma ritagliata dalla suddetta carta. Sembra un suggerimento banale, ma aiuta tantissimo.
Anche un BMS con i controattributi e' assolutamente necessario, visto quanto si va a spendere.

Quando sapro' che accidente e' successo alla mia Saxo aggiornero' questo thread. Certo che la s**** potrebbe anche guardare da un'altra parte... :dry:

billisat
20-09-2012, 10:25
Io ho provato il lexia sia a Forlì che a Imola ma non va bene,non entra in telecodifica.
L'unico che ha funzionato da me è stato alla Citroen di Ravenna che ha l' Elit , anche a castenaso ce l'hanno.
Le batterie al litio da 160Ah ci dovrebbero stare ,facendo calcoli con le misure che danno, al limite ho visto che i pacchi batterie sono
un po piu piccoli dello spazio sul telaio ,quindi, si potrebbero rifare in vetroresina.
Questo sito mi sembra interessante su litio e bms.
Introduction (http://www.3xe-electric-cars.com/)

richiurci
20-09-2012, 12:25
Mi sfugge qualcosa... le originali sono da 75Ah e voi volete metterle al litio da 160 Ah?!?!

Non vi sembra di esagerare un tantino col sovradimensionamento? Anche perchè magari sono fatte parallelando internamente più celle, e non è mica un bene...

billisat
22-09-2012, 02:45
Mi sfugge qualcosa... le originali sono da 75Ah e voi volete metterle al litio da 160 Ah?!?!



Non vi sembra di esagerare un tantino col sovradimensionamento? Anche perchè magari sono fatte parallelando internamente più celle, e non è mica un bene...

No originali sono delle 100 Ampere 6V la saxò ne ha 20 e il berlingo ne ha 27 NI-CD. E pesano 13 Kg l'una.
Il pacco da 160Ah non è parallelato ma è una cella singola costruita appositamente.
Non è mai il caso di dire che è sovradimensionato ma il contrario...sottodimensionato da problemi ....sovra no.
Perchè così facendo se hai il doppio di batteria vuol dire che ci "tiri" la metà e quindi le batterie durano di piu e fanno piu del doppio dei km per via di una legge di qualcuno che non ricordo il nome.
le litio ferro fosfato rispetto alle NI-CD hanno, a parità di peso il quadruplo della capienza e a parità di volume hanno il triplo.
L'unico problema che ho riscontrato è che il misuratore di energia va a zero ed hai ancora la metà dell' energia, quindi giri credendo di essere a secco ma ne hai ancora...

richiurci
22-09-2012, 22:38
infatti io ho scritto 'esagerare'...
70 Ah al litio già avrebbero molta più capacità di 70Ah Pb; 110 Ah probabilmente darebbero un'autonomia doppia rispetto alle originali.

160Ah è veramente tanto; ovviamente può avere un senso se costano uguale alle 110, ma non credo sia così!

billisat
22-09-2012, 23:18
infatti io ho scritto 'esagerare'...
70 Ah al litio già avrebbero molta più capacità di 70Ah Pb; 110 Ah probabilmente darebbero un'autonomia doppia rispetto alle originali.

160Ah è veramente tanto; ovviamente può avere un senso se costano uguale alle 110, ma non credo sia così!

Si ok però originali sono NI-CD da 100 Ampere,le 70 A al piombo le ha messe fabrizio dopo,quindi delle 160 al litio sono di un 60% piu grandi delle originali.
Per quelle al piombo il discorso regge per via della legge di pekault che affligge le piombo, mentre le ni-cd meno e le litio quasi nulla.
Io ho trovato le 100 Ampere LiFePo4 a 88 euro a cella e le altre capienze costano sempre uguale in proporzione,una 200 infatti costa 176 euro a cella e così via.
Io con questi prezzi inizio a farci un pensierino.

richiurci
22-09-2012, 23:23
beh appunto, non c'è 'sconto', paghi sempre la stessa cifra per Ah!
Sicuro che durerebbero il doppio? E la ricarica? Comunque se hai un link per le batterie, mi hai incuriosito non pensavo esistessero 'bestie' così!

billisat
22-09-2012, 23:41
ecco il link Introduction (http://www.3xe-electric-cars.com/)
credo che durerebbero il doppio si per vari motivi,uno il piu banale è che se hai il doppio delle batterie poi ti durano il doppio,perchè se prima facevi 150.000 km dopo ne fai 300.000.
Calcolando 1500 cariche da 100 km l'una,per quanto riguarda le NI-CD originali.
Le LiFePo4 le danno a 3000 cicli e quindi in teoria durano il doppio rispetto alle ni-cd di pari capienza.
In piu le litio soffrono meno dell' effetto pekault e anche qui piu km.
In piu col doppio di litio rispetto alle ni-cd pesi la metà e altri km in piu
1 batteria Ni_CD pesa 13 Kg e ne ho 27.
Quindi 350 kg e dopo sarebbero 170 in meno circa.

Fabrizio BPSL
24-09-2012, 10:55
Io ho messo delle batterie al piombo per "disperazione": non trovavo prezzi dignitosi manco un semestre fa e non ero "convinto" di poter fare un buon lavoro con le litio, non sapendo esattamente che BMS montare. Anche il caricabatterie avrebbe dovuto essere preso a parte ed avevo dei dubbi sulla scelta della sua corrente (ho accesso a prese industriali. Bene, per la velocita', ma... se poi ho bisogno di caricare fuori casa?). E poi ho negli occhi la 126 tedesca completamente fusa dall'incendio.
Morale: ho optato per una soluzione "ponte": piombo, autonomia dignitosa, il caricabatteria adeguato a 3 stadi ce l'ho gia' (sitazzo cinese, ma almeno "va"). Speranza di vita: da 500 a 1000 ricariche. Una quarantina di Km (anche meno, carico tutte le sere) a "botta", dovrei contare su almeno 10000 Km. Ammortamento decente.
Se recupero la mia Saxo (ancora non so il guasto. Dannati diagnostici "elit" che non si trovano), tra un paio d'anni dovro' cambiarle.

Dovessi mettere le litio, opterei pure io per capacita' superiori. Autonomia maggiore, miglior gestione delle correnti in gioco (la centralina IN TEORIA potrebbe anche gestire tensioni molto superiori ai 120V nominali, tanto e' vero che e' la stessa del Berlingo, che viaggia a 162V nominali). E, perche' no, con piu' di cento Km... potrei pure andarci al mare, ammesso di trovare una persona gentile che, in cambio di un cinque euro, mi permetta la ricarica (ho occhieggiato un caricabatterie litio che ti permette di modulare la corrente, con una tensione da 2 a 5V. Potenziometro, regolo un Kw o due... e via. Cosi' non gli brucio l'impianto).
Ho sentito dire che in Svizzera qualcuno dell'Ecovelclub ha gia' fatto una cosa del genere con grande soddisfazione.

billisat
28-09-2012, 00:21
Il fatto di farla andare a 162v lo farei subito per il semplice fatto che per ottenere gli stessi Watt tiri meno ampere alle batterie così durano di piu e fai piu Km.

Spuzzete
29-09-2012, 17:55
per ottenere gli stessi Watt tiri meno ampere alle batterie così durano di piu e fai piu Km.

Scusa l'intromissione, la tua supposizione è giusta, ma nella realtà...viene limitata la corrente, non i watt. Quindi se in partenza da fermo la corrente massima è impostata ad esempio a 200A, tirerai sempre 200A in partenza, sia con un sistema a 100v che a 160v. Con una tensione piu alta userai cioè più watt.
A velocità costante invece la tua affermazione è realistica.

I calcoli sull'autonomia vanno fatti sui kWh del pacco batterie.

richiurci
29-09-2012, 18:16
Avete ragione entrambi, secondo me sono due modi di vedere la stessa cosa.
Quello che dici tu Spuzzete è riferito alla limitazione data di solito dalla centralina, quindi la limitazione a pari corrente permette di ottenere più kW al motore.

Billisat si riferiva, magari 'inconsciamente', all'utilizzo del mezzo a potenze intermedie, dove è il nostro cervello che modula l'acceleratore per avere i kW che ci servono in un dato istante, e quindi con più batterie si tirano meno A per andare, per esempio, a 70 km/h in piano.

Attenzione però: bisogna essere sicuri di essere nel range di tensione accettato dalla centralina (sembra ciò sia vero) altrimenti i componenti lavorano più vicino al punto di rottura/degrado.

L'unico rischio, molto ipotetico, è che se uno usa per lunghi periodi tutta la potenza disponibile in più potrebbero andare in crisi altri componenti, es motore e suo impianto di raffreddamento.

Spuzzete
29-09-2012, 18:32
Si Riccardo, hai espresso piu chiaramente quello che volevo dire io :)

:bye1:

billisat
30-09-2012, 04:41
Scusa l'intromissione, la tua supposizione è giusta, ma nella realtà...viene limitata la corrente, non i watt.
E allora se i conti si fanno sui( kilo WATT ora ) sul pacco batterie allora consideriamo i WATT e non gli AMPERE .
POI non sappiamo se la centralina limita gli ampere o i watt,io credo i watt perchè la mia auto sia che è carica a 198V e sia che è scarica a 130V , l'auto tira sempre uguale , perchè il motore funziona a 120V,e quindi piu sono scariche le batterie e piu Ampere ci tiri.
E quindi se ho piu batterie ho piu Watt.

Spuzzete
30-09-2012, 07:00
Lo so bene cosa sono i chilowattora: Wattora - Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Wattora) :)

La mia risposta deriva dal fatto che io ho fatto test in condizioni reali. Dati alla mano le centraline che ho provato finora, anche se non da auto, funzionano nel modo descritto da me.

Poi magari la tua limita i watt, ma mi pare strano. Sarebbe interessante ed utile fare delle misure con strumenti adeguati.

Il motore funziona si a 120v, ma lo puoi alimentare anche a 200 volts, l'importante è non andare oltre il limite di potenza per cui è stato costruito.
Di solito si overvolta per avere più velocità di punta.

Forse vuoi dire "E quindi se ho piu batterie ho piu Wattora"?

billisat
30-09-2012, 11:34
Io questa cosa l'ho letta qui
Le projet méhari - divers - La page de l'AX électrique - batteries (http://arnaud.meunier.chez-alice.fr/fr/divers/AX/batt.html)
ove dice che se la batteria è scarica avendo un voltaggio piu basso soffre un po di piu perchè di conseguenza gli tiri piu ampere.
Sono convinto che il motore essendo a 120v,la centralina gli manda sempre 120V a prescindere se la batteria è a 198V carica o a 130V scarica,in modo tale che l'automobile va sempre uguale,e quindi cambia solo l'assorbimento in corrente e quindi gli stessi watt cosi se il motore è a 16KW gli dai sempre i suoi 16KW ma l'assorbimento sarà differente.

richiurci
30-09-2012, 12:46
Billisat direi di piantarla qui. Hai le idee un po' confuse, se vuoi chiarirti i dubbi su unità di misure e grandezze fisiche ci sono le apposite sezioni manualistiche e 3d teorici.

Tornando alla Saxo, mi sembra si tratti di un'auto datata e con motore a spazzole, quindi in CC... molto improbabile che la centralina limiti i W, cioè corrente E tensione. Non continuare con i 'credo', o lo fa o non lo fa...

Come ho detto prima tu esponi più o meno correttamente delle sensazioni dall'uso reale, sbagli quando le fai diventare certezze teoriche.

Il fatto che la macchina a batterie scariche 'va uguale' è perchè istintivamente schiacci di più l'acceleratore; ti accorgeresti del calo di prestazioni solo alla fine della scarica, oppure cronometrando i tempi di accelerazione (es tempo per passare da 0 a 50 km/h).
Finchè utilizzi solo parte della potenza max...anche le batterie a fine carica riescono a dartela!

billisat
30-09-2012, 15:38
Io possiedo un Berlingò Electrique e lo uso come automobile principale e sono andato pure a Milano col generatore,tanto per capirci,io parlo non di teoria ma fi pratica.
In pratica la mia auto , e lo ripeto, va uguale, fa le stesse salite e tira uguale sia a 198v che a 130V e fa sempre i 95Kmh, dico "credo" perchè non lo ho testato scientificamente , ma a sensazione è come dico io l'auto va sempre uguale e dire che tra 198v e 130v c'è un bella differenza e si dovrebbe sentire bene anche a senszioni.
Dovete sapere anche che sia la Saxò che il Berlingò montano la stessa e identica elettronica solo che hanno una programmazione diversa della centralina,quindi la saxò puo andare benssimo anche a 162v anzichè 120v.
Poi la chiudo qui che se ho capito mi avete tolto 3 punti, non so perchè ma fa lostesso.
ciao passo e chiudo.
Poi il resto me lo penso io e ho finito di scrivere.
addio.

richiurci
30-09-2012, 23:12
Tanto per chiarire, ho dato l'infrazione (una sola, ne meritava 3) a Billisat per violazione ripetuta della regola 3d.

Per il resto spero torni a scrivere, visto che a parte il tono un po' forte il forum serve a esporre idee e opinioni.

Però alcune affermazioni, che possono spingere altri utenti a effettuare MODIFICHE NON LECITE SUI VEICOLI E RIDURRE LA SICUREZZA, devono essere ben motivate e non basate sui 'credo'.

Aumentare il numero di batterie PUO' ESSERE PERICOLOSO a causa delle elevate tensioni raggiunte (leggetevi un po' la sezione della Seicento Elettra); la macchina probabilmente non prevedeva i necessari sezionamenti!

Fabrizio BPSL
02-10-2012, 15:01
Senza voler dare certezze che non ho, sul forum francese (lo posso scrivere? vehiculeselectriques.fr) dove mi pare vi sia un nutrito gruppo di possessori di "progetto PSA", un po' lo specchio di quel che accade qui con la 500, mentre cercavo di capire cosa puo' essere successo alla mia (sono discretamente sf...ortunato!), ho occhieggiato uno che afferma di aver messo DODICI batterie da 12V, 125Ah (nominali), ottenendone una certa estensione di autonomia.
Onestamente, ho qualche dubbio: non e' che ho visto granche' spazio avanzato nei cestelli gia' con delle 75Ah, figuriamoci 125... e due in piu'. Mi pareva avesse scritto "plombe", dovrei riguardarci.
Non so pero' se, anche potendo, lo farei. E' chiaro che, a parita' di potenza (wattora) erogata dal motore, se la tensione e' piu' bassa, e' giocoforza che la corrente debba essere piu' alta (e viceversa). Ci sono dei vantaggi, quindi, ad avere una ventina abbondante di V in piu' (e si trovano piu' facilmente i caricabatteria a 144V che a 120) ma avrei bisogno di maggiori "prove" che non c'e' nessuna controindicazione. Non temo per i sezionamenti: la Saxo ha le batterie in serie e nessun sensore su nessun elemento. Ma qualche "brividino" c'e'. Devo purtroppo approfondire e non m'aiuta avere la macchina in panne (probabilmente, il "finale" che pilota il motore in panne. Perche', non so).
Per la cronaca, ho letto altrove che dicono che auto con questo progetto "hanno la stessa autonomia sia a vuoto che a pieno carico e non e' un complimento". Non mi e' chiaro il perche', ma l'efficienza del sistema non risente di una anche discreta differenza di peso, restando sul centinaio di watt per Km. Dato che mi sento di confermare, avendo io misurato piu' volte la corrente di ricarica, dedotto le necessarie dispersioni.

Spuzzete
02-10-2012, 20:23
Ciao Fabrizio,

cerco di risponderti facendo un po' di chiarezza sui dati.
Quello che ho scritto riguardo a come lavorano motori e centraline è dato dalla mia esperienza personale sui veicoli elettrici e dalle rilevazioni dei dati ottenuti con amperometro e wattmeter durante l'uso e con memorizzazione dei valori massimi di Ampere e Watt istantanei.
Ho usato batterie con diverse chimiche e diverse tensioni mantenedo la stessa centralina e lo stesso motore.

Quello che ho scritto e scriverò è solo a titolo informativo, con lo scopo di fare un po' di chiarezza e certamente non polemica.
Mi dispiace del fatto che Billisat abbia interpretato come negativo il mio precedente intervento.

Vediamo un po':


mentre cercavo di capire cosa puo' essere successo alla mia (sono discretamente sf...ortunato!), ho occhieggiato uno che afferma di aver messo DODICI batterie da 12V, 125Ah (nominali), ottenendone una certa estensione di autonomia.
Onestamente, ho qualche dubbio: non e' che ho visto granche' spazio avanzato nei cestelli gia' con delle 75Ah, figuriamoci 125... e due in piu'.

Partiamo dal tuo pacco batterie:

10 batterie 12v 75Ah (correggimi se ho sbagliato qui).
Quindi avrai: 10*12*75 ---> 9000Wh ---> 9kWh (chilowattora)


Il pacco batteria dell'utente del forum francese:

12 batterie 12v 125Ah
Quindi si ha: 12*12*125--->18000Wh--->18kWh (chilowattora)

Quindi nel secondo caso si avrà una batteria con capacità doppia rispetto alla tua.

In questo modo è piu semplice calcolare l'autonomia: Se sai che l'auto consuma ad esempio 100Wh al km con il tuo pacco batterie l'autonomia diventerà: 9000/100-->90 km. Trattandosi però di batterie al piombo, suscettibili all'effetto Peukert, questo numero va ridotto di 1/3-1/2. Quindi avrai in realtà 45-60km di autonomia reale. Questo dato con le batterie al piombo è destinato a calare inesorabilmente nel tempo.

Rimando alla nostra faq batterie dove tutto è spiegato molto bene ed in dettaglio: http://www.energeticambiente.it/pile-e-batterie/3149199-batterie-faq-frequently-asked-questions.html



E' chiaro che, a parita' di potenza (wattora) erogata dal motore, se la tensione e' piu' bassa, e' giocoforza che la corrente debba essere piu' alta (e viceversa). Ci sono dei vantaggi, quindi, ad avere una ventina abbondante di V in piu' (e si trovano piu' facilmente i caricabatteria a 144V che a 120) ma avrei bisogno di maggiori "prove" che non c'e' nessuna controindicazione.

Stai facendo un po' di confusione con le unità:

Watt--> unità di misura della potenza, ovvero la potenza usata dal motore per far muovere l'auto.
Wattora-->unità di misura dell'energia, ovvero l'energia contenuta nelle batterie.

Non so come funzioni la centralina della Saxo, ma solitamente vengono limitati gli Ampere (o Corrente) e non i watt. Quindi montando piu batterie della stessa capacità in serie alle originali andresti a "stressare" le batterie allo stesso modo, ed avrai piu watt in uscita al motore. Avrai teoricamente anche piu autonomia se mantieni la stessa velocità e lo stesso scatto in partenza, perchè il pacco batterie ha piu wattora.



Per la cronaca, ho letto altrove che dicono che auto con questo progetto "hanno la stessa autonomia sia a vuoto che a pieno carico e non e' un complimento". Non mi e' chiaro il perche', ma l'efficienza del sistema non risente di una anche discreta differenza di peso, restando sul centinaio di watt per Km. Dato che mi sento di confermare, avendo io misurato piu' volte la corrente di ricarica, dedotto le necessarie dispersioni.

Questo dato dipende da quanti "stop & go" ci sono nel tragitto e dall'uso che si fa dell'auto. Meno fermate e ripartenze ci sono meno il peso dell'auto va ad influire sui consumi.

In conclusione, per tornare al discorso batterie, è a mio parere sempre meglio stare dentro le specifiche del costruttore:

Se l'auto monta un pacco batterie a 120 Volts, è bene restare su quella tensione. Per aumentare l'autonomia basta usare batterie di capacità maggiore, ottenendo anche migliori risultati in termini di longevità delle celle.



Un cordiale saluto a tutti voi,


:bye1:


P.S. Caricabatterie a 120V si trovano, ad esempio questi hanno anche la tensione e corrente regolabile: Alloy Shell 2000W LiFePo4/Li-Ion/Lead Acid Battery EV Charger - BMSBATTERY (http://www.bmsbattery.com/alloy-shell/164-alloy-shell-2000w-lifepo4li-ionlead-acid-battery-ev-charger.html)

Fabrizio BPSL
04-10-2012, 10:22
La centralina della Saxo e' modulata in PWM; per dirla grossolanamente e' come se ci fossero tanti impulsi al secondo, piu' o meno "lunghi" (si parla di millisecondi). Il che ha come... effetto collaterale che, senza un minimo di filtro (ma basta anche solo un poliestere da 100nF in parallelo al voltmetro, che nel mio caso vale molto di piu' che qualsiasi indicatore di carica), si vedono tante di quelle schifezze che fanno impazzire il tester, specie in accelerazione.
Non so che intendi con "vengono limitati gli A", ma comunque, visto che la tensione, sempre parlando in pura teoria, con 144V nominali sarebbe piu' alta, la corrente giocoforza deve essere piu' bassa. Non si scappa: il motore di trazione e' quello, la potenza (Wh) e' quella, QUINDI, lasciando invariato tutto il resto, con tensione piu' alta, la corrente DEVE essere piu' bassa. Dubito vi siano inefficienze (surriscaldamenti) dovuti alla tensione piu' alta.

Detto questo, io comunque non m'arrischio a mettere 12 batterie. Pure il meccanico dell'Ecovelclub svizzero, pur confermandomi che la centralina e' da 300V, NON mi ha consigliato di alzare la tensione della batteria di trazione. Ma... diciamo "buono a sapersi", se in un futuro dovessi mettere le li-fe, un elemento in piu' ci puo' stare senza problemi. Citavo la cosa, perche' ho leggiucchiato qualche accenno a questo fatto, sul forum francese. Forse dovrei chiedere aiuto a loro, per questo maledetto guasto all'IGBT che pilota il motore, che mi ha nuovamente appiedato (certo che tengo una bella sf...ortuna!).

Circa l'autonomia, mi sono informato parecchio... ed a quanto pare l'ho fatto bene, dato che l'autonomia dell'attuale pacco batterie e' superiore a quei 52Km che ho fatto (prima del guasto). Guardando le curve di scarica del datasheet del fornitore, posso "contare" su di una sessantina di Ah, corrispondenti ad una sessantina di Km o poco piu', col piede "leggero". Devo approfondire maggiormente i consumi della Saxo a pieno carico ed a vuoto. In effetti, guardando il consumo del caricabatteria (apparecchio della LIDL sulla spina), non posso dire che vi siano grandi differenze. Credo che abbia a che fare con l'efficienza del motore e dell'elettronica di pilotaggio. Non penso si possa pretendere troppo da un'auto elettrica definita "di prima generazione" (per quanto, guardandola... "stato dell'arte" dell'epoca, altro che!).

Ti ringrazio del link. Io ne ho trovato uno da 5Ah, originariamente da 144V, che mi sono fatto regolare dai venditori cinesi. Che, quando ho chiesto loro lo schema ma anche solo du' spiegazioni di come regolare meglio la tensione, si sono rifiutati. Mannaggia a questa gente ed al loro menefreghismo.
Quando recuperero' la Saxo, ci faro' un pensierino. Per ora, mi trovo bene con un caricabatteria da 5Ah. Meno stress, meno logorio delle piastre positive, spero quindi piu' vita utile. MA ogni tanto si sente il bisogno di fare un po' piu' in fretta... e comunque, tra un paio d'anni, dovro' cambiare tutto.

richiurci
04-10-2012, 12:29
Intervengo perchè mi sembra ci sia da chiarire qualche punto.

Limitazione centralina: nella maggior parte dei casi viene limitata LA CORRENTE; il motivo è semplice, i MOSFET di potenza hanno una certa resistenza di canale (quando in conduzione), quindi scaldano in maniera proporzionale a I2.
Quindi ogni FET, col suo package, riporta sul data sheet una corrente massima, sia in continua che impulsata, e la centralina deve stare ben sotto quei limiti.

Uso di più batterie serie: nonostante sia limitata la corrente è vero anche che, aumentando le batterie in serie, la corrente assorbita media diminuisce. Per spiegare meglio, con più batterie in serie la limitazione in corrente sarà la stessa, quindi la Pmax sarà maggiore (perchè il motore darà, trascurando le perdite, Pmax=V x Imax).
Però la corrente 'media' cioè quella assorbita a una certa velocità costante sarà minore.
In pratica istintivamente il pilota pigierà un po' meno l'acceleratore, se continuerà con lo stesso stile di guida di prima.
Attenzione però, tutti i 'picchi' di tensione e la stessa tensione di alimentazione saranno più alti, con rischi per la componentistica da valutare attentamente!
Siccome i componenti più robusti costano, le centraline non devono lavorare a tensioni maggiori di quelle di targa. Ovvio che se la stessa è usata su altri veicoli a V maggiori vuol dire che è dimensionata per V maggiori.

Rispetto al fatto che l'auto avrebbe " la stessa autonomia sia a vuoto che a pieno carico e non e' un complimento"... mi sembra incredibile, e se fosse vero sarebbe un grandissimo complimento!
Vorrebbe dire, visto che in prima approssimazione gli attriti sono molto simili, che ci dovrebbe essere un recupero di energia in frenata efficiente al 100%!
Infatti il consumo maggiore legato al peso si ha perchè l'energia cinetica maggiore che devi dare al veicolo (a parità di velocità), o l'energia potenziale maggiore (a parità di aumento di quota) viene sprecata in tutto o in parte nelle decelerazioni/discese.
Forse chi ha detto ciò fa un uso prevalentemente extraurbano e in pianura, ma in condizioni normali il peso incide eccome...

Infine Fabrizio, ancora qualche errore (la potenza in W, non Wh)..
E forse mi sbaglio ma 100 Wh/km mi sembra un numero molto ottimistico, considerando l'età del progetto e il motore che mi sembra sia a spazzole... io mi aspetterei il doppio o poco meno, però magari l'auto è più leggera della Seicento...

Però questo 3d sta prendendo una piega troppo teorica!

athlon
13-10-2012, 23:00
tornando al pratico , ci sarebbe un pacco di CALB 130ah di un mio amico , la sua Saxo ha fatto un incidente ma il pacco e' intatto , ha solo un anno di vita e gli serve venderlo per poter comperare una nuova auto.

Fabrizio BPSL
25-10-2012, 10:49
Uff, scusate se non aggiorno, ma con la Saxo sono ancora in attesa... di avere tempo, mente sgombra ed un minimo di consulenza di un altro possessore della Saxo che potrebbe venirmi ad aiutare.
Ho trovato, sul forum francese succitato, la centralina (con alcune mancanze) della Saxo ad un ottimo prezzo (200+100 euro). Mi e' arrivata, ora devo solo... smontare il "pezzo" (un grosso cubo bianco dentro la centralina) e sostituirlo. Il mio meccanico di fiducia... non era in grado di fare un tappo, questa volta. Me lo sono visto un po' sovraccarico e poco attento. Gli ho fatto esaminare le spazzole... e non ha saputo dirmi esattamente la loro lunghezza residua. Ci sono rimasto male.

Ribadisco, per la pignoleria di Urciuoli :-D (mica facile essere sempre esatti quando si scrive in fretta) che la Saxo consuma CIRCA 100wh/km, a piedino leggerissimo, piu' prudentemente 120wh. Dato confermato non solo da vari scritti su internet, ma anche dalle mie osservazioni su percorsi di poche migliaia di Km, rapportando i Km percorsi, la corrente di ricarica (misuratore LIDL) e stando "scarsi" pure sulle perdite (ricarica, temperatura ecc ecc). Posso pertanto dire che, grosso modo, piedino leggero ecc ecc, ogni Ah sulla Saxo, e' un Km.
(e NON ho intenzione di survoltare la Saxo, malgrado IN TEORIA possa farlo. Troppi rischi, pochi benefici)
Athlon, hai posta privata. CREDO di essere riuscito a mandarti un messaggio. Partecipo al dolore per l'incidente del tuo amico... e della sua Saxo.

richiurci
28-10-2012, 00:27
Ok, 120 non sono 100 e comunque stai parlando di un uso 'attento' e non di un consumo medio... comunque è un ottimo risultato, una delle tante conferme che spesso i progressi della tecnologia vengono annullati o quasi dall'aumento delle nostre pretese (nel senso che le macchine di adesso sembra consumino di più nonostante 20 anni di progresso...colpa dei pesi maggiori e di chissà quali accessori...)

Fabrizio BPSL
03-07-2013, 16:55
E' un bel po' che non aggiorno questo thread. Freghera' a pochi, magari... :bye1:. Ho finalmente trovato una centralina completa di un'AX elettrica (stesso progetto, centraline intercambiabili, scusate se mi ripeto). Ora la Saxo funziona. Non mi e' chiaro perche' (venduta guasta, guastata per colpa del motore di trazione, non sapro' mai), ma la scheda IGBT comprata in Francia... non funzionava. Ora, si. Per ora (sgratt!).
Sempre controllando i consumi, ho un'autonomia di almeno una sessantina di Km o poco piu', dignitosissima, per l'uso cittadino che ne devo fare. Speriamo di non avere altri guasti per un BEL po' di tempo: non ne posso piu' di avere fermi macchina semestrali e conti di meccanico da pagare (si, il "prezzo" di avere un'auto vecchiotta, di cui se ne sa poco e con utilizzatori sparsi. Bisogna fare un forum di riferimento anche per questa!).
Per la cronaca, ho trovato un notevole risparmio con l'Allianz. Poco meno di 300 euro, mentre il piu' economico degli altri non scendeva sotto i 400 (e la media superava i 450, con picchi stratosferici). Un aumento folle, rispetto all'anno scorso, per un'auto da 20 Kw.

richiurci
03-07-2013, 18:30
Ma certo che interessa! Beh certo è meno diffusa della Elettra, però è pur sempre un bell' esempio di mobilità elettrica precoce!

Vai Fabrizio, ora falla ruggire!

Spuzzete
06-07-2013, 01:34
A me interessa, anche se non intervengo, leggo :)

Comunque sono invidioso (nel senso buono :) ) di tutti voi possessori di auto elettriche..qui in Canada si può fare il retrofit senza problemi ma è tutto un'altro paio di maniche rispetto ad un'auto, seppur datata, già elettrica.

:bye1:

jumpjack
24-10-2013, 12:15
Quali sono le caratteristiche della tua Saxo elettrica? (immagino ne esistano varie versioni)
Mi interessano in particolare peso totale senza batterie, peso delle batterie e potenza del motore.

Lecologico
02-04-2015, 18:26
Ciao a tutti ragazzi poco tempo fa su un altra discussione simile a questa, cominciavo a chiedere info sulla saxo elettrica ne posseggo una del 2003 acquistata da poco e funzionale al 100%.Sono contentissimo del mezzo ma comincio ad avere delle problematiche che vorrei porvi, e chiedo il vostro aiuto per risolvere, la prima: non essendoci nessuno in zona in grada di effettuare il tagliando mi sono adoperato a scoprire innanzi tutto come e dove rabboccare il liquido delle batterie, dopo qualche incertezza ho scoperto dove sono le 4 valvole per il rabbocco a questo punto con un piccolo imbuto o iniziato a rabboccare con acqua distillata a un certo punto da sotto l'automobile ho sentito come uno scroscio d' acqua e o capito che era arrivata al limite cosi per tutte e quattro le valvole, secondo voi ho fatto bene? L' auto a continuato ad andare bene sempre con la stessa autonomia , sono arrivato a superare i 75km prima che entrasse nella zona rossa. Dopo circa 2700 km effettuando la carica ho notato che non arriva al 105% come prima ma ma si ferma al 95%, secondo voi è successo qualcosa? A voi e mai capitata una situazione simile? Tengo a precisare che l' auto a 61700km.
Grazie a tutti per il vostri preziosi consigli.

Fabrizio BPSL
07-04-2015, 10:36
Ciao a tutti ragazzi poco tempo fa su un altra discussione simile a questa, cominciavo a chiedere info sulla saxo elettrica ne posseggo una del 2003 acquistata da poco e funzionale al 100%.Sono contentissimo del mezzo ma comincio ad avere delle problematiche che vorrei porvi, e chiedo il vostro aiuto per risolvere, la prima: non essendoci nessuno in zona in grada di effettuare il tagliando mi sono adoperato a scoprire innanzi tutto come e dove rabboccare il liquido delle batterie, dopo qualche incertezza ho scoperto dove sono le 4 valvole per il rabbocco a questo punto con un piccolo imbuto o iniziato a rabboccare con acqua distillata a un certo punto da sotto l'automobile ho sentito come uno scroscio d' acqua e o capito che era arrivata al limite cosi per tutte e quattro le valvole, secondo voi ho fatto bene? L' auto a continuato ad andare bene sempre con la stessa autonomia , sono arrivato a superare i 75km prima che entrasse nella zona rossa. Dopo circa 2700 km effettuando la carica ho notato che non arriva al 105% come prima ma ma si ferma al 95%, secondo voi è successo qualcosa? A voi e mai capitata una situazione simile? Tengo a precisare che l' auto a 61700km.
Grazie a tutti per il vostri preziosi consigli.

Ergh... si, e' successo qualcosa. Forse "non tanto", ma e' "male".
Le nicd ad elettrolita liquido, vanno rabboccate, usando acqua distillata. Il limite e' di 5000 km, ma viste le esperienze, e' bene che venga fatto piu' spesso.
Non c'e' un indicatore di livello. Esiste uno scarico "troppo pieno", anzi, ne esistono 4, come hai visto.
PER EVITARE DI DISPERDERE PREZIOSO ELETTROLITA, occorre fare una ricarica "speciale", usando il diagnostico, in modo da farlo riscaldare e stratificare. A quel punto, potrai immettere acqua distillata (macchina ovviamente in piano), con ragionevole certezza che quella che uscira', sara' acqua distillata.

Cerca "evlite", per capire bene come si fa. L'evlite non e' l'unico diagnostico, si trova relativamente facilmente anche il Lexia, piu' o meno "tarocco" (dubito che sia originale, guardando i siti... ma tanto, non esiste nemmeno piu' in commercio nemmeno "ufficiale". E NOI abbiamo bisogno "almeno" di un Lexia)
Cerca anche su Google notizia dell'ecovelclub svizzero. Molti di noi sono partiti da li' e dai link.

Quanto al problema che stai lamentando... temo sia dovuto, vuoi al problema di cui sopra, vuoi a quello che i francesi nel loro forum chiamano "metallizzazione". Ovvero, la migrazione irreversibile del cadmio, che in queste condizioni, si lega ad uno dei due elettrodi e non "molla" piu'.
In pratica, per EVITARE questi problemi, NON DEVI MAI caricare integralmente la macchina (con sovraccarica), SE NON LA USI SUBITO.
Se l'hai fatto, DEVI girellare per 500 metri o giu' di li'.
Molti, leggo, usano un timer, per caricare la macchina appena prima di usarla.

Hai delle batterie ben tenute. Conservale con cura.

udos3
07-04-2015, 10:44
ciao

vanno prima ricaricate, non importa dove si trova il livello.
dopo vengono rabboccate con acqua

durante la carica, il livello sale, per cui se lo fai prima, perdi inutilmente potassio
c e un forum francese che spiega bene sulle Ni cd

Vehiculeselectriques.fr (http://www.vehiculeselectriques.fr/index.php)

Lecologico
07-04-2015, 17:54
Ciao Fabrizio,
non so cosa sia successo ma quando la carica si è fermata al 95% e si è spento tutto, involontariamente ho acceso l' automobile con la presa ancora inserita e a quel punto non so perché e ripartita la carica arrivando come sempre al 105%, dopo a funzionato regolarmente anche con le cariche successive, quindi credo di aver risolto, forse ha fatto una carica di manutenzione boh fatto sta che funziona regolarmente e attualmente sono a quota 3000 km, da ignorante ti chiedo se questo elettrolita si può eventualmente rabboccare visto che la prima volta che ho aggiunto acqua distillata ho perso una grossa quantità.
Ho provato come mi avete consigliato di cercare un meccanico in zona ma alla citroen ignorano l' esistenza della saxo elettrica e assurdo che nessuno sappia lontanamente dove mettere le mani su un auto interamente prodotta da loro.
Cmq credo dalla mia breve esperienza che le batterie al ni-cd siano abbastanza resistenti e dure a morire se fatta una corretta manutenzione credo che superino abbondantemente i 100.000 km senza nessun calo. Inoltre leggendo il forum ho compreso che un' altra manutenzione da fare riguarda le spazzole del motore, chi di voi le a mai sostituite? Si può accedere facilmente, almeno per controllare in che stato sono attualmente.
Grazia ancora.

Fabrizio BPSL
09-04-2015, 16:03
Lecologico, che la ricarica sia ripartita, e' normale. Ma non so se ha fatto "bene". Ti esorto a documentarti sulla migrazione (irreversibile) del cadmio, in caso di cariche complete e NON uso immediato.
Anche il rabbocco acqua e' importantissimo. MI PARE di aver capito che vada fatto dopo una ricarica "speciale" perche' sia necessario far gocciolare l'acqua per mezzo litro, in modo da raggiungere TUTTE le batterie. La ricarica speciale serve a stratificare l'elettrolita.
Magari a te e' andata bene, ma non sfiderei la sorte. Avere le batterie difettose ti fa entrare, cito una scena del Grande Lebowsky, "in una valle di lacrime".

Cerca un Lexia. Non importa che sia "tarocco". Ormai, non si puo' fare altrimenti e non e' che dicano diversamente, nel forum franscese (citato sopra).
Assicurati che il Lexia abbia "questo" connettore.
30 Pin to 16 Pin OBD2 Diagnostic Cable for Peugeot Citroen (30CM) - Free Shipping - DealExtreme (http://www.dx.com/p/30-pin-to-16-pin-obd2-diagnostic-cable-for-peugeot-citroen-30cm-115645)
(NOTA: quello e' SOLO il connettore. Il che non sarebbe male, se tu avessi un OBD2 con quell'altro connettore ed un Lexia)
Se non lo trovi, cerca un EVLITE. Va bene pure lui. A tua scelta.
Ma ritengo tu debba farlo con discreta urgenza.