PDA

Visualizza la versione completa : Riattivazione auto progetto PSA con pochi soldi e poche conoscenze tecniche



Benty
07-07-2013, 13:31
Facendo tesoro delle altre discussioni su ax, saxò,106 ecc. Vorrei aprirne una nuova, alla portata di chi come me non possiede grandi conoscenze nel campo dell'auto elettrica chiedendo ovviamente il supporto dei "big".
Riassumendo; un auto elettrica è molto più semplice di una a scoppio ,ma le conoscenze e la praticità che servono per "padroneggiarle" sono molto rare... Le cose principali sono poche:

- batterie: anche qui riassumo rapidamente ciò che ho capito dalle altre discussioni e dai vari siti: ripristinare il pacco batterie originale con uno equivalente non fallato al NICD, al NIMH, o anche al litio comporta una spesa di diverse migliaia di euro (direi dai 7000 in su) quindi non è questa la sede per parlarne. Dovremo ripiegare sull piombo.
Girovagando e ricercando, almeno su questo problema ho trovato un buon compromesso tra prezzo e qualità ma chiedo un parere a chi ne sa di più.
Panasonic lc-xc 1228p (batterie al piombo gel, uso ciclico, peso 10kg, 28ah, 12v) come dimensioni nei cestelli di ax saxò ecc ne entrano 27 (altre 3 potremo verosimilmente farle entrare da qualche parte).
3 serie da 10 batterie potrebbero essere parallelate (con opportune protezioni) per formare un pacco con le seguenti caratteristiche: 10,080 KWh 300kg con poco meno di 2000€ di spesa (se la cosa è fattibile chiedo un preventivo preciso).
Secondo voi mi sto impiccando e c'è una soluzione migliore? Anche perchè ricaricare una simile "chimera" credo sia complicato... Chi ha messo le piombo quali ha usato?? modello, marca, peso, costo approssimativo ecc. Sarebbe molto utile saperlo per chi muove i primi passi.

-motore e lavori vari in generale: il motore elettrico richiede poca manutenzione, ma comunque quacosa bisogna saperlo (sostituzione delle spazzole ad esempio). Potrebbe essere carino avere una "mappa" di chi in italia sa metterci mano: farei volentieri un salto a casa di "john smith" quando esegue questo o quel lavoro per imparare e a mia volta insegnare a farlo...

-elettronica di bordo: eccoci al "mostro finale": da quanto ho letto sul forum questa è la parte che crea più problemi anche ai più esperti. Analizziamo le possibilità:
MI TENGO L'ELETTRONICA CHE HO: è fondamentale avere una diagnostica, se non sbaglio la migliore è la elit, più precisamente la 4125-T ma dove la trovo? Accetterà la corrente dalle batterie al piombo? Il caricabatterie di bordo va bene per le piombo? Se si con quali modifiche?
CAMBIO ELETTRONICA: questa è una proposta, perchè tenerci la vecchia elettronica se non ne siamo i padroni e ci da un mucchio di problemi?
Sarebbe tanto complicato mettere un nuovo controllore e un nuovo caricabatterie? Oltretutto in questo modo potremo eliminare l'intero raffreddamento risparmiando diverse decine di kg.
Se la cosa è fattibile vorrei sapere cosa consigliate: marca e modello di controllore e caricabatterie, prezzo approssimativo ecc...

Spero che questa discussione funzioni: i miei amici cominciano a mormorare che i nani da giardino ormai ci abitano nella saxò parchèggiata li! :oops:

richiurci
07-07-2013, 16:11
Ciao Benty,

non condivido molto questa nuova discussione.
Sulla Seicento c'è più materiale, più proprietari e quindi è stata creata una sezione, magari la si farà anche per le 'francesi' ma dovete mettervi di impegno!
Inoltre la tua discussione è troppo generica, per la mia esperienza meglio dividere per argomenti (guardati la sezione elettra) se vuoi andare nel dettaglio.

Comunque qualcosa la dico anch'io:

-non sottovalutare l'importanza di un minimo di conoscenza tecnica, mettere mano ad un'autovettura può essere pericoloso per te e per gli altri: freni, meccanica, tensioni elevate ecc.

-batterie e CB possono essere cambiati 'abbastanza' agevolmente; il motore no (è sul libretto) ma anche l'inverter è dura. E' un oggetto da kW e dovresti adattare l'acquisto a fissaggi connettori ecc. Non impossibile ma dura!

-il raffreddamento serve, secondo me anche se migliori la componentistica! Ottimi rendimenti (es 90%) comunque implicano di dover dissipare centinaia di W, soprattutto in movimento ma anche in ricarica con ricarica mediamente veloce

-sulle batterie non oso consigliarti: io ho cominciato con quelle da avviamento per collaudare l'auto, poi subito sul litio, circa 5000 euro per 13kWh di batterie.
Fai tu, se sei sicuro che l'auto funziona forse puoi osare.
Comunque le batterie 12V sono formate da 6 celle, non puoi controllare ed equalizzare le singole celle. Certo è più semplice, ma secondo me è uno dei motivi per cui le batterie 'monoblocco' durano poco. Con le litio, visto anche il prezzo, tutti i possessori bene o male prevedono in qualche modo un sistema di gestione cella per cella

jumpjack
08-07-2013, 10:15
secondo me non ha senso insistere sul piombo, le auto al piombo non hanno prestazioni ragionevoli!
meglio un'auto al litio con 30 km di autonomia che una al piombo con 100km!!
Stesso prezzo delle batterie, ma prestazioni totalmente diverse.

Cmq esistono anche le batterie piombo-stagno, note anche come piombo puro, più costose ma più durature, e"misteriose" batterie bipolari al piombo e ceramica della Atraverda, più leggere ed economiche delle VRLA tradizionali, ma non so se sono già in vendita.

Benty
13-07-2013, 11:28
D'accordo: seguirò i vostri consigli! Lasciamo perdere le piombo (5000 euro per 13 kwh è ottimo anche se non sono più esattamente "pochi soldi")...
Ho fatto come hai detto Riccardo: ho collegato in serie 10 batterie d'avviamento e ho attaccato questo "pacco prova" sulla centralina dove c'è scritto BATT:
l'auto sembra prendere vita: la pompa dell'acqua e il servofreno ronzano, la lancetta "energie" è salita al 70%... ma l'auto non parte (mi bastava fare anche solo un metro x conferma che funziona) ma niente... si accende la spia di "stop". Ma non ho il diagnostico, su internet non si trova, e quello del meccanico vicino casa non va bene...
Suggerimenti?

richiurci
13-07-2013, 14:46
no non conosco l'auto... ma quella scritta è in corrispondenza dei cavi grossi 'di trazione'? Cioè le hai montate nel loro posto o volanti? Probabile che lungo la serie ci siano una serie di connettori che portino le tensioni intermedie per vari controlli/check, per lo meno la Seicento è piena di cablaggi intermedi

Benty
20-07-2013, 17:24
Si: le ho montate volanti e le ho attaccate al posto dei grossi cavi di trazione... In pratica mi stai dicendo che ho fatto come quello della favoletta zen" l'uomo che cercava le chiavi di casa sotto al lampione perchè c'era più luce".
Smonterò i 3 pacchi batterie e manderò a ognuno la corrente giusta... Scriverlo è semplice ma senza officina sarà un lavolaccio; almeno le correnti in gioco saranno meno intense... Grazie della info Riccardo, ti faccio sapere! (:

Benty
26-07-2013, 22:33
Niente! Non vuole saperne: sempre quella maledetta spia di "stop".
Idee alternative? Nel frattempo vado in ferie... Buona estate a tutti! :bye1:

richiurci
26-07-2013, 23:05
fai come me l'hanno scorso, procurati più materiale possibile da leggerti in vacanza...

mariomaggi
27-07-2013, 20:52
Benty,
sono contrario alla sistemazione di auto elettriche avendo solo "poche conoscenze tecniche". Se pensi ad un veicolo che possa circolare su strade pubbliche, hai l'obbligo di non creare pericoli per gli altri.
Buone ferie,
Mario