PDA

Visualizza la versione completa : Piccolissimo acceleratore lineare al posto del platino



stranger
12-01-2007, 11:57
<b>Fusione nucleare fredda classica di Fleischmann e Pons.</b><br><br>Tutti sappiamo che miliardi deuteroni entrano in contatto con il reticolo atomico degli atomi del palladio e la pressione riesce a fonderne alcune paia, (quante sono esattamente queste paia non lo so), quello che so è che la percentuale è un pò bassa, questa percentuale bassa influisce sul rendimento complessivo.<br><br>Forse non è corretto parlare di sezione d'urto perchè non ci sono proiettili ma particelle appoggiate l&agrave; e basta, ma è possibile secondo me fare una analogia e facendo questo tipo di analogia io direi che la sezione d'urto è un pò bassa, infatti quando mettiamo sotto tensione la cella non è che esplode come una bomba all'idrogeno, c'è soltanto un piccolo eccesso di calore che è pure difficle da misurare.<br><br>Io penso che la forza che spinge i deuteroni contro il palladio è una forza di tipo elettrica che io chiamerei con il simbolo FEF (<b><span style="color:blue">F</span></b>orza <b><span style="color:blue">E</span></b>lettrica <b><span style="color:blue">F</span></b>avorevole al processo di fusione nucleare).<br><br>Paradossalmente esiste anche un'altra forza elettrica che si oppone alla FEF, questa forza elettrica è chiamata "forza coulombiana", cioè i 2 deuteroni incastrati all'interno del reticolo tendono a respingersi perchè ambedue caricati elettricamente dello stesso segno.<br>Quindi abbiamo 2 forze elettriche che si oppongono<br>FC contro FEF<br><br><br>Io ritengo sia possibile aiutare la FEF aggiungendo dall'esterno un'altra forza, una forza di tipo meccanico (FM), cioè lasciando il palladio e sostitendo il costosissimo PLATINO con un piccolissimo acceleratore lineare da 10 kev è possibile aiutare la FEF.<br><br>In questo caso lo scontro sarebbe più favorevole alla realizzazione della fusione<br>FC contro (FEF+FM)<br><br><br>Trattasi di forza meccanica perchè i deuteroni accelerati acquistano notevole energia cinetica, che poi diventa una forza meccanica nell'istante preciso dell'impatto.<br><br><br>Con 2 forze favorevoli anzichè una soltanto, la sezione d'urto dovrebbe aumentare, quindi possiamo avere un rendimento di tutto rispetto.<br><br><br><br><br>-------------------------------------------------------------------------------<br>-------------------------------------------------------------------------------<br><br><br><br>Se la FEF è abbastanza alta è possibile persino avere convenienza a sostituire i costosissimi deuteroni con protoni normali.<br>E' gi&agrave; risaputo che la fusione (deuterone-deuterone) è più probabile della fusione (protone-protone) ma siccome i deuteroni non sono facili da produrre converrebbe forse sacrificare un pò di energia per aumentare la FEF e realizzare inizialmente (p+p).<br>La fusione (p+p) produce un deuterone un antielettrone e un neutrino e avanza pure un po' di energia, il deuteone può essere usato in un secondo tempo per fare effettivamente produzione di energia abbondante.<br>Quello che importa è superare il collo di bottiglia rappresentato dalla produzione iniziale di deuteroni, questa produzione iniziale produce anch'essa energia in eccesso ma l'avanzo è purtroppo un pò scarso.<br>In ultima analisi il procedimento è quello famoso della cosidetta catena "protone-protone" in cui inizialmente non esistono deuteroni ma poi vengono prodotti, quindi abbiamo evoluzione come segue:<br><br>protoni ---&#62; deuteroni ---&#62; nuclei di elio<br><br>Il collo di bottglia sarebbe quello in mezzo.