PDA

Visualizza la versione completa : microlesioni metalli elettrodi



nio19
29-03-2007, 16:44
Ciao a tutti, non sono esperto di f.f. ma ho una curiosit&agrave;.<br>Tempo fa lessi la teoria di un ing. che attribuiva la f.f. alla presenza negli elettrodi di microlesioni.<br>La presenza di queste anse procurava l&#39;aumento d&#39;energia ( in bereve )<br>Con questa teoria giustificava la non ripetibilit&agrave; dell&#39;esperimento o perlomeno l&#39;incertezza di riuscita.<br>In realt&agrave; non ho mai trovato seguito a questa ipotesi ma come ho detto non sono addentro in questa materia.<br>Spero in qualche anima compassionevole che voglia far luce su questo mio personalissimo mistero.

superabazon
30-03-2007, 11:32
ehm,<br><br>questo riguarda la cella FP con palladio...<br><br>effettivammente c&#39;è una teoria di un simpatico signore...<br>(italiano, forse napoletano...che a tempo perso propose questa soluzione... e forse ci ha anche preso... forse uno degli ultimi allievi della scuola di fermi...)<br>non mi aricordo il nome in this moment,)<br>sulle microfessure, che influenzano il caricamento e/o la riuscita dell&#39;esperimento...<br>e queste microfessure o cricche, di solito sono random, cioè molto casuali,<br>quindi difficili da ripetere uguali in ogni singolo elettrodo...<br><br><br>nella cella mizuno invece non abbiamo problemi di ripetivit&agrave;...<br><br>ma non si riesce a raggiungere i livelli di rendimento energetico che in qualche sporadico caso sembrano siano stati raggiunti nelle celle FP...

Notar89
22-06-2008, 10:29
Ti voglio comunque ricordare che noterai in ogni caso un assottiliamento di anodo in caso di basi come elettroliti e catodo nel caso di acidi, fatta eccezione per la punta del catodo che in entrambi i casi si assottilia; questo perchè tu te ne renda conto nel corso degli esperimenti e non faccia come me che ero meravigliato.