Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 6 di 8 primaprima 12345678 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 111 a 132 su 158

Discussione: Microgenerazione a biomassa

  1. #111
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito



    il perchè non funziona, il fermo detto da che era parte in causa poi uscito per divergenze ,i rompe spesso e i soldi pare sia finiti

  2. #112
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    se la notizia è corretta mi sembra un gran flop, pensavo che almeno quello girava. Ma per avere i 35Kwe e140 kw termici quanta biomassa consumava o almeno.....avevano preventivato di consumare in un ora ?

  3. #113
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    forse ho trovato, 2,2 t al MWhe, se gira mi sembra un buon risultato

  4. #114
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Allora.... Eravamo partiti dalla necessità del rifugio di produrre 3 Kwe in isola e alimentare la batteria di cucina avendo a disposizione biomassa " infinita" per quei quantitativi . Dopo aver cercato di produrli con i pneumatici esausti siamo passati alle macchine ad alimentazione esterna che consumano tutto il bosco attorno al rifugio nell'arco di una stagione .
    Torniamo con i piedi in terra ?
    Non sarebbe meglio ipotizzare una macchina del tipo di quella che sta perfezionando Lino per la cucina e il riscaldamento ? Il biochar di risulta potrebbe semplicemente essere vagliato . La parte grossolana usata in un down draft artigianale ( che funzionerebbe perfettamente con un filtro meccanico per le polveri ) ad alimentare un cogeneratore da 3 Kwe . La parte fine del biochar con le ceneri del down draft sarebbero un ottimo esperimento di terra preta di montagna . Il tutto costerebbe meno di macchine indubbiamente affascinanti ma di difficile costruzione

  5. #115
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da fragiba Visualizza il messaggio
    Sono stato all'inaugurazione a Castel D'Aiano (BO)
    Anch'io fui all'inaugurazione ed il meglio in illo tempore fu il generoso rinfresco: questa primavera tentai "de visu" di avere spiegazioni sulle ore di funzionamento reali e problemi riscontrati direttamente dal Marini che glissò comunque alla grande rimanendo molto nel vago....boh!
    File Allegati File Allegati

  6. #116
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Marco non mi sono dimenticato x la tua plastica da convertire dimmi come vuoi che ti inoltri l' indirizzo per contattare l' impianto
    Giorgio

  7. #117
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Sulzer1 Visualizza il messaggio

    Non sarebbe meglio ipotizzare una macchina del tipo di quella che sta perfezionando Lino per la cucina e il riscaldamento ? Il biochar di risulta potrebbe semplicemente essere vagliato . La parte grossolana usata in un down draft artigianale ( che funzionerebbe perfettamente con un filtro meccanico per le polveri ) ad alimentare un cogeneratore da 3 Kwe . La parte fine del biochar con le ceneri del down draft sarebbero un ottimo esperimento di terra preta di montagna .

    Il tutto costerebbe meno di macchine indubbiamente affascinanti ma di difficile costruzione
    Ne sono convinto!
    Non rimane che trovare uno sponsor, io metto a disposizione il progetto intero,stirling compreso.
    Ah dimenticavo,molto probabilmente l'accrocchio riesce a produrre anche quei (2/3kwe) che servono al rifugio di Heidi tramite
    uno stirling alfa 4 cilindri, che sfrutta parte dell'energia termica della pirolisi.
    Mah qui sul forum la vedo dura.............

  8. #118
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito informazioni biomasse

    ciao a tutti!seguo il forum da qualche mese e lo ritengo davvero eccezionale per tutte le info e consigli utili ed esperienze raccolte in esso.
    rappresento una piccola società di investitori privati con i quali abbiamo già realizzato un campo fotovoltaico da 1MW.
    la nostra aatenzione si è ora spostata sulle biomasse.disponiamo di ingenti quantitativi di sanse(non esauste) e vinacce oltre che di scarti di potatura.
    l'idea,ragionando in termini di impresa,è quella di commisurare l'impianto al quantitativo di biomassa disponibile.
    ho già qualche contatto con alcune aziende...ma a dire il vero non mi convincono molto.
    vi chiedo se qualcuno potrebbe indirizzarmi verso qualche azienda affidabile e se tra di voi c'è già qualcuno che ha utilizzato sanse o vinacce per impianti di cogenerazione.grazie!

  9. #119
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    In tonnellate quanto è un ingente quantitativo?

  10. #120
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Sulzer1 Visualizza il messaggio
    Allora.... Eravamo partiti dalla necessità del rifugio di produrre 3 Kwe in isola e alimentare la batteria di cucina avendo a disposizione biomassa Torniamo con i piedi in terra ?
    Quote Originariamente inviata da lino49 Visualizza il messaggio
    Ne sono convinto!
    Non rimane che trovare uno sponsor, io metto a disposizione il progetto intero,stirling compreso.
    Mah qui sul forum la vedo dura.............
    Torniamo coi piedi in terra anche se per me è solo una idea.
    Ho interpellato quelli del pirolizzatore progettato a Cagliari per la pollina. Mi parevano quelli più confacenti alle mie esigenze, quelli più concreti ...più sentiti.
    Per l'idea non penso che ci debbano essere problemi di soldi; attraverso le istituzioni locali per esempio la provincia o banche/fondazioni locali, piccole ma potentissime (oltre al cai, alla comunità montana al comune )
    Un paio di sponsor li trovi per un virtuoso, sano, moderno, didattico, ecologico, biosostenibile ecc ecc progetto da fonti rinnovabili che costa solo alcune decine di migliaia di euro .

    Possibile non sui trovi nulla che funzioni?
    L'idea, vedi KWB, non è poi così strampalata
    Nino se il tuo progetto è stato frutto di una discussione su questo forum dove lo trovo ?
    saluti

  11. #121
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ezio52 Visualizza il messaggio
    Possibile non sui trovi nulla che funzioni?
    Mah....potendo abbassare un po' i voli pindarici, per un gestore di rifugio con legna a disposizione che debba anche cucinare per gli ospiti e che non sia obbligato ad utilizzare lampade da stadio,
    forse un paio di stufette come questa qualche lampadina riesce già ad accendergliela.
    Immagini Allegate Immagini Allegate
    OSSI DI PESCA TRITATI sono un'ottima BIOMASSA alternativa

  12. #122
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    sansa 8000ton annue

    vinacce 3500/5000 ton annue

    abbiamo anche la possibilità di avere ulteriori quantità di biomassa sia di sansa sia di vinacce.

  13. #123
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da biomassoso Visualizza il messaggio
    Mah....potendo abbassare un po' i voli pindarici, per un gestore di rifugio con legna a disposizione....
    Non ho sicuramente la verita' in tasca, e conscio di questo, accetto qualsiasi critica che riguardi il lavoro e/o eventuali idee di lavoro.
    Ma da tecnico, preferirei che qualsiasi critica o contestazione fosse correttamente argomentata, onde dare la possibilita' a chi la riceve di valutarla.
    Il definire "volo Pindarico" (stravagante, senza fondamento alcuno) un'idea, senza conoscerla nei dettagli, e' un chiaro sintomo di prevenzione se non si illustrano in modo chiaro e preciso i termini della critica.
    Se mancano i termini di raffronto tecnici o commerciali , sono solo parole inutili......
    In merito alla stufetta brasiliana proposta, evito qualsiasi commento perche' non ne conosco i dati, guardando la foto,non posso pero' fare a meno di pensare quanto sarebbe utile a quella povera gente(e alla foresta) un'apparecchietto a pirolisi.....
    Ultima modifica di lino49; 24-09-2010 a 19:20

  14. #124
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da lino49 Visualizza il messaggio
    Il definire "volo Pindarico" (stravagante, senza fondamento alcuno) un'idea, senza conoscerla nei dettagli, e' un chiaro sintomo di prevenzione se non si illustra in modo chiaro e preciso i termini della critica.
    Se mancano i termini di raffronto tecnici o commerciali , sono solo parole inutili......
    Quell'accezzione dell'aggettivo Pindarico non m'appartiene, che naturalmente ho scomodato Pindaro solo per il fatto che qui si stava volando "leggermente" verso l'alto che già si era arrivati a 75 kWel per un infimo utilizzazatore, e non era sicuramente un raffronto rivolto alla tua stufa con stirling: io comunque un prezzo possibile di un accrocchio italiano esistente ed in vendita l'ho indicato, il tuo stirling da 2/3 kWel annegato nel pentolone a quanto lo conteggeresti per l'ipotetico rifugio che credo non sia milionario di suo?

  15. #125
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da biomassoso Visualizza il messaggio
    Quell'accezzione dell'aggettivo Pindarico non m'appartiene, e non era sicuramente un raffronto rivolto alla tua stufa con stirling: io comunque un prezzo possibile di un accrocchio italiano esistente ed in vendita l'ho indicato, il tuo stirling da 2/3 kWel annegato nel pentolone a quanto lo conteggeresti per l'ipotetico rifugio.......
    Beh, se quella definizione non era rivolta alla mia idea, allora chiedo venia, avevo inteso male.
    Sei un tecnico, quindi comprendi benissimo che quantificare su due piedi il costo di costruzione di un prototipo su carta (anzi su files), e' oltremodo complicato, dovrei fare una ricerca di mercato sui costi della componentistica e delle lavorazioni meccaniche, e non ho il tempo materiale per farlo.
    A spanne, credo che il prototipo del pentolone piu' lo stirling si possano realizzare con una cifra che viaggia intorno ai 15.000/20.000 euro,escluso la caldaia a tubi d'acqua.
    Se poi l'ipotetico interessato avesse un'officina meccanica a disposizione,potrebbe risparmiare parecchio.

  16. #126
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    il ferro non costa niente, il problema è creare quel minimo di industializzazione necessario a costrurire il tutto senza che ti salti il tutto in faccia, poi il funzionamento non dico nulla perchè non conoscendo i particolari, comunque buona idea, saluti

  17. #127
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Visto che vi siete appassionati alla biomassa vera stiamo portanto avanti con un dott. chimico la realizzazione di un prototipo di caldaia per pirolisi avendo a disposizione la crusca di riso derivata da macinatura, abbiamo dei ns. conoscenti che hanno realizzato per produrre in sardegna un impianto di pirolisi con due motori il problema è che non riescono a portarlo in temperatura per la reazione, il caricamento della biomassa blocca i caricatori per impaccamento etc., non è proprio una passeggiata se lo si realizza in modo da impiego continuativo senza contare come giustamente dicevate il problema del gas prodotto che qualità può raggiungere
    Vi aggiornerò sugli sviluppi

  18. #128
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ho trovato quello che mi serve.
    Insieme alla stufetta brasiliana, questa è la massima espressione di prodotto industrializzato, frutto però dell'ingegno italico, che lo stato dell'arte propone. Andiamone fieri !
    File Allegati File Allegati
    Ultima modifica di ezio52; 26-09-2010 a 15:56

  19. #129
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Dove l'hai trovata e come funziona?

  20. #130

  21. #131
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Sulzer1 Visualizza il messaggio
    Dove l'hai trovata ?
    Col partocinio della Prov. di Lecco e Agenda 21 Meratese, è una mostra presente in questo week end alla "Fiera del sole di Osnago"
    Una storia veramente interessante , che però lascia un pò di amaro in bocca! vero?
    Il mio andiamone fieri è un tantinello, se non si fosse capito, provocatorio.

    P.S. il " mio rifugio" è sopra Lecco!

    altro collegamento http://www.gses.it/mostre/lafieradelsole.pdf
    Ultima modifica di ezio52; 26-09-2010 a 16:44

  22. #132
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ezio52 Visualizza il messaggio
    Una storia veramente interessante , che però lascia un pò di amaro in bocca!
    Più che l'amaro in bocca provoca qualche conato di vomito!

    Nemo propheta in patria, ma sembra proprio che siamo specialisti nel farci del male da soli, vedasi la fine che ha fatto il THOR, oppure il TOTEM di Palazzetti: schifato qui da noi ma diventato un enorme affare in crucconia: QUESTI per 5.000€ te lo portano a casa e montano con allacciamenti e tutto, e mentre ti scaldi casa fai anche elettricità da immettere in rete: tutto troppo semplice e lineare e quindi impensabile nel Belpaese!

  23. RAD
Pagina 6 di 8 primaprima 12345678 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. microgenerazione casalinga
    Da modifica61 nel forum MOTORI A COMBUSTIONE ESTERNA
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 06-03-2015, 15:40
  2. Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 25-03-2009, 20:19
  3. Le giornate della microgenerazione
    Da badgir nel forum Fiere, Conferenze e Raduni
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 27-02-2008, 19:46
  4. Microgenerazione eolica
    Da nel forum EOLICO
    Risposte: 7
    Ultimo messaggio: 16-06-2006, 17:20
  5. microgenerazione
    Da nel forum Idrogeno e Pile a Combustibile (Fuel Cells)
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 09-06-2006, 10:22

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •