Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 23 a 40 su 40

Discussione: [FAIDATE]: Ricircolo acs con pompa dedicata

  1. #23
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Circuito chiuso



    Quote Originariamente inviata da scresan Visualizza il messaggio
    no. L' anello del ricircolo è un circuito chiuso quindi la prevalenza necessaria a far circolare l' acqua non deve tener conto dell' altezza, ma solo della lunghezza dei tubi e dimensione + curve.

    Ma se funziona a me ....... con 200 mt di ricircolo (multistarto da 26 mm, 20 interni) e 2 piani di casa..... funzionerà anche a te.

    Pressione di esercizio dell' acs di 2 atm.
    certo, ad utenza chiusa, l'anello è chiuso, ad utenza aperta il circuito diventa aperto, ma tanto se l'utenza è aperta l'acqua calda deve andare al rubinetto, ed il circolatore non preleva acqua ma gli arriva acqua spinta dalla pressione della fredda.
    Ok tutto risolto.
    Ciao.

  2. #24
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Io farei:
    Flussostato sulla linea H2O calda e un timer.
    Per richiedere acqua calda si apre e si chiude il rubinetto acqua calda, il flussostato "sente" la richiesta e avvia la pompa per il tempo necessario a riciclare l' acqua.
    Ho fatto proprio cosi, ma ho usato un contatore dell'acqua con conta impulsi, installato sul carico ACS, ha un contatto reed che si chiude ad ogni litro, è più preciso e un timer da 15 minuti fa spegnere il circolatore, ci sono più appartamenti ad uso "turistico" poi col tempo ho installato un orologio timer da quadro per anticipare l'accensione al mattino, dato che sono sempre di corsa e la linea dal locale caldaia alla casa è di 50 metri ed anche con circolatore leggermente sovradimensionato per velocizzare il ciclo ci mette cmq 4 minuti per arrivare bella calda e soprattutto costante e non crescente.
    Ciao

  3. #25
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    .. nel mio impianto l' ultima utenza della linea acs si trova a 100 mt dall' accumulo!!

    come metraggio sono purtroppo QUASI nelle tue stesse condizioni anche se i circuiti ACS sono 3


    e proprio per questo il piccolo circolatore è messo in funzione o spento da un paio di termostati a bottone messi a fascetta su tubi di rame andata ACS e ritorno ricircolo in locale caldaia

    http://www.originalricambi.com/termo...perti-n.o.html

    forse dovrei aggiungere un crono temporizzatore per inibirlo in orario notturno, ma siccome vado a letto alle 2-3 di mattina ed altri si alzano a volte anche alle 5 capisci che non ha neppure senso temporizzarlo

    consuma elettricità?....ecchissenefrega: appena si apre un qualsiasi rubinetto l'acqua è IMMEDIATAMENTE calda
    Ultima modifica di biomassoso; 05-07-2014 a 16:08
    OSSI DI PESCA TRITATI sono un'ottima BIOMASSA alternativa

  4. #26
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno a tutti. Riapro questa discussione di ormai più di due anni fa.
    Ho "installato" anch'io un piccolo ricircolo nel mio impianto ACS che va dal bollitore dell'impianto solare al bagno (sono circa 15 metri di tubazione) circa un minuto di attesa perchè l'acqua arrivasse calda al bagno.
    Per l'impianto elettrica (alimentazione della pompa ho utilizzato un interruttore con sensore di movimento PIR posizionato all'ingresso del bagno. L'interruttore accende la pompa per il tempo stabilito.
    Vorrei fare però una modifica a questo impianto ritardando la partenza della pompa se questa non ha senso che funzioni.
    Cerco di spiegare meglio: quando il sensore di movimento "vede" la persona entrare in bagno fa accendere la pompa e la fa accendere anche quando il sensore di movimento "vede" uscire la persona dal bagno purtroppo e quindi fa funzionare il ricircolo inutilmente.
    Secondo voi esiste una specie di ritardatore che non fa funzionare la pompa dopo il primo minuto di funzionamento per un tempo x (ad esempio 15 minuti) considerato che l'acqua della tubazione in quei 15 minuti sarà ancora calda?

  5. #27
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Sul tubo di ritorno metti un semplice termostato a contatto....appena sente che il ritorno è caldo spegne la pompa....lo metti in serie al sensore in modo che per far funzionare la pompa occorrano entrambi i "consensi"... in questo modo puoi usare ed entrare quanto vuoi dal bagno.....io ho fatto così.....ma non ho sensore....ho collegato alla luce del bagno.....

  6. #28
    Appassionato/a

    User Info Menu


  7. #29
    Amante storico del Forum

    User Info Menu


  8. #30
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    ma se uno entra in bagno solo per vedere se ha chiuso la finstra oppure per pettinarsi cosa gli serve che arrivi acqua calda?

    meglio sostituire il sensore con un semplice interruttore che uno accende quando entra e poi lo spegnimento avviene da termostato a raggiungimento T° o molto più semplicemente uno spegne quando esce
    OSSI DI PESCA TRITATI sono un'ottima BIOMASSA alternativa

  9. #31
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    È sempre un interruttore che ti devi ricordare......io l'ho collegato alla lampadina apposta .....anche se vengono ospiti non devo istruirli....con il sensore no....ma nel mio caso se entro solo per controllare una finestra la pompa rimane accesa solo per quei poche secondi finché non esco e spengo....

  10. #32
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Se poi non hai neanche il termostato che spegne....ancora peggio...io in cucina lascio acceso tutta sera quando guardo la tele...se non avessi il termostato la pompa sarebbe accesa 6 ore al gg..

  11. #33
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno a tutti, avrei bisogno di un'indicazione pratica sul materiale da utilizzare (marche/modelli) per il sistema di ricircolo ACS.
    Io vorrei attivare il circolatore usando un apertura temporanea del rubinetto (per svegliare il flussostrato), in modo che comandi l'accensione e faccia partire il timer (5/10 minuti) ...oppure (senza timer) usando un termostato che quando sente che il ritorno è caldo riapre il circuito arrestando la pompa.
    Se non ho capito male serve un flussostrato (qualcuno mi può consigliare qualche modello), un timer (o un termostato ...tipo quello Caleffi indicato nei messaggi iniziali del thread) ....ma vi chiedo.. ci vuole anche un relè che si interfaccia tra sensori di comando ed il circolatore oppure il flussostrato e/o timer agiscono direttamente sul circuito elettrico (chiudendo ed aprendo) e quindi sul circolatore? Grazie

  12. #34
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Il flussostato non è altro che un interruttore, idem il termostato. Per cui non servono relè.
    Quot homines tot sententiae

  13. #35
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Intanto grazie, per l'info riguardo il flussostato (il termostato lo sapevo).
    La logica di utilizzo che volevo attuare prevede che appena mi sveglio la mattina faccio attivare il flussostato (aprendo per solo alcuni secondi il rubinetto) ... e dopo due/tre minuti (durante i quali è attivo il circolatore) se apro il rubinetto per lavarmi ho a disposizione l'acqua calda.
    Tale logica non è compatibile l'impiego diretto del flussostato, infatti appena chiudo il rubinetto verrebbe arrestato il funzionamento del circolatore. L'uso del relè insieme al flussostato servirebbe per attivare il circolatore (appena apro il rubinetto la mattina) e l'impiego del termostato servirebbe ad interromperebbe il funzionamento del circolatore (dando un impulso al relè) quando viene raggiunta una certa temperatura.
    A parte l'uso di timer e di sensori di presenza, siete a conoscenza di sistemi alternativi a quello che avevo in mente io, se non è facilmente attuabile?
    Quote Originariamente inviata da Daniel1980 Visualizza il messaggio
    Il flussostato non è altro che un interruttore, Per cui non servono relè.

  14. #36
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    .... il flussostato da l' impulso al timer, il quale attiva il circolatore per n minuti, sufficienti a far arrivare l' acqua ad una certa T sul ramo di ritorno del ricircolo, che attiva un termostato che apre il circuito fra circolatore e timer!

    Se se un abitudinario (sveglia alle 7.00 precise ogni giorno, esclusa domenica alle 9.00... ad esempio) puoi utilizzare un crono termostato sul ritorno del circuito acs dove imposti che il circolatore del ricircolo giri se a quell' ora in quel punto non c'è una certa T.

    Oppure puoi combinare le diverse soluzioni!

  15. #37
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Scresan per l'aiuto concreto, non riesco però a capire come possa l'impulso del flussostato attivare il timer. Per quello che ho capito il flussostrato chiude un contatto o dà un impulso se c'è passaggio di acqua. Ma se questa cessa immediatamente dopo (nel caso di apertura per pochi secondi del rubinetto affinché dia la sveglia al flussostrato) il contatto si apre o non ci sono più impulsi...conseguentemente il timer non riceve più niente e si ferma. Puoi indicarmi dei prodotti, io ho trovato un flussostato della Caleffi ma non so se è appropriato. Il termostato l'ho trovato, quello segnalato in qs thread.

  16. #38
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Puoi usare un timer per luci scale........................una volta avviato si ferma solo dopo il tempo impostato, quello che puo fare il flussostato è solo riavviare il conteggio
    Prendine uno elettronico

    Rele timer RS PRO 11ODT4RS, intervallo 0,3 s → 30 h, SPDT, 1 poli, 24 V c.a./c.c., 110 V c.a. max | RS Components
    Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
    Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.

  17. #39
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie Moreno, per la dritta e per il suggerimento di prodotto, ho mandato richiesta info ad un produttore Finder per capire se il loro prodotto (14.71) può essere impiegato per questo uso. Adesso mando mail anche al produttore RS PRO. Quello che mi hai segnalato è alimentato da 12V o 110V, forse a me servirebbe quello da 230V? Oppure devo alimentarlo con un trasformatore dedicato da 12V o 24V? Questa soluzione è già stata applicata o è un'idea brillante (seriamente) che ti è venuta in mente dopo aver letto la mia richiesta di aiuto?

  18. #40
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Sono un appassionato di elettronica e "faidate" , certe soluzioni sono applicate ed applicabili in molteplici campi
    La tensione di alimentazione cercala a 220 per comodita e minori componenti da assemblare, il principio non cambia

    P.s. è sempre un piacere provare a dare aiuto................................
    Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
    Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.

  19. RAD
Pagina 2 di 2 primaprima 12

Discussioni simili

  1. Pompa per ricircolo e Temporizzazione
    Da 1000Ghz nel forum Solare TERMICO
    Risposte: 26
    Ultimo messaggio: 29-09-2015, 10:48
  2. Non riparte la pompa di ricircolo
    Da Bubusettete1978 nel forum BIOMASSE
    Risposte: 48
    Ultimo messaggio: 23-09-2014, 22:10
  3. pompa di ricircolo
    Da santopulo nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 22
    Ultimo messaggio: 20-11-2010, 20:29
  4. Vantaggi pompa ricircolo
    Da Grande Puffer nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 46
    Ultimo messaggio: 14-11-2010, 02:29
  5. dimensionamento pompa di ricircolo
    Da DICO73 nel forum Solare TERMICO
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 21-12-2009, 22:37

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •