Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 22 su 42

Discussione: Nuovo Impianto caldaia a legna solarbayer 25KW HVS E + 2 puffer 800l + boiler 300l

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Nuovo Impianto caldaia a legna solarbayer 25KW HVS E + 2 puffer 800l + boiler 300l



    Ciao a tutti,
    mi permetto di aggiungere alle già tantissime discussioni la mia esperienza ancora in progress. E’ infatti grazie a questo forum che ho acquisito le informazioni per poter fare le mie scelte su come riscaldare casa. Quindi anzitutto un grazie a tutti. Sentivo quasi un dovere ricambiare quanto ricevuto condividendo il mio percorso che tra pochi giorni si concluderà con la prima accensione.
    A settembre ho acquistato, con la consulenza di Dott. Nord Est, un sistema come da titolo e in questi giorni sto ultimando l’istallazione. Sostituisco una caldaia a GPL da 24 kw che rimane di emergenza. Nessuna modifica alla regolazione d’impianto che rimane quella che ho trovato quando ho comprato la casa (dettagli in firma). Anzitutto esplicito che ho scelto di usare la legna per avere il massimo risparmio. Dalle parti d Macerata non è comune istallare una caldaia a legna (= poca esperienza degli istallatori che sono spesso molto approssimativi) per cui le informazioni contenute nelle varie discussioni sono state per me preziosissime fonti d’ispirazione. Per esempio fino all’anno scorso (è dal 2008 che ho cominciato a farmi un’idea sulle caldaie a legna per risolvere i problemi di riscaldamento dei miei genitori) avevo la fantasia che la caldaia fosse l’elemento centrale, fondamentale, imprescindibile dell’impianto tanto che se fosse stata sbagliata quella scelta le cose poi si sarebbero sicuramente messe male con pentimenti e imprecazioni a non finire. Avevo letto di esperienze di gestione terribili con istallazioni di caldaie termorossi. Quindi se ce n’era uno convinto (in quanto molto spaventato da future delusioni) che la mia caldaia a legna sarebbe stata un’austriaca quello ero io. (avevo all’epoca un amore prediletto per la KOB ma prezzi superimpegnativi che hanno fermato l’acquisto: il preventivo per i miei genitori per la sola caldaia da 25/30 kw, seppur completa di tutto con tanto di gestione climatica ecc., era sui 10.000 euro + iva)Le austriache erano le uniche che mi davano fiducia e alle quali mi sarei affidato. Ho quindi fatto fare un preventivo al rappresentante di zona della Froling perché convinto della qualità della caldaia, ma poi i prezzi finali confrontati con le mie disponibilità finanziarie mi hanno fatto dubitare sulla reale convenienza economica dell’operazione costringendomi a riflettere e cercare ancora finché ho trovato il forum, finché ho confrontato le esperienze sul campo e ho chiesto privatamente a chi usa austriache, tedesche, polacche ecc. Adesso quello che ritengo essenziale valutare quando si pensa ad acquistare ed istallare un sistema a legna è: lo spazio disponibile da dedicare/sacrificare all’impiantistica e alla conduzione; la canna fumaria; la competenza e l’affidabilità di chi ti vende il pacchetto; lo schema d’impianto; la qualità del puffer a stratificazione , l’anticondensa. Il resto può migliorare un poco il confort o l’efficienza complessiva ma si tratta di cose a mio parere non essenziali che non credo/spero possano inficiare sulla soddisfazione complessiva. Alla fine la legna per tutte le caldaie dev’essere secca e la devi cmq caricare pezzo dopo pezzo. Oggi penso che la caldaia può anche non essere per forza un’austriaca, che sulla caldaia si può anche risparmiare qualcosa.
    Per quanto riguarda lo spazio a mia disposizione ho passato un sacco di tempo a progettarlo e non da ultimo concertarlo con mia moglie. Abbiamo dovuto sacrificare l’intero locale tecnico di 3m*1.70* H 1.91 dove c’era solo la caldaia a GPL ma che utilizzavamo soprattutto come “rifugio peccatorum” e nonostante il sacrificio questo non bastava. ( infatt ho dovuto optare per due puffer da 800 perchè uno solo più grande non ci stava in altezza). Allora ho deciso di piazzare la caldaia all’esterno facendogli un riparo coibentato con tutti i vantaggi (non porto la legna dentro casa, non ho il probema di inserire due generatori nello stesso locale e gli svantaggi (devo uscire di casa per caricare la caldaia, maggiori difficoltà di istallazione e di pratiche burocratiche in comune). La legnaia però è vicina (4/5 m). La canna fumaria l’ho fatta nuova. Corre esterna sul muro perimetrale è alta 5 metri con sezione interna da 180 cm, cappello a botte, completa di valvola di tiraggio. Supera di 80 cm il colmo del tetto. Spero di ottenere un tiraggio sufficiente. Mi convince meno il canale da fumo tutto orizzontale. (40 cm /raccordo a T/30 cm prima di andare in canna fumaria) ma non sono ruscito al mometo a fare meglio. Farò sapere come mi trovo. Non ho istallato alcun aspiratore fumi da usare in ricarica. La caldaia, com'è noto è di tipo soffiato.
    Sulla competenza e l’assistenza pre e post vendita posso invece già emettere un mio giudizio: eccellente, soprattutto nella semplicità di contatto. Scrivi o telefoni a Dott Nord Est e ottieni subito una risposta a dubbi o perplessità. Quindi anche se il mio acquisto è stato praticamente on line non ho avuto sorprese, ma ho sperimentato con piacere un’affidabilità totale. Mi piace Solarbayer perché ha su internet il proprio listino trasparente e chiaro anche sui pezzi di ricambio il che permette di sapere a che cosa si va incontro in caso di rotture, permette di comprarsi i ricambi da soli tramite shop on line e per me significa massima libertà e autonomia.
    Appena riesco a fare l’accensione aggiornerò su come mi trovo, posto qualche foto e vedremo se saranno confermate o meno le mie conclusioni. Con gli attuali consumi di GPL fra i 3200 e i 4000 litri prevedo un consumo annuo di legna tra i 50 e 65 q.li di legna secca.
    Casa nella campagna di Macerata ristrutturata nel 2004. (mq lordi 221, calpestabili 170, 7,5 vani) Classe energetica E. Sistema radiante a pavimento + 3 termoarredi AT diretti nei 3 bagni. Caldaia a legna Solarbayer 25kw + 2 puffer 800l + boiler 300l in funzione dal 03.11.2015.

  2. #2
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Bel lenzuolone! Spero che il valore dello sconto addizionale sia stato proporzionale alla lunghezza del compito (se non te lo ha fatto fattelo fare, questo è vero native advertising, roba da 'Mericani, va pagato!).

    Complimenti ad ogni modo, con quei consumi di GPL il tutto dovrebbe dare delle buone soddisfazioni. Stai installando da solo?

  3. #3
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Penso che ne consumerai più 65 che 50 di qli di legna ,visto che a occhio e croce dovresti avere un fabbisogno di circa 22.000 Kw annui.

    Io ero indeciso tra legna e pellet ma poi alla fine ho deciso per il pellet che ritengo più comodo da gestire anche se ha costi maggiori della legna.
    Diciamo che i sono concesso un piccolo lusso e sopratutto ho fatta felice mia moglie che era parecchio preoccupata dalla prospettiva a volte di doveressere lei, che non stà molto bene con la schiena, a caricare la caldaia a legna.
    Caldaia Lazar Smartfire 22kw , sonda lambda,240 lt serbatoio pellet, modulo Econet300 , Puffer Galmet multiinox 600 lt, Collettori solari Ksg21.

  4. #4
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie, si spero in buone soddisfazioni. Per l'istallazione no, non sono un molto pratico di tubistica, cmq abbastanza formato teoricamente sui principi, grazie al forum, per dire all'idraulico, alla prima esperienza di montaggio di questi sistemi, che aveva sbagliato il collegamento della mandata e del ritorno dal puffer al collettore. Essendocene due forse si era confuso. Avere lo schema prima serve anche ad una maggiore condivisione con l'istallatore.
    Per il "lenzuolone": avevo solo voglia di condividere il mio percorso e di dare un po' di info per inquadrare la situazione al fine di limitare eventuali richieste di specificazione. Non mi sarei sprecato tanto solo per fare un favore a chi mi ha venduto, si poteva eventualmente fare con meno energie.

    Si credo anch'io di attestarmi sui 22.000 kw, quindi più verso i 65q.li. Farò sapere. Cmq su mia moglie non posso proprio contare. Tutto sulle mie spalle. Alla fine quando proprio non riesco partirà in automatico la caldaia a gpl… che devo fare.
    Casa nella campagna di Macerata ristrutturata nel 2004. (mq lordi 221, calpestabili 170, 7,5 vani) Classe energetica E. Sistema radiante a pavimento + 3 termoarredi AT diretti nei 3 bagni. Caldaia a legna Solarbayer 25kw + 2 puffer 800l + boiler 300l in funzione dal 03.11.2015.

  5. #5
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Edward,
    Riesci a postare qualche foto da cui si riesce a vedere qualcosa dell'impianto? Anche io sono in procinto di installare caldaia, e come te (più di te) ho problemi con la canna fumaria...
    Buona serata a tutti!

  6. #6
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Immagini istallazione e prima accensione

    Martedi pomeriggio ho accesi l'impianto. E' andato tutto bene. La soddisfazione è piena, secondo le mie aspettative. Stratificazione perfetta. Con entrambi i puffer a 80° ho più di 3 ore di autonomia. Adesso devo solo montare la copertura.
    Immagini Allegate Immagini Allegate
    Casa nella campagna di Macerata ristrutturata nel 2004. (mq lordi 221, calpestabili 170, 7,5 vani) Classe energetica E. Sistema radiante a pavimento + 3 termoarredi AT diretti nei 3 bagni. Caldaia a legna Solarbayer 25kw + 2 puffer 800l + boiler 300l in funzione dal 03.11.2015.

  7. #7
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito altra foto

    Casa nella campagna di Macerata ristrutturata nel 2004. (mq lordi 221, calpestabili 170, 7,5 vani) Classe energetica E. Sistema radiante a pavimento + 3 termoarredi AT diretti nei 3 bagni. Caldaia a legna Solarbayer 25kw + 2 puffer 800l + boiler 300l in funzione dal 03.11.2015.

  8. #8
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Edward complimenti per lìimpianto ma soprattutto per la casa! Non avevi un posto meno scenografico per mettere due ferracci pieni di acqua????

    MP
    IMHO ovviamente.

  9. #9
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Thumbs up

    Complimenti x l'impianto e la casa!
    Dalle foto non si riesce a capire bene l'impianto, ma sembra pulito (nel senso: semplice, lineare)!
    Buon inverno Edward!!!
    Mi raccomando copri bene la caldaia, altrimenti prende freddo!

  10. #10
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Complimenti per l'impianto e la casa EDWARD, la zona è proprio bella, anche qs'anno io sono stato a Civitanova al mare; dovresti sfruttare il sole che avete bello limpido tutto l'anno.
    Vorrei chiederti cosa intenti per autonomia di tre ore-
    Grazie.

  11. #11
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da ALBEN Visualizza il messaggio
    Complimenti per l'impianto e la casa EDWARD, la zona è proprio bella, anche qs'anno io sono stato a Civitanova al mare; dovresti sfruttare il sole che avete bello limpido tutto l'anno.
    Vorrei chiederti cosa intenti per autonomia di tre ore-
    Grazie.
    Intendo con le pompe di rilancio che girano ininterrottamente.
    Casa nella campagna di Macerata ristrutturata nel 2004. (mq lordi 221, calpestabili 170, 7,5 vani) Classe energetica E. Sistema radiante a pavimento + 3 termoarredi AT diretti nei 3 bagni. Caldaia a legna Solarbayer 25kw + 2 puffer 800l + boiler 300l in funzione dal 03.11.2015.

  12. #12
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da EDWARD Visualizza il messaggio
    le pompe di rilancio che girano ininterrottamente.
    intendi a caldaia spenta..
    Caldaia red compact 24 easy clean - Termocamino 30 kW - puffer 1300 Lt., scambiatore 40 + 12 piastre acs - centralina climatica HCC5 Sorel - zona climatica "C" - 1384 gradi giorno - Uw infissi zona C, 2.6W/m2K - casa 360 MC - temperatura interna 22° h 18/24..

  13. #13
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da aldo55 Visualizza il messaggio
    intendi a caldaia spenta..
    si al caldaia spenta
    Casa nella campagna di Macerata ristrutturata nel 2004. (mq lordi 221, calpestabili 170, 7,5 vani) Classe energetica E. Sistema radiante a pavimento + 3 termoarredi AT diretti nei 3 bagni. Caldaia a legna Solarbayer 25kw + 2 puffer 800l + boiler 300l in funzione dal 03.11.2015.

  14. #14
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao EDWARD,

    scusa, ma i puffer erano tutti e 2 a 80°, perchè con radiante solo 3 ore di autonomia con 1600 litri mi sembra un pò pochino, o dopo 3 ore si sono fermate perchè raggiunto la t di set-point in casa e almeno un puffer ancora bello caldo

  15. #15
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Lore_ Visualizza il messaggio
    Ciao EDWARD,

    scusa, ma i puffer erano tutti e 2 a 80°, perchè con radiante solo 3 ore di autonomia con 1600 litri mi sembra un pò pochino, o dopo 3 ore si sono fermate perchè raggiunto la t di set-point in casa e almeno un puffer ancora bello caldo
    Si tutti e due carichi a 80°. Tieni presente che ho anche 3 termoarredi che al momento (ma sto provvedendo) viaggiano alla temperatura di mandata. Cioè se ho 80° ho anche 80° nei termoarredi. Una follia ma l'impianto era così. Fra poco monto una miscelatrice per limitare la mandata. Tieni presente che una parte,anche se piccola, è andata anche per caricare il boiler. Dopo 3 ore di funzionamento ininterrotto circa, può darsi che erano anche 3h e 15, non ho cronometrato, i puffer erano entrano entrambi scarichi con acqua a 35/45° circa. La pompa si ferma quando il termostato posto sul primo puffer a circa 1/3 segna 45°. Cosa non ti torna? Per me è tutto normale. Il radiante consuma calorie, sarà più efficiente (forse) ma consuma se vuoi scaldare.
    Casa nella campagna di Macerata ristrutturata nel 2004. (mq lordi 221, calpestabili 170, 7,5 vani) Classe energetica E. Sistema radiante a pavimento + 3 termoarredi AT diretti nei 3 bagni. Caldaia a legna Solarbayer 25kw + 2 puffer 800l + boiler 300l in funzione dal 03.11.2015.

  16. #16
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    se dei 1600 lt, circa 1300 lt sono interessati dallo "scarico" (vedasi allegato), calcolando un delta di 35° (80-45), si hanno circa 45.000 cal.
    diviso 3 ore/3 ore e 15, sono circa 14.000 cal/ora
    su 170 mt classe E penso sia normale....
    quindi, come dice edward, non vedo nulla di strano.
    http://www.erregisas.org/wp-content/...2044703798.jpg
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , riscaldamento a biomassa e PDC
    Scopri e guarda chi sono: www.erregisas.org / 348-8581140


  17. #17
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao EDWARD,

    probabilmente il radiante e pavimento freddi essendo la prima accensione hanno consumato parecchio per andare a regime, perché che io sappia il radiante deve andare h24 a t di mandata basse, se hai autonomia di solo 3 ore adesso che non fa freddo, questo inverno ai voglia di fare il fochista .
    Perché Dott, se i puffer stratificano bene erano a 35° (a meno di mandare acqua nel radiante a 45° allora quando si ferma la pompa è tutto a 45) quando si è fermato, quindi delta 45° che è molto di più di 45000 calorie , considerando che non sembra faccia ancora freddo, almeno di giorno, a me sembrerebbe un po' poco come autonomia.


    Inviato dal mio GT-I9070 utilizzando Tapatalk

  18. #18
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Lore.... devi imparare a leggere bene tutti i particolari.......
    edward ha detto di avere dei termoarredi, che lavorano a T° molto più alta del radiante; quindi il ritorno di questi non è certo come il radiante, e il ritorno di questi è la T° nei puffer....
    inoltre, se leggi bene, ha detto che manca la miscelatrice in uscita e che a giorni la monta, per impedire T° di anche 80° ai termoarredi.

    l'autonomia totale non è di tre ore, ma il tempo di combustione (circa 4 ore) + il tempo a caldaia spenta (3/3.15).
    da considerare che la casa era ferma e fredda....
    io ci metterei la firma per questi risultati sempre su case appena avviate.

    secondo il tuo calcolo, 170 mt in zona E misto radiante/termoarredi con partenza da casa ferma e fredda, quante calorie dovrebbe consumare ?
    Ultima modifica di Dott Nord Est; 06-11-2015 a 08:25
    http://www.erregisas.org/wp-content/...2044703798.jpg
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , riscaldamento a biomassa e PDC
    Scopri e guarda chi sono: www.erregisas.org / 348-8581140


  19. #19
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Lore_ Visualizza il messaggio
    Ciao EDWARD,

    probabilmente il radiante e pavimento freddi essendo la prima accensione hanno consumato parecchio per andare a regime, perché che io sappia il radiante deve andare h24 a t di mandata basse, se hai autonomia di solo 3 ore adesso che non fa freddo, questo inverno ai voglia di fare il fochista .
    Perché Dott, se i puffer stratificano bene erano a 35° (a meno di mandare acqua nel radiante a 45° allora quando si ferma la pompa è tutto a 45) quando si è fermato, quindi delta 45° che è molto di più di 45000 calorie , considerando che non sembra faccia ancora freddo, almeno di giorno, a me sembrerebbe un po' poco come autonomia.


    Inviato dal mio GT-I9070 utilizzando Tapatalk
    Il mio radiante non gira h24. La regolazione della temperatura ambiente è fissa h 24 a 21/22 gradi. Non ho regolazione climatica. La temperatura di mandata al radiante è di 30 gradi nelle zona giorno con pavimento in grès e di 38 nella zona notte dove ho perline con spessore di 2 cm. In questi giorni l'impianto può anche stare 20/24 ore senza far girare le pompe. Quindi quando riparte il massetto del pavimento è effettivamente freddo. Calcola poi che ho tre zone con 3 miscelatrici che credo non siano il massimo dell'efficienza. La casa è in campagna, finestre piccole, e l'apporto del sole non è gran che. Capita a volte di avere la sensazione, se non accendi, che sia più caldo fuori che dentro. Per esempio: ho acceso ieri alle 11. Tutto a 83 °. Questa mattina ho ancora tutto quasi tutto a 80° a parte la parte bassa del secondo buffer che è 60° perché ha consumato il boiler. L'impianto non è mai partito. In casa 21 gradi. Non accendo sicuramente fino a domani. A me torna tutto.
    Casa nella campagna di Macerata ristrutturata nel 2004. (mq lordi 221, calpestabili 170, 7,5 vani) Classe energetica E. Sistema radiante a pavimento + 3 termoarredi AT diretti nei 3 bagni. Caldaia a legna Solarbayer 25kw + 2 puffer 800l + boiler 300l in funzione dal 03.11.2015.

  20. #20
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao EDWARD,

    non stò dicendo che "non tornano i conti" dico solo che 7 e passa ore di funzionamento con radiante mi sembrano pochi e non ottimale e tutto è dovuto, come confermi, dalla gestione del riscaldamento .

    Personalmente penso che usi il radiante nel modo peggiore, come se fosse un riscaldamento con termosifoni on/off che crea molta inefficienza e anche il confort ne risente .
    Un'altra cosa che mi sembra poco efficiente, quasi inutile, sono le 2 zone del radiante con t di mandata diverse (30° e 38°), comandate penso da 2 cronotermostati e la 3a zona dei 3 termoarredi in diretta (gestiti da che cosa?, perchè se partono a richiesta con qualche pulsante non sarebbe un grosso problema, se invece partono quando parte riscaldamento, dopo anche solo 5 ore a 80° facevi la sauna nei bagni).

    Io, se fossi in te, farei una zona unica del radiante con gestione climatica, la spesa potrebbe poi essere un'attuatore per la miscelatrice, costo circa 200 euro e una centralina climatica 350 euro di listino(con quello che hai speso e la pubblicità che fai a Dott, potrebbe anche farti un bello sconto) ed eventualmente la miscelatrice che recuperi dalla 2a zona la usi per i 3 termoarredi (che se poi fossero usati a richiesta, al bisogno quando servono tipo "stufetta caldo-bagno" anche senza miscelatrice, non penso sia una spreco eccessivo, a meno di non avere il radiante nei bagni).

    Con poco avresti una gestione totalmente differente, che sopratutto in termini di confort e probabilmente anche di autonomia è tutta un altra cosa e ti darebbe molte altre soddisfazioni e l'unica cosa che dovresti fare, dopo un periodo per calibrare il tutto e trovare la giusta curva climatica, è controllare ogni tanto i puffer per vedere se accendere la caldaia o meno.
    Poi non ti preoccupare delle finestre piccole, il sole di adesso è un vantaggio effimero, ti sembra scaldi fin tanto che ti picchia addosso, appena sparisce o si abbassa, te ne accorgi subito come la temperatura si abbassa.

    Gestendo in climatica, quindi a t di mandata più basse (anche meno di 30° in base a t esterna), girando 24h su 24h, potresti sfruttare ancora di più i puffer, scaricandoli di più, poi se in quel boiler da 300 litri c'è collegato un solare termico proverei a togliere anche i 300 litri del primo puffer come riserva per il boiler acs, perchè a regola, se si ferma la pompa di riscaldamento, con radiante è ora di far ripartire la caldaia e quindi ti puoi regolare in base hai tuoi consumi abituali di acs e al tempo, per decidere se ti serve far partire o meno la caldaia per acs .

  21. #21
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Lore_ Visualizza il messaggio
    (con quello che hai speso e la pubblicità che fai a Dott, potrebbe anche farti un bello sconto)
    magari ha speso meno di quanto immagini.....

    per il discorso climatica concordo
    http://www.erregisas.org/wp-content/...2044703798.jpg
    SOLARFOCUS - WINDHAGER - SOLARBAYER - RED , riscaldamento a biomassa e PDC
    Scopri e guarda chi sono: www.erregisas.org / 348-8581140


  22. #22
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Personalmente penso che usi il radiante nel modo peggiore, come se fosse un riscaldamento con termosifoni on/off che crea molta inefficienza e anche il confort ne risente .
    Sono d'accordo con te. Una volta gli impianti li facevano con questo concetto. Cmq di buono c'è che risponde con poca inerzia, nel senso si sente subito l'effetto radiante. Il passo dei tubi dovrebbe essere 10 cm.

    Un'altra cosa che mi sembra poco efficiente, quasi inutile, sono le 2 zone del radiante con t di mandata diverse (30° e 38°), comandate penso da 2 cronotermostati e la 3a zona dei 3 termoarredi in diretta (gestiti da che cosa?, perchè se partono a richiesta con qualche pulsante non sarebbe un grosso problema, se invece partono quando parte riscaldamento, dopo anche solo 5 ore a 80° facevi la sauna nei bagni).
    Per precisarti meglio: le zone con relative miscelatrici sono 3. (2 zona giorno) e 1 zona notte + 3 termoarredi. Con l'attuale regolazione non ritengo sia sbagliato mandare a temperature diverse a seconda del rivestimento del pavimento. Non ci sono crono-termostati ma solo termostati con temperatura fissa. Sui termoarredi non ho possibilità di alcun controllo (cazzata questa di chi ha fatto l'impianto) se non limitare la temperatura di mandata. Vanno tutti e tre quando parte qualsiasi termostato di zona.

    Io, se fossi in te, farei una zona unica del radiante con gestione climatica, la spesa potrebbe poi essere un'attuatore per la miscelatrice, costo circa 200 euro e una centralina climatica 350 euro di listino
    Sono pienamente d'accordo. E' la soluzione e lo farei ma ora non posso spendere ancora. Forse avrei dovuto pensarci meglio prima. Magari fra un po' potrei apportare questa miglioria.


    Gestendo in climatica, quindi a t di mandata più basse (anche meno di 30° in base a t esterna), girando 24h su 24h, potresti sfruttare ancora di più i puffer, scaricandoli di più, poi se in quel boiler da 300 litri c'è collegato un solare termico proverei a togliere anche i 300 litri del primo puffer come riserva per il boiler acs, perchè a regola, se si ferma la pompa di riscaldamento, con radiante è ora di far ripartire la caldaia e quindi ti puoi regolare in base hai tuoi consumi abituali di acs e al tempo, per decidere se ti serve far partire o meno la caldaia per acs .
    Si anche non gestendo in climatica ho deciso di sfruttare di più i puffer scaricandoli completamente fino a 30° senza dare precedenza ad ACS. Mi sembra buono il risultato. Ho visto che il boiler da 300 litri caricato a 65° senza solare mi potrebbe essere già sufficiente prima dell'accensione della caldaia. Cmq in base a come va mi regolerò. L'unica cosa che riuscirò/dovrò a fare in qs giorni visto che mi è pure partita una pompa d rilancio è montare una miscelatrice a punto fisso (che costa poco) in mandata.

    Grazie per l'attenzione che mi hai riservato. Spero cmq di riuscire a far sapere meglio come va il tutto aggiornando in futuro con qualche dato. Sono alle prime accensioni e devo fare esperienza. Cmq mi piace tantissimo accendere la caldaia. Sono già molto contento.
    Casa nella campagna di Macerata ristrutturata nel 2004. (mq lordi 221, calpestabili 170, 7,5 vani) Classe energetica E. Sistema radiante a pavimento + 3 termoarredi AT diretti nei 3 bagni. Caldaia a legna Solarbayer 25kw + 2 puffer 800l + boiler 300l in funzione dal 03.11.2015.

  23. RAD
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Aggiungere caldaia a legna e puffer nel mio impianto
    Da maustrizio nel forum Caldaie a Biomassa
    Risposte: 349
    Ultimo messaggio: 22-12-2015, 13:09
  2. Risposte: 314
    Ultimo messaggio: 06-08-2014, 20:55
  3. Risposte: 12
    Ultimo messaggio: 17-08-2012, 13:26
  4. schema impianto caldaia legna / caldaia gpl + puffer
    Da pablito80 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 22-03-2011, 13:17
  5. Caldaia legna solarbayer LC
    Da thorII nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 17-12-2010, 18:45

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •