Mi Piace! Mi Piace!:  6
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  1
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 20 su 25

Discussione: Nuova stufa pirolitica-gassificatore

  1. #1
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito Nuova stufa pirolitica-gassificatore



    Beh..fosse arrivato dicendo che il suo bruciatore rendeva il 3% in piu di una normale stufa a pellet non a condensazione e ABBATTEVA INQUINANTI del 25%, , gli avremmo fatto il monumento
    Gia il fatto che diceva che non fa cenere ("non si pulisce perchè non produce più cenere") è ridicolo..la cenere è un residuo la cui quantita NON dipende dalla qualità e modalità della combustione ma dal contenuto degli INCOMBUSTIBILI nel combustibile ( i minerali , essenzialmente).
    Non so quali di questi minerali della cenere potesse vaporizzare nella sua stufetta...infatti l'alta T la si raggiunge nela parte alta dove il gas del legno è incendiato mdiante apporto di aria comburente, ma nella parte bassa della stufa (dove si gasifica il legno) le T sono molto piu basse, penso attorno a 400 gradi, dove avviene una combustione in carenza di ossigeno. A quelle T i minerali che ho nel combustibile , mi restano li ne piu ne meno che in una stufa normale.
    PERO se come nella sua stufa ho MOLTA turbolenza e immissione di aria in pressione (si vedono tubi aria compressa e regolatori di pressione), una buona parte di veneri le "sparo fuori" dalal stufa..e infatti si vedono uscire scintille, che sono cenere ricoperta da carbonio che passando nella zona ad alta T (fiamma blu) si scada e poi uscoendo trova molto ossigeno e si incendia in modo rapido...ma li attorno avrai poi un accmulo di cenere sul pavimento...
    Però lui arriva dicendo che da 5 kwh di pellet ne tira fuori 22..meglio che scriva sul suo blog e basta

    Nel suo sito si legge ".... all'interno del bruciatore/catalizzatore della PLASMA STOVE consente di raggiungere temperature superiori ai 1000°C. A queste temperature gli ossidi di azoto reagiscono con le particelle di carbonio sul corpo catalizzatore trasformandosi in N2O (protossido di azoto) e CO (monossido di carbonio). E' per questo motivo che la PLASMA STOVE consuma poco pellet perchè è in grado di trasformare anche l'azoto in un gas combustibile."

    Ora...io non sono un chimico MA il Protossido di azoto mi pare sia l'"l'addormentina" che i dentisti danno ai bambini per levare i denti da latte "complicati"..e mi risulta NON sia infiammabile.
    Il monossido invece brucia, ma brucia come brucia in qualsiaisi stufa dove si ha una buona alimentazione di ARIA SECONDARIA

    La PERLA arriva pero dopo; "E' stata realizzata anche una versione speciale di questo bruciatore a olio vegetale che consente di trasformare l'acqua in combustibile che brucia all'interno."
    Quindi qui non siamo piu davanti alla trasformazione dell'H2O in un COMBUSTIBILE (presumo H ma non è dato sapere).

    Accidenti..avevamo per le mani l'invenzione del secolo..una stufetta che trasformava non solo 5 kwh in 22..ma addirittura l'acqua in gas combustibile senza elettrolisi.

    Insomma ..moltiplicazione pani , pesci e kwh..acqua in vino (azoto in combustibile...acqua che brucia..cenere in ???)... mancava solo camminasse sulle acque , e potevamo farlo Presidente del Consiglio.
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  2. #2
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da marcober Visualizza il messaggio
    Ora...io non sono un chimico MA il Protossido di azoto mi pare sia l'"l'addormentina" che i dentisti danno ai bambini per levare i denti da latte "complicati"..e mi risulta NON sia infiammabile.
    Neanche io sono un chimico però so che il protossido di azoto (N2O) ha si piccole proprieta anestetiche, ma viene impiegato in campo motoristico come il più efficace sistema di sovralimentazione chimica.
    Impiegato su un generatore a biomassa onestamente non saprei come si comporterebbe.
    Se passa di qua Francy magari ci ragguaglia meglio.

    Accidenti..avevamo per le mani l'invenzione del secolo..una stufetta che trasformava non solo 5 kwh in 22..ma addirittura l'acqua in gas combustibile senza elettrolisi.
    Già, anche io "pensavo" di aver finalmente trovato il generatore a biomassa concorrente delle PDC.......invece........

    Saluti
    Il dono della fantasia è stato per me più importante della mia capacità di assimilare conoscenze (A.Einstein)

  3. #3
    innominato
    Ospite

    Predefinito

    Ciaoooo raga

    DI PASSAGGIO


    dunque... il protossido di azoto (N2O) , alle condizioni normali è un vapore incolore ,con odore dolciastro .

    liquefa a circa -89 °C ( a 1.013 hPa )

    pressione di vapore A 25 °C circa =58 kg/cm2

    temperatura critica +37 °C

    si usa come anestetico in odontoiatria (chiamato anche gas esilarante ) .
    si usa nella panna spray
    si usa come comburente per razzi
    si usa in ambito motoristico
    etc..

    per quel che riguarda la stabilità chimica ,
    1-la molecola di N2O si decompone nei sui elementi alla temperatura di circa 575 °C ( a pressioni elevate può decomposrsi anche a 300°C)
    2-è un comburente
    3-puo' reagire violentemente con sostanze organiche comportandosi da COMBURENTE... e non da combustibile come molti pensano.

    comunque direi che

    -vista la temperatura di decomposizione del prodotto (575 °C )
    -vista la sua caratteristica di reagire con sostanze organiche o riducenti


    ho molti dubbi sul come si possa formare N2O ...a BEN 1000°C ....ED in presenza di combustibili

    bho ...forse la risposta ce l'hanno ?

    ciao cari

    cordialmente

    Francy
    Ultima modifica di innominato; 27-11-2016 a 21:13

  4. #4
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    La legislazione tra un pò la imparete tutti.. già alcuni stati vedi la francia ha vietato l'utilizzo di stufe a legna e pellet a causa delle alte percentuali di inquinanti che vengono inviati in atmosfera. Oltremodo i costruttori di stufe dovrebbero rimanere muti dopo che l'unica innovazione che hanno saputo tirare fuori (e nemmeno loro ma i costruttoti di elettronica) è quella di fornire una APP al cliente per accendere la stufa a distanza.. TUTTI STANNO VENDENDO PRODOTTI OBSOLETI E INFATTI I RISULTATI DI MERCATO SI VEDONO.. PER VENDERE OCCORRE RICERCA E INNOVAZIONE E NON SEMPRE I SOLITI BANALI DISCORSI ALL'ITALIANA.

  5. #5
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da alenergy Visualizza il messaggio
    trasformandosi in CO
    E il CO che fine fa?

    Quote Originariamente inviata da alenergy Visualizza il messaggio
    La legislazione tra un pò la imparete tutti.. già alcuni stati vedi la francia ha vietato l'utilizzo di stufe a legna e pellet a
    Puoi per favore linkare nero su bianco la normativa francese e di questi "alcuni stati"?

  6. #6

  7. #7
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Abbi pazienza ma non è una risposta chiara.
    Il CO nella combustione tradizionale della biomassa legnosa è il risultato del primo processo di ossidazione, che avviene mediante l'apporto di aria comburente primaria. il CO viene ulteriormente ossidato in CO2 con l'apporto di aria comburente secondaria. Questo viene spiegato nei corsi sulla biomassa. Ci fai capire cosa avviene al "tuo" CO?

  8. #8
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da alenergy Visualizza il messaggio
    si figuri.. solo non tollero quelli che le cose le leggono su wikipedia e poi vogliono passare da sapientoni. come non si danno i biscotti ai maiali cosi ho cancellato i miei post..
    Scusami ma il tuo tono mi pare alquanto offensivo e fuori luogo.
    Se vuoi discutere seriamente esponi pure le tue teorie in modo corretto e aperto al confronto, non offendendo gli interlocutori o dicendo che: 1 kg/h di pellet = 22kWh/t.
    Anche perchè, per convincerci di questo, dovrai fornire delle prove VERE (e tutti allora grideremo al "miracolo") non due descrizioni teoriche farlocche, he!!!

    Saluti
    Il dono della fantasia è stato per me più importante della mia capacità di assimilare conoscenze (A.Einstein)

  9. #9
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    il fatto sta proprio qui -- io vi ho messo a conoscenza di un nuovo sistema di combustione che potrebbe essere utilizzato da molti costruttori e inoltre .... non devo convincere nessuno!!!!

  10. #10
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da alenergy Visualizza il messaggio
    non devo convincere nessuno!!!!
    Proprio qui sta l'errore: dovresti convincere chi conosce la combustione tradizionale spiegando in modo tecnicamente ineccepibile quanto avviene nei dispositivi che proponi

  11. #11
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Alenergy....e con la moltiplicazione dei pani e dei pesci..come la mettiamo?
    o vogliamo davvero sostenere che da 5 kWh di combustibile estraggo 22 kWh termici?
    creare un COMBURENTE non significa bruciare un COMBUSTIBILE..hai letto cosa dice Innominato?
    CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

  12. #12
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    In poche parole ci stai dicendo che nella biomassa c'è del combustibile "nascosto", di cui non se ne sapeva nulla fino ad oggi???....

    Caspita, sarebbe una vera meraviglia!!

    Immagino che tu di questo hai le prove con carta canta, vero??
    Potresti cortesemente mostrarcele, perchè qui sai siamo come S.Tommaso !!!

    Saluti
    Il dono della fantasia è stato per me più importante della mia capacità di assimilare conoscenze (A.Einstein)

  13. #13
    innominato
    Ospite

    Predefinito

    ciao a tutti

    ciao alenergy ,

    Inoltre grazie alla alta temperatura raggiunta di oltre 1000°C all'interno del nuovo "bruciatore" l'ossido di azoto NO (CHE SI FORMA PER L'ALTA TEMPERATURA INTERNA) si miscela con gli atomi di carbonio presenti all'interno trasformandosi in CO e N2O..
    visto da chimico ...ti spiego i miei dubbi

    domanda ?

    come può formarsi N2O ( ossido di diazoto è il nome IUPAC ) a 1000 °C ,quando a 575 °C il prodotto si decompone nei sui elementi , cioè AZOTO e OSSIGENO ??

    2 N2O (g) → 2 N2 (g) + O2 (g)

    poi

    le analisi chimiche che confermano la produzione di ossido di diazoto , dove sono ? che strumentazione analitica avete utilizzato per confermare gli intermedi di reazione ?

    comunque ...il syngas è una
    miscela di idrogeno e CO con varie impurezze

    altra domanda/curiosità

    l'analisi dei fumi di combustione...

    che valori hanno gli NOx ?

    il CO ?

    e gli HC ?

    temperatura dei fumi al max?

    O2 ?

    CO2 ?




    saluti

    Francy
    Ultima modifica di innominato; 28-11-2016 a 16:59

  14. #14
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    renatomeloni.. ma leggere a te non piace vero??

    il nuovo bruciatore è un ibrido speciale di gassificatore/bruciatore che grazie al suo processo interno "purifica" il wood gas sporco prodotto e lo trasforma in syngas ad elevato potere calorifico.. il sysngas viene bruciato all'interno del bruciatore in stadi paralleli interni attraverso i getti di aria che avete visto nel video.. l'interazione ad alta temperatura dell'azoto ed ossigeno genera NO (ossido di azoto) il quale interagendo con gli atomi di carbonio rilasciati nella carbonella (che viene mantenuta a livello dal medesimo bruciatore) produce CO e N2O che vengono ribruciati e ritrasformati ad ogni stadio; questo processo porta ad avere un basso consumo di biomassa, raggiunge alte temperature e solo pochi ppm di CO sono rilasciate in atmosfera. Ovviamente potete utilizzare tubi di scarico del metano senza utilizzare i costosi tubi in carbonio. Il bruciatore può essere utilizzato con olio vegetale , nocciolino, pollina, pks, etc.. senza trasformazioni addizionali.

  15. #15
    innominato
    Ospite

    Predefinito

    Un chimico saprebbe che ad una temperatura superiore a 1000°C appare la creazione di ossidi di azoto NO ..
    UN CHIMICO SA ANCHE CHE

    gli ossidi di azoto NOx prodottisi da una combustione ,sono 3

    NO2
    NO
    N2O

    purtroppo per te ...esistono studi scientifici seri che dimostrano che al di sopra di determinate temperature , il protossido di azoto (N2O) è praticamente inesistente nella miscela , questo viene giustificato proprio dalla instabilità del prodotto, alle alte temperature

    e comunque non hai risposto alla domanda

    che strumenti analitici utilizzate per determinare gli intermedi di reazione ed i prodotti della reazione ?????


  16. #16
    innominato
    Ospite

    Predefinito

    se dovessi correggere tutte le imprecisioni di alenergy ... campa cavallo

    basti pensare a questa

    scritto da alenergy
    che ad una temperatura superiore a 1000°C appare la creazione di ossidi di azoto NO .
    attenzione : !!!!

    APPARE la creazione ...( come a Lourdes)

    non so se mi spiego ?

    in chimica si direbbe...

    per la reazione di Zeldovich ...il radicale ossigeno formatosi alle alte temperature , reagisce con l'azoto presente nell'aria formando ossidi di azoto

    quindi ..nulla di che

  17. #17
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    innominato invece di cercare il pelo nell'uovo fammi vedere qualcuna delle tue invenzioni.. o sei troppo occupato a fare ricerche su wikipedia per poi polemizzare l'operato altrui..

  18. #18
    innominato
    Ospite

    Predefinito

    innominato invece di cercare il pelo nell'uovo fammi vedere qualcuna delle tue invenzioni.. o sei troppo occupato a fare ricerche su wikipedia per poi polemizzare l'operato altrui..
    punto uno - non cerco peli e non devo dimostrare a te le mie esperienze .
    punto due - difficilmente guardo wiki , di solito utilizzo metodi ufficiali per le analisi presi da testi seri ( come tutti i chimici del resto)
    punto tre - non polemizzo ,... ma a nessuna delle mie domande hai risposto

    cordialmente

    Francy

  19. #19
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Invece per tornare sul discorso stufa a plasma o qualsiasi esso sia l'accrocchio che stanno commercializzando, se guardiamo bene sulla loro pagina internet dichiarano di consumare 1 kg di pellet a ora si peccato che la potenza della stufa sia a 1.
    Quindi a potenza 5 consumerà come tutte le altre stufe, visto che solitamente le stufe hanno più modalità di potenza impostabile dall'utente.

  20. #20
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Se riescono a produrre energia elettrica senza turbina....
    In realtà lo si può fare, sia col generatore di Lord Amstrong che col, "più freddo", di Lord Kelvin; il problema non è farlo ma con che rendimenti.
    Dire che un generatore termico, di qual si voglia fattura, ha un rendimento del 90%, anche ipotizzando una cogenerazione, è per lo meno miracoloso; se consideri che, difficilmente, anche con impianti a turbogas ultra-efficienti, si raggiunge l'85%.... figuriamoci con una stufetta a pellet
    Ultima modifica di Lupino; 29-11-2016 a 10:46
    A volte l'uomo inciampa nella verità, ma nella maggior parte dei casi si rialzerà e continuerà per la sua strada (Churchill).
    Colui che chiede è uno stupido per cinque minuti. Colui che non chiede è uno stolto per sempre. (p. cinese)
    Domotica.... how to do, piccola guida "pr
    êt-à-porter"

  21. RAD
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. stufa pirolitica autocostruita
    Da piero beltrame nel forum Biochar e pirolisi
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 06-02-2016, 11:58
  2. consiglio stufa nuova
    Da Gianlucaf nel forum Stufe e Camini
    Risposte: 11
    Ultimo messaggio: 21-09-2015, 08:33
  3. nuova stufa Ravelli RC120
    Da dulin76 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 16
    Ultimo messaggio: 21-08-2014, 18:23
  4. Nuova installazione stufa pellet
    Da D_Mirko nel forum BIOMASSE
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 30-09-2013, 08:16
  5. grafite pirolitica
    Da .Q. nel forum FREE ENERGY (Z.P.E.)
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 12-08-2009, 18:32

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •