Mi Piace! Mi Piace!:  2
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  3
Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 22 su 47

Discussione: Inserimento regolazione climatica su impianto già esistente

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Inserimento regolazione climatica su impianto già esistente



    Ciao a tutti ragazzi..
    Ho letto un po’ di discussioni al riguardo, e volevo chiedervi informazioni a voi perché ho visto che siete molto competenti.
    Ho un impianto composto da caldaia a Pellet 32kw marca Easypell(Gruppo Okofen) collegata ad un accumulo da 800Lt (Cordivari Eco Combi 2) con predisposizione per solare e Acs e poi collettore composto da 3 gruppi di rilancio 2 diretti che alimentano i radiatori del mio appartamento e 1 miscelato a punto fisso che alimenta il riscaldamento a pavimento dell’appartamento di mio fratello.
    Un impianto diretto mi alimenta solo 3 radiatori ad alta T nella parte interrata mentre il secondo impianto diretto alimenta passando prima da un piccolo separatore idraulico i 4 piani del mio appartamento composto da 12 radiatori ad alta T e un bollitore Acs da 130lt che è sempre riscaldato purtroppo dai due tubi che alimentano anche il riscaldamento( in fase di rifacimento impianto non si riusciva a passare ulteriori tubi)
    Volevo aggiungere una regolazione climatica subito a valle dell’accumulo Il problema è che mi sono venuti dei dubbi parlando con dei miei amici del mestiere sulla posizione avendo anche un impianto miscelato in mezzo, un separatore idraulico e l’Acs.
    Loro mi consigliavano l’installazione solo sulla parte che alimenta il mio riscaldamento che era tutto più semplice però secondo me così non riuscirei a sfruttare al meglio l’accumulo di 800Lt.
    Voi che ne pensate? Grazie mille a tutti
    Allego schema per semplificare la spiegazione
    Immagini Allegate Immagini Allegate
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

  2. #2
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    E poi l'acqua calda con cosa la fai se nel bollitore passa acqua in bassa T?

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  3. #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da bravo666 Visualizza il messaggio
    E poi l'acqua calda con cosa la fai se nel bollitore passa acqua in bassa T?

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
    Forzando l’apertura completa della valvola quando c’e richiesta dalla sonda del bollitore. È normale che per quei 15/20 minuti avrò Acqua ad una temperatura maggiore anche sui radiatori ma non penso che si noti la differenza, altrimenti andrei ad escludere anche il circolatore del riscaldamento una volta che ho richiesta dalla sonda del bollitore facendo lavorare solo il circolatore della sanitaria.
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

  4. #4
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Ma allora i tubi che arrivano al bollitore non sono quelli del riscaldamento, ma sono autonomi dallo stesso?
    Allora avevo capito male la spiegazione...e ho visto solo ora lo schema, mea culpa.
    Ma a questo punto perché non hai usato direttamente un produttore esterno con scambiatore?
    Ma vabbé, questa é altra questione.
    Allora, relativamente alla tua domanda...
    Sinceramente mi trovo in difficoltá a rispondere guardando lo schema, idealmente potrebbero aver ragione i tuoi amici, una miscelatrice prima del collettore da dove partono i 3 impianti farebbe lavorare male qualcuno dei 3, perché non lavorano sulla stessa temperatura e presumo ognuno abbia il proprio termostato, giusto?
    Per me hanno ragione loro a dirti di agire solo sulla tua parte allora.
    Questi sono i problemi che affronta chi fa un unico impianto per servire utenze con esigenze diverse, purtroppo ci sono cascato anch'io adottando unico generatore e puffer per servire 3 appartamenti.
    Quindi si, per mio pensiero ti consiglierei anch'io di agire solo sugli impianti in alta temperatura, lasciando a se stante quello a punto fisso

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  5. #5
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    no, non si può mettere una climatica a monte di tutto, in quanto hai AT, BT e acs a valle.
    per il semplice motivo che una climatica si deve impostare in base a una T° ideale di mandata, ma su quale? BT, AT o acs ?
    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si

  6. #6
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno riporto la tua citazione Volevo aggiungere una regolazione climatica subito a valle dell’accumulo solo per chiederti perché . Quali sono le tue esigenze magari possiamo trovare una soluzione diversa. Easypellet per esempio può mandare dalla centralina alle pompe dei segnali PWM e lo puoi fare sui due circuiti diretti che hai. Devi vedere se le tue pompe sono compatibili. I segnali PWM sono segnali modulanti magari risolvi così.
    spero di essere stato di aiuto buona giornata.
    Saper parlare è un pregio ma ascoltare è un dono (cit. mio padre)

  7. #7
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno a tutti
    La mia idea principale era quella di inserire la valvola miscelatrice subito a valle del puffer per sfruttare al massimo la funzione di accumulo e non usarlo come un separatore idraulico e poi come seconda cosa per avere un maggiore confort in casa.
    Il problema è che ho fatto nuovo il locale caldaia però le colonne e l’impianto ho dovuto sfruttare quello vecchio quindi alcune cose erano già così e non le ho potute modificare.
    Io pensavo metto la valvola subito in uscita la imposto per lavorare con gli impianti ad Alta temperatura ed automaticamente L’unico impianto che ho a bassa temperatura non trova differenza perché lavora ad una temperatura dai 27 ai 35 massimi di temperatura quindi sicurante è inferiore a quella dei radiatori, e poi una volta che ho richiesta di ACS forzo la valvola in apertura e mi spilla acqua a temperatura del puffer per il tempo necessario a scaldarmi il boiler da 130lt.
    Ho visto che la caldaia gestisce i due impianto con segnale pwm però io monto circolatori grundfos upm3 Hybrid che regolano già loro in automatico il tutto in base all’impostazione che scegli. Dici che collegandogli alla caldaia sarebbe meglio?
    Grazie a tutti


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

  8. #8
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Certo, se accettano segnale PWM. Ma devi mettere anche delle sonde sulla mandata per fare intervenire questa regolazione.

    Io lascerei tutto così com’è, immagino che hai scelto una caldaia base, proprio perché non volevi mettere le mai sull'impianto e infatti nel tuo caso non serve una regolazione evoluta.

    Se vuoi fare le cose per bene non ti bastano 2 uscite PWM, devi mettere tutti gruppi miscelati di rilancio e gestirli con una elettronica evoluta, non uno solo in serie al collettore e sperare che faccia tutto lui, è una toppa messa male, ripeto io lascerei tutto com’è altrimenti ti conveniva mettere una caldaia che può gestire tutto il tuo sistema e rifare tutto l'impianto in quell'occasione.

  9. #9
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Ertrag Visualizza il messaggio
    Certo, se accettano segnale PWM. Ma devi mettere anche delle sonde sulla mandata per fare intervenire questa regolazione.

    Io lascerei tutto così com’è, immagino che hai scelto una caldaia base, proprio perché non volevi mettere le mai sull'impianto e infatti nel tuo caso non serve una regolazione evoluta.

    Se vuoi fare le cose per bene non ti bastano 2 uscite PWM, devi mettere tutti gruppi miscelati di rilancio e gestirli con una elettronica evoluta, non uno solo in serie al collettore e sperare che faccia tutto lui, è una toppa messa male, ripeto io lascerei tutto com’è altrimenti ti conveniva mettere una caldaia che può gestire tutto il tuo sistema e rifare tutto l'impianto in quell'occasione.
    L’unica cosa è che la caldaia gestisce due segnali pwm però non modula in automatico bisogna impostare una percentuale da 30% a 100% praticamente modula solo la potenza mentre io vorrei qualcosa che mi regoli la temperatura di mandata in climatica per sfruttare al massimo l’accumulo e non avere temperature differenti sui radiatori.


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

  10. #10
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    se la caldaia non lo fa, puoi benissimo prendere una miscelatrice con attuatore che ha già al suo interno la climatica, e fa tutto lui.
    Ma come detto, avendo T° diverse, dovrai impostarla sulla gestione a T° più alta (AT), oppure monti una miscelatrice per ogni T° (AT e BT) e le gestisci, sempre tramite attuatore, ognuna con la propria curva climatica.
    Ultima modifica di GiuseppeRG; 11-05-2020 a 21:08
    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si

  11. #11
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da GiuseppeRG Visualizza il messaggio
    se la caldaia non lo fa, puoi benissimo prendere una miscelatrice con attuatore che ha già al suo interno la climatica, e fa tutto lui.
    Ma come detto, avendo T° diverse, dovrai impostarla sulla gestione a T° più alta (AT), oppure monti una miscelatrice per ogni T° (AT e BT) e le gestisci, sempre tramite attuatore, ognuna con la propria curva climatica.
    Esatto, difatti volevo lasciare la caldaia e L’accumulo come impianto a se, cioè la caldaia si regola le accensioni in base alle T dell’accumulo e stop. Invece a valle dell’accumulo pensavo di montare una valvola miscelatrice(tubi da 1”1/2) con il suo servomotore a tre punti e una centralina climatica di qualità( non so se posso dire la marca) dove posso regolare la curva climatica sull’impianto AT e forzare la valvola in completa apertura una volta che ho richiesta dall’ACS cosi da avere una temperatura alta per caricarmi il bollitore da 130Lt
    Automaticamente l’impianto BT lavora ad una temperatura inferiore quindi non dovrebbe risentirne di tutto ciò..
    Grazie mille delle spiegazioni


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

  12. #12
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    l'acs ti conviene lasciara esclusa dalla climatica e collegarla direttamente al puffer

    ecco esempio di climatica che ha tutto sull'attuatore, senza nulla fuori

    ScreenShot001.jpg
    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si

  13. #13
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da GiuseppeRG Visualizza il messaggio
    l'acs ti conviene lasciara esclusa dalla climatica e collegarla direttamente al puffer

    ecco esempio di climatica che ha tutto sull'attuatore, senza nulla fuori

    ScreenShot001.jpg
    L’unico mio problema della sanitaria come si vede dallo schema che allego è quello che utilizza gli stessi tubi del riscaldamento quindi non posso escluderla dalla climatica.[emoji85][emoji85][emoji85] Però è giusto il mio ragionamento di installarla subito a valle del puffer? Si avrà un minimo risparmio è un maggiore confort?IMG_4866.jpg


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

  14. #14
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    L'impianto a bassa temperatura lavora con una miscelatrice manuale o automatica?
    Perché se automatica, se ne può parlare, se manuale a punto fisso no

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  15. #15
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Dayton Visualizza il messaggio
    Però è giusto il mio ragionamento di installarla subito a valle del puffer? Si avrà un minimo risparmio è un maggiore confort?
    sinceramente, vedendo il tuo impianto, secondo me una climatica generale ti serve ben a poco
    casomai, una miscelatrice a punto fisso (con l'adeguato Kvs), tarata sull'AT subito a valle del puffer e in cascata la miscelatrice per la BT
    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si

  16. #16
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da bravo666 Visualizza il messaggio
    L'impianto a bassa temperatura lavora con una miscelatrice manuale o automatica?
    Perché se automatica, se ne può parlare, se manuale a punto fisso no

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
    Lavora con un punto fisso impostato sotto i 30gradi.. però penso che si possa trovare il “tronchetto”del gruppo di rilancio per installare una valvola con il relativo servomotore da poter modulare.
    Inoltro le foto del mio gruppo di rilancio e di quello modulante secondo voi si può sostituire solo quel pezzo?
    Grazie IMG_4945.png


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

  17. #17
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da GiuseppeRG Visualizza il messaggio
    sinceramente, vedendo il tuo impianto, secondo me una climatica generale ti serve ben a poco
    casomai, una miscelatrice a punto fisso (con l'adeguato Kvs), tarata sull'AT subito a valle del puffer e in cascata la miscelatrice per la BT
    In questo caso si potrebbe installare a valle del puffer invece che una miscelatrice una valvola a 2 vie che mi regola la portata? Tanto per miscelare sempre a 65 gradi per il discorso sanitaria non so quanto convenga
    Grazie


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

  18. #18
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    una valvola a due vie non serve a nulla, in quanto nel puffer la T° può variare e una due vie non controlla nessuna variazione
    secondo me tu non hai ben chiaro a cosa serve e il funzionamento di una climatica, e dove conviene intallarla o meno.... (il tuo impianto, com'è ora, è molto confusionario)
    Ultima modifica di GiuseppeRG; 13-05-2020 a 11:45
    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si

  19. #19
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da GiuseppeRG Visualizza il messaggio
    una valvola a due vie non serve a nulla, in quanto nel puffer la T° può variare e una due vie non controlla nessuna variazione
    secondo me tu non hai ben chiaro a cosa serve e il funzionamento di una climatica, e dove conviene intallarla o meno.... (il tuo impianto, com'è ora, è molto confusionario)
    La climatica mi serve per regolare la T di mandata sul mio impianto a radiatori.. L unico problema come dici te è quello dell impianto che e “confusionario” perché ha due impianti diversi alimentando due appartamenti e perché è stato adattato ad un impianto già esistente da più di 20 anni. Però io con il mio ragionamento non vedevo nulla di complicato installando una valvola miscelatrice subito a valle del puffer impostando la curva climatica sul mio impianto ad AT e forzando la completa apertura della miscelatrice quando ho la richiesta dell ACS.. perderò magari più tempo ad impostare la curva climatica che voglio perché ho di mezzo anche un separatore idraulico che varia un po’ le T anche lui però una volta trovata e impostato i valori che trovo più opportuni non dovrò più modificare nulla. Io la pensavo così però magari è completamente sbagliato.
    Grazie


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

  20. #20
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Il problema, come detto, é l'impianto a bassa temperatura.
    Se "climatizzi" dal puffer l'uscita dei 3 impianti dovrai automatizzare la miscelazione dell'impianto a bassa temperatura, per forza di cose.
    Quindi visto che devi comunque spendere soldi per acquistare due soluzioni tanto vale acquistare le due valvole miscelatrici da montare all'uscita del compensatore verso i due impianti ad alta temperatura.
    La spesa é la medesima, ma il lavoro sará fatto come si deve, e l'impianto a bassa temperatura non lo tocchi per nulla.
    Sia ben chiaro, per me e mio parere personalissimo se devi montare una climatica per far andare l'acqua tra i 50 e i 60 é una spesa quasi inutile, meglio mettere una valvola miscelatrice a punto fisso tarata a 55 e amen.
    A meno che tu non intenda andare di climatica pura facendo oscillare la mandata almeno tra 35 minima e 55 massima, allora la spesa potrebbe avere un senso d'essere

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk

  21. #21
    Ho un pezzo di cuore nel forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Però io con il mio ragionamento non vedevo nulla di complicato installando una valvola miscelatrice subito a valle del puffer
    tu puoi fare come vuoi, ma la cosa migliore se vuoi usare una climatica (per come è ora l'impianto) è metterla su BT e l'AT+acs con miscelatrice normale
    se invece metti mano, due impianti separati e due climatiche separate, AT + BT e ACS a parte.
    tutto dipende se vuoi fare le cose fatte bene o "pastrocchiare"
    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si

  22. #22
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da bravo666 Visualizza il messaggio
    Il problema, come detto, é l'impianto a bassa temperatura.
    Se "climatizzi" dal puffer l'uscita dei 3 impianti dovrai automatizzare la miscelazione dell'impianto a bassa temperatura, per forza di cose.
    Quindi visto che devi comunque spendere soldi per acquistare due soluzioni tanto vale acquistare le due valvole miscelatrici da montare all'uscita del compensatore verso i due impianti ad alta temperatura.
    La spesa é la medesima, ma il lavoro sará fatto come si deve, e l'impianto a bassa temperatura non lo tocchi per nulla.
    Sia ben chiaro, per me e mio parere personalissimo se devi montare una climatica per far andare l'acqua tra i 50 e i 60 é una spesa quasi inutile, meglio mettere una valvola miscelatrice a punto fisso tarata a 55 e amen.
    A meno che tu non intenda andare di climatica pura facendo oscillare la mandata almeno tra 35 minima e 55 massima, allora la spesa potrebbe avere un senso d'essere

    Inviato dal mio ASUS_X00QDA utilizzando Tapatalk
    Certo io intendo far lavorare L impianto con temperature anche intorno ai 35 gradi sopratutto nelle stagioni come queste ed è proprio per questo motivo che ho deciso di installare una climatica. Invece per il discorso del impianto a pavimento ero già propenso per sostituire il punto fisso e mettere una valvola modulante se riuscivo a trovare solo il pezzo da sostituire perché ho visto che seno in base alla temperatura esterna bisogna sempre intervenire per avere una T corretta in casa avendo L impianto che gira 24h su 24h
    Grazie


    Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
    Caldaia Easypell32+Accumulo Cordivari Eco combi 2 800lt +Colletore Comparato Diacol+3 Gruppi di rilancio Comparato di cui 2 diretti e 1 miscelato tutti con circolatore Grundfos UPM3 Hybrid+ Compensatore idraulico Diacom

Pagina 1 di 3 123 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. aiuto su inserimento termostufa su impianto esistente
    Da pidocchio nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 14-04-2019, 21:04
  2. Regolazione climatica
    Da Elisabetta Meli nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 03-03-2019, 01:19
  3. Inserimento di cogeneratore in centrale termica esistente
    Da energiecomuni nel forum BIOMASSE
    Risposte: 2
    Ultimo messaggio: 01-03-2010, 19:43
  4. Stufa Idro predisposizioni inserimento in impianto esistente
    Da frack71 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 8
    Ultimo messaggio: 02-01-2009, 23:40
  5. Regolazione climatica
    Da alexdoor73_8 nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 6
    Ultimo messaggio: 27-07-2006, 21:28

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •