Mi Piace! Mi Piace!:  2
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 22 su 41

Discussione: Cambio Caldaia

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito Cambio Caldaia



    Salve a tutti,
    vorrei sostituire la caldaia a biomassa che da 10 anni alimento a gusci di nocciole. La caldaia che cerco dovrebbe essere 'autopulente', esempio: anni fa' vidi una caldaia che aveva i tubi (che fanno parte del giro fumi), montati in verticale con all'interno i turbolatori, che mossi da una leva esterna pulivano i tubi e la cenere cadeva nell'opportuno raccoglitore. Le ricerche su internet non mi danno risultati. Abito in un paese a nord di roma e vi sarei grato se qualcuno avesse delle indicazioni da darmi su quale sito o marca di caldaie dove cercare o suggerimenti vari (non so se possibile direttamente in questo post).
    grazie

  2. #2
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Termoboiler della laminox, modello omnia o maxi.

    Chiedi in azienda il modello piu' adatto.

    Caldaie - Laminox - Stufe, termostufe, caldaie a pellet, climatizzatori

  3. #3
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    no, solo pellet, niente caldaie policombustibile.....

  4. #4
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Forlario Visualizza il messaggio
    no, solo pellet, niente caldaie policombustibile.....
    cioè, cerchi info per una caldaia solo pellet o per una caldaia che bruci i gusci di nocciola ?
    se solo pellet, il mercato ha fatto passi da gigante... se gusci di nocciola, magari hanno cambiato il colore delle caldaie, ma il principio è sempre quello oramai obsoleto e sorpassato.

    Curiosità: che casa devi scaldare e che consumi attualmente hai ?
    Ultima modifica di GiuseppeRG; 24-09-2020 a 11:49
    alias Dott Nord Est

    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si
    qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

  5. #5
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    rispondevo a scresan, ho chiamato la ditta laminox ma fanno solo caldaie a pellet. Cerco una caldaia che possa bruciare gusci di nocciola.
    Devo scaldare una taverna di circa 80 mq e una stanza un bagno ed un corridoio dell'appartamento sopra di 130 mq. Consumo circa 55 q.li di gusci per una spesa annua di circa € 700 per riscaldamento ed acqua sanitaria.

  6. #6
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    assicurati che sia almeno 4 stelle ambientali (che non centrano nulla con la classe 5), in quanto tutte le regioni si stanno adeguando alla nuova normativa delle emissioni, anche il Lazio.
    Se poi fai conto termico, le 4 stelle ambientali sono obbligatorie in qualsiasi regione.
    Ultima modifica di GiuseppeRG; 25-09-2020 a 11:19
    alias Dott Nord Est

    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si
    qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

  7. #7
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Buonasera fai attenzione ai combustibili utilizzati Durante la prova in laboratorio. La certificazione ambientale è determinante per l’immissione sul mercato. Quindi nessuno mai ti venderà oggi una caldaia policombustibile certificata perché non c’è nessun costruttore che ha certificato con combustibile diverso da legna pellet o cippato. Nascerà a breve il problema del controllo di combustione e rapporto di efficenza che dovrai far fare insieme al libretto di impianto. Ti assicuro che anche il Lazio ha aderito al protocollo del bacino padano Veneto dove sono indispensabili 4-5 stelle ⭐️. Per non parlare di conto termico o peggio di Superbonus. Spero di esserti stato di aiuto e ti consiglio una macchina a pellet per certezza del risultato finale e sostenibilità dell’impianto. Sono di roma e installo diverse caldaie e le soluzioni che propongo a pellet superano di gran lunga le obsolete policombustibili. Affidati sempre ad un serio impiantista. Saluti a presto
    Saper parlare è un pregio ma ascoltare è un dono (cit. mio padre)

  8. #8
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Vi ringrazio per i suggerimenti che mi state dando, gia' adesso le prime che guardo sono quelle con le stelle in quanto dovrebbero essere le piu' recenti. Ovviamente poi dovro' scaricare i pdf per vedere le sezioni e gli interni per farmene una mia idea. Abito fuori dal paese e per me e' piu semplice utilizzare i gusci di nocciola che il pellet, unico problema sono le ceneri che in pochi giorni mi intasano la caldaia, per questo ne cercavo una con un giro fumi che ne permettesse l'abbattimento direttamente nel cassetto delle ceneri.

  9. #9
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    in effetti con 50/55 ql di gusci, dovresti fare circa 1/1.5 ql di cenere, un'enormità......
    alias Dott Nord Est

    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si
    qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

  10. #10
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    E' vero che faccio l'orto e che la cenere va' per concime, ma e' staccarla dalla caldaia ..........

  11. #11
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    beh..... 1 ql di concime costa meno comprarlo....
    alias Dott Nord Est

    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si
    qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

  12. #12
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Forlario Visualizza il messaggio
    E' vero che faccio l'orto e che la cenere va' per concime, ma e' staccarla dalla caldaia ..........
    Questo significa che la caldaia tende a fare condensa che cola sul fondo e ti rende la cenere unta, scura e appiccicosa.

    Normalmente basta utilizzare un sistema anticondensa tarato "alto" sopra i 68, meglio 72 gradi. In questo modo la cenere rimane leggera, grigio chiara, impalpabile e rimuovendola dalle pareti (non serve! basta eliminare quella nella vaschetta sotto il braciere) sotto dovrebbe avere un colore nocciola chiaro.

    In fondo con la vecchia caldaia nessuno ti vieta di bruciare i gusci delle nocciole. Con una nuova devi utilizzare solo pellet certificato, ora anche legna certificata (no faidate).

  13. #13
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    al momento si può benissimo usare anche legna autoprodotta.....
    il discorso della legna certificata andrà in vigore più avanti, e riguarderà chi farà il CT2.0 con il vincolo dei 5 anni dopo l'ultimo accredito del premio ricevuto.
    alias Dott Nord Est

    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si
    qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

  14. #14
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Si, tende a fare condensa. La valvola anticondensa della caleffi utilizzata prevede in dotazione solo due bulbi uno da 55 gradi e uno da 60. Ho fatto le prove con tutti e due i bulbi e la differenza era evidente, ho lasciato quello da 60 anche se ho capito che sarebbe stata opportuna una gradazione piu' alta, ma dovrei cambiare la valvola ....
    La caldaia ha solo due giro fumi e ogni 3 giorni circa devo pulire i turbolatori in quanto si accumula la cenere.
    Girando in internet ho visto la caldaia della Almar 'Picco dei Tre Signori' dove i tubi di scambio del giro fumi sono montati verticalmente e i turbolatori puliscono i tubi.
    Non avete notizie di una caldaia con un funzionamento simile ma dal costo piu' accessibile ?

  15. #15
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    Forlario, TUTTE le moderne caldaie a biomassa hanno i condotti verticali, solo che nessuna caldaia moderna è certificata per bruciare gusci di nocciola......
    Ci sono caldaie moderne che pulisci la cenere una volta all'anno, ad esempio..... ma ci bruci pellet.
    Secondo il mio modesto parere, è da valutare se conviene bruciare gusci (con tutti i problemi correlati) o sfruttare il conto termico e installare un moderno impianto (a legna o a pellet), visti i consumi non elevati.
    Ultima modifica di GiuseppeRG; 26-09-2020 a 21:57
    alias Dott Nord Est

    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si
    qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

  16. #16
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Giuseppe, non avresti la marca (e magari il modello) di queste caldaie a condotti verticali, ho provato a vedere CTM, Carinci, DAlessandro ma sono tutti orizzontali (salvo sviste).
    Abito a circa 5 Km dal paese, in una zona dove le case sono minimo a 100 mt l'una dall'altra, se la caldaia e' certificata per pellet ma brucio gusci, non capisco la differenza, potresti spiegarmela ?
    grazie

  17. #17
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    una moderna caldaia a pellet è certificata (e costruita) per avere la massima resa appunto a pellet
    sistemi di carico, braciere, controlli, ecc ecc sono quindi per il pellet (e non funzionano con i gusci)
    se tu vuoi bruciare gusci, devi andare ancora con quelle vecchie tipologie che hai indicato
    ma alla fine dei conteggi, ti conviene andare a gusci?
    calcola che se ora usi 55 ql di gusci con quella caldaia, per avere la medesima cosa su una caldaia a pellet moderna, consumi si e no 35/40 ql di pellet..... con tutti i vantaggi connessi (ripeto, ci sono caldaie di cui estrai il cassetto cenere una/due volte all'anno, e nulla più devi fare)
    per marche, modelli, ecc.... scrivimi in privato
    alias Dott Nord Est

    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si
    qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

  18. #18
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    55 qli di gusci mal bruciati (intendo in una vecchia caldaia marina) potrebbero diventare 45 qli di pellet dentro una caldaia certificata, autopulente economica.

    45 x 25e qle sono 1125 euro/anno con il pellet.

    500 euro di differenza.

    500 euro x 10 anni (a prezzo pellet invariati) sono 5000 euro. Ai 5000 euro aggiungici i costi della nuova caldaia, canna fumaria da verificare, reimpostare l' impianto per metterlo a norma (4000/5000 al netto del CT?)....

    1000 euro / anno grossomodo la comodità di avere una caldaia tutta automatica in casa, in piu' rispetto ad ora.

    Per tornare ad altri consigli per l' attuale impianto:

    1- ok, alza la T anticondensa fino al limite possibile (ovvero la caldaia a max potenza non deve andare in ebollizione, non deve trafilare la valvola di scarico termico, non deve andare in modulazione). N.B.: andrà messa una miscelatrice in uscita dal puffer verso i termosifoni per riportare la T max a 50-55 gradi

    2- parli di molta cenere nei tubi: chiaramente se "sotto" brucia bene la cenere è molto polverulenta e tende molto ad uscire dalla canna fumaria, ovvero va regolata di fino la depressione in canna fumaria, con apposito regolatore

    3- aria e combustibile vanno "carburati", poi, di fino. Per esperienza ti posso dire che è meglio evitare le funzioni PID della centralina, a favore di una gestione bi-stadio (max potenza e minima potenza) con attenta regolazione della fase di mantenimento (o limitazione degli on-off a favore di tempi allungati a minima potenza..)

    In conclusione se vuoi continuare con l' attuale combustibile a km0 ..... puoi solo ottimizzare il funzionamento dell' attuale caldaia.

  19. #19
    PROFESSIONAL

    User Info Menu

    Predefinito

    resta il fatto che 55 ql di gusci producono cira 1.5 ql di cenere all'anno.... tutti da togliere a mano......

    P.S.: 55 ql di gusci mal bruciati, corrispondono a circa 35/40 ql di pellet (4.2 kW contro 5 kW + 15/20% di resa di differenza caldaia)
    la differenza annua sul combustibile è di circa 300/400 euro

    a volte il piacere di avere una moderna caldaia che inquina infinitamente meno, e che pulisco una volta all'anno, può valere la differenza economica......
    Ultima modifica di GiuseppeRG; 26-09-2020 a 22:39
    alias Dott Nord Est

    la biomassa non è per tutti........ ma per alcuni si
    qui vedi chi sono e cosa faccio: www.erregisas.org

  20. #20
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    .... anche "caricare" e movimentare 55 qli di biomassa è una rottura. Invece con il pellet da 5kwh/kg dovrebbe solo tagliare e scaricare nella tramoggia 260-280 sacchetti all' anno.

    Il pellet in confronto al nocciolino/gusci è una vera rivoluzione in sala termica!

    Risparmia almeno 100 kg di cenere da prelevare in caldaia e usare come concime nell' orto, ma dovrà comprare almeno altrettanto concime in agraria di derivazione chimica. 1qle di concime sono solo 50-70 euro!

  21. #21
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    vi ringrazio per tutte le osservazioni/suggerimenti che mi state dando, ma vorrei continuare con i gusci per due motivi, uno il costo inferiore, il secondo: con il pellet dovrei porta 40 qli nel locale caldaia a 15 kg per volta ...
    In questo impianto non e' previsto il puffer (per motivi di spazio e costo), i termosifoni sono collegati direttamente con una temperatura caldaia di 75 gradi.
    Scresan, 2: provero' ad abbassare la velocita' della ventola immissione aria. 3: non so cosa siano le funzioni PID, ma provero' ad abbassare la temperatura di modulazione, ovvero la temperatura es. 72 gradi da dove la caldaia deve diminuire la potenza per ad arrivare a 75 (tempo allungato ad una potenza piu' bassa).

    In conclusione se vuoi continuare con l' attuale combustibile a km0 ..... puoi solo ottimizzare il funzionamento dell' attuale caldaia.
    o sostituirla con un modello con un giro fumi che possa abbattere le ceneri.

    Giuseppe, ti scrivo in privato.

  22. #22
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    scresan, solo ora ho letto l'ultimo tuo post, confermo, nel periodo invernale quello con la caldaia e' un appuntamento di tutte le sere.

Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Radiatori, caldaia GPL, la cambio?
    Da davide.bernardo nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 20-01-2017, 17:18
  2. Cambio caldaia
    Da Umbertacchio nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 17-12-2015, 22:06
  3. Timer caldaia o cambio parametri? - impianto con caldaia, solare e accumulo
    Da Marzi22 nel forum RISPARMIO ENERGETICO ed EFFICIENZA ENERGETICA
    Risposte: 37
    Ultimo messaggio: 02-11-2015, 13:46
  4. cambio la mia caldaia
    Da hawk nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 22-08-2014, 18:45
  5. Cambio caldaia
    Da simopunto nel forum Caldaie a Gas (metano-GPL)
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 02-12-2012, 12:31

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •