Mi Piace! Mi Piace!:  12
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 2 primaprima 12
Visualizzazione dei risultati da 21 a 33 su 33

Discussione: Consiglio aggiornamento impianto

  1. #21
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito



    i Vostri discorsi sono giustissimi,
    1) passare da acqua che gira nei radiatori ad 80° ad acqua a 55° mi darà la resa che avevo prima? o devo aumentare il numero degli elementi dei radiatori? ammesso che i sira c600 siano ancora in produzione e che sia sempre possibile ampliarli in alcune stanze sono al limite con gli spazi.
    2) quanto mi costerebbe all'anno un contatore da almeno 9kw credo che solo di spese fisse (oneri, potenza impegnata, ecc.) siamo oltre i 600 euro che equivalgono ad oltre 100 sacchi di pellet!
    Salvatore

  2. #22
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Salvatore permettimi di dirti una cosa.... Lo sai che la guerra è finita?
    Ma davvero sei convinto di spendere 600€ all'anno solo di canone contatore?
    Tu hai 2 contatori e installerai 2 pdc
    Ogni contatore lo porti a 6kw ed i 3kw in più che metti costano 1,7€ al mese l'uno quindi 5,10€ al mese in più rispetto ad oggi.... 60€ anno ad abitazione.... Ah dimenticavo l'iva quindi 66€ TOTALI.

    Questa nostra Italia che è rimasta così indietro nel tempo è sempre una delusione....
    ma tu pensi che se fosse stato come dicevi stavamo qui a chiacchierare? Abbiamo l'anello al naso tutti?
    Non voglio polemizzare ma sai... Se consigliamo delle cose è perché le abbiamo a casa
    Io 600€ li spendo in un inverno per avere casa di 200mq a 22° dalla mattina alla mattina dopo h24.
    Ho i bimbi che dormono in maglietta e mutandine anche a gennaio!
    Sarò uno che spreca e vabbè condannatemi ma di certo non proprio fesso che metto un sistema a pdc e fotovoltaico per poi rimetterci l'osso del collo.
    Se poi penso al fotovoltaico i 600€ per scaldarmi diventano si e no 200€ tra autoconsumo e rimborsi GSE.
    In Italia abbiamo poche cose che funzionano ma almeno sfruttiamole.
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  3. #23
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da max.c Visualizza il messaggio

    Questa nostra Italia che è rimasta così indietro nel tempo è sempre una delusione....
    ma tu pensi che se fosse stato come dicevi stavamo qui a chiacchierare? Abbiamo l'anello al naso tutti?
    .
    Max... finché la gente va a pellet per risparmiare avrò forti dubbi..... [emoji23]
    F.

    Inviato dal mio SM-A920F utilizzando Tapatalk

  4. #24
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da max.c Visualizza il messaggio
    Tu hai 2 contatori e installerai 2 pdc
    Ogni contatore lo porti a 6kw ed i 3kw in più che metti costano 1,7€ al mese l'uno quindi 5,10€ al mese in più rispetto ad oggi.... 60€ anno ad abitazione.... Ah dimenticavo l'iva quindi 66€ TOTALI.
    ho due contatori uno di 4.5kw ed uno da 3kw tutti e due al limite ho bisogno, molto probabilmente, di una PDC almeno da 10kw o due da 5Kw il monofase al max lo portano a 6kw ergo che ho bisogno almeno di un nuovo contatore, la guerra sarà finita ma l'ENEL si fa pagare

  5. #25
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao dinippo, certo che si fa pagare ma mettiamo i prezzi giusti però.
    Max ha precisato che i costi annuali sono ben diversi con tanto di esempio,
    dal punto di vista prezzi stabili penso sia meglio l'elettricità in quanto il pellet guardando solo il costo ha delle variazioni notevoli, ne sò qualcosa, se un anno non hai preso il quantitativo sufficente oppure perchè non potevi fare scorta ti ritrovi degli aumenti del 25% come ridere mentre l'elettricità è abbastanza regolata.
    poi per fare il rapporto tra pellet e pdc è abbastanza facile sui sacchi del pellet hai la resa di un kg di pellet poi la moltiplichi per il rendimento ed hai l'energia che ha sviluppato la tua stufa/caldaia.
    I cop stagionali delle pdc si sanno a seconda del range di temperatura di funzionamento e classe climatica.
    e due conti penso sarai in grado di farteli da solo.
    Se invece vuoi estremizzare il rendimento dei due mondi ed hai un bruciapellet lo puoi usare dove il cop della pdc ti va sotto i 2 (ma si parla di temperature sotto 0 e radiatori come corpo scaldante) e solo se non hai fotovoltaico anche se c'è un altro caso ( se con i prelievi eccedi rispetto alle immissioni allora ssp non ti copre ma comunque anche qui hai un altro range da strizzare di 1800kWh circa, finchè ci sarà il secondo scaglione perchè ssp comicia a rimborsare dallo scaglione più alto a ritroso)
    io a suo tempo ho rinunciato al conto termico per mantenere la stufa a pellet come fonte di emergenza per acs e riscaldamento.
    quest'anno ho consumato 1 sacco di pellet più che altro per vedere se funziona la stufa e ovviamente l'ho fatto con temperature rigide in più giorni e anche per testare il sistema in quanto posso accendere la stufa con pdc accesa senza girare nessuna valvola.
    la pdc diminuisce da sola il suo apporto calorico e se aumento la potenza del pellet la pdc spegne il compressore ma non il circolatore, quindi è come che la stufa si sostituisse al compressore sfruttando il circolatore della PDC
    questo mi permette di mandare anche due appartamenti invece che con due 50m con una 70m in condizioni di temperature esterne molto ma molto basse con la garanzia di avere generatori diversi ma soprattutto perchè capita che a volte posso rimanere isolato con la linea elettrica ed in questi casi un conto è avere energia con ups per mantenere una pompa accesa un altro è avere un ups che riesca a mantenere acceso il compressore pdc.

  6. #26
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Fabry come puoi vedere dinippo pensa che i 10kw siano elettrici....
    Gruppo è inutile affaticarsi a spiegare...
    Dinippo continua a pensare che noi abbiamo l'anello al naso.... E vabbè dinippo vai a pellet che noi al contrario tuo dal pellet siamo passati a pdc e spendiamo meno.... Ma tu sei l'esperto e allora ti lasciamo fare.
    Con chi si pensa di sapere non discuto.

    Io non so nulla e nemmeno voglio insegnare nulla.
    Poi dici perché l'Italia va a rotoli....
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  7. #27
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    dinippo ho un collega che ha esagerato con contatore ed è passato a 10kW monofase quindi anche qui hai detto una cosa non vera , se vai sul sito di
    Enel Distribuzione vedrai che puoi passare a 10kW restando in monofase (non sempre su tutte le forniture si può fare ma dietro verifica di un tecnico loro si fa) ma ti posso assicurare che con 6kW impegnati puoi tirare fino a 8kW tranquillamente per un buon periodo di tempo.
    ma normalmente non serve mai.
    considera che con un piano ad induzione puoi levarti anche via il gas eliminando il fisso.

  8. #28
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da gruppo Visualizza il messaggio
    ...
    posso accendere la stufa con pdc accesa senza girare nessuna valvola
    la pdc diminuisce da sola il suo apporto calorico e se aumento la potenza del pellet la pdc spegne il compressore ma non il circolatore, quindi è come che la stufa si sostituisse al compressore sfruttando il circolatore della PDC
    ...
    Ti dispiacerebbe essere cosi gentile da illustrarmi come è implementata questa cosa
    grazie

  9. #29
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da max.c Visualizza il messaggio
    Fabry come puoi vedere dinippo pensa che i 10kw siano elettrici....
    Gruppo è inutile affaticarsi a spiegare...
    Dinippo continua a pensare che noi abbiamo l'anello al naso....
    1) attualmente uso una riello tregi 4 "con portata termica nominale Qn max (hi) di 34,80kw" che in dei momenti fa fatica a mantenere in temperatura i termosifoni, secondo te che PDC dovrei usare? di che potenza? e di quanta energia elettrica (nel momento di picco) avrei bisogno?
    2) se ho fatto delle domande è perchè ritengo che qui posso riuscire ad aumentare le mie conoscenze quindi non penso neanche lontanamente che qui ci siano delle persone stupide o incompetenti. Credo che le soluzioni vadano valutate in base alle varie situazioni, non sono contento del gasolio che sto attualmente consumando e probabilmente (se passo al pellet) sarò contento di quanto spenderò di pellet ma non del lavoro che c'è dietro (caricare i sacchi togliere la cenere ecc ).
    Salvatore

  10. #30
    Seguace

    User Info Menu

    Cool

    Quote Originariamente inviata da dinippo Visualizza il messaggio
    1) attualmente uso una riello tregi 4 "con portata termica nominale Qn max (hi) di 34,80kw" che in dei momenti fa fatica a mantenere in temperatura i termosifoni
    Salvatore
    Immagino che sia il tuo portafoglio a faticare.

    Se puoi dividere i due impianti, metti 1 pdc per appartamento , collegata al suo contatore.
    Impianto gestito in climatica dalla pdc, ( io ad esempio, in questo periodo, accendo per 12 ore )
    Impianto fv
    Ci ringrazierai

  11. #31
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    subitomauro molto semplice sulla mandata pdc vengono messi 1 TEE da 1" e 1/2 una valvola e un altro TEE da 1" e 1/2 sul raccordo centrale dei due TEE viene messo prima il ritorno e poi la mandata stufa.
    La valvola rimane sempre aperta anche se accendi la stufa.
    se metti una valvola di non ritorno puoi anche accendere la stufa da sola con pdc spenta mentre se metti una valvola normale nn hai perdite di carico ma in questo caso se la pdc è disattivata la valvola deve venire chiusa.
    nel caso indicato da me la pdc rimane accesa ed a seconda della potenza regolata stufa leva lavoro alla pdc oppure fa spegnere il compressore ma non la pompa pdc.
    lo schema originario che mi diede l'idea di migliorarlo mettendo teoricamente una valvola di non ritorno lo ho visto qua sul forum non ricordo da chi forse fcattaneo o forse sergioeteresa.

    anche con le valvole di intercettazione sulla stufa aperte i tubi mandata e ritorno rimangono freddi ovviamente con pdc accesa e stufa spenta.
    ho controllato anche con flussimetro il flusso della pdc non viene perturbato dall'accensione della pompa stufa.
    ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
    DiNippo io metterei due sonde di temperatura su mandata e su ritorno con tanto di flussimetro o flussometro
    per vedere realmente quanta energia termica riesci a fornire all'acqua.

  12. #32
    Amante storico del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Dinippo allora:
    1) fare fatica a tenere caldi i termosifoni non significa stare al freddo.... Pensa che con una pdc i termosifoni saranno sempre freddi (apparentemente) ma tu starai al caldo...
    2500 litri di gasolio se metti 2 pdc sono un gioco da ragazzi....
    Ad esempio per le 2 abitazioni vedrei bene 2 Ariston Nimbus 70M che sono delle monoventola in grado di erogare 11kw (praticamente le uniche insieme alle Mitsubishi VAA) e nella tua zona praticamente sempre.
    Altro elemento utile per valutare la tua situazione è il numero di elementi totali dei termosifoni e relativa altezza. Questo per ogni abitazione.
    In questo modo si può valutare se hai l'impianto adeguato.

    2) da come ti poni sembra come se pensassi che stiamo qui a raccontare storie assurde senza senso... Tutto qui... Per il resto ovvio che il forum esiste per chiedere informazioni.
    Casa NO GAS FV: 6.0KWp - 20 QCELLS Q.Peak G4.1 300wp (9 ad Az 0°, Tilt 14° e 11 ad Az 90°, Tilt 24°) ABB UNO 6.0 https://pvoutput.org/list.jsp?userid=69502
    Ariston Nimbus Pocket 70M NET - Puffer TML Maxiwarm MX1W 800L per ACS (2 abitazioni) - 190mq totali termosifoni alluminio (120mq) ventilconv (70mq) Zona C 1240gg nessun isolamento - Contr Enel 6kw

  13. #33
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    @ gruppo
    grazie mille, proverò a fare un disegnino per vedere se ho capito bene...

    in pratica si può fare come le pdc ibride con altra fonte di calore tipo caldaia/TC/idrostufa ecc.. ecc..
    quasi al pari di quelle vendute direttamente dai vari produttori a parte la gestione che ovviamente deve essere esterna al tutto

  14. RAD
Pagina 2 di 2 primaprima 12

Discussioni simili

  1. Aggiornamento impianto con caldaia a pellet
    Da Suk nel forum Caldaie a Biomassa
    Risposte: 33
    Ultimo messaggio: 14-03-2019, 17:44
  2. aggiornamento parcelle progettazione impianto FTV sino a 19,9 kWp
    Da DRK nel forum Aspetti economici e bancari
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 22-02-2019, 18:29
  3. Aggiornamento impianto
    Da zorro73 nel forum Solare TERMICO
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 29-09-2017, 22:47
  4. Aggiornamento impianto di una vecchia casa
    Da Gil1932 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 10
    Ultimo messaggio: 10-08-2016, 11:14
  5. aggiornamento A70 per impianto >50kW in MT
    Da Nik77 nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 02-03-2013, 19:17

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •