Mi Piace! Mi Piace!:  13
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  13
Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 1 a 22 su 25

Discussione: Riscaldare camera da letto

  1. #1
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito Riscaldare camera da letto



    Salve, visto che si avvicina l'inverno volevo chiedervi come posso riscaldare una camera da letto senza spendere una cifra in energia elettrica, pensavo a una stufa a olio oppure un termoconvettore, alla fine quello che incide sulla bolletta sono sempre i watt quindi un sistema o l'altro non penso cambi molto, forse con una stufa a olio si riesce a risparmiare qualcosa, da quanto ho capito quando l'olio è caldo la stufa si spegne da sola, anche se l'olio caldo credo che duri poco.

    La stanza è di 10,62 mq e 31,22 m3, ho provato diverse stufette una peggio dell'altra, ho una alogena ma la luce che emette mi da fastidio, e si sono fulminate due lampade, ho un'altra stufa con ventola e dal rumore sembra più un trattore e scalda anche poco.

    Dunque cerco una stufa che permette di impostare i watt, possibilmente senza ventola, o con ventola disattivabile, intorno a 80 - 100 € esiste qualcosa di valido costruito come si deve ( elettronica decente e componenti che possano durare nel tempo) o mi devo accontentare dei soliti giocattoli, cosa mi consigliate ?

    Leggevo che esistono dei riscaldatori (Stone Carbon) con il corpo in pietra, il riscaldatore in carbonio e il sensore termico incorporato, (però non ho capito di cosa si tratta esattamente) oltre ai termoconvettori a infrarossi o raggi UV, o i pannelli radianti sempre a infrarossi, oppure i radiatori svedesi, dicono che sono termosifoni elettrici particolarmente efficienti in termini energetici poiché dotati di parte riscaldante interna e non da sistema di irraggiamento. Da quanto ho letto la vera stufa svedese è quella a infrarossi in fibra di carbonio

    In termini di efficienza energetica non ho proprio idea quali siano i dispositivi di riscaldamento elettrici più economici sul fronte dei consumi .
    Ultima modifica di marck120; 24-10-2020 a 14:19

  2. #2
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Ti correggo solo su una cosa ...
    ...o raggi UV...
    ... questi sistemi non centrano nulla con il riscaldamento, servono solamente per purificare da germi o batteri (virus) l'aria trattata.
    Per il resto, la differenza tra i tradizionali elementi riscaldanti (convettori, stufette elettriche etc. etc.) e i "moderni" pannelli IR è riassumibile nel fatto che questi ultimi non riscaldano (direttamente) l'aria ma solo i corpi che sottostanno nel raggio emesso. E' una tipologia di riscaldamento più performante, immediato ma meno omogeneo. Per paragone diretto puoi pensare ad uno spot luminoso, le zone in ombra o buie sono fredde

  3. #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @Lupino

    Innanzi tutto ti ringrazio per avermi risposto.

    Si è proprio così i raggi UV vengono utilizzati sterilizzare l' ambiente, ho letto dopo il suo funzionamento.

    Esatto i pannelli IR come mi spiegavi non scaldano l'aria ma irraggiano e scaldano i corpi le superfici degli oggetti presenti nel locale, mah ho sentito diverse opinioni negative riguardo questa tecnologia, in pratica se mi trovo fuori dal raggio di azione del pannello sento freddo, il letto si trova a 60 cm dal muro, se appendo il pannello ad' altezza del materasso forse riesco a riscaldarmi bene, il problema è quando mi sposto, in camera ho anche una piccola postazione per il PC, mi sdraio sul letto la sera mentre guardo la TV prima di addormentarmi, ho visto che ci sono anche i termoconvettori a infrarossi portatili, più che altro ho letto che i pannelli IR vengono utilizzati come integrazione a un riscaldamento già esistente, il lato negativo è che devo rimanere sempre accesi per il fatto che non scaldando l'ambiente e di conseguenza non accumulano energia termica, tra l'altro li consigliano in locali ben coibentati.

    Che raggio di azione hanno i pannelli IR ? se non hanno ostacoli non ho idea se scaldano un corpo anche a 2 o 3 metri di distanza, alcuni addirittura dicono che bisogna stare a pochi cm per goderne il calore, da quello che ho letto si riesce a percepire solo una leggera sensazione di calore sulla pelle.

    Cosa mi consigli di fare, è meglio un termoconvettore normale o con tecnologia IR ? ci sono anche i termoconvettori a infrarossi con resistenze in fibra di carbonio.
    Ultima modifica di marck120; 25-10-2020 a 15:19

  4. #4
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Se la tua necessità di riscaldamento è prevalentemente "statica" (nel letto o seduto al PC) io punterei su uno o due pannelli IR, magari da appendere al soffitto sopra le zone interessate, e controllare o attraverso il loro telecomando, se dotati, o attraverso delle semplici schede domotiche (QUI trovi sicuramente consigli in merito). Se invece stessimo parlando di riscaldare un ambiente in cui ti muovi in continuazione allora punterei su uno o più convettori.

    P.S.
    Alcuni pannelli sono dotati di termostato; se questo decreta un costo aggiuntivo (imho) puoi tranquillamente evitarli visto che questo dispositivo, per quanto su detto (non scaldano l'aria), è relativamente inutile.

  5. #5
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @Lupino

    Ammetto che non avendo mai provato questo genere di dispositivi sono decisamente scettico al riguardo, tu li hai provati personalmente ?

    Si esatto il tipo di riscaldamento di cui ho bisogno è prevalentemente statica, si quando mi trovo nella stanza o sono sul letto o seduto al PC

    Le pareti sono alte 3 mt se appendo il pannello al soffitto penso che riesca comunque a riscaldarmi.

    Con due pannelli spendo una cifra, non so neanche se mi soddisfa questo sistema di riscaldamento, per ora mi basta un pannello che non sia neanche troppo caro, ma quale wattaggio e modello mi consigli ?


    Le schede domotiche sono molto interessanti, nel caso andrò ad' approfondire l'argomento.

    Riguardo i convettori ho trovato marchi come Zanussi, electrolux, noirot, nobo o Ballu per i pannelli IR non saprei quali sono i marchi più affidabili.
    Ultima modifica di marck120; 26-10-2020 a 03:29

  6. #6
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Provati ma mai acquistati ... per ora.
    Come dicevo sono molto comodi per "star caldi" se si è seduti al PC o su un divano a guardare la TV ma dubito li utilizzerei per riscaldare tutta una stanza anche perché, fatte le debite proporzioni, sarebbe più conveniente un clima con relativo split
    ...per i pannelli IR non saprei quali sono i marchi più affidabili..
    Purtroppo in questo non saprei consigliarti, personalmente inizierei acquistandone uno economico, anche da Brico, per vedere come funziona e se soddisfa le mie esigenze, come potenza direi 300/500W (non ricordo più dove ma se non sbaglio si parlava di 70/80W per m2)

  7. #7
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @Lupino

    La mia stanza è abbastanza piccola, ho letto che il cono di irraggiamento è di circa 2 metri, puoi confermare ?

    Questo è uno dei commenti che ho letto :

    "Riscaldare un'intera stanza non è realistico, ma puoi creare un'area calda fino a 2 m di distanza. Ho installato la piastra da 600 watt 1 m accanto al letto e posso così mantenere calda la mia zona notte in inverno risparmiando il riscaldamento aggiuntivo della stanza (camera da letto di 10 m²)."

    Anche la stufa alogena da 1200w che ho non riscalda tutta la stanza, a parte che mi scalda la faccia ma i piedi rimangono freddi, la tengo tra il muro è il letto ma se mi sposto ho freddo, mi aiuto anche con una coperta termica.

    In sala ho una stufa a gas che sposto tra la sala e il bagno, è l'unica con una potenza decente.

    Certo il clima mi farebbe comodo, in Sardegna si crepa dal caldo d'estate, in inverno dentro casa scende intorno ai 14 gradi la stanza dove dormo poi è decisamente umida, con il clima purtroppo il prezzo aumenta senza contare l'installazione.

    Per la stanza da letto magari sarebbe l'ideale accoppiare il pannello IR con un convettore a basso consumo, boh sono molto indeciso.

    Non sapevo che i pannelli IR li vendevano anche al brico.

  8. #8
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    ...il cono di irraggiamento è di circa 2 metri, puoi confermare?
    Si, più o meno credo sia quello. Almeno in quelli che ho avuto modo di provare.
    ...in sala ho una stufa a gas che sposto tra la sala e il bagno, è l'unica con una potenza decente.
    Le vecchie catalitiche, si ne avevo una anch'io in montagna. Mai fidarsi troppo però, i casi di intossicazione da CO nei periodi invernali sono sempre molti.
    Certo il clima mi farebbe comodo...
    Per 10mq ti basterebbe un climatizzatore da 7000 BTU, facendo una veloce ricerca su Amazon (per un 9000 BTU visto che i 7000 sono pochissimi) ne trovi molti tra i 300 e i 400 euro. Per l'installazione, se la distanza tra compressore e split è relativamente breve e non vi sono particolari problemi 2/300€ dovrebbero bastare

  9. #9
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @Lupino

    Per scaldare tutta l'area del letto 2 metri dovrebbe bastare, senza provare non saprò mai come mi trovo, sto pensando di acquistare il pannello IR su Amazon, se non mi piace in teoria potrei fare il reso.

    Riguardo la stufa a gas che ho è una Laminox infrarossi IRV 42 365, ho scoperto adesso che è a infrarossi, il sistema a infrarossi pensavo fosse una nuova tecnologia invece ho visto che esiste da tempo, c'è ne sono a gas come la mia e elettriche con le vecchie resistenze tipo la TROTEC IR 1200 S o la blumfeldt Gold Bar 2000 il Vortice 70015 ecc.. scusami ma queste stufe IR non hanno niente a che fare con i pannelli che si appendono al muro ? Ho visto modelli con scritto stufa a infrarossi con elementi al quarzo o stufa a infrarossi con resistenze verticali in Fibra di Carbonio come la bimar HR301, cosa cambia alla fine ? Non riesco a capire sono IR ma hanno le resistenze classiche, che senso ha poi l'IR se hanno resistenze da 2000 watt

    Il clima per ora è troppo caro per me, ci penserò in seguito, devo essere sincero non mi sono mai informato al riguardo, 9000 BTU dovrebbero corrispondere a 2637.639 watt, ma non credo sia questo il consumo di un climatizzatore, ho letto questa formula penso sia giusta :

    1000 W
    Un condizionatore di classe energetica alta con capacità di raffreddamento di 9000 Btu ha un consumo energetico stimato di 1000 W, il che significa che se lo tieni acceso 6 ore al giorno (considerato un costo al kWh di 0,2 € in bolletta) ti costa 1,20 € al giorno, che per 90 giorni (i tre mesi d'estate), fa 108 €.
    Ultima modifica di marck120; 26-10-2020 a 01:16

  10. #10
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Qualsiasi fonte termica, anche un normale termosifone, emette IR. Quello che varia è solo la percentuale in cui questo fenomeno (irraggiamento) viene sfruttato
    Il calore "viaggia" per conduzione (se scaldo la punta di una barra metallica, dopo poco, anche il lato opposto sarà caldo), convezione (spostamento di una massa d'aria calda) e irraggiamento (i raggi solari = IR).
    La differenza "fisica" tra le varie tipologie di riscaldamento è data da quale di questi tre fenomeni viene sfruttato e con che rendimenti.
    Certo anche i proiettori con lampade al quarzo o alogene sfruttano l'irraggiamento...
    ...Non riesco a capire sono IR ma hanno le resistenze classiche,..
    ... anche un pannello IR ha delle resistenze ma annegate in un corpo di ceramica (o altro materiale) in modo da sfruttare maggiormente l'irraggiamento

    Un condizionatore di classe energetica alta con capacità di raffreddamento di 9000 Btu ha un consumo energetico stimato di 1000 W....
    Il consumo energetico di un climatizzatore è dato, più che dalla sua potenza (ovviamente questa dovrà essere commensurata al locale da climatizzare) al isolamento del locale e, a parità di COP, alla differenza di T tra l'interno e l'esterno.
    Per esperienza diretta posso dirti che con un Daikin A+++ il riscaldamento h24 di un locale di 40mq altamente disperdente nel inverno 2019-2020 mi è costato sui 600€ (in Piemonte)

    P.S.
    ...se lo tieni acceso 6 ore al giorno...
    A meno di non prevedere lunghi periodi di assenza da casa (giorni) la modalità corretta di utilizzo di un climatizzatore non è l'ON/OFF ma la modulazione, ovvero sempre acceso.

  11. #11
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @Lupino
    Grazie per la spiegazione molto dettagliata.

    Come mi hai spiegato se ho capito bene qualsiasi fonte termica emette IR di conseguenza tutte le stufe sono IR, la differenza sostanziale affinché i pannelli in questione scaldano solo i corpi e le altre stufe scaldano anche l'aria come mi spiegavi è dato dal metodo in cui viene sfruttato questo fenomeno, nella pratica questi pannelli IR si differenziano da una normale stufa grazie a queste resistenze annegate in un corpo di ceramica che riescono a irraggiare senza scaldare l'aria.

    Visto che il problema principale di questi nuovi pannelli IR è la carenza di potenza facevano prima a integrare una resistenza magari da 2000 watt in modo da poterla settare a in base alle esigenze, 300w/600w/900w/1200w/1500w fino a 2000w

    Comunque alla fine mi conviene prendere un termoconvettore classico, alcuni modelli hanno la possibilità di essere appesi al muro e di essere utilizzati anche a terra con i piedi, visto che ho poco spazio se lo appendo accanto al letto è l'ideale, il problema è che hanno quasi tutti i bocchettoni rivolti verso l'alto, un'altra cosa che non mi piace di questi convettori è che sono poco configurabili, di solito ci sono solo due modalità 1000w o 2000w, alcuni modelli addirittura non hanno possibilità di regolazione, altri modelli hanno dei settaggi chiamati eco, sono abbastanza ambigui perché non sono indicati i valori in watt

    Riguardo i termoconvettori puoi consigliarmi qualche modello ?

    I migliori marchi da quanto ho letto sono noirot e nobo ma sono troppo cari, il NOBO E82440020 viene 299 € e non permette neanche la regolazione dei watt, i noirot sono introvabili come il Fusion II ma tanto viene sui 300€, c'è il Ballu HM2000 che ha il bocchettone frontale ed' è possibile appenderlo, settabile solo a 1000w e 2000w viene 119€, però chi ha acquistato questa marca di stufe dicono che si è guastata subito, della Klarstein che ne pensi ?

  12. #12
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    ...facevano prima a integrare una resistenza magari da 2000 watt in modo da poterla settare a in base alle esigenze...
    No, non funziona così. Anche nei convettori non c'è un unica resistenza ma ad ogni potenza è associata una resistenza differente. Il selettore non fa altro che scegliere la resistenza appropriata o una somma di quelle presenti (es 600W può esser dato da 2 resistenze da 300W montate in serie).
    Mi spiace non saprei proprio consigliarti in merito a marche o altro.
    Se si ragiona sulla semplicità costruttiva di un convettore elettrico (una o più resistenze + una ventola) allora è comprensibile che la differenza la facciano solo i materiali utilizzati. Personalmente, soprattutto in considerazione del fatto che andrai ad utilizzare tale generatore in camera da letto, mi limiterei a valutare la rumorosità della ventola e a scegliere un giusto compromesso tra costo e optional (timer, termostato, ampia scelta di potenze)

  13. #13
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @Lupino

    Ti ringrazio mi hai dato tante spiegazioni molto utili.

    In effetti tutte le stufe che ho a casa hanno diverse resistenze, l'alogena suprema ha tre lampade da 400w con i relativi interruttori e la beper da 1500w ha due selettori quindi dovrebbe avere due resistenze da 750w, io parlavo di una specie di regolatore di tensione in modo da portare la resistenza a minimo e alla massima potenza, ma se tutte le stufe sono costruite con varie resistenze la mia idea è sicuramente sbagliata, anche perché se si guasta una resistenza è possibile utilizzare la stufa con la resistenza che rimane.

    Si esatto mi riferivo alla qualità dei componenti con cui è costruita la stufa e una buona elettronica.

    Questi termoconvettori ho visto che la maggior parte non hanno ventole, le regolazioni sono quasi tutte limitate a due potenze, di solito hanno due modalità ad' esempio 1000w e 2000w, ormai la cina ha invaso il mercato è una fortuna trovare qualcosa di qualità, speravo che qualcuno sul forum mi potesse indicare qualche modello valido, sto facendo ricerche, leggo le opinioni su amazon su youtube ma ognuno dice il contrario dell'altro per cui non è facile individuare un dispositivo valido, poi alcuni marchi validi non si trovano in Italia.

  14. #14

  15. #15
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Lupino Visualizza il messaggio
    ...(es 600W può esser dato da 2 resistenze da 300W montate in serie).
    ...
    a me risulta che se sono montate in serie la potenza non si somma, devono essere collegate in parallelo per sommarsi

  16. #16
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @Lupino

    In teoria si dovrebbero andare bene, ma vanno valutati a fondo con ricerche approfondite, li avevo già visti, dalle recensioni che ho letto mi sembrano decisamente scadenti.

    Ma la ventola è essenziale ?

    Per ora il modello che mi convince di più in base al prezzo è questo :

    https://www.amazon.it/Ballu-Convettore-elettrico-consumo-isolamento/dp/B08HM6DVKC/ref=sr_1_1?dchild=1&keywords=Ballu+HM2000&qid=1603 741726&sr=8-1

    Termoconvettori Elettrici a Basso Consumo - Ballu Home

    Con i nobo si va più sul sicuro ma i prezzi sono troppo alti :

    Radiatori • Riscaldamento Elettrico Norvegese Nobo

    Ci sono i noirot ma anche qui i prezzi sono alti :

    Chauffage - Radiateur Noirot | Noirot

    Riguardo gli electrolux nei shop Italiani non si trova niente

    https://listado.mercadolibre.com.ar/...ux-pve60-2200w

    Anche i zanussi so praticamente introvabili :

    https://www.amazon.it/Zanussi-EWK-1501-Termoconvettore-kW/dp/B003Z7EAWY#customerReviews

  17. #17
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Hai ragione, grazie subitomauro per la correzione, mentre scrivevo avevo in mente i collegamenti serie/parallelo delle normali resistenze ma non esplicitavo per la potenza del apparato.
    Anzi, per chi volesse approfondire, esplicitando dal punto di vista fisico si ha....

    P = V x I ovvero la potenza (watt) è uguale alla tensione (volt) per la corrente (ampere) da cui, essendo
    I = V/R con R il valore di resistenza (ohm), otteniamo
    P = V2/R (1)

    Ora sapendo che la resistenza equivalente (complessiva) di x resistenze poste in parallelo (per comodità tutte uguali) è uguale a R/x avremo che, a tensione costante (230V), aumentando il numero di resistenze in parallelo, ovvero diminuendo il valore del denominatore nella (1), aumento la potenza del apparato

    Ma la ventola è essenziale ?
    Serve ad aumentare la velocità con cui il calore si propaga nell'aria. In assenza la propagazione avviene quasi essenzialmente per convezione (aria calda che sale e fredda che scende)

  18. #18
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    @marck120
    il primo mi sembra la solita stufina elettrica da 2000W, se poi aggiungono la frase 'a basso consumo' sempre 2000W consuma

  19. #19
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Occhio ai convettori con i piedini che possono anche essere installati a parete; generalmente la forma costruttiva non è esplicitata per questo tipo di installazione e molto calore viene disperso riscaldando il muro.
    Guarda ad esempio la Ballu che tu indichi ed immaginala montata a parete, il grigliato sul lato dei controlli verso dove spingerà l'aria calda? In un installazione a parete la conformazione del apparecchio dev'essere il più simile possibile agli split dei climatizzatori e, se possibile, con flap oscillanti

    @subitomauro
    Hai perfettamente ragione, prima o poi la storia del basso consumo = xxxx watt la chiedo a qualcuno, giusto per farmi due risate con la risposta

  20. #20
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    @Lupino

    Se le resistenze sono collegate in serie in pratica quando si ruota il selettore cosa fa nella pratica agisce sulla tensione ?

    Una stufa e formata da due conduttori in parallelo fra di loro, alimentati da una differenza di potenziale di $220V$. La resistenza di ogni conduttore e $50 Ω$. - Matematicamente

    @subitomauro

    Grazie per le informazioni

    Ti riferisci alla Ballu credo, nelle info tecniche dice questo :

    Caratteristiche tecniche:
    piena potenza, w 2000 assorbimento massimo, a 8,7
    ½ potenza, w 1000 consumo, assorbimento massimo, a 4,4
    alimentazione, v / hz 220-240, 50/60
    ip 24
    classe i

    Penso sia possibile settarla a 1000w, il consumo è in base ai watt c'è poco da fare, infatti le alogene le chiamano a basso consumo ma consumano con le altre stufe, personalmente quale stufa mi consigli ?
    Ultima modifica di marck120; 26-10-2020 a 23:06

  21. #21
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    No, il selettore crea il collegamento in parallelo fra le varie resistenze. La tensione è sempre uguale.
    Se applichi la mia equazione P = V2/R al problema del link ottieni P = 2302/(50/2) = 2.116kW

    P.S.
    La tensione di rete in Italia è 230V (D.L. 1 del 2012 art. 21) non più 220V

  22. #22
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Lupino Visualizza il messaggio
    Occhio ai convettori con i piedini che possono anche essere installati a parete; generalmente la forma costruttiva non è esplicitata per questo tipo di installazione e molto calore viene disperso riscaldando il muro.
    Sono d'accordo con te, ti parlavo di questo problema in un post precedente, la ballu ha anche una piccola griglia frontale



    Ma il calore che esce dalla grigia posta nel retro inevitabilmente andrà a scaldare anche il muro, l'ideale sarebbe trovare un convettore con una griglia frontale tipo le stufette, io la volevo posizionare tra il letto e il muro, ho solo 60 cm, lo split tipo clima è ingombrante ma se lo metto a 2 metri dovrebbe spingere il flusso dell'aria verso il basso, il problema è che non trovo niente di decente, con le stufe tipo la ballu ho il vantaggio che è possibile utilizzarla anche a terra.

Pagina 1 di 2 12 ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Consiglio condizionatore per camera da letto
    Da emml nel forum Pompe di Calore e Condizionatori
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 23-05-2020, 12:49
  2. Consiglio posizionamento split camera da letto.
    Da maurodell nel forum Pompe di Calore e Condizionatori
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 01-07-2019, 18:09
  3. come isolare camera da letto
    Da ava91 nel forum Isolamento e Sistemi Passivi
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 10-08-2013, 22:48
  4. riscaldare la camera da letto in montagna
    Da maui06 nel forum Termostufe, Termocamini e Termocucine
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 07-09-2012, 21:35
  5. Isolamento camera da letto
    Da nel forum Isolamento e Sistemi Passivi
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 13-02-2007, 17:11

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •