Mi Piace! Mi Piace!:  26
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  2
Pagina 3 di 71 primaprima 12345678910111213141516172353 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 45 a 66 su 1544

Discussione: FIAT SEICENTO Elettra: batterie di trazione alternative

  1. #45
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito



    batterie al litio...
    .....da sole?

  2. #46
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Ciao Gattmes, le batterie che ho ordinato sono queste Lithium Yttrium High Power Battery LiFeYPO4 (12V/60Ah) - NEW MODEL , hanno da poco variato la chimica interna dovrebbero essere piu' affidabili rispetto alle precedenti il controllo avviene tramite :Akumon - 12V LFP battery management board sarebbe una specie della nostra ccm e cmq dovrebbe garantire che le tensioni non salgano sopra i 17v e non scendano sotto i 10v limite massimo altrimenti le batterie si dannegiano, conto di montare 17 batterie in serie sotto carica per raggiungere almeno i 15-15,5v e una in parallello. voglio cercare di montare le batterie a vista per un controllo visivo oltre che elettronico e quindi modificare i cestelli per accogliere le batterie abbiamo preso delle misure col carrozziere possiamo farcela ad installare 10 batterie all'anteriore e 7 nel cestello sotto il sedile posteriore (conto di aprirlo) dall'interno per l'ispezione e poi devo trovare la sistemazione delle altre 2 batterie rimanenti vedremo...., non ho voluto mettere le piccole batterie da 3.2v 60 ah x 72 perchè non sarei in grado di tenerle sotto controllo. tutto il materiale si trova in questa azienda di Praga:Home - GWL/Power - Your Complete Power Solutions - EV-Power.eu , hanno fatto delle modifiche su delle golf citystromer (almeno 3) da quanto ho potuto vedere detto questo mi faccio un grosso in bocca al lupo (crepii...) .

  3. #47
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    1) Conosco bene le TS (e gente che era nelle TS, più gli "amici" di HK).
    Conosco da tempo l'esistenza delle "ittrio", anche se mi sono fermato alle versioni prima.... in senso "in mano".
    Conosco anche le litio a 12V... dal giorno che sono apparse sul sito della TS. Tuttavia i miei "agganci" non mi hanno fugato i dubbi sulla loro natura interna.... anzi mi hanno (leggere tra le righe) sospinto verso la considerazione come serie di 4 con unico contenitore e unica valvola di sfogo.
    Se così è.... hai voglia a equalizzare bene gli elementi interni!
    (Del resto, quando sono apparse nella chimica precedente, un importatore -di cui non faccio nome- di scooters... le aveva adottate, nonostante il mio parere negativo... e credo senza BMS.
    Si vocifera [sottolineo vocifera] di un boooom.... Non so se vero, ma so che ora le batt che usa "normalmente" sono nella maggioranza Pb....)

    2) perdona la mia ignoranza momentanea su Akumon: il controllo è software o hardware (come lo intendo io: sw > misura e informa; hw > è in grado anche di agire [capiamoci bene: agire non significa "informare" l'utente o la centralina, altrimenti e sw e non serve la distinzione. Agire significa "maneggiare" A, W, V.. e derivati Ah, Wh]
    NB ccm o BM attuale sulla Seicento è sw)

    3) curiosità: si può sapere dove hai ordinato (via MP)?

    Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

    Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

    Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
    Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
    PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    [/I]

  4. #48
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Anchio ho dei dubbi, mà piuttosto che restare con le mani in mano preferisco prendere un iniziativa e sperimentare, del resto l'Ingegner Falci per intenderci quello della 600 con batterie Kokam mi ha chiesto oltre 30.000,00 euro(trentamila) giusto per capirci , per 16kw. le batterie di cui sopra ho descritto io non le conosco conto di utilizzarle all'80% ad ogni carica e per quanto riguarda l'akumon solo sotto carica garantisce che non superi i 17volt tramite una resistenza di potenza che acquistero' in Italia anche in considerazione del fatto che il nostro caricabatterie siemens non supera i 260volt in fase di carica , in fase di scarico cerco di mantenermi nei limiti degli 11volt con un voltmetro almeno per il momento . per quanto riguarda l'ordine io l'ho fatto sul loro sito che ho indicato ancora una volta sopra sono gia' disponibili 50 pezzi io ne ho ordinato 21.sarei contentissimo se le batterie mi durassero 3 anni questo mi aspetto se durano di piu' e tutto guadagnato, le nostre piombo gel non fanno certo faville e altre soluzioni al momento non ne vedo.

  5. #49
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    ok... parliamo delle vecchie LFP e non delle nuove LYP (vere "ittrio") o le nuovissime LSP.....
    vedere il sito della TS (o Winston Battery, come si chiama ora...)
    Winston Battery Limited

    I prezzi del sito ceco sono comunque interessanti, soprattutto se consideriamo che non c'è dogana (spero non abbiano indicato un prezzo all'origine o varianti FOB, ecc.) in quanto già nell'Unione.
    (Verifico)

    Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

    Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

    Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
    Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
    PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    [/I]

  6. #50
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    non posso pubblicare qui la fattura per ovvi motivi, non è nemmeno intestata a mè , in ogni caso il prezzo totale che ho pagato e di euro 5361.20 comprende 18 akumon 21 batterie LP12V60AH un caricabatterie da 20ah (per le prime 5 ricariche) costa 99 euro e 200 euro circa il costo del trasporto con tnt. ho dovuto ordinare 21 batterie per superare la soglia di 5000 euro dell'ordine altrimenti avrei pagato un batteria 239 euro invece di 220.

  7. #51
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Per Ciccio....può essere una buona soluzione...Appena ti arriva il materiale , cominci i montaggi posta qualche foto....
    Personalmente spero di potermi indirizzare verso dei softpack Kokam da 6 celle in serie per una tensione di 22Vdc circa...con 10 softpack (installabili solo nel cestello anteriore) si hanno gli stessi range di lavoro del pacco Pb/gel.
    Chiaro che occorrerà un bms (Lithium Balance) che dovrà gestire la corrente di carica del CB in fase di bilanciamento delle celle.

    Ciao


    Fox
    16 moduli ST170M Conergy Inverter IPG3000 vision

    alla tv -calcio +rally

    http://www.evalbum.com/2123

  8. #52
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    La batt va gestita non soltanto nella carica.
    Per esempio anche per la rigenerativa: se a bat carica si affronta una discesa i problemi sono ben maggiori della fase di carica con CB, dove, considerando che a fine carica lo stesso diminuisce la corrente, si hanno a che fare con valori di corrente ben più bassi... dell'ordine di qualche Ampere.
    Viceversa la rigenerativa arriva a 50A! (Non so se mi sono spiegato...).

    Ma la bat va gestita PURE quando scarica. Questa situazione NON è da sottovalutare.... dovessi fare una classifica sarei più propenso a inserire la scarica al primo posto!
    ...E specialmente ciò diventa predominante SAPENDO (lo sapete, vero?) che le bat deviano per la loro strada non appena si cominciano a ciclare, quindi a poco serve selezionarle tra lotti, pre-equalizzarle prima dell'utilizzo ... e sistemi simili... che permettono solo di guadagnare un poco di tempo prima che i "fenomeni" suddetti prendano pieghe esponenziali con deducibili conseguenze...

    (ecc.)

    Pongo una semplice riflessione:
    supponiamo le bat pure 60 Ah nominali (...) e in ragione di 18 (considero un blocco 12Vnom anche se fosse costituito da più celle... faccio il "bravo"!).
    Se un solo blocco riduce ... dopo un po'... la sua capacità a... diciamo 48-50 Ah (circa -20%) come si agisce? Si "dichiara" il veicolo scarico dopo solo 50Ah erogati? Può anche essere... è quello che fa ora la BM (e non solo quella della Seicento).
    In tal caso succede:
    -energia effettiva (non faccio calcoli pignoli..) di ogni blocco "buono" 60 Ah x 12 V = 720 Wh
    -energia del blocco batterie (18) da "buone" 18 x 720 Wh = 12.960 Wh... circa 13 kWh
    -energia di un blocco supposto degradato a 50 Ah > 50 x 12 = 600 Wh
    -energia del blocco batterie con 17 blocchi "buoni" 17 x 720 Wh = 12.240 Wh più un blocco degradato a 600 Wh =12.840 Wh (12,8 kWh).... ossia perdita del solo 1% !!!!! (Uno per cento)
    -energia utilizzata se si ferma la scarica del pacco bat a 50 Ah erogati (per non mandare in sottoscarica il blocco degradato) 18 x 600 Wh = 10.800 Wh... pari a 10,8 kWh ossia non si usufruisce di 2 kWh.... ossia come se la perdita fosse circa del 18%!!!! (Diciotto per cento)

    Può anche essere accettabile... MA, ... così facendo, il blocco degradato si "cicla" ogni volta al suo massimo DOD , mentre gli altri NO.
    Conseguentemente, visto che SAPETE (lo sapete, vero?) che il degrado dipende - e in maniera NON lineare - dalla profondità di DOD... non ci vorrà molto per degradare ulteriormente il blocco a ... esempio ... 40Ah... e ancor meno a 30Ah e così via.
    Ritornando al ragionamento di prima.... quando si arriverà a 30... si utilizzerà il pacco bat per metà della sua effettiva energia.... circa 6,5 kWh, mentre... supponendo pure un "empirico" 5Ah perso sugli elementi buoni, se ne avrebbe:
    (12 V x 55 Ah x 17 blocchi) + 12V x 30 Ah= (660 Wh x 17) + 360 Wh = 11.580.. ossia si hanno 11,5 kWh e se ne sfruttano SOLO 6,5 kWh... e in tutto ciò continuando a "stressare" il blocco (o i blocchi) più debole!
    Ultima modifica di gattmes; 05-02-2011 a 13:18

    Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

    Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

    Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
    Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
    PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    [/I]

  9. #53
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da gattmes Visualizza il messaggio

    Pongo una semplice riflessione:
    supponiamo le bat pure 60 Ah nominali (...) e in ragione di 18 (considero un blocco 12Vnom anche se fosse costituito da più celle... faccio il "bravo"!).
    Se un solo blocco riduce ... dopo un po'... la sua capacità a... diciamo 48-50 Ah (circa -20%) come si agisce? Si "dichiara" il veicolo scarico dopo solo 50Ah erogati? Può anche essere... è quello che fa ora la BM (e non solo quella della Seicento).
    In tal caso succede:
    -energia effettiva (non faccio calcoli pignoli..) di ogni blocco "buono" 60 Ah x 12 V = 720 Wh
    -energia del blocco batterie (18) da "buone" 18 x 720 Wh = 12.960 Wh... circa 13 kWh
    -energia di un blocco supposto degradato a 50 Ah > 50 x 12 = 600 Wh
    -energia del blocco batterie con 17 blocchi "buoni" 17 x 720 Wh = 12.240 Wh più un blocco degradato a 600 Wh =12.840 Wh (12,8 kWh).... ossia perdita del solo 1% !!!!! (Uno per cento)
    -energia utilizzata se si ferma la scarica del pacco bat a 50 Ah erogati (per non mandare in sottoscarica il blocco degradato) 18 x 600 Wh = 10.800 Wh... pari a 10,8 kWh ossia non si usufruisce di 2 kWh.... ossia come se la perdita fosse circa del 18%!!!! (Diciotto per cento)
    Ciao Gattmes,

    interessante questa tua riflessione, spiega anche molto bene i problemi che si potrebbero incontrare.
    Si fa fatica a trovare spiegazioni così chiare sulla gestione in carica/scarica delle batterie.


    Mi sorgono domande:

    Esiste oggi in commercio un BMS che permette di gestire le singole "celle" nella maniera da te descritta?
    Esiste oggi in commercio un BMS che permette oltre ad un monitoraggio anche un intervento sulle singole celle al momento della carica/scarica/ingresso rigenerativa/bilanciamento (come tu stesso hai detto in precedenza citando controllo hw & sw)?

    Si fa molta fatica a trovare risposte e/o prodotti del genere, soprattutto il costo dei componenti è spesso proibitivo, si parla di costi a volte uguali o superiori alle bat stesse.




    Jac
    Bici elettrica MKIII : qui.

    E-bike / li-ion batteries / electronics / etc. : jacopo.tk


  10. #54
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    se scindi "esiste" da "in commercio"... ed elimini BMS, magari sostituendolo con sitema, modo, metodo
    una risposta sarebbe più... auspicabile

    .. e per fare... mescolamento di acque (pur dicendo pane al pane...) si potrebbe domandare:
    Esistono batterie che permettono ciò...


    il costo dei componenti è spesso proibitivo
    Vero... ma... il costo è spesso relativo.
    Giorni fa parlavo a un tizio della Prius... si è informato dopo il mio "martellamento" e poi mi ha detto "ma costa 36.000 Euro!"
    Non mi tornava: sono andato sul sito Toyo e ho tirato giù i prezzi. Perfino quella con il tasto "iperspazio" non arriva a ciò (si ferma sui 33 K).. così ho stampato il foglio e fatto presente il tutto... e che la base (pur ben dotata e... auto più evoluta del pianeta) costa intorno ai 25.000.
    "Ma è sicuro? Chi glielo ha detto? Ma la sua [P V2] costava così? Non saranno aggiornati..."
    Non a caso, sulla stampa, avevo cliccato "riporta sito/fonte" e data/orario...
    "Si ma sono sempre 25.000 Euro"
    Ho fatto notare che c'è la Auris (secodno foglio allegato...) che parte da 22.000 ed è pur sempre un segmento C
    "Ma sono tanti lo stesso"
    Giorni dopo, a PC acceso, l'ho chiamato e gli ho fatto vedere quante Prius usate si trovano sotto i 12.000 Euro (anche a 7.000- 8.000)!
    "Si ma sono sempre tanti"
    Prossima settimana gli stampo... la Prius di carta! (E se mi dice che la colla costa... gliela monto io!)

    Come diceva Einstein.. e tutto relativo... al ta punto che - per lo stesso portafoglio/tasca - una Fiat (ultimamente anche altre marche) a 16.000 - 18.000 Euro può "non costare molto", ma un HSD a 7.000 si!
    Ultima modifica di gattmes; 06-02-2011 a 11:48

  11. #55
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da gattmes Visualizza il messaggio
    se scindi "esiste" da "in commercio"... ed elimini BMS, magari sostituendolo con sitema, modo, metodo
    una risposta sarebbe più... auspicabile

    .. e per fare... mescolamento di acque (pur dicendo pane al pane...) si potrebbe domandare:
    Esistono batterie che permettono ciò...


    [...]
    Vero... ma... il costo è spesso relativo.
    Ciao Gattmes,

    so benissimo che un "sistema" del genere "esiste" (e l'ho pure visto coi miei occhi, seppur non in funzione), la domanda è se si trova in commercio e mi pare d'intuire che la risposta sia "no".

    Mi scuso per l'italiano poco chiaro, ormai per me è diventata seconda lingua .

    Concordo con te sul fattore costo, parlando di batterie et simila, dipende molto dall'uso che si fa delle stesse o del mezzo in cui sono montate, è un discorso che è già stato affrontato.




    Jac
    Bici elettrica MKIII : qui.

    E-bike / li-ion batteries / electronics / etc. : jacopo.tk


  12. #56
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    [Mah il discorso secondo me è sempre e solo relativo alle batterie...il problema è proprio la costruzione della cella!E' molto difficile avere celle simili e per forza di cosa con tutte le gestioni Hw/Sw che si possono inserire è molto difficile tenere bilanciati pacchi di batterie dove le celle sono molto disequalizzate...La soluzione finale è quella di sostituire le celle con altre nuove...
    Tutti i bms di ultima generazione sono programmabili (come il Libal) e possono gestire/monitorare le celle in fase di carica e o scarica.

    Inoltre il bms "dialoga" con l'inverter e in caso di batterie cariche regolare la generazione in frenata per non sovraccaricare le celle.

    Ciao

    Fox
    16 moduli ST170M Conergy Inverter IPG3000 vision

    alla tv -calcio +rally

    http://www.evalbum.com/2123

  13. #57
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    partiamo... dall'ultimo
    il bms "dialoga" con l'inverter e in caso di batterie cariche regolare la generazione in frenata per non sovraccaricare le celle.
    -Se fa così con la rigenerativa (che è assimilabile a una fase di carica).... perdi energia di recupero PER COLPA della singola (o più) cella ... su magari una serie di centinaia "buone" (esempio: 216 Vnom della Elettra, significano oltre 70 celle al litio [dipende che litio], oltre 108 celle al piombo, 180 celle al nichel, ecc.)
    -Se fa altrettanto in erogazione (fase di scarica)... vedi quanto ho spiegato qualche messaggio fa (perdi/non sfrutti buona parte dell'energia contenuta nelle celle buone)

    non dovrei.... scrivere oltre... facciamo il minimo sindacale (e mi sa che scrivo già troppo)
    Tutti i bms di ultima generazione sono programmabili (come il Libal) e possono gestire/monitorare le celle in fase di carica e o scarica.
    correggerei la frase:
    Tutti i bms di ultima generazione sono programmabili (come il Libal) e possono monitorare, quindi non gestire (loro) direttamente, le celle in fase di carica e o scarica.
    ..
    La soluzione finale è quella di sostituire le celle con altre nuove...
    Per me la soluzione finale è non doversi occupare del problema, ovvero fare in modo che non sia più tale.... al punto di poter mescolare batterie (chimiche) non solo di diversa capacità, ma anche chimica... e perfino celle nuove con celle completamente andate/rotte!

    con tutte le gestioni Hw/Sw che si possono inserire è molto difficile tenere bilanciati pacchi di batterie dove le celle sono molto disequalizzate
    Bisogna fare un distinguo tra (coniamo due nuove parole) "disequalizzazione" e "discapacità".
    Celle disequalizzate si possono equalizzare
    Celle che hanno perso capacità non direi
    Tuttavia si può riversare capacità tra delle celle (+ Ah) ad altre celle (con - Ah)... e per farlo ci sono vari modi +/- efficienti e +/- complicati.
    Per esempio io "ravano" con uno che riequalizza a fine carica, ma anche a fine scarica, sfruttando

    il discorso secondo me è sempre e solo relativo alle batterie...il problema è proprio la costruzione della cella!
    Sapendo che batterie perfettamente identiche prendono strade diverse (inutile ripetere qui gli "n" motivi che dovreste un minimo sapere: è dalla notte dei tempi che vi tedio su ciò), decido di non fare minimamente affidamento su questo fattore.
    È un dato di produzione/costruzione/ecc. che NON mi deve interessare.
    Come ho scritto su il "limite" a cui tendo è cella buona in compagnia di cella "rotta": il tutto deve poter sopravvivere!

  14. #58
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Buongiorno a tutti , ci siamo eccole in viaggio da Praga GE647792391WW
    10/02/2011
    MILANO CAMM INT.HUB
    Spedizione in transito.
    10/02/2011
    MILANO CAMM INT.HUB
    La spedizione e' in transito
    10/02/2011
    MILANO CAMM INT.HUB
    La spedizione e' regolarmente partita
    10/02/2011
    MILANO CAMM INT.HUB
    La spedizione e' in transito
    10/02/2011
    MILANO CAMM INT.HUB
    Spedizione in transito
    9/02/2011
    VIENNA
    La spedizione e' in transito
    9/02/2011
    VIENNA
    La spedizione e' in transito
    9/02/2011
    VIENNA
    Spedizione in transito.
    9/02/2011
    VIENNA
    Spedizione in transito.
    8/02/2011
    PRAGUE
    Spedizione presa in carico
    8/02/2011
    PRAGUE
    La spedizione e' in transito
    8/02/2011
    PRAGUE
    Spedizione presa in carico
    8/02/2011
    PRAGUE
    La spedizione e' in transito
    8/02/2011
    PRAGUE
    Spedizione presa in carico
    8/02/2011
    PRAGUE
    Spedizione presa in carico
    8/02/2011
    PRAGUE
    Spedizione presa in carico

    non vedo l'ora di fare le foto , la macchina è stata tutta riverniciata le batterie dovrebbero arrivare domani o lunedi' oggi smonto i pacchi batterie e paraurti anteriore , non sono sicurissimo ma forse agli akumon di cui parlavo sopra si possono collegare dei rele' per la fase di scarico e quindi bloccare eventuali eccesi con conseguente danno alle batterie al momento conto di montarle e utilizzarle con cautela, vediamo le prestazioni e il montaggio che dovro' affrontare mi aspetto di fare almeno 100km con una ricarica considerando anke il peso circa 250 kg in meno cambiero' anke la batteria dei servizi con una litio ne ho ritirato 21 speriamo bene ...

  15. #59
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    cambiero' anke la batteria dei servizi
    ecco... questa è una cosa che volevo fare pure io (eventualmente anche con altre chimiche, oltre il litio)... insieme a farla partecipare alla rigenerativa!
    (In fondo questo è per me "noto"... visto che oltre 10 anni fa implementavo quello che ad esempio oggi sulla Citroen C4 chiamano micro ibrido:
    Risparmiare Energia (mini ibrido) )

    Intanto informo che dovremo pernsare a portare avanti anche il progetto Solarium (http://www.energeticambiente.it/fiat...ovoltaico.html): oltre ai nuovi modelli PV "visibili" a tutti, ce ne sarebbero due dedicati, uno dei quali dovrebbe ricoprire tutto il tetto, con una potenza di 157 W e una tensione sui 30V.
    Magari, per chi è interessato, continuiamo nell'apposita discussione con maggiori dettagli tecnici.

    Fare si puo'!..... Volerlo dipende da te.

    Consultate e rispettate il REGOLAMENTO ( < cliccare sopra per visionarli >) e l' INDICE del Forum

    Ricorda: un piano cottura a induzione consuma mediamente solo il 30% dell'energia richiesta da uno a gas e comporta in "bolletta" costi dimezzati. Contrariamente a quello che ti diranno in giro poi si può generalmente usare anche con il normale contratto da 3 kW, pur se sprovvisto di sistema di autolimitazione. Per maggiori informazioni:
    Vetroceramica (piani cottura HOBs): bugie&verità
    PIANI COTTURA: vetroceramica radiande/alogeno, induzione, metano/GPL, ecc: QUI TUTTE LE DOMANDE E DUBBI
    [/I]

  16. #60
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Help, dovrei interpretare al meglio questa traduzione mi aiuta qualcuno grazie..

    The Akumon 12V LP battery monitor board

    GWL/Power is introducing a specialized battery monitor and balancing board to allow easy management of 12V lithium monolithic batteries.

    The Akumon battery management board has following functions: voltage level monitoring with 3 target voltage levels: the low voltage (battery is discharged), the balancing voltage (the battery is fully charged), the over voltage (the voltage of the battery has increased over the maximal level). There are two open emitter transistors that allow signaling the voltage levels to other devices. These two signals are: the low voltage level (typically bellow 10V), the over voltage level (above 17V)

    The Akumon also provides the balancing function for the optimizing of the final part of the charging process. When the balancing voltage level is reached (typically 15V), the Akumon board connects a resistor to load the battery. This way the charging current is reduced and battery is balanced. In addition to the primary balancing resistor on the board, there is a connector for external load that allows to increase the balancing load when needed.

    Please note: The Akumon does not provide the power contactor function. In order to disconnect the power circuit under load some external high current relays or contactors must be used. These are NOT provided with Akumon.

    Get details about AKUMON on the GWL/Power Blog

  17. #61
    Affezionato

    User Info Menu

    Predefinito

    Traduco io al volo:

    Scheda di controllo per The Akumon 12V LP battery



    GWL/Power sta introducendo/ ha introdotto (?? non si capisce se stanno parlando di una cosa che esiste già o che stanno testando) un sistema di controllo e bilanciamento per 12V lithium monolithic batteries.


    La scheda di controllo Akumon ha le seguenti funzioni:
    Controllo del voltaggio su tre livelli: basso voltaggio (fase di scarica), voltaggio di bilanciamento (la batt è completamente carica), sovravoltaggio (la tensione della bat va oltre il livello massimo consentito).

    Ci sono due transistor "emettitori" (chiedo aiuto col linguaggio tecnico) che permettono di "segnalare" il livello della tensione ad altre utenze/apparecchi/schede. Questi due segnali sono: il segnale di basso voltaggio (tipicamente sotto i 10v) e la sovratensione (sopra i 17v).

    Akumon è anche dotato della funzione di bilanciamento per ottimizzare la parte finale del processo di ricarica. Quando si raggiunge la tensione di bilanciamento (tipicamente 15v), la scheda Akumon connette una resistenza "per caricare la batteria" (in serie al carico intende??). In questo modo la corrente di carica viene ridotta e la batteria viene bilanciata.
    In aggiunta alla resistenza di bilanciamento primaria sulla scheda c'è un connettore per un "carico" esterno che permette di aumentare la "carica di bilanciamento" quando necessario.

    NB: Akumon non ha la funzione di contattore. Per disconnettere il circuito sotto carico, dei relè "di potenza" o contattori devo essere usati. Questi non sono forniti con Akumon.


    Ciao,


    Jac




    P.S. Credo si capisca, alcune parti non mi sono chiare (parte rossa)
    Bici elettrica MKIII : qui.

    E-bike / li-ion batteries / electronics / etc. : jacopo.tk


  18. #62
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Grazie Spuzzete, sei gentilissimo "si esistono già" li ricevero' oggi o lunedi' insieme alle batterie.

  19. #63
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    la scheda Akumon connette una resistenza "per caricare la batteria" (in serie al carico intende??). In questo modo la corrente di carica viene ridotta e la batteria viene bilanciata.
    In aggiunta alla resistenza di bilanciamento primaria sulla scheda c'è un connettore per un "carico" esterno che permette di aumentare la "carica di bilanciamento" quando necessario.
    direi così
    la scheda Akumon connette una resistenza di carico sulla batteria (in parallelo a quella batteria che ha già raggiunto la tensione prefissata). In questo modo la corrente di carica (che entra in quella batteria) viene ridotta (visto che una parte è dirottata verso la resistenza in oggetto) e la batteria viene bilanciata (visto che le altre batterie non ancora "alla soglia" vengono caricate "a stecca").
    (non letterale) Oltre alla resistenza (di carico) di bilanciamento principale, sulla scheda c'è un connettore per un eventuale carico esterno che permette di aumentare il carico per il bilanciamento, quando necessario
    Potete immaginare le bat come un palazzo a più piani (ogni piano è una bat in serie alle altre bat/piani) su quello a tetto c'è un tubo da cui esce una "corrente" d'acqua che entra in un lavandino (la batteria vera e propria) e poi , dal suo "scarico" si collega al tubo del piano di sotto e così via.
    In questo modo (se non si preleva acqua dai lavandini) tutti i lavandini vedono la stessa corrente d'acqua.
    Se ad un certo punto però attivo una piccola tubazione parallela ad uno solo dei lavandini, tra il suo tubo di immissione e il suo scarico, è chiaro che una parte dell'acqua bypasserà il lavandino in questione. Tutti gli altri ovviamente non se ne accorgono, ma il lavandino "moffo" dovrà sopportare un gettito di corrente d'acqua minore....

    Quello che non mi è chiaro è se c'è una fase a 2 step
    1) si arriva alla soglia e viene attivata la R principale
    2) nonostante ciò non si riesce a bilanciare del tutto e allora si attiva quella eventualmente attaccata al connettore (nel senso che la principale non può portare dei kW... mentre una esterna, magari con opportuno dissipasore/dispersore si)

    Ma, ripeto/sottolineo, non è detto che sia così.. magari quando si abilita la principale... si abilita anche quella a connettore
    (da "investigare")

    Per capirci anche il mio primo sistema di gestione (che volevo rendere ormai pubblico) faceva altrettanto. Solo che invece che una R fissa disponeva di una R variabile (ottenuta con transistor)... che diminuiva di valore (ohm) quindi aumentava il suo assorbimento.. tanto più quanto la bat era carica (come dire: nell'esempio invece di un tubicino fisso.. c'è un grosso tubo dotato di rubinetto per controllarne il flusso)
    Ovviamente, visto che mi piace fare le cose bene, il MOS era in grado di arrivare a trattare parecchi ampere (4-5 nella prima versione... una 20a nelle ultime... [attualmente sto lavorando su qualcosa di diverso....comunque sui 150A]).. e ciò in funzione della temperatura (cioè cercava di evitare il più possibile la sovraccarica alla bat ovvero cercava di "salvare"... ma prima salvaguardava se stesso!)
    Ultima modifica di gattmes; 11-02-2011 a 13:03

  20. #64
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Sul loro blog ho visto dei collegamenti, anche con foto sembrano funzionare un po' come le ns. ccm .... con qualche opzione in più vedi relè collegabili, io pero mi chiedo se una batteria scende sotto i 10v e interviene un relè per interrompere l'erogazione di corrente resto in mezzo alla strada molto pericoloso ...

  21. #65
    TUTOR

    User Info Menu

    Predefinito

    Se ottieni autonomie in eccesso dei 100 km , non dovresti avere problemi a non spingerti oltre i 60-80 km, se non in casi eccezionali: ricorda anche quanto riportato nelle FAQ circa il DOD!

    Già che parliamo di litio, non ricaricare nemmeno al 100%:

    1) scenderebbe il rendimento del veicolo come kWh a km
    1a) alcuni "servizi" accesi mentre ricarichi, compresi quelli nel CB, vanno a pesare di più, diminuendo i rendimenti a bassa corrente
    1b) le resistenze di carico che vanno ad inserirsi qua e la sulle bat già cariche sono DISSIPATIVE (=energia che butti in calore)

    2) generalmente scende anche la vita delle litio (degrado accelerato)

    ..non a caso, pensando a quanto sopra, ho previsto attualmente un sistema che tende ad equalizzare anche verso la scarica (nb utilizzando le bat "randomicamente", come normalmente accade in un veicolo).... ed un possibile miglioramento/integrazione di quello che lo fa nella carica (CB/rigenerativa) che attualmente è dissipativo, ma lascia spazi a sistemi "con recupero" invece che dissipazione.

  22. #66
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Giusto gattmes, tra le altre cose era quello che mi ero prefisso dall'inizio caricare le betterie intorno a 15,5volt e sfruttarle all'80%.

Pagina 3 di 71 primaprima 12345678910111213141516172353 ... ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Risposte: 678
    Ultimo messaggio: 26-11-2019, 13:28
  2. FIAT SEICENTO Elettra: arpionismo
    Da luigiduca nel forum Fiat Seicento Elettra
    Risposte: 27
    Ultimo messaggio: 06-01-2019, 16:46
  3. FIAT SEICENTO Elettra: monitorare le singole batterie
    Da Oighen nel forum Fiat Seicento Elettra
    Risposte: 20
    Ultimo messaggio: 29-09-2017, 09:13
  4. FIAT SEICENTO Elettra: batterie (originali) e affini
    Da RIZZO99 nel forum Fiat Seicento Elettra
    Risposte: 278
    Ultimo messaggio: 05-11-2014, 15:09

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •