annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Info per progetto Titanico

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Info per progetto Titanico

    Salve a tutti,
    Ho un'appezzamento di terreno di circa 5000 m2, è lungo 200 mt e largo 25mt. La sua posizione è est-ovest per il lato maggiore e si trova a circa 3 km dal mare, la località è viareggio in toscana. Ha un'ottimo soleggiamento e in piu dalle ore 10 della mattina fino alle 18 della sera c'è una brezza dal mare molto consistente.
    A me era venuta una pazza idea, si puo in una condizione del genere installare sul''intera superfecie pannelli fotovoltaici e pale eoliche insieme? Se si quante colonne e quanti pannelli potrebbero servire in linea di massima? E quanto potrebbe venire a costare un'operazione del genere?
    Grazie mille!

  • #2
    un sacco di problemi con le amm locali ecco cosa ti costa costa.....ora in toscana (Grosseto) siamo alle prese con l'ornitologo per il censimento delle specie faunistiche presenti in situ...du palle

    cmq tentar non nuoce!!!!
    "MAKE YOUR ENERGY!!"

    on SKYPE econtek-italy

    "la vera sfida non è realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

    Commenta


    • #3
      per il fotovoltaico non ci sono problemi di sorta........

      per l'eolico...... bisognerebbe fare prima un piccolo studio...... annuale!

      rimane sempre il problema del lottare con le istituzioni....... ma se sei un tipo caparbio la spunti!

      ciao

      Commenta


      • #4
        quello si puo fare l'indagine anemologica e fondamentale....almeno 12-18 mesi
        "MAKE YOUR ENERGY!!"

        on SKYPE econtek-italy

        "la vera sfida non è realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da ingcxc Visualizza il messaggio

          per l'eolico...... bisognerebbe fare prima un piccolo studio...... annuale!


          ciao
          solitamenti si consiglia campagna anemometrica di ALMENO 18 mesi, mediamente 3 anni per campi di un certo peso economico.
          Ormai comunque i dati si riescono a comprare da centraline certificate che sono ovunque nei siti più interessanti, abbassando i tempi, o meglio ancora aumentando lo storico.

          Un anno e' poco perche' non si può storicizzare la variante stagionale, che e' molto "variante", come ben sapranno gli sciatori, i velisti ad esempio.

          per il FV , naturalmente che le pale stessero a NORD rispetto ai moduli

          Saluti,
          Andrea
          TUTORIAL VIDEO PER NEOFITI E NON SOLO ( contatore quadri etc )
          http://www.youtube.com/user/socosnc/videos
          web/public?name=SOCO_SOLAR_PLANT[/URL]

          Commenta


          • #6
            ma allora mi converrebbe di piu fare solo fotovoltaico, se non ho capito male per quello non ci sono studi particolari da fare.... a livello di rendimento, in linea di massima, conviene di piu fare tutto solare o fare solare e eolico insieme?
            Grazie mille

            Commenta


            • #7
              Secondo me per l'eolico ti merita lasciar perdere.
              Se devi misurare il vento, ti partono fogli da diecimila Euro.
              Se poi non hai i soldi per comprare gli aerogeneratori e chiedi un prestito alla banca, questa vuole che il dato del vento sia certificato, e partono altri fogli da diecimila.
              Poi mi pare difficile che ti facciano mettere delle pale eoliche vicino a Viareggio; forse il minieolico, di più non credo.

              Per il fotovoltaico, così su due piedi, non vedo invece particolari problemi.

              Saluti.

              Federico

              Commenta


              • #8
                Ciao a Tutti,
                se permettete di anch'io la mia........
                L'amico Dogbert credo che inizialmente possa sfruttare il terreno come campo FV mentre prima di avventurarsi nell'eolico gli consiglio caldamente di verificare bene la posizione del terreno, vista la poca distanza dal mare, rispetto al centro abitato e se, come immagino, la zona nn sia limitrofa o rientri in zone SIC o ZPS.
                La Toscana, come la Liguria, soprattutto lungo la costa, ne hanno in abbondanza.
                Suparata questa verifica si puo', in caso positivo, pensare ad una campagna anemometrica avendo gia' bene in mente che cosa si vuole e ci si puo' fare.
                L'acquisto di serie storiche di dati serve, come dice Andrea, a storicizzare i dati acquisiti abbassando quella che e' l'incertezza del dato raccolto ma puo' essere l' inizio per capire qualche cosa in piu' sulla disponibilita' di vento del sito.
                L'amico Dogbert nn ha indicato la quota del suo terreno, dato per altro molto inportante, che aiuta a verificare la presenza di una eventuale dominanza di un vento rispetto ad un'altra.
                Se si hanno a disposizione una serie di dati storici, almeno decennali, di due o tre stazioni meteo nel raggio di qualche km e possibile ottenere, dopo una campagna di almeno 12 mesi, una stima di producibilita' con ridotte percentuali d'incertezza.
                Visto che nn si potranno installare macchine alte 100 m al mozzo credo che una torre anemometrica da 40 m (oltre quel limite, ed ai costi, serve l'autorizzazione di ENAC e ENAV) e' piu' che sufficiente.
                Fede ha deto la Sua personale interpretazione, che va rispettata, ma io nn mi preoccuperei adesso del dopo. Valuta tutto per bene e se Ti ritrovi con un terreno in cui e' possibile realizzare un piccolo parco eolico, beh, sono certo che nn avrai problemi a trovare persone disposte a partecipare e/o rilevare la Tua iniziativa. Questo come quello del denaro, per me, e' e resta sempre il male minore.
                Un ultimo consiglio spassionato. Nn Ti fidare di sensazioni o di racconti di vecchi contadini, in quanto il vento e' imprevedibile e la sua imprevedibilita' la metti a nudo solo misurandolo.
                ciao car.boni
                Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

                Commenta


                • #9
                  ecco il progetto titanico in piccola scala...

                  YouTube - Rangasile Free Energy Hybrid System 1.1

                  saluti

                  Roberto
                  "MAKE YOUR ENERGY!!"

                  on SKYPE econtek-italy

                  "la vera sfida non è realizzare un impianto fotovoltaico, quanto grande si vuole, ma farlo funzionare bene per 20 anni!!!"

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X
                  TOP100-SOLAR