Batteria su utenze trifase. Funziona? - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Batteria su utenze trifase. Funziona?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Batteria su utenze trifase. Funziona?

    Salve. Ho cercato in lungo e in largo ma non riesco a trovare risposta a questa banale domanda. Ho fatto dei preventivi e i tecnici mi hanno dato versioni diverse come capita di frequente. Volevo sapere se avendo utenze trifase (PDC trifase, piano ad induzione trifase) è possibile montare una batteria trifase che la sera riesca a fare funzionare le utenze trifase che ho (senza quindi assorbire dalla rete elettrica).

    Un tecnico mi ha detto che non esistono batterie che forniscono corrente in uscita sulle 3 fasi (ma lui vendeva la Tesla e da quello che so la Powerwall effettivamente non riesce a fornire corrente in uscita sulle 3 fasi se non tramite un accrocco), mentre n'altro mi ha detto che esistono batterie in tal senso. Versioni completamente diverse.
    Grazie a tutti.

  • #2
    Parlo la profano non sono un tecnico al riguardo , ma sono sicuro di aver letto tempo fa che proprio con batteria Tesla un impianto trifase , però era istallata una batteria per fase , 3 batterie , poi ho partecipato a un ragionamento su forum Tesla che sconsigliavano di installare 2 batterie ma consigliavano 3 per evitare "sfasamenti di fase " ho messo fra virgolette perchè non so se il termine è corretto .
    Saluti Claudio
    Siamo tutti mendicanti, fino a che pretendiamo la ricompensa per quello che facciamo.

    Commenta


    • #3
      le batterie accumulano in Continua e dunquecomuqnue devi interporre un circuito che trasforma l'alternata n continua per caricare (BMS) e un apparato che faccia il lavoro inverso (inverter)
      Questi apparati esistono sia mono che trifase dunque partendo da batteria potresti avere un'uscita su reet trifase, bilanciata nele fasi.

      la domanda è SERVE?
      La risposta è NO..dato che nel domestico lo SBILANCIAMENTO puo essere sino a 6 kw fra le fasi (ad andare oltre non fa scattare contatore e non prevede penali)..tu puoi avere una batteria (metti da 10 kwh) che eroga su UNA fase a 5 kw..e poi avere un carico TRIFASE da 5 kw (1,66 per fase) che consuma.
      Se sei connesso alla rete, una fase immette 3,34 (5- 1,66) e du fasi prelevano 1,66 ciascuna..MA il contatore segnerà ZERO dato che fa la somma ALGEBICA delle fasi, che è appunto zero.
      Importante è avere il "meter" dell'inverter che legge immesso trifase e cerca di tenerlo a zero regolando erogazione per pareggiarlo con il carico variabile.
      Dunque pur avendo un accumulo solo su una fase..alimenti carico trifase. (ovvio devi essere connesso alla rete che "compensa" le fasi)
      Se vuoi mettere piu accumulo..due da 10 kwh= 20 kwh..puoi metterle sempre sulla stessa unica fase (sempre con un inverter che la scarica a 5 kw..4 ore di durata) oppure metterne una per fase, ma devi allora avere doppio apparato di carica/scarica (piu costoso)
      Oppure come detto avere una batteria connessa con un inverter trifase, in questo caso immetterai sule tre fasi in modo equilibrato 8ma tanto poi i carichi monofase portano a squilibrare lo stesso fra le fasi..ma come detto..chisseneimporta? è il motivo per cui penso nessuno usi inverter trifasi in situazioni domestiche per fare lavorare un accumulo)
      CASA NO GAS: Costruzione anni '30, No Cappotto, Doppi Vetri, Isolamento Solaio,4 lati liberi SUPERFICIE RISCALDATA: 250 mq su 2 Piani (Radiante) + Taverna 120 mq (Fancoil, in modo discontinuo) GENERATORE: PDC 12 kW Zubadan Mitshubishi+ Boiler 200 Lt per ACS RAFFRESCAMENTO: Aermec on-off FV: 15,18 kW di Sunpower + Tigo (pesanti ombre) CUCINA Induzione

      Commenta


      • #4
        ... gli inverter deye trifase (ma anche altri, solo che credo siano gli unici o quasi con batterie a bassa tensione, ovvero 48V) generano e compensano la corrente sulle fasi anche se i carichi sono "squilibrati", credo, ci sono utenti che possono chiarire, fino ad un 50% max della potenza nominale. Cioè un 10 kw puo' generare 5 kw su una fase e zero sulle altre. La batteria deve essere "unica" intesa come unico sistema di controllo della batteria, ma questa puo' essere formata da n batterie in parallelo a seconda dei modelli e marchi (cinesi!) utilizzati.

        Commenta


        • #5
          Grazie per le risposte. Quindi se ho ben capito, le batterie producono sempre in continua. Le soluzioni su un impianto trifase sono o usare un inverter monofase con una configurazione tale che immetta su una solo fase il fabbisogno richiesto dalle tre fasi, tanto il contatore farà comunque la somma delle fasi, sia che prenda corrente dall'impianto fotovoltaico, sia che la prenda dalla batteria, oppure con un inverter trifase, si riesce a dividere la corrente direttamente sulle tre fasi. La batteria quindi viene collegata a monte dell'inverter.. e dall'invert che poi la corrente va alle utenze giusto? (Io pensavo che la batteria in uscita fosse collegata direttamente al quadro generale e quindi alle utenze)

          Commenta


          • #6
            Confermo che le batterie in trifase funzionano il deye e uno dei pochi inverter che ha le batterie su inverter trifase a bassa tensione per cui piu economiche ,se vuoi sentire qualcuno che ha il deye trifase puoi andare sul canale youtubber FreeEnergyWild​ e poi iscriverti al corrispondente canale telegram dove si parla di questo inverter

            Commenta


            • #7
              Originariamente inviato da formula1 Visualizza il messaggio
              Confermo che le batterie in trifase funzionano il deye e uno dei pochi inverter che ha le batterie su inverter trifase a bassa tensione per cui piu economiche ,se vuoi sentire qualcuno che ha il deye trifase puoi andare sul canale youtubber FreeEnergyWild​ e poi iscriverti al corrispondente canale telegram dove si parla di questo inverter
              C'è un mondo sulle batterie che non conoscevo. Queste a bassa tensione per esempio...

              Invece per quanto riguarda la funzione di backup che può avere la batteria (per farla funzionare anche con un blackout della rete elettrica), c'è differenza? Se ne volessi prendere una che istantaneamente si attacca in caso di blackout tipo la Powerwall con backup gateway, che funzione deve avere? Avevo letto che ce ne erano diverse e si differenziavano tra quelle che si attaccavano istantaneamente e quindi non te ne accorgi neanche del blackout e quelle che ci mettevano qualche secondo.

              Grazie sempre per i vostri contributi!

              Commenta


              • #8
                Anche la SMA fa qualcosa ma loro combinano in gruppo vari BMS monofase per gestire le batteire, sistema modulare ben ampiabile, forse più adatto a taglie medio grosse...

                Commenta


                • #9
                  Sempre con l'inverter Deye (ma anche con altre marche) hai il backup incorporato nell'inverter. Hai sempre bisogno dell'inverter, perché devi alimentare carichi con corrente alternata, partendo dall'accumulo in continua.
                  FV: 5,94Kwp - Azimuth 18° SW, Tilt 17° - 22 QCELLS G2 PRO 270W, PowerOne 6.0 OUTD-IT - PVOUTPUT
                  4 Clima PdC: A+++/A++ SEER 7,2-8.5/4.6-4.7 (13.5kW/16.4 kW)

                  Commenta

                  Attendi un attimo...
                  X