annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

A valle dell'incontro pubblico del 10 Marzo 2011, Teatro Quirino, ROMA

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • A valle dell'incontro pubblico del 10 Marzo 2011, Teatro Quirino, ROMA

    [url=http://www.assosolare.org/2011/03/decreto-rinnovabili-mix-energetico-e-best-practices-della-green-economy-in-italia-le-associazioni-di-settore-incontrano-imprese-e-cittadini/]Decreto Rinnovabili, mix energetico e best practices della green economy in Italia: le associazioni di settore incontrano imprese e cittadini
    Ultima modifica di alessandro74; 10-03-2011, 19:06.
    Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

  • #2
    Le rinnovabili non sono utili solo alle grandi imprese di questo settore

    Domani andro' al Quirino a seguire l' incontro e ho messo in un mio blog la notizia dell' iniziativa, ma la pressione per lo sviluppo delle rinnovabili non puo' venire solo dalle imprese del settore, soprattutto se solo quelle di grandi dimensioni. Prima di tutto perche' lo sviluppo delle rinnovabili e' una strada necessaria e inevitabile per tutti, la sua utilita' non e' solo legata al lavoro creato in questo settore; ci sono altre motivazioni, ancora piu' importanti. Le rinnovabili sono necessarie perche' le fonti fossili sono limitate e vicine al loro picco, l' energia prodotta dalle fonti fossili e' insufficiente, oggi un miliardo e mezzo di persone non ha accesso all' energia elettrica e moltissime altre non hanno energia elettrica con continuita', le fonti fossili, e anche l' idroelettrico (pure se rinnovabile) e il nucleare, sono dannose per la salute ,l' ambiente e il clima; un altro modello energetico e' utile anche a evitare guerre, molte delle quali sono dovute a conflitti per le risorse. Non bisogna dare la falsa impressione che le rinnovabili sono utili solo perche' danno lavoro e guadagni alle imprese. Inoltre la breve, ma di dimensioni assai grandi, esperienza italiana ha formato professionalita' giovani ma completamente assenti in quasi tutto il resto del mondo, quindi il settore italiano delle rinnovabili puo' lavorare anche per diffondere le nuove fonti energetiche , soprattutto solari , dove queste ancora devono arrivare, cioe' quasi in tutti i paesi del pianeta.
    Ultima modifica di pamarco; 09-03-2011, 15:27.

    Commenta


    • #3
      A valle dell'incontro pubblico di oggi, a cui anche io ho personalmente assistito.

      900 persone dentro il teatro e quasi altrettante fuori.
      Un pubblico eterogeneo suddiviso tra aziende con fatturati importanti, microimprese, liberi-pro ed operai.
      Fantastico.
      Ovvio che un pubblico del genere ha esigenze spesso divergenti.
      I rappresentanti delle grandi aziende hanno in 3 minuti riportato la loro esperienza positiva nel settore e i danni che l'aborto legislativo Romani sta procurando in queste ore, chiedendo alle associazioni di categoria presenti di alzare la voce martedi prossimo nel corso della riunione con il signor Romani.
      Un rappresentante di oltre cento operai arrivati da tutta Italia dopo ore di treno, ha chiesto invece a gran voce di uscire dal teatro e manifestare in piazza contro il decreto ma le associazioni di categoria hanno precisato di aver chiesto l'autorizzazione per la manifestazione, che è stata negata.
      Non so da chi.
      Al termine dell'incontro pubblico si è comunque creato un corteo che è riuscito a manifestare al di fuori del tetro il proprio disappunto.
      Oltre la presenza fisica di 2.000 persone, via web si raggiungevano numeri superiori di un ordine di grandezza:

      A Roma una mobilitazione popolare contro il decreto Romani sulle energie rinnovabili - Adnkronos Video News

      Presenti in prima fila anche alcuni rappresentanti delle forze politiche di opposizione, Bersani e Franceschini su tutti, a cui alcune persone dalla "piccionaia" hanno gridato a gran voce di farsi da parte per una volta e lasciare il gelato a noi operatori del settore.

      Ottimo, così.
      Che nessuno si permetta di strumentalizzare le difficoltà di un intero settore innescate dall'irresponsabile ed incompetente signor Romani, per provare a trarne dei vantaggi politici.

      Non vogliamo essere politicizzati, vogliamo essere rispettati.

      Vogliamo il sole, non chiediamo la luna.
      Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

      Commenta


      • #4
        esatto, non bisogna cadere nelle solite diatribe all'italiana...quì si parla di roba seria, di futuro, di progetti al ungo termine, mica delle solite cose...certo, il PD-l poteva farsi vedere prima, non cercare di cavalcare l'onda popolare come fanno i politici da tempi immemori...
        Tot. Int. II CE 19,35 kWp AZIMUT: 40° SO TILT: 18°
        90 Pannelli Kyocera KD 215 GH-2PU 2 Inverter Power One PVI 10.0 OUTD-IT
        Dinami(VV) Latitudine: 38°32'0.40"N Longitudine: 16° 8'54.66"E

        Commenta


        • #5
          Mah, io credo che l'interessamento del mondo politico,da qualunque parte venga, sia comunque positiva. Si plaude a Miccichè che punta i piedi contro il Dlgs, credo che si debba quanto meno accettare anche l'interessamento di altri soggetti politici che sicuramente nel tempo hanno dimostrato più...affinità con le rinnovabili che con il Nucleare.
          Per quello che dici Ale, sono daccordo a evitare politicizzazioni di un malessere generale, ma non si deve nemmeno fare di tutt'erba un fascio, come si ha la tendenza a fare in Italia. Credo che sia giusto prendere le distanze da tutti i partiti in generale ma non rifiutare l'aiuto di nessuno...sarebbe controproducente. Avere qualcuno sia nella maggioranza che nell'opposizione che appoggia la causa è un segnale di correttezza interpretativa da parte nostra e di corretta visione del problema creato.
          Purtroppo ieri non sono potuto venire a Roma... era il compleanno di mia moglie e se venivo rischiavo molto più del posto di lavoro... hehhehehe
          Ciao Fabio

          Commenta


          • #6
            Io dicevo solo di non mettere la discussione sul piano politico, cercando l'appoggio dell'opposizione in quanto tale, ma invece di discutere nel merito senza farsi trasportare, tutto quà :-)
            Tot. Int. II CE 19,35 kWp AZIMUT: 40° SO TILT: 18°
            90 Pannelli Kyocera KD 215 GH-2PU 2 Inverter Power One PVI 10.0 OUTD-IT
            Dinami(VV) Latitudine: 38°32'0.40"N Longitudine: 16° 8'54.66"E

            Commenta


            • #7
              E cche cavolo! Se i politici non si fanno vedere vuol dire che se ne fregano, se i politici si presentano vogliono strumentalizzare.
              Le posizioni di dx e sx sulle rinnovabili in Italia sono ben chiare, non è cosa di oggi. E per fortuna che in parlamento c'è chi le difende!

              Il Conto Energia 2007, quello che funzionava per intenderci, lo ha emanato Bersani, credo che almeno per questo gli si possa concedere lapossibilità di aver partecipato, no?

              Commenta


              • #8
                Caro sergio.r, la risposta è si.
                Bersani e Franceschini ed altri politici presenti in teatro con la loro presenza, non scontata, hanno confermato che il problema di un intero settore esiste.
                Ma erano in teatro per ascoltare i nostri problemi e non per parlare.
                Avrei gradito che fossero veniti fuori prima.
                Ho gradito meno le chiacchere davanti alle telecamere fuori dal teatro, ci sono altri posti per difenderci.
                La strumentalizzazione politica in queste ore è pericolosa e scrivo questo nel nostro interesse.
                Altre forza politiche che minacciano la caduta del governo se il decreto non verrà rimosso, appartenendovi, non sono credibili. A meno che alle parole non seguiranno i fatti
                Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

                Commenta


                • #9
                  Concordo in parte con te Ale. Credo che in questo momento sia doveroso che i politici che non sanno o vogliono capire (ed è già un miracolo che ce ne siano...)ascoltino e cerchino di capire le ragioni e le motivazioni nn strumentali di una nostra protesta.
                  In secondo luogo invece credo che la cassa di risonanza mediatica (che è l'unica cosa che possiamo fare, e...se mi passi.. l'unica cosa che capisce questo governo mediatico), dicevo la cassa di risonanza mediatica per far conoscere il nostro dissenso, disappunto e malessere sia importante. E... scusa se te lo dico, ma se ti fermavi tu o Eco o io o chiunque altro di questo forum davanti alle telecamere ed ai taccuini dei giornalisti venivamo forse ascoltati (e sottolineo forse...)e quasi sicuramente nessun giornale o telegiornale avrebbe riportato le nostre parole. Diverso il discorso se lo fa Bersani, o Miccichè che minaccia il governo.
                  Tutto questo per dire, che senza prendere posizione politica con dx o sx, abbiamo bisogno che qualcuno (meglio se sia da dx che da sx) ci faccia da cassa di risonanza. Se poi questo qualcuno è alla ricerca di visibilità, o di voti, a noi deve interessare relativamente poco, se porta avanti le nostre idee ed i nostri malesseri. Poi ognuno di noi dentro l'urna è sovrano del proprio pensiero e saprà cosa fare, ma in questo momento ci serve come il pane la VISIBILITA' dei nostri problemi.
                  Questo è il mio pensiero...ovviamente condivisibile o meno...
                  Ciao Fabio

                  Commenta


                  • #10
                    Esplosione in centrale nucleare:

                    http://tg24.sky.it/tg24/mondo/2011/0...adiazioni.html

                    Quello che sta accadendo in Giappone, purtroppo è sotto gli occhi di tutti noi e sarebbe troppo facile mettersi a scrivere ora di nucleare mettendone in evidenza tutte le esternalità negative che drammaticamente emergono di minuto in minuto.

                    Spero che la preparazione, l'efficienza e le capacità di questa straordinaria nazione riduca al minimo il rischio disastro.
                    Brelusconi, Prestigiacomo, Romani, Scajola, Testa, Marcegaglia, Conti, Veronesi, Battaglia:
                    SILENZIO.
                    __________________
                    Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

                    Commenta


                    • #11
                      A me viene da dire...per fortuna che è successo in Giappone... che sono il miglior paese al mondo per questa cosa... mentre le centrali nucleari ci sono ovunque... nel mondo...
                      Sperem...
                      Ciao Fabio

                      Commenta


                      • #12
                        Se spostiamo il discorso anche noi operatori del settore sulle distinzioni politiche siamo fritti Signori, ben vengano politici che possono portare il loro aiuto al nostro problema. il problema non è strumentalizzare o no la situazione, per noi la necessità risolvere la situazione.
                        E' indispensabile che questo decreto venga ritirato o spostato almeno a dicembre, non si cambiano le carte in tavola.............la diffidenza verso il fotovoltaico aumenterà grazie a questi atteggiamenti, che sarà disposto ad investire i propri soldi non avendo la certezza su quello che vanno ad investire.
                        IO non parlo dei grandi investitori, quelli il rischio di impresa lo conoscono, ma le famiglie che si fanno il loro impiantino, magari non chiedono grandi guadagni, male certezze quelle le vogliono,
                        Io oggi dovevo andare a fare dei sopralluoghi,che gli prospetto? come lo faccio un piano di investimento?
                        Invece di fare delle disquisizioni politiche concentriamoci a superare queto momento e se cisono dei politici che ci possono aiutare ben vengano

                        Commenta


                        • #13
                          Un politico mi sembra sia intervenuto, per il Kyotoclub e' intervenuto il senatore Ferrante (Pd). A parte questa curiosita', la transizione energetica e' indispensabile e ineluttabile ma spesso ognuno di noi segue solo quello che avviene vicinissimo alla sua persona. L' attacco alle rinnovabili e' partito sui media il 25 gennaio, con la comunicazione del Gse in una commissione parlamentare e il comunicato stampa dove annunciava 2.800 MW incentivati e 4.000 MW che , finiti i lavori nel 2010, sarebbero stati allacciati nel 2011. La stampa ha dato per sicuro 7000 MW installati e incentivati e Autority per l' Energia, Confindustria, Abi, grande stampa, hanno iniziato una campagna di preparazione al decreto Romani. Ma c'e' stata superficialita' e passivita' in tutti, associazioni delle imprese, ambientalisti, politici favorevoli alle rinnovabili (che possono essere di destra o di sinistra). Ora martedi' c'e' un incontro al ministero, invitati Confindustria e Abi, ci sono le associazioni delle imprese "Green" ? Il sole24ore il giorno 11 marzo scriveva solo che queste associazioni volevano partecipare all' incontro che pero' era, almeno inizialmente,solo tra ministeri coinvolti, Confindustria a Abi. I tre sindacati confederali hanno scritto il giorno 11 marzo per chiedere di partecipare all' incontro. Non e' che questo governo va avanti in questo modo (il paese invece va indietro) perche' gli altri dormono ?

                          Commenta


                          • #14
                            il mio installatore mi ha detto che secondo lui gli incentivi per i piccoli impianti cambieranno di pochissimo... io ho firmato il preventivo e sono in attesa dell'ok per il finanziamento quindi sono ancora "in alto mare"
                            4,5 KWp - 20 Pannelli Sharp ND 225Wp - Inverter AURORA PVI-4.2 OUTD
                            Azimut 0° Sud - Tilt 10

                            Commenta


                            • #15
                              A questo punto l'importante è che tu non abbia fatto la scelta solo sulla base dell' incentivo....
                              2,99 KWp - 13 Pannelli Winaico 230 Wp - Inverter AURORA PVI-3.0
                              Az. 9° S-O - 35° - conn. 8/2/11 - 2° CE - Prod. 2011-15 1.483 - 1.395 - 1.246 - 1.212 - 1.284 KWh/KWp
                              14,52 KWp - 66 Pannelli Sharp 220 Wp - Inverter KACO 16.0 TR3
                              Az.26° S-O - 30° - conn. 6/5/11 - 3° CE - Prod. 1.475 - 1.392 - 1.267 KWh/KWp

                              Commenta


                              • #16
                                E intanto l'incontro che si doveva tenere oggi pomeriggio è slittato a venerdì mattina perchè il Sig. Ministro Romani deve andare a Bruxelles per la crisi Nucleare. Domani invece la Ministra dell'ambiente incontrerà le associazioni... vediamo cosa ne viene fuori... intanto dei 15 giorni annunciati da Romani ne sono già passati 7 direi... Ricordo l'annuncio dell'esimio Ministro il 08/03/2011 "...e massimo in due settimane, con il contributo del ministero dell'Ambiente, vogliamo produrre un provvedimento che dia certezze al settore..."
                                Siamo già a metà del tempo che si era proposto e intanto non ha ancora incontrato nessuno... poi ricordo che il Decreto dovrà passare anche dalla COnferenza Stato-Regioni...altro che due settimane... io pronostico due mesi... vediamo se sarò smentito...
                                Ciao Fabio

                                Commenta


                                • #17
                                  Fabio lascia stare è una partita persa.
                                  Romani non è una persona credibile. Ieri sera in tv ha dimostrato ancora una volta di essere fuori posto.
                                  Non credo ad una singola parola del signor Romani.
                                  Romani a Bruxelles è come un giocatore di calcio di promozione che dal giorno alla notte si trova a giocare il derby a San-Siro.
                                  Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

                                  Commenta


                                  • #18
                                    E leggete cosa ha detto la Prestigiacomo questa mattina su canale5.

                                    Tutto questo è vergognoso.

                                    Per il ministro a Fukushima "Non c'è allarme rosso" - zeroEmisssion News

                                    La Prestigiacomo è un altro politico fuori posto.
                                    Vuoto pneumatico.
                                    Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Il primo ministro Giapponese ha descritto, o così almeno è stato riportato, che il terremoto e tutto quel che ne sta venendo è stata una sorta di punizione divina.
                                      Noi invece la punizione ce la siamo scelta votando, senza chiamare in causa nessuna divinità!

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Caro Ale...la Ministra è un'altra giocatrice di prima categoria che stasera gioca gli ottavi di finale della Champions League... Il disastro nucleare Giapponese è classificato come 6 su una scala da 1 a 7 ma la Sig.ra parla di fusione nucleare come se fosse la Parodi con le ricette di Cotto e Mangiato... direi che la vedrei meglio a cucinare dalla Clerici...
                                        Siamo alla frutta...e intanto tagliano le rinnovabili... speriamo che nn succeda nulla di più grave in Giappone...
                                        Comunque bloccano le centrali in Germania ( e i tedeschi si sa quanto sono quadrati e scrupolosi), hanno dei problemi in Giappone (e si sa quanto i giapponesi sono super tecnologici e scrupolosi) e noi dobbiamo iniziare...
                                        Noi italiani... che facciamo le infrastrutture peggiori del mondo... con strade che si rompono dopo un anno... con palazzi degli studenti, nuovi che crollano con una scossa di terremoto, con la sabbia al posto del cemento per risparmiare negli appalti...e far lucrare le varie cricche... chi è che si fida di far costruire una centrale nucleare a qualcuno qui in Italia?
                                        Io no..
                                        Ciao Fabio

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Grande Miccichè!!

                                          Fantastico! un emendamento sulla riforma del sistema legale bocciato a causa del partito di Miccichè! Berlusconi è andato in escandescenza, è su tutte le furie, ed ha convocato Miccichè alle ore 20.00 a palazzo Grazioli ... chissà cosa accadrà!

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Noi italiani... che facciamo le infrastrutture peggiori del mondo... con strade che si rompono dopo un anno... con palazzi degli studenti, nuovi che crollano con una scossa di terremoto, con la sabbia al posto del cemento per risparmiare negli appalti...e far lucrare le varie cricche... chi è che si fida di far costruire una centrale nucleare a qualcuno qui in Italia?
                                            Io no..
                                            Ciao Fabio[/QUOTE]

                                            Io nemmeno Fabio. Però chissà come mai invece, ci sono aziende pronte a buttarcisi a capofitto nel business della costruzioni delle centrali nucleari..e secondo me sono aziende riconducibili a chi "comanda" ora in Italia partendo dal governo, a confindustria sino ad arrivare al signor Testa......un bel "gruppone" insomma...
                                            A pensar male si fà peccato ma la maggior parte delle volte ci si indovina.......
                                            Leo.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Se non siamo capaci di fare nulla in Italia..... perchè gli Americani comprano gli Elicotteri dalla Augusta e fanno fare le navi da crociera alla Fincantieri.......
                                              dovremmo vivere tutti come scimmie e non pensare nemmeno al fotovoltaico dato che non sappiamo fare nulla di buono
                                              2,99 KWp - 13 Pannelli Winaico 230 Wp - Inverter AURORA PVI-3.0
                                              Az. 9° S-O - 35° - conn. 8/2/11 - 2° CE - Prod. 2011-15 1.483 - 1.395 - 1.246 - 1.212 - 1.284 KWh/KWp
                                              14,52 KWp - 66 Pannelli Sharp 220 Wp - Inverter KACO 16.0 TR3
                                              Az.26° S-O - 30° - conn. 6/5/11 - 3° CE - Prod. 1.475 - 1.392 - 1.267 KWh/KWp

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Decreto su fotovoltaico e vendita terreno

                                                Originariamente inviato da pamarco Visualizza il messaggio
                                                Domani andro' al Quirino a seguire l' incontro e ho messo in un mio blog la notizia dell' iniziativa, ma la pressione per lo sviluppo delle rinnovabili non puo' venire solo dalle imprese del settore, soprattutto se solo quelle di grandi dimensioni. Prima di tutto perche' lo sviluppo delle rinnovabili e' una strada necessaria e inevitabile per tutti, la sua utilita' non e' solo legata al lavoro creato in questo settore; ci sono altre motivazioni, ancora piu' importanti. Le rinnovabili sono necessarie perche' le fonti fossili sono limitate e vicine al loro picco, l' energia prodotta dalle fonti fossili e' insufficiente, oggi un miliardo e mezzo di persone non ha accesso all' energia elettrica e moltissime altre non hanno energia elettrica con continuita', le fonti fossili, e anche l' idroelettrico (pure se rinnovabile) e il nucleare, sono dannose per la salute ,l' ambiente e il clima; un altro modello energetico e' utile anche a evitare guerre, molte delle quali sono dovute a conflitti per le risorse. Non bisogna dare la falsa impressione che le rinnovabili sono utili solo perche' danno lavoro e guadagni alle imprese. Inoltre la breve, ma di dimensioni assai grandi, esperienza italiana ha formato professionalita' giovani ma completamente assenti in quasi tutto il resto del mondo, quindi il settore italiano delle rinnovabili puo' lavorare anche per diffondere le nuove fonti energetiche , soprattutto solari , dove queste ancora devono arrivare, cioe' quasi in tutti i paesi del pianeta.
                                                --------------------------------------
                                                Da Anig
                                                Scusate la mia scarsa informazione, ma vorrei capire se questo decreto è già stato approvato e se può bloccare anche le pratiche di approvazione in corso.
                                                Ho in corso la vendita di un terreno subordinata al fatto che la società che compra riceva tutte le autorizzazioni. Al momento mi dicono che l'iter di approvazione è quasi completato ma non ancora finalizzato. La società mi ha già versato circa il 5% del prezzo concordato.
                                                Sono preoccupato che la transazione possa andare a monte.
                                                Grazie se qualcuno mi può chiarire meglio la situazione
                                                Anig

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da anig Visualizza il messaggio
                                                  --------------------------------------
                                                  Da Anig
                                                  Scusate la mia scarsa informazione, ma vorrei capire se questo decreto è già stato approvato e se può bloccare anche le pratiche di approvazione in corso.
                                                  Ho in corso la vendita di un terreno subordinata al fatto che la società che compra riceva tutte le autorizzazioni. Al momento mi dicono che l'iter di approvazione è quasi completato ma non ancora finalizzato. La società mi ha già versato circa il 5% del prezzo concordato.
                                                  Sono preoccupato che la transazione possa andare a monte.
                                                  Grazie se qualcuno mi può chiarire meglio la situazione
                                                  Anig
                                                  Non per scoraggiarti ma credi che la società compri lo stesso mancando gli incentivi? E se ripristinati, lo saranno sicuramente a valori inferiori rispetto al "vecchio conto energia".
                                                  Piuttosto, devi preoccuparti del contratto: possono recedere dallo stesso in modo legale? Esistono clausole che rimandano ad altri eventi?
                                                  Ciao

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Decreto su fotovoltaico e vendita terreno

                                                    Dal tenore della risposta di Zelan ritengo che il decreto sia stato approvato; avevo sentito che il tetto di 8GW era stato abolito o innalzato, è vero?
                                                    Per quanto riguarda il rapporto con la società che sta ottenendo le autorizzazioni per installare il FV sul mio terreno, si tratta di un impegno a comprare. In caso di loro recesso perderebbero l'acconto versato e le spese da loro fin qui sostenute per la realizzazione del progetto. Comunque sono sicuro che il loro iter di approvazione è effettivamente nella fase finale e anche loro sarebbero danneggiati se il decreto interessasse anche i progetti in corso.
                                                    Saluti

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Governo-opposizione d' accordo per cancellare c.e. 2011-2013.

                                                      Voto bipartisan su decreto rinnovabili, io avevo capito che le posizioni di governo e opposizione erano diverse, forse ero distratto. L' unico cambiamento reale e' nuovo conto energia entro 10 aprile e non 30 aprile. Probabilmente il conto 2011 sara' anche per gli impianti autorizzati entro 30 maggio. Il conto energia 2011-2013 e' cancellato. Davanti alla tragedia giapponese si dice di non farsi condizionare dalle emozioni, il conto energia 2011-2013 e' stato cancellato in meno di due mesi sulla base di dati non certi, senza alcuna discussione. Pre ndono in giro, ma oltre il governo ci prende in giro anche l' opposizione.

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Sì alla mozione bipartisan sulle energie rinnovabili: impegna il governo a rivedere il decreto

                                                        Sì alla mozione bipartisan sulle energie rinnovabili: impegna il governo a rivedere il decreto - Il Sole 24 ORE
                                                        Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Chiedo cortesemente a tutti gli utenti del forum di proseguire la discussione qui:

                                                          http://www.energeticambiente.it/legi...-dubbi-52.html
                                                          Articoli e presentazioni Alessandro Caffarelli: www.ingalessandrocaffarelli.com/download.html

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Domenica IN

                                                            Buongiorno

                                                            in merito alla trasmissione Domenica IN del 20/03/2011 intorno alle ore 15:30 nella Rubrica ARENA condotta dal fido GILETTI si è aperto un dibattito sull'increscioso incidente nucleare successo in Giappone, fra gli esponenti più autorevoli vi erano

                                                            Margherita Hack noto fisico italiana
                                                            Mario Tozzi noto Geologo e divulgatore scientifico per la RAI
                                                            Valerio Rossi Albertini Ricercatore CNR

                                                            Sgarbi, ed Altri ...

                                                            Giletti inizia a dare la parola alla HACK ma quando il discorso della HACK prende una brutta piega, la interrompe per dare la parola a uno studente italiano che ha scampato all'evento ed ad un altro professore che ha raccontato anche lui quei momenti del terromoto.

                                                            La cosa più incresciosa è stata quando a dibattito in corso il ricercatore del CNR prende la parola per cercare di spiegare quale sono per loro le possibile soluzioni sul tema del futuro dell'energia e cosa sta studiando oggi la scienza (sta parlando la scienza)

                                                            In particolare con grande veemenza appena il ricercatore del CNR pronuncia le parole
                                                            "noi con un pezzo di plastica riusciamo a costruirti una cella fotovoltaica .... "

                                                            il conduttore della trasmissione (GILETTI) interrompe tutti dicendo che la trasmissione doveva andare in onda fino alle 16:20 (questo era lo spazio a loro dedicato per la rubrica dell'ARENA) ma poiche il dibattito aveva preso una brutta piega si è deciso (alle ore 15:45 circa) di interrompere il discorso, quindi molto prima del previsto(pensate a quest'ora la trasmissione poteva essere visto da migliaia di persone, famiglie, pensionati, ecc)

                                                            Tutti a casa quindi che del fotovoltaico in questo momento non si può parlare, specie se ne parlano persone autorevoli.

                                                            I tre ministri (Romani - Galan - Prestigiacomo) dopo che hanno cercato di fermare l'industria del FV con il consiglio dei ministri del 3/3/2011 ora ci dicono che in dieci giorni risolvono tutto (entro fine marzo ci devono dire quale sarà il quarto conto energia sul FV)

                                                            Sul tema dell'energia rinnovabili non si programma un investimento e lo si realizza in pochi giorni, (come protebbe pensare qualcuno)ma occorre tenere bene presente lo sviluppo socio economico che possono avere queste forme di energia per la comunità tutta,
                                                            in questo periodo la politica erroneamente ha pensato di fermare un treno in corsa in pochi metri ...... ma si può far ciò???

                                                            Frasolar

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR