annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

impianto fv su impianto senza terra?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • impianto fv su impianto senza terra?

    vorrei mettere un piccolo impianto fotovoltaico su una vecchia abitazione rurale che per non ha la messa a terra. E' possibile? oppure in caso contrario sono praticabili soluzioni a basso costo (es.: limitarla solo per l'impianto?)

  • #2
    Credo dovrai assolutamente realizzare la messa a terra.<br>Cosa vuole dire a basso costo?<br>Un impianto di messa a terra rispetto al costo impianto ha una incidenza molto bassa. Se la vuoi limitare solo all&#39;impianto lo puoi fare, ma intanto che ci sei &#33;&#33;&#33;
    GIULIANO
    _____________
    ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

    Commenta


    • #3
      La messa a terra obbligatoria nei nuovi impianti e nei rifacimenti. Gli eventuali infortuni riconducibili alla mancanza di tale protezione sono penalmente perseguibili. Se i locali sono ad uso esclusivo non pu esistere responsabilit&agrave; civile. Altra storia se coinvolte terze persone.<br><br>Il tecnico che si limita ad intervenire SU UNA PARTE DI IMPIANTO obbligato ad eseguire il lavoro a regola d&#39;arte e a SEGNALARE le eventuali carenze su altre parti di impianto sulle quali non ha commissioni di interverto.<br><br>In questa luce l&#39;impianto FV utilizzato con contratto di scambio, in promisquit&agrave; con l&#39;impianto domestico esistente, pu costituire, nella maggioranza dei casi, una parte di impianto indipendente e separata, congiunta agli impianti esistenti nel PUNTO DI CONSEGNA dell&#39;energia, ovvero, ai morsetti del contatore Enel.<br>Anche nel caso al cliente, malgrado edotto del pericolo, non interessi modificare l&#39;altra parte di impianto esistente, buona norna installare una protezione differenziale appena a valle del punto di consegna. Si consideri, infatti, che tale protezione efficace anche in assenza di impianto di terra.<br><br>Altra storia l&#39;impianto FV. Questo necessita di messa a terra, sia di protezione che funzionale. Si pensi, infatti ai limitatori di sovratensione, anche quando contenuti all&#39;interno degli inverter. Ma pu essere sufficiente anche un solo dispersone di terra, specie se aggiunta la strefolatura del conduttore di terra.<br><br>Nei casi di alterazione del profilo dell&#39;edificio, o con edificio dotato di LPS (x scariche atmosferiche), occorre installare anche protezioni di tipo 1 (da scariche dirette) ed buona norma collegare tale massa a quella del LPS. In quest&#39;ultimo caso, alcuni fornitori hanno disponibile una apposita bobina di disaccoppiamento. MA qui la materia diventa pi complicata. Le CEI 82-25 indicano in 1,5 metri la sovraelevazione massima per poter mantenere la NON ALTERAZIONE del profilo dell&#39;edificio.<br>

      Commenta


      • #4
        ricordo che i pannelli sono in classe II e la norma CEI 64-8 dispone di non collegare a terra i componenti in classe II. Infine se i cavi in c.c. sono in classe II (ovvero con doppio isolamento ovvero con tensione isolamento verso terra di un gradino superiore alla tensione nominale del sistema) non necessario la messa a terra.<br>Infine per i moduli di sostegno, essi costituiscono masse estranee al sistema elettrico solo se hanno resistenza di isolamento verso terra inferiore a 1000 ohm.<br>Andrebbero collegati a terra eventuali &quot;scaricatori sovratensione&quot; nei quadri di stringa.<br>La messa a terra necessaria a valle della sezione in c.c. quindi inverter, quadro elettrico se metallico e limitatori sovratensione.<br>Infine differenziale a valle dell&#39;inverter in classe A selettivo di corrente Id 100 mA se con trasformatore isolamento e differenziale in centralino di appartamento di classe AC 30 mA.<br>Nel punto di consegna inserirei solo magneto-termico per i due circuiti : fotovoltaico e abitazione<br>

        Commenta


        • #5
          <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ricordo che i pannelli sono in classe II e la norma CEI 64-8 dispone di non collegare a terra i componenti in classe II. Infine se i cavi in c.c. sono in classe II (ovvero con doppio isolamento ovvero con tensione isolamento verso terra di un gradino superiore alla tensione nominale del sistema) non necessario la messa a terra.<br>Infine per i moduli di sostegno, essi costituiscono masse estranee al sistema elettrico solo se hanno resistenza di isolamento verso terra inferiore a 1000 ohm.</div></div><br>Anche la struttura di supporto dei moduli fotovoltaici (se metalllica) va messa a terra.<br><br>Saluti<br><br>Salmec
          L'esperienza ci che ti fa commettere errori nuovi invece di quelli vecchi.
          Arthur Bloch

          Commenta


          • #6
            <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (salmec @ 19/10/2007, 12:39)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ricordo che i pannelli sono in classe II e la norma CEI 64-8 dispone di non collegare a terra i componenti in classe II. Infine se i cavi in c.c. sono in classe II (ovvero con doppio isolamento ovvero con tensione isolamento verso terra di un gradino superiore alla tensione nominale del sistema) non necessario la messa a terra.<br>Infine per i moduli di sostegno, essi costituiscono masse estranee al sistema elettrico solo se hanno resistenza di isolamento verso terra inferiore a 1000 ohm.</div></div><br>Anche la struttura di supporto dei moduli fotovoltaici (se metalllica) va messa a terra.<br><br>Saluti<br><br>Salmec</div></div><br>Non detto che bisogna mettere a terra la struttura di supporto....la struttura una massa estranea e la norma 64-8 obbliga a mettere a terra solo se la resistenza verso terra inferiore a 1000 ohm. E poi i pannelli sono in classe II quindi molto difficile che si abbia un guasto sulle masse&#33;<br>

            Commenta


            • #7
              La questione abbastanza controversa. Se si seguono le norme Tecniche, come gi&agrave; detto, gli utilizzatori di classe II non andrebbero messi a terra. Andr&agrave; messa a terra la struttura portante metallica se costituisce una grande massa.<br>Alcuni costruttori di moduli indicano per nelle istruzioni al montaggio, l&#39;obbligo della messa a terra ponticellando ciascuna cornice.<br>Io non lo faccio poich mi sembra inutile ed in alcuni casi fonte di maggior rischio di cattura dei fulmini.<br>Cosa ne dite ?
              GIULIANO
              _____________
              ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finch arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

              Commenta

              Attendi un attimo...
              X
              TOP100-SOLAR