annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

come combino 18 inverter?

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • come combino 18 inverter?

    Salve a tutto il forum.. con cui non posso che complimentarmi, sperando di diventarne presto una parte attiva.. visto che finora.. non faccio altro che leggere leggere e leggere.. ed evito di intervenire per non dire cacchiate derivasnti dalla mia inesperienza .. tipica dei tesisti.<br>Allora.. ho sotto studio diversi casi di impianti.. e in particolare mi sta dando problemi pratici un ipotetico impianto di circa 100 kw, che secondo la traccia riguarda un edificio gi&agrave; dotato di cabina di traform MT/BT.<br>Conosco la Dk5740.. quindi sulle componenti dell&#39; impianto dal punto di vista generale non ho problemi.. è la pratica che mi frega.<br>Visto la zona, ho previsto 18 sottocampi su 18 campate di una struttura a tetto piano che funzionalmente coprir&agrave; anche un&#39; area parcheggio.Utilizzo quindi moduli in film sottile a triplice giunzione da 136W.Ogni sottocampo avr&agrave; 44 moduli divisi in due stringhe identiche di 22 moduli.<br>Per ogni sottocampo, tutti identici, utilizzo inverter da 6000W.<br>Quindi ho 18 inverter da 6000W, con uscita monofase.<br>E&#39; qui che mi blocco.<br>Cosa mi serve ora.<br>Devo creare una trifase unica per arrivare al quadro di interfaccia dk5740 giusto?Sbagli.. o mi serviranno una marea DI INTERRUTTORI MT?e le sbarre di rame elettrolitico?come le dimensiono?aiutooooo?<br>Cioè, io avevo pensato di mettere un interruttore MT bipolare da 32A per ogni inverter, poi un un quadripolare da 63A ogni tre inverter, poi altri due quadripolari per le sei uscite, e infine un sezionatore generale..sbaglio?come li dimensiono?c&#39;è qualcosa di particolare a cui stare attento?vi ringrazio..<br>

  • #2
    Scusa la domanda Voglio capire ed imparare&#33;<br>Quali sono i motivi che ti hanno fatto optare per 18 inverter mono anzichè uno trifase ?
    GIULIANO
    _____________
    ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

    Commenta


    • #3
      inverter modulari rispetto ai centrali permettono di:<br>- evitare l&#39; arresto completo del sistema nel caso in cui si abbiano problemi sull&#39; inverter;<br>- più flessibilit&agrave; nella disposizione dei pannelli, quindi più semplicit&agrave; di cablaggio dc;<br>- l&#39; MPPT da risultati complessivi migliori;<br>- mismatching inferiore;<br>- evitare che la produttivit&agrave; globlale del campo sia influenzata troppo da quella di un sottocampo.

      Commenta


      • #4
        Concordo con quanto sopra: manca però il bilancio economico fra le due soluzioni.<br>tornando alla tua domanda, io proporrei un quadro generale a cui affluiranno tutte le linee monofasi dei singoli inverter che a gruppi di sei formeranno un sistema trifase da 100 kW.<br>In tale qudro sistemerai i dispositivi di protezione e sezionamento delle varie linee nonche il dispositivo generale e di interfaccia certificato DK.<br>La sezione delle sbarre dovr&agrave; essere dimensionata per una corrente in linea di 150 A.<br>Rimane da verificare poi il coordinamento del tutto, e l&#39;eventuale aggiornamento delle protezioni nella attuale cabina di media.
        GIULIANO
        _____________
        ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

        Commenta


        • #5
          Mah? Vedrei meglio una soluzione convezionale ... anche se possibile nn la ritengo economicamente conveniente per quanto riguarda protezioni schema e company magari ti aiuta ... <a href="http://www.power-one.com/resources/AlternativeEnergy/pvicentralit2.pdf" target="_blank">http://www.power-one.com/resources/Alterna...icentralit2.pdf</a>

          Commenta


          • #6
            io ho avuto lo stesso problema con un impianto da 100 kw e gli inverter sma<br><br>io avevo richiesto il centralizzato, ma loro mi hanno proposto il composta con gli sma da 6K<br><br>il lavoro non andò in porto, però mi ricordo che vendevano un quadro specifico per queste situazioni.<br><br>l&#39;agenzia che si occupo del mio caso fu la tecnospot.<br><br>chiedi del signor mahirofer. (forse l&#39;ho scritto male, è un nome svizzero)

            Commenta


            • #7
              Io credo che il progettista in relazione alla situazione oggettiva debba valutare ed operare la scelta fra i due sistemi.<br>Io personalmente sposerei la scelta di <b>elektron</b> perchè più semplice e con ottimo rendimento.<br>L&#39;unico problema; verificherei direttamente con l&#39;ufficio tecnico di Power-One (parlano Italiano&#33;&#33;&#33;&#33 la formazione delle stringhe atteso che trattasi di amorfo a tripla giunzione unisolar. Vorrei evitare sorprese &#33;
              GIULIANO
              _____________
              ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

              Commenta


              • #8
                ..in effetti con teknospot ho avuto a che fare anchio.. quindi chiederò delucidazioni a loro anche..<br>credo comunque di propendere per la soluzione con i 18 inverter.. salvo appunto problemi di interfacciamento.<br>§Il dimensionamento delle protezioni del quadro di campo mi spaventa non poco.. non ho mai avuto a che fare con potenze cosi elevate.. la protezione dei gruppi di 6 inverter da quanto devono essere minimo?Immagino 80A.. effettivamente i costi del quadro diventano proibitivi.. tenendo conto che il dispositivo d&#39; interfaccia DK5740 mi costa da solo 1700euro minimo (dati thytronic).. mah..<br>chi mi aiuta a far un conto delle protezioni necessarie minime?

                Commenta


                • #9
                  penso che con il costo del rame oggi, tale situazioen diventa impercorribile<br><br>cmq, le 80 a tornano anche a me.<br><br>io ero + propenso alla soluzione centralizzata.

                  Commenta


                  • #10
                    Per <b>salvaconte 1980</b>:<br>Fra le varie protezioni che devi mettere io credo dovrai considerare le protezioni da sovracorrente di ogni linea inverter (18) che hanno potenza 6000 W. 6000/220 = 27,3 A<br>Perciò io metterei protezioni magnetotermiche da 32 A.<br>E le protezioni differenziali, le metti distinte su ogni singolo inverter per previlegiare la continuit&agrave; di servizio delle parti non interessate dal guasto ?<br>Se consideri tutto vedi che la centralizzata è la più razionale.
                    GIULIANO
                    _____________
                    ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                    Commenta


                    • #11
                      <div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">E le protezioni differenziali, le metti distinte su ogni singolo inverter per previlegiare la continuit&agrave; di servizio</div></div><br>Il differenziale messo all&#39;uscita dell&#39;inverter... non interverr&agrave; mai&#33;
                      ciao
                      Giorgio
                      Il mio: Fotovoltaico a inseguimento - Caldaia a biomassa - Pannello solare

                      Commenta


                      • #12
                        Ciao &quot;giorgio demurtas&quot; &#33;<br><br>L&#39;inverter costituisce comunque una massa (elettrica) che deve assere protetta dai guasti verso terra.<br>Tale massa può essere alimentata sia dalla rete che dal campo FV.<br>il differenziale sicuramente agisce per alimentazione dalla rete.<br>La corrente dal campo FV ha valori conosciuti ed autolimitati e quindi non crea pericolo se il valore della resistenza di terra è sufficientemente bassa. Tutto questo è richiesto dalle norme CEI.<br>D&#39;altra parte cosa proponi in alternativa ?
                        GIULIANO
                        _____________
                        ....ho capito che spesso tutti sono convinti che una cosa sia impossibile finchè arriva uno sprovveduto che non lo sa e la realizza..... A. Einstein.

                        Commenta


                        • #13
                          altro dubbio su un sistema di questo tipo.. oltre i 100KW quindi.. è il seguente:<br>per il sistema di interfaccia devo riferirmi alla dk5740?sempre?ci sono eccezioni in caso di un trasformatore MT/BT pre-esistente?

                          Commenta

                          Attendi un attimo...
                          X
                          TOP100-SOLAR