installazione inverter victron accoppiato ac per aggiunta batteria ad impianto ON-Grid come backup ups. - EnergeticAmbiente.it

annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

installazione inverter victron accoppiato ac per aggiunta batteria ad impianto ON-Grid come backup ups.

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • installazione inverter victron accoppiato ac per aggiunta batteria ad impianto ON-Grid come backup ups.

    Buongiorno al forum, dopo molto leggere e documentarmi ho pensato di chiedere informazioni e delucidazioni a voi che siete più ferrati.
    posseggo un impianto on grid solaredge con hdwave 5000 e 4.8kW di picco
    vorrei aggiungere un accumulo, sia per motivi di autoconsumo, che per motivi di "backup".
    apparentemente solaredge non produce una soluzione di backup (non ancora), alché cercando informazioni ho visto la possibilità di installare un secondo inverter (avrei individuato il victron multiplus II) che gestisca la batteria e possa scaricarsi e caricarsi in relazione alla richiesta di energia e produzione fotovoltaica. avendo l'inverter due uscite avevo pensato di collegare la PDC direttamente all'inverter cosi' da avere continuità di servizio grazie alla sua funzione ups.

    se però salta la luce il solaredge si spegnerà ed i pannelli non funzioneranno.

    in spagna e germania vedo che molti consigliano la connessione dell'inverter Victron PRIMA dell'inverter fotovoltaico ( e quindi tra il contatore ed il quadro elettrico di casa) facendo dunque passare tutti i carichi attraverso il Victron che alimenterebbe il solaredge.
    il ritorno in rete sarebbe protetto da una bobina di sgancio che disaccoppia la rete quando salta la corrente. il victron funzionerebbe ad isola alimentando i carichi.
    così la funzione sarebbe estesa all'appartamento e si manterrebbe in funzione l'inverter fotovoltaico.
    Sono sicuro però che a livello normativo ci sono problemi e vorrei sapere se qualcuno può guidarmi sulla fattibilità tecnica e normativa di entrambe le strade che ho ipotizzato
    Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

  • #2
    Fatto, ma ad isola pura:

    Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   is foto.jpg 
Visite: 668 
Dimensione: 123.1 KB 
ID: 2237366

    Commenta


    • #3
      Il ragionamento che fai è corretto, ma piu' complesso di come sembra.

      Ac coupling funziona se il multiplus è ad isola. Se collegato alla rete non puo' modificare la frequenza di lavoro e rimane agganciato a quella sull' ingresso AC

      Commenta


      • #4
        Buonasera, ho potuto leggere il tuoi post e non posso che complimentarmi,
        La mia idea era di mettere il solaredge dietro al victron, quasi che il victron fosse in-line con il contatore e formasse lui la frequenza, il solaredge rimarrebbe agganciato a lui. Ad immettere in rete sarebbe il victron. Non so però se a livello normativo questo sia fattibile. Oltretutto il victron ha ats integrato, dovrei mettere solo una bobina di sgancio a monte del Victron.

        non so inoltre se esistono inverter sovrapponibili per prestazioni e flessibilità ai victron
        Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

        Commenta


        • #5
          Ho testato la configurazione che intendi, e funziona alla perfezione!

          Il multiplus con inverter Fronius (hai gestione completa del sistema, ovvero puoi vedere su VRM di victron tutto quello che fa il fronius), SMA e ABB (se riprogrammati per l' isola) funzionano in AC coupling senza altre modifiche.

          Questo significa che l' inverter ongrid collegato alle stringhe produce AC per le utenze, o se in difetto viene aiutato dal multiplus e se in eccesso permette la ricarica della batterie (tramite il multiplus) e se queste cariche attraverso la gestione della frequenza di rete (da 50 a 53 Hz) regola la potenza dell' inverter ongrid sulla linea AC, con 100% a 50 Hz e 0% a 53 Hz (o altri valori programmabili).

          Se il multiplus è agganciato alla rete enel, invece, in questa ultima condizione immette tutto il surplus, dato che non puo' modificare la frequenza di lavoro, rispetto alla rete enel.

          Se il tuo inverter non è predisposto per modulare sulle frequenze (se settato per la cei-021 di certo non lo è!) appena il victron (se funziona in isola perchè manca la rete) aumenta la frequenza della rete AC, il tuo inverter si sgancia e i pannelli non lavorano.

          E' vero che in questo caso sarà perchè le batterie sono già cariche, ma allo stesso tempo è anche vero che non lo saranno al 100% in quanto c'è una specie di protezione dei victron multiplus che le portano fino ad un certo punto....

          Per quanto vuoi fare, a mio parere, la soluzione migliore è sostituire l' attuale inverter con uno ibrido, magari della stessa marca della batteria.

          La funzione EPS dei nuovi inverter ibridi è stata migliorata, forse a livello di UPS. Dipende anche molto da quanto spesso hai dei blackout nella tua zona.

          Il mio caso è diverso, dato che sono partito subito per un impianto ad isola che sarà utilizzato solo per sala termica, pdc e 3 condizionatori di casa, su linea elettrica dedicata.

          Commenta


          • #6
            Ciao e grazie. Purtroppo avendo solaredge con ottimizzatori, non posso sostitutire l’inverter, anche perché è funzionante e cercavo una soluzione di minore lavoro. Per questo ipotizzavo una rete in parallelo o accoppiata ac. Anche perché vorrei solo aggiungere la batteria e poterla sfruttare al meglio. Probabilmente con un costo minore rispetto alla energy bank solaredge o ad una tesla.
            il discorso del frequency shifting sarebbe in caso di batteria carica, ma, qualora fosse scarica, il solaredge continuerebbe a produrre anche in assenza di rete credo.
            il victron sembra essere uno dei migliori nella gestione del passaggio alla batteria con circa 10ms inoltre è toroidale con consumi bassi e meno rumoroso di altri cinesoni ibridi, altri inverter ibridi così flessibili da mettere in parallelo non ne conosco.
            a livello normativo sai se il sistema è applicabile oppure è completamente fuorilegge?
            Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

            Commenta


            • #7
              Quello che vuoi fare è tecnicamente realizzabile ed anche facilmente, manca, pero', la certificazione Cei 021!


              Clicca sull'immagine per ingrandirla.   Nome:   inverter.JPG  Visite: 0  Dimensione: 35.0 KB  ID: 2237462

              Commenta


              • #8
                Serve una spi esterna e un Ats il tutto certificato Cei 021
                Costa meno un inverter ibrido di quelli "fatti bene"
                Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                Utente EA dal 2009

                Commenta


                • #9
                  Infatti non avevo trovato la cei. Leggendo gli schemi di montaggio ho visto che è sufficiente collegargli l’ingresso di rete e mettere il suo meter a monte del generale e già così, collegando una batteria, lui funziona da accumulo caricando e scaricando la batteria senza però le funzioni di backup, è corretto?
                  relativamente agli ibridi potreste consigliare alcuni, possibilmente non troppo rumorosi, che possano svolgere le funzioni del victron?
                  Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

                  Commenta


                  • #10
                    Non so se funziona come il Victron, so solo che mi sta arrivando tramite corriere un INVT BD3-6kW-RL1
                    Ha funzione Eps a piena potenza, certificato Cei, funzione OFFGRID che puoi usare con pannelli e batteria anche senza rete, ha funzione immissione zero e nel modo OffGrid si trasforma in un vero OffGrid tramite porta Eps
                    Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                    Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                    Utente EA dal 2009

                    Commenta


                    • #11
                      Buongiorno, avevo visto il tuo post riguardo l’inverter invt, ma non trovo documentazione esauriente in rete, mi sembra ben supportato il solis, che dichiara i tempi di switch inferiori a 20ms, il Victron so funzionare come ups da forum americani dove usano praticamente solo quello. Il solis e l’invt sono silenziosi e questo sarebbe un enorme vantaggio, non so se siano parallelabili e se si possa fare gestione da remoto. Il fatto che siano cei compatibili implica lo spegnimento alla disconnessione dalla rete per passare alla modalita’ isola? Sapete i consumi diretti di tali inverter?
                      Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

                      Commenta


                      • #12
                        Nel Tuo caso come nel Mio basta usare la funzione "Isola" e i carichi su Eps, non si spegne mai e dalla rete fa solo prelievi mixando le sorgenti, Batteria/Pv/Rete
                        Lo colleghi dopo l'attuale inverter e prima del quadro generale di casa e in caso di mancanza di rete mantiene l'isola, in caso di mancanza Batt/Pv preleva direttamente da rete
                        Serve un Ats dopo l'inveter sul nodo Rete/Eps/Carico, richiesto dalla Cei, oppure vai solo di Eps
                        Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                        Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                        Utente EA dal 2009

                        Commenta


                        • #13
                          Prova a dare un' occhiata a questi:

                          https://it.deyeinverter.com/product/...1-03lp1eu.html

                          Commenta


                          • #14
                            Grazie il prodotto sembra buono, sia perché esiste la versione da 8kw, sia per il tempo di switch ups da addirittura 4ms, effettivamente sono per molti aspetti superiori al victron, esistono dei report sull’affidabilita’ di questi inverter cinesi? Sono addirittura ip65 e silenziosi!
                            Posso chiedervi cosa vi ha indotto a scegliere gli inverter che avete? (Victron e invt)? È un mare magnum di proposte più o meno tutte allineate come prezzo e prestazioni, molti nomi che non conosco e di cui non conosco l’affidabilita’. È pur sempre l’inverter un elemento che deve garantire continuità, altrimenti “la cura è peggio del male”
                            Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da Mo679 Visualizza il messaggio
                              Posso chiedervi cosa vi ha indotto a scegliere gli inverter che avete? (Victron e invt)? È un mare magnum di proposte più o meno tutte allineate come prezzo e prestazioni, molti nomi che non conosco e di cui non conosco l’affidabilita’. È pur sempre l’inverter un elemento che deve garantire continuità, altrimenti “la cura è peggio del male”
                              Secondo dati aggiornati l'80% della produzione e dell'installatosi trova ad Oriente, Cina in prima fila
                              Nello sviluppo di tecnologia ormai non sono secondi a nessuno
                              Sono prodotti che vengono venduti anche in Europa e Italia
                              Invt e leader mondiale per Inverter Vettoriali, se vai a vedere i loro prodotti trovi anche inverter da 150 Kwh, qualcosa avranno imparato dal settore industriale https://www.comm-techsrl.it/inverter-invt
                              Ci sono Power-One da 10 Kwh sostituiti dopo 3 mesi, vedi mio genero
                              I miei pannelli Cinesi doc del 2009 ieri hanno fatto un picco di 3200W su 2880W di installato e nessuno ne conosce oggi il produttore, modello SSEC-180-S

                              P.s.Visto che se acquistati direttamente all'origine il prezzo è quasi un terzo che in "locale" puoi sempre prendere la "coppia" per sicurezza.
                              L'inverter è il pezzo piu semplice da sostituire di un impianto FTV

                              I primi "Azzurri" venivano venduti ancora con l'adesivo della Sofar.................................. adesso nulla è cambiato, solo il colore e le etichette e in ultimo il prezzo
                              Ultima modifica di rrrmori53; 16-04-2023, 06:40.
                              Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                              Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                              Utente EA dal 2009

                              Commenta


                              • #16
                                Si non mettevo in dubbio la qualità, ma proprio la scelta tecnica, sulla carta sono più o meno tutti uguali, a me servirebbe il 6kw e si equivalgono, vorrei fare una scelta ponderata e non solo basata sul prezzo
                                Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

                                Commenta


                                • #17
                                  Io ero orientato su INVT o DEYE, sulla carta sembra la stessa macchina, prestazioni eccellenti, almeno quanto dichiarato,
                                  Mi serviva un funzionamento ad isola piena potenza e Certificato Cei, non erano molti qualche mese fa
                                  Posso programmare come e quando caricare e scaricare la batteria, ora di inizio e fine e percentuale di scarica, su rete o su EPS
                                  Carica da rete su ora programmata e da FTV con diverse opzioni di priorita e potenza
                                  Immissione zero e interfaccia Cei che consente di collegarlo alla rete anche in OffGrid, al contrario del 99% degli OffGrid normali non Cei

                                  Dissipazione passiva/naturale ossia SILENZIOSO
                                  In caso di mancanza di potenza si puo parallelare fino a 6 unita, fino a 15 batterie in parallelo gestite dal controller a bordo, scelta infinita di batterie collegabili
                                  Quello che mi serve lo ha e quindi lo ho preso, anche perche offerto nel pacchetto completo da 6 Kw

                                  Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                  Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                  Utente EA dal 2009

                                  Commenta


                                  • #18
                                    praticamente un inverter perfetto

                                    Commenta


                                    • #19
                                      La macchina perfetta non esiste................................. diciamo che è un bell'arnese
                                      Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                      Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                      Utente EA dal 2009

                                      Commenta


                                      • #20
                                        Si e’ ottimo come ance il deye, pero’ mi sembra di intendere che non ha il frequency shifting, ovvero nessuno di questi inverter e’ in grado di pilotare un inverter grid tie alzando la frequenza della rete. Mi sembra lo faccia solo il victron, e’ corretto? E’ un peccato perche’ questi inverter ibridi sono molto performanti ma non credo possano controllare un altro inverter accoppiato in CA. Il deye lo fa ma bisogna collegare l’inverter da pilotare direttamente all’uscita dell’inverter..
                                        Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Originariamente inviato da Mo679 Visualizza il messaggio
                                          Si e’ ottimo come ance il deye, pero’ mi sembra di intendere che non ha il frequency shifting, .
                                          Non possono farlo in quanto connessi in rete, la norma lo vieta, devono obbligatoriamente seguire la frequenza della rete.
                                          Se connessi in isola puo funzionare, forse, ma a Te non serve che sia in isola................. anzi il contrario
                                          Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                          Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                          Utente EA dal 2009

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Si, la mia idea era quella di impostare uno
                                            switch che manualmente potevo impostare in isola, in caso di necesse distacco di corrente, così da avere il fotovoltaico attivo.
                                            mi sto informando sui deye, ma sembra che i 6kw siano esuriti ovunque. Avete idea del consumo di questi inverter?
                                            Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Originariamente inviato da Mo679 Visualizza il messaggio
                                              Si, Avete idea del consumo di questi inverter?
                                              Il mio sul manuale dichiara 3 Wh ad impianto spento, si solo 3Wh che a me sembra molto poco

                                              Ma se non è Cei compatibile come lo connetti in rete??
                                              Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                              Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                              Utente EA dal 2009

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Premesse:
                                                Ho un inverter ibrido in isola, funziona come UPS, lo utilizzo per il computer dello studio, batteria da 2,5 kWh e pannelli da 350Wp sul balcone.
                                                Come tutti gli ibridi, fino a quando c'è batteria e/o sole, attingono da questi, altrimenti passano in rete anche per caricare la batteria in base alla programmazione fatta.
                                                Se il carico eccede la loro potenza, vanno in By-Pass, sostanzialmente come se non esistessero più, ma continuano a caricare da FV o da rete sempre in base ai parametri di cui sopra, emettendo un Beep (disabilitabile) per avvertire della condizione in cui operano.

                                                Detto ciò, ho fatto alcune considerazioni:
                                                Perchè devo per forza utilizzare un inverter capace di mantenere TUTTI i carichi connessi, quando in fin dei conti mi sarebbe sufficiente che gestisca SOLO i carichi prioritari ?
                                                Da una analisi dei consumi, ho un carico di fondo pari a circa 250Wh ed ammettendo che voglia collegare anche più dispositivi, arriverei a 500-600Wh ad 1kWh difficilmente ci arriverei.
                                                A meno che non si accenda il forno, l'asciugacapelli, insomma carichi energivori in genere.

                                                Considero che inseguire tali carichi sia problematico sia per la potenza dell'impianto da realizzare che per la capacità di accumulo che ne deriverebbe.
                                                Ma se riducessi l'assorbimento di quei 250Wh per le 24 ore giornaliere, già sarebbero 6kWh al giorno, pari a circa la metà se non più di tutti i consumi giornalieri, delegando alla rete, che può tranquillamente gestirlo, la parte rimanete dei consumi causati dai picchi delle utenze energivore.
                                                Quindi, ammettendo di collegare tutta la casa ad un inverter ibrido (chiamiamolo UPS) nel momento in cui supero la capacità dell'inverter esso stacca (By-Pass) prelevando dalla rete.
                                                In questo modo fino alla capacità dell'inverter (e della sua batteria) tutto sarebbe in autonomia come consumi e solo al superamento preleverei dalla rete.

                                                Inoltre avendo un ulteriore impianto fotovoltaico, realmente preleverei solo la differenza tra consumi - produzione istantanea.
                                                Inoltre potrei NON collegare tutta la casa, ma solo dal quadro generale le utenze che vorrei venissero gestite, escludendo P.E. tutta la cucina, alcune prese (principalmente i bagni) e le varie PDC.
                                                In questo modo molto difficilmente l'inverter andrebbe in By-Pass poichè i carichi connessi sarebbero inferiori e senza grandi picchi.

                                                Ancora di più, potrei disconnetterlo di giorno quando c'è la produzione dell'impianto fotovoltaico sufficiente per i carichi sfruttando l'autoconsumo FV come prima, ma potrebbe in ogni caso intervenire se dovesse mancare la corrente dalla rete (almeno per i carichi connessi) garantendomi un flusso di energia.
                                                In questo modo di giorno si caricherebbe tramite i suoi pannelli, quando l'impianto FV inizia a produrre di meno si avvia e mantiene i carichi per tutta la notte fino al giorno successivo.
                                                In inverno potrei anche caricare la batteria con l'eventuale surplus (se presentre) dal FV grid, oltre i suoi pannelli.

                                                Alla fine sfrutterei sempre il FV grid come prima in autoconsumo (e con un poco di domotica può migliorare ancora) e l'UPS la sera mi garantisce le utenze.
                                                Da un mio calcolo ancora empirico, collegando oltre ai carichi di fondo frigoriferi congelatore televisioni etc. riuscirei a recuperare oltre 6kWh al giorno con un piccolo inverter ibrido da 1kW e 5~6kWh di batterie, migliorando al contempo l'autoconsumo e garantendomi sempre energia (tranne i carichi pesanti come detto).
                                                Regolamento: https://www.energeticambiente.it/misc.php?do=vsarules

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da Mo679 Visualizza il messaggio
                                                  ...
                                                  Posso chiedervi cosa vi ha indotto a scegliere gli inverter che avete? (Victron e invt)? È un mare magnum di proposte più o meno tutte allineate come prezzo e prestazioni, molti nomi che non conosco e di cui non conosco ..;
                                                  Bella domanda!

                                                  Per prima cosa il tipo di scelta va inquadrato nel "momento storico": ogni mese ormai prodotti e prezzi variano. Il rapporto prezzo prestazioni, caratteristiche è in continua evoluzione.

                                                  Personalmente mi sono concentrato su 2 aspetti:

                                                  1- sistema ad isola (ho già 20 kwp in CE e non posso andare oltre!)
                                                  2- da usare per la sala termica (ho sia caldaia a legna/triti che pdc aria/acqua) che una serie di condizionatori in casa che posso collegare ad una linea dedicata
                                                  3- tutta l' EE prodotta sarà utilizzata per essere trasformata in calore, riducendo il fabbisogno di biomassa.

                                                  Non ci sono limiti, ovvero la caldaia a legna aggiungerà quello che manca. In estate i condizionatori (o pdc nella mezza stagione) useranno l' EE dell' impianto ad isola, se necessario l' ATS li collegherà alla rete.

                                                  Ho cercato un prodotto molto "programmabile" ed i sistemi Victron per ora sono il massimo in questo settore, un po' perchè dietro ci sono molti anni di impianti in isola, gestione delle batterie e sistemi per collegare il tutto alla rete pubblica quando le "barche" sono in panchina o accettare qualsiasi tipo di AC da generatori.

                                                  In un sistema ad isola è importante separare il carica batterie solare dall' inverter, e Victron con la serie smart solar RS ha tirato fuori un bel prodotto. Se l' inverter si spegne per batteria "bassa" il carica batterie farà sempre e comunque il suo lavoro.

                                                  La possibilità del multiplus di controllare con la frequenza la potenza degli inverter solari classici, in modo molto preciso ed efficace e appunto un altro punto per victron, soprattutto perchè si trovano i manuali e le info necessarie ad implementare un tale sistema.

                                                  Inverter sma, abb e fronius, non ibridi, si trovano usati, ma praticamente nuovi, a prezzi scontatissimi (il fronius da 5kw l'ho pagato 250 euro comprandolo da un vicino che è passato ad ibrido con batterie) ed ha prodotto appena 6000 kwh!

                                                  Tramite il cerbo (oppure, ma in modo piu' semplice, tramite HW delle versioni GX dei multiplus) una specie di log/gestore dei sistemi victron, è possibile far fare all' impianto qualsiasi cosa (cerca red node victron) .

                                                  Portale, log, allarmi, aggiornamenti fw, programmazione sono standard e gratuiti sui prodotti victron (portale VRM online, o tramite app da smartphone, via wifi o wifi del cerbo, o BT ...)

                                                  Voglio usare batterie o meglio moduli di batterie da 30 A della lgchem che trovo su un mercato parallelo a prezzi irrisori e tramite il sistema victron è molto semplici gestirli con shunt e voltaggi... sto facendo esperienza, comunque se tutto va bene dovrei arrivare a 30 kwh di batterie ad un costo che è 1/5 rispetto alle solite lifepo auto costruite.

                                                  A fine 2022 quando ho iniziato a fare i primi acquisti, ho trovato ottime offerte sia dei victron (-30% sui prezzi.... vecchi!), che la disponibilità di inverter fronius usati, le batterie (per ora ho 22 kw) ed anche i pannelli della maysun. Mi sono preso anche un "condensatorone" con i maxwell da 3000F, modello che tiene fino a 65 Volt max .... e devo dire che anche l' EE accumulata in modo "fisico" e non chimico, è una bella soluzione, importante nel mio caso per limitare al massimo lo stress dei pacchi batterie al litio.

                                                  ... è anche vero che mi diverto un sacco a "smanettare" un po' con tutto!,.... ed i victron mi sono parsi i piu' adatti allo scopo!



                                                  Consumo di tutto Clicca sull'immagine per ingrandirla. 

Nome:   consumo.jpg 
Visite: 616 
Dimensione: 61.2 KB 
ID: 2237675 "sistema" circa 40/45 watt/h

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    grazie mille per le risposte, mi sto orientando anche su inverter cinesi come mi avete consigliato. Ho però una domanda, forse stupida:

                                                    assumendo di collegare l'inverter ibrido (deye o Invt) PARALLELO al solaredge e mettere la clamp all'ingresso del contatore. sarebbe in grado di capire quando il solaredge esporta e quindi caricare le batterie? sembra stupido ma l'unica documentazione la porta il victron che necessita di due amperometriche, una sulla linea di casa ed una sulla linea del fotovoltaico. Ora io non trovo documentazione su doppia pinza su inverter tipo solis, invt, deye, ma, presumo, che essendo il flusso in uscita, l'inverter lo capisca e carichi la batteria.

                                                    non collegherò attualmente pannelli al secondo inverter che dovrebbe quindi gestire solo l'accumulo.
                                                    stavo quasi per ordinare il deye ma mi sono bloccato perchè non capisco questa cosa.
                                                    grazie mille
                                                    Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Originariamente inviato da Mo679 Visualizza il messaggio
                                                      grazie mille per le risposte, mi sto orientando anche su inverter cinesi come mi avete consigliato. Ho però una domanda, forse stupida:
                                                      Allora non ti serve un inverte ibrido, per fare quello che vuoi tu ti devi prendere un UPS vero e collegarlo in linea, un doppia conversione da 6/8 Kwh e un pacco di batterie che desideri........................
                                                      Sbattimento ZERO SPENDI FORSE MENO E SEI IN REGOLA AL 200%
                                                      Io sono oltre 10 anni che faccio cosi con 3 Kwh di UPS niente rogne e li trovi usati senza batteria a prezzi da rottamazione
                                                      Con 20 euro ti prendi un DDSU666 che ha funzioni di contatore bidirezionali e con un briciolo di elettronica ci controlli la carica
                                                      Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                                      Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                                      Utente EA dal 2009

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        ciao grazie, avevo ipotizzato di installare pannelli direttamente all'inverter in un secondo momento. la domanda è se l'inverter deye o invt può fare ciò
                                                        Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Usare Deye solo per caricare le batterie è troppo riduttivo, e non è detto che ci riesci a fare un buon lavoro
                                                          Prenditi un ups ............................. spendi meno e hai di piu

                                                          tipo questo

                                                          Ultima modifica di rrrmori53; 20-04-2023, 12:59.
                                                          Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare se stesso.
                                                          Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. John Belushi.
                                                          Utente EA dal 2009

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Grazie, il punto è se è possibile far funzionare il sistema. Teoricamente usando un meter trifase tipo eastron collegando alla fase 1 i carichi, alla fase due il solaredge, collegando il cavo modbus al deye ed impostando quest’ultimo in zero export, la somma dei carichi se dovesse risultare positiva perché il fotovoltaico produce, il Deye dovrebbe cercare di ciucciarlo in batteria, oppure esplode per sovratensione?
                                                            Zona D 1400gg. PDC Nimbus 50m(Ex Lg Therma V r32 9kw) Boiler Panasonic OSO 200L, FV 4.8Kw solaredge Hd wave 5000 Esp SO. Riscaldamento/ Raffrescamento con radiante a soffitto, pavimento, parete. Termostatiche solo bagni. Monitoraggio EMONCMS, contacalore Sharky 473 1”1/4 sulla linea di ritorno PDC.

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X