annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Collaudi mesi Novembre e Dicembre

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Collaudi mesi Novembre e Dicembre

    Per fare il collaudo a norma occorrono 600 W/m2 di irraggiamento sul piano dei moduli, misurati da piranmentro.
    Questa condizione, stando alla mia esperienza di collaudatore che è iniziata in Aprile di quest'anno, sarà difficile da raggiungere negli utlimi mesi dell'anno, quando credo un po' tutti saremo con l'acqua alla gola per poter collaudare al fine collegare in rete i nostri impianti con il conto energia 2010.
    Cosa ne pensate di questo problema?

  • #2
    Ma sono solo io a fare collaudi?

    Commenta


    • #3
      Quindi in Novembre e Dicembre tutti redarranno certificati di collaudo fasulli, perchè sarà pressoche impossibile avere irraggiamenti di 600 w/m2?
      In pratica tutti voi farete il certificato senza aver fatto le misure?

      Commenta


      • #4
        Non te la prendere.. siamo in Italia...

        Già che fai ia collaudi con un piranometro ti considero un bravo e ONESTO installatore....

        Sul mio impianto per fare il collaudo non ho mai visto nessuno...
        Impianto Fotovoltaico 2,94 Kw/p composto da 14 Moduli Yingli Solar 210... installazione CELLENO (VT)
        Il mio impianto fotovoltaico con dati mensili:
        http://www.pianetaannunci.it
        Sezione Fotovoltaico......

        Commenta


        • #5
          Originariamente inviato da Artyca Visualizza il messaggio
          Quindi in Novembre e Dicembre tutti redarranno certificati di collaudo fasulli, perchè sarà pressoche impossibile avere irraggiamenti di 600 w/m2?
          In pratica tutti voi farete il certificato senza aver fatto le misure?
          Non sei il solo a farli.
          Il problema è che se il sole non c'è non possiamo inventarlo.
          Noi si aspetta un bel giorno di sole:se non ci sono 600 W/mq e misuriamo ad es. 480 facciamo il rapporto a 600.
          Guarda che se un impianto ha problemi si notano comunque.
          Poi monitorando la produzione vedi se la produzione è quella attesa.Nulla vieta che ad aprile successivo si faccia un nuovo collaudo con irraggiamento sufficiente.
          1,26 kWp 6 x SANYO HIP210NKHE1,Prov. Brescia,Azimuth -90°,Tilt 17°,inverter Riello-UPS 1500 in esercizio dal 01/09/2009
          Produzioni: 2010=1325; 2011=1476; 2012=1387; 2013=1294; 2014=1305; 2015=1327; 2016=1344; 2017=1350; 2018=1239; 2019=1329; 2020=1431.... 2021=0 kWh

          Commenta


          • #6
            Secondo te rapportare i dati da un irraggiamento inferiore a 600 W/m2 è lecito? Mi rendo però conto che è l'unico sistema per poter collaudare in certe circostanze. Resta il fatto che devi redarre un verbale diciamo "contraffatto"
            Ma mi domando... siamo proprio in Italia... sappiamo tutti che nei mesi inverali si fa fatica ad avere i 600 w/m2 e che proprio in Dicembre ci sarà la maggior parte dei collegamenti alla rete, con contestuale obbligo di collaudo che dovrebbe essere fatto a norma.
            Ma perchè in Italia bisogna sempre fare tutto di nascosto, fuori norma..... eludere le normative, imbrogliare.
            Quando mi rendo conto di situzioni normative e pratiche come questa direi che non possiamo lamentarci della fama di "pressapochisti" che abbiamo all'estero.
            Non ho parole

            Commenta


            • #7
              Nessuno ti obbliga a firmare un verbale contraffatto.

              Non lo firmi, non ti prendi la responsabilita'....non lavori.A te la scelta
              Impianto Tot.Integrato da 4,07 kwp; 22 moduli Aleo s16 da 185w inverter SMA 4000tl-20 Orientamento: 10 pannelli -60° sud, 12 pannelli +20° sud.Tilt 18°
              Ubicazione: Pordenone

              Commenta


              • #8
                [QUOTE=Artyca;119091670]
                Quando mi rendo conto di situzioni normative e pratiche come questa direi che non possiamo lamentarci della fama di "pressapochisti" che abbiamo all'estero.
                Non ho parole[/QUOTE
                OT
                ti racconto un episodio tutto italiano
                per prendere la licenza di "trasporto infermi con ambulanza b " devi prima comprare il mezzo, cioe' l'ambulanza
                poi con il LIBRETTO si va in camera di commercio e ti danno il via libera (oltre a 1000 altri documenti da presentare)
                pero' al PRA non ti danno il libretto se prima non hai la licenza !!!! allora devi falsificare o il libretto o la licenza......
                ho detto tutto
                Gazebo fv 6.44kwp 28 pannelli Anaf 230 ibridi - inverter Solar Edge Se6000- 8.17 kwp pannelli Zn-Shine poli 240 - 2 inverter SolarEdge Se4000 - semintegrato su tetto piano .

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da parma45 Visualizza il messaggio
                  Nessuno ti obbliga a firmare un verbale contraffatto.
                  Non lo firmi, non ti prendi la responsabilita'....non lavori.A te la scelta
                  Ma che cavolo di discorso è?
                  Io parlo di etica, norme che dovrebbero essere collegate alla realtà operativa, e tu mi vieni scrivere di fronte all'impossibilità di collaudare un impianto regolarmente a fine anno di mettere un firma per poter lavorare, tanto chissenefrega l'importante è lavorare?!
                  Quello che si dovrebbe fare è segnalare a chi di dovere questa situazione che di fatto rende possibili collaudi secondo la norma in determinati periodi dell'anno, perlopiù critici perchè determineranno importanti scadenze economiche.
                  Io mi muoverò in questo senso pittuosto che fare come uno struzzo e mettere la testa sotto la sabbia per non voler vedere il problema.
                  E chiaro che in qualche modo si dovrà collaudare, tantovale trovare delle forme "oneste" e veritiere.
                  Sono sempre più sconcertato.... quando il buisness prende la mano.... si perdono di vista i valori più basilari.
                  Mi ricorda tanto alcuni tratti di strada dove c'è il limite dei 90 km/h ma tutti passano a 130. Chissenefrega.... finchè non ci beccano non succede nulla. Che tristezza.

                  Commenta


                  • #10
                    Originariamente inviato da Artyca Visualizza il messaggio
                    Ma che cavolo di discorso è?
                    Io parlo di etica, norme che dovrebbero essere collegate alla realtà operativa, e tu mi vieni scrivere di fronte all'impossibilità di collaudare un impianto regolarmente a fine anno di mettere un firma per poter lavorare, tanto chissenefrega l'importante è lavorare?!
                    Posto che NESSUNO di quelli che conosco si dovrebbe mettere il mantello di Mr. Etic, perchè TUTTI lavorano omettendo qualche dettaglio insiginificante...se si vogliono fare i collaudi regolari basta fare cosi', e mi stupisco che non ci si arrivi :

                    impianto allacciato a novembre .
                    si attendono 60 gg. lavorativi per inviare doc. al GSE, e potrebbero esserci in questi 60 gg condizioni con + di 600 W, qui al nord fa delle maestralate o delle botte di phoen a dicembre che si superano i 900.
                    Ovviamente si dovrà essere pronti, monitorare sempre le condizioni sul sito, e scattare appena si puo' , sperando che anche il committetnte ci sia, sennò fai il collaudo senza committente, e l'etica professionale ?

                    SE in questi 60 GG. lavorativi NON si è, nonostante il lavoro di monitoraggio diurno continuo, trovato un giorno ok, allora si manda via il tutto al gse, che risponderà dopo altri 40/60 gg, ( in cui ancora monitoraggio e controllo e sto pronto per fare il collaudo ) chiedenodmi di integrare la domanda e dandomi altri 90 gg. in cui potrò fare il collaudo monitorando bla bla vedi sopra.

                    Quindi 60+40 ca. + 90 = 190 gg per fare un collaudo.

                    Quindi VOLENDO si riesce. Senza sparare fregnacciate sul business.
                    Oppure si ragiona con il committente, e si rimanda con lui un collaudo , facendo uno operativo con l'irraggiamento che si trova e stimando il funzionamento.

                    MODE CINICO
                    Perchè a chiacchere tutti bravi, però voglio vedere chiunque attendere un saldo di una fattura per 190 gg, magari per 15-20 impianti...un conto è fare il "collaudatore", un conto e far di conto e mandare avanti la baracca...

                    Andrea
                    TUTORIAL VIDEO PER NEOFITI E NON SOLO ( contatore quadri etc )
                    http://www.youtube.com/user/socosnc/videos
                    web/public?name=SOCO_SOLAR_PLANT[/URL]

                    Commenta


                    • #11
                      Quello che volevo dire io è che la norma dovrebbe essere corretta, permettendo collaudi a irraggiamenti più bassi, eventualmente rapportando i risultati a 600 W/m2 come ha scritto qualcuno.
                      Perchè poi altrimenti si fa come sempre in Italia che si fa finta di non vedere e che le norme o sono inapplicabili o come scrivi tu per applicarle si devono fare i salti mortali.
                      Però norme fatte per essere bellamente ignorate, che senso hanno?
                      A buon intenditor poche parole.

                      Commenta


                      • #12
                        Originariamente inviato da Artyca Visualizza il messaggio
                        Però norme fatte per essere bellamente ignorate, che senso hanno?
                        Questo aspetto mi ha sempre lasciato perplesso. Anche in altre materie (es. risparmio energetico) ci si imbatte non di rado in norme contraddittorie e in certi casi contenenti addirittura errori pacchiani che pero' richiedono anche mesi per l'eventuale correzione. La correzione poi magari avviene con un articoletto inserito in un nuovo decreto che introduce a sua volta altri aspetti dubbi alla normativa vigente e cosi' via...
                        Quello che mi domando e'...visti gli errori o le incongruenze, talvolta veramente palesi, come si giustifica che siano fatti da persone esclusivamente dedite a questo scopo e che tra l'altro impiegano spesso anni prima di rilasciare simili documenti ? E' solo il frutto della cialtronaggine italica o di una strategia ben consapevole ?

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da andreaporta Visualizza il messaggio
                          un conto è fare il "collaudatore", un conto e far di conto e mandare avanti la baracca...

                          Andrea
                          Sottoscrivo in toto... aggiungi poi il fatto che fino ad adesso, per installare sti impianti devi tirare fuori i soldi per i materiali tutti e subito, altro che "60gg f.m.",e quando inizi ad essere "fuori" con i pagamenti per 5 o 6 impianti, te ne accorgi eccome....

                          Commenta


                          • #14
                            E' purtroppo una consuetudine italica..Chi lavora come me anche con l'estero, sà bene che esistono le lettere di credito..massima tranquillità al cliente e massima tranquillità al venditore.
                            Se anche in Italia si cominciasse a lavorare così molti problemi (e mancati pagamenti.....) andrebbero risolti..credo però che questo meccanismo serva anche a far quadrare molti bilanci..se fossero attuate delle leggi severe e restrittive che imponessero il saldo entro un massimo di tempo stabilito salterebbero per aria dall' oggi al domani un altissima percentuale di aziende....
                            Leo.

                            Commenta


                            • #15
                              Originariamente inviato da marcob Visualizza il messaggio
                              Questo aspetto mi ha sempre lasciato perplesso. Anche in altre materie (es. risparmio energetico) ci si imbatte non di rado in norme contraddittorie e in certi casi contenenti addirittura errori pacchiani che pero' richiedono anche mesi per l'eventuale correzione. La correzione poi magari avviene con un articoletto inserito in un nuovo decreto che introduce a sua volta altri aspetti dubbi alla normativa vigente e cosi' via...
                              Quello che mi domando e'...visti gli errori o le incongruenze, talvolta veramente palesi, come si giustifica che siano fatti da persone esclusivamente dedite a questo scopo e che tra l'altro impiegano spesso anni prima di rilasciare simili documenti ? E' solo il frutto della cialtronaggine italica o di una strategia ben consapevole ?
                              Questo è ESATTAMENTE quello che volevo sottolineare.
                              Credo che una persona SERIA rispetti le regole, e quando sono assurde quello che deve fare si deve battere per farle cambiare.
                              Scavalcare le regole a piacimento è appunto un'abitudine tutta italiana. Qui tutti fanno quello che vogliono.

                              Per lo stesso motivo negli USA quando qualcuno ha fatto un crack econommico si fa 20 anni di carcere ( e li fa!! ) mentre in italia (minuscolo) i vari Tanzi e Cragnotti sono a piede libero. Tanto le regole non contano. E poi hanno riscritto le regole in maniera decisamente rigida mentre qui tutto è come prima.

                              Per quanto riguarda i pagamenti.. come non essere d'accordo!!
                              Ci sarebbero delle regole (scritte o morali) da rispettare anche da parte dei clienti, ovvero pagare in tempi adeguati le aziende che installano.
                              Ma siccome per quanto sopra le regole non si rispettano, anche chi deve pagare fa come chi dovrebbe collaudare. Se ne frega.

                              Commenta

                              Attendi un attimo...
                              X
                              TOP100-SOLAR