annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Trasformatori di isolamento

Comprimi
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Trasformatori di isolamento

    Ciao a tutti.
    per un impianto da 30 kWp, come richiesto dalle varie normative e dalla guida alla connessione enel,
    è richiesta una separazione galvanica a 50Hz (trasformatore BT/BT di isolamento) tra l'impianto fv e la rete. (per impianti > 20 kW).

    Spesso (come era in principio concepito questo impianto), si utilizzano inverter con trasformatori, o in altri casi (per impianti molto più grandi), la separazione avviene con il trafo BT/MT.

    Dovendo convertire il mio progetto, con nuovi inverter non muniti di trasformatore, sono obbligato ad inserire uno stadio con traformatore nella catena post inverter.

    Rileggendo le varie norme però, non ho trovato nessuna indicazione o specifica in merito a questo componente, per il caso degli impianti FV.
    Ho cercato di selezionare un trasformatore specifico a basse perdite (97,41%), e con caratteristiche eletriche idonee; penso inoltre di dover collegare il trasformatore a valle del parallelo degli inverte e prima del dispositivo di interfaccia, con un sistema di sezionamento a monte e a valle dello stesso (eventualmente svolto dagli altri organi di manovra presenti). Il trasformatore scelto naturalmente è di potenza superiore a quella dell'impianto (40 kVA, la tagli aprecedente era 30 kVA).

    Vi chiedo:
    - devo tenere in considerazione altri accorgimenti, o prescrizioni normative ???
    - La soluzioni che ho brevemente riassunto vi sembra corretta ???
    - Qualche altra dritta o consiglio ????

    ciao e grazie.

  • #2
    Leggiti la guida GSE in merito al posizionamento dei gruppi misura per non avere problemi.

    Commenta


    • #3
      Originariamente inviato da rob74 Visualizza il messaggio
      Leggiti la guida GSE in merito al posizionamento dei gruppi misura per non avere problemi.
      Sia sulla guida cartacea (ed. 5) pag 21, sia sul sito del gse nella sezione "posizionamento appartecchi di misura", trovo la seguente informazione:
      "......
      per impianti collegati alla rete in bassa tensione, che alimentano utenze in bassa tensione, i misuratori devono sempre essere posizionati all’uscita del gruppo di conversione della corrente continua, ivi incluso l’eventuale trasformatore di isolamento e/o di adattamento BT/BT, prima che essa sia resa disponibile alle utenze e/o immessa nella rete elettrica.
      ...."
      (per brevità non riporto gli schemi che potete vedere dal sito gse.)

      comunque, mi sembra di vedere che la posizione del trafo è come l'ho ipotizzata io, ossia prima del misuartore M2 e dopo l'inverter (nello specifico io avendo un sistema di interfaccia esterno, direi di posizionarlo anche a monte di questo).

      Ti chiedo se nella tua risposta volevi farmi notare in maniera "molto velata" qualche imprecisione in quel che ho detto.
      ciao.
      ---
      e comunque l'idea del GSE è quella di fart misurare l'energia prodotta al netto di eventuali perdite nel trasformatore 8cne in alcuni casi è interno all'inverter e in alcuni è esterno);
      se si potesse mettere il misuratore a monte del trafo, si preferirebbe sempre utilizzare trasformatori esterni!!
      Ultima modifica di recoplan; 03-09-2010, 22:39.

      Commenta


      • #4
        Il mio consiglio era semplicemente quello di valutare tutte le fonti pubbliche prima di chiedere (che tradotto significa di non volere la pappa pronta).

        Il GSE dice chiaramente come e dove collegare il trasformatore quindi basta seguire le loro instruzioni.

        Commenta


        • #5
          ok, è chiaro quello che mi volevi dire (anche fra le righe ),
          ma la mia domanda non era solo riferita al posizonamento del trasformatore, ma anche ad eventuali prescrizioni di carattere elettrico (che potrebbero essere del tutto indipendenti dal GSE e dal Conto Energia).
          comunque grazie mille.

          Commenta


          • #6
            E' un normale trasformatore quindi soliti sezionamenti, gabbia, ecc. ecc.

            Se è grosso, in base alle dissipazioni, valuta se metterlo off-line di notte tramite un crepuscolare.

            Commenta


            • #7
              ciao a tutti,

              rispondo perchè anche io mi sto interessando all'argomento dato che sto svolgendo il progetto per un impianto da 34 kW che richiede anch'esso un trasformatore stand-alone...

              Per quel che ho potuto studiare (non ho ancora concluso ) il trasformatore come detto deve essere posizionato tra gli inverter ed il gruppo di misura dell'energia prodotta. Anche per quel che riguarda il mio progetto prevedo il DDI a valle del trasformatore, a valle anche del misuratore di energia prodotta, in modo che intervenga escludendo tutta la "linea fotovoltaica" nel caso serva...

              Per il resto in installazioni all'esterno è da prevedere almeno un trasformatore con gabbia IP23 (meglio se più alto direi io però, tipo IP 55), ed è da prevedere un declassamento % della taglia del trasformatore generalmente, in genere dovuta proprio all'adozione della gabbia di isolamento IP... che non facilita l'aerazione del trasformatore a secco, riducendone così le prestazioni.

              Vorrei invece porre anche io un quesito...a valle del trasformatore, cioè sul lato rete di distribuzione/impianto esistente, è nota la corrente di cortocircuito da Enel o chi altro sia...quindi è nota la potenza Pcc. Avendo le caratteristiche del trasformatore, mi posso calcolare il contributo di esso al cortocircuito come Pcc,T= (P_trasf/ucc)*100, e quindi ricondurre la potenza di cortocircuito a monte del trasformatore, lato inverter, come Pcc,monte = 1/(1/Pcc_rete + 1/Pcc,T)...da questo calcolo mi risultano correnti di cortocircuito pressocchè irrisorie a monte del trasformatorem anche se ad esempio lato rete ho 16 kA di Icc. Vi risulta corretto il ragionamento?

              Commenta


              • #8
                ...mi correggo da solo perchè in realtà la Pcc a valle degli inverter sarà Pcc,T + Pcc,FV, con quella fotovoltaica che deve essere sommata naturalmente...l'ordine di grandezza delle correnti non cambia però. Nessuno può darmi indicazioni sul ragionamento?
                Grazie

                Commenta


                • #9
                  Salve a tutti sono alle prese con la progettazione di un impianto fotovoltaico da 50,56Kw costituito da 10 stringhe di 16 pannelli/cad alfasolar 316w collegate ad un canale sungrow sg50k3 che presenta trasformatore di isolamento a bordo.. Volevo sapere se qualcuno puo darmi delle dritte riguardo alla scelta ed al reperimento di interfaccia esterna tipo gavazzi contattori e quant'altro sia necessario. Grazie mille. un saluto

                  Commenta


                  • #10
                    Salve ....

                    Note di Moderazione: Recoplan
                    il regolamento che hai appena sottoscritto TI vieta di postare lo stesso messaggio più volte

                    Ultima modifica di recoplan; 03-09-2010, 22:45.
                    *** Firma irregolare rimossa d'ufficio ***

                    Commenta


                    • #11
                      Originariamente inviato da Blanco83 Visualizza il messaggio
                      ***
                      Per quel che ho potuto studiare ***
                      Concordo sul tuo ragionamento. Mi chiedo se hai valutato come tenere conto del back up degli interruttori. Ad esempio il caso: trasformatore-DI- interruttori per ausiliari con Icc inferiore e poi Interruttore generale con Icc idonea, può presentare il problema di protezione dato che il flusso della corrente è tra generatore fv e rete?
                      Ciao e grazie

                      Note di Moderazione: facesole
                      Non citare un intero messaggio, riduci la citazione ai punti essenziali e non postare messaggi consecutivi, edita l'ultimo, eviterai di peggiorare la leggibilità del forum.



                      Dove posso leggere qualcosa sui trasformatori bt per applicazioni in fotovoltaico o similare? In particolare inmerito all'obbligo del sezionamento a monte e a valle, sulla possibilità di utilizzare interruttori con protezione in back-up? Grazie mille per la risposta, ciao
                      Ultima modifica di facesole; 20-09-2010, 21:41. Motivo: Unione messaggi e riduzione quote

                      Commenta


                      • #12
                        con riferimento ad impianto FV da 99 kWp realizzato con 9 inverter monofase TL (senza trasformatore) è ovvio che per la connessione in rete BT è necessario posizionare un trafo di isolamento, che va inserito, come da guida GSE sul "posizonamento dei gruppi di misura", tra gli inverter e il contatore di produzione

                        e fin qui non ci piove,

                        cosa che secondo me è ambigua è il posizonamento dell' interfaccia e cioè, essa va messa prima del trasformatore di isolamento, o a valle di esso e addiruttura a valle del contatore di produzione

                        saluti
                        *** Firma irregolare rimossa d'ufficio ***

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da solarwatt77 Visualizza il messaggio
                          con riferimento ad impianto FV da 99 kWp realizzato con 9 inverter monofase TL (senza trasformatore) è ovvio che per la connessione in rete BT è necessario posizionare un trafo di isolamento, che va inserito, come da guida GSE sul "posizonamento dei gruppi di misura", tra gli inverter e il contatore di produzione

                          e fin qui non ci piove,

                          cosa che secondo me è ambigua è il posizonamento dell' interfaccia e cioè, essa va messa prima del trasformatore di isolamento, o a valle di esso e addiruttura a valle del contatore di produzione

                          saluti
                          SOLARWATT, nel tuo caso con i 9 inverter TL, il centro stella del trafo lo metti a terra?

                          Commenta


                          • #14
                            acora non ci ho pensato
                            tu cosa faresti, lo metteresti a terra?
                            *** Firma irregolare rimossa d'ufficio ***

                            Commenta


                            • #15
                              Sto appunto cercando indicazioni in merito in quanto sul trafo c'è un morsetto per ogni fase, uno per il neutro ed uno distinto per la massa.

                              Da indicazioni ricevute da un amico progettista, sembrerebbe che la scelta di collegare il trafo a terra sia dipendente dal tiipo di sistema posato sul tetto. Qualora per esempio i pannelli siano posati su staffe isolate (tipo Cabur per capirci), l'impianto su tetto non necessita messa a terra. In tal caso sembra il trafo non vada collegato.

                              Chiedevo appunto al forum se qualcuno ha indicazioni più precise in merito.
                              grazie..

                              Commenta


                              • #16
                                Originariamente inviato da solarwatt77 Visualizza il messaggio
                                con riferimento ad impianto FV da 99 kWp realizzato con 9 inverter monofase TL (senza trasformatore) è ovvio che per la connessione in rete BT è necessario posizionare un trafo di isolamento, che va inserito, come da guida GSE sul "posizonamento dei gruppi di misura", tra gli inverter e il contatore di produzione

                                e fin qui non ci piove,

                                cosa che secondo me è ambigua è il posizonamento dell' interfaccia e cioè, essa va messa prima del trasformatore di isolamento, o a valle di esso e addiruttura a valle del contatore di produzione

                                saluti

                                qualcono che dica la sua?
                                grazie
                                *** Firma irregolare rimossa d'ufficio ***

                                Commenta


                                • #17
                                  Mi sapete dire con certezza se il trasformatore bt/bt va messo prima o dopo la PDI?
                                  Nello schema del gse viene messo dopo per la BT e prima per la MT.

                                  Commenta


                                  • #18
                                    La protezione di interfaccia va messa dopo il trafo perchè deve essere alimentata direttamente dalla rete.

                                    Ciao, eubrun

                                    Commenta


                                    • #19
                                      ti ringrazio, mi hai tolto il dubbio.
                                      Ora però mi viene un altro dubbio:
                                      L'impianto in questione è da 50kw in cessione totale quindi avrò:
                                      6inverter-6DDG-TRAFO-DDI-DG-CONTATTORE PRODUZIONE?

                                      Commenta

                                      Attendi un attimo...
                                      X
                                      TOP100-SOLAR