annuncio

Comprimi
Ancora nessun annuncio.

Cei 0-21

Comprimi
Questa è una discussione evidenziata.
X
X
 
  • Filtro
  • Ora
  • Visualizza
Elimina tutto
nuovi messaggi

  • Cei 0-21

    E' stata pubblicata la nuova CEI 0-21 pergli impianti BT. Il PDF è scaricabile gratuitamente previo registrazione (anche se c'è scritto che costa 10€, errore informatico).
    Buona lettura e sono aperti commenti sulle modifiche e novità introdotte (tipo trafo SI trafo NO....)

  • #2
    Originariamente inviato da Nico393 Visualizza il messaggio
    E' stata pubblicata la nuova CEI 0-21 pergli impianti BT. Il PDF è scaricabile gratuitamente previo registrazione (anche se c'è scritto che costa 10€, errore informatico).
    qual'è il sito?
    grazie per la segnalazione.
    mipe

    Commenta


    • #3
      Sul sito del cei
      CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano

      Grazie per la info Nico.

      P.S: secondo me ci vedremo addebbitare i 10,00 € in quanto credo che l'errore informatico sia dovuto al mancato pagamento (vedasi l'importo sull'ultima pagina).
      Ultima modifica di sischo; 23-12-2011, 21:31.

      Commenta


      • #4
        Gli ho dato una occhiata.

        Paragrafo 8.4.4.1

        Il rispetto del suddetto requisito può essere realizzato con:
        - un trasformatore operante alla frequenza di rete, oppure
        - una funzione di protezione sensibile alla componente continua della corrente immessa in rete.


        Direi quindi che il Trafo di disaccoppiamento BT/BT non sia più obbligatorio.

        Commenta


        • #5
          Nuova norma Cei 0-21

          Salve a tutti c'è qualcuno già in possesso della nuova norma Cei 0-21 gentilmente la rende disponibile in pdf?

          Commenta


          • #6
            Purtroppo credo che non sia una cosa legale anche deontologicamente condividere documenti a pagamento. Il costo è pari a 10,00 € quindi credo che dopo tutti i regali ottenuti a Natale sia una spesa/investimento possibile.

            Commenta


            • #7
              In effetti stavolta il CEI è stato gentile ed è scaricabile gratuitamente in formato PDF, basta registrarsi.

              Come si legge nella premessa inoltre,per la connessione per utenti attivi, quelli che installano un impianto FV, la norma si applicherà fra 6 mesi.

              Tuttonormel dice anche che :
              L’applicazione della norma agli utenti attivi è temporaneamente sospesa in attesa della definizione (prevista per fine gennaio 2012) del nuovo allegato del codice di rete da parte di Terna, dedicato alla generazione distribuita.

              Cosa di cui non trovo riscontro nella norma, me lo confermate?

              Inoltre una novità importate è il par. 8.2.2.4 che richede, sopra 20kW, un DDI di rincalzo, quindi sempre 2 Periferiche di Interfaccia in grado di sganciare in mancanza di tensione di linea. La cosa potrebbe essere complessa per inverter non già dotati di tale apparato al loro interno.

              saluti a tutti

              Commenta


              • #8
                DOpo una prima veloce acchiato ho notato alcune novità:
                -) Dispositivo di rincalzo al DDI (che puo essere il DG o il DDG) per P>20kw, fatto con un segnale di comando
                -)Gli inverter devono poter essere gstiti a remoto, SPI che possa gestire il segnale di comando del rincalzo.
                -)Gli inverter devono avere cosfi regolabile (P>3kw) sino a 0,9 anche da remoto ed essere immuni agli abassamenti di tensione
                -) Il trafo non è piu obbligatorio ma la funzione di protezione (dell'inverter) deve agire sul DDG
                -) SPI puo essere temporaneamente escluso solo se tutti i generatori sono disattivati e scollegati (bisogna realizzare un circuito di controllo???)
                -) SPI esterni devono essere provati con una cassetta relè conforme allegato H ( e chi ce le ha ???)

                Commenta


                • #9
                  Originariamente inviato da sischo Visualizza il messaggio
                  Gli ho dato una occhiata.

                  Paragrafo 8.4.4.1

                  Il rispetto del suddetto requisito può essere realizzato con:
                  - un trasformatore operante alla frequenza di rete, oppure
                  - una funzione di protezione sensibile alla componente continua della corrente immessa in rete.


                  Direi quindi che il Trafo di disaccoppiamento BT/BT non sia più obbligatorio.
                  credo che tutto quello citato nel paragrafo 8 (tranne alcune eccezioni) entra in vigore dopo 6 mesi dalla data di pubblicazione.
                  Quindi quanto sopra non è ancora immediatamente operativo
                  ...dal 2006

                  Commenta


                  • #10
                    Io sono arrivato ad una conclusione diversa, la spiegazione è un pò lunga e tecnica, ma se qualcuno avesse la pazienza di seguirla mi farebbe piacere avere un commento se questo modo di ragionare può essere esatto:

                    Tutto entra in vigore dal 23 Giugno 2011, così dice la premessa, ma, sempre nella premessa si dice che l'articolo 8.4.4.2 e relati ALLEGATI ( in pratica potenza attiva/reattiva gestibile dall'inverter) e 8.6.2 ( su protezione di interfaccia) e relativi ALLEGATI entreranno in vigore successivamente ( ovvero prima della fine di questo anno, come previsto dal 4 C.E. , ma questa è una mia supposizione).

                    Ma il 8.4.4.2 blocca, citandolo l'E2, e poi, l'E2.1 che rimanda al 8.4.4.2 .
                    Il punto c) del successivo 8.5.2 ( limitazione di potenza attiva) richiama l'E2, che però è sospeso.

                    Le altre prescrizioni si aggirano facendo funzionare gli inverter dentro parametri in cui non sia necessario attuare regolazione particolari ( in sostanza non si potrà più ri-programmare nessun inverter per funzionare a tensioni di 276 V).

                    Il par 8.6.2 è sospeso, insieme ai relativi sottoparagrafi (nell'8.6.2.2. non ci ho capito niente...) e gli altri rimangono in vigore.


                    In pratica a Giugno gli inverter dovranno:

                    Accendersi dopo 5 min.
                    Erogare non più del 20% della potenza al minuto

                    SPERO e sottolineo spero, che questo possa essere gestito da un aggiornamento software dalla maggior parte delle marche di inverter.

                    Infine si dovranno ridisegnare i quadri AC per potenze superiori a 20kW,con questo dispositivo di rincalzo gestito dall'SPI esterna.


                    Infine, ma questo è solo uno sfogo personale, trovo VERGOGNOSO e insultante per la professionalità degli ingegneri quanto scritto a pag 136 sotto la tabella, ovvero, che, essendo necessario effettuare l'autotest ad ogni installazione( e su questo niente in contrario), non sia bastante il timbro e la firma di un ingegnere, ma sia necessario produrre documentazione fotografica del display dell'inverter.
                    Con il risultato che, se prima si poteva anche pensare di farlo ad ogni installazione l'autotest, ora il modo più semplice è realizzare una guida fotografica in pdf per ogni modello di inverter, fare l'autotest una volta, e poi spedire la solita guida senza mai cambiare i parametri riportati in tabella, per evitare di perdere tempo in: foto venute male, display illegibile ecc.. ecc..

                    Scusate se mi sono dilungato un pò, ma sto cercando qualcuno con cui confrontarmi.

                    Commenta


                    • #11
                      La norma entra in vigore tra 6 mesi. Eventualmente parlando coni Sig. di Enel (localmente) si puo cercare di derogare anticipando i tempi.
                      Se si fa a meno del trafo bisogna xò che gli inverter abbiano le caratteristiche elencate, tra cui accettare il segnale di rincalzo e cosfi regolabile.
                      Ma sta benedetta cassetta relè......
                      Ultima modifica di Nico393; 03-01-2012, 18:01. Motivo: aggiunta frase

                      Commenta


                      • #12
                        Salve a tutti.
                        Leggendo la nuova CEI 0-21 non ho compreso bene quando l'SPI è necessario esterno all'inverter.
                        A pag.50 (Paragrafo 8.2.2.2) sembra che sia necessario solo per impianti maggiori di 20Kw, quindi nulla di nuovo rispetto a prima (almeno così risulta anche leggendo la guida alla cennessione Enel) e a patto di non mettere in parallelo più di tre invereters.
                        A pag.60 però (paragrafo 8.6.2), in fondo, sembrerebbe invece che l'SPI debba essere "un dispositivo dedicato" sopra i 6Kw, e quel dedicato mi dà l'impressione di un organo esterno all'inverter.
                        Almeno io così l'ho interpretata.
                        Qualcuno ha lo stesso mio dubbio ?

                        La mia domanda deriva anche dalla limitata esperienza finora fatta, ovvero solo su piccoli (<6Kw) impianti.

                        Grazie a chi cortesemente vorrà rispondermi

                        Alessandro

                        Commenta


                        • #13
                          Originariamente inviato da Alegas Visualizza il messaggio
                          A pag.60 però (paragrafo 8.6.2), in fondo, sembrerebbe invece che l'SPI debba essere "un dispositivo dedicato" sopra i 6Kw, e quel dedicato mi dà l'impressione di un organo esterno all'inverter.
                          Almeno io così l'ho interpretata.
                          Qualcuno ha lo stesso mio dubbio ?
                          Anche a me le due cose sono sembrate in contraddizione e la lettura mi ha instillato lo stesso dubbio. Avevo intenzione di mandare mail a TNE per sentire il loro parere...

                          Commenta


                          • #14
                            Ciao Giovepluvio,
                            se dai un'occhiata alla nuova Guida Enel postata anche su questo forum, è chiaro che non cambia nulla rispetto a prima (almeno per questo aspetto...)

                            Commenta


                            • #15
                              Cei 0-21

                              Quindi per tutti coloro che hanno impianti in sospeso e comunque anche per nuove domande di connessione la cui fine lavori termini entro il 23 giugno 2012 possiamo affermare che non cambia momentaneamente niente? Ho capito bene? Dopodichè immagino escano anche dei nuovi moduli Enel relativi ai fine lavori allegati ecc? Qualcuno sa se Abb, Schneider o altre marche stiano adoperandosi per creare delle casette prova relè appositi per il fotovoltaico?
                              Grazie ed un saluto a tutti

                              Commenta


                              • #16
                                Qualcuno conosce produttori delle cassette relè? Dove si possono reperire?

                                Commenta


                                • #17
                                  per chi volesse "acquistare" la norma
                                  il FASCICOLO costa 10€, il PDF invece è GRATIS, ed è specificato 0 EURO. Quindi non rischiamo di vederci addebitato nulla!
                                  FV1 6,11 kwP su tettoia in lamellare, 45°Sud-Est, 11° tilt;26 S-Energy PA8-235,SOLAREDGE SE-6000 21/04/11
                                  FV2 2,94 kwP su tetto piano, 55° Sud-Ovest, 20° tilt, 12 CNPV 245P REC, P.one 3.0 OUTD-IT-TL 29/06/12
                                  FV3 19,60 kwP su tetto piano, 50° Sud-Est, 12° tilt, 80 CNPV 245P REC, Delta Solivia 20.0TL 26/06/12

                                  Commenta


                                  • #18

                                    Note di Moderazione:

                                    Ho già sanzionato un paio di utenti perchè hanno pubblicato la CEI0-21 sul forum: il fatto che sia gratis non elimina il fatto che sia coperta da copyright pertanto non si può pubblicare.
                                    Chi la vuole va sul sito del CEI, si registra e se la scarica.

                                    Commenta


                                    • #19
                                      Da oggi non è piu necessario registrarsi. Il CEI ha messo a disposizione la norma CEI 0-21 tramite download diretto dal suo sito CEI - Comitato Elettrotecnico Italiano.

                                      Commenta


                                      • #20
                                        non da oggi, tant'è che io per scaricarla l'altro giorno non mi sono dovuto registrare

                                        Commenta


                                        • #21
                                          Nel paragrafo 8.3 si dice che lo squilirio massimo di potenza fra le varie fasi può essere di 6 kW (salvo casi particolari individuati dal Distributore in cui questa può essere elevata a 10 kW).
                                          Nel sottoparagrafo 8.3.1.2 si dice inoltre:
                                          "Qualora l’installazione preveda, in qualsiasi condizione di esercizio, un possibile squilibrio superiore al valore di LSP (Limite allo Squilibrio Permanente), deve essere previsto un automatismo che riporti lo squilibrio di potenza ad un valore inferiore allo stesso LSP"
                                          Se ad esempio ho un impianto da 30 kW costituito da 6 inverter monofase da 5 kW, 2 per ogni fase, dovrò quindi prevedere un automatismo che intervenga nel caso in cui, in seguito a un guasto, i 2 inverter di una stessa fase vengano messi fuori tensione?
                                          La risposta penso sia sì, però vi chiedo conferma perchè la guida Enel diceva praticamente la stessa cosa, ma un tecnico Enel a cui avevo posto questa domanda mi aveva detto che l'importante era che lo squilibrio in condizioni normali di funzionamento fosse contenuto in 6 kW, e quindi nell'esempio che ho riportato non era necessario alcun intervento per contenere tale squilibrio sotto i 6 kW.

                                          Commenta


                                          • #22
                                            Squilibiro di fase

                                            Questo in passato:

                                            Come da guida ENEL alla connessioni Ed.2.1:
                                            "
                                            Per impianti di tipo trifase è ammesso collegare, fra le fasi ed il neutro, generatori monofase di potenza non uguale purchè lo squilibrio complessivo in qualsiasi condizioni di esercizio..."

                                            A mio avviso, IN QUALSIASI CONDIZIONE DI ESERCIZIO, è da intendersi: anche nel caso in cui un generatore si guasti.

                                            Nel caso di guasto del generatore su una singola fase, l’impianto non rispetterebbe più tale squilibrio massimo ammesso.

                                            Con la CEI 0-21 si aggiunge questo:

                                            Sempre per impianti sopra 6kW, c’è una prova da effettuare ai limiti del fattibile:
                                            "A.4.10 Automatismo per evitare squilibri di corrente nella produzione
                                            Le prove seguenti devono essere eseguite solo se l’intero impianto di produzione può funzionare con squilibri di potenza inferiori a 10 kW (nota personale 6kW nella maggior parte dei casi):

                                            ¾ creazione di uno squilibrio artificiale permanente superiore a 6 kW ed inferiore a 10 kW;"


                                            Tutta da chiarire la frase "può funzionare" è da intendersi sempre come "in qualsiasi condizione di esercizio". Ovvero se uso solo inverter che immettono in trifase tale prova non occorre?

                                            Commenta


                                            • #23
                                              Ho visto che nell'allegato G della CEI 0-21, che è un modello per il regolamento di esercizio, al punto G.3.2 (pag. 131) dice:
                                              Il sistema di controllo dello squilibrio di potenza è:
                                              ? assente (perchè l'impianto di produzione è monofase o trifase di potenza fino a 6 kW)
                                              ? presente e conforme ai requisiti della norma CEI 0-21


                                              Quindi il controllo dello squilibrio di potenza dovrebbe essere necessario sempre sopra i 6 kW, anche se ho ad esempio un unico inverter trifase da 15 kW perchè probabilmente devo considerare il caso in cui, a seguito di un guasto, l'inverter immetta 15 kW su un'unica fase.

                                              Commenta


                                              • #24
                                                Buongiorno,

                                                per ricapitolare e fissare le idee:

                                                - per impianti > 20 kW che entrano in esercizio dal 23/12/2011 al 23/06/2012 non cambia nulla sostanzialmente, cioè, per esempio connessione su reti ENEL distribuzione si applica la GUIDA PER LE CONNESSIONI, quindi SPI esterna e trafo di isolamento obbligatorio;
                                                - per impianti che entrano in esercizio dopo il 23/06/2012 , si applicano i paragrafi 8-12 della 0-21, quindi possibilità di evitare il trafo di isolamento con l'opzione della protezione sensibile alla componente continua.

                                                Ho ragione? chiedo conferma al forum

                                                Grazie
                                                Natalino

                                                Commenta


                                                • #25
                                                  Originariamente inviato da Nico393 Visualizza il messaggio
                                                  Qualcuno conosce produttori delle cassette relè? Dove si possono reperire?
                                                  la fa l'ASITA e mi pare sia conforme a tutti i requisti della norma ... solo che costicchia un bel po'

                                                  Commenta


                                                  • #26
                                                    Ho inviato, copia incolla, il quesito al CEI

                                                    Osservazioni inviate

                                                    "con la presente chiedo gentilmente la conferma sul seguente quesito:

                                                    - per impianti FV > 20 kW che entrano in esercizio dal 23/12/2011 al 23/06/2012 non cambia nulla sostanzialmente, cioè, per esempio connessione su reti ENEL distribuzione si applica la GUIDA PER LE CONNESSIONI, quindi SPI esterna e trafo di isolamento obbligatorio;
                                                    - per impianti che entrano in esercizio dopo il 23/06/2012 , si applicano i paragrafi 8-12 della 0-21, quindi possibilità di evitare il trafo di isolamento con l'opzione della protezione sensibile alla componente continua"

                                                    Risposta CEI

                                                    "La Norma CEI 0-21 riguarda i nuovi impianti (cioè eseguiti dall'entrata in vigore della norma) e ciò che scrive è corretto. L'applicazione della Norma agli impianti esistenti, invece, potrà essere possibile solo a fronte di apposite delibere dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas (AEEG).
                                                    Questi provvedimenti dell'AEEG, potrebbero intervenire dando la possibilità di eliminare il trasformatore citato sostituendolo con un idoneo dispositivo sensibile alla corrente continua anche sugli impianti esistenti. Occorre quindi monitorare la situazione deliberativa futura."

                                                    Commenta


                                                    • #27
                                                      Ma dove si applica?

                                                      Salve a tutti, ma la normativa si applica anche agli impianti FV collegati in Media tensione?

                                                      Commenta


                                                      • #28
                                                        Tale norma si applica ai soli impianti BT.

                                                        Commenta


                                                        • #29
                                                          Originariamente inviato da Andrea Albanese Visualizza il messaggio
                                                          .... si applica anche agli impianti FV collegati in Media tensione?
                                                          CEI 0-16 > Media Tensione
                                                          CEI 0-21 > Bassa Tensione (dal 23/06/2012)

                                                          Commenta


                                                          • #30
                                                            Cei 0-21

                                                            In ultima analisi possiamo davvero renderci sicuri al 100% che per tutti gli impianti che entrano in esercizio entro e non oltre il 23/06/2012 non cambia nulla e si fa tutto come adesso? Perche giusto ieri ho avuto modo di chiedere ad un corso cei ad un membro cei che mi ha risposto che secondo lui invece tutte quelle delibere iniziano ad essere in vigore gia da ora. Come ci dobbiamo comportare. Possiamo essere sicuri fino al 23/06/2012.??

                                                            Commenta

                                                            Attendi un attimo...
                                                            X
                                                            TOP100-SOLAR